Vuoi discutere di Bob Dylan, 
della sua musica, della sua storia?... 
Hai domande da porre, storie da 
raccontare, emozioni da condividere, sul grande Bob o inerenti la sua musica e la sua vita? Scrivi a spettral@tin.it e le tue mail saranno pubblicate in queste pagine
TALKIN'
BOB DYLAN BLUES
LA POSTA DI MAGGIE'S FARM
PARTE 80
Il curatore di questa pagina si riserva di pubblicare o meno, del tutto o in parte, le mail spedite a questa rubrica in relazione alla forma ed ai contenuti delle stesse, tagliando o cestinando quelle che dovessero contenere frasi ritenute non pubblicabili o argomenti non inerenti la rubrica stessa.
Napoleon in rags.

842) Ciao Michele ,
sono Emanuele "Louse" da Venezia
Ti scrivo per esprimere il  mio parere su Love and Theft.
Diciamo prima di tutto che non ho voluto ascoltare gli MP3 che si potevano
scaricare da internet per non perdere quel gusto di arrivare nel negozio e
assaporare la magia nel aprire il booklet e non sapere cosa ci trovi dentro , di
metterlo nel lettore cd non avendo nessuna anticipazione a riguardo e immergerti
in quei suoni e motivi come fosse la prima volta che scopri Bob...( sono un po' un
romantico da questo lato..) Trovo Love and Theft un ottimo album , ha un sound
molto solare e antico e sono contento che Dylan abbia voluto sterzare verso
delle sonorità più serene , dopo 2 dischi notturni come TOOM e Oh Mercy (che
non  ritengo capolavori ma ottimi dischi ; non esiste nel mio vocabolario la parola
capolavoro) non avrei sopportato di risentire delle atmosfere simili.
Il punto è che Lanois è un bravissimo  produttore (in termini di  sound ) , ma ogni
disco che produce ha la stessa organicità , vedi ad esempio i  dischi di
R.Robertson o Willy Nelson prodotti da Lanois , hanno dei suoni molto
notturni , molte tastiere , hanno delle  percussioni molto ricercate , ma se ascolti
il disco Robertson , Nelson , 2 Bob Dylan ti accorgi che Lanois propone sempre un
stesso tipo di sound che alla lunga comincia a essere ripetitivo e pesante.Non
voglio sminuire Lanois sia ben chiaro, pero' il fatto è che tante persone che
hanno criticato Love and Theft subito si lamentano delle mancate atmosfere
notturne.. (Penso se questo disco lo avesse prodotto Lanois tutte le canzoni
avrebbero avuto quel sound vaporoso che sinceramente avrei trovato un po'
angosciante)
Per fortuna che ogni tanto Dylan rispolvera dei suoni più vivaci e solari che mi
ricordano un po' la primavera , e mi ricorda che è giorno. Love and Theft ha un
sound che non è originale ma è un bel sound , ogni canzone è grintosa e cruda e
sinceramente aspettavo queste sonorità da molto tempo , non mi piace pensare
che canzoni tipo Honest with Me assomigli troppo a Highway 61 , semplicemente
perchè non mi metto a fare paragoni o a guardare quanti accordi Dylan ha usato
per una canzone ! , guardo le canzoni come elemento singolo e le apprezzo per
tali.
A essere sincero Love and Theft mi sembra più curato in termini di produzioni (
visto che su TOOM c'erano delle voci di qualcuno nel bel mezzo di  Not dark yet
e si sentiva un rullante in Make you feel... ) e vedo che Bob HA IMPARATO a fare
il suo mestiere come si deve. Ci sono delle parti di piano molto carine suonate da
Dylan ad esempio in Bye and Bye (che mi ricorda un po' i  luna park , sarà per
quel organetto che sbuca ogni tanto ),  a me piace e non trovo brutta come
qualcuno ha detto ..
Mississippi assieme a Cry awhile, Tweedle..., Sugar Baby sono per me i brani più belli
dell' album. Penso che Dylan abbia scartato Mississippi da TOOM forse perchè il
sound giusto per questa canzone è quello contenuto in Love and Theft : Crudo e
diretto . Quando ad Alba avevo parlato con Bucky Baxter lui mi aveva detto che
c'erano varie Outtakes da TOOM e che MISSISSIPPI era la più bella tra queste  ,
ma Dylan non era contento del sound ottenuto con Lanois.
Va be ' questo e quanto visto che ho poco tempo per scrivere , casomai se ho
qualcosa da aggiungere ti riscrivero'.

p.s.
1. Mi dispiace vedere recensori che a volte dicono inesattezze , ad esempio
Caru' ( cavolo Buscadero lo trovo un bel giornale ) ma
quando mi fa una recensione in cui mi spaccia la fisarmonica di Sugar Baby con
un ORGANO !!
2.Ma quando Bob si deciderà di portare con se un piano e anche un organo  !!
comincio a sentirne la mancanza .... :( (Sante parole!!!)
3. Presto mettero' sul sito di The Beards i file in RealAudio dei brani eseguiti dal il
mio gruppo al Neverending Birthday ad Alba ...

Un caro saluto a te Michele e a tutti della Farm

Emanuele "louse"

Ciao Emanuele... quando poi ti deciderai a raccontarci tutti i retroscena del tuo colloquio con Bucky (che mi hai promesso da un paio di secoli) mi farai cosa gradita... O forse sei a conoscenza di qualche irrivelabile segreto su Bob?...
Napoleon




843) Anna "Duck" invia questa intervista del Los Angeles Times a Dylan pescata sulla Rete (se qualcuno BRAVO in inglese me la traduce e me la manda è un santo):

Sunday, September 16, 2001

FALL PREVIEW: POP MUSIC
How Does It Feel? Don't Ask
A creatively rejuvenated Bob Dylan won't discuss his life or his lyrics. The state of pop music is
another matter.

By ROBERT HILBURN

 Fall Picks: These Five Are Promising
 List of Upcoming Pop Albums

  JOE CIARDIELLO / For The Times

     "Five stars!"
     Those are Bob Dylan's first words as I step into his Santa Monica hotel suite to talk about his
new album, "Love and Theft."
     "That's what Rolling Stone gave the new album. How many artists have you interviewed in the
last 15 years that have gotten a five-star review?"
     Thinking he's putting me on, I reply, "Well, you're not getting five stars in The Times."
     Silence.
     I quickly explain that we have a four-star rating system.
     Could the most acclaimed songwriter of the modern pop era really care about a single review? I
can't even imagine him being excited about winning a Grammy, or an Oscar, as he did earlier this
year for "Things Have Changed" from "Wonder Boys."
     "Wouldn't you be excited if you won a Pulitzer Prize?" he replies.
     It's a quintessential Dylan moment. Every time you think you have him figured out, he taunts
you with his elusiveness.
     For 40 years, he has been a man of constant change who weaves conviction and contradictions
into his work with artful sleight-of-hand.
     On "Love and Theft," which received a four-star review last Sunday in The Times and was
released Tuesday, there are still moments of struggle and confusion. But those sentiments are
accompanied-often in the same song-by moments of disarming wit (including a goofy knock-knock joke)
and jubilant optimism, when the gods seem lined up on his side.
     The message of "Love and Theft," however, is as much in the arrangements as the lyrics. Dylan's
musical compass has always been tied to the country, blues and folk sounds that thrilled him as a
youngster in Minnesota, and he and his dazzling road band play with the defiance of true believers
who feel pop music has been taken over by charlatans.
     In the alternating gentle and wailing instrumentation, Dylan pulls us back to the start of rock
'n' roll, reminds us of the innocence and energy of the times and, in the process, challenges those
who feel that rock is exhausted as an art form.
     You won't get Dylan to admit that in an interview, but he hints at it. As always, he resists
questions about his personal life and the meaning of particular lines or songs, but he speaks
passionately about his legacy and his musical roots. Ever the extremist, Dylan is guilty of
underestimating some of today's rock and hip-hop acts, but his views are as provocative as his
lyrics in "Love and Theft."
     Dylan, 60, is working on his autobiography, but you wonder if he'll really step from behind the
veil even there. He's already hinting the events in the book may be a bit fuzzy. "My retrievable
memory isn't as good as it should be," he says with only the barest trace of a smile.
 

Question: The music on the new album seems transported from a different era. Do you find much
inspiration in today's music scene?

Answer: I know there are groups at the top of the charts that are hailed as the saviors of rock 'n'
roll and all that, but they are amateurs. They don't know where the music comes from .... I was
lucky. I came up in a different era. There were these great blues and country and folk artists
around, and the impulse to play [those sounds] came to me at a very early age.
     I wouldn't even think about playing music if I was born in these times. I wouldn't even listen
to the radio. I'm an extreme person. I'm not a party boy. I don't care about rave dances and a lot
of the stuff going on.

Q: What do you think would have interested you today if music weren't an option?

A: I'd probably turn to something like mathematics. That would interest me. Architecture would
interest me. Something like that.

Q: Are you surprised by the return of so much placid pop-which was one of the original targets of
rock 'n' roll?

A: I don't think what we call pop music today is any worse than it was. We never liked pop music. It
never occurred to me [in the '50s] that Bing Crosby was on the cutting edge 20 years before I was
listening to him. I never heard that Bing Crosby. The Louis Armstrong I heard was the guy who sang
"Hello, Dolly!" I never heard him do "West End Blues."

Q: "Time Out of Mind" seemed to spark a creative resurgence for you. Did you know right away it was
something special?

