sera per sera Bob in concerto
a cura di Salvatore "Eagle"

 
London, Inghilterra
Fleadh Festival
Finsbury Park
20 Giugno 2004

1.  Down Along The Cove

2.  It's All Over Now, Baby Blue

3.  Lonesome Day Blues

4.  Maggie's Farm

5.  Desolation Row

6.  Seeing The Real You At Last

7.  Positively 4th Street

8.  Tweedle Dee & Tweedle Dum

9.  High Water (For Charley Patton)

10.  Highway 61 Revisited

11.  Not Dark Yet

12.  Honest With Me

13.  Boots Of Spanish Leather

14.  Summer Days

Bis:

15.  Like A Rolling Stone

COMMENTO: YEAAAAA!!!!! Amiche e amici di Maggie's Farm, siamo al Fleadh Festival che si tiene al Finsbury Park di Londra per seguire la seconda data del tour europeo di Bob Dylan.
Eccezionalmente questa sera sul palco accanto a Bob c'è Ron Wood, famoso chitarrista dei Rolling Stones, nonchè amico fedelissimo di Bob Dylan.
Si parte subito alla grandissima con una torrida versione di Down Along The Cove, l'impatto delle tre chitarre riporta alla mente il sound di qualche tempo fa ma con in più la potenza sonora e lo stile più concreto di Stu Kimball.
Ottima è anche la successiva It's All Over Now Baby Blue, in cui Bob canta con una voce magnifica ma soprattuto colleziona ottime parti di piano che si sposano benissimo con l'intreccio tra chitarre e pedal steel.
L'elettricità torna sugli scudi con Lonesome Day Blues, e qui Bob comincia a sbizzarrirsi sfoderando un'ottima voce da bluesman consumato ma sopratutto assecondando alla grande i duelli tra Ron Wood e Stu Kimball. Se Maggie's Farm scivola senza grosse soprese eccetto un ottimo assolo rallentato di Stu sul finale, la vera perla della serata è Desolation Row, dove Bob regala una performance da brividi.
Ottima è anche Seeing The Real You At Last con un ottimo lavoro della coppia Campbell-Kimball che si scontra ad armi pari con Ron Wood, il tutto spinto alla grande dall'ottima sezione ritmica.
La striscia di rese eccezionali prosegue con Positively 4th Street, con Bob che scandisce ogni verso con grande passione mentre i chitarristi si continuano a dare battaglia sul palco a colpi di assolo.
Notevolmente rinvingorita dall'apporto di Ron Wood risulta anche la classicissima Tweedle Dee & Tweedle Dum, ma l'altra perla della serata è la resa elettrica di High Water (For Charley Patton), in cui si impone un vero e proprio muro chitarristico.
Se Highway 61 Revisited è un turbine sonoro denso di scariche ad alta potenza elettrica, Not Dark Yet è una delle versioni più belle dei brani di Time Out Of Mind di quest'anno.
Con Honest With Me il concerto si avvia alla fine ma prima arriva una magica e poetica Boots Of Spanish Leather, con Bob intento a vestire i panni del deluso per amore; il risultato è assolutamente strabiliante.
Summer Days chiude il set, ma c'è ancora tempo per l'unico bis della serata, una mastodontica versione a due chitarre più pedal steel di Like A Rolling Stone.
Insomma un grande concerto, ottima la partecipazione di Ron Wood come sempre a suo agio con il repertorio di Bob Dylan.

Salvatore Esposito


E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION