sera per sera Bob in concerto
a cura di Salvatore "Eagle"

 
Iowa City, Iowa
University Of Iowa
Carver-Hawkeye Arena
29 Ottobre 2004  
    
1.  To Be Alone With You

2.  Tonight I'll Be Staying Here With You

3.  Tweedle Dee & Tweedle Dum

4.  Mr. Tambourine Man

5.  Cold Irons Bound

6.  If Dogs Run Free

7.  Stuck Inside Of Mobile With The Memphis Blues Again

8.  Love Sick

9.  Highway 61 Revisited

10.  Make You Feel My Love

11.  Watching The River Flow

12.  Honest With Me

13.  Standing In The Doorway

14.  Summer Days

Bis:

15.  Like A Rolling Stone

16.  All Along The Watchtower


COMMENTO: YEAAAAAAAAAAA!!!!!!!!! Amiche e amici, dopo la pausa di un giorno, siamo di nuovo on the road with Bob Dylan.
Questa sera siamo alla Carver-Hawkeye Arena della University Of Iowa di Iowa City.
Come sempre pronto a raccontarvi tutto ma proprio tutto di quello che è accaduto sul palco c'è il vostro supervisore virtuale Sal "The Show Keeper" Esposito.
Si parte alla grandissima con una coinvolgente To Be Alone With You.
Bob canta e balla dietro al piano mentre le chitarre di Stu e Larry come al solito si danno battaglia trascinata dal consueto drumming incessante di George.
Il brano successivo, Tonight I'll Be Staying Here With You, è puro
country-magic. Larry e Stu regalano grandi emozioni alle chitarre mentre Bob al piano sfodera una performance eccezionale.
Tweedle Dee & Tweedle Dum scivola via velocissima e apre alla splendida versione acustica di Mr. Tambourine Man che ci riporta indietro nel tempo ai fasti del mitico concerto di Towson del 2000; infatti Bob ripesca di nuovo il jolly e sfoggia un fraseggio da brividi.
Il classico intro rumoristico introduce Cold Irons Bound e quando entrano le chitarre l'energia sul palco è altissima.
Bob canta ogni verso con voce quasi baritonale ma soprattuto imprime un senso di desolazione a tutto il brano.
Il brano successivo è una splendida rilettura acustica di If Dogs Run Free; il pubblico apprezza molto Bob che nei panni del jazz-man consumato dirige alla grande la sua band, Stu e Larry infatti ad ogni nota sfoggiano un sound brillante suppportato in maniera eccellente dall'ottima sezione ritmica che infonde al brano molto groove.
Stuck Inside Of Mobile With The Memphis Blues Again è potentissima grazie al grande drumming di George e alle chitarre roventi di Stu e di Larry che forniscono un tappeto eccellente per la voce di Bob.
Il primo highlight della serata è però la successiva Love Sick dove Bob sfoggia una performance vocale da brividi ma sopratutto riesce ad amalgamare con il sound della band il suo piano che pur stando di almeno un ottava sotto riesce a creare un sound molto suggestivo.
Una indiavolata Highway 61 Revisited introduce alla romantica Make You Feel My Love, che Bob esegue in modo sufficientemente interessante, soprattutto nella prima parte in cui domina completamente la scena.
Si passa poi al rock-blues con Watching The River Flow, dove protagoniste sono la slide di Larry e l'elettrica di Stu; tuttavia Bob, grazie ad un'eccellente prova vocale, ruba la scena alla sua band.
Con Honest With Me la prima parte del concerto si avvia alla conclusione, ma c'è ancora tempo per una eccezionale Standing In The Doorway e per quel tormentone che Bob non decide ad abbandonare (per fortuna! Napoleon) che risponde al nome di Summer Days conclusa dalla solita ottima jam strumentale guidata alla grande da Bob al piano.
Dopo pochi minuti di pausa la band torna sul palco ed arrivano i classici bis finali Like A Rolling Stone e All Along The Watchtower.
Un grande concerto, senza dubbio, nessun calo di tensione, ma il dubbio continua a persistere.... Bob basta con i finali in fotocopia, basta con Tweedle Dee... cosa cambia se suoni Like A Rolling Stone o Romance in Durango....?? Faccelo sapere... qui in Italia lo sai siamo curiosi.

Questa recensione è stata redatta sulla base dei commenti dei fan del
Dylan Pool e di The Watchtower Forum, e sulla base dell'ascolto di
alcuni mp3 che vengono postati nei predetti forum. I commenti alle
canzoni sono frutto di traduzioni e solo dove specificato dello
scrivente

Salvatore Esposito


E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION