What's going on in your show...

sera per sera Bob in concerto

 
a cura di Salvatore "Eagle"

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Lake Tahoe, Nevada
Harveys Outdoor Amphitheatre
19 Luglio 2003

Tombstone Blues
Lay, Lady, Lay
Tweedle Dee & Tweedle Dum
Don't Think Twice, It's All Right (acustica)
Things Have Changed
Watching The River Flow
It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding) (acustica)
Make You Feel My Love
A Hard Rain's A-Gonna Fall
Cold Irons Bound
Under The Red Sky
Honest With Me
Moonlight
Summer Days

Bis:

Like A Rolling Stone
All Along The Watchtower

COMMENTO: Sarà l'estate, saranno sicuramente i nuovi stimoli che risiedono
nella mente del nostro, ma anche questa sera a Lake Tahoe nel Nevada Bob
Dylan ha presentato un concerto essenzialmente diverso da quello della sera
precedente fatta esclusione dei classicissimi ormai brani da "Love & Theft" e
dei bis.
L'inzio è alquanto insolito per questo Tour: Tombstone Blues,
in una versione molto grezza ma essenziale e pressante come mai. La calma
viene con Lay Lady Lay, vellutata e accarezzata dagli stacchi al piano di
Bob che si intrecciano con le melodie generate da Freddie Koella e Larry Campbell alle chitarre. Tweedlee Dee & Tweedle Dum riporta sul palco un po' di movimento; a
proposito di questa canzone vorrei mettere in evidenza il sempre oscuro
lavoro di Tony Garnier che si danna l'anima al basso in ogni brano ma che
dai più viene sempre relegato al ruolo di comprimario e invece è lui che in
un certo senso spinge il carrozzone, e lo si nota in una canzone ritmata
come questa; la sua ritmica ed il suo incedere pressante al basso fanno di
questo brano uno dei migliori di questo tour.
Don't Think Twice It's All Right apre un piccolo sipario su quell'oscuro mondo che popola la testa di Bob, la sua esecuzione in versione acustica è carica di quel senso di
rancore che caratterizza questo brano, ma è un rancore sommesso quasi senza
speranze. In stretta connessione c'è sicuramente la successiva Things Have
Changed, gonfia del suo risentimento verso il mondo che ci circonda e il
tempo che viviamo, appare fin troppo sintomatica in questa posizione.
Watching The River Flow è sempre perfetta in questo arrangiamento con le
parti di piano ma è It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding) ad essere il
culmine di quel desiderio di espressione del proprio malessere di cui avevo
già parlato. Il sereno torna con Make You Feel My Love ma è solo un attimo,
perchè l'incedere di A Hard Rain's A-Gonna Fall e Cold Irons Bound danno di
nuovo fuoco alle polveri. Under The Red Sky suona fin troppo pretenziosa
posta dopo la bufera, quasi a voler dire che è nelle vecchie leggende che si
trova la speranza, ma è perfetta nella sua esecuzione. Insomma, che dire: Bob
ci stupisce ancora una volta, ma sarà davvero tutto calcolato nelle set-list
o è una perdita di tempo fare di queste congetture? Non voglio essere
prosaico ma come diceva qualcuno... Blind Lemon Jefferson se non erro... eh?
"Ai posteri l'ardua sentenza!"

Salvatore Esposito


 
 
MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

..