Liner notes finali di Allen Ginsberg da Desire

CANZONI DI REDENZIONE

Hurricane. l'unico Hurricane innocente, canzone di protesta: Pro (in favore) + Attestare (testimoniare per) il caso-infamia del Pugile Mr. Carter accusato ingiustamente Contea Passaic N.J. cui il menestrello Dylan fece visita in cella. Il Poeta Dottore W.C.Williams lì lì per morire disse
“Un nuovo mondo è solo un nuovo intelletto” & spese la vita a redimere il puro linguaggio del Nord Jersey  così i poeti successivi han potuto cantare rime parlate di “tenace metallo ferreo ” (1)
“Vogliono ficcarlo in prigione
vogliono affibbiargli questo triplice omicidio
...Avrebbe potuto essere il campione del
mooondo-“
& termina limpido come l’acqua
“...Vergogna!
vivere in una terra dove la Giustizia è un
gioco!”
così ogni ragazzo di Paterson avrà notizia, inoltre, che
“Rubin siede come Budda in una cella
da 10 piedi.” Grande Annunciazione quotidiana, la canzone raggiungerà le strade Corti Supreme avranno tossito & pianto, Rubin Carter scarcerato prega (2) Dio se ce n’è Uno in America – la familiare armonica trafigge le orecchie che hanno appena udito di
“criminali in giacca & cravatta...”
       I Vecchi Bardi & i Menestrelli poetarono le notizie dei loro tempi lungo le vie del pellegrinaggio – Visite di città in città a cantare i segreti di Re pastori cowboys & avvocati – la verità del Buon Cittadino Menestrello viene udita all’istante. Grande Suono in generazioni coscienti. La canzone dello strillone-profeta locale rieccheggia la vecchia poesia idealistica
giovanile di William Zan Zinger, riamplificata in vita, 1975. Protesta morta? La stirpe di bardi di strada di Woody Guthrie ci farà ancora piangere laddove c’è sofferenza da dover essere cantata.
     Canzoni di Redenzione di Dylan! Se lui può farlo noi possiamo farlo. L’America può farlo, “Va tutto bene Mà ce la posso fare” Sì! con compassione di tenace metallo aureo, lui sta ancora distribuendo Oro – ma ricordate, buoni Anarchici, “Per vivere fuori Legge dovete essere onesti.”
Ubriache Aggressive bottiglie di birra non redimeranno mai nessuno – Ma la canzone dalla coscienza limpida sì, ogni sillaba pronunciata, ogni consonante sbeffeggiata con labbra alzate sopra i denti per pronunciarla proprio a puntino nel microfono, ringhiata NON per insulto da ego da
quattro soldi ma piuttosto per enunciazione senza ego di fraseggi esatti così tutti possono sentire l’intelligenza (3) – che è solo il tuo cuore Caro.
     Isis qui incisa, il cantante più tardi la sviluppò sul palco cantò per settimane facciapallida, gran cappello grigio con applicati fiori & foglie di Novembre – nessuno strumento in mano, magro
corpo Chaplinesco danzante su sillabe sostenute dal ritmo della Rolling Thunder band che seguiva i ritardi spontanei & le declamazioni simil-parlate di Dylan per chiarire, ”È nachurale.” Così lo puoi sentire! Con dialogo a due parti! Grande scoperta, queste canzoni sono l’apogeo della Poesia-
musica sognata nei ’50 & primi ’60 – poeti che recitano-salmodiano con strumenti e bonghi – Ritmo regolare sotto il linguaggio elastico, poeta solo al microfono a recitare-cantare il testo di una
surrealistoria d’amore che si chiude con gigantesco “YEAH!” quando il menestrello dà via il suo cuore & dice di voler restare. Dylan resterà qui con noi! “Potresti non rivedermi domani.” Così ora rilascia i suoi miagolii & latrati a vocale lunga sopra i tetti antennati di piccole città. Per Isis Signora della Luna Creatrice del Linguaggio Dea della Nascita, Madre di Ra, Saraswati & Kali- Matoo, Hecate, Ea, Astarte, Sophia & Afrodite, Madre Divina.
     Oh Sister, di chi sta parlando? Sorella eterna? Sorelle buone cittadine, lui è ancora un tenero amico – perso solo amato come un magro guru terrorizzato da ogni cercatore in America che ha sentito quella voce a vocale lunga trionfante in estasi eroica, “Come ci si sente?” Ed ora è venuto
giù da quella Montagna di Suono (4), cantando come un mortale Biblico
   “Oh sorella, non sono un fratello per te
     Ed uno degno d’affetto?
     E il nostro scopo non è lo stesso
     su questa Terra
     amare e seguire la stessa direzione?

     Siamo cresciuti assieme dalla culla alla
     tomba
     Il tempo è un oceano ma termina alla
     spiaggia,
     Potresti non rivedermi domani”
Segue la prima Narrativa di Città, fatti concreti che battono in avanti con batterie & violini – come un racconto breve frastagliato, ballata cantata da eroe che rende eroe l’improbabile sensibile gangster Gallo, stoicismo Villonesco di tenace metallo ferreo & comprensione, con lungo lamentoso ritornello sul nome anonimo in 25 anni Joey, con dialogo panoramica filmica freddi soli
sopra Brooklyn – e la tua notizia interna i giornali non l’hanno interpretata per (5) il  fuorilegge ucciso.
     Pure Black Diamond Bay è un romanzo breve in versi, invenzioni a mente sciolta del Dylan surrealista fuorimoda  verso dopo verso, eccetto che D. dichiara che sta leggendo Joseph Conrad il contastorie, e così senti successioni continue di dettagli di Cappello Panama Cravatta, caldaie che
esplodono & personaggi che spariscono in tornados – All’improvviso una grande dissolvenza & sei seduto col menestrello Dylan in una famiglia di L.A. a guardare la stessa poesia Cronkiteata al TG:
il bardo canta l’orrendo film in cui tutti perdono & che puoi dire? Anche mio padre, età 80, ha chinato la testa & ha detto. “Che ci puoi fare?” sottovoce. Interessante, questo lungo racconto-allucinazione di spionaggio vita reale che apre la mente – improvvisamente rimessa nel tubo del
Samsara (6) con un cinico lamento, la sua disperazione – la condizione del Mondo nel suo stesso fallimento, non il nostro o quello di Dylan – noi siamo solo responsabili per il 25%, dice il Lama Saggezza Folle.
     Nel mentre in cui Dylan aveva composto la grande rima disillusa nazionale Idiot Wind (7)
     “...Soffiando in cerchio attorno al tuo
teschio
     Dalla Grand Coulee Dam fino al
Campidoglio...”
doveva essere pronto per un’altra grande ondata di sentimento profetico impavido – strane settimane cercando comunità era tornato alla casa della musica dell’Altro Estremo di Bleeker Street & aveva improvvisato & bevuto con l’antico amico improvvisatore di canzoni Bob Neuwirth
& anche con gli anonimi geni di strada e studio chitarristi batteristi prodigi del violino Rob Stoner, Howie Wyeth & il faccia-da-Botticelli piccolo David Mannsfield dal New Jersey – aveva fermato
la sua macchina rossa nell’East Village per la corvina Scarlet Rivera che camminava con la sua custodia di violino – l’adolescente gigante T-Bone Burnett materializzatosi dal Texas, Steven Soles dalla New York Blues – Mezzo mese fu speso in solitudine a Long Island con il teatrista Jacques Levy a lavorare su fatti fraseggi & rime di canzone, condividendo la gravità delle notizie – Un
sacco di sublime arte ritmica, come le veloci 11 sillabe Messicane che aprono Durango “Peperoncini Chili Piccanti nel sole vescicante” emersero capolavori – la Canzone divenne poesia cosciente, il meglio che si possa dire in ritmo assoluto, tenendo conto (8) che il discorso cade come il talk radiofonico di tua madre, tenendo conto che il cantante apre il suo corpo intero
all’Inspirazione per soffiar fuori una lunga folle vocale e inchiodare la parola nel cuore di ciascuno – Qui è dove si ottiene la divertente sincopatura – soffermandosi per pronunciare il verso proprio
come avanza la musica, libera, disperata, saltando dentro e fuori dagli accordi fatali “Potremmo non farcela nella notte.”
     “Ma è ancora come un proiettile elettrico,” disse il ragazzo Buddista, dov’è il grande rallentamento tenerezza alla quale tutti sanno che Dylan è occupato (9) sotto il suo Cappello da menestrello? Due le canzoni che il suo sentimento (10)  canta da solo, totale. One More Cup of Coffee for The Road – la voce si leva in cantillazione Ebraica mai sentita prima in una canzone
degli USA, sangue ancestrale che canta – una nuova età, un nuovo Dylan ancora redento, a suo agio – Un poco come l’America ora, non più paranoica, sono i Settanta veri (i fiori di ogni generazione-decade nel mezzo, Rinascimento della Poesia 1955, Pace Vietnam Berkeley 1965) – perchè ora la
congregazione dei poeti canta per il paese con nuova vecchia anima-gioia, merda estinta nel fuoco, ego riconosciuto & messo al suo posto, piacere-libidine messo da parte con dolore suicida, cuore colmo & che canta chiaro, cantillando come un cantore di sinagoga, “prima ch’io scenda nella Valle inferiore.”
     Quanto è andato lontano? Dalle profetiche interiori di solitudine spaventata – basandosi su quella stranezza dell’onestà di pensiero (11) – alla storica confessione personale a cuore aperto.
Alla maniera Semitica di Coffee for Road, Sara è un profondo motivo antico che rivela il paradigma familiare – che dichiara a Moglie & Mondo gli ultimi segreti dell’arte solitaria piangente:
   “Sveglio per giorni nel Chelsea
     Hotel
     Scrivendo  Sad Eyed Lady of the Lowland
     per te”
Chi pensava che l’avrebbe detto, così tutti alla fine l’hanno conosciuto (12), stessa anima che piange vulnerabile catturata in un corpo in cui  noi tutti ci troviamo?  (13) – rivelata abbastanza Persona per far piangere l’intera nazione di Whitman. E dietro tutto il vasto spazio solitario del Non Dio, o Dio, attenta cosciente compassione, consapevolezza di tutta una vita, noi siamo qui in
America alla fine, redenti. O Generazione, continua a lavorare!

Allen Ginsberg
Co-Direttore
della “School
of Disembodied
Poetics
‘Jack Kerouac’”,
Naropa Institute
York Harbor, Maine
10 Novembre
1975


Liner notes iniziali di Bob Dylan da Desire

 

Dove comincio... alle calcagna di Rimbaud muovendomi come un proiettile vagante per le strade segrete di una calda notte del New Jersey piena di veleno e stupore. Incontrando l’Angelo Regina
tra i giunchi di Babilonia e poi alla fontana del dolore scivolar via nella massa calda del diluvio...
Cantare lodi al re di queste strade morte, aggrapparsi e lasciarsi andare in modo divino – scorrendo nel ventre perduto della civiltà stagnante. L’avventura sta prendendo il comando. Tolstoj aveva ragione. Queste note stanno venendo scritte in una vasca da bagno nel Maine in condizioni ideali,
in ogni salotto di rarità da Brooklyn a Guam, da Lowell a Durango oh sorella, quando cado nelle tue braccia eccentriche (14) non senti il peso dell’oblio e le canzoni di redenzione sulle tue spalle (15) emergiamo a fianco di Miles Standish (16) ed affondiamo (17). Abbiamo parentele in Mozambico. Ho un fratello o due ed un sacco di Karma (18) da bruciare... Isis e la luna brillano su
di me. Quando Rubin uscirà di prigione festeggeremo nel parcheggio storico nella California bruciata dal sole...


NOTE:

(1) Non so se questa espressione appartenga a Bob, a Ginsberg (poco probabile, viste le virgolette) o a qualcun altro. Su ”Dylaniana” di Chris Williams viene riportata  la traduzione italiana di uno stralcio d’intervista del 1978 in cui Bob definisce il suono di Blonde On Blonde “...di selvaggio e
preciso mercurio. È oro metallico sfavillante...”. Non ho trovato la versione originale dell’intervista quindi non so se quel “preciso mercurio” e quell’ “oro metallico” siano  il “tough iron metal” e “tough gold metal” di cui parla Ginsberg. Se sono effettivamente parole di Bob, i casi possono
essere due: o il Nostro le ha pronunciate anche in altre occasioni precedenti all’intervista citata, visto che queste note sono datate 1975, oppure sono semplicemente le parole di una sua canzone
qui riprese da Ginsberg. Comunque sia, visti i dubbi, ho scelto una traduzione personale.

(2) Anche se non c’è la “s”della terza persona singolare (cosa non strana nè nuova in Ginsberg), credo che questo “pray” sia un presente riferito a Rubin Carter.

(3) So che “intelligence” può anche essere tradotto come “notizia”, ma poi non saprei spiegarmi la frase successiva; probabilmente Ginsberg ha giocato proprio su questa ambivalenza, ma in italiano ho dovuto scegliere e questo è quanto.

(4) Ho trovato una bella intervista del 1976 di Peter Barry Chowka a Ginsberg in cui il poeta ricorda un discorso avuto tra lui e Bob durante il Rolling Thunder: Dylan, parlando del suo rapporto con Dio, diceva di trovarsi “sulla cima di una Montagna” e di aver poi scelto di scendere...
Riporto il pezzo in questione [le maiuscole sono quelle presenti nel testo dell’intervista, la cui trascizione è stata corretta dallo stesso Ginsberg] :  He (=Bob) also said he believed in God. That's why I wrote "Lay down yr Mountain Lay down God." Dylan said that where he was, "on top of the
Mountain," he had a choice whether to stay or to come down. He said, God told him, "All right, you've been on the Mountain, I'm busy, go down, you're on your own. Check in later." (laughs) And
then Dylan said, "Anybody that's busy making elephants and putting camels through needles' eyes is too busy to answer my questions, so I came down the Mountain."
Non so se la “Montagna di Suono” derivi da questo episodio, ma m’è sembrato giusto segnalarlo!

(5) La traduzione letterale è questa, ma non appare molto chiaro il senso

(6) Nella filosofia Buddista, è il ciclo di morte e rinascita, pieno di insoddisfazione e sofferenza, che sorge dall’ignorare la vera natura della realtà.

(7) Riporto, sempre dall’intervista citata nella nota 3, un altro pezzo in cui Ginsberg parla di Idiot Wind: I had written a long letter to him [...]. I said also that I had dug the great line in the song "Idiot Wind," which I thought was one of Dylan's great great prophetic national songs, with one
rhyme that took in the whole nation, I said it was a "national rhyme."

(8) Qui, come poco dopo, “allow for” l’ho tradotto con “tenendo conto”, il significato che tutti i vocabolari riportano. Ho avuto parecchi dubbi, all’inizio avevo scelto un “permettendo al discorso di...permettendo al cantante di...”, ma mi pareva una forzatura perchè così ignoravo quel “for”.

(9) Anche la traduzione di questo pezzo è super-incerta . L’interpetazione che ho dato credo sia abbastanza plausibile ma è personale e quindi assolutamente discutibile.

10) Cosa può voler dire con “heartlife”??? La parola pare inesistente, così scritta; ho cercato ovunque e ho ragionato un bel po’, ma l’arcano rimane! Alla fine ho scelto questa traduzione “politically correct”.

(11) Anche qui ho scelto la traduzione letterale, anche se non chiarissima dal punto di vista del senso.

(12) So che nell’originale c’è un condizionale, ma credo sia solo...apparente! Mi spiego: ho trovato altri casi in cui Ginsberg “mozza” i participi passati rendendoli uguali all’infinito, per intenderci “known” diventa “know”,  come qui; quindi l’“everybody’d finally know” sarebbe un “everybody had finally known”. Il condizionale, poi, mi stonava un po’ in questa frase.

(13) Povrebbe intendesi “Chi  mai pensava che potesse scoprirsi così tanto [vedi la citazione da “Sara”]  e mostrare al mondo che anche lui, come noi tutti, è un’anima vulnerabile rinchiusa dentro un corpo?”.

(14) “Spacy” è parola ignota. Solo un dizionario di slang americano la riporta e con questa traduzione.

(15) Questo pezzo dovrebbe forse essere letto come una domanda perchè la costruzione che Bob usa io la interpreto come interrogativa “Can not ya feel...”, ma potrebbe anche essere una forma enfatica; per non limitare le possibilità interpretative, non ho aggiunto nessun punto di domanda.

(16) Miles (o Mile ) Standish fu un colono americano (1584?-1656), leader dei Pilgrims nella colonia di Plymouth.

(17) Ho tradotto “take the rock” con “affondiamo” ricavando la soluzione un po’ dalle varie locuzioni di “take” e dai significati di “rock” , un po’ dal contesto (si è in una metafora di navigazione) e un po’ “a naso”. L’espressione così combinata, infatti,  non la riporta nessuno dei 1600 vocabolari consultati!

(18) Riporto il pezzo di un’ intervista del 1976 di Peter Barry Chowka a Ginsberg  in cui si parla di questo punto:
PBC: Sounds like Dylan tying up a lot of loose karmic
AG: Right. As he says in the jacket notes to the Desire album, "We've got a lot of karma to burn." To deal with or get rid of, I think he means.


--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------