“Tangled up in blue” (Vendi un po’ di piu’!)
di Dario "Twist of fate"


“So now I'm goin' back again, I got to get to her somehow. All the people we used to know They're an illusion to me now. Some are mathematicians Some are carpenter's wives. Don't know how it all got started, I don't know what they're doin' with their lives. But me, I'm still on the road Headin' for another joint We always did feel the same, We just saw it from a different point of view, Tangled up in blue”

Vivevo coi miei compagni in una mansarda giu’ a North Main Street, con un portoghese di nome Aurelie ed un arcitaliano razzista e vecchio combattente delle Falangi BiancoAzzurre
Giorno e notte si confondevano sui nostri schermi, il vuoto delle nostre anime era riempito da un salario che nella nostra patria sembrava una chimera irraggiungibile
Tutto quello che ci chiedevano era rischiare la nostra vita in prima persona e mostrare un minimo di palle e di audacia.
Ti bruciano gli occhi a inizio giornata, ti bolle la testa come un uovo mentre aspetti l’autobus e sai che un altro giorno e’ andato.
Pensi a cosa cucinare, a quanto ti costera’ un piatto di pasta asciutta; a come non potevi sapere e questo e’ proprio il tuo mestiere:
Vendi un po’ di piu’!

Il mio capo e’ una persona di rispetto, e anche se parla con un accento a me inconsueto, non mi e’difficile capire e tracciare il suo percorso.
A fianco un padre ragazzo skaters dell’Europa che ha visto le mele nel sonno e ha lasciato Varsavia.
Mentre giovani idealisti veltroniani rischiano la voce in prima persona per un soldo mercenario e un trionfale ritorno a casa.
Ma non hanno ancora capito che non c’e’ futuro per l’Italia, baby!
E papa’ non parla polacco

Fin qui ho vissuto nel ruggito della tigre e nel bagliore della luna, ma era solo una chimera di rivalsa e scudi d’acciaio si ergevano a difesa della mia sensibilita’. Adesso sono libero e indipendente
Di sbagliare, cadere e rialzarmi, affianco compagni d’armi con una consegna da mantenere, rispondi al fuoco delle linee telefoniche! Scendiamo in una trincea mediatica per la nostra battaglia. Non piu’ Nazioni e Nemici, ma corporation e costumer service virtuali.
Sara’ forse la nostra vera rivolta generazionale? !?
No generation    No login!

Basta coi sogni di Gloria, facciamo un secco antipasto di pane e realta’,
per capire che ogni cosa ha un prezzo, dall’acqua che beviamo all’aria che non respiriamo…
Misto di inconsistenti passioni malcelate, che solo i miei compagni d’armi: legionari senza bandiera e senza direzione possono capire.
Adesso sono pronto a ricominciare da meno tre, nella mia camicia sdrucita che reclama il riposo del grande guerriero, mentre io l’ho richiamata in battaglia come quegli antichi e valorosi uomini d’Armi.
Dio sa se paghero’ i miei debiti cercando di
Vendere un po’ di piu’!

Vivevo con loro in Barrack Street in una cantina in fondo alle scale.
C'era musica nei pub la notte e la disfatta era nell'aria. Poi lui iniziò a trattare con la Compagnia e qualcosa dentro di lui morì. Lei dovette vendere tutto quello che possedeva e gelò dentro. E quando alla fine il fondo cedette io mi tirai indietro in buon ordine. La sola cosa che sapevo fare era tirare a campare come un uccello che vola aggrovigliato nella tristezza

Fu in una sera senza luna, mentre la pioggia batteva un ritmo insinuante sulle mie scarpe che la conobbi. Lei osservava divertita il mio passo cadenzato e la melodia che fluiva dall’armonica.  Io le strizzai l’occhio e lei mi sorrise con una dolcezza che il mio letto umido non poteva riconoscere Vendi un po’ di piu’!

Trovai un lavoro nella verde Isola dell’indipendenza e dei leuprecani lavorando come operatore telefonico per degli americani ingegnosi.
Non so dire che tipo di vita stavo conducendo, ma per la prima volta ogni cosa fluiva oltre il mio umore. Pioniere di sogni e chincaglierie. Per tutto il tempo ero da solo: il passato alle mie spalle. Ho visto un sacco di donne ma lei non mi è mai uscita dalla mente e sono cambiato cercando di
Vendere un po’ di piu’

Così ora sto tornando di nuovo indietro devo raggiungerla in qualche modo Tutte le persone che conoscevamo sono un'illusione per me ora Alcuni sono segretari di Partito, altre sono mogli di ingegneri. Non so come sia iniziato tutto, non so cosa facciano delle proprie vite
Ma io sono sempre sulla strada diretto verso un altro incrocio. Abbiamo sempre provato le stesse cose solo che le vedevamo da un punto di vista differente (think different?)

In debito di sonno e ossigeno, in emergency tax, poca frutta e nessuna vitamina, invocando un caffe’ espresso che nessuno ci portera’ mai.
E un sole ingannatore che non riscalda piu’…
All’alba dei Sei Lustri, con un po’ di storie sgorgate oltre le mie spalle, in bilico fra solitudine e oblio, e fra il guaito del cucciolo e il rantolo della bestialita’
Questo e’ l’unico mondo possibile per me, abbandonando sogni e virtu’
E vendendo un po’ di piu’!

Col nostro rubinetto sull’Oceano. Partenza senza ritorno…
speriamo nel prossimo arrivo! Scattavamo foto soltanto controluce. Il vento sferzava i peli della mia barba incolta mentre capivo che il tempo era giunto per salpare verso il mio destino fatto di silicone e abnegazione
Ribelle dei propri sogni, con un futuro ridicolo e un presente a fibre ottiche, tra sofferenza e amore, gioia e crudelta’,
dove anche un’aspirina in un giorno di pioggia sa darti sollievo…
Di polvere e sudore, di tempi morti e nichilismo, di ruggine di botte e di eta’
Il debole si rifugia dietro il paravento di coerenza, io non mi rifugio piu’ ormai e coerente non lo sono mai stato
Vendendo un po’ di piu’!

“Ci sono quelli che si condannano al grigiore della vita piu’ mediocre perche’ hanno avuto un dolore, una sfortuna; ma ci sono anche quelli che lo fanno perche’ hanno avuto piu’ fortuna di quella che si sentivano di reggere” (*)

Early one mornin' the sun was shinin', I was layin' in bed Wond'rin' if she'd changed at all If her hair was still red. Her folks they said our lives together Sure was gonna be rough They never did like Mama's homemade dress Papa's bankbook wasn't big enough. And I was standin' on the side of the road Rain fallin' on my shoes Heading out for the East Coast Lord knows I've paid some dues gettin' through, Tangled up in blue

(*) Italo Calvino “La nuvola di smog”