sera per sera Bob in concerto
a cura di Salvatore "Eagle"

 
Lincoln, Nebraska
Haymarket Park
31 Agosto 2004

1.  To Be Alone With You

2.  Tonight I'll Be Staying Here With You

3.  Cold Irons Bound

4.  Heartland (con Willie ed i suoi figli)

5.  Highway 61 Revisited

6.  Under The Red Sky

7.  It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding)

8.  Floater (Too Much To Ask) (Elana Fremerman al violino)

9.  This Wheel's On Fire

10.  Honest With Me

11.  Masters Of War

12.  Summer Days (Tommy alla chitarra)

Bis:

13.  Like A Rolling Stone

14.  All Along The Watchtower


COMMENTO: YEEEEEEEEEEAAAAA!! Amiche e amici di Maggie's Farm siamo al Haymarket Park di Lincoln, Nebraska per seguire la nuova tappa del tour di Bob Dylan & Willie Nelson.
Il set di Bob parte con una resa molto fifties di To Be Alone With You dominata dalle chitarre di Stu e Larry e dal drumming precisissimo di George, Bob dal canto suo si diverte alla grande e sul finale regala qualche sorriso al suo pubblico.
Con Tonight I'll Be Staying Here With You arriva il momento del country-rock, l'arrangiamento più veloce del solito lo rende estremamente coinvolgente e forse grazie anche all'approccio assai spigliato di Bob che regala un fraseggio memorabile che a tratti riporta alla mente le gesta della Rolling Thunder.
Cold Irons Bound è una perla di rock alternativo con tanto di chitarre oscure e voce roca e trattenuta di Bob, insomma una esecuzione magnifica paragonabile per intensità a quella presente nel DVD di Masked&Anonymous.
Heartland secondo il programma è in duetto con Willie Nelson e a quanto pare le cose con questo brano sembrano andare sempre meglio,
infatti l'approccio dei due è sempre più raffinato e misurato.
Highway 61 Revisited è vibrante ed intensa tanto da sembrare uscita dal tunnel della routine.
Una sopresa è Under The Red Sky, cantata da Bob con un filo di malinconia e arrangiata dalla band con passaggi chitarristici davvero molto intensi.
Il crescendo cataclismatico di It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding) introduce alla splendida Floater (Too Much To Ask) in cui troviamo come ospite Elana Fremerman al violino impegnata a tessere la melodia del brano in supporto al piano di Bob che per l'occasione sfodera un cantato davvero incisivo.
This Wheel's On Fire è il vertice della serata, Bob canta con in mente i fasti della mitica Band così come George suona strizzando l'occhio a Levon Helm.
Il risultato è eccezionale se si pensa anche al grande assolo di Stu alla Robbie Robertson.
Honest With Me fa scatenare il pubblico che però è costretto a fermarsi a riflettere con una strepitosa resa acustica di Masters Of War.
La jam finale di Summer Days con Tommy alla chitarra è ancora un'occasione ottima per ballare trascinati dalla voce di Bob.
I bis secondo programma non aggiungono e non tolgono nulla ad un
grandissimo set.

Questa recensione è stata redatta sulla base dei commenti dei fan del
Dylan Pool e di The Watchtower Forum, e sulla base dell'ascolto di
alcuni mp3 che vengono postati nei predetti forum. I commenti alle
canzoni sono frutto di traduzioni e solo dove specificato dello
scrivente

Salvatore Esposito


E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION