THE KENNEDY POEMS

Le poesie per Kennedy
di Bob Dylan

1963

PRIMA POESIA

Signora Kennedy ... lei stava arrampicandosi
in tutte e quattro ... L'ho vista
l'hanno pubblicata sul giornale in questo modo
per quelli che sono in cerca di curiosità
per dare un'occhiata da vicino
all'ultimo viaggio in auto
di Mr. Kennedy ... sì anche io sono
stato costretto ad accettare il mio
ruolo di cercatore di curiosità...
l'hanno mostrata in quattro foto
diverse, come al rallentatore
dopo che aveva capito che
avevano sparato a suo marito...
l'istante dopo che lei ha capito che suo marito era stato colpito
lei era in piedi e aveva scavalcato
il sedile di dietro ... scendendo
lungo il bagagliaio
poi è arrivato un uomo di corsa ...
correva verso di lei ...
è stato definito guardia del corpo
le si è avvicinato mentre lei era dalla parte opposta del bagagliaio
lui è saltato sul bagagliaio ...
fine delle fotografie

nel mostrare queste foto la rivista
ha poi dichiarato che lei
stava cercando di aiutare l'uomo
a salire nella macchina ...
Signora Kennedy lei non ha
bisogno di scusarsi per il fatto che si trovava fuori sul bagagliaio
negli attimi successivi al momento in cui suo marito era stato colpito.
tutti hanno potuto vedere quel che era successo
in queste fotografie con i propri occhi ...
perchè è stata distorta la verità di esseri umani?
a che serve questa immagine eroica?
nessuno è un eroe ...
perchè sono deliberatamente ingannato con confuse menzogne
a proposito di ciò che vedo con occhi sani
chi sono io per essere insultato così?
Io la rispetto Signora Kennedy
ma non ho bisogno di fotografie per fornire rispetto ...
il mio rispetto nasce da motivi che sono nel mio animo
che non posso toccare
nè spiegare ...
Non mi sento meglio sapendo che lei è umana
Lo sapevo da sempre

Bob Dylan 


traduzione di Michele Murino

nota: vai in fondo a questa pagina per la seconda pagina dei Kennedy Poems
e per due articoli sull'argomento



The Kennedy Poems
by Bob Dylan

Mrs Kennedy ... you were crawlin
on all fours ... I saw you
they printed you that way
for the curiousity seekers
t get a close glimpse
of Mr Kennedy's last
car ride ... yes I too was
forced into acceptin my
role as curiousity seeker ...
they showed you in four separate
pictures runnin in slow motion
after you knew your
husband was shot ...
the second after you knew your husband was shot
you were up an past
the back seat ... climbin
down the trunk ...
then a man came runnin ...
he came runnin t'wards you ...
he was called a security guard
he came closer as you were farther out on the trunk
he jumped up on the trunk ...
there were no more pictures

showin this the magazine
then proclaimed that you
were tryin t help the man
into the car ...
Mrs Kennedy you dont
need excuse for being out on the trunk
the seconds after your husband was shot
everybody could see what was happenin
in these pictures with their own eyes ...
why was the truth of human beings distorted?
how far can this hero image go?
everybody aint a hero ...
why am I deliberately lied wild lies
about what I see with sound eyes
who am I t be so insulted?
I respect you Mrs Kennedy
but I need no pictures t provide the respect ...
my respect springs from reasons in my soul
of which I cant touch
nor explain ...
I do not feel better knowin you are human
I knew it all the time.

Bob Dylan 


Bob Dylan e Lee Oswald
di Michele Murino

Il 13 Dicembre del 1963 Bob Dylan fu insignito del Tom Paine Award a lui consegnato dal National Emergency Civil Liberties Committee (NECLC), fondato nel 1951 e conosciuto per molti anni semplicemente come Emergency Civil Liberties Committee (ECLC). Solo tre settimane prima di questa data il Presidente degli Stati Uniti d'America John Fitzgerald Kennedy era stato assassinato a Dallas dal presunto killer Lee Harvey Oswald.
Il premio consisteva in una targa con una fotografia in cornice del politico e filosofo inglese Tom Paine, vissuto nel diciottesimo secolo, e veniva assegnata ogni anno ad un personaggio pubblico che si fosse distinto con la propria opera impegnandosi nella battaglia per una società più giusta. La cornice fu consegnata a Dylan nel corso dell'annuale cena che vedeva riuniti i membri ed i simpatizzanti dell'organizzazione.
Dylan - secondo diverse fonti completamente ubriaco - tenne un discorso di accettazione improvvisato in cui iniziò con il ringraziare tutti per il Tom Paine Award per conto di tutti quelli che erano andati a Cuba. Tutti giovani - disse Dylan - ed io sono orgoglioso di essere giovane. Vorrei non vedere voi qui davanti - proseguì Dylan rimarcando l'anzianità di coloro che aveva di fronte - gente senza capelli, che dovrebbe essere in spiaggia a nuotare... dovreste essere a riposo, dovreste essere in vacanza a rilassarvi... questo non è un mondo per gente vecchia... quando i vecchi perdono i capelli dovrebbero togliersi dai piedi... guardo quelli che mi governano e vedo che non hanno capelli in testa... (dal pubblico qualche risata). E parlano dei negri, e parlano dei bianchi e dei neri... e parlano di rossi, blu e gialli... io non vedo colori quando guardo fuori... ho letto libri di storia e nessun libro di storia mi ha mai insegnato a vedere cosa prova la gente... ho letto fatti riguardanti la nostra storia ma non ho mai letto niente su quello che la gente prova circa quello che accade...
Il pubblico del cocktail dell'Hotel American dove si svolgeva la cerimonia cominciava a spazientirsi. Erano tutti i più vecchi membri della sinistra.
A volte vorrei - proseguì Dylan - esser venuto qui nel 1930 come il mio primo idolo Woody Guthrie... ma le cose sono cambiate da quei tempi di Woody al momento in cui sono venuto io... non è più così facile... la gente sembra avere più paura...
Poi Dylan proseguì con un surreale discorso a proposito di strani regali che la gente andava a fargli nel backstage dei concerti... il fermacravatta di George Lincoln Rockwell... le chiavi del bagagliaio dell'auto del Generale Walker... Roba che la gente aveva rubato per lui, disse Dylan... Poi disse di avere anche lui dei regali... segnali di rifugi antiatomici che la gente aveva rubato per lui da Filadelfia... Non c'è bianco o nero - aggiunse - per me non esiste più sinistra o destra... c'è solo su e giù, e giù è molto vicino al suolo...


Bob Dylan mentre riceve il Tom Paine Award


Dylan proseguì dicendo di accettare il Tom Paine Award in suo nome anche se in realtà non lo stava accettando davvero in suo nome, nè nel nome di alcun gruppo, nè gruppo di negri - disse Dylan - nè di alcun altra specie. Ero alla Marcia su Washington - disse - sul palco, e ho guardato intorno a me un sacco di negri e non ho visto negri che assomigliavano a qualcuno dei miei amici. I miei amici non indossano abiti completi o tailleurs... non indossano niente che serva a provare che sono negri rispettabili... i miei amici sono miei amici e sono gentili, sono persone gentili se sono miei amici.
Perciò accetto questa ricompensa --- mmm no, non ricompensa --- premio (gioco di parole tra reward ed award) in nome di Philip Luce che ha guidato il gruppo a Cuba.
Poi fece qualche riferimento a coloro che erano andati a Cuba ed infine disse: "Devo ammettere che l'uomo che ha ucciso il Presidente Kennedy, Lee Oswald, non so esattamente dove -- cosa pensasse di fare, ma devo ammettere onestamente che anche io -- io vedo qualcosa di me stesso in lui...".
Dylan venne a questo punto subissato di fischi... "Potete fischiare... ma fischiare non ha niente a che vedere con questo..." poi concluse incerto tra i fischi dicendo di accettare il premio in nome di James Forman ed in nome della gente che era andata a Cuba.
Successivamente Dylan cercò di aggiustare il tiro ed in una intervista rilasciata a Nat Hentoff cercò di chiarire il proprio pensiero dicendo che non approvava l'assassinio di Kennedy ma che comprendeva come si fosse sentito Lee Oswald.


Michele Murino
 
 

Clicca qui per la seconda parte dei Kennedy Poems


Clicca qui per un altro articolo relativo ai Kennedy Poems


MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è una  produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------