DIRGE
da "Planet Waves"

CANTO FUNEBRE
parole e musica Bob Dylan

Odio me stesso per averti amato e per la debolezza che ho mostrato
tu eri solo un viso dipinto su Suicide Road.
Il palco era pronto, le luci andarono via tutto intorno al vecchio hotel
Odio me stesso per averti amato e sono felice che il sipario sia calato.

Odio quel folle gioco al quale abbiamo giocato e la necessità che esprimeva
e la pietà che tu mi mostrasti, chi ci avrebbe mai creduto?
Io andai a Broadway bassa e provai quella sensazione di vuoto,
quel posto vuoto dove i martiri si lamentano e gli angeli giocano con il peccato

Ho ascoltato i tuoi canti di libertà e l'uomo continuamente spogliato
che agisce follemente mentre la sua schiena viene frustata.
Come uno schiavo in orbita, viene picchiato fino a che viene domato,
tutto per la gloria di un istante ed è una sporca marcia vergogna

Ci sono coloro i quali adorano la solitudine, io non sono uno di loro,
in quest'era di vetroresina sto cercando una gemma.
La sfera di cristallo lì sul muro non mi ha ancora mostrato nulla,
ho pagato il prezzo della solitudine ma finalmente non ho più debiti

Non riesco a ricordare una sola cosa utile che tu abbia mai fatto per me
tranne una volta darmi una pacca sulla spalla quando ero in ginocchio.
Tenevamo gli occhi fissi ognuno negli occhi dell'altro fino a che
uno di noi due avesse distolto lo sguardo
Non serve scusarsi, che differenza farebbe?

Così canta la tua glorificazione del progresso e della macchina del giudizio,
la verità nuda è ancora proibita dovunque possa essere vista.
La Signora Fortuna, che risplende su di me, ti dirà dove sono
Odio me stesso per averti amato, ma sopravviverò.


DIRGE
words and music Bob Dylan

I hate myself for lovin' you and the weakness that it showed
You were just a painted face on a trip down Suicide Road.
The stage was set, the lights went out all around the old hotel,
I hate myself for lovin' you and I'm glad the curtain fell.

I hate that foolish game we played and the need that was expressed
And the mercy that you showed to me, who ever would have guessed?
I went out on Lower Broadway and I felt that place within,
That hollow place where martyrs weep and angels play with sin.

Heard your songs of freedom and man forever stripped,
Acting out his folly while his back is being whipped.
Like a slave in orbit, he's beaten 'til he's tame,
All for a moment's glory and it's a dirty, rotten shame.

There are those who worship loneliness, I'm not one of them,
In this age of fiberglass I'm searching for a gem.
The crystal ball up on the wall hasn't shown me nothing yet,
I've paid the price of solitude, but at last I'm out of debt.

Can't recall a useful thing you ever did for me
'Cept pat me on the back one time when I was on my knees.
We stared into each other's eyes 'til one of us would break,
No use to apologize, what diff'rence would it make?

So sing your praise of progress and of the Doom Machine,
The naked truth is still taboo whenever it can be seen.
Lady Luck, who shines on me, will tell you where I'm at,
I hate myself for lovin' you, but I should get over that.

Copyright © 1973 Ram's Horn Music