sera per sera Bob in concerto
a cura di Salvatore "Eagle"

 
East Lansing, Michigan
Michigan State University
Jack Breslin Student Events Center (BSEC)
9 Novembre 2004

Rainy Day Women #12 & 35

It's All Over Now, Baby Blue

Lonesome Day Blues

Desolation Row

Tweedle Dee & Tweedle Dum

Under The Red Sky

It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding)

Love Minus Zero/No Limit

Cold Irons Bound

Girl From The North Country

Floater (Too Much To Ask)

Honest With Me

Masters Of War

Summer Days

Bis:


Like A Rolling Stone

All Along The Watchtower



 

COMMENTO: Weeeeell!!! That's a Great Show!! Amiche e amici di Maggie's Farm, benvenuti alla nuova ed eccezionale puntata di What's Going On In Your Show, che torna dopo una breve pausa di un giorno (in cui abbiamo approfittato per tornare in Italia a vedere un grande concerto dove sul palco si sono alternati grandi nomi della musica italiana, Franco Califano, Gigi Finizio, Gigi D'Alessio, Pupo, Mino Reitano e i suoi Cardi, Orietta Berti e dulcis in fundo Mario "The Big Legend" Merola).
Questa sera, di nuovo in sella al cavallo alato di nome Pool ci dirigiamo verso il Jack Breslin Student Events Center della Michigan State University di East Lansing, Michigan, vestiti in gran spolvero e con un luccicante cappello Stetson regalatoci da una zia ricca di Bob Dylan. Puntualissimo il concerto parte con una bella resa di Rainy Day Women #12 & 35 in cui Bob si diverte a saltellare mentre suona.
It's All Over Now, Baby Blue, il brano successivo, non riserva grandi sorprese, tuttavia va segnalata l'ottima prova di Larry alla pedal steel e quella di Stu all'elettrica.
Con Lonesome Day Blues si passa al rock blues, e l'atmosfera sul palco si fa rovente grazie alla strepitosa slide guitar di Larry e alla chitarra di Stu che, supportati dall'ottima sezione ritmica, regalano una performance eccellente.
Bob dal canto suo sfoggia una voce giustamente contratta e molto blues e un fraseggio eccellente.
Il momento clou del concerto non tarda a venire, infatti con Desolation
Row Bob raggiunge il vertice interpretativo della serata, supportato dal grandioso lavoro della band che cesella alla grande ogni nota.
Bella anche Tweedle Dee & Tweedle Dum..... però bastaaaa con questo pezzo, Bob!!
Arriva poi Under The Red Sky ed è di nuovo magia; Bob interpreta il testo in modo molto ispirato e soprattutto sfodera una voce potente ed incisiva che in alcuni punti diventa da brividi; eccellente l'assolo finale di Stu che chiude alla grande il brano.
Ancora un classico da pilota automatico con It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding), ma è solo un momento perchè subito dopo arriva una strepitosa versione di Love Minus Zero/No Limit, dove si apprezza l'ottimo lavoro al piano di Bob che riesce ad inserirsi perfettamente nella melodia.
Cold Irons Bound è tellurica, potentissima e soprattutto eccezionalmente cantata da Bob che con la sua voce roca ricrea alla perfezione l'atmosfera del brano.
Il secondo highlight della serata è Girl From The North Country nella classica versione acustica che tuttavia impressiona molto grazie all'ottimo lavoro alla chitarra di Stu e all'ottima prova vocale di Bob.
Il concerto prosegue con una deludente Floater (Too Much To Ask) in cui Larry combina qualche pasticcio di troppo al violino e con la classica
(e bastaaaa!!) Honest With Me.
Nulla di memorabile anche in chiusura di set con Masters Of War e Summer Days.
I bis sono da copione come sempre ed immancabilmente.
Bob, sorry, why don't you play other songs from your songbook?
E con questo interrogativo ci vediamo alla prossima puntata...
For now that's all!

Questa recensione è stata redatta sulla base dei commenti dei fan del
Dylan Pool e di The Watchtower Forum, e sulla base dell'ascolto di
alcuni mp3 che vengono postati nei predetti forum. I commenti alle
canzoni sono frutto di traduzioni e solo dove specificato dello
scrivente

Salvatore Esposito


E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION