sera per sera Bob in concerto
a cura di Salvatore "Eagle"

 
Kenosha, Wisconsin
Carthage College
Tarble Athletic and Recreation Center (TARC)
30 Ottobre 2004

1.  Maggie's Farm
2.  The Times They Are A-Changin'
3.  Lonesome Day Blues
4.  Every Grain Of Sand
5.  Tweedle Dee & Tweedle Dum
6.  Just Like Tom Thumb's Blues
7.  It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding)
8.  Girl From The North Country
9.  Floater (Too Much To Ask)
10.  Highway 61 Revisited
11.  A Hard Rain's A-Gonna Fall
12.  Honest With Me
13.  Ballad Of Hollis Brown
14.  Summer Days

Bis:

15.  Like A Rolling Stone
16.  All Along The Watchtower


COMMENTO: OH YESSSSSS!! Amiche e amici di Maggie's Farm siamo al Tarble Athletic and
Recreation Center del Carthage College di Kenosha, Wisconsin, per seguire la nuova tappa del tour autunnale di Bob Dylan.
Come sempre a commentarvi un'altra serata di grande musica c'è il vostro inviato più che virtuale, speciale Sal "The Crippler" Esposito.
Si parte subito al massimo con una strepitosa Maggie's Farm, in cui Bob Dylan coinvolge il suo pubblico a ballare trascinato dalla sua band davvero impeccabile.
Il brano successivo The Times They Are A-Changin' non riserva alcuna sorpresa eccetto una bella prova alla chitarra di Stu che chiude il brano con un bell'assolo.
Lonesome Day Blues è invece travolgente grazie ad una straordinaria performance di Tony al basso e di George alla batteria che spingono la band in alcuni passaggi strumentali davvero roventissimi.
Se Lonesome Day Blues era quasi totalmente ad appannaggio della band, Every Grain Of Sand è il momento per Bob di mettere in luce tutte le sue doti di grande performer, e infatti puntuale come un orologio svizzero sfodera una performance eccellente, sia al piano che alla voce.
Poi arriva Tweedle Dee & Tweedle Dum che come un lampo lascia subito spazio alla ben più meritevole Just Like Tom Thumb's Blues, in cui Bob riesce a confezionare un fraseggio davvero
impeccabile rendendo la canzone nel complesso ben più godibile che nel passato.
It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding) è cantata da Bob in un crescendo davvero emozionante guidato dalla cittern di Larry che si intreccia con la chitarra di Stu.
Girl From The North Country è nella classica versione acustica già sentita mille volte, ma il suo fascino è come sempre da ricordare, sopratutto se dopo arriva il brano clou della serata, Floater (Too Much To Ask), in cui si apprezza un meraviglioso intreccio strumentale tra il violino di Larry, il piano di Bob e la
chitarra di Stu.
Highway 61 Revisited è durissima come la sella del cavallo di un cosacco della steppa russa, così come la successiva A Hard Rain's A-Gonna Fall che si segnala come una delle migliori versioni sentite recentemente, con Bob che sfoggia un cantato assolutamente da brividi e con la band che infonde al brano un'atmosfera densa di ansia e tensione drammatica.
Il vortice sonoro non cala anzi aumenta con una sferragliante Honest With Me che ci conduce al finale che vede la versione acustica di Ballad Of Hollis Brown e Summer Days concludere il set.
I classici bis, Like A Rolling Stone e All Along The Watchtower, chiudono la serata tra gli applausi.

Questa recensione è stata redatta sulla base dei commenti dei fan del
Dylan Pool e di The Watchtower Forum, e sulla base dell'ascolto di
alcuni mp3 che vengono postati nei predetti forum. I commenti alle
canzoni sono frutto di traduzioni e solo dove specificato dello
scrivente

Salvatore Esposito


E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION