Mashantucket, Connecticut
Foxwoods Resort Casino Fox Theatre
April 22, 2005

1.  To Be Alone With You
2.  Hazel
3.  Things Have Changed
4.  If Dogs Run Free
5.  Tough Mama
6.  Shelter From The Storm
7.  Cold Irons Bound
8.  Lay, Lady, Lay
9.  Highway 61 Revisited
10.  Chimes Of Freedom
11.  Summer Days
12.  Mr. Tambourine Man


13.  Don't Think Twice, It's All Right
14.  All Along The Watchtower

COMMENTO: YEAAAAAAAAAA!!!!!!! Amiche e Amici di Maggie's Farm, benvenuti alla nuova puntata di What's Going On In Your Show, questa sera siamo a Mashantucket, Connecticut e precisamente al Fox Theatre del Foxwoods Resort Casino. Andiamo velocemente alla cronaca di questo splendido concerto che fa il paio, quanto a intensità e bellezza, con l'ultima serata di Boston di qualche giorno fa.

Bob sale sul palco con la sua band e si parte con una travolgente To Be Alone With You in cui Elana al violino duetta nota su nota con Danny e Stu mentre Bob dà il meglio di se sfoggiando un cantato molto trascinante.

Il secondo brano della serata Hazel è il primo della lunga lista di highligt della serata, Bob regala un cantato perfetto e un immenso assolo di armonica al centro del palco in duetto con il violino di Elana.

Arriva poi Things Have Changed in una bella versione con il violino di Elana sugli scudi, pronto a non
perdere un attimo di tempo per lanciarsi in assoli strumentali in duetto con Danny e Stu.

Arriva poi il momento del jazz con lo standard dilaniano, If Dogs Run Free, con Bob in grande forma al piano e con Danny e Stu che si divertono ad inseguire Elana in melodie swinganti.

Tough Mama è il secondo brano clou della sera, l'impatto rock dell'arrangiamento si adatta molto bene al testo così come al cantato di Bob, ottimo in questo senso è l'apporto muscolare delle chitarre di Stu
e Danny.

Più incolore, ma non meno deludente è Shelter from the Storm con Stu all'acustica e Don siede alla pedal steel, Bob non brilla al cantato ma l'emozione di sentire un brano così bello è più grande di ogni cosa.

Cold Irons Bound è ancora più incisiva e potente della serata precedente infatti se l'apporto delle chitarre è restato invariato a crescere è senza dubbio l'incidenza del violino di Elana che spezza la linea melodica inserendosi con brevi assolo.

Si passa poi al country con una romanticissima Lay Lady Lay con Bob nei collaudatissimi panni del crooner assolutamente impeccabile è il lavoro del grande Don alla pedal steel ancora una volta perfetto così molto riuscito è il lavoro delle chitarre di Stu e Danny.

La classica kick-ass version di Highway 61 Revisited con Danny e Stu sugli scudi alle chitarre, è un ottimo apripista per il terzo highlight della serata ovvero, Chimes of Freedom.

Se la versione di Boston era stata davvero molto bella, questa di stasera è ancora più toccante grazie al prezioso lavoro di Elana al violino e ad un ottimo assolo di Danny alla chitarra.

Si passa poi a L & T con Summer Days e sul palco si respira ancora aria di swing con Danny ancora in grande spolvero alla chitarra.

Mr. Tambourine Man chiude la prima parte. Ma come diceva l'indimenticato Corrado: "non finisce qui", perché Bob e la band dopo poco ritornano sul palco per i bis e si riparte con una bellissima Don't Think Twice It's All Right con Don assolutamente impeccabile alla pedal steel.

Una torrida All Along the Watchtower chiude un concerto davvero eccellente.

Salvatore Esposito



E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION