NO MORE AUCTION BLOCK

NIENTE PIU' CEPPI DELLE ASTE
traditional, arrangiato da Bob Dylan

da  THE BOOTLEG SERIES Vol. 1

Niente più ceppi delle aste (1) per me, mai più, mai più
Niente più ceppi delle aste per me, troppe migliaia sono morti

Niente più frusta del negriero per me, mai più, mai più
Niente più frusta del negriero per me, troppe migliaia sono morti

Niente più pinte di sale (2) per me, mai più , mai più
Niente più pinte di sale per me, troppe migliaia sono morti

Niente più ceppi delle aste per me, mai più, mai più
Niente più ceppi delle aste per me, troppe migliaia sono morti

(1) Le aste degli schiavisti negli Stati del sud degli Stati Uniti. Fino alla fine della Guerra Civile nel 1865, i discendenti delle popolazioni africane erano legalmente comprati e venduti come schiavi.

(2) Dylan invece di "pint of salt" canta qualcosa come "mmm whiplash" (frustate). In altre versioni troviamo invece "iron chain"  (catene di ferro)

No more auction block è' anche conosciuta con il titolo "Many Thousand Gone". E' stata scritta dagli schiavi ed è basata su un vecchio spiritual Africano. E' stata utilizzata come inno tra i soldati afro-americani  dell'esercito statunitense. Ha avuto origine in Canada dove molti negri fuggirono dopo che la Gran Bretagna abolì in quei luoghi la schiavitù, 30 anni prima degli Stati Uniti.



 

NO MORE AUCTION BLOCK
traditional, arranged by Bob Dylan

No more auction block for me, no more, no more
No more auction block for me, many thousand gone.

No more driver's lash for me, no more, no more
No more driver's lash for me, many thousand gone.

No more pint of salt for me, no more, no more
No more pint of salt for me, many thousand gone.

No more auction block for me, no more, no more
No more auction block for me, many thousand gone.


traduzione e note di Michele Murino