A: It was a little sketchy to me. I knew after that record that when and if I ever committed myself
to making another record, I didn't want to get caught short without up-tempo songs. A lot of my
songs are slow ballads. I can gut-wrench a lot out of them. But if you put a lot of them on a
record, they'll fade into one another, and there was some of that in "Time Out of Mind." I sort of
blueprinted it this time to make sure I didn't get caught without up-tempo songs.
     If you hear any difference on this record-why it might flow better-it's because as soon as an
up-tempo song comes over, then it's slowed down, then back up again. There's more pacing.

Q: What about the creative process for you? Do you write constantly?

A: I overwrite. If I know I am going in to record a song, I write more than I need. In the past
that's been a problem because I failed to use discretion at times. I have to guard against that. On
this album, "Lonesome Day Blues" was twice as long at one point. "Highlands" [a 17-minute song on
"Time Out of Mind"] was twice as long originally.

Q: Why is there so much humor on the album this time? Does it have to do with your state of mind
these days?

A: I try to make the songs as three-dimensional as possible. A one- or two-dimensional song doesn't
last very long. It's important to have humor where you can. Even the most severe rapper uses some
humor.

Q: When do you tend to do the most writing? When you're on tour or when you're home for a few weeks?

A: I don't know. Some things just come to me in dreams. But I can write a bunch of stuff down after
you leave . . . about, say, the way you are dressed. I look at people as ideas. I don't look at them
as people. I'm talking about general observation. Whoever I see, I look at them as an idea . . .
what this person represents. That's the way I see life. I see life as a utilitarian thing. Then you
strip things away until you get to the core of what's important.

Q: Did you have much interest in the 2000 Bush-Gore campaign?

A: Did I follow the election? Yeah, I followed to see who would win. But in the larger scheme of
things, the government is irrelevant. Everybody, everything can be bought and sold.

Q: Isn't that pretty pessimistic for someone who everyone thought was so optimistic and inspiring in
the '60s?

A: I'm not sure people understood a lot of what I was writing about. I don't even know if I would
understand them if I believed everything that has been written about them by imbeciles who wouldn't
know the first thing about writing songs. I've always said the organized media propagated me as
something I never pretended to be . . . all this spokesman of conscience thing. A lot of my songs
were definitely misinterpreted by people who didn't know any better, and it goes on today.

Q: Give me an example of a song that has been widely misinterpreted.

     A: Take "Masters of War." Every time I sing it, someone writes that it's an antiwar song. But
there's no antiwar sentiment in that song. I'm not a pacifist. I don't think I've ever been one. If
you look closely at the song, it's about what Eisenhower was saying about the dangers of the
military-industrial complex in this country. I believe strongly in everyone's right to defend
themselves by every means necessary.

Q: But there surely was a lot of idealism in the country and in your songs in the '60s.

A: Well, you are affected as a writer and a person by the culture and spirit of the times. I was
tuned into it then, I'm tuned into it now. None of us are immune to the spirit of the age. It
affects us whether we know it or whether we like it or not. There's some of today's cultural spirit
on this record.
     I think something changed in the country around 1966 or so. You'll have to look at the history
books to really sort it out, but there are people who manipulated the Vietnam War. They were
traitors to America, whoever they were. It was the beginning of the corporate takeover of America.

Q: How would you describe the spirit of the '50s and the '60s?

A: I knew it was an unsettled, rebellious spirit.

Q: How about today?

A: I don't really know. I am not a forecaster of the times. But if we're not careful, we'll wake up
in a multinational, multiethnic police state-not that America can't reverse itself. Whoever invented
America were the greatest minds we've ever seen, and [people] who understand what the Declaration of
Independence and the Bill of Rights are all about will come to the forefront sooner or later.

Q: What was it like to be adored at times and booed at others-like on the "Slow Train Coming" tour
in the '70s?

A: I was booed at Newport before that, remember. You can't worry about things like that. Miles Davis
has been booed. Hank Williams was booed. Stravinsky was booed. You're nobody if you don't get booed
sometime.

Q: Does that affect you as an artist? Does it make you either ease up or dig in?

A: It depends on what kind of artist you are. There are superficial artists, natural artists and
supernatural artists.

Q: How do you define them?

A: A natural artist is someone who just takes what talent they have and displays it night after
night on stage, doing the best they can within [accepted] limits. A superficial artist is someone
who shouldn't be up there in the first place because they've really got nothing to tell you.

Q: And the supernatural?

A: That's someone who goes deep, and the deeper they go, the more buried gods they'll find.

Q: How would you describe yourself?

A: [Laughs.] I really should apply this to other people rather than myself. I'm not sure where I
fit. You can call me any one of those. But I always felt that if I'm going to do anything in life, I
want to go as deep as I can.

Q: Have you always lived up to that goal? Have you ever felt you were just a superficial artist?

A: Sure, I think the tour I did with the Band in 1974 was superficial. I had forgotten how to sing
and play. I had been devoting my time to raising a family, and it took me a long time to recapture
my purpose as a performer. You'd find it at times, then it would disappear again for a while.

Q: You're on a creative roll now. Where do you see the beginning of it?

A: In the early '90s when I escaped the organized media. They let me be. They considered me
irrelevant, which was the best thing that could have happened to me. I was waiting for that. No
artist can develop for any length of time in the light of the media, no matter who it is. If the
media was commenting on every article you wrote, imagine what it would do to you.

Q: Do you worry that the latest rash of awards and acclaim will make the media start focusing on you
again?

A: No, that time has passed. Once they move away and lose track of you, they'll never catch up with
you again. They're off searching for someone new to put a label on.

Q: Do you see yourself touring indefinitely?

A: I don't see myself doing anything indefinitely. I see myself fulfilling the commitments at the
moment. Anything beyond that, time will have to tell.

Q: So, how do you feel personally? There's a lot of spirit in the new album. Do you feel pretty good
about things?

A: Any day above the ground is a good day.

     Robert Hilburn, The Times' pop music critic, can be reached at robert.hilburn@latimes.com.
 
 

Copyright 2001 Los Angeles Times


844) Riguardo a Dylan, innanzitutto ti segnalo una cover di " It's all over now baby blue " delle
Hole, gruppo tutto al femminile di Courtney Love, vedova Cobain. Una versione grunge per me
da dimenticare.
Poi, da tempo non riesco a spiegarmi il pressochè totale disinteresse da parte degli editori
per i testi di Bob. Abbiamo già discusso sul fatto che solo L'Arcana ha messo giù testi e
traduzioni in tre volumi, oltre al pionieristico libro di Rizzo, chiaramente incompleto. Non
riesco a capire come un autore che più volte ha sfiorato il Nobel per la letteratura ( per quanto
non sia un metro di grandezza da me accertato, ma per me qualsiasi premio non è indice di
nulla, Oscar compreso ) non veda pubblicati i propri testi. Sempre una questione di bacino
d'utenza ristretto ?
Encore. A proposito di traduzioni, il libro di Rizzo per me è stato fino a poco tempo fa' l'unico
punto di riferimento, data la mia carenza in inglese. Non condivido però la traduzione di " Dont
think twice it's allright " in " Non credere che vada tutto bene ". Per me si dovrebbe risaltare
l'amarezza sarcastica che per me emerge.
Infine, a proposito dell'ultimo album. Dio benedica chi fa album del genere, chi mi fa
immergere ancora nell'antico e in ciò che è stato con quella splendida voce. Dylan fa quello
che vuole, su questo non ci piove e meno male che continua a spiazzare. Ma c'è un motivo se
mi fa " Blue Moon  revisited ", ed io prendo e porto a casa, come si dice dalle mie parti.
Lasciatemelo ascoltare, a metterlo negli annali ci penserò un dì.
Mino

Ciao Mino, il libro di Rizzo, come lui stesso ha raccontato, ha il difetto che molti testi erano dei tentativi visto che non esistevano testi ufficiali e si scriveva quello che si capiva ascoltando il disco (e con la pronuncia di Bob era arduo). Rizzo raccontava che anche facendo ascoltare certe frasi a suoi amici americani questi gli davano diverse interpretazioni...
Ok per le Hole ma l'anno? 2000? Può essere? Fammi sapere
Ciao, Napoleon




845) Ciao professore,
ti propongo una concisa e divertente recensione di L&T inviatami dal mio
amico (e tuo lettore) Paolo C.

"riascoltando il disco mi venivano in mente degli apodittici
commentini, così ti sottopongo la mia semi-seria recensione.

Bob Dylan - Love And Theft

01. Tweedle Dee & Tweedle Dum Divertimento western: Bob ci fa fare un giro
al rodeo dello zucchero filato.
02. Mississippi Reincisione dell'outtake di Time Out of Mind, comunque
Sheryl Crow canta una canzone diversa!
03. Summer Days Una radio accesa a Hibbing nel 1956.
04. Bye And Bye Una swingante Blue Moon da un Bob in vena di 'autoritratti'.
05. Lonesome Day Blues Un blues col passo inesorabile di John Lee Hooker.
06. Floater (Too Much To Ask) Una bizzarra performance in bianco e nero di
Bob su un palco di vaudeville.
07. High Water (for Charlie Patton)  Un inquietante folk-blues, un hobo si
aggira sugli Appalachi insieme al suonatore di banjo di 'Un tranquillo
Week-end di paura'.
08. Moonlight Altra bizzaria: Bob crooner canta da solo the last, last song
in una balera abbandonata del Midwest.
09. Honest With Me Serrato blues-rock, una deviazione fantasma della Highway
61.
10. Po' Boy  Bob compagno di sbronze di un giovane Tom Waits.
11. Cry A While Just Another Blues.
12. Sugar Baby La perturbante perla dell' album, una lama di luce da una
porta socchiusa."

Anch' io preferisco l' ultima veste della posta.
Ricordo a tutti i possessori del Dylan-tree 1 che possono scaricare le nuove
performances del sito bobdylan.com in buona qualità col programma streambox
vcr.
Ciao a tutti
Carlo Pig

Argute.
Napoleon


846)  LOVE AND THEFT
Caro Michele, è da un po’ che non scrivo a Maggie’s Farm, dovrei farlo più spesso. Ho notato che l’ultimo album di Bob sta spiazzando un pò tutti quanti. Si leggono apprezzamenti da una parte e critiche dall’altra (nota di Napoleon: critiche? E dove? Io ho trovato solo circa 13.479 recensioni entusiastiche dal Ruanda al Polo Nord... Comunque continuo a cercare... Magari prima o poi ne becco una negativa...) anche se comunque i giudizi positivi sembrano essere la maggioranza. Non condivido Bertoncelli il quale mi stupisce definendo Bye And Bye una delle canzoni di Bob più brutte di sempre.  Comunque io credo che sia un ottimo album e ti dico il perché: è un album a tratti ironico e a tratti nostalgico, a volte molto nostalgico. Quei brani “vecchio stile” o jazz sentimentale (?) come li definisce Bertoncelli mi ricordano atmosfere romantiche sepolte da anni e anni di ciarpame plastificato dai media e che altro non fanno se non un bene averle ai primi posti delle classifiche di mezzo mondo. Mi piacciono quei brani. Mi piace molto Po’ Boy che ha fatto (e sta facendo) da colonna sonora ad un periodo un po’ difficile della mia vita. E poi chi si ricorda di My Sweet Blue Eyed Jane di Jimmie Rodgers ? Non erano più o meno le stesse sonorità ? Mi piace il Vintage Tremolo di  Tweedle Dee & Tweedle Dum, la slide in Honest With Me, il banjo in High Water (for Charley Patton), le altre non sono da meno.
Non è facile ascoltare Bob Dylan, si sa. E’ ancora più difficile comprendere quello che dice ma in fondo è proprio quello che vuole lui. Qualcuno si stupisce per le cose che dice nelle interviste. Bisogna capire che a Dylan dà molto fastidio questa immagine da personaggio degli anni ’60 che continuano a cucirgli addossi i giornalisti. Le solite domande su Masters Of War, e “dove è finito lo spirito degli anni ’60?”, e “perché non c’eri a Woodstock ?”, etc. Le sue risposte non possono essere che ironiche. Dylan ha ribadito più volte di essere solo un musicista che si occupa solo di musica e non è un francescano vagabondo che predica la pace e l’amore (in questo Bertoncelli è recidivo). E’ un ottimo album Love and Theft perché conferma che Dylan è un artista capace di reinventarsi ogni volta senza essere retorico e rimanendo se stesso. Dopotutto, dato lo studio che ha fatto in questi anni della musica tradizionale americana, può permettersi di affrontare campi musicali come questi. Certo, Time Out Of Mind è un capolavoro, ma lo è perché Dylan e Lanois hanno ridefinito il Blues o per meglio dire, sono riusciti a fare Blues come non si era mai fatto prima. Logicamente il confronto con Love and Theft è arduo. Inoltre credo che con questo album abbia voluto dare spazio alla propria Band quasi come se fosse un premio o un regalo per averlo supportato in questi Tour infiniti per la galassia. Questi ragazzi si sono meritati un posto al sole. Di Augie Meyers non posso che dire un gran bene, visto che ho avuto modo di apprezzarlo dal vivo quest’estate in Tour con John Hammond Jr. , quindi Bob (o meglio Jack Frost) ha fatto la scelta giusta. Comunque  penso che in fondo i gusti sono gusti e che nell’ascolto di un disco ci si mette sempre una certa quantità di emotività, viva la democrazia.
Ascoltiamo dunque questo bel disco senza troppe fisime e senza farci condizionare troppo dalla critica specializzata che è si preziosa ma che a volte è troppo distratta (giustamente) da altre sonorità. Un consiglio a Bob: un bell’album dal vivo costituito solo da cover di brani tradizionali e di autori antichi tipo Duncan And Brady, Rovin’ Gambler, Not Fade Away, etc. Sarebbe originale, no ? Magari per Natale ?

PS per Paolo Vites: Se decidi di non andare al concerto di New York perché hai timore che possa succedere qualcosa di brutto allora ti capisco. Se invece non ci vai perché sei demoralizzato ti voglio dire che se ci lasciamo scoraggiare è come dare un punto a favore ai terroristi. Dimostriamogli che noi abbiamo qualcuno che sa fare veramente cultura e che ci insegna molte più cose in una canzone (anche se poco comprensibile) che in tutte le parole che uno sceicco pazzo può dire in tutta la sua inutile vita.

PS 2 per Paolo Vites: Io ero al concerto di Neil Young a Brescia (bellissimo) e sinceramente di Yuppies con fidanzata in abito da sera non ne ho visti o comunque io non ero tra loro. Con stima.

PS per Bertoncelli: Non te la prendere. Con stima anche per te.

Ciao a tutti
Ferdyp

Ciao Ferdyp, resta un mistero dove tu abbia letto qualcosa di meno che entusiastico su Love and Theft. Anche quella di Bertoncelli non mi sembra una recensione negativa (in assoluto) se pur l'unica che ho letto finora non entusiastica. Love and Theft è l'album di cui si è parlato in termini più lusinghieri di tutta la carriera di Bob e "rischia" di diventare il suo più grande successo di sempre (guarda un pò le classifiche mondiali)...
Napoleon


847) Love and Theft, "Amore e Furto" o meglio "Passione e Rapina", come un
libro di Eric Lott che descriveva il fenomeno dei minstrelsy di colore e della
classe lavoratrice americana, questo è il titolo del nuovo disco di Bob
Dylan, uscito a ben quattro anni di distanza dal pluripremiato Time Out
Of Mind. Il titolo è preso appunto in prestito, e descrive pienamente gli
intenti di Mr Zimmerman, che in questo nuovo lavoro, fa un salto nel
passato, lasciando l'ascoltatore immerso in un'atmosfera fuori dal
tempo, fatta immagini e suoni del passato. Love and Theft non è uno studio
sulla musica passata, nè un divertisment, ma è quello che la sensibilità di
Dylan ha prodotto in un momento in cui si è lasciato alle spalle i fantasmi e
i mille oscuri passaggi di Time Out Of Mind, e con la sua mente è tornato
indietro non per reimmergersi nei ricordi e per ricalcare le sue orme,
come potrebbe far pensare una particolare somiglianza di questo disco
con Nashville Skyline, ma è tornato indietro per ritrovare il piacere di
suonare e di produrre con libertà, non a caso il disco è autoprodotto. Il primo
ascolto ci dà la sensazione di un suono simile ad un tappeto sonoro, che
ci conduce in questo mondo senza tempo, senza spazi, dove le parole
delle canzoni fluiscono nel mare della poesia visionaria, e aprono finestre su
storie e avvenimenti che disegnano un ipotetico viaggio nell'america del
dopoguerra. Ecco allora emergere i suoni diretti del passato, ma
ringiovaniti, spogli delle atmosfere alla Lanois, ricchi di chitarre,
slide, mandolini, violini, e questo per merito dell'ottima band che circonda
Dylan nella registrazione, la stessa band che lo ha accompagnato nel Never
Ending Tour. Il disco parte con un rockabilly veloce, incalzante se vogliamo,
Tweedle Dee & Tweedle Dum in cui ci parla di due personaggi vagamente
somiglianti a Pat Garrett e Billy The Kid, dei quali si serve per parlare
di un tempo che passa, ma da cui bisogna cogliere ogni istante. Anche in
questa canzone sono notevoli i riferimenti, uno in particolare è quello al
romanzo di Lewis Caroll "Alice dietro lo specchio" da cui riprende i due
personaggi.
La seconda traccia è la già edita da  Sheryl Crow, Mississippi, qui il
testo sembra pieno di rimpianti per non aver colto il momento giusto in una
storia d'amore, emerge un senso di latente solitudine e una costante voglia di
fuga. Summer Days, è un secondo rockabilly, in cui il desiderio di fuga
dalla realtà verso qualcosa di nuovo, fuori luogo sembrerebbe il verso
in cui la compagna gli dice che non può ripetere il passato, e lui replica
dicendo che è possibile, qui sembrerebbe che la fuga dalla realtà, sia
una fuga verso il passato, ma è facile pensare che sia una giustificazione
a questo nuovo lavoro. In Bye and bye, si fa portavoce di uno stile che
ricorda i crooner western, in cui un bellissimo organo ci fa ricordare
il tema di Blue Moon, il tema della canzone è senza dubbio uno strano
rapporto d'amore e un tradimento. Lonesome Day Blues, è il classico Rock Blues,
una canzone che ricorda da dentro i momenti di solitudine, in cui si augura
che qualcosa cambi e che la persona amata capisca e ritorni da lui. Floater
è essenzialmente un old time, in cui si intrecciano i suoni di Nashville
che fanno da tappeto ad una visionaria canzone su una storia d'amore in cui
si mescolano ricordi e citazioni, come quella su Giulietta e Romeo. La
settima canzone è poi il capolavoro, il vertice massimo del disco, Highwater (for
Charlie Patton), una crescente ballata country-blues dove Dylan, ci parla
della sua sensazione di essere trascinato via dalla corrente delle acque
alte, che simboleggiano per cosi dire i tempi moderni. Honest with me,
è ambientata a Chigago, la città che non dorme mai (never sleeps), sul
cui sfondo si svolge un ultimo invito alla donna amata, un invito ad essere
onesta con lui e a capirlo, le rinfaccia anche tutto quello che ha fatto
per lei. Po' Boy, è una storia di un ragazzo povero, cantata come una
canzone da crooner western. Il disco giunge quasi alla conclusione con  Cry a
While, un rock blues in cui invita la compagna a piangere per lui e anche qui le
rinfaccia tutto quello che ha fatto per lei. Sugar baby è una ballata,
una riflessione sulla vita, un ultimo messaggio da lanciare. Il disco si
chiude, lasciandoci in un atmosfera quasi sospesa, come abbiamo già detto senza
tempo, ma allo stesso tempo ci regala una pausa di riflessione
brevissima, perchè la voglia di premere di nuovo play è forte al punto tale da non
resistere. Tuttavia ci priva di quella sensazione del primo ascolto,
poichè i temi delle canzoni sono attuali, anche se richiamano un passato senza
tempo, proprio di una vita ricca di esperienze come quella di Mr.
Zimmerman, ci rendiamo conto che non tutto è illusorio come sembrerebbe e che la
vita è pronta sembre a cambiarci e a cambiare anche il nostro passato, in
relazione al presente. In conclusione, posso dire che ci troviamo di fronte ad un
disco particolarissimo, fuori come dagli schemi, forse sconsigliato a
chi è legato al classico Dylan (nota di Napoleon: non credo. Io sono legato
al classico Dylan e ritengo che L&T sia uno dei suoi massimi capolavori),
o è miope di fronte al genio di quest'uomo, che ha
ancora molto da dire. La parola capolavoro non voglio scriverla, perchè come al
solito, sarebbe il risultato di una mia congettura soggettiva, tuttavia,
per quanto alcuni famosi critici abbiano detto è un disco tutto da ascoltare
e da capire. Di notevole interesse sono le due canzoni inedite, presenti
nel bonus cd, I was young when I left home del 1961 e una versione alternativa di
Times They are a changin'.

Salvatore Esposito


848) Caro Napoleon,
mi chiamo Roberta, vivo a Roma e ho scoperto da poco
il tuo sito e devo dire che mi piace davvero molto.
Complimenti!
La cosa che preferisco é la rubrica della posta.
E' troppo interessante leggere quello che pensano gli
altri Dylaniani-Dylaniati sparsi per l'italia.
Io non ho molto da dire, conosco Dylan dal 1995 quando
comprai Unplugged e devo ancora imparare bene ad usare
il PC.
Presto ti scriverò qualche riflessione sul Bobby che
spero tu vorrai pubblicare.
Ne sarei felice.
Ciao ciao
Roberta

P.S.: Ma é vero che conosci Joan Baez???

Ciao Roberta, sì che conosco Joan e prima o poi le chiederò se si decide a sposarmi... Non hai visto la mia foto con la unica grande mitica Joanie? La trovi
qui
e la trovi anche
qui
addirittura pubblicata su un giornale proprio oggi 24 settembre 2001 in un articolo dedicato nientemeno che a me (e poi dicono che i giornalisti non sono dei pazzi)!!! Non vi sarete persi mica la seconda puntata di Vanitas vanitatis?...
Riflessioni su Bob? Scrivimi tutto quello che vuoi... Grazie per i complimenti e alla prossima
Napoleon



849) Ed ora una classifica inviata da Adriano:

1)  LIKE A ROLLING STONE
2)  BLOWIN' IN THE WIND
3)  VISIONS OF JOHANNA
4)  SIMPLE TWIST OF FATE
5)  GOING GOING GONE
6)  MASTERS OF WAR
7)  ONE MORE CUP OF COFFEE
8)  GIRL FROM THE NORTH COUNTRY
9)  DAY OF THE LOCUSTS
10) ALL ALONG THE WATCHTOWER

adriano

Visto cosa c'è al settimo posto, pig?



850) HO LETTO DELLE MAIL NELLE ULTIME DUE PARTI DI POSTA A FIRMA ELIO, MI FA PIACERE
CHE NON SIA IL SOLO TRA I MAGGIESFARMIANI, IO SPESSO METTO ANCHE IL MIO
COGNOME, MA A QUESTO PUNTO L'ANIMALE DA FATTORIA E' OBBLIGATORIO; E ALLORA,
ANCHE CONSIDERANDO IL COGNOME, VIA CON ROOSTER,  MI SEMBRA STRANAMENTE
ANCORA DISPONIBILE.
MA AVREI DOVUTO INSERIRE NEW MORNING NELLA MIA TOP TEN..... ECCO PERCHE' IL
BRANO MI DAVA DELLE STRANE SENSAZIONI......
ASPETTO TUA CONFERMA. A PRESTO

ELIO GALLOTTI

Ok galletto! Ti inserisco appena posso...
"Can't you hear that rooster crowin'?
Rabbit runnin' down across the road"
Già! Manca anche qualche coniglietto...
Napoleon


851) Avete letto le nuove strips di Zimmy?
Napoleon


852) Caro Michele,sono arnaldo e saluto te e gli amici
della farm.
Da parecchie settimane non mi facevo vivo per
impegni,ora ci sentiremo spesso,inoltre  ti do la mia
sulla posta:preferisco la vecchia grafica,piu'
dylaniana ed originale!
Son successe tante cose di cui vorrei parlarti su
bob,son di ritorno dalla scozia,da vari boot di bob,da
un concerto incredibile e tenue a
Pescara,dall'acquisto del cd con il formato per patiti
quale sono ormai da dodici anni.
Ti parlero' di tutto col tempo,oggi per dire una cosa
ma bene,ti parlo della mia impressione generica
sull'amore ed il furto che bob,dopo averlo compiuto in
decenni nei nostri cuori,ha fatto anche con la musica
delle sue radici...
A mio modo di vedere e' un album difficile da
giudicare nell'insieme,io come te pur essendo
tifoso,mi ritengo piuttosto onesto,e ti dico che bob
e' sempre lui non essendo mai se stesso due volte,come
in tutte le sue creazioni.Anche in album non eccelsi
c'era il tocco,la voce,l'anima che lo rende unico nel
panorama artistico del secolo scorso,con il suo modo
di essere il primo ad aver stravolto concetti
omologati solo nelle nostre menti...
Per me love and theft e' straordinario,e' una via
diversa al cospetto di time out of mind,percorre bob
qui diverse strade,tutte differenti ma uguali
nell'essere derivate e rapite dal suo amore per la
ricerca delle radici.
Attenzione a non scambiare un paio di pezzi per
leggeri,e' un album intenso,districato in se stesso ed
al di fuori di se',il tempo si annulla in esso e
diventa un tempo antico senza cronologia;dove ci porta
bob? nel vecchio west,negli anni 50,da romeo e
giulietta o nei pressi di un fiume dove finiscono
rimpianti ed iniziano giorni da vivere visto che le
cose ora si fanno interessanti?
Sempre stratosferico bob,sempre in grado di essere se
stesso nell'essere uno,nessuno,centomila,sempre capace
di album figli di uno stesso padre,ma nati da diversa
madre,cosi' dylaniani nel genio,cosi' poco dylaniani
nella forma!C'e' solo da capire Michele,dove ci porta
ancora bob,in questo nuovo viaggio,la mia enfasi non
e' cercata,e' naturale,e' l'enfasi di chi,come
bob,comprende la realta' fantasiosa della vita,i suoi
occhi ormai sono la descrizione della dolce malinconia
profonda,il suo comunicarci emozioni e' il solo modo
reale che abbiamo per sopravvivere amando davvero,i
suoi versi sono un legame stetto con l'essenza del
suono che ci balla in testa ...
Ed allora questo album ci propone ballate struggenti
nella loro maturita' selvaggia come mississippi(una per
me,delle migliori cose di bob in assoluto)pezzi
cremosi e dolcissimi come po boy(canzoni che oggi
nessuno saprebbe neppure pensare)emozioni di amori
andati ma sempre presenti(la commovente sugar baby)la
incredibilmente realistica high water ed un paio
almeno di pezzi rock-blues pieni di forza,senso
musicale assoluto e capacita' di essere al di la'
delle mode,come bob da sempre...
Un album grandioso,difficile da comparare ad altri,una
perla irripetibile nel suo genere,e mi chiedo con
tutta la stima,come faccia Bertoncelli a proporre una
recensione cosi' negativa di tal opera,ma pur con
sommo rispetto e stima ripeto,ricordo anche che lo
stesso defini' vuota e banale Lenny Bruce,ed allora
accetto ogni parere,pensando che e' giusto cosi',ma
cosa non sa di perdere.....
Infine mi trovo concorde con te sulla voce di
bob,matura,essenziale,profonda,unica come da sempre
per me,anche nella sua"bruttezza"la sera del famoso
tributo per i 30anni...
Grazie ancora bob,ancora mille di questi album,per
te,ma allo stesso modo anche per noi....

Arnaldo

Caro Arnaldo: Ugh!
Napoleon



 
La nuova pagina di
TALKIN' BOB DYLAN BLUES
sarà online 
Lunedì 1 ottobre



 
 
MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------