parte 383
Lunedì 22 Ottobre 2007

4921) Ciao Michele,
grazie mille per le indicazioni su "Hard Rain". Scriverò a Carlo.
Anche io fui molto colpito da quel concerto, visto a spezzoni in tv e poi riproposto nel contenitore
schegge, su Rai3. Il mio personale big bang fu una giornata d'estate a fine anni 70 in Valle d'Aosta,
campeggio di Sarre. Sono in roulotte, ho 13-14 anni, accendo la radio e a un certo punto sento una voce
letteralmente uscire dalla radio che mi dice "Pistols shots ring out in the barroom night....". In quei
tre-quattro minuti (il 45 giri dell'epoca, che possiedo, conteneva sul lato A e B l'intera canzone
"tagliata" in due) ho vissuto in un universo parallelo, completamente soggiogato da quella voce e da quel
suono. Poi il dj citò "Blowin' in the wind" e io mi ricordai che la avevo imparata a scuola (figurati, allora)
in italiano. E da allora quel signore lì mi ha regalato enormi gioie e, verità per verità, qualche dolore (a
me quella faccenda della pubblicità intima non è mica andata giù, anzi).
Però in effetti, il concerto di Hard Rain (che io poi scambiai per l'omonimo disco dal vivo, con mia
grande costernazione) credo sia stata il più poderoso pugno dello stomaco nella storia del rock dal vivo.
Piuttosto, ma perché si chiama "Hard Rain" se fu a metà degli anni 70 e Hard Rain fu solo una delle
tante canzoni del concerto?
Colgo l'occasione per chiederti: 1) Nel bootleg series n. 5, quello dedicato al periodo Rolling Thunder
Revue, Bobby in "Sara" canta una strofa che non c'è nella versione ufficiale incisa su Desire. Non sono
riuscito a capirla per intero. Hai il testo e la traduzione di quella strofa? 2) Ma la storia dei "guardiani
della mente" accostati a Dylan, che avevano il compito di tenerlo lontano dalla gente comune, (versione
"indianizzante" delle guardie del corpo, mi pare di ricordare) corrisponde a verità o è una delle tante
balle colossali di chi, penna in mano, voleva o doveva scrivere su Bob?
Ti lascio a più godevoli faccende
Un abbraccio
Corrado

Ciao Corrado,
grazie per il racconto che è quasi un "When we first met...", tanto che sono stato tentato di inserirlo
anche in quella rubrica ... Naturalmente, come tutti sanno, quando si parla di quel video, con me si
sfonda una porta aperta perchè è quello che per me ha segnato l'inizio di tutto (il mio big bang insomma,
per usare le tue parole). Non mi stancherò mai di ripetere che se Dylan o chi per lui si decidesse di
metterlo finalmente su dvd e lo distribuisse (io consigliavo addirittura di regalarlo... :o) ) moltissimi si
convertirebbero a Dylan. Da questo punto di vista la RAI non sarà mai abbastanza ringraziata per
averlo diffuso così tante volte (anzi invito i lettori a scrivere alla RAI per invitare a passarlo ancora di
quando in quando... Ne verrebbero sicuramente nuovi proseliti...)
Non so perchè lo avessero chiamato "Hard rain" se non per il fatto, forse, che quel concerto fu
caratterizzato da un vero e proprio acquazzone (se noti il pubblico era fradicio per la pioggia
precedente) e per il collegamento con la canzone ovviamente che apre lo speciale televisivo.
Per quanto riguarda la versione alternativa di "Sara" naturalmente trovi il testo su MF (credevi che mi
fossi dimenticato di tradurlo... ? :o) ) Comunque il verso che citi è questo:
Sleepin' in the woods by a fire in the night
Where you fought for my soul and went up again the odds.
I was too young to know that you were doin' it right
And you did it with a strength that belongs to the gods.
(Dormivamo nei boschi accanto ad un fuoco nella notte,
quando tu combattevi per la mia anima e di nuovo nacquero contrasti
Io ero troppo giovane per capire che stavi facendo la cosa giusta
e lo hai fatto con una forza che appartiene agli dei)
SARA (terza versione)
E qui ce n'è anche un'altra:
SARA (versione alternativa)
Per quanto riguarda i "guardiani della mente" non saprei aiutarti a dire il vero. Ricordo che già tempo fa avevi fatto una domanda sull'argomento... Chi ne sa di più...? Tu comunque dove hai letto esattamente la frase?
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


4922) "i've got nothing but affection for all those who sailed with me"

Grazie, Michele!
Il tuo esauriente contributo relativo a "Mississippi" (vedi pagina scorsa della posta) mi fa pensare che
l'ampiezza dell'intertesto contenga anche quella sorta di rimpianto per qualcosa che si sarebbe potuto
fare e non è stato fatto di cui ti parlavo.
Mi suona come un richiamo a qualcosa che si sarebbe potuto fare, insomma... ma in questa canzone di
Dylan il rimpianto non è mai amaro, morboso, ma consapevole e sereno, permeato da uno sguardo alla
vita che risulta disincantato e buono.

Ho deciso di mandarti un'altra traduzione-adattamento, e fin qui niente di nuovo, ma credo che questa
volta ti devo una qualche spiegazione: ho cambiato, forse troppo arditamente, lo stato del Mississippi con
il Timavo, fiume-torrente carsico che scorre in Friuli nel sottosuolo fino a poche centinaia di metri dal
mare. Il Timavo rappresenta il rimpianto, che scorre sotto la linea della coscienza e che sfocia
improvvisamente nell'amara consapevolezza che si sarebbe potuto fare di più. Nella vita può capitare di
raggiungere questa coscienza, e credo che la canzone "Mississippi" mi abbia comunicato - tra le tante
altre vibrazioni contenute - questa riflessione.
Grazie, come sempre, al grande Bob

Ti allego quindi questo ennesimo tentativo di traduzione/adattamento, sottolineando che sto cercando di
lavorare su testi "di arrivo" che siano cantabili anche in italiano (quasi tutte quelle che ti ho mandato le
canto con il mio gruppo), nel rispetto delle rime dell'originale. Mi piace l'idea di riportare nella nostra
lingua i brani, le emozioni, il clima, oserei dire, di ciò che una canzone di dylan riesce a comunicare.

grazie, come sempre, a te, grande Michele Murino: visitare maggiesfarm per me significa riposare,
sorridere, ridere, pensare, confrontarsi, viaggiare

alberto

MISSISSIPPI-TIMAVO (GIORNO CHE PASSA)
di Alberto Cagnin

Ogni giorno che passa è un pezzo di strada
E hai le ore contate comunque vada;
sembra un tempo immobile quello nel quale mi affanno
nella mia scatola di vetro ho passato un altro anno

Questo posto è una giungla con tanti giochi da provare
Io vivo intrappolato ma tento ancora di scappare
sono cresciuto nei campi e lavoro in città
annaspando in un mare di guai da quando mi sono fermato qua

Non ho niente da darti, del resto non ho niente per me
Niente per cui schierarsi, forse capisci il perché
Il cielo è infuocato e il dolore scende giù
Non mi vendere niente non provarci almeno tu

La mia forza di espressione e la mia fantasia
Non ti rendono giustizia non c’è ragione non c’è poesia
Una cosa soltanto è quella che ho sbagliato
Tuffarmi nel Timavo e non averlo attraversato

Il demonio è per la strada il mulo è nella mangiatoia
Puoi dire quello che vuoi che tutto il resto è noia
Stavo pensando alle parole che Rosa aveva detto
e vagheggiavo di dormire qualche volta nel suo letto

Cammino tra le foglie cadute dal querceto
mi sento uno straniero che nessuno ha conosciuto
quante sono le case che non abbiamo costruito
lo so che ti dispiace e anch’io mi sono pentito

La gente a volte ti offre la mano altre volte no
Ieri sera ti capivo ma stasera non lo so
Dammi qualcosa di forte per distrarre la mia mente
Ti guarderò finchè i miei occhi ti vedranno veramente

Sono arrivato qua con la freccia del sud
Attraversando le montagne che amavi tanto tu
Una cosa soltanto è quella che ho sbagliato
Tuffarmi nel Timavo e non averlo attraversato

La mia nave ormai è a pezzi e sta affondando veloce
Sono sepolto nel veleno e il mio futuro è una croce
Ma il mio cuore non è stanco, è libero e leggero
Ho solo affetto per chi naviga con me sopra questo mare scuro

Tutti sono in movimento se non sono già arrivati
Tutti per forza in movimento per non essere arrestati
stai con me amore stai con me comunque
Adesso che le cose iniziano ad arrivare al dunque

Ho i vestiti bagnati mi stringono la pelle
Stretti come gli angoli delle mie diverse celle
La fortuna prima o poi mi farà una cortesia
Allora dammi la mano dimmi che sei ancora mia

Il vuoto è infinito, freddo come l’argilla
Ma un fuoco non lo spegni se lasci accesa la scintilla
Una cosa soltanto è quella che ho sbagliato
Tuffarmi nel Timavo e non averlo attraversato

Ciao Alberto
e grazie per il nuovo testo che trovo davvero bellissimo e che ho inserito già nella solita pagina .
Bella la citazione di Califano (involontaria?)
Bella anche questa scelta del "Timavo" che mi ha fatto venire in mente due cose per associazione di
idee: una, la scelta iniziale di Tito Schipa Jr. di tradurre "Highway 61" con "Firenze-Mare" (che fece
trasalire Bertoncelli come mi raccontò egli stesso tanto da rifiutarsi assolutamente di accettarla*), e poi,
non so perchè, il Limentra di Guccini.
Inutile dire che ho provato a cantare il tuo testo ed inutile dire che mi è venuto fuori... chi se non De
Gregori? (è incredibile come ogni volta che si canta un pezzo di Dylan in italiano viene fuori la voce di
Degre... Magari potrebbe cantare il tuo testo cambiando il Timavo col Rubicone :o) ... )
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"
* Riccardo mi disse testualmente: "Schipa mi disse che per lui, romano, l'equivalente della Highway 61
era appunto la Firenze-Mare... E risposi a Tito: 'Vabbè e allora per me cos'è? La Milano-Como-Chiasso?'"... :o)))


E restiamo in tema...

4923) ciao, ho tradotto in siciliano  ed eseguito queste due canzoni (che si possono vedere anche su you
tube):

- 1 -

Father of night

Patri d''a notti, patri d'' juornu
Patri ca scuri, patri c'agghiuorni
Patri chi 'nzigni i 'ciddruzzi a vulari
Fai l'arcu irisi mmenzu a lu mari
Patri 'u chi è sulu c'u sò duluri
Tu ca fai chioviri e porti l'amuri

Patri ca aggiorni e patri ca scuri
Patri do niuru e patri do suli
Patri ca jisi li jauti muntagli
Formi li nìuli e tutti ni vagni
Patri d'u Tempu e di tutti li sonna.
Linchi li ciumi e svoti li jorna.

Patri di ogni cucciddru 'i frumentu
Patri d'u friddu e patri d'u ventu
Patri di l'arvuli e l'armuzzi cari
Ni li pinseri ni li fai ristari
Patri di l'uri e di oggni secunnu
Nui ti priamu, cu tuttu lu munnu

- 2 -

Sign on the window

Nzigna ‘a finestra: “’N vogghiu nuddru”
Nzigna a la porta: “Na nni vogghiu cumpagnia”
Nzigna a la  sh,rata:  “Troppu fuddra”
Nni la baranta è scrittu “Tri è pazzia.”
Nni la baranta è scrittu  “Tri è pazzia.”

Iddra e ‘o  amicu so’  fujeru ‘n California
Iddra e ‘o  amicu so   canciaru sinfunia
Cu mi voli beni mi rissi: “Attentu ‘e corna:
Fimmina ‘i Iaci, luna ca furria”
Fimmina ‘i Iaci, luna ca furria”

Chiovi chiovi ca pari mmernu
Sicuru ca fa umitu stasira ‘o paisi
Spiramu armenu ca appoi nun ghiaccia…

Mi fazzu na  casuzza e vaju luntanu
Mi pigghiu na mugghieri e mi fazzu  cacciaturi
Fazzu  setti figghi   ca mi chiamunu pa’
Chistu  ormai a siri  la vita mia
Chistu  ormai a siri la vita mia

Cordiali saluti
Salvo Pagliarello, "Psalvus"

Ciao Salvo
e grazie per i bei testi che ho già inserito qualche giorno fa nella nostra pagina del "Dylan in vernacolo".
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


4924) Ciao Michele,

una risposta semiseria:

19 - The 2007 Prince of Asturias Award ceremony is to be held on Friday 26th October at 18.30, as it
is reported by the offcial web of the Prince of Asturias Foundation. This day, Bob Dylan will be playing
in Omaha (Nebraska). The question is: will be someone representing him in the event or Dylan won't
give any importance to the spanish recognition? Javier Usoz, Zaragoza (Spain), 17/10/07

io proporrei... E se ci va Cate Blanchett....?

stefano c.

Ciao Stefano,
non era un'idea malvagia la tua... Al massimo qualcuno avrebbe detto: "Caspita com'è ringiovanito Bob
Dylan!!!"... :o)


4925) ciao michele, sono sempre io...
quello che scrive poco, sarcasmo a parte...

volevo commentare una cosa: a voi della farm sembra normale che dylan non ha ancora duettato con
costello, nè si sono invitati nei rispetti set, mentre jack white è arrivato come se niente fosse...
cos'è robe da prima donna?

sul fatto delle scalette, le tue critiche sono giuste e sacrosante (ma vites cosa ne pensa di tutto ciò?),
anche se io sarei cmq entusiasta di ascoltare spirit on the water working, thunder, ain't talking e beyond
the horizon...

michele ti assicuro che nettie moore e spirit a milano sono state grandi!

ma questa Notiziona su dylan in studio, se è vera c'è da essere entusiasti o sbaglio...

ho ascoltato con attenzione huck's tune, la prima volta l'avevo ascoltata grazie a leonardo "lion" e ho
notato che musicalmente è diversa rispetto a modern times o sbaglio?
mi potresti dire chi la suona, a parte dylan, e dove è stata incisa...
perchè se è come sospetto io, la cosa chiude la bocca ai maligni sul sound sghembo e senza mordente di
modern times... cosa che tra l'altro mi aveva fatto notare anche al diesan,(dicendomi che era una scelta
ben precisa ricreare quel suono sporco e viscerale, in più mi parlava di connesione tra ain't talking e "oh
mercy" che adesso comincio a capire) che cmq mi pare una persona che un paio di trucchetti
musicalmente li conosce, Al, sei un grande per me!

michele io continuo sulla mia sporca strada, nonostante la solitudine... ok ,famme sapè!

esorto alexan wolf a farsi vivo tramite mail, forza wolf, ho bisogno dei tuoi commenti e cmq tutta la
farm!

ma huck's tune non è stata eseguita mai dal vivo? o sbaglio?

dario "twist of fate"

ps
sulle ali dell'entusiasmo mi sono procurato un nuovo programma di grafica e ho realizzato questa
variante su tema che a mio avviso è superiore alla precedente che ti ho spedito, fammi sapere e al limite
se ne può sostituisce una, ok?

Ciao Dario,
in effetti è strano che Costello non sia ancora stato invitato da Bob a cantare con lui... Magari lo farà...
Anche perchè in passato i due hanno duettato diverse volte e sono molto amici...
Per quanto riguarda le mie critiche alle scalette, naturalmente io mi riferisco sempre e solo alla
ripetitività dei brani e assolutamente non alla loro bontà, e tantomeno alla bontà dell'esecuzione di Bob. Come tu scrivi, Nettie Moore o Ain't talkin' sono dei capolavori, e come quelle molte altre di quelle che sta eseguendo... Il problema è che le fa ogni sera e non cambia una virgola o quasi della setlist... E pensare che questo tour era iniziato sotto i migliori auspici con l'apparizione di Jack White, duetti improvvisati (o quanto meno inattesi) come ai tempi della RTR, canzoni impensabili ritirate fuori dopo eoni come "Meet me in the morning", "Outlaw Blues" e in misura minore "One more cup of coffee (Valley Below)", insomma una freschezza ed una imprevedibilità che lasciavano ben sperare... e invece si sta rivelando il tour più piatto e prevedibile di sempre... Non so cosa ne pensi Vites ma conoscendolo credo che si annoi a morte come me... Se non l'hai mai letto prova a guardare l'articolo che Paolo scrisse per noi e che trovi qui.
Sul Dylan in studio la notizia sarebbe ghiotta se fosse vera... Io comincio ad avere dubbi perchè sono
venute fuori troppe notizie particolareggiate (addirittura ipotetici titoli di canzoni o dell'album in
questione) e per esperienza so che in passato quando le cose sono andate in questo modo si sono sempre rivelate notizie infondate...
Non mi sembra siano usciti i dati su "Huck's tune" ma potrei sbagliare... Qualcuno sa i dettagli della
registrazione? Ti confermo che Bob non l'ha mai eseguita dal vivo. Esorto anche io Alexan Wolf ma
non solo a farsi vivo con te bensì anche con MF!!! :o)
Ok per il pannello grafico che ho sostituito al vecchio...
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


4926) ciao michele ti invio il mio ultimo racconto, di chiara matrice dylaniana e haynesiana, visto che dopo aver apprezzato "Io non sono qui" ho recuperato anche gli altri film, e a mio avviso "Lontano dal
paradiso" sempre con Julianne Moore, è stilisticamente superiore a Io non sono qui...
in allegato anche il book fotografico che aiuta a districarsi nella fitta trama...
...(Una via di mezzo fra lo stile doom e le illustrazioni di 'paura e disgusto a Las Vegas' di Thompson)...

sempre se puoi, potresti inserire le foto nella pagina del racconto...

e sempre tenendo presente che il panettone di natale, che mi pare chiaro di doverti spedire, dovrebbe
diventare un cassa di champagne pregiato!

a presto e grazie per la stima e l'attenzione!

a breve l'intervista a locasciulli che ci parla anche di dylan, e "il poema scazzo-post nobel" ispirato ad "a
hard rain gonna fall"

te lo prometto

dario "twist of fate"

Ciao Dario,
il racconto l'ho inserito giorni fa e chi non lo ha letto lo trova qui .
Attendo il poema sul Nobel che mi intriga... e naturalmente l'intervista al nostro vecchio amico
Locasciulli .
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


4927) Elio "Rooster" ha fatto una bella pagina su Youtube con vari video di Bob (tratti da concerti italiani)
ripresi dal gallo in questione, oltre a qualche mitico video dal nostro Maggie's Farm Folk Festival!!!
Trovate tutto qui .
Grazie ad Elio e complimenti per il lavorone...
Michele "Napoleon in rags"


4928) Ciao Nap , bellissima l'idea per questo video di Happiness is a warm gun di Lennon , ciao Mick :)

http://it.youtube.com/watch?v=KfAshk_AAIo

Ciao Mick,
vero! Eccezionale!!!
I saw guns and sharp swords in the hands of young children...
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


4929) http://www.youtube.com/watch?v=YbvVoxyxPYM

Ciao Michele,
ho appena visto questo nuovo trailer di "I'm not there", ci sono nuove scene dal film o dai trailer
precedenti. Inoltre e' fatto molto bene.

stefano c.

Ciao Stefano,
l'ho segnalato qualche giorno fa. In effetti è molto bello.
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


4930) Ciao Nap , in allegato una foto di Bob e suzi , se ce l'hai già pazienza , fa finta di niente , ciao Mick :)

Ciao Mick,
eccola qui.
Grazie.
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


4931) Nap , quanto hai sognato una cosa così ? :) Mick

http://it.youtube.com/watch?v=o8IPr155qcA

Ciao Mick,
e tu? :o))))
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


4932) Ciao Nap , guarda questa !!!! :):):)

http://www.blackstones.it/pissitaliano.html

:o)))))))
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


4933) Nel 2008 andra' in onda negli States, credo uno spot di 30 sec., in cui Bob sponsorizza una Cadillac, cosi si legge da Usa Today.

Il Lupo Dylan e la Cadillac e Branduardi anche se non c'entra o forse sì.

Dico io:
Si direbbe dall'attivita' di Bob in questo campo non nuovo, Another Side of Bob Dylan....
Si dice che Bob e' un attento manager di se stesso, e uno scrupoloso uomo di affari, come poter non dare ragione a chi sostiene cio'?
Questo e' un lato di Bob poco sviluppato nelle sue biografie, anche questo riguarda l'uomo Dylan e non solo il musicista.
Mi viene in mente ora cio' che disse Angelo Branduardi in uno special tv per il 30 anniversario di Dylan, non ricordo bene a memoria dovrei rivedere il pezzo... "meta' lupo e meta' agnello, in Dylan c'e' piu' lupo che agnello" cercando il buon Branduardi di esplorare quel viso cosi' enigmatico e indecifrabile.
Tra l'altre cose mi ricordo che aggiunse che una volta con il promoter in comune D. Zard ebbe la possibilita' di incontrare Bob, ma che si rifiuto' perche aveva una sua immagine di Dylan e che doveva essere cosi' come lui l'aveva pensata.
avrebbe incontrato il lupo? dico io...

Stefano C.

Ciao Stefano,
grazie per la segnalazione... "I'm drivin' in the flats in a Cadillac car..." :o)
Non oso pensare come la prenderà Corrado... Donne (lingerie). Auto (cadillac). Manca solo uno spot sul football e ci siamo. Facci sapere Corrado :o))))
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


Ed ecco ancora Andrea Orlandi sull'argomento con questa segnalazione, con il link all'articolo del Bob testimonial di auto:

4934)  Cadillac Bob?

http://www.usatoday.com/life/people/2007-10-21-dylan-cadillac_N.htm

Andrea Orlandi


4935) ciao michele...
(Questo commento se vuoi lo puoi anche pubblicare!)
tanto ormai lo sanno tutti che sono pazzo!

io, Dario Twist of Fate, propongo Michele Murino Santo subito...
persona che merita tutta la stima e il mio rispetto, per competenze musicali, umane e... grafiche...
penso sia davvero il mio fratello maggiore (virtuale)
( a prop. michele che segno sei? io acquario )

ogni cosa che dico e faccio, michele la concretizza!
è una persona che dice sempre si, (almeno a me) anche quando non ci sta, cerca di essere sempre positiva, e adesso mi alieno il 95 % della farm, uno così non può essere altro che meridionale!
e adesso sono fatto, le mie cose non le leggerà più nemmeno Alexan Wolf, che saluto... grazie per la pazienza Wolf! non mi abbandonare!
anche se adesso michele è partito per la crociata anti scalette dylan: avrà ragione? penso di sì...
io... che l'ho visto solo 3 volte, Dylan, non michele, (lui si è dato latitante a torino e milano), mi accontento anche dei pezzi anni 60 e 2000, tra l'altro ho visto che ogni tanto un pezzo da "Blood" lo esegue, e io sono ancora a secco di brani tratti dal mio disco preferito, si lo so, sono proprio un fan di merda...
mah... meglio tardi che mai...
michele potresti dare a enrico il mio indirizzo, una persona che dice che "not dark yet" è uno dei pezzi migliori di dylan merita tutto il mio rispetto, magari apprezza anche i miei racconti, dato che la metà iniziano con una citazione da questo brano o cmq da time out of mind... disco di grande ispirazione poetica, a mio avviso...

concludo e sconcludo!
evviva michele murino! evviva bob dylan!
il nobel sarà per la prossima, tranne se poi lo danno a benigni, in quel caso consiglierei a bob di farsi la cittadinanza italiana...
michele, io volevo mettere il tuo nome sulla foto della ragazza, ma non c'era spazio, se vuoi costringo una mia amica a indossare e a posare con una maglietta di dylan e il perizoma, ammesso che non mi
prenda a selciate!

a presto, e grazie per non aver considerato i miei ritocchi delle cagate, ultimamente la mia autostima è proprio in vacanza!

dario "twist of fate"

Ciao Dario,
grazie per il santo ma come sai se leggi le mail di Giulia "Rabbit" su MF di santo c'è solo Bob, of course!
Di quale segno zodiacale potrei mai essere scusa? Gemelli! Come lui!
Darei il tuo indirizzo a Enrico ma non ho più l'indirizzo di Enrico. Se ci stai leggendo Enrico e vuoi colloquiare con Dario fatti vivo.
Naturalmente se convinci la tua amica sarò lieto di pubblicare... e come!!!! Magari con la maglietta bagnata??? Eppoi scusa perizoma? Ma dai... siamo moderni... Facciamo filo interdentale?
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


Ed ecco in conclusione le consuete classifiche:

LE MIGLIORI COVER INTERPRETATE DA BOB DYLAN
Vota la tua cover preferita tra quelle interpretate da Bob Dylan e contribuisci alla nostra classifica (valgono anche più segnalazioni)

Voti finora pervenuti:

- Deportees (di Woody Guthrie) - Bob Dylan & Joan Baez, Fort Collins, Colorado, 23 Maggio 1976 - due voti
- Hallelujah (di Leonard Cohen) - Bob Dylan, Montreal (Canada), 8 Luglio 1988 - un voto
- The Times've Known" di Charles Aznavour, versione inglese di Bob Dylan, interpretata a New
York, Madison Square Garden il 1 novembre 1998 - un voto
- Pancho and Lefty di Townes Van Zandt, interpretata da Bob Dylan e Willie Nelson a Austin (TX)
il 28 aprile 1993 - un voto


I MIGLIORI CONCERTI DI BOB DAL 2001
Vota il tuo concerto preferito degli ultimi anni e contribuisci alla nostra classifica (valgono anche più segnalazioni)

Voti finora pervenuti:

- Londra, Inghilterra - Hammersmith Apollo - 24 Novembre 2003 - 2 voti
- Zurigo, Svizzera - Hallenstadion - 3 Novembre 2003 - 2 voti
- Tulsa, Oklahoma, U.S.A. - Drillers Stadium - 6 Luglio 2005 - 1 voto
- Verona, New York, U.S.A. - Events Center, Turning Stone Casino and Resort - 20 aprile 2005 - 1 voto
- Denver, Colorado, U.S.A. - Fillmore Auditorium - 29 marzo 2005 - 1 voto
- Milano, Italia - Forum di Assago - 12 Novembre 2005 - 1 voto
- Sun City West, Arizona, U.S.A. - Maricopa County Events Center - 8 Aprile 2006 - 1 voto
- West Lafayette, Indiana , U.S.A. - Elliot Hall Of Music, Purdue University - 3 Novembre 2004 - 1 voto
- Bonn, Germania, Museumplatz - 29 giugno 2004 - 1 voto
- Grand Prairie, Texas - Nokia Theatre - 15 Aprile 2006 - 1 voto
- Berlino, Arena, 11 Aprile 2002 - 1 voto
- Berlino, Arena, 20 Ottobre 2003 - 1 voto
- Goteborg, Scandinavium, 21 ottobre 2005 - 1 voto


LE COVER IMPERDIBILI (Le migliori cover di brani scritti da Bob)
Vota la cover (o più cover) di brani di Bob pubblicate dopo il 2001

Voti finora pervenuti:

One More Cup of Coffee (Valley Below) - Sertab Erener, da "Masked and anonymous" - 5 voti
Come una pietra scalciata (Like a rolling stone) - Articolo 31 e Bob Dylan, da "Masked and anonymous" - 3 voti
Come il giorno (I shall be released) - Francesco De Gregori, da "Mix" - 2 voti
Most of the time - Sophie Zelmani - da "Masked and anonymous" - 2 voti
Shelter from the storm - Cassandra Wilson - da "Belly of the sun" - 2002 - 2 voti
I'll be your baby tonight - Norah Jones - 2003 - 1 voto
Most of the time - Ani di Franco - 1 voto
It's all right ma (I'm only bleeding) - Hamell On Trial - 1 voto
On a night like this - Los Lobos - da "Masked and anonymous" - 1 voto
My Back Pages - Magokoro Brothers - da "Masked and anonymous" - 1 voto
Farewell Angelina - Joan Baez - da "Bowery Songs" - 2005 - 1 voto
You're Gonna Make Me Lonesome When You Go - Madeleine Peiroux - da "Careless love" - 2004 - 1 voto
Knockin' on heaven's door - Avril Lavigne - 1 voto
Masters of war - Pearl Jam live at the Benaroya Hall, 22 ott 2003 (concerto acustico) - 1 voto
Knockin' on heaven's door - Warren Zevon - 1 voto
Things Have Changed - Barb Jungr - da "Every Grain of Sand", 2002 - 1 voto

scrivi a spettral@tin.it e segnala i tuoi concerti/covers preferiti/e

Nota bene: il limite temporale del 2001 è stato fissato per ottenere due liste che siano idealmente il seguito di quelle pubblicate sul volume "Bob Dylan 1962/2002 40 anni di canzoni" di Paolo Vites e Alessandro Cavazzuti (Editori Riuniti), che si fermano appunto al 2001, anno di pubblicazione del libro.


I RIFERIMENTI A BOB DYLAN NEI ROMANZI (O IN ALTRE OPERE LETTERARIE)
Vuoi contribuire ad allungare la lista sottostante? Segnala a spettral@tin.it i romanzi, i racconti o le altre opere letterarie in cui viene citato direttamente o indirettamente Bob Dylan

- "Nel momento" di Andrea De Carlo
- "Alta fedeltà" di Nick Hornby
- "La spia e la rockstar" di Liaty Pisani, Fazi, 2006
- "L'era del porco" di Gianluca Morozzi, Parma, Guanda, 2005
- "Scirocco" di Girolamo De Michele, Torino, Einaudi, 2005
- "Giorni di un uomo sottile" di Ernesto Aloia nella sua raccolta "Chi si ricorda di Peter Szoke?", minimum fax 2003
- "La ragazza dai capelli di cobalto" di Gianluca Morozzi, nell'antologia di vari autori "Strettamente Personale", ed. Pendragon, 2005.
- "L'Emilia o la dura legge della musica" di Gianluca Morozzi - Guanda
- "Tokyo blues" di Murakami Haruki - Norvegian Wood (trad. ital. Milano, Feltrinelli)
- "Dance dance dance" di Murakami Haruki (trad. ital. Torino, Einaudi)
- "La Torre Nera" di Stephen King
- "I giorni felici di California Avenue" di Adam Langer
- "Per sempre giovane" di Gianni Biondillo, edizioni Guanda - 2006
- "Americana" di Don de Lillo
- "Denti bianchi" di Zadie Smith
- "La Danza del Pitone", di Norman Silver
- "Troppi paradisi" di Walter Siti, Einaudi
- "La fortezza della solitudine" di Jonathan  Lethem (Tropea)
- "Siamo tutti nella stessa  barca" di Owen King (Frassinelli)
- "Come dio comanda" di N. Ammaniti (Mondadori)
- "Accecati dalla luce" di Gianluca Morozzi (Fernandel)
- "Chi è quel signore vestito di bianco vicino a Bob Dylan?" di Gianluca Morozzi ("Vertigine", numero unico - 2006)
- "Il cielo sopra Parigi" di Teo Lorini (Fernandel n. 58)
- "Venerati maestri" di E. Berselli (Mondadori)
- "Zona disagio" di Jonhatan Franzen (Einaudi)
- "Una vita da lettore" di Nick Hornby
- "Ragionevoli Dubbi" di Gianrico Carofiglio - Sellerio editore
- "31 Canzoni" di Nick Hornby
- "Questa scuola non è un'azienda. I racconti del prof. Bingo" di Vittorio Vandelli
- "I ponti di Madison County'' di R. J. Waller
- "La cultura del controllo" di David Garland
- "Il paese mancato" di Guido Crainz
- "Paura e disgusto a Las Vegas" di Hunter S. Thompson
- "L'ultima tazza di caffé" di Teo Lorini (da "Posa 'sto libro e baciami" - ed. Zandegù, Torino 2007)
- "Small world" di David Lodge
- "In cerca di te" di John Irving
- "Mi ammazzo, per il resto tutto ok" di Ned Vizzini, Mondadori.
- "Parlami d'amore" di Silvio Muccino e Carla Vangelista
- "Memorie di un artista della delusione" di Jonathan Lethem (Minimum fax)
- "Boccalone. Storia vera piena di bugie" di Enrico Palandri, Milano, L'erba voglio, 1979 (ristampato da Bompiani)
- "Vedi alla voce Radio Popolare", a cura di Sergio Ferrentino con Luca Gattuso e Tiziano Bonini, Milano, Garzanti, 2006, p. 240 ("Live In Paris  - 1978").
- "Jim ha cambiato strada"(1987) di Jim Carroll. Edizione originale "Forced Entries:The Downtown Diaries 1971-1973", traduzione italiana: Milano, Frassinelli, 1997.
- "Desperation" di Stephen King
- "La bambola che dorme" di Jeffery Deaver, trad. ital., Milano, Sonzogno, 2007.
- "Hellbook" di Michele Murino (ovvero "X-Files Bob")