What's going on in your show...
sera per sera Bob in concerto

 
a cura di Salvatore "Eagle"

 
 
Amsterdam, Olanda
Heineken Music Hall
11 Novembre 2003

Maggie's Farm
Señor (Tales Of Yankee Power)
Tweedle Dee & Tweedle Dum
Boots Of Spanish Leather (acustica)
It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding)
Don't Think Twice, It's All Right (acustica)
Cold Irons Bound
Most Likely You Go Your Way (And I'll Go Mine)
Tryin' To Get To Heaven
Highway 61 Revisited
Every Grain Of Sand
Honest With Me
The Lonesome Death Of Hattie Carrol (acustica)
Summer Days

Bis:

Down Along The Cove
Like A Rolling Stone
All Along The Watchtower


COMMENTO: La seconda serata ad Amsterdam è stata assolutamente grandiosa, rispetto a ieri sera le cose sono cambiate e in meglio, il sound è perfetto con un attenzione maggiore al livello dei vari strumenti e la band è
risultata molto più in forma e professionale.
La set-list è leggermente differente rispetto ai due concerti precedenti.
Le canzoni suonate sono state tutte di altissimo livello, nessun errore o incomprensione sul palco, tutto ciò ci fa capire come le scelte di ieri sera almeno a livello tecnico sono state sostanzialmente sbagliate.
Questa sera come detto è tutto diverso, il piano si percepisce con precisione e così anche l'armonica di Bob, le chitarre di Freddie e Larry sono più roventi che mai supportate alla grandissima dalla precisione al basso di Tony e da uno stratosferico George alla batteria.
Si parte alla grandissima con Maggie's Farm un inizio perfetto con un Bob subito in gran spolvero alla voce.
Senor è da brividi con Larry e Tony che regalano al pubblico olandese l'ennesima prova di grande tecnica chitarristica e con Bob che sugella il tutto con la sua voce.
Poi al rock di Tweedle Dee & Tweedle Dum segue una versione mozzafiato di Boots of Spanish leather in cui  la voce di Bob sembra diventare uno strumento in più, infatti riesce a seguire il crescendo ritmico della band per poi ritornare ad un cantato più sussurrato.
It's allright Ma è come sempre incandescente ma a colpire è ancora una volta il modo di cantare di Bob che questa sera sembra particolarmente incisivo e dirompente al limite della nevrosi e questo grazie alla spinta che come al solito gli da' George alla batteria che modula alla grande gli stacchi proprio in base al tono di Bob.
A Don't Think Twice, It's All Right, presentata in una versione acustica soprendente segue il rock di Cold Irons Bound, che pur non brillando particolarmente per l'interpretazione di Bob rispetto alle altre canzoni di questa sera risulta essere il brano meglio suonato dalla band che riesce a creare un sound potentissimo.
Il rock più incandescente che mai appartiene anche alla successiva Most Likely You Go Your Way (And I'll Go Mine) in cui Bob spesso e volentieri si diverte a duellare al piano con Freddy Koella che alla chitarra fa un po' quello che gli pare con  lick di alto livello, riff grandiosi e assoli da brivido. Tryin' To Get To Heaven è molto simile a quella ascoltata a Dusseldorf e le emozioni sono inalterate.
Highway 61 Revisited ed Every Grain Of Sand, rappresentano le due facce della stessa medaglia di questo tour, la prima rock puro e duro durante i quali gli spettatori si scatenano e la seconda lo splendido intimismo folkie da brividi a cui assistere in silenzio assoluto, quasi fossero delle splendide preghiere.
Honest with me è ancora grandissimo rock-blues, Bob sembra aver trovato la strada giusta per rinnovare questi pezzi di "L&T" ogni sera, infatti è
possibile apprezzare numerose sfumature differenti sera per sera.
Durante l'esecuzione Bob ad un certo punto lascia il suo piano e si dirige verso la batteria, mentre Larry e Freddie alle due chitarre duellano al centro del palco, prova un armonica poi un'altra e alla fine torna al piano. The Lonesome death of Hattie Caroll è grandiosa, splendida l'interpretazione di Bob ma soprattuto grandissimi sono Freddy e Larry.
L'ultimo pezzo prima dei bis è Summer Days, nella miglior versione mai sentita fino ad adesso.
Dopo un breve break, Bob torna sul palco e con grande sopresa al posto di Cat's in the Well, la band attacca l'intro di Down along the cove, brano di apertura di ieri e a Dusseldorf, assolutamente irriconoscibile ormai da JWH. Il pubblico apprezza moltissimo e va in delirio con la successiva Like a Rolling Stone.
All along the watchtower come al solito chiude il concerto.... e che concerto!

Salvatore Esposito


 
MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------