parte 387
Lunedì 19 Novembre 2007

...a proposito dei videoclip della pubblicità Cadillac di cui chiedevo la volta scorsa...

4988) ciao michele!
a me risultano 7 video diversi su you tube...

la lunghezza varia dai venti secondi ai 2 minuti...

dario "twist of fate"

Ciao Dario,
grazie dell'aiuto... Io continuo a non trovare quello con "Summer Days" in sottofondo... Ma esiste? Qualcuno lo ha visto? Forse sono io che non riesco a beccarlo?
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4989) Caro Michele è un po' che non mi faccio vivo per impegni  familiari che non mi hanno impedito di
vedere l'ottimo film di Todd Haynes e segnalo la buona recensione di Franco la Polla sull'Indice dei libri
di questo mese. Che il film sia molto interessante, anche per uno che non conosce  Dylan, ma sa un po'
di cinema, è verissimo, certo se bazzichi un po'  Dylan, ti diverti di più e soprattutto ne esci meno
sconcertato della maggior parte degli spettatori che ho potuto osservare. La stampa generalista che ho
letto dopo Venezia - come di consueto deludente - non solo non è semplicemente all'altezza
dell'operazione concettuale messa in piedi dal regista, ma nemmeno conosce quel minimo della musica
americana che pure da cinquant'anni sentiamo tutti i giorni.
qualcuno spieghi  per es. all'interdetta Aspesi perchè uno dei personaggi è un nero e suona dei blues.
volevo inoltre segnalare che in "Testadipazzo-Brooklyn senza madre" (Tropea e in ed. tascabile
Saggiatore), un finto romanzo giallo ancora di Lethem, uno dei personaggi confonde Lennon con Dylan
e indica a un amico l'hotel <<dove hanno ucciso Dylan>>, questo per rimpinguare la lista delle citazioni
letterarie.
Grazie per la traduzione dell'articolo intervista  spero che ne sia valsa la pena.
se le scalette di Dylan sono stantie ci si può sempre rifare con Bruce che sta suonando di tutto con
grande soddisfazione dei fan e rammarico mio che non ho trovato i biglietti per Milano messi in vendita
con le solite modalità truffaldine solo su internet.
a presto
paolo

Ciao Paolo,
grazie per la segnalazione di Io non sono qui e per quella su Testadipazzo che vado ad inserire a fondo
pagina.
Chi ha visto Bruce a Milano? Com'è stato? Alexan ci sei? Qualche citazione dylaniana? Fateci
sapere...
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4990) Carissimo Michele
ti scrivo poichè stavo cercando sul tuo sito (alla pagina http://www.maggiesfarm.it/mbstadiums.htm)
un'informazione che non ho trovato, non so se ho cercato male o meno... comunque, a proposito del
CD bootleg (concerto registrato a New Orleans nel 1981), che peraltro possiedo, mi piacerebbe sapere,
oltre alle coriste, la composizione della band.
Ti ringrazio anticipatamente

Al Diesan

Ciao Al,
che grande boot quello, che gran concerto, che gran periodo, che gran Dylan (and the Queens
ovviamente, come dico sempre). Da mettere in blocco in "Those were the days...". Allora ecco i dati
completissimi. Il concerto è al Saenger Performing Arts Center di New Orleans, Louisiana, e si è
tenuto il 10 Novembre 1981. Era il diciannovesimo concerto del tour autunnale tra Stati Uniti e Canada.
Alla voce e chitarra Bob Dylan, alla chitarra l'incommensurabile Fred Tackett, all'altra chitarra il grande
Steve Ripley che se ricordo bene durante questi tour cantava anche una canzone sua che al momento
mi sfugge, alle tastiere nientedimeno che Al "Lars riff" Kooper, al basso il mitico Tim Drummond, alla
batteria e percussioni il veterano Jim Keltner ed Arthur Rosato, alle voci con Bob le stratosferiche
Queens che in questa incarnazione erano Clydie King, Regina Havis e Madelyn Quebec (suocera di
Bob). Clydie King cantò con Bob in questo concerto su "I'll Be Your Baby Tonight". Ancora la
King insieme a Regina Havis e Madelyn Quebec cantarono il traditional "Gamblin' man". Bob cantò da
solo voce e armonica "It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding)" e "It Ain't Me, Babe". In questo concerto ci
fu la sola performance live conosciuta di "Thief On The Cross." I bootleg di riferimento sono "Child's
Balloon" e "Stadiums Of The Damned". "Heart of mine" venne pubblicata su "Biograph". "Dead man Dead man" venne pubblicata su "Live 1961-2000 - Thirty-nine years of great concert performances". La scaletta completa stratosferica e da sogno del concerto fu: 1) Gotta Serve Somebody 2) I Believe In You 3) Like A Rolling Stone 4) I Want You 5) Man Gave Names To All The Animals 6) Maggie's Farm 7) Girl From The North Country 8) Ballad Of A Thin Man 9) Heart Of Mine 10) Simple Twist Of Fate 11) All Along The Watchtower 12) I'll Be Your Baby Tonight 13) Forever Young 14) Gamblin' Man 15) The Times They Are A-Changin' 16) A Hard Rain's A-Gonna Fall 17) Watered-Down Love 18) Shot Of Love 19) Masters Of War 20) Just Like A Woman 21) Thief On The Cross 22) Dead Man, Dead Man 23) When You Gonna Wake Up 24) In The Garden 25) Blowin' In The Wind 26) It's Alright, Ma (I'm Only Bleeding) 27) It Ain't Me, Babe 28) Knockin' On Heaven's Door.
Ahhh!
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4991) ciao Michele,
non so se già c'è nel sito, ma oltre alle citazioni in opere letterarie, perchè non inserisci anche quelle nei
film?
non dove c'è una sua canzone come colonna sonora, ma proprio dove Dylan viene citato. Mi è venuto in
mente dopo aver visto la fiction su Rino Gaetano: nella sua camera c'era un grosso poster di Dylan;
inoltre nell'ultimo film di Ken Loach, "it's a free world"  ad un certo punto si dice: "Dylan was right: the
times they are a-changing". Ci si riferisce alla difficile condizione degli immigrati e dei lavoratori precari
dei dintorni di Londra.
Simone

Ciao Simone,
si può fare. Aggiungo la lista a fondo pagina con le prime tue segnalazioni e qualcuna che mi viene in
mente al volo. Chi vuole contribuire ad allungare... Mi raccomando allora, nella lista vanno inseriti solo
ed esclusivamente i film in cui Dylan viene citato in qualche modo (il suo nome, un verso di una sua
canzone, un poster, una copertina di un disco, una battuta o qualsiasi altro rimando di questo genere) e
non quelli in cui appaiono semplicemente sue canzoni o cover delle sue canzoni (nè ovviamente quelli
direttamente dedicati a lui come "Io non sono qui" o addirittura quelli fatti da lui, of course... ;o) )
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4992) Ciao a tutti,
nell'album I'm Not There mi pare che tutti rispettino i testi di dylan mentre mi sembra di aver colto
un'altra strofa in knockin'on heaven's dooor di Anthony & the johnssons... qualcuno sa dirmi cosa dice e
se quella parole appartengono a bob?
pinco pallo

Io non ho ancora il disco. Chi può aiutarci?
Fateci sapere, grazie.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


...e casca a fagiolo per la lista delle citazioni cinematografiche or ora inaugurata...

4993) Ciao Michele,
non so se qualcuno l'aveva già segnalato ma nel segmento Deathproof di Grindhouse, quel geniaccio di
Tarantino ha infilato una bella citazione di Sua Bobbità.

Nella scena in cui Rosario Dawson è alla stazione di servizio di Lebanon nel Tennessee e la sua amica
Lee (Mary Elizabeth Winstead) le chiede una rivista, la MdP scivola su una serie di copertine. La
prima a essere inquadrata è quella del numero di Rolling Stone con l'intervista di Jonathan Lethem a
Bob. Giusto accanto ce n'è un'altra con la scritta "Black Girls Rule!" e la foto di... Alicia Keys!
Solo un caso?
Per verificare, ecco qui la foto.

Ah, sempre nella stessa scena, quando Rosario/Abernathy paga c'è qualcun altro oltre al cassiere del
drugstore. Chi riconosce la persona in basso a sinistra nella foto qui sopra?

E' la stessa che compare in un famoso poster nel bar di Warren (lo stesso Tarantino) nella prima metà
del film... (vedi foto qui sopra)

Diavolo di un Quentin!

Ciao ciao
Teo

Ciao Teo,
non ho visto il film. Allungo la lista... grazie :o)
Grazie per le incredibili segnalazioni che ovviamente non sono casuali (io mi chiedo a quando un duetto sul palco tra Bob e Alicia...? Ma che sia una sua figlia segreta?)
Tra l'altro ricordo che tempo fa Tarantino aveva appunto detto di aver inviato la sceneggiatura di
Deathproof a Dylan convinto che gli sarebbe piaciuto. Non fu dato sapere il parere di Bob però!
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


...questa è una mail di Dario (che ricordo ora vive in Irlanda) che non ho capito se era privata o pubblica ma soprattutto è alquanto misteriosa... la metto uguale e lo invito alla delucidazione...

4994) questi americani sono tosti michele e vedono a dylan come ad una Grande icona della loro forza...
questa cosa non l'avevo mai capita...

cork reggera'!
la vita oggi e' bella...
grazie di tutto...

a presto
dario

???
...ho ricevuto i racconti che metterò quanto prima! Mi raccomando, sempre in italiano eh? Niente gaelico!
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


E chiudiamo con le solite segnalazioni da youtube di Mick "Blackstones" Dylan:

4994) Fantastica questa parodia !!! Ciao Mick

http://it.youtube.com/watch?v=Nej4xJe4Tdg


4995) http://it.youtube.com/watch?v=vdSy7EajyPo

Bob Dylan & Friends - I Shall Be Released (1994 Live)

mick

Ciao Mick,
che bello questo video mitico di Nara con il gran finale con Bob ed amici tra cui ricordo c'erano Joni Mitchell, Jon Bon Jovi, Richie Sambora, Ry Cooder, Roger Taylor, gli INXS e gli X Japan.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


Ed ecco in conclusione le consuete classifiche e liste di citazioni dylaniane:


LE CITAZIONI DYLANIANE NEI FILM

Nota: in questa lista vanno inseriti solo ed esclusivamente i film in cui Dylan viene citato in qualche modo (il suo nome, un verso di una sua canzone, un poster, una copertina di un disco, o qualsiasi altro rimando di questo genere) e non quelli in cui appaiono semplicemente sue canzoni o cover delle sue canzoni (nè ovviamente quelli direttamente dedicati a lui come "Io non sono qui" o quelli fatti da lui of course... ;o) )
Aiutateci ad allungare la lista e segnalate, segnalate, segnalate...

Ma il cielo è sempre più blu, di Marco Turco (Fiction TV)
It's a free world, di Ken Loach
Vanilla sky, di Cameron Crowe
The ladykillers, di Ethan Coen e Joel Coen
Grindhouse (segmento Deathproof), di Quentin Tarantino


LE MIGLIORI COVER INTERPRETATE DA BOB DYLAN
Vota la tua cover preferita tra quelle interpretate da Bob Dylan e contribuisci alla nostra classifica (valgono anche più segnalazioni)

Voti finora pervenuti:

- Deportees (di Woody Guthrie) - Bob Dylan & Joan Baez, Fort Collins, Colorado, 23 Maggio 1976 - due voti
- Hallelujah (di Leonard Cohen) - Bob Dylan, Montreal (Canada), 8 Luglio 1988 - un voto
- The Times've Known" di Charles Aznavour, versione inglese di Bob Dylan, interpretata a New
York, Madison Square Garden il 1 novembre 1998 - un voto
- Pancho and Lefty di Townes Van Zandt, interpretata da Bob Dylan e Willie Nelson a Austin (TX)
il 28 aprile 1993 - un voto


I MIGLIORI CONCERTI DI BOB DAL 2001
Vota il tuo concerto preferito degli ultimi anni e contribuisci alla nostra classifica (valgono anche più segnalazioni)

Voti finora pervenuti:

- Londra, Inghilterra - Hammersmith Apollo - 24 Novembre 2003 - 2 voti
- Zurigo, Svizzera - Hallenstadion - 3 Novembre 2003 - 2 voti
- Tulsa, Oklahoma, U.S.A. - Drillers Stadium - 6 Luglio 2005 - 1 voto
- Verona, New York, U.S.A. - Events Center, Turning Stone Casino and Resort - 20 aprile 2005 - 1 voto
- Denver, Colorado, U.S.A. - Fillmore Auditorium - 29 marzo 2005 - 1 voto
- Milano, Italia - Forum di Assago - 12 Novembre 2005 - 1 voto
- Sun City West, Arizona, U.S.A. - Maricopa County Events Center - 8 Aprile 2006 - 1 voto
- West Lafayette, Indiana , U.S.A. - Elliot Hall Of Music, Purdue University - 3 Novembre 2004 - 1 voto
- Bonn, Germania, Museumplatz - 29 giugno 2004 - 1 voto
- Grand Prairie, Texas - Nokia Theatre - 15 Aprile 2006 - 1 voto
- Berlino, Arena, 11 Aprile 2002 - 1 voto
- Berlino, Arena, 20 Ottobre 2003 - 1 voto
- Goteborg, Scandinavium, 21 ottobre 2005 - 1 voto


LE COVER IMPERDIBILI (Le migliori cover di brani scritti da Bob)
Vota la cover (o più cover) di brani di Bob pubblicate dopo il 2001

Voti finora pervenuti:

One More Cup of Coffee (Valley Below) - Sertab Erener, da "Masked and anonymous" - 5 voti
Come una pietra scalciata (Like a rolling stone) - Articolo 31 e Bob Dylan, da "Masked and anonymous" - 3 voti
Come il giorno (I shall be released) - Francesco De Gregori, da "Mix" - 2 voti
Most of the time - Sophie Zelmani - da "Masked and anonymous" - 2 voti
Shelter from the storm - Cassandra Wilson - da "Belly of the sun" - 2002 - 2 voti
I'll be your baby tonight - Norah Jones - 2003 - 1 voto
Most of the time - Ani di Franco - 1 voto
It's all right ma (I'm only bleeding) - Hamell On Trial - 1 voto
On a night like this - Los Lobos - da "Masked and anonymous" - 1 voto
My Back Pages - Magokoro Brothers - da "Masked and anonymous" - 1 voto
Farewell Angelina - Joan Baez - da "Bowery Songs" - 2005 - 1 voto
You're Gonna Make Me Lonesome When You Go - Madeleine Peiroux - da "Careless love" - 2004 - 1 voto
Knockin' on heaven's door - Avril Lavigne - 1 voto
Masters of war - Pearl Jam live at the Benaroya Hall, 22 ott 2003 (concerto acustico) - 1 voto
Knockin' on heaven's door - Warren Zevon - 1 voto
Things Have Changed - Barb Jungr - da "Every Grain of Sand", 2002 - 1 voto

scrivi a spettral@tin.it e segnala i tuoi concerti/covers preferiti/e

Nota bene: il limite temporale del 2001 è stato fissato per ottenere due liste che siano idealmente il seguito di quelle pubblicate sul volume "Bob Dylan 1962/2002 40 anni di canzoni" di Paolo Vites e Alessandro Cavazzuti (Editori Riuniti), che si fermano appunto al 2001, anno di pubblicazione del libro.


I RIFERIMENTI A BOB DYLAN NEI ROMANZI (O IN ALTRE OPERE LETTERARIE)
Vuoi contribuire ad allungare la lista sottostante? Segnala a spettral@tin.it i romanzi, i racconti o le altre opere letterarie in cui viene citato direttamente o indirettamente Bob Dylan

- "Nel momento" di Andrea De Carlo
- "Alta fedeltà" di Nick Hornby
- "La spia e la rockstar" di Liaty Pisani, Fazi, 2006
- "L'era del porco" di Gianluca Morozzi, Parma, Guanda, 2005
- "Scirocco" di Girolamo De Michele, Torino, Einaudi, 2005
- "Giorni di un uomo sottile" di Ernesto Aloia nella sua raccolta "Chi si ricorda di Peter Szoke?", minimum fax 2003
- "La ragazza dai capelli di cobalto" di Gianluca Morozzi, nell'antologia di vari autori "Strettamente Personale", ed. Pendragon, 2005.
- "L'Emilia o la dura legge della musica" di Gianluca Morozzi - Guanda
- "Tokyo blues" di Murakami Haruki - Norvegian Wood (trad. ital. Milano, Feltrinelli)
- "Dance dance dance" di Murakami Haruki (trad. ital. Torino, Einaudi)
- "La Torre Nera" di Stephen King
- "I giorni felici di California Avenue" di Adam Langer
- "Per sempre giovane" di Gianni Biondillo, edizioni Guanda - 2006
- "Americana" di Don de Lillo
- "Denti bianchi" di Zadie Smith
- "La Danza del Pitone", di Norman Silver
- "Troppi paradisi" di Walter Siti, Einaudi
- "La fortezza della solitudine" di Jonathan  Lethem (Tropea)
- "Siamo tutti nella stessa  barca" di Owen King (Frassinelli)
- "Come dio comanda" di N. Ammaniti (Mondadori)
- "Accecati dalla luce" di Gianluca Morozzi (Fernandel)
- "Chi è quel signore vestito di bianco vicino a Bob Dylan?" di Gianluca Morozzi ("Vertigine", numero unico - 2006)
- "Il cielo sopra Parigi" di Teo Lorini (Fernandel n. 58)
- "Venerati maestri" di E. Berselli (Mondadori)
- "Zona disagio" di Jonhatan Franzen (Einaudi)
- "Una vita da lettore" di Nick Hornby
- "Ragionevoli Dubbi" di Gianrico Carofiglio - Sellerio editore
- "31 Canzoni" di Nick Hornby
- "Questa scuola non è un'azienda. I racconti del prof. Bingo" di Vittorio Vandelli
- "I ponti di Madison County'' di R. J. Waller
- "La cultura del controllo" di David Garland
- "Il paese mancato" di Guido Crainz
- "Paura e disgusto a Las Vegas" di Hunter S. Thompson
- "L'ultima tazza di caffé" di Teo Lorini (da "Posa 'sto libro e baciami" - ed. Zandegù, Torino 2007)
- "Small world" di David Lodge
- "In cerca di te" di John Irving
- "Mi ammazzo, per il resto tutto ok" di Ned Vizzini, Mondadori.
- "Parlami d'amore" di Silvio Muccino e Carla Vangelista
- "Memorie di un artista della delusione" di Jonathan Lethem (Minimum fax)
- "Boccalone. Storia vera piena di bugie" di Enrico Palandri, Milano, L'erba voglio, 1979 (ristampato da Bompiani)
- "Vedi alla voce Radio Popolare", a cura di Sergio Ferrentino con Luca Gattuso e Tiziano Bonini, Milano, Garzanti, 2006, p. 240 ("Live In Paris  - 1978").
- "Jim ha cambiato strada"(1987) di Jim Carroll. Edizione originale "Forced Entries:The Downtown Diaries 1971-1973", traduzione italiana: Milano, Frassinelli, 1997.
- "Desperation" di Stephen King
- "La bambola che dorme" di Jeffery Deaver, trad. ital., Milano, Sonzogno, 2007.
- "Testadipazzo-Brooklyn senza madre" di Jonathan  Lethem (Tropea, e in ed. tascabile Saggiatore)
- "Hellbook" di Michele Murino (ovvero "X-Files Bob")