sera per sera Bob in concerto
a cura di Salvatore "Eagle"

 
Wilmington, Delaware
Kahuna Summer Stage
8 Giugno 2004
    
1.  To Be Alone With You 
2.  It's All Over Now, Baby Blue 
3.  Lonesome Day Blues 
4.  If Not For You 
5.  It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding) 
6.  It Ain't Me, Babe
7.  Cold Irons Bound 
8.  Under The Red Sky 
9.  Highway 61 Revisited 
10.  Not Dark Yet 
11.  Bye And Bye 
12.  Honest With Me 
13.  Masters Of War 
14.  Summer Days 

Bis: 

15.  Cat's In The Well 
16.  Like A Rolling Stone 
17.  All Along The Watchtower 


COMMENTO: YEEEEAAAAA!!! Siamo a Wilmington, Delaware presso il Kahuna Summer Stage per seguire la nuova tappa del tour estivo di Bob Dylan.
Il rock n' roll è sugli scudi da subito con To Be Alone With You, leggermente ritoccata rispetto alle ultime esibizioni con Freddy alla chitarra, ora è un boogie roventissimo con Stu che regala ottimi assoli.
Si passa ad It's All Over Now, Baby Blue e torna per un attimo la calma, Bob canta con voce calda e avvolgente, ottima è anche la prova di Larry alla pedal steel.
Il rock torna a far sentire la sua voce con Lonesome Day Blues; il risultato è eccezionale, Bob con la sua voce roca regala una performance travolgente ma ad alzare ancor di più il tasso di elettricità nell'aria ci pensano Stu e Larry.
If Not For You è molto ritmata grazie all'ottimo drumming di George e al basso di Tony, ma a sbalordire è il cantato di Bob davvero impeccabile con continui accenti ironici e ammiccanti.
Quando le liriche apocalittiche It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding) irrompono, in platea cala il silenzio, Stu alla chitarra regala la miglior prestazione della serata così come Bob al piano è davvero perfetto.
A seguire arriva la splendida nuova versione acustica di It Ain't Me, Babe; rispetto alle precedenti performance non brilla particolarmente, tuttavia Bob mantiene il cantato su alti livelli.
Cold Irons Bound è in una versione completamente rivista, Stu all'elettrica fa del suo meglio mettendosi in luce per gli ottimi lick e per gli accattivanti effetti rumoristi, Bob canta con un tono cupo e sofferto mentre George imprime un groove incessante a tutto il brano.
Poi arriva un altro momento di calma con Under The Red Sky, in questo
arrangiamento perde un po' del fascino barocco che aveva con Freddy alla chitarra ma tuttavia resta un'ottima performance.
L'elettricità di Highway 61 Revisited ci porta dritti alla perla della serata: Not Dark Yet in una versione assolutamente da brividi rispetto a quelle sentite nel leg primaverile del tour.
Ottima anche la nuova versione di Bye And Bye che riacquista i toni jazzy dell'originale ma sopratutto mostra un Bob in grandissima forma, sia dal punto di vista vocale sia da quello puramente musicale; infatti sfodera una pefermance pianistica di gran pregio con tanto di assolo finale in società con Stu.
Honest With Me è ancora un bagno di rock-blues ma quando arriva Masters Of War, torna il silenzio in platea; Bob incanta con una performance assolutamente impeccabile che si evolve in un crescendo di grandissima intensità.
Summer Days chiude la prima parte, poi dopo la pausa i classicissimi tre bis finali che non aggiungono nulla a quanto già mostrato questa in questa ottima serata.

Salvatore Esposito


E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION