BOBBY AND THE PREZ

BOBBY E IL PRES

registrata dai "The Washington Hillbillies" al The Comedy Store West, Westwood, California, il 22 febbraio 1977

ispirata dalla citazione che il Presidente Carter fece di Bob Dylan nel suo discorso di inaugurazione

Segretaria:
"Signor Presidente, fuori ci sono il Primo Ministro Francese D'Estaing... il Senatore O' Neill e... il signor Robert... Dylan?... che aspettano."

Jimmy Carter:
"Oh, Bobby è qui? Lo faccia entrare..."

Bob Dylan:
"Salve, Signor Pres..."

Jimmy Carter: "Senti qui, Bobby, voglio farti ascoltare una cosa... che te ne pare?"
(suona un terribile assolo di armonica da "The Times They Are A-Changin'")

Bob Dylan:
"Ad essere sincero, e non è una bugia,
ho sentito di peggio,
E' dura abbastanza essere quel che sei
Perciò tu fai il Pres ed io farò la star...
... babe"

Jimmy Carter:
"Oh, Bob questo è..."

Bob Dylan:
"Jimmy, son venuto per dirti quel che penso,
te lo dirò schiettamente, ma non ho molto tempo..."

Jimmy Carter:
"Però prima che prosegui, Bobby -- ho la sensazione di sapere quel che stai per dire:
Sai, i tempi stanno cambiando,
e la risposta, amico mio, soffia nel vento -- la risposta soffia nel vento.
Io non sono un signore della guerra,
e spesso ho sentito cadere una dura pioggia,
perciò ho un rifugio dalla tempesta
perchè Dio è dalla mia parte.
E, Bob, persino il presidente degli Stati Uniti a volte deve essere nudo..."

Bob Dylan:
"E' un'azione meschina che tu continui a usare i miei versi --
Tutto quel che dici fa parte del passato... babe."

Jimmy Carter (strimpellando la chitarra):
"Mi spiace che tu la prenda così, ma... finchè sei qui...
(cantando) "Eight Days A Week"... Io... Forse tu potresti... Mi chiedevo se magari potresti
venire qui ed aiutarmi un po' con gli arpeggi..."

Bob Dylan:
"Devo andare, ero venuto per uno scopo,
ma non stai suonando bene
Perciò riporterò le mie canzoni nelle strade
alle persone che parlano semplice e sono troppo affamate per guarire


traduzione di Michele Murino
 

BOBBY AND THE PREZ

SECRETARY:
"Mr. President, you have Premier d'Estaing of France... the Senate majority leader, Mr.
O'Neill, and... Mr. Robert... Dylan?... waiting outside."

JIMMY CARTER:
"Oh, Bobby's here? Send... send 'im right on in."

BOB DYLAN:
"Hi, Mr. Prez..."

JIMMY CARTER:
"Hold on, Bobby, I want you to dig this... how's this grab you?"
(PLAYS AN AWFUL "THE TIMES THEY ARE A-CHANGIN'" HARMONICA SOLO)

BOB DYLAN:
"To tell you the truth, and it ain't no lie,
I've heard worse, but I'd just let it ride.
It's tough enough to be what you are,
So you be the Prez and I be the star....
... Babe."

JIMMY CARTER:
"Oh, that's far out, Bob..."

BOB DYLAN:
"Jimmy, I came to tell you what's on my mind,
I'll tell you straight, but I don't have much time..."

JIMMY CARTER:
"Now, before you go on, Bobby -- I have a feeling I know what you're gonna say:
You know, the times they are a-changin',
And the answer, my friend, is blowin' in the wind -- the answer is blowin' in the wind.
I'm not a master of war,
And I often felt a hard rain's a-gonna fall,
So if it does I have to have some shelter from the storm
'Cause God is on my side.
And, Bob, even the president of the United States has to stand naked..."

BOB DYLAN:
"It's a pitiful crime, you keep usin' my line --
E'vrything you say is from yesterday... babe."

JIMMY CARTER (strumming guitar):
"Sorry you feel that way, but... as long as you're here...
'Eight Days a Week' (sung)... I'm... maybe you could... I wonder if maybe you could
come over here and help me some with my fingerin'..."

BOB DYLAN:
"I gotta get goin', I ain't gettin' nowhere;
I came for a purpose, but you're not playin' fair.
So I'm takin' my songs back to the streets,
To the plain-talkin' people too hungry to heal."



E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION