Austin, Texas - Stubb's Waller Creek Outdoor Amphitheater - 15 Settembre 2007

Arriva nei cinema "I'm not there", il film sulle molte vite di Bob Dylan, ma naturalmente Bob non è lì, Bob è qua sul palco e la sua vera vita ormai è solo questa da un numero quasi incalcolabile di anni.
Dopo i viaggi in Australia e Nuova Zelanda, Mr. Zimmy è tornato a casa e precisamente nello Stato della Stella Solitaria, il suo amato Texas, dove ha ambientato una delle sue più belle e straordinarie canzoni, "Brownsville Girl".
Ci aggiriamo a fine concerto nel bell'anfiteatro di Stubb's Waller Creek di Austin e ci imbattiamo in Michael Nave al quale chiediamo subito un'impressione. "Il motivo dominante del concerto di stasera si potrebbe riassumere con la frase "Denny Freeman ha qualcosa da dimostrare". Chissà, forse è stato per via che si trovava nella sua città natale o forse per tutto quello che si è scritto su di lui nell'Austin American-Statesman in settimana, fatto sta che sono rimasto molto impressionato dalla performance di Denny, stasera. A differenza di chi ha fischiato Mr. Freeman quando Bob lo presentava nelle date
precedenti del tour devo dire che invece mi ha conquistato stasera. Non riesco ancora a metterlo al livello di Charlie Sexton o di Larry Campbell, ma i grandi miglioramenti della band sono dovuti soprattutto a lui e stasera è stato lui che ha fatto sì che la band... "rocked hard". Mi ha impressionato anche George Recile."
Sì, va bene, ma che mi dici di Bob? "Devo dire che ero scettico quando leggevo le brillanti recensioni che parlavano di esibizioni energiche e concentrate da parte di Dylan nei suoi recenti tour, ma oggi ho capito di cosa parlavano. Bob ha mostrato un'energia ed una cura nel cantare che non vedevo forse dal 2001. Era concentratissimo sulle parole ed aveva una potenza nella sua voce che non sentivo da parecchio tempo. Aveva quella forza anche nel concerto di Kansas City che ho visto tempo fa ma
allora non era molto concentrato a differenza di oggi..."
Bob è apparso sul palco stasera con indosso un bellissimo vestito nero da gambler di un battello del Mississippi e un cappello in stile Rolling Thunder Revue, lanciandosi in Leopard-skin pill-box hat.
Che te n'è sembrato dell'apertura dello show? "Che Bob era davvero concentrato su Leopard skin e carico di energia, anzi devo dire che mi ha impressionato più sulle canzoni che mi piacciono di meno, come questa, stasera. Non gli vedevo iniziare un concerto con tanta energia da tempo, sarà che è stato presente al sound check..."
Hai visto quante canzoni dal capolavoro Modern Times? Ben sei! "Sì, e tutte e sei particolarmente potenti nell'esecuzione. Così come anche Most Likely You Go Your Way, a proposito delle canzoni che mi piacciono meno ma che mi hanno impressionato di più di cui parlavo prima... Hai notato quel: '...then t-t-t-time will tell...'? Trovo che anche Summer Days ed Honest With Me sono state beneficiate da grandi performance. E anche Ballad of a Thin Man è stata davvero intensa."
Come ti sembra la nuova versione di Tangled Up In Blue? "Ha ricevuto recensioni contrastanti da parte dei miei  amici presenti allo show. A me per lo più è sembrata molto bella ed ho apprezzato molto il tentativo di rendere la canzone fresca. Mi è piaciuta molto anche la nuova versione di It ain't me babe che in un certo modo mi ricorda quella dei tempi della Rolling Thunder Revue. Sai cosa comunque? La cosa che più mi colpisce del Bob Dylan del 2007 è che quest'uomo che ha probabilmente il repertorio antico più stellare di tutta la musica popolare riesce invece a basare il suo set sul materiale nuovo (Modern Times e "Love and theft") e lascia la gente grandemente soddisfatta. Penso che il fatto che possa lasciare nel cassetto i vecchi cavalli di battaglia (LARS, Blowin', Knockin' etc.) e tuttavia fare un set che lascia felici vecchi e nuovi fans sia la prova del suo inesauribile talento..."
Stasera erano annunciate diverse celebrità tra il pubblico e tra esse Morgan Freeman. "Non l'ho visto. Però ho visto tra il pubblico Rick Rubin. E al soundcheck, cui ha partecipato come dicevo anche Bob che è rimasto nel pullman fuori dall'anfiteatro ed è stato visto uscire ed entrare dal soundcheck ripetutamente, c'era anche il candidato governatore del Texas e grande amico ed ex-collega di Bob, Kinky Friedman".
Già, a proposito di Rubin, si vocifera di una sua collaborazione con Dylan per un disco prossimo di Bob, ma le voci sono contrastanti. Una voce parla del 2008.
In conclusione, Mike? "La migliore performance di Bob almeno dal 2001 e una delle più soddisfacenti esperienze ad un concerto di Bob Dylan nella mia lunga lista di 44 concerti visti dal 1986 in avanti".
Michele Murino


La setlist:

01.  Leopard-Skin Pill-Box Hat
02.  It Ain't Me, Babe
03.  Watching The River Flow
04.  You're A Big Girl Now
05.  The Levee's Gonna Break
06.  Spirit On The Water
07.  Cry A While
08.  Tangled Up In Blue
09.  Workingman's Blues #2
10.  Honest With Me
11.  Beyond The Horizon
12.  Most Likely You Go Your Way (And I'll Go Mine)
13.  Nettie Moore
14.  Summer Days
15.  Ballad Of A Thin Man

Bis:

16.  Thunder On The Mountain
17.  All Along The Watchtower


La band:

Bob Dylan - chitarra, tastiere, armonica
Stu Kimball - chitarra
Denny Freeman - chitarra
Donnie Herron - violino, banjo, pedal steel, lap steel
Tony Garnier - basso
George Recile - batteria