Vuoi discutere di Bob Dylan, della sua musica, della sua storia?... 
Hai domande da porre, storie da 
raccontare, emozioni da condividere, sul grande Bob o inerenti la sua musica e la sua vita? Scrivi a spettral@tin.it e le tue mail saranno pubblicate in queste pagine.
Talkin'
Bob Dylan
 Blues 
la posta di Maggie's Farm
parte 65
Il curatore di questa pagina si riserva di pubblicare o meno, del tutto o in parte, le mail spedite a questa rubrica in relazione alla forma ed ai contenuti delle stesse, tagliando o cestinando quelle che dovessero contenere frasi ritenute non pubblicabili o argomenti non inerenti la rubrica stessa.
Napoleon in rags.

607) Ecco la mia classifica:

1)Shooting star
2)Simple twist of fate
3)Desolation row
4)Like a rolling stone
5)Where teardrops fall
6)Tight connection to my heart
7)Mr tambourine man
8)Shelter from the storm
9)With God on our side
10)Country pie

Andrea Cerutti

Ciao Andrea, ok.
Napoleon



 

608) ciao, sono Riccardo un poco piu che neofita fan di zio Bob avendo perso per un pelo i concerti dell' anno scorso vorrei godermi al massimo questi che
verranno, e percio 'mi servirebbe una lista delle canzoni che bob dovrebbe suonare quest' anno, anche approssimativa, per permettermi di procurarmele e arrivare sotto al palco sufficientemente e"preparato" senza perdere neanche una
parola potete aiutarmi?
Grazie in Anticipo

Riccardo

Ciao Riccardo
io spero che quando Bob riprenderà il tour tra qualche settimana cambi molto le scalette viste in Australia ed in U.S.A. nei mesi scorsi. Però diciamo che per essere realistici, tranne qualche sorpresa, il nucleo fondamentale dovrebbe essere costituito dalle canzoni che sono state eseguite spessissimo in questi ultimi concerti che sono:
Duncan and Brady o Roving Gambler (come apertura, con qualche possibilità per Oh Baby it ain't no lie)
Poi un gruppo di canzoni che Bob propone ormai costantemente soprattutto nei bis:
Things have changed
Like a rolling stone
If dogs run free
Blowin' in the wind
Highway 61 revisited
Rainy day women
anche se di recente ha ritirato fuori Knockin' on heaven's door che potrebbe prendere il posto di una di queste ultime tre...
Per le altre secondo me la rotazione è quella dei soliti classici degli ultimi concerti, quindi le varie Tangled up in blue, It's all over now baby blue, magari Masters of war, Forever young, It's all right mà , Desolation row ed altre di questo tipo... Diciamo quelle che puoi vedere nella pagina di Maggie's Farm On the road again (U.S.Tour). Però se decidesse di farci altre sorprese come If dogs run free (magari anche due o tre...) non ci lamenteremmo, credo, anzi... Poi se ci canta tutto il nuovo album in anteprima meglio ancora... Michele "Napoleon in rags"


609) Dear Napoleon,
volevo approfittare dell'imminenza del compleanno del grande Bob per salutare i Maggie's Farmiani... sono molto felice per il risalto che la stampa e i media stanno dando alla cosa, oggi c'è il paginone sul Corriere della Sera!
meno male, si sono riabilitati dopo quell'articolo secondo me tremendo di Paracchini che c'era nella pagina della cultura l'altro giorno e che secondo me dava in pratica del qualunquista a Bob... ma che, scherziamo?
In questi giorni mi sto riascoltando il Live At Budokan, è stato uno dei miei primi dischi di Bob, e non sono d'accordo con le critiche un po' troppo severe che spesso vengono rivolte ad alcuni suoi dischi, come quelli degli anni '80... ad esempio,  questo live è stato valutato severamente anche da Q, mentre io trovo che
contenga una versione di "Blowin' In The Wind" bellissima, e che "Shelter From The Storm" sia magnifica... per non parlare di quella versione incredibilmente rockeggiante e da lasciare senza fiato di "It's Alright, Ma- I'm Only
Bleeding", che fa venire un' invidia pazzesca a tutti i rocker ventenni di adesso, a mio parere! E' chiaro poi che magari arrangiamenti così ritmati non sarebbero adatti a tutte le canzoni del repertorio di Bob, anche perché poi lì
si va a gusti, ma io trovo questo un album, come sempre, coerente... sono affezionata assai a questo disco, che a scuola passavo alle mie amiche e che ascoltavo meravigliata la notte, nel mio periodo di scoperta dylaniana... che
non finisce mai, in realtà!
Comunque, più che mai auguroni al Bob, one and only, e un buon compleanno,(giustamente) ritirato come nel suo stile, per giovedi!
Vi consiglio anche un articolo-tributo sul numero di questa settimana di Film Tv, la rivista di cinema e programmi tv, con delle belle foto di Zimmy!
Una cosa: sta per arrivarmi quel famoso film di cui vi avevo accennato, "The Ballad of Ramblin'Jack", in cui c'è il filmato del duetto tra Bob giovanissimo e Ramblin'Jack, che canta "Acne" con lui. Se qualcuno è interessato,
posso fare delle copie del film per uno scambio culturale: io cerco da tempo una copia che si veda bene di "Hard Rain", o anche di "Eat The Document", o anche di "Renaldo e Clara"... fatemi sapere!!!
Ma lo sai che il tuo sito è citato sul nuovo numero di D- La Repubblica
delle Donne, l'inserto settimanale di Repubblica? Non ho parole!!!
Compliments!!
E con questo, i miei salutoni a Napoleon e a tutti, e a presto!
P.S.: Mia madre dice entusiasticamente: "Zimmy, you're the Best! Happy Birhday, Forever Young!"
Beni

Ciao Beni, io adoro Live at Budokan che da un punto di vista musicale ritengo il disco più ricco di Bob insieme con Street legal e Desire. Mi mandano fuori di testa le versioni reggae di quel disco. Secondo me Don't think twice è superiore all'originale ed a qualsiasi altra versione live... ok tirate fuori i fucili ma vi prego mirate al petto e salvate il viso. It's all right mà che tu citi è STRATOSFERICA secondo me. Grazie per la segnalazione della citazione del nostro sito su La Repubblica delle donne. Come avrai visto ho già messo l'articolo in questione sul sito.
Ciao da Michele


610) Avete letto le nuove strips di Zimmy?
Napoleon



 

611) Salve a tutta la fattoria volevo sapere se qualcuno aveva acquistato il libro della Feltrinelli "La voce di Bob Dylan". Io l'ho acquistato l'altro ieri al salone del libro e ad una prima impressione mi sembra molto completo ed aggiornato con un' ottima analisi dell'intera opera dylaniana da freewhellin fino a time out of mind.
Napoleon qual è a tuo parere il libro migliore scritto su Bob Dylan? Mi piacerebbe inoltre sapere se qualcuno ha il primo dylantree che purtroppo mi sono perso (non avevo ancora scoperto il sito) grazie in anticipo.
Ed ora ecco le mie 10 song preferite:

   1.DESOLATION ROW
   2.LIKE A ROLLING STONE
   3.GIRL FROM THE NORTH COUNTRY
   4.TANGLED UP IN BLUE
   5.LOVE MINUS ZERO/NO LIMIT
   6.HURRICANE
   7.TO RAMONA
   8.MR TAMBOURINE MAN
   9.BLIND WILLIE MC TELL
  10.LILY,ROSEMARY AND THE JACK OF HEARTS

Mamma mia quante dolorose esclusioni........ciao a tutti
LorenzOWL

Ciao Lorenzo,
io vado controcorrente come sempre e dico che il libro migliore su Bob è Jokerman di Clinton Heylin (dico controcorrente perchè molti lo criticano...). Comunque questo di Carrera che hai citato è molto molto molto bello. Per il dylantree spero ti contatti Carlo "Pig" autore del cd...
Ciao, Michele "Napoleon in rags"



 

