Boston, Massachusetts
Orpheum Theatre
April 17, 2005

1.  Drifter's Escape
2.  Love Minus Zero/No Limit
3.  God Knows
4.  Ring Them Bells
5.  Leopard-Skin Pill-Box Hat
6.  Tryin' To Get To Heaven
7.  Down Along The Cove
8.  I Believe In You
9.  Tweedle Dee & Tweedle Dum
10.  I Dreamed I Saw St. Augustine
11.  Ballad Of A Thin Man
12.  A Hard Rain's A-Gonna Fall


13.  It Takes A Lot To Laugh, It Takes A Train To Cry
14.  All Along The Watchtower

COMMENTO: YE YE YEEEEEEEEEEE!!!!! Amiche e Amici di Maggie's Farm, come
sempre il vostro inviato "On The Pool & In The Bayou" Salvatore 'The
Full Blood Rusty' Esposito vi dà un lieto benvenuto alla nuova puntata
di What's Going On In Your Show per la terza sera dall'Orpheum Theatre di
Boston, Massachusetts.

Tralasciando gli Operne Amos Lee e Merle Haggard,
andiamo direttamente al concerto che prende le mosse da una torrida
versione di Drifter's Escape, in cui la band sin da subito mostra i
muscoli con potenti assoli ad opera di Stu e Danny ottimo l'approccio
vocale molto ruvido di Bob.

Il secondo brano della serata, è una piccola
sorpresa, arriva infatti Love Minus Zero/No Limit, guidata dal piano di
Bob e dalla sua voce dall'intonazione molto romantica tutto il brano è
giocato sull'intreccio tra la pedal steel di Don e le chitarre di Stu e
Larry.

Si torna poi al rock incandescente con God Knows, guidata dal
drumming incessante di George è una vera e propria scorribanda sonora a
base di chitarre con Danny protagonista ancora una volta di ottimi
assoli.

Il primo momento clou della serata è Ring Them Bells, un altra
grande sorpresa della serata. Bob interpreta il brano in modo molto
evocativo mentre Stu all'acustica e Don alla pedal steel creano
un atmosfera notturna che ricorda molto quella del disco.

Arriva poi Leopard-Skin Pill-Box Hat e l'atmosfera dell'Orpheum comincia a
riscaldarsi davvero, ottime sono le lunghi parti strumentali ad opera di
Stu e Danny in cui spesso si inserisce Bob con brevi assoli di Bob al
piano.

Il secondo highlight della serata è Tryin' To Get To Heaven in
cui si apprezza l'ottimo lavoro di Don alla pedal steel e il cantato
particolarmente ispirato di Bob che imprime al testo una tensione
drammatica difficilmente riscontrabile in altre occasioni.

Con Down Along The Cove si incontrano atmosfere 50s davvero molto divertenti
sopratutto se viste in relazione con l'ottimo approccio della band che
macina nota su nota il brano.

I Believe In You, è il momento più intenso
del concerto, la pedal steel di Don e le chitarre creano un sound
perfetto in cui la voce di Bob si muove solenne assecondata dal silenzio
attento della platea.

Se Tweedle Dee & Tweedle Dum è la solita corsa sul
filo sonoro del rock, ben altro si può dire del brano successivo.

Inattesa infatti arriva una splendida versione di I Dreamed I Saw St.
Augustine, con Stu all'acustica che regala una magia dopo l'altra e con
Bob che interpreta il brano con voce sofferta. Sul finale Bob regala un
ottimo assolo di armonica al centro del palco raccogliendo una ovazione
dal pubblico.

Ballad Of A Thin Man è sin dalle prime note
applauditissima, la band macina un buon rock guidata dal perfetto piano
di Bob che interpreta il brano con grande convinzione.

A Hard Rain's A-Gonna Fall chiude alla grande la prima parte infatti Stu ancora
all?acustica imprime al brano un sound molto incisivo e Bob completa il
tutto con una grande prova vocale.

Dopo la classica pausa arriva una
travolgente versione di It Takes A Lot To Laugh, It Takes A Train To Cry
che con il super classico All Along The Watchtower chiude un altro
concerto magnifico.

Salvatore Esposito



E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION