WORKINGMAN'S BLUES #2 
da "Modern Times"



IL BLUES DEL LAVORATORE #2
parole e musica Bob Dylan

C'è la nebbia della sera che cala sulla città
mentre la luce stellare si riverbera sullo specchio del fiume
Il potere d'acquisto del proletariato è andato a fondo
Il denaro sta diventando sempre più debole ed inconsistente
I luoghi che amavo sono ormai un dolce ricordo
E' nuovo il sentiero che abbiam percorso
Dicono che i salari bassi sono una realtà
se vogliamo competere con l'estero

Le mie armi crudeli sono sulla mensola
Vieni a sederti sulle mie ginocchia
mi sei più cara di me stesso
e da te lo puoi capire
Mentre sento le rotaie d'acciaio vibrare
ho chiusi gli occhi e serrati
e me ne sto qui, seduto, cercando di impedire che la fame
mi si insinui nelle budella

Incontriamoci dabbasso, non restare indietro
Portami i miei stivali e anche le scarpe
Puoi o esitare o combattere al meglio che puoi sulla linea del fronte
cantando un po' di questi blues del lavoratore

Sto navigando indietro, pronto per la lunga raccolta
Sballottato dai venti e dai mari
Li trascinerò tutti quanti all'inferno e tutti li metterò al muro
Li venderò ai loro nemici
e cercherò di nutrire la mia anima col pensiero
Dormirò per tutto il resto del giorno
Ci son volte che nessuno vuole quel che ha
Ma ci son volte che quel che hai non puoi darlo via

Ora il luogo è accerchiato da innumeri nemici
Forse alcuni di loro son sordomuti
Non c'è uomo nè donna che conosca
l'ora in cui il dolore verrà
Nell'oscurità sento il richiamo dell'uccello notturno
sento il sospiro degli amanti
dormo in cucina coi piedi all'ingresso
di un sonno che è una morte temporanea

Incontriamoci dabbasso, non restare indietro
Portami i miei stivali e anche le scarpe
Puoi o esitare o combattere al meglio che puoi sulla linea del fronte
cantando un po' di questi blues del lavoratore

Mi han bruciato il granaio, si son presi il cavallo
non un centesimo mi resta
Devo stare attento, non voglio esser costretto
a una vita di crimine perpetuo
Lo vedo da me che il sole sta tramontando
Come vorrei tu fossi qui a vedere
E ora dimmi, forse che mi sbaglio a pensare
che mi hai dimenticato?

E ora s'angosciano e s'affrettano e s'affaccendano e s'affliggono
ti sprecano le notti e i giorni
Loro li ho dimenticati
ma, te, ti ricorderò sempre
Antiche memorie di te mi si sono attaccate strette
Tu che mi hai ferito con le tue parole
dovrai parlare con lingua dritta
Tutto è vero, quel che hai sentito. Ogni cosa.

Incontriamoci dabbasso, non restare indietro
Portami i miei stivali e anche le scarpe
Puoi o esitare o combattere al meglio che puoi sulla linea del fronte
cantando un po' di questi blues del lavoratore

E in te, amico, biasimo non ne trovo
Guardami negli occhi, fallo ti prego
Nessuno potrà mai reclamare
che ho iniziato le ostilità contro di te
Loro ti abbatteranno
da un capo all'altro dei sacri pacifici campi
e spezzeranno i tuoi corni e ti batteranno con sferzate d'acciaio
Ho dato io l'ordine e perciò è così che dovrà avvenire

Ora la fortuna mi ha voltato le spalle, sono pieno di lividi
ma ti darò un'altra occasione
Son qui tutto solo e sto aspettando te
perchè mi conduca in un'allegra danza
Ho un nuovo abito e una nuova moglie
e posso continuare a vivere di riso e fagioli
C'è gente che non ha mai lavorato un giorno in vita sua
e lavorare nemmeno lo sa cosa significhi

Incontriamoci dabbasso, non restare indietro
Portami i miei stivali e anche le scarpe
Puoi o esitare o combattere al meglio che puoi sulla linea del fronte
cantando un po' di questi blues del lavoratore


traduzione di Michele Murino

WORKINGMAN'S BLUES #2
words and music Bob Dylan

Thereís an eveniní haze settliní over town
Starlight by the edge of the creek
The buyiní power of the proletariatís gone down
Moneyís gettiní shallow and weak
Well, the place I love best is a sweet memory
Itís a new path that we trod
They say low wages are a reality
If we want to compete abroad

My cruel weapons have been put on the shelf
Come sit down on my knees
You are dearer to me than myself
As you yourself can see
Well Iím listening into the steel rails hum
Got both eyes tight shut
Just sitting here trying to keep the hunger from
Creeping itís way into my gut

Meet me at the bottom, donít lag behind
Bring me my boots and shoes
You can hang back or fight your best on the frontline
Sing a little bit of these workingmanís blues

Well, Iím sailiní on back, ready for the long haul
Tossed by the winds and the seas
Iíll drag Ďem all down to hell and Iíll stand Ďem at the wall
Iíll sell Ďem to their enemies
Iím tryiní to feed my soul with thought
Gonna sleep off the rest of the day
Sometimes no one wants what we got
Sometimes you canít give it away

Now the place is ringed with countless foes
Some of them may be deaf and dumb
No man, no woman knows
The hour that sorrow will come
In the dark I hear the night birds call
I can feel a loverís breath
I sleep in the kitchen with my feet in the hall
Sleep is like a temporary death

Meet me at the bottom, donít lag behind
Bring me my boots and shoes
You can hang back or fight your best on the frontline
Sing a little bit of these workingmanís blues

Well, they burned my barn, they stole my horse
I canít save a dime
I got to be careful, I donít want to be forced
Into a life of continual crime
I can see for myself that the sun is sinking
How I wish you were here to see
Tell me now, am I wrong in thinking
That you have forgotten me?

Now they worry and they hurry and they fuss and they fret
They waste your nights and days
Them i once forget
But you Iíll remember always
Old memories of you to me have clung
Youíve wounded me with your words
Gonna have to straighten out your tongue
Itís all true, everything you have heard

Meet me at the bottom, donít lag behind
Bring me my boots and shoes
You can hang back or fight your best on the frontline
Sing a little bit of these workingmanís blues

In you, my friend, I find no blame
Wanna look in my eyes, please do
No one can ever claim
That I took up arms against you
All across the peaceful sacred fields
They will lay you low
Theyíll break your horns and slash you with steel
I say it so it must be so

Now Iím down on my luck and Iím black and blue
Gonna give you another chance
Iím all alone Iím expecting you
To lead me off in a cheerful dance
Got a brand new suit and a brand new wife
I can live on rice and beans
Some people never worked a day in their life
Donít know what work even means

Well, meet me at the bottom, donít lag behind
Bring me my boots and shoes
You can hang back or fight your best on the frontline
Sing a little bit of these workingmanís blues