612) Ciao Michele
piccola notiziola dal Corriere di oggi:
"New York. Un tema di Bob Dylan al liceo all'asta per 77 milioni. Il compleanno di Bob Dylan fa salire i prezzi dei suoi cimeli. Un tema in classe scritto al liceo, una riflessione su "Furore" di Steimbeck, va oggi all'asta per 35.000 dollari, circa 77 milioni di lire, nel negozio "Gotta have it" di Manhattan. All'incanto anche l'annuario della Hibbing School (Minnesota) del 1959, con le immagini
di Dylan-Zimmerman (oltre 17 milioni) e l'armonica a bocca che suonava nei suoi anni scolastici (16 miloni)"
Ed ora una domanda: tu come ti sentiresti se pubblicassero i tuoi temi fatti al liceo?....
saluti, Anna

Ciao Anna,
avevo già dato la notiziola qui sopra ma la riportiamo per chi non l'avesse letta nell'indice Cosa c'è di nuovo di MF. I miei temi del liceo? Mmmm, generalmente avevano tutti voti alti (una delle poche materie a dire il vero perchè odiavo matematica, biologia, greco, e non eccellevo particolarmente in latino...) però non so chi potrebbe comprarli... forse qualcuno che si diverte a fare origami?...
Michele "Napoleon"


613) Ciao a te Michele e a tutta la farm.
Per chi non lo avesse ancora comprato consiglio
vivamente il libro di Alessandro Carrera, la voce di
Bob Dylan. Non e' la solita biografia e ne' il solito
saggio, chi lo scrive sa bilanciare la critica poetica
e la propria passione dando vita a questa alchimia
dalla quale l'autore non si puo' negare. E' un esame
completo, lucido ma mai freddo e distaccato. Bello.

   Aspetto, aspetto il prossimo incontro. Quello che
tutti noi aspettiamo. Una colonna sonora che continua,
che abbiamo scelto o ci ha scelto. Per debolezza,
chissa' l'adolescenza, per eredita', per necessita'
perche' ti ha detto la cosa giusta al momento
sbagliato e per questo non l'hai dimenticato, perche'
e' bello farlo e ti riesce facile, non lo so...
  Ho visto Neil Young prendere un armonica da un
bicchiere di vetro colmo d'acqua e iniziare Helpless,
ho visto i Pearl Jam raccontare la mia storia (che e'
quella di tanti altri) in Reviewmirror, e il Principe
regalare ad una Piazza del Popolo gremita un canto che
era una preghiera, e uno Sting scimmiottare un se'
stesso che non e' piu', ho visto Billy Corgan
(Smashing P.) raccogliere una lettera, deposta da una
fan sul palco, strapparla con i denti, tenerla con la
destra  e fare un assolo con la sinistra su Ava Adore.

  Ma non ho mai visto qualcosa come Bob Dylan dal
vivo, qualcosa che sta radicato nel mio passato, che
ha creato legami tra amici, che ha coperto i silenzi o
le grida con una ragazza, che ha percorso chilometri
con me, che ha accompagnato dei baci, che non ha
tradito e se lo ha fatto e' stato perdonato.
    Dice bene A. Carrera nel suo libro, lui mostra
qualcosa sul quel palco che e' un varco, l'unico
ancora aperto verso l'arte, una poesia, dal greco
poieo = creare dal nulla, e quando andra' via, quel
varco rimarra' chiuso, e nessun altro potra' piu'
aprirlo. Heandrix e' morto, Morrison pure, i Rolling
Stones e' come se lo fossero. Lui no, non credo che
sappia nemmeno come si faccia.
  Aspetto di rivedere quello che non si vede ma si
percepisce, non uno spettacolo, non con il significato
che ha preso adesso, ma l'ultimo dei trovatori,
 "Musa, quell'uom di multiforme ingegno
Dimmi, che molto errò...", un concerto imperfetto ma
Vero, un racconto sincero, un Omero che non vede ma
sa, che passa e non lo dice. Io lo so e voglio vedere
cosa avra' da raccontarmi questa volta.
Massimouse

614) Ma secondo te e' vera 'sta cosa che dice Bubola nell'intervista al Resto del
Carlino... seguo Dylan da molti anni e non mi risulta che ci sia un collegamento
tra i "Rolling Stones" e "Like a Rolling Stone", se non che qualche anno fa i RS ne hanno fatto una loro cover.

vedi qua:

'' Bubola ne segue le evoluzioni stilistiche e poetiche sin da ragazzo:
"Avevo un gruppo, a Verona, ai tempi del ginnasio. Suonavamo cover di Dylan
e dei Rolling Stones. Due realtà solo apparentemente contrapposte: a Jagger
e compagni Dylan ha dedicato una delle sue canzoni più conosciute". ''

Ciao Bruno

Ciao Bruno, anche a me non risulta... Chi sa qualcosa ci informi... Grazie. Michele.


615) ... è la strip più bella che hai mai disegnato!!!!
Se Bob ti telefona per ringraziarti (sono sicura che lo farebbe se potesse leggere quello che hai scritto!) be' digli che anche Anna duck è d'accordo e gli fa tanti auguri ....
Grazie Bob!!!!!
e grazie Michele!!!!!
Anna Duck

Ciao Anna (che si riferiva alla strip per festeggiare i 60 anni di Bob) sono felice ti sia piaciuta... Qualche animaletto non era somigliantissimo ma cavolo! voi vi scegliete cose tipo Albatros, porcospino e pidocchio (avete notato dove l'ho nascosto?) e roba simile... Se qualcuno sceglie il capibara o la moffetta giuro che non li disegno!!!! Siete avvisati. Michele "Napoleon in rags"


616) Caro Napoleon ti mando la mia classifica...
leggendola, la vostra classifica, si capisce che e' stilata da buoni
intenditori :-) pertanto accetto di partecipare
Di certo e' che e' veramente difficile escludere dalle dieci tanti
capolavori :-(

Bruno

nell'ordine:
LIKE A ROLLING STONE
A HARD RAIN'S A-GONNA FALL
DESOLATION ROW
CHIMES OF FREEDOM
THE LONESOME DEATH OF HATTIE CARROLL
SIMPLE TWIST OF FATE
JUST LIKE A WOMAN
FOREVER YOUNG
ONE TOO MANY MORNINGS
ONE OF US MUST KNOW (SOONER OR LATER)
 

617) BUON COMPLEANNO BOB E COMPLIMENTI MICHELE !!!

ECCO LA MIA CLASSIFICA

1 - Like a rolling stone
2 - Man in the long black coat
3 - Blind Willie MC Tell
4 - Girl from the north country
5 - Ballad of a thin man
6 - Every grain of sand
7 - Tangled up in blue
8 - Jokerman
10- All along the watchtower

Ciao

Valentino


618) Ciao Michele,
Tra una sosta e l'altra, sulle quattro ruote del giornaliero "ON THE ROAD DI LAVORO" ho colto al volo, cambiando spesso stazione sull'autoradio:
ore 11.24 Knockin' on Heaven's Door - ore 11.27 Jokerman -
ore 14.15 Like a Rolling Stone - ore 14.20  Blowin' In The Wind  (J. Baez) - 14.30 ancora Knockin' on Heaven's Door  ore 14.39 Gotta Serve Somebody - ore 14.42
ancora Gotta Serve Somebody  - dalle ore 15.21 Covers: Highway 61 Revisited (J. Winter) - I Need a Woman (R.Cooder) - Don't Think Twice, It's All Right (E. Clapton) - It's Alright, Ma (R. Mc Guinn)  -  Gotta Serve Somebody (E.James) - ore 17.05 All Along the Watchtower (J. Hendrix) - ore 17.10  Like a Rolling Stone (Rolling Stone) - ore 17.13 di nuovo  Knockin' on Heaven's Door - ore 19.22 Return to Me (e Dylan canta in italiano) - ore 19.26 Avventura a Durango (F. De Andrè)  ..........   il tutto sulle tre radio nazionali e Radio Capo d'Istria .............e chissà quanto mi sono perso.
Sul quotidiano ho trovato ben quattro articoli sull'argomento e due sul relativo supplemento
..............
MIRACOLI CHE POSSONO REALIZZARSI SOLTANTO UNA VOLTA OGNI
SESSANT'ANNI !?
Il maniacale elenco con orari in tempo reale degli omaggi a Bob vuole essere solo un mio modestissimo riconoscimento alla sua arte in occasione del suo compleanno.
Sperando tu non la conosca ti mando una curiosità: Esiste un'illustrazione dell'autore di fumetti Franco Matticchio utilizzata come copertina del n. 1 della rivista Tic (febbraio 1989) che riproduce la copertina di "The Freewheelin'".  Te l'allego.
Giorgio.

Ciao Giorgio non la conoscevo e l'ho già messa sul sito. A proposito di radio: io me lo sono perso ma qualcuno ha mica seguito lo speciale su Bob su Radio3 il giorno del compleanno con interventi di Guccini, De Gregori, il fotografo Guido Harari e Massimo Bubola? Come è stato? Qualcuno lo ha registrato?...
Ciao, Napoleon


619) Ho aggiornato la pagina dei testi di Bringing it all back home


620) Hi Napoleon,

eccoti la mia top ten dei dischi del nostro menestrello favorito :

1 highway 61 revisited
2 blood on the tracks
3 oh mercy
4 blonde on blonde
5 infidels
6 slow train coming
7 desire
8 slow train coming
9 the freewheelin' bob dylan
10 bringing it all back home

saluti e continua cosi' che vai forte ...
valentino



 

Ed ora un articolo che avevo già riportato nel Cosa c'è di nuovo ma che rimetto anche nella posta per chi non lo avesse letto (è molto interessante, secondo me)

621) Vi invio un articolo su Dylan che, distanziandosi dalle solite celebrazioni, risulta essere interessante per una semantica della tecnica musicale e lirica di Dylan stesso.

" <<Uàns apòn a tàim iù drèsd so fain, iù trù de bàms a dàim in iòr praim, didnt' iù? [...]>> Forse, nonostante il massacro della traslitterazione (imperfetta, per di più), avrete riconosciuto l'inizio della prima strofa di Like A Rolling Stone. Anche se non conoscete la canzone, anche se non sapete l'inglese, provate a leggere queste poche righe: avrete in testa, nell'orecchio, la prova della formidabile padronanza della lingua, della parola, della materia sonora verbale, da parte di Bob
Dylan. Certo, quel testo dice anche qualcosa, ed è una storia drammatica, angosciosa, quasi un giallo, perchè per un bel tratto della canzone non sapremo quale sia l'evento che ha fatto precipitare la vita della protagonista dal lusso dei quartieri alti alla lotta quotidiana per l'esistenza, alla condizione di vagabonda, di rolling stone. E anche se a un certo punto Dylan ce lo dice che il
colpevole è il maggiordomo (e chi, se no?), che non ha saputo stare al suo posto, che ha portato via tutto quello che c'era da rubare, noi non ci accontentiamo, e ci deliziamo - a sentire gli elenchi degli agi precedenti e delle sventure successive, sciorinati con la sapienza di un altro grande
elencatore (Cole Porter), ma con un tono biblico di profezia infausta sovrapposto all'ironia.
Insomma, Dylan è un grande inventore di testi, calato in una tradizione americana che non è solo quella delle ballate popolari, e che come nel caso dei migliori lyricists di Tin Pan Alley (lo stesso
Porter, Ira Gershwin) si intreccia e si ispira alla poesia <<vera>>, quella scritta per la pagina. Ma Dylan non è solo un autore di testi raffinatamente sensibile alla musicalità del verso (tutte quelle <<a>>, e poi tutte quelle <<o>>, nelle righe che abbiamo letto insieme): è anche autore delle
musiche, un autore altrettanto raffinato e sensibile. Davvero?
Forse la musica più nota di Dylan, oggi, è quella di Knockin' On Heaven's Door, con quella sequenza di accordi che ha preso il posto della Bambolina come standard del chitarrista dilettante:
di sicuro la conoscono tutti i professionisti, e quando ci sono due cantanti su un palco che decidono di improvvisare un duo si può scommettere che salteranno fuori quei sei accordi lì. Ecco, per ironia della storia, questo bel <<giro>> (I-V-II, I-V-IV, per i musicisti) è l'opposto della ragione per cui
Dylan merita di essere ricordato come uno dei più grandi compositori di canzoni. Non c'è dubbio che piaccia oggi, perchè corrisponde all'estetica della ripetizione assoluta, del groove, dell'uso poetico delle macchine e degli algoritmi, e certamente ha senso in quella specifica canzone. E di sicuro Dylan ha scritto canzoni notevolissime basate su <<giri>> anche più schematici e ripetitivi,
come All Along The Watchtower (VIIb-I-VI-Ib-VI). Ma la sua grandezza come compositore sta nel mettere l'armonia al servizio della parola, nella capacità di costruire una forma che sostiene e sviluppa il discorso del testo, con una progressione retorica implacabile. Like A Rolling Stone è un
esempio eccellente. Ogni strofa è divisa in due parti: nella prima si rievocano gli splendori, con qualche accenno minaccioso alle successive disgrazie della protagonista; nella seconda il tempo si
sposta al presente, e il rovescio della fortuna è già avvenuto. Nella prima parte (gli splendori) il basso sale, e gli accordi lo seguono inevitabilmente: I-II-III-IV-V (Do, Re minore, Mi minore, Fa,
Sol), due volte, e poi IV-V, IV-V (Fa, Sol), ripetendo con un certo affanno gli ultimi due gradini della scala. Nella seconda parte (la disgrazia) il basso scende: IV-III-II-I (Fa, Mi minore, Re minore, Do), due volte. A questo punto "deve" succedere qualcosa: siamo compartecipi delle
diverse fortune della protagonista, ci è diventata familiare, vorremmo dirle tutti insieme qualcosa, il racconto si deve concludere. Ma Dylan ci tiene ancora in sospeso, vuole che il discorso arrivi al
momento più drammatico, con la cadenza più definitiva: II-IV-V (Re minore, Fa, Sol). E solo adesso possiamo chiedere insieme a lui: <<How does it feel?>> Come si sta, ad essere senza casa, come una perfetta sconosciuta, come una vagabonda? E qui sì che scatta il <<giro>>, la situazione bloccata, senza via d'uscita: sempre gli stessi tre accordi (I-IV-V, Do, Fa, Sol). La musica si fa
servitrice, ancella della parola: con altri strumenti, con altre qualità rispetto al progetto della Camerata de' Bardi che sta alla base del melodramma italiano, ma con efficacia del tutto simile.
E' sorprendente notare che l'artificio retorico del basso discendente che funziona così bene in Dylan per sottolineare la caduta in disgrazia dell'eroina della canzone sia sostanzialmente lo stesso al quale si rifaceva Monteverdi per i suoi Lamenti: e non è che Dylan si ispiri o copi (è difficile pensare che la sua pur composita cultura musicale nel 1965 comprendesse anche il Cinque-seicento
italiano), ma certo l'idea nasce dalle stesse premesse e da intenzioni analoghe. A chiunque abbia ascoltato le canzoni di Dylan, fin dagli inizi, questa maestria appare evidente, anche se non sono altrettanto evidenti i mezzi che usa. Cos' l'influenza che esercita su altri autori di canzoni è enorme,
ma in molti casi nei dylaniani - anche in quelli italiani - c'è più il suo colore che il suo stile.
C'è la qualità della voce, c'è il tono apocalittico dei primi testi (Buttiamo a mare la basi americane, Rudi assuntino), c'è la semplicità degli accordi, che a volte fa anche a meno della settima sulla dominante (per non dire di altri <<trucchi>> invisi ai dylaniani ai rocker, come seste, settime maggiori, none, per carità!). C'è - a volte - un'identificazione seria, commossa e commovente (De Gregori, Bubola, De Andrè). Ma quel tocco diabolico da predicatore-imbonitore in musica, quella
logica implacabile è rimasta tutta sua. Se vi dilettate di musica, andate a risentire ora gli accordi di Blowin' In The Wind. Non sono come
ve li ricordavate: sulla parola wind c'è un Fa, non un la minore (come tutti fanno). E, se ci pensate, non poteva essere che così. "
L'ARMONIA AL SERVIZIO DI SUA MAESTA' LA PAROLA, Franco Fabbri, in "L'Unità", 24 maggio 2001.

Wasteland, sabato 26 maggio 2001.


622) Ho aggiornato la pagina delle foto di Bob


623) Ciao Michele,
sono Luca "Spider", volevo chiederti un'informazione per i biglietti di Brescia.
Ho visto sul sito (Alessandro&.....)i prezzi e dove sono fuori le prevendite, solo che nei 3 negozi di Milano non ne sanno ancora nulla...
potresti dirmi se tu sai qualcosa in merito o se qualcuno della fattoria ha già trovato i biglietti a Milano?
Ti ringrazio anticipatamente
Luca

Ciao Luca, al momento non so ancora nulla... Qualcuno lo sa? Milanesi, bresciani e zone limitrofe, fateci sapere, grazie!



 

624) se ho capito bene su expectingrain si annuncia un
disco di bob tra 2 settimane,forse il regalo ce l'ha
fatto lui. Ti mando per la grande giornata che è oggi
un immagine che ho fatto pensando in grande. E in più
il biglietto del primo concerto di mio fratello, per
un caso quel giorno non sono andato. Ciao e auguri
Massimouse

Ciao Massimo, e già sembra proprio che stavolta ci siamo. Un nuovo album di Bob sta per nascere. Mi sa che nei prossimi mesi tra concerti e disco nuovo ne avremo di argomenti... Per quanto riguarda la tua bella opera fotografica ed il biglietto di cui parli li ho già entrambi inseriti in Cosa c'è di nuovo (chi non li ha ancora visti cosa aspetta???). Michele


625) Ciao Michele
mi chiamo Giorgio Borri e sono un giornalista di Tuttosport. Ti scrivo per
ringraziarti per la quantità di materiale che metti a disposizione su Bob
Dylan, il tuo é un sito meraviglioso, davvero. Domani (venerdì) la pagina
di musica che curo personalmente ogni settimana per Tuttosport ti deve un
monumento, proprio perchè dedicata al compleanno di Dylan e perchè ci hai
fornito un sacco di spunti (soprattutto sul versante
testi/traduzioni/legami con gli italiani). Non mancherò di ringraziare te
e consigliare il tuo sito sul giornale di venerdì. Te lo meriti ampiamente
Complimenti ancora
Giorgio Borri

Questo mi scriveva il giornalista Giorgio Borri, che ringrazio. L'articolo di Tuttosport citato l'ho poi inserito in Cosa c'è di nuovo. Chi non lo ha letto lo faccia perchè è veramente notevole ed ha parole molto belle per il nostro sito. Napoleon

626) Ciao, è la prima volta che vi scrivo.
Mi chiamo Tony, sono il batterista dei "Before Hendrix", e
domenica avremo l'onore di suonare alla festa di Alba.
All'interno di una band ci possono però essere pareri
contrastanti, quindi la mia classifica sarà leggermente diversa
da quella pubblicata dal mio amico Marco, chitarrista e
cantante del gruppo.
Comunque tengo a precisare, che il mio elenco è stilato in
base a ricordi o sentimenti personali, e non a dati di effettivo
valore delle canzoni.

1-Stuck inside of mobile....
2- It's all over now, baby blue
3-Idiot wind
4-My back pages
5-Like a rolling stone
6-I want you
7-Just like a woman
8-Silvio
9-Masters of war
10-Ballad of a thin man

SaluTony a tutti.

Ciao Tony, purtroppo non ci siamo incrociati ad Alba. Sarà per la prossima volta (magari in Val d'Aosta per Bob Dylan Forever 2?...). Ok per la classifica.


627) Grande Napoleon!!!!!!!!!!
Bellissimi gli auguri a Bob..la fattoria al completo...a quando un raduno???
Ciao
LorenzOWL

Ciao Lorenzo, spero di riunire quanti più mfarmiani possibile a Brescia per il concerto di Bob... Cercate di venire... Michele


628) CIAO MAGGIE'S FARM
ma il Nostro non doveva fare un concerto anche a Milano?
Vi prego fatemi sapere qualcosa.
Davide

Ciao Davide, se ne parlava in termini ipotetici (anzi è stata la primissima indiscrezione del tour italiano di Bob). Presumo che si è poi optato per Brescia (farne uno a Milano ed uno a Brescia effettivamente era un pò eccessivo). Praticamente potremmo dire che il concerto di Milano è diventato quello di Brescia (oddio se poi magari domani ci comunicano che Bob ne fa uno anche a Milano non ci lamenteremmo, vero?)
Ciao da Michele


629) Avete letto le nuove strips di Zimmy?
Napoleon
 
 

La nuova pagina di
Talkin'
Bob Dylan
 Blues 
la posta di Maggie's Farm
sarà online lunedì 4/6

 
 
 
MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------