sera per sera Bob in concerto
a cura di Salvatore "Eagle"

 
Santa Clara, California
Santa Clara University
Leavey Center
14 Ottobre 2004

1.  Blues Instrumental (Bob alla chitarra)

2.  Drifter's Escape

3.  I'll Be Your Baby Tonight

4.  Tweedle Dee & Tweedle Dum

5.  Just Like A Woman

6.  Things Have Changed

7.  Girl From The North Country

8.  Cold Irons Bound

9.  Every Grain Of Sand

10.  Highway 61 Revisited

11.  Sugar Baby

12.  Most Likely You Go Your Way (And I'll Go Mine)

13.  Honest With Me

14.  It Ain't Me, Babe

15.  Summer Days

Bis:

16.  Like A Rolling Stone

17.  All Along The Watchtower


COMMENTO: YEYEYEAAAAAAAA!!! Amiche e amici di Maggie's Farm siamo a Santa Clara, California presso il Leavey Center della Santa Clara University per assistere alla seconda tappa del tour invernale negli
States di Bob Dylan.
Come sempre al commento c'è il vostro inviato virtuale Sal "The Man on The Bayou" Esposito, pronto a svelarvi il mistero dell'immenso Bob che anche questa sera si ripeterà.
La trepidante attesa è interrotta improvvisamente dalla musica introduttiva e dalla presentazione, incenso, luci, e la band sale sul palco. Bob imbraccia la chitarra. Ancora! Si parte con uno strumentale improvvisato, è magia pura, sin da subito.
Bob scambia con Larry e Stu assoli eccellenti, la batteria di George e il basso di Tony spingono al massimo.
Conclusa questa jam, Bob va ad accomodarsi al piano e si riparte con una scura versione di Drifter's Escape, guidata dalla voce roca di Bob e dalle chitarre lancinanti di Larry e Stu.
I'll Be Your Baby Tonight, è una perla di country-rock con la splendida pedal steel di Larry a cesellare ogni nota e la chitarra di Stu a ricamare, Bob dal canto suo cambia completamente registro vocale, sfoderando una voce tutta miele.
Se Tweedle Dee & Tweedle Dum fa calare per un attimo la qualità del concerto, Just Like A Woman è la prima perla della serata, infatti Bob regala una splendida versione finalmente libera dalla lentezza ed
estremamente coinvolgente, con il pubblico che spesso riesce a fare il
coro.
Poi irrompe il rock prepotente di Things Have Changed, Bob è perfetto al cantato ma assolutamente eccezionali sono le chitarre di Stu e Larry e la sezione ritmica davvero trascinante e potente.
Il brano successivo è Girl From The North Country in una splendida versione acustica dove la pedal steel tesse una splendida trama che fa da sfondo perfetto alla voce di Bob e alla chitarra di Stu.
Cold Irons Bound è convulsa, rumorosa, potente, la voce di Bob penetra attraverso il muro di chitarre e arriva agli ascoltatori avvolta da un'eco
particolarissima.
Il secondo highlight della serata è Every Grain Of Sand, in una versione serrata e al tempo stesso intimista in cui Bob mostra il suo lato più intimo trattando la canzone quasi fosse una preghiera laica.
Highway 61 Revisited è veloce e rovente, con le chitarre elettriche di Stu e Larry a darsi battaglia, ma a seguire stupisce ancora una volta la versione acustica di Sugar Baby, in cui Bob regala la miglior performance vocale della serata.
Con Most Likely You Go Your Way (And I'll Go Mine) è tempo di blues.
Ancora protagoniste le chitarre di Stu e Larry, ma ad aggiungere qualità arriva l'ottima performance al basso di Tony che fornisce un apporto misurato ma allo stesso tempo decisivo.
La tensione sul palco non cala con il brano successivo, Honest With Me, ma anzi sale in modo esponenziale sull'onda altissima sollevata dalla potenza delle chitarre.
Ottimo anche il brano successivo It Ain't Me, Babe, in una bella versione acustica in cui il piano di Bob si intreccia alla perfezione con le chitarre.
Sul finale del set come da copione arriva Summer Days in una versione infuocata e conclusa da una splendida jam finale.
I bis sono secondo programma, infatti pur mancando Cat's In The Well arrivano in successione Like A Rolling Stone e All Along The Watchtower.

Questa recensione è stata redatta sulla base dei commenti dei fan del
Dylan Pool e di The Watchtower Forum, e sulla base dell'ascolto di
alcuni mp3 che vengono postati nei predetti forum. I commenti alle
canzoni sono frutto di traduzioni e solo dove specificato dello
scrivente

Salvatore Esposito


E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION