New York, New York
Beacon Theatre
April 26, 2005

1.  Tombstone Blues
2.  Love Minus Zero/No Limit
3.  Lonesome Day Blues
4.  This Wheel's On Fire
5.  Tweedle Dee & Tweedle Dum
6.  John Brown (acoustic)
7.  Under The Red Sky
8.  Highway 61 Revisited
9.  Bye And Bye
10.  Shooting Star
11.  Honest With Me
12.  Masters Of War


13.  Don't Think Twice, It's All Right (acoustic)
14.  All Along The Watchtower

COMMENTO: WOOOOOOOOOO!!!!! Amiche e Amici di Maggie's Farm, come sempre
il vostro inviato "On The Pool & In The Bayou" Salvatore 'The One & The
Only' Esposito vi dà un lieto benvenuto alla nuova puntata di What's
Going On In Your Show, per la seconda serata dal Beacon Theatre di New
York. Dopo i classici set introduttivi di Amos Lee e Merle Haggard,
arriva il momento di Bob e della sua band, anche questa sera senza
Elana.

Si parte con una bella versione di Tombstone Blues in un
arrangiamento dagli accentuati toni blues che in cui le chitarre di Stu
e Danny si danno battaglia spinte dal potente basso di Tony.

Il secondo
brano della serata, Love Minus Zero è il primo highlight, Bob infatti
sfoggia un cantato molto romantico facendosi quasi cullare dalla
languida pedal steel di Don.

Il brano successivo Lonesome Day Blues fa
scatenare il pubblico che apprezza l'ottima rincorsa tra le chitarre di
Stu e Danny Arriva poi This Wheel's On Fire, e Bob, stasera in vena di
magia, regala un'altra ottima performance vocale mentre la band regala
sublimi passaggi sonori.

Tweedle Dee & Tweedle funziona bene, anche se
si avverte la mancanza del violino di Elana, tuttavia Stu e Danny fanno
cose egregie così come Bob autore di un'altra bella prova vocale.

Il brano successivo John Brown, fa scendere in sala il silenzio, Bob si
limita ad eseguire il brano senza aggiungervi un particolare pathos
tuttavia molto bello è il finale che vede coinvolto il banjo di Don e la
chitarra di Stu in un duetto molto intenso.

Under The Red Sky, ci regala
un Bob di nuovo della partita con una bella prova vocale ma soprattutto
un Don Herron in gran spolvero alla pedal steel, pronto a inserirsi
nella linea melodica creata dalle chitarre di Stu e Danny.

Highway 61
Revisited, è un ottimo intro alla scorpacciata jazz di Bye & Bye dove a
farla da padrone è il violino di Don, dal canto suo Bob sfoggia un bel
crooning che ben si addice al sound complessivo della band.

Il secondo highlight della serata arriva con una magica Shooting Star con il piano
e la voce di Bob in bella evidenza e le chitarre notturne di Stu e Danny
che si muovono languide lungo la linea melodica.

Ultimo brano della
prima parte è Masters Of War eseguita da Bob in modo non eccellente, ma
impreziosita dall'ottimo impatto ritmico di George.

Dopo la classica
pausa si ripate con Don't Think Twice, It's All Right in una bella
versione acustica, caratterizzata dall'ottimo approccio vocale di Bob.

All Along The Watchtower chiude un concerto senza dubbio buono ma
abbastanza lontano dall'alta qualità dei tre concerti di Boston.

Salvatore Esposito



E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION