Little Rock, Arkansas
Ray Winder Field
July 2, 2005
 
1.
Maggie's Farm

2.
To Ramona

3.
Cry A While

4.
Positively 4th Street

5.
High Water (For Charley Patton)

6.
Highway 61 Revisited

7.
Ballad Of Hollis Brown

8.
Most Likely You Go Your Way (And I'll Go Mine)

9.
Just Like A Woman

10.
Honest With Me

11.
Girl From The North Country

12.
Summer Days



13.
Don't Think Twice, It's All Right

14.
All Along The Watchtower
 
COMMENTO: YEAAAAAAAAAAAAAA Amiche e amici di Maggie's Farm siamo a Little Rock, Arkansas e precisamente al Ray Winder Field. Come sempre a darvi il benvenuto e a raccontarvi tutto ma proprio tutto di questo nuovo appuntamento con il tour di Bob Dylan e Willie Nelson, c'è Sal 'The Floydian' Esposito. Questa sera è una serata speciale infatti mentre Bob si esibisce nella città di Bill Clinton, nel mondo è in corso uno dei grandi avvenimenti della storia del rock ovvero Live 8, che ha
coinvolto un cast stellare di artisti nonché ben 10 città di tutto il mondo. Bob, memore della sua infelice performance al Live Aid, si è guardato bene dal partecipare, preferendo fare soldi con Willie in giro
per gli States, però sul palco di Philadelphia la Dave Matthews Band, ne ha evocato lo spirito con una straordinaria versione di All Along The Watchtower.

Tralasciando i due set di apertura di Greencards e Willie Nelson passiamo direttamente al Nostro. Ad aprire il set di Bob c'è una tiratissima e tambureggiante resa di Maggie's Farm con le chitarre di
Stu e Danny in bella evidenza così come il cantato di Bob assolutamente impeccabile in ogni sfumatura

Il brano successivo To Ramona, è ripresa nello stesso arrangiamento di qualche tempo fa, ovvero una melodia vicina al valzer con Bob che in stile crooning ne dipinge il testo sull'ottima melodia ricamata dalle chitarre di Stu e Danny ma soprattutto dalla pedal steel di Don.

Cry A While gira alla grande con Stu e Danny alle prese con una bella scorribanda chitarristica
sostenuta alla grande dal cantato e dal piano di Bob.

Il primo highlight della serata è una straordinaria Positively 4th Street interpretata da Bob con grande cura e spinta alla grande dalla band.

High Water (For Charley Patton) irrompe poi con la sua granitica potenza con le chitarre elettriche di Stu e Danny che duellano con il banjo aprendo la strada a Bob che però più volte perde l'occasione per fare di questo brano un altro highlight della serata, cantando in modo appena soddisfacente.

Highway 61 Revisited con Bob che ha cantanto in modo indolente tutto il brano, scorre veloce e senza impressionare per niente anzi arriva addirittura ad irritare per alcuni errori da parte di Stu.

A cambiare qualcosa in meglio arriva poi Ballad Of Hollis Brown nella collaudata versione acustica in cui brilla Don al banjo ma sopratutto George alla batteria che imprime al brano la giusta potenza ritmica.

Si cambia completamente rotta con il blues rovente di Most Likely You Go Your Way (And I'll Go Mine) in cui Bob oltre a guidare alla grande i duelli chitarristici sul palco e a cantare in modo magnifico regala alcune perle all'armonica che fanno di questo brano il secondo highlight della serata.

Just Like A Woman, è come sempre ultimamente molto bella ed intensa con Don che commuove alla pedal steel e Bob che nonostante qualche errore al piano di troppo, canta in modo eccellente.

Honest With Me fa scatenare il pubblico che apprezza moltissimo le parti strumentali, Bob dal canto suo sfoggia la sua classica voce blues aggiungendo quel pizzico di genialità che ogni sera fa la differenza.

Girl From The North Country è magnifica e sembra assolutamente rinata rispetto alla performance stanca di Memphis, infatti Bob canta con grande cura il testo ma soprattutto Don imprime al brano un sound più elegante con diversi piccoli assoli di pedal steel.

Summer Days chiude il set con la classica jam finale.

Dopo la breve pausa arrivano i bis che questa sera vedono protagoniste, Don't Think Twice, It's All Right prima e poi All Along The Watchtower.

Salvatore Esposito



E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION