Vuoi discutere di Bob Dylan, della sua musica, della sua storia?... 
Hai domande da porre, storie da 
raccontare, emozioni da condividere, sul grande Bob o inerenti la sua musica e la sua vita? Scrivi a spettral@tin.it e le tue mail saranno pubblicate in queste pagine.
Talkin'
Bob Dylan
 Blues 
la posta di Maggie's Farm
parte 62
Il curatore di questa pagina si riserva di pubblicare o meno, del tutto o in parte, le mail spedite a questa rubrica in relazione alla forma ed ai contenuti delle stesse, tagliando o cestinando quelle che dovessero contenere frasi ritenute non pubblicabili o argomenti non inerenti la rubrica stessa.
Napoleon in rags.

565) ciao Eleonora ,
ho letto la tua mail sul sito di michele e mi ha colpito.
mi fa ricordare il mio stesso entusiamo dei miei primi approcci a bob.
nessuno mi ha mai ascoltato !! e che sofferenza! difficilmente avevo occasione di entrare in contatto con altri dylaniati.
al mio primo concerto (ferrara 96) ero abbastanza distante dal palco. avevo gli occhi lucidi e mi inca..avo perchè non riuscivo a vederlo bene. poi, come tanti altri, ho scavalcato le transenne e si è aperto davanti a me una spianata  ed ecco BOOOBBB arrivo, aspettaaaa!!!  mi ricordo di un assolo di armonica su ain't me babe ... mi è venuto da piangere come 2 sere dopo a pistoia quando ha attaccato tangled up in blue (una delle mie preferite di sempre) ...che magone. e poi scoprire, sotto il palco di tutti i concerti che ho visto, gente della mia/nostra eta (ho 26 anni anch'io E
PERDONAMI MA SONO NATA IL 24 MAGGIO PROPRIO COME LUI) . alla faccia di tutti quelli che mi hanno sempre detto che dylan è vecchio e la sua musica è x vecchi.
in un certo senso ti invidio... hai tante cose da scoprire! e mi immagino di quante volte rimarrai a bocca aperta!
hai mai ascoltato un suo concerto recente? (immagino forse di no) . stimo dylan come artista xche quando vai ad un suo concerto ogni canzone nasce nuova ogni sera. cioè l'anno scorso ho ascoltato gotta serve somebody (come non l'avevo mai sentita prima) e la sera dopo era totalmente diversa.
spesso i testi sono improvvisati (ho avuto la fortuna di vedere 5 concerti a fine 2000 e mai una volta che il testo di  if dogs run free fosse uguale di sera in sera)
non ti aspettare quindi che le canzoni siano interpretate uguali all'album da cui hanno origine.
dylan stravolge/piega/spezza/cuce ogni suo pezzo. ...spesso devi chiedere al tuo vicino, scusa che canzone è questa?
ok passiamo ai consigli. anch'io come te ho dovuto "assorbire" + di 30 anni di musica in poco tempo. certi album mi sono piaciuti (e strapiaciuti) solo dopo parecchi ascolti (come Wolrd Gone Wrong e Good As I Been To You consigliati vivamente!)
ti consiglio poi The Basement Tapes, Oh Mercy, slow train..... (ti consiglierei tutta la discografia di dylan!!)
ogni album ha un suo sound, una sua storia, non troverai ne un disco ne una canzone uguale all'altra. xcio buon divertimento.
x quanto riguarda i libri, vai con Jokerman (ed.tarab)
scusa se ti ho magari stancato, ma ripeto il tuo entusiasmo è stato il mio entusiasmo (e ri-ripeto
spesse volte non capito)

ciao
elena

ps: ho un paio di cd ed una cassetta (riguardanti concerti del 95 e del 98) che hanno hanno dei
difetti e che quindi non sono scambiabili (quando scoprirai l'infinito mondo del trading poi!!) che
piuttosto di buttarli nel cassonetto te li spedirei volentieri se solo mi fai avere il tuo indirizzo.

ps x michele: ok x la pubblicazione dell' indirizzo e.mail

Ciao Elena, da quanto tempo... Sei stata una delle prime a scrivere a MF anzi non vorrei sbagliarmi ma forse addirittura la prima in assoluto e se ricordo bene hai vinto anche il cd messo in palio con quel mio giochino del Dylan quiz, ormai diversi anni fa... Bentornata su queste pagine!  E... Eleonora, confermo tutto quello che ha detto Ele ma... mi raccomando Blood on the tracks. Michele.
ps: allora l'indirizzo e mail di Elena è:  romanini.e@rsadvnet.it



 

566) Ciao Michele sono Giulio;
non mi sono fatto vivo perché ho avuto un po’ di problemi con il modem. Volevo raccontarti 2 cose:
1- Purtroppo non possiedo i film di Totò che mi hai richiesto. Forse, però, riesco a procurarteli tramite alcuni miei amici anch'essi appassionati di Totò;  in ogni caso tieni d'occhio la rassegna a lui dedicata che stanno facendo su TMC il sabato sera.
3- Un paio di settimane fa, a Brescia, dove attualmente sto lavorando, hanno rubato la mia auto. Si tratta di una fiat Tipo vecchia di 10 anni. Non è tanto il suo valore commerciale (anche se all'interno c'erano alcuni strumenti di lavoro), quanto quello affettivo. E' stata infatti mia fedele compagna di qualche avventura sentimentale e di tante avventure "concertistiche" in giro per l'Italia (tra gli altri Bob Dylan, ovviamente, ma anche Neil Young, Paul Simon, Bruce Springsteen, Jackson Browne, Pink Floyd…). Qualche giorno fa, mi telefonano i carabinieri dicendo di averla ritrovata. Mi aspettavo di trovare un disastro ed invece, incredibile ma vero, non hanno arrecato danni alla macchina ad hanno rubato solo le cassette di Dylan e di Sprngsteen, tralasciando invece
tutte le altre, comprese alcune  che porto  per accontentare, talvolta, qualcuno che non ama quel genere di musica. Cosa devo pensare? Che i ladri sono sensibili al fascino di Dylan oppure che avendo saputo del suo prossimo arrivo in città, vanno in giro alla ricerca di materiale dylaniano per meglio prepararsi al grande evento? Bho!
Volevo poi fare un sondaggio, ammesso che tu sia d'accordo, per sapere da coloro che hanno visto più volte Dylan dal vivo, a quanti concerti hanno assistito e quale ricordano con maggior entusiasmo. Io personalmente,tra i dieci che ho visto, non riesco a dimenticare l'esibizione del 96 al Pistoia Blues.
Saluti,
Giulio the horse (se nessuno lo ha ancora scelto)

Ciao Giulio, il sondaggio mi sembra carino. Siete tutti invitati dunque. Inizio io: 9 concerti visti. Il migliore: ex-aequo per Collegno, luglio 98, e Milano, Maggio 2000. Napoleon in rags


567)  Ho aggiornato la pagina "Someone showed me a picture"
Napoleon


568) Messaggio pubblicitario: avete letto le nuove strips di Zimmy?... No?... Correte nella apposita sezione dell'Indice Generale di Maggie's Farm...


569) Ciao Michele,
sono Stefano da Rovigo.Forse ho qualche informazione utile per allungare la già infinita lista di "May your song always be sung" con le cover di canzoni di Dylan  incise da altri artisti.Purtroppo non riesco a darti informazioni molto precise perchè molto spesso non so l' anno in cui sono state registrate, avendole per buona parte recuperate quasi casualmente o scaricate da Napster, dove tuttavia non compariva l' anno.Mi permetto di fare anche qualche personalissimo commento che ovviamente sono da riferire solo all' interpretazione perchè se dovessi parlare dell' originale, beh sarebbe tutto un altro paio di maniche...
Comincio a dirti quello che so:

Ballad of Hollis Brown          Old Blind Dogs          1995

Si tratta di un gruppo scozzese che suona musica celtica (ho comprato il cd in Bretagna!) e che  ha inserito un' ottima versione di questa canzone  nell' album "Legacy" con la seguente giustificazione "Written by Bob Dylan, this song concerns itself with the grinding poverty of farm life at the turn of the century, whether in South Dakota, the North East of Scotland, or anywhere else in the world for that matter."
 

Rainy day women #12 & 35        The Black Crowes
Oh sister                       The Black Crowes

E chissà quante altre !!!Le ho scaricate entrambe da Napster.Sono versioni Live (valgono anche queste?), in acustico, veramente molto belle.Purtoppo non so l' anno, ma ritengo che siano della metà degli anni novanta.

Subterranean homesick blues     John Lennon e Ringo Starr

Anche questa proviene da Napster.Questo significa ancora che non so l' anno di incisione.A naso, direi primi anni '70, Carina ma,mi dispiace per i due interpreti di spessore, niente in confronto con il capolavoro originale...

All along the watchtower                Lenny Kravitz e Eric Clapton

Ancora da Napster. E' una grande live version (anni '90?), in cui spicca la voce un po' cupa (ottima per l' occasione!) di Kravitz e la chitarra di Clapton che non ha bisogno di commenti.E' un pezzo molto rock, ma ancora una volta l' originale resta inarrivabile...

Infine ti propongo alcuni titoli che ho preso tutti da un cd che  si chiama "The times they are a.changin' - A tribute to Bob dylan  Vol. 1" ed è una collezione di cover.Me l' ha registrata un amico che credeva di aver comprato un cd originale del Nostro incappando invece in un grossolano errore: prima di cambiarlo però gli ho suggerito di farmi una copia: non si sa mai...
Rainy day women                 David Harris
Bella, suona molto blues...

Stuck inside of Mobile with the Memphis blues again     Catbird Seat
Molto diversa dall' originale,ma piacevole:peccato che sia stata "accorciata" un poco.

Tangled up in blue                      Indigo girls / drag the river
Molto lunga, con un tratto anche molto lento e un improvviso cambiamento di ritmo.Ma l' originale è un' altra cosa (penso che tu possa capire cosa intendo...)

Buckets of rain                 Wendy Bucklew
Acustica, molto calda e dolce (beh l' originale, d' altra parte si sa cos' è...);la voce femminile comunque si adatta splendidamente con la melodia.

When the ship comes in          David Franklin
Molto simile all' originale: non si può sbagliare...

I' ll be your baby tonight              Michelle Malone
Idem

It' ain' t me be, babe          Kristen Hall
Bella,ben arrangiata con una dodici corde acustica che sovrasta tutto.

If you see her say hello                The Ethel Merts experience
Leggermente più veloce:non male...

Masters of war                  Kevin Kinney
Ancora più da brividi, se possibile!! Una voce enorme.Curiosa, tra l' altro l' aggiunta di un verso finale che suona come un' augurio o una speranza:
 "Come masters of peace,
please open the door
and take by the hand
this masters of war"

Fourth time around                      Peter Williams
ottima

You ain' t goin' nowhere                Feel like you

The times they are a-changin            Eddie Owen
Solo  cantata:almeno accompagnato da una chitarra sarebbe stata migliore

Bene!Questo è tutto quello che posso dirti. Spero che in qualche modo possa esserti utile e/o interessarti, magari per il sito.
Saluti, Stefano Gemelli
P.S.Vai così che sei grande:ormai  visitare Maggie' s farm è un piacere quotidiano!!!

Ciao Stefano, grazie per le informazioni che inserirò nella pagina delle covers. Michele.


570) Ciao Michele

Giorni fa pubblicasti la notizia che a Milano, in occasione della celebrazione della Liberazione, l'attore Giuseppe Cederna aveva recitato una poesia di Bob Dylan. Tra l'altro Cederna fa spettacoli recitando poesie di Dylan (... lessi una News a proposito... di più non ricordo ). Comunque, ho trovato sul corriere della sera (articolo del 26
aprile dal titolo "25 Aprile, corteo di festa e di scontri") notizie più specifiche. Ti riporto la parte dell'articolo che
c'interessa:

"Giuseppe Cederna, sulle variazioni jazz di Umberto Petrin, non fa caso all' influenza e con gli occhi lucidi di febbre grida un Bob Dylan versione rap, quasi un inno all' impegno: «Nelle parole che sto pensando / nelle parole che sto gridando / in quest' oceano d' ore che da sempre sto bevendo / chi sto aiutando, che sto ottenendo, cosa sto dando, cosa sto prendendo?». "

la canzone dovrebbe essere ...  The Last Thoughts On Woody Guthrie (ufficialmente pubblicata su Bootleg Series 1-3)

In the words that I'm thinkin'
In this ocean of hours I'm all the time drinkin'
Who am I helping, what am I breaking
What am I giving, what am I taking

..... silenzio......

Mi piacerebbe scrivere che l'ho riconosciuta al volo ... ma mentirei ignobilmente ... l'ho trovata grazie al motore di ricerca del sito di Bob Dylan ...

Ciao
Antonio Maggie's Cat

Ciao Antonio e grazie... anche se naturalmente non è una canzone ma una poesia... Napoleon



 

571) Ciao Michele, un po' di domande sparse a caso:

1) Sto ascoltando molto volentieri Slow Train e in generale tutta la produzione Dylan in cui suona quell'autentico portento che è Knopfler. Ora, se io ascolto molte di quelle canzoni, il sound è molto simile alla produzione del gruppo di Knopfler negli anni a seguire, e si può dire quindi anche il contrario. Secondo te c'è stata
un'influenza reciproca, Dylan ha impresso una svolta nella carriera del chitarrista, o forse si può dire il contrario?

Con tutto il rispetto per Knopfler che adoro così come i Dire Straits personalmente non ritengo che egli abbia influenzato Dylan in generale. Viceversa credo che Dylan abbia influenzato Mark per quanto riguarda il modo di cantare. Opinione personalissima.

2) Nei giudizi che dai alle singole canzoni degli album di Dylan, premesso che siamo nel campo dell'opinabile, ti ho visto dare giudizi molto positivi praticamente a quasi tre quarti dell'album Self Portrait, che io ritengo davvero inascoltabile in certi punti. Credi sia dunque un album da rivalutare ?

Personalmente sì. Ovviamente i giudizi che ho messo in tutti gli album non hanno nessun valore e sono solo miei come ho scritto nell'introduzione. Nel caso di Self Portrait credo di essere uno dei pochissimi ad amare quel disco visto che in tanti anni di dylanite ho sempre trovato gente che lo ha definito il peggior album di Bob. A me piacciono quasi tutte le canzoni di quel disco e adoro come Bob le canta (intendo il tipo di voce). Altra opinione personalissima.

3) Ora, ti parla un neofita dei concerti: ma davvero ad un concerto di Dylan si sta seduti ? Potrei anche permettermi il biglietto bresciano da quasi 70 carte, ma dovrei starmene seduto ? Cioè, dovrei battere nervosamente i piedi all'ascolto di Tangled up in blue o Maggie's Farm ? Preferisco vederlo da più lontano ed agitarmi come mi pare....

A dire il vero il fatto di stare seduti o in piedi dipende solo dalla struttura. A Milano ultimo scorso io ero seduto ad esempio perchè il Palavobis era strutturato in modo da far stare seduti quasi tutti. A Brescia se prendi il biglietto dei posti a sedere sarai senza ombra di dubbio obbligato a stare seduto. Se no ovviamente in piedi. Credo.

4) Ti chiedo lumi sulla questione degli " outtake ". Sono dei singoli e come tali non compresi negli album, ( vedi Penny Lane o Strawberry Fields forever per Sgt Pepper ), oppure dei veri e propri scarti ? Perchè nel secondo caso non riesco a capire come possa considerarsi scarto una " Series of Dreams " per Oh Mercy, o una Abandoned Love per Desire, o almeno così mi risulta per la seconda.

Gracias per l'attenzione.
Mino Mosquito

Out takes sono le canzoni non incluse nell'album, quelle che il produttore o l'artista ritengono evidentemente "scarti" come dici tu. Le canzoni che citi sono la testimonianza che errare humanum est.
Ciao, Michele



 

572)  Caro Michele,
ti rispondo con un po' di ritardo (la mia ultima lettera era in Talkin'58) andando a svelare il "mistero" della foto dei Beatles inserita nella copertina di "John Wesley Harding". La foto è visibile anche sulla copertina italiana del disco in vinile (per motivi di dimensione): bisogna innanzitutto CAPOVOLGERE la copertina e poi, muniti possibilmente di una bella lente d'ingrandimento, andare a guardare ai bordi della foto in corrispondenza alle lettere LE di "Wesley". Appariranno allora (come ti dicevo,un po' sgranati e ben dissimulati) i quattro minuscoli volti dei Fab Four,ripresi peraltro da una foto abbastanza nota. Questo è quanto.
Ho trovato lo special di RAISATShow su Bob del 19 aprile scorso alquanto mediocrino: al di là dei materiali di Dylan (tutti già abbondantemente noti), l'unica cosa interessante mi è sembrata la versione punk/dark/trash di "A hard rain's..." nel video di Brian Ferry.

Michele: A mio modesto avviso è un capolavoro assoluto.

E poi la storia dell'incidente di moto di Dylan "organizzato" da Grossman...ma andiamo!
Saluti da
Sandro Naglia
sandronaglia@tiscalinet.it



 

573) Ho aggiornato la pagina dei testi (album Planet Waves)


574) Ti mando questo articolo uscito sul Mattino il 4 maggio (venerdì). Il sito Maggie's farm è fantastico. Tra le mie canzoni preferite c'è anche Where are you tonight, la trovo favolosa. Nessuno ne parla mai. Come per esempio un'altra chicca per me è In the summertime. A te piacciono? Per caso sai di chi è l'assolo finale di chitarra in Where are you tonight? Sui credits sono due i chitarristi che suonano nell'album Street legal. Sai chi è precisamente? Ciao.
Animalhouse

Ciao, anche io amo molto quelle due canzoni ma non saprei dirti chi suona la chitarra su quell'assolo. Chi lo sa? Napoleon

SESSANTENNI ROCK
McGuinn: «Io e Dylan, che ricordi!»
di Enzo Gentile

Milano. Roger McGuinn coi Byrds ha conosciuto ogni tipo di soddisfazione: ha venduto milioni di dischi, è entrato nella Rock&Roll Hall of Fame, restando
nell'immaginario collettivo col suo inconfondibile timbro vocale ed il jingle jungle sound
della sua chitarra a dodici corde. Cinquantanove anni portati più che bene, Roger sta girando il mondo con la moglie, turista per caso che la sera sale sul palco accompagnato soltanto dalla fedele Rickenbaker a tracolla.
Perché un tour da solista?
«Non rinnego nulla del mio passato, ma oggi mi sento un cantante folk: da alcune stagioni mi sento attratto dalle canzoni con cui sono cresciuto da ragazzo a Chicago, la mia città natale ed ho recuperato brani che affondano le radici nella tradizione, quella bianca come quella nera».
Il suo ultimo disco, «Live from Mars», risale al 1997.
«Ho appena finito di registrare un nuovo album, "Treasure from folk den": uscirà in giugno. Ci sono tutte canzoni che ho ricavato dal patrimonio popolare americano che canto con vecchi amici come Pete Seeger, Joan Baez, Judy Collins, Odetta, Jean Ritchie, Josh White junior. In estate metterò su una bella carovana con Judy Collins, Janis Ian e Richie Havens».
Sembra quasi un amarcord del folk revival. Manca solo Bob Dylan, che all'album
d'esordio dei Byrds prestò nel '65 la sua «Mr. tambourine man».
«Bob è il più grande. L'ultima volta che siamo andati in tour insieme era il 1987, ci
divertimmo molto, ho dei ricordi fantastici che porterò sempre con me. Da allora l'ho un
po' perso di vista, io abito in Florida e lui gira il mondo, vive in tournée. È fatto così, ma so che le nostre strade si incroceranno di nuovo. Dylan compirà i sessantanni il 24, pochi mesi prima di me: gli farò senz'altro gli auguri.»
Che cosa le è rimasto dei Byrds?
«Ancora oggi la gente ama le nostre canzoni, compra i nostri dischi, ci chiede di tornare insieme.
Ma io non ho nostalgia, né rimpianti, anche se mi piacerebbe ritrovarmi al fianco di Clarence White. La scorsa estate ci siamo ritrovati con David Crosby e Chris Hillman per un concerto benefico a Los Angeles: è stato emozionante, ma è acqua passata, quel genere di musica appartiene a un altro tempo».
 
 
 

MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------