Zimmy 134
Fried mosquito(s) in a black-eye pea...
Soggetto, sceneggiatura e dialoghi: Anna "Duck"
Didascalie e collaborazione ai dialoghi: Napoleon "Chick" in rags
Disegni e colori: Napoleon "Chick" in rags



 
 

Continua il revisionismo storico da parte di Anna "Duck"... 
Dopo averci rivelato il vero significato del verso relativo al "ghost of 'lectricity" di "Visions of Johanna" (vedi strip di Zimmy numero 115) questa volta la papera più geniale di tutta la fattoria ci rivela un retroscena inedito legato alla Rolling Thunder Revue ed a certi strani, inusuali e misteriosi travestimenti di Bob...

 
Una splendida terrazza panoramica con vista mare in un lussuoso hotel di Malibu... La luna brilla nel cielo stellato... Barche a vela ondeggiano dolcemente sull'acqua... Zimmy e Jim si riposano dalle fatiche del tour godendosi il fresco della notte californiana...

 

 
Improvvisamente un ronzio riempie l'aria circostante ed un nugolo di voracissime zanzare-vampiro provenienti dal confine messicano si avventa in formazione compatta su Zimmy il quale fa scattare la solita tattica "capro espiatorio"...

 
E così, il giorno dopo...

 
 
E così quella sera in concerto...

 
 
Qualche sera dopo... Stessa terrazza, stesso mare... Lo stormo si prepara ad un secondo attacco... ma...

 

 
E così, la mattina dopo ritroviamo un pensieroso Zimmy davanti allo specchio del bagno della sua stanza d'albergo...

 
E così, il giorno dopo in scena...

Sono davvero un genio!!!... Spacciare la pomata contro le punture di zanzara per una scelta estetica legata ad un travestimento per emulare gli attori girovaghi del rinascimento italiano e ricreare le atmosfere della Commedia dell'Arte... Solo io avrei potuto pensarci!...
Dio! Perchè sono così geniale?... Mi faccio paura!...


 
"Voglio dedicare questa strip a qualcuno che in questo momento so che sta guardandola. Lui sa chi è."
Anna "Duck"

 
the end

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------