DYLAN IN VERNACOLO

Hai scritto/vuoi scrivere versioni in vernacolo di canzoni di Bob (qualsiasi dialetto è accettato)?
Mandale a spettral@tin.it e saranno aggiunte in questa pagina.


Father of night
(siciliano)

FATHER OF NIGHT
di Salvo Pagliarello, "Psalvus"

Patri d''a notti, patri d'' juornu
Patri ca scuri, patri c'agghiuorni
Patri chi 'nzigni i 'ciddruzzi a vulari
Fai l'arcu irisi mmenzu a lu mari
Patri 'u chi è sulu c'u sò duluri
Tu ca fai chioviri e porti l'amuri

Patri ca aggiorni e patri ca scuri
Patri do niuru e patri do suli
Patri ca jisi li jauti muntagli
Formi li nìuli e tutti ni vagni
Patri d'u Tempu e di tutti li sonna.
Linchi li ciumi e svoti li jorna.

Patri di ogni cucciddru 'i frumentu
Patri d'u friddu e patri d'u ventu
Patri di l'arvuli e l'armuzzi cari
Ni li pinseri ni li fai ristari
Patri di l'uri e di oggni secunnu
Nui ti priamu, cu tuttu lu munnu


Sign on the window
(siciliano)

SIGN ON THE WINDOW
di Salvo Pagliarello, "Psalvus"

Nzigna ‘a finestra: “’N vogghiu nuddru”
Nzigna a la porta: “Na nni vogghiu cumpagnia”
Nzigna a la  sh,rata:  “Troppu fuddra”
Nni la baranta è scrittu “Tri è pazzia.”
Nni la baranta è scrittu  “Tri è pazzia.”

Iddra e ‘o  amicu so’  fujeru ‘n California
Iddra e ‘o  amicu so   canciaru sinfunia
Cu mi voli beni mi rissi: “Attentu ‘e corna:
Fimmina ‘i Iaci, luna ca furria”
Fimmina ‘i Iaci, luna ca furria”

Chiovi chiovi ca pari mmernu
Sicuru ca fa umitu stasira ‘o paisi
Spiramu armenu ca appoi nun ghiaccia…

Mi fazzu na  casuzza e vaju luntanu
Mi pigghiu na mugghieri e mi fazzu  cacciaturi
Fazzu  setti figghi   ca mi chiamunu pa’
Chistu  ormai a siri  la vita mia
Chistu  ormai a siri la vita mia


Moonlight
(veneto)

MOONLIGHT - CIARO DE LUNA
- trad. adattamento di Alberto Cagnin

No ghe xe più meze stagion e mi so tuto in agitassion
Che stasera vorìa cantarte un storneo
Viento qua co’ mi che a luna ne ilumina el cieo

Xè pasà el giorno ‘a notte xè scura
papavero rosso e prugna maùra
a tera el cieo se fonde coa carne e el peo
Viento qua co’ mi che a luna ne ilumina el cieo

L’aria xe freda e greve
a dissembre gavemo a neve
intanto e  oche voea a sud e e fa bordeo
Viento qua co’ mi che a luna ne ilumina el cieo

Predico pace e armonia
benedission de ‘a vita tranquia
ma so ben co xe ora de colpire
te porto in riva al fiume, bea
restare qua xe na capea
so mi queo che te piaze sentirte dire

Chee nuvoe che se ga gonfià
E foje che ormai xe cascà
E i rami che i fa ombra sol me casteo
Viento qua co’ mi go a luna che me ilumina el cieo

E carezà co sti pineti
Sensa mussati e potaceti
i fiori bianchi e rosa, sto ventezeo
Viento qua co’ mi go a luna che ne ilumina el cieo

El mus-cio el so sapore
a morbidessa de sto fiore
me fa pianzare el parchè gnanca eo so
Dotore in legge, re de quadri
no se poe robare in casa de ladri
par chi sona a campana, stea, a sona pa noaltri do

E pulsasion me fa vibrare a man
Go do coine dove cresse el pan
Un campo zaeo co ‘na quercia e un bel cavaeo
Viento qua co’ mi go a luna che ne ilumina el cieo


Summer days
(veneto)

XE FINIA L’ISTA’ (SUMMER DAYS)
(Dylan-Cagnin)
THE ULTIMATE VERNACULAR SUMMER ROCK’N’ROLL

FINALMENTE XE FINIA L’ISTA’
FINALMENTE XE FINIA L’ISTA’
TI TE SI ‘NDA VIA E MI SO ONCORA QUA

GO NA CASA IN COINA E ‘NALTRA IN RIVA AL MAR
GO NA CASA IN COINA GHE NE GO ‘NALTRA IN RIVA AL MAR
E NA MOROSA ROSSA RISSA A GO TROVA’ VISSIN NEGRAR

E ADESO ALSA EL BICIERE CANTEMO TUTI VIVA EL LEON
E ADESO ALSA EL BICIERE CANTEMO EVIVA EL LEON
E DOPO SALTA SORA A TOEA PAR FARE UN BRINDISI AL CAMPION

  SO DRIO GUIDARE COA FERARI DRIO NA CAREZA
  E TUTE E TOSE CHE ME DIXE “TI TE SI SONA’”
  GO DIEZE FRANCHI DE MONA E SO PIEN DE MONEA
  GO SCRITO DIEZE CANSON E ME IMPENO COA MOTOREA

EL CAIGO XE FISSO NO SE VEDE GNANCA EL LAMPION
EL CAIGO XE FISSO NO SE VEDE GNANCA A LUCE DEL LAMPION
MA SARA’ MEJO CHE ME TAJA I CAVEI E CHE ME CATA UN PARON

GHE XE E CAMPANE CHE SONA E EL CORO UN FIA’ STONA’
E CAMPANE SONA A FESTA EL CORO CANTA UN FIA’ STONA’
QUEO CHE DE GIORNO XE BRUTO DE NOTE POE CAMBIAR

TI TE ME VARDI NEI OCI E TE ME CIAPI NA MAN
TI TE ME VARDI NEI OCI E TE ME CIAPI ‘A MAN
MI TE VARDO ATENTAMENTE NO TE SI NA NOSTRA FAN

  DA DOVE XE CHE TE VIEN? DOVE CHE TE VE’?
  TE GHE MESSO MASSA SUCARO SOL ME CAFFE’
  SO STA COA SCHINA AL SOE E SO TUTO BLOCA’
  SPARAME AL CUORE NALTRA VOLTA O DAME ‘NALTRA MARTEA’

GO OTO CARBURATORI E, FIOI,  I USO TUTI QUANTI
GO OTO CARBURATORI E, FIOI, I USO TUTI QUANTI
GO MASSA POCA BENZINA TRA UN FIA’ NO VAGO PI’ ‘VANTI

XE DRIO SBAJARE I ME CANI, GHE XE QUALCUNO IN GIARDIN
XE DRIO SBAJARE I ME CANI, GHE XE QUALCUNO IN GIARDIN
TI NO STA VERZARE A NESSUNO GNANCA SE SONA EL POSTIN

SE TE GHE CALCOSSA DA DIRE PARLA DESSO SE NO VA VIA
SE TE GHE CALCOSSA DA DIRE PARLA DESSO SE NO VA VIA
SE TE VOI INFORMASSION VA A DOMANDARGHEE AEA POISSIA

  EL MINISTRO FA GIOGHIN A’A MATINA IN SPIAJA
  NOL VOE FARSE CIAPARE PARCHE’ EL XE UN CANAJA
  I POITICI XE BRAVI A IVEARE EL TO CONTO CORRENTE
  MA SE I VEDESSE DAVERO COME VIVE TANTA GENTE...

SO IN MOECA FIN AEA VITA PRIMA O DOPO VEGNO SU
SO IN MOECA FIN AEA VITA PRIMA O DOPO VEGNO SU
SE NO RITROVO A TO CIAVE ME FARO’ UN PASPARTU’

GO DECISO MI PARTO APENA CHE FA CIARO DOMAN
GO DECISO MI PARTO APENA CHE FA CIARO DOMAN
SE TE VOI CHE SE VEDEMO PASSA UN GIORNO PA MOJAN

FINALMENTE XE FINIA L’ISTA’
FINALMENTE XE FINIA L’ISTA’
MI SI’ CHE SO PARTIO E TI NO, TE RESTI QUA.


It's all right mà (I'm only bleeding)
(veneto)

It's alright, mama (So soeo drio pianzare)
di Alberto Cagnin

Xe squasi scuro a mezoiorno
Ombre de nero tuto intorno
Un corteasso sora al forno
No ghe xe più né note né giorno
Forse so finio dentro a un film porno:
xe inutie provarghe!

Col deo puntà i me minaccia
I crìa, i bestema, i me spua in faccia
Dei omicidi no ghe xe traccia
Che i te promuova o che i te boccia
Ogni tanto i te rinfaccia
Che te si vivo

E tentassion fora dea porta
Te ghe ve drio ma sensa scorta
El pecato xe na cuerta curta
Te te lamenti ma cossa importa
Se te volti ea carta
Te scopri che no te si soeo

E ora dai, no aver paura
Se al mal de rece no ghe xe cura
It's alright, mama, xe soeo un'otite

Chi ga vinto e chi ga perso
Ga sempre torto chi riva terso
Qualcuno siga: "No ghe xe verso,
Bisogna copare chi no noa a dorso!"
Mentre altri dixe: "Dell'universo
No sta odiare gnente eccetto l'odio".

E deusion xe come pistoe
Fabricae da xente che no vede el soe
Che e spara a xero su tute e paroe
Che fa ben al cuore e ae scarsee
cussì nee nostre case, soe nostre toe
Che xe ben poco de sacro.

I preti parla de oscuri mai
I maestri i insegna e noi capisse, dai
Ea siensa funsiona soeo coi schei
El ben se sconde dadrìo i cancei
Ma anca i presidenti più porsei
I sarà messi a nudo

E se anca regoe no ghe ne xe più
No sta fidarte de chi vien votà de più
It's alright, mama, forse ghea fasso.

A publicità te ga condissionà
A pensare che ti te si qua
Par sfidare a duello a realtà
Par vinsare queo che no xe mai sta superà
Ma intanto a vita intorno a ti
xe xà 'nda 'vanti.

Te te perdi, te te ritrovi
E te capissi de colpo queo che te provi
Che te si da soeo e no te tea cavi
Epure te me ghe dito che te te sognavi
De rivare primo e te te svejavi
Sensa medaja.

E te me fe a soita domanda
Ma no ghe xe risposta piccoea o granda
Che te sodisfa o che te infonda
Voja de stare sempre su 'n'altra sponda
Col ris-cio che qualcuno fraintenda
Ma ti no te si de nessuno!

E se a parona voe dettar legge
Mi no me smissio a sto grigio gregge
No go gnente, mama, che me fa rìdare.

E quei che ubidisse all'autorità
Sensa averla mai rispettà
I dispressa tutto queo che i altri fa
Invidiando chi sceglie a libertà
El so destin xe xà segnà:
Fallimento in borsa!

E quei che grassie al partito
I se ga fato strada in tel privato
I xe marionette de un fràgie stato
E quei che xe fora dal giro viziato
I sa tuti ben che l'omertà xe un reato
Ma i continua a lecchinare

E queo che canta dentro al coro
A bocca verta, sensa decoro
Poe starghe in pansa tre pandoro
No ghe intaressa sentirse un baro
Ma el voe tirarte xo dentro in busa
Dove xà el se trova

Ma mi no vojo incolpare
Chi el so sepolcro o voe imbiancare
Ma it's alright, mama, se posso 'ndarghe ben


When the deal goes down
(veneto)

Se te me voi
di Alberto Cagnin

’A notte xe scura, go un fià de paura
De essare ancora inseguio
Se gà squarcià el veo me rimbomba el sarvèo
E no, no se torna più indrìo
Pa’ sta nuvola nera pregarò anca stasera
Do secondi e doman xe za quà
Vivemo morimo el parchè no o savemo
se te me voi mi sarò sempre qua

Magnemo bevevo provemo e pensemo
Amissi drìo na carezà
Mi pianzo mi rido de parlar no me fido
De robe che me so inventà
Se ‘naltra tempesta rovina a me festa
Go zà a corona de spine indossà
cuore a cuore ombre che slonga e ore
se te me voi mi sarò sempre qua

De notte a  luna fa ciaro e fortuna
che mi ne distinguo el coeore
A vita imparemo e dopo perdonemo
Soa strada asfaltà de dolore
Più deboi de un fiore, xe preziose ‘ste ore
Ne tien stretti forse igà
te ghe un viso beo come vedare el cieo
se te me voi mi sarò sempre qua

Rancuro el destin meo meto in taschin
cammino in mezo aea corente
scolto i rumori confondo i amori
so sempre un po’ dipendente
pal dominio dea tera, i buta bombe, i va in guera
ma mi no sarò più inrabià
el me cuore xe tuo o go sempre savuo
se te me voi mi sarò sempre qua 


Budiùlo
(Masterz o’uòr)
(livornese)

Versione livornese di Riccardo Venturi

28 marzo 2005

Dé, venite ‘n po’ vì, budiùlo merdosi
voi lì, che fate tutte ‘vell’armi
e l’aroprani pe’ bombardà e ammazzà’,
e bombe grosse ‘ome casamenti
voi lì, che v’intanate dietr’ a’ muri
e che v’impiattate dietr’ar mobile
voglio divvi una ‘osa sulla ghigna:
io lo so, cosa ciavète ner capo.

Voi lì, che state lì a ‘un fa’ mai un cazzo
a parte ‘ostruì pe’ poi buttà’ giù
dé, state a gioicchià cor mondo
‘ome fosse un balocchino
mi date ir fucile e mi dite: dé chiàppalo!
E poi v’impiattate pe’ ‘un fàvvi vedé’
e vi girate, e poi giù via alla gamba
quando attaccano a sparà’

Come una vorta Giuda ir traditore
‘un fate ‘e imbroglià e di’ cazzate,
tipo si pole vìnce’ la ‘verra mondiale,
oh, e poi volete anco ‘e ci creda!
Saòsa? ‘Un mi pigliate pe’ r culo!
Ché io lo so, cosa ciavète ner capo,
come vedo ‘e ir mare è bagnato
e che ir pesce mòre se lo tiri fòri.

Voi lì! Dé ‘un sapete fa’ artro
‘e dìcci d’armàcci e partì!
E poi vi mettete a sedé’,
e quando mòre sempre più gente
v’impiattate ner palazzo
quando ir sangue de’ bimbi
ni ‘ola fori dar corpo
e affoga nella mota.

E lì a seminà la peggio paura
che si pole prénde’ e mètte’ ‘n giro
‘vella di mètte’ bimbi ar mondo!
No, se fate male ar mi’ bimbo
che deve nàsce’ e ‘unn’ha nome,
io vi sbudello, vi piglio ir sangue
e lo do da bé’ ar maiale.

Dé, mi dite ‘e un so un cazzo
e che devo stà’ zitto e muto?
Dé, mi dite ‘e sò’ troppo giovane
e che della vita ‘un so nulla?
Ma io vi cào ner muso!
Sì, so’ giovane, e allora?
Manco Cristo vi potrebbe
perdonà quer che fate.

E ora vi fo una domanda:
Che ci fate ‘o’ vaìni?
Vi ci ‘omprate ir perdono,
Credete ‘e sò’ boni?
Saòsa vi ci ‘omprerete
prima d’andà’ ar creatore?
Co’ tutti i vostri vaìni
L’anima ‘un ci si ‘ompra.

E spero ‘e stiantàte,
‘e stiantàte stanotte!
Dé, poi vengo ar trasporto
anco se ir tempo fa caà.
E la ‘assa da morto
la voglio vedé’ calà’,
poi stò lì’ finché i vermi
vi vèngan’ a sporpà’.


Like a rolling stone
(sardo gallurese)









CUMENT'E' UN BOTTU D'ALGA
di gimbo the ant

UNA OLTA T'INNANDAZII TUTTA MUTATA
E A LI BALBONI LI DAZII UNA CAZZATA
CAND'ERI STEDDA
T'INNAMENTI?
LA IENTI TI DIZIA STAI ATTENTA,CHI GIRA LA CALTA
TU PINSAI CHI T'ERANI PIDDENDI PA LU CULU
E TI FAZII
UNA RISATA
DI GHISSI CHI ERANI MURENDI DI LA FAMMI
ED ERANI POARI IN CANNA,
MA ABALI NON NI FAI PIU' DI BARRA
NON TI CREDI PIU' MANNA MANNA
ABA' CHI TI TOCCA A DUMMANDA' SI CALCOSA OI MAGNA'

CUMENTI SI STAZI
CUMENTI SI STAZI
SENZA UN TETTU SUPRA LU CAPU
SENZA NISCIUNI CHI TI ZILCHIA
CUMENT'E' UN BOTTU D'ALGA

ANDAZII A LI MEDDU SCOLI E NON CAGAI A NISCIUNU
MA SAI BE CHI DRENTU GHI' TANI SOLU ABBADDINATA
E NISCIUNU T'A' IMPARATU A CAMPA'
IN MEZZU A LA STRADA
E ABA' TI SEI AVVISTA CHI TOCCA A TE
DATTI UNA MOSSA
NO ERI TU CHI AI DITTU EU NO VESCIU CUN CHISSI MOLTI DI FAMMI
MA TI SEI AVVIDENDI CHI NON ERANI ZILCHENDI SCUSI
CANDA L'AI ISTU LOCCI INCANTATI E LI DIZII
STEMMU INSEMMI?

CUMENTI SI STAZI
CUMENTI SI STAZI
SENZA UN TETTU SUPRA LU CAPU
SENZA NISCIUNI CHI TI ZILCHIA
CUMENT'E' UN BOTTU D'ALGA

NO TI SO MAI PIAZUTI L'ARTISTI DI STRADA CHI ZILCANI
DI FATTI PENA CU LI JOGHITTI
MA NO AI CUMPRESU CHI NO E' BEDDU RIRI' DI LI
DISGRAZI DI L'ALTI
CU LU PRINZIPI AZZURRO TI N'ANDAZII
CU LU CABADDU BIANCU
A SPASSU CU UN SIAMESU SUPRA LA SPADDA
MA CANDU TI SEI SCITATA NO VAI POSTU MEDA
A CUMPRIDI CHI NO ERI IN UNA FIABBA E VAI
POSTU PURU LA VERGINITA'

CUMENTI SI STAZI
CUMENTI SI STAZI
SENZA UN TETTU SUPRA LU CAPU
SENZA NISCIUNI CHI TI ZILCHIA
CUMENT'E' UN BOTTU D'ALGA

LA PRINCIPESSA SUPRA LU CAMPANILE
CHI CUN TANTA JENTI BIZI E MANGIA PINSENDI
CHI A' AGATATU L'AMERICA
E SI FAZI L'AUGURI CU LI RIGALI
MA TU NO LI PUNI' MENTI E PONITI
LI DINA' IN BUSCIACCA ABA CHI LU POI FA'
TI FAZIA RIDI' NAPOLEONI A PEZZI E
COMENTI FAIDA'
MA ABA' TE CIAMMENDI E TI TOCCA ANDA'
NON AI PIU' NUDDA E NUDDA' TI PO' PIDDA'
SEI UN PIENTU' E NO TI POI PIU' CUA'


Hurricane
(romanesco)

Er Bufera
(Dylan - Levy / Er Porcello)

Spari ch' arimbombeno de notte drento ar bare,
da la cammera de sopra scenne Valentini Patti
e vede a tera tutto sangue e steso sopra er cammeriere
"ommioddio" urla quella "l' hanno fatti fora tutti"
Ecchitela qua la storia der Bufera
l' omo condannato a na vita de galera
senza avé mai fatto gnente
come fosse 'n delinguente,  sbattuto drento a na priggione
quanno poteva diventà campione.

Tre còrpi a tera vede Patti
e n' antro tizzio detto Er Bello che s' aggira come li gatti
"nun centro 'n cazzo" dice a mano arzate
stavo solo a fregà li sòrdi. Che famo, me perdonate?"
"L' ho visti dasse" dice e 'nghiotte
"tocca che chiamamo la madama, er metronotte"
ma si 'n ce penza Patti bonanotte!
e quelli ariveno co' sirene e lampeggiante
a Ostia, in una notte de callara soffocante

Ner frattempo in città ma da tutto 'n antro pizzo
Mario Breca co' du amichi gireno senza 'n indirizzo;
lui ch' è lo sfidante pe la corona pesi-medi
nun ze 'mmaggina nemmanco che je sta a cascà sui piedi
quanno 'n polizziotto je fa cenno d'accostasse
com'è già successo un mijone d'antre vorte
da ste parti nu' lo sai ma ce sò puro ste tasse:
si sei 'n poraccio stai mejo chiuso 'n casa co le scorte
chè quelli se beveno chi sorte.

Arfredo er Bello cià 'n compare co 'n zospeso 'n polizzia
lui e Arturo er Destro staveno a girà pe vedè de fa razzia
dice "ho visto due sui settanta chili, ma 'n zo mica na stadera,
se so dati su 'n zeicento co la targa forestiera
e Patti che fa sì, come leggi sur rapporto
quanno 'n polizziotto fa "un momento, questo mica è morto!"
sicché lo porteno via co' l' ambulanza
e pure si 'n ce vede a du parmi de distanza
je spiegheno che p' ariconosce l' assassino un parmo basta e avanza

Alle quattro der matino hanno già fermato Mario,
lo porteno allo spitale su ne la sala der primario,
er moribbonno se lo spizza cor mezz'occhio sparammiato
fa "li mortanguerieri! ma chi m'avete portato?!"
Ecchitela qua la storia der Bufera
l' omo condannato a na vita de galera
senza avé mai fatto gnente
come fosse 'n delinguente,  sbattuto drento a na priggione
quanno poteva diventà campione.

quattro mesi doppo le borgate so' n rivorta
Mario sta 'n campagna a fasse 'n nome 'n antra vorta
Arturo 'r destro è 'mpicciato co' la rapina de stavorta
e la madama je sta addosso pe dà al' indaggini na svorta
"t' aricordi de la stragge che c' è stata drento ar bare?
e de la maghina che coreva manco ce fossero le gare?
penzi che tra noi se pò trova 'n accordo?
penzi che poteva esse 'n puggile che saliva abbordo,  su la maghina del' assassini?
aricordete chi sei e da 'ndo vieni!"

Arturo je fa dice "mica so' tanto sicuro..."
er polizziotto "tu bisogna che rifletti mejo sur futuro
ce sta pure er Bello ma t'avemo 'n pugno pe la storia de donnacce
nun vorai tornà 'n priggione, te conzio de 'n dì fregnacce.
Guarda che stai a fa 'n favore a la città tutta
guarda che quello è proprio 'n fio de na mignotta
si c' aiuti io a quello lì lo purgo
quello ha fatto fora tre signori d' artobborgo
ahò, quello nun è mica er Conte d' Endimburgo!"

Mario si cià voja co 'n cazzotto te sistema
ma 'n j' è mai piaciuto fasse bello su sto tema
"è 'n lavoro come 'n antro, lo faccio pe li sòrdi
ma come smetto e m' aritiro da st' accordi
me ne vado 'n quarche paradiso a li Castelli
dove l' aria è frizzantina e se pò pescà da li ruscelli
e se pò annà a cavallo tra l'uscellini..."
ma quelli j' hanno fatto salì i trescalini,  e pianopiano
te lo vonno trasformà in un zorcio umano.

A Mario Breca la condanna j' era già stata firmata
er processo era na ruzzica e la dava pe scontata
a la fine chi je testimoniava era solo 'n arcolista
e pei signori cor giornale lui era no stronzo communista;
pe li poracci come lui era solo un mezzo matto
ma nisuno ciaveva dubbi su chi avea commesso er fatto
e pure si er cortello nun z' era visto ancora
er giuddice 'nzisteva a dì che a falli fora  nun poteva ch' esse stato lui
e la giuria de signorotti "è giusto, mo so cazzi sui!"

A mario Breca lo 'ncastrorno co' l' inganno e la buscia
a la fine è 'n assassino e 'ndovina 'n po' chi fa la spia?
Arfredo e Arturo, quei puzzoni maledetti
e li giornalisti brava gente che s'accodeno ai suddetti.
Come pò esse che quell' omo e la su' vita
ce l' hanno quattro zozzi tra le dita?
a vedello ridotto 'n quello stato
nun je l' ho fatta e me so vergognato  de vive su una tera
indove nun ce sta giustizzia vera

Mo l' assassini veri vestiti da gran gita
ponn' annà a fasse na fojetta o a vedesse la partita
envece Mario pare Budda in tre metri de galera
e da innocente ha da scontà st' inferno 'n tera
Ecchitela qua la storia der Bufera
ma n'è finita finchè 'n torna quello ch' era
e j' aridanno 'r tempo che 'n è stato tra la gente
ma come fosse 'n delinguente,  sbattuto drento a na priggione
quanno poteva diventà campione

Nota: "Er Porcello" sarebbe Carlo "Pig"


I want you
(romanesco)

Te vojo
(Dylan/Er Porcello)

Quer puzzone der becchino fa le lagne
er grattacheccaro solitario piagne
er zassofono argentato 'ntigne
t' ho da scordà
le campane chiocche e li gabbiani 'n volo
me se sò messi a pijà pe 'r culo
ma io 'n zò bono a rimanè da solo
nun ce sò propio sta
te vojo, te vojo
ammazza si te vojo
amò, te vojo

Er prete a panza piena sarterella
'ndo le madri maledicheno la jella
e li guardiani cor vizzio della pennichella
te stanno a aspettà
e io l' aspetto pe fa smette sto zuccone
che da cent' anni fuma 'n mozzicone
e pe dimme de spalancà er portone
ché stai a arivà
te vojo, te vojo
ammazza si te vojo
amò, te vojo

mo che li vecchi mia so iti tutti ar Camposanto
senza avè mai amato peddavero
tutte le fije se sò messe a famme 'r pianto
perchè 'n ce faccio mai 'n penziero

Vabbe, aritorno a da 'ndo so partito,
a la mi Visce-Reggina e ar zu vestito
lei lo sa che nun me so mai pentito
de guardaje er zeno
lei me vo bene
e nun fa finta de nun vede le mi pene
lo sa chi amo io, sibbene
nun je ne pò fregà de meno
te vojo, te vojo
ammazza si te vojo
amò, te vojo

er ballerino tuo mezzo cinese s' era acchittato
me s' è rivorto e io er piffero j' ho fregato
nun zo stato tanto educato
evvero?
ma nun me 'mporta perchè te stava a cojonà
eppoi t' ha dato na botta de libbertà
eppoi ormai 'n ciò più l' età
eppoi.....
te vojo, te vojo
ammazza si te vojo
amò, te vojo

Nota: "Er Porcello" sarebbe Carlo "Pig"


Blowin' in the wind
(napoletano)

N'copp o' viento vularà
di Salvatore Esposito e Michela Cobino

Quanta strade 'n ommo adda ffa'
primma ca o' chiammen' accussì?
E quanta mar' po' adda passà
primma ca se pozz' arrepusà?
E quanta vote o' cannone adda sparà
primma ca' o metten' a tacè?
A' risposta, ce stà, 'ncopp' o'viento vularà
pecchè 'ncopp' o viento vularà

Quanta vote n'ommo adda guardà
primma ca isso vede o' cielo?
E quanta recchie 'n ommo add' ave'
primma ca sent' 'a ggente chiagnere?
E quanta muorte nce vonno pecchè
s' 'mpar' ca tropp' so' muorte ?
A' risposta, ce stà, 'ncopp' o' viento vularà
pecchè 'ncopp' o' viento vularà

Quant' ann' po' anna passà
primma ca na muntagna arriv' o' mar?
E quant' ann' 'a ggente adda campà
primma ca libera po' stà?
E quanta vote n' ommo a capa adda calà
facenn' fint' e nun vedè?
A' risposta, ce stà, 'ncopp' o' viento vularà
pecchè 'ncopp' o'viento vularà


Heart of mine
(napoletano)

Core mio
di Gennaro Sangermano

Core mio nun t’affannà
Vuo’ pazzià co ffuoco
Ma po’ ‘o cunto l’ ha pavà
Nun fa sapè
Nun fa sapè c’a  vuo’ bbene
Nun fa ‘o pazzo nun t’accecà
Core mio

Core mio tornatenne a casa
Nun c’è motivo e cuntinuà
A perde tiempo ncoppa a chesta via
Nun da a vedè
Nun da a vedè ca essa te manca
Chisto lemmeto nun o passà
Core mio

Core mio torna llà addò si stato
Ca suffrarraje si essa torna a te
Nun fa sentì
Nun fa sentì c’ a vuò ancora
Nun farle sapè ca è accussì bella
Core mio

Core mio tu sai ca nun sarrà sincera
Essa da all’ate l’ammore ca le dato tu
Nun fa sapè
Nun fa sapè addò vai
Nun asciogliere nurechi ca t’attaccarranno
Core mio

Core mio maliziuso e smaliziato
Te pigli tutto o braccio si te danno a mano
Nun ce cadè ancora
Nun  nciampà
Nun fa pazzie si po’ nun può scuntà
Core mio


Maggie's Farm
(napoletano)

A massaria e Margarita
di Gennaro Sangermano

‘a massarìa ‘e Margarita nun ce voglio faticà
no, ‘a massaria e Margarita nun ce voglio faticà
me sceto a la matina ncrocio e bbraccia ma nun chiove
tengo ‘na capa chiena chièna ‘e penzieri d’ ascì pazzo
chella me mette ‘a scopa mmano e vò c’aggia pulezzà
‘a massarìa e Margarita nun ce voglio faticà

po frato ‘e Margarita nun ce voglio faticà
no, po frato ‘e Margarita nun ce voglio faticà
te pava  dduje centesimi nun appara ‘a mezza lira
t’addomanda po’ sgregnanno comme staje comme te siento
e si me ncazzo e sbatta à porta me fa pure richiamà
po  frato e Margarita nun ce voglio faticà

po  padre e Margarita nun ce voglio faticà
no, po  padre ‘e Margarita nun ce voglio faticà
s’appiccia nu sicàrio e votta ‘o fummo ‘nfaccia a me
‘a finestra da stanza e lietto se l’è fatta fa’ e mattuni
e ‘na guardia nazionale stà fora ‘a porta a surviglià
po  padre ‘e Margarità nun ce voglio faticà

pa mamma ‘e Margarita nun ce voglio faticà
no, pa mamma ‘e Margarita nun ce voglio faticà
fa comizi ca servitù riguardo ‘a legge e ‘o Pataterno
tutti quanti ‘o sanno ca da cumanno pur’o marito
dice ca è giuvinuttella ma sissanta anni mo addà fa
pa mamma ‘e Margarita nun ce voglio faticà

‘a massaria ‘e Margarita nun ce voglio faticà
no, ‘a massaria ‘e Margarita nun ce voglio faticà
je faccio ogni cosa  pe’ restà commo songo je
ma tutti quanti vonno ca a lloro je assumigliasse
tu te sfacchini e chiste cantano, me accummincio a sfasterià
‘a massaria ‘e Margarita chi cazzo n’ce vo faticà! 


All along the Watchtower
(napoletano)

Ncopp’ a torra do rilorgio
di Gennaro Sangermano

Aggià truvà ‘na via p’ascì
Dicetto ‘o buffone a ‘o mariuolo
Cca nce stà troppo casino
Nu poco ‘e pace nun se trova
E cummerciante ‘o vino mio se vevono
E cafune me zappano ‘a terra
Ma nisciuno ‘e chisti sape
Qual’azione sta facenno

“amicu mio nun ce penzà”
dicetto quieto ‘o mariuolo
paricchie comme a nnuie sanno
ca ‘sta vita è sulo nu sfuttò
ma io e te simme ‘e n’ata pasta
‘sta cosa a nuie nun ce ne fotte
mo nun parlammo assaje
sinnò facimme notte

ncopp’ a torra do rilorgio
e rignante se nquitavano
femmene jevano e femmene turnavano
cu appresso schiavuttielli scauzati
nu micio furesteco alluccaje assai luntano
dduje cavalieri stavano pe’ s’avvicinà
mente ‘o viento da tempesta
accumminciaje già a sciuscià 


One more cup of coffee (Valley Below)
(romanesco)

Porteme n' antro vino
di Carlo "Pig"

E' dorce 'r tu respiro
l' occhi tui ner celo sò du giojelli,
la schina è dritta e sur cuscino
come sò lisci li capelli,
ma nun te posso amà
e tante cose belle
perchè nun zei promessa a me
ma ar celo e a le su stelle

porteme n' antro vino pe 'r cammino
porteme n' antro vino prima de scenne
giù da Marino

Tu padre è 'n delinguente
er vagabbonno lo fa' pe arte
te 'nzegnerà li cortelli
e li giochi co' le carte.
Lui abbada che l' intruso
nun tocchi er zu' quartiere
la su vosce è 'n teremoto
quanno chiama er cammeriere

porteme n' antro vino pe' r cammino
porteme n' antro vino prima de scenne
giù da Marino

Tu sorella ce 'ndovina
come te e come tu' zzia
anche si n' zei bbona a legge
e nun c'hai libbri su la scanzia.
La grazzia tua è 'nfinita
e la tu vosce è n' usignolo
er core tuo è bujio e misterioso
come 'r mare ortre er molo. 


Like a rolling stone
(romanesco)

Come 'n sasso preso a carci
di Michele Murino

'Na vorta annavi vestita
tutta acchittata,
a li pezzenti glie tiravi 'na moneta,
lo voi nega'?
" A' regazzì " te diceva la gente
"A finì co' le pezze ar' culo nun ce vò gnente"
Glie dicevi: "Ma che ve và da scherzà"
E te divertivi un monno
a' ride de quelli che annavano a fonno
Mo' nun parli più co' quella spocchia
mò te metti puro tu su le ginocchia
e devi anna' a ruba',
si quarcosa voi magnà...

Come se stà?
Come se stà?
Senza 'n posto p'abitarci
senza amici pe' parlarci
come 'n sasso preso a carci?

Annavi a le mejo scole,
"misse puzza sott'ar naso",
ma si dà er caso
che te scolavi 'n fracco de bottije
e nisuno t'ha mai detto
come vive' senza 'n tetto
e mo' so' cazzi tua, parlanno co' rispetto
"Cor vagabonno misterioso nun ce scenno a compromesso"
ma te cominci a rende' conto adesso
che n'alibi in vendita quello nun ce l'ha messo
e glie guardi dentro l'occhi de pesce lesso
e glie dici: "Ma st'affare
o' volemo fà?..."

Come se stà?
Come se stà?
Senza 'n posto p'abitarci
senza amici pe' parlarci
come 'n sasso preso a carci?

Nun te sei mai vortata attorno pe' sentì li "Mortacci..."
de li sartimbanchi e li pajiacci
quanno 'sti poveracci
t'apparecchiavano trucchi come gnente
Nun t'è mai passato pe' le cervella
che nun è 'na cosa bella
pijà per culo l'artra gente
Te n'annavi sur Kawasaki der tu' diplomato
cor gatto siamese sur groppone appollaiato
mò te rode a vede' 'sto disgraziato
che come 'n guanto t'ha rivortato
e tutto quanto s'è pijato
de quello che te poteva rubà

Come se stà?
Come se stà?
Senza 'n posto p'abitarci
senza amici pe' parlarci
come 'n sasso preso a carci?

A' principessa sur campanile
e tutta 'sta gente carina e gentile
beveno e festeggieno
ch' hanno sfonnato in società
e se scambieno regali e presenti
ma tu pija er tu' brillocco de diamanti
e portelo ar Monte de Pietà
Te divertivi a sfotte'
Napoleone co' le giacche rotte
che coll'italiano ce faceva a botte
mò te stà a chiamà
e tu nun te poi rifiutà
si nun c'hai manco de che magnà
nun ce sta gnente che te ponno levà
manco te se pò guardà
nun c'hai più segreti da mascherà

Come se stà?
Come se stà?
Senza 'n posto p'abitarci
senza amici pe' parlarci
come 'n sasso preso a carci?


Stuck inside of Mobile with the Memphis Blues Again
(romanesco)

Infognato a Centocelle co' la micragna n'artra vorta
di Michele Murino

Aoh, lo stracciarolo fa li cerchi
su li muri der quartiere
ma, si glie chiedi, n' te risponne,
nimmanco co' le torture
E le regazze me carezzeno,
me danno nastri a volontà,
ma me sento dentro ar core
che nun pozzo più scappà
Aoh, a mà, va a finì che me va storta
infognato a Centocelle
co' la micragna n'antra vorta

Ner vicolo ce sta Er Piotta
co' le scarpe a punta e le campane
Stà a parlà co' na mignotta
che a me me conosce bbene
E pè capì si m'ha sgamato
vojo spedì 'na cartolina
ma er postino s'è squagliato
e 'a cassetta c'ha a' catena
Aoh, a mà, va a finì che me va storta
infognato a Centocelle
co la micragna n'antra vorta

Jessica m'o diceva giusto ieri:
"Stacce attento a li binari!
Ce lo sai, li ferrovieri
sò peggio de li vampiri"
Io glie faccio: "Ma davero?
Ma io so solo di un capostazione
che m'ha affumicato nero
e m'ha fregato er mozzicone"
Aoh, a mà, va a finì che me va storta
infognato a Centocelle
co' la micragna n'antra vorta

Mi' nonno se n'è ito er mese scorso
e mò stà a l'arberi pizzuti
Ma tutti stanno a fà 'n discorso
e a dì come se sò sturbati
Ma io già ce lo sapevo
nun ce stava più co 'a testa
ha acceso 'n foco ar Colosseo
e gli ha sparato ar dì de festa
Aoh, a mà, va a finì che me va storta
infognato a Centocelle
co' la micragna n'antra vorta

E' arrivato l'assessore
cor fucile sott' ar braccio
dava a tutti li bijetti
pe' le nozze der figlioccio
Me, m'hanno quasi menato,
(quanno dici 'na disdetta),
sì pecchè m'ero imbucato
pè magnamme la porchetta
Aoh, a mà, va a finì che me va storta
infognato a Centocelle
co' la micragna n'antra vorta

Ar prete gli è venuto o' sturbo
quanno ho detto: "Anvedi te!
Che ce fai co li giornali
appuntati sur gilè?"
M'ha mannato a quer paese,
poi m'ha detto: "A regazzè...
Fatti 'n pò li cazzi tua
che sei tale e quale a me!"
Aoh, a mà, va a finì che me va storta
infognato a Centocelle
co' la micragna n'antra vorta

Er Trucido m'ha dato
un pò de robba e 'n pò de vino
Una era pakistano
l'antra 'n quarto de Marino
Come 'n povero cojone
le ho mischiate e sai che c'è
c'ho er cervello in ebollizzione
e nun zò manco ch'anno è
Aoh, a mà, va a finì che me va storta
infognato a Centocelle
co' la micragna n'antra vorta

Rita dice si c'annamo
tutti dalla "Sora Gina"
lei ce 'nzegna a ballà er mambo
co' la luna trasteverina
Io glie faccio: "Annamo daje!
Te presento 'na mia amica
Ce lo zò già te che voi
Nun c'è bisogno che t'o dica"
Aoh, a mà, va a finì che me va storta
infognato a Centocelle
co' la micragna n'antra vorta

Li mattoni a Via Margutta
ndo' s'arrampicheno i matti
che se butteno de sotto,
giusto a tempo 'sti coatti
Ma io sto seduto qua
a vedè se scoprirai
quanto ancora hai da pagà
p'evità che ce rifai
Aoh, a mà, va a finì che me va storta
infognato a Centocelle
co' la micragna n'antra vorta



 
 
MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------