sera per sera Bob in concerto
a cura di Salvatore "Eagle"

 
San Francisco, California
The Grand
13 Ottobre 2004
 

1.  Rainy Day Women #12 & 35

2.  Tonight I'll Be Staying Here With You

3.  Watching The River Flow

4.  It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding)

5.  I'll Be Your Baby Tonight

6.  Ballad Of A Thin Man

7.  Tweedle Dee & Tweedle Dum

8.  This Wheel's On Fire

9.  Seeing The Real You At Last

10.  No More One More Time (canzone di Troy Seal and Dave Kirby)

11.  Ballad Of Hollis Brown

12.  Honest With Me

13.  Sugar Baby

14.  Summer Days (versione strumentale) (Bob alla chitarra!)

Bis:

15.  Cat's In The Well

16.  Like A Rolling Stone

17.  All Along The Watchtower


COMMENTO: WOWOWOWOWOW!!! Ladies & Gentleman, siamo a San Francisco, California, al The Grand, per seguire la prima tappa del tour invernale di Bob Dylan.
Come sempre a commentare minuto per minuto le gesta del nostro menestrello preferito c'è il vostro inviato virtuale "on the pool, on the tower and forever in the rain" Sal "The Heartbreaker Kid" Esposito. L'ingresso sul palco è come sempre secondo copione, incenso, musica introduttiva, lunga presentazione e poi via... ad aprire le danze di questo nuovo tour c'è Rainy Day Women #12 & 35.
Sin da subito la band, che non ha subito variazioni, si mostra in grandissima forma e sopratutto Bob canta in modo davvero convincente. Il locale pur non essendo grandissimo, i paganti erano circa 700, è accogliente e il pubblico davvero molto caldo.
Dopo essersi scaldati con Rainy Day Women, si passa al country-rock con una vibrante Tonight I'll Be Staying Here With You, dove la pedal steel di Larry si intreccia a perfezione con la chitarra di Stu fornendo a Bob un'ottima cornice per la sua voce roca e trascinante al punto giusto. Con Watching The River Flow, è tempo di blues, la band spinta dall'eccezionale drumming di George trascina Bob nei tortuosi sentieri della musica del diavolo, Larry alla slide fa magie mentre piuttosto in ombra appare Stu che si limita al compitino senza mai strafare.
Il tono del concerto cresce con It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding), Bob canta con grande precisione ogni verso e supportato alla grande dalla band riesce ad imprimere al brano un crescendo progessivo ed innarrestabile che sfocia quasi in un urlo nel verso in cui appare il "Presidente Degli Stati Uniti nudo!".
Ancora il country protagonista con I'll Be Your Baby Tonight in cui la voce di Bob pennella con dolcezza ogni verso in modo molto elegante, a suggellare una perfomance quasi eccellente c'è Stu che si mette in mostra sul finale con un breve ma efficace assolo in supporto alla pedal steel.
Il primo highlight della serata è Ballad Of A Thin Man, guidata alla grande dal piano di Bob e dalle chitarre di Stu e Larry che sul finale
regalano un bel duello chitarristico che fa da sfondo ad un bellissimo
assolo di armonica di Bob.
Ancora le chitarre protagoniste su Tweedle Dee & Tweedle Dum ma con This Wheel's On Fire, si raggiunge il secondo vertice della serata, infatti il fraseggio di Bob è perfetto così come l'impostazione vocale, la band intorno a lui gira al massimo, precisa e compatta in ogni passaggio. Il rock è prepotentemente sugli scudi con Seeing The Real You At Last che Bob tratta come fosse la sua personale Satisfaction, infarcendola di passaggi strumentali in cui le due chitarre di Stu e Larry si rincorrono e si scontrano alla grande.
Arriva poi una sorpresa, una cover, (No More) One More Time di Troy Seals e Dave Kirby, suonata da Bob nel lontano 1990 e precisamente il 13 agosto.
La performance è scanzonata e travolgente quanto basta per essere uno
dei brani clou della serata.
Una piuttosto usuale Ballad Of Hollis Brown in versione acustica introduce ad una indiavolata Honest With Me, dove la rovente slide di Larry infuoca la platea.
Terzo highlight della serata è Sugar Baby in una versione acustica, già nota, ma assolutamente impeccabile per quello che concerne la parte vocale di Bob e le chitarre.
Sul finale del set Bob imbraccia la chitarra!
Sì proprio la sua Fender, e si parte con una jam strumentale su Summer Days, il risultato è eccellente con le tre chitarre che dialogano alla perfezione.
Finale da copione con Cat's In The Well, Like A Rolling Stone e All
Along The Watchtower, per questo primo eccellente concerto del tour
invernale. 

Questa recensione è stata redatta sulla base dei commenti dei fan del
Dylan Pool e di The Watchtower Forum, e sulla base dell'ascolto di
alcuni mp3 che vengono postati nei predetti forum. I commenti alle
canzoni sono frutto di traduzioni e solo dove specificato dello
scrivente

Salvatore Esposito


E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION