Tight Connection presenta:
Zimmy 253

Well, I wish I was on some Australian... elevator!

Soggetto: Anna "Duck"
Sceneggiatura: Anna "Duck" e Michele "Napoleon in rags"
Dialoghi e disegni: Michele  "Napoleon in rags"

Dal Sydney Morning Herald: Sembra che Dylan abbia preso l'ascensore del suo albergo sito in Double Bay a Sydney ma l'ascensore si è bloccato con Bob dentro. Dopo aver suonato l'allarme, un addetto alla reception ha aperto la porta dando a Dylan l'indicazione di spingere la chiave della sua stanza in una fessura è l'ascensore si è sbloccato. "Thanks, man!" ha detto Dylan che evidentemente non soffre di claustrofobia.


 

 

 

Ma il tempo passa e l'ascensore resta fermo...


 

 

 

 

 

 

 
The end

...e a proposito:

Ricordatevi però che come dice il grande Roberto Vecchioni:
"Su e giù, vabbè ma su e giù va pure un ascensore
Non basta andare dentro e fuori per chiamarlo amore...
Non bisogna avere la pretesa di voler strafare:
essere porci perlopiù, però poeti nel momento clou."
(Saggio di danza classica e moderna - Parole e musica Roberto Vecchioni - Dall'album "Blumùn")


E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION