sera per sera Bob in concerto
a cura di Salvatore "Eagle"

 
Toronto, Ontario
Ricoh Coliseum
19 Marzo 2004

Drifter's Escape
It's All Over Now, Baby Blue
Tweedle Dee & Tweedle Dum
Just Like A Woman
Things Have Changed
Highway 61 Revisited
Ballad Of A Thin Man
Stuck Inside Of Mobile With The Memphis Blues Again
Floater (Too Much To Ask)
Most Likely You Go Your Way (And I'll Go Mine)
Make You Feel My Love
Honest With Me
Girl Of The North Country (acustica)
Summer Days

Bis:

Cat's In The Well
Like A Rolling Stone
All Along The Watchtower


COMMENTO: WOOOOOOOOOOW!!! Siamo dopo le tre date a Detroit, a Toronto per la prima serata del tour di Bob in Canada.
Sede del concerto è Ricoh Coliseum, una sorta di stadio al coperto abbastanza grande.
Il concerto non è stato grandioso ma godibile con alcuni picchi di alta qualità e una buona dose di pezzi nella media.
Si parte con una heavy version di Drifter's Escape con le chitarre in grande evidenza, Bob però appare un po' in ombra, enfatizzando troppo il testo.
It's All Over Now, Baby Blue nel nuovo arrangiamento è davvero molto bella, convince anche il cantato e il lavoro al piano di Bob.
Tweedle Dee & Tweedle Dum scorre veloce senza impressionare.
Al contrario molto bella è Just Like A Woman in cui brilla in modo particolare l'arrangiamento che mette ben in evidenza il nuovo fraseggio di Bob; la canzone acquista maggior spessore anche dal punto di vista strumentale.
Things Have Changed è travolgente ma manca di quella imprevedibilità che l'ha caratterizzata sempre dal vivo; la band non sbaglia un colpo così anche Bob segno che questo è un brano già rodatissimo.
Prima di Highway 61 Revisited Bob guarda verso Tommy Mad Dog e poi si avvia verso di lui, tutti pensano che stia per prendere la chitarra ma non è così.
Per l'esecuzione vale più o meno lo stesso discorso di Things Have Changed, grande esecuzione ma molto prevedibile.
Poi Bob estrae dal cilindo Ballad Of A Thin Man a cui va di diritto il titolo di highlight (Nota di Napoleon: STRATOSFERICA!! E' disponibile in mp3 al solito indirizzo), le parti di piano riportano alla mente quelle degli anni 60, così come il cantato davvero
ipnotico, la band perfetta incornicia una magica performance.
Con la successiva Stuck Inside Of Mobile With The Memphis Blues Again irrompe il rock blues, Bob ancora una volta regala un'interpretazione sopra le righe, molto bene fanno anche Ritchie e George che spingono alla grande il brano.
Freddy imbraccia il violino e parte Floater (Too Much To Ask); il suo lavoro è davvero ottimo, grandi assoli e uno splendido tappeto sonoro su cui la
voce di Bob dipinge ogni verso.
Most Likely You Go Your Way (And I'll Go Mine) è ancora blues, Freddy questa volta è all'elettrica e fa davvero magie, Bob al piano fornisce una parte ritmica molto interessante ma è Tony a reggere le sorti del brano trascinandolo attraverso linee di basso davvero grandiose.
Make You Feel My Love è giocata sulle parti di piano di Bob davvero di grande effetto, ottime anche le chitarre di Larry e Freddy.
Honest With Me non brilla, un po' per colpa di Bob che canta con il pilota automatico e un po' per colpa di Larry che appare impreciso alla slide cosa che accede difficilmente a lui, Freddy al contrario risolleva le sorti con assoli rallentati.
Magia pura è Girl From The North Country con le chitarre che imitano il sound di Blackbird di Beatlesiana memoria e Bob che canta alla grande. Chiude la serata Summer days seguita dai soliti bis, che mandano in delirio il pubblico soprattutto Like a Rolling Stone nel nuovo arrangiamento quasi disco, che ormai è diventata un vero must dal vivo.

Salvatore Esposito


E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION