parte 318
Lunedì 12 Giugno 2006

Iniziamo questa puntata della "Talkin'" con una mail di Francesco Spagna relativa al testo inedito di "Idiot Wind" che ho decifrato e tradotto di recente per MF. Rispondo a Francesco di volta in volta perchè i punti sono molteplici:

4052) Caro Michele,
interessante decodificare quest’altro “frammento” di Idiot Wind, che appare come un altro testo dylaniano da considerare in “work in progress”. Potrebbe davvero essere, come dici, parte di una prima stesura, date le corrispondenze con la quarta strofa della versione del 16 settembre ’74, che hai tradotto sul sito.

Sì, a me dà proprio l'idea di una versione embrionale di "Idiot Wind", soprattutto perchè non c'è il ritornello e dunque fa pensare che fosse solo un testo che Dylan stava sviluppando e che di certo all'epoca non c'era nemmeno il titolo (o chissà, magari Bob ne aveva in mente un altro e solo dopo aver composto il ritornello optò per "Idiot Wind").

Sembra dunque una originale versione tutta intimista: una relazione d’amore sulla quale si sono addensate nuvole temporalesche, parole che non sono state espresse, silenzi, malintesi, forse tradimenti, che hanno rovinato tutto. Azzardo un’ipotesi: i creepers across the rooftops potrebbero essere i “freaks” che si arrampicavano sul tetto della casa di Dylan e Sara a Woodstock, creando quella situazione invivibile che Dylan descrive in Chronicles e che sicuramente turbò la relazione tra i due coniugi.

E' vero. Non ci avevo pensato. Mi sa che è proprio così... Eccellente deduzione.

Questo inoltre darebbe l’aggancio per la dimensione più ampia del discorso nella versione definitiva di Idiot Wind, dove pubblico e privato, personale e collettivo si  intersecano e sovrappongono.
Un’impresa ardua aiutarti a interpretare la grafia dylaniana. Più che altro si aprono altre domande. L’impressione è che il testo pubblicato sia una parte di un testo più ampio, rimane un po’ senza capo né coda.

Sicuramente... Il testo parte come se ci fosse già qualcosa prima... Azzardo un'ipotesi: secondo me quella pubblicata su "Lyrics" è la seconda pagina di almeno tre che Dylan aveva buttato giù a mano. Perchè il finale della pagina è ovviamente tronco e dunque fa supporre l'esistenza almeno di una terza pagina. Perchè non sono state pubblicate tutte e tre? Mah! Forse hanno ritrovato solo quella...

Per cui le due incomprensibili parole iniziali potrebbero essere collegate a qualcos’altro prima, anche se si vede, in alto nel mezzo, la traccia di una riga di separazione. Guardando la grafia, quelle due paroline sembrano “far” o “for” e “day”, ma il senso e il collegamento con il resto del verso non riesco proprio a trovarli.

Non sono sicurissimo che quei segni che si intravedono in alto siano il resto di una riga di separazione. Credo che il verso iniziale sia proprio tronco e dunque sia solo il seguito di un verso precedente.
Anche a me danno l'idea di un "for" e di un "day"...

Proseguendo sul testo che hai trascritto:
- le parole staccate a fianco “waltz” e “false” che relazione potrebbero avere con il testo?

Secondo me sono solo degli appunti che Dylan aveva scritto per ricordarsi di qualcosa... Oppure parole "sostitute" di altre... Ad esempio il "false" magari lo aveva segnato come ipotetica parola da sostituire a "party". Dunque "false doll". E' un'ipotesi. Il "waltz" sembra preceduto da un "tilted", quindi "tilted waltz" che magari poteva sostituire "waltzed around" in riferimento al prete che vestiva di nero. Anche se non so che significato potrebbe avere "tilted waltz" ("to tilt" sta per: inclinare, inclinarsi, beccheggiare, rovesciare, scaricare, giostrare, torneare, lottare, disputare, fare un dibattito, martellare, forgiare).
Inoltre Dylan usa "tilted" qualche verso dopo, quindi magari era solo un "pro-memoria", per così dire... Qualcuno ha qualche altra idea?

- “Tilted (…) your hat”  può voler dire “tirato, fatto volteggiare il tuo cappello”;

Sì, potrebbe. Io ho preferito "rovesciato" perchè mi dava l'idea di un qualcosa che contiene qualcos'altro... Però potresti aver ragione...

- Alla (tua) ottava riga mi sembra che "I was" sia semplicemente ripetuto;

Sì è, vero. E' un "I was" ripetuto probabilmente per errore

- Di fianco a "Red Cross Store" (probabile) vedi anche tu scritto: "just along for the ride" (?)

Sì, ma l'ho tradotto. Secondo me è semplicemente il seguito della frase che evidentemente non ci stava nel foglio per cui Dylan ha proseguito sotto: "(You feel for) her personality and I was I was just along for the ride". Tra l'altro a pensarci bene magari il doppio "I was" è voluto per motivi di metrica. Magari cantandolo Dylan aveva bisogno di ripeterlo per starci dentro metricamente

- Anche su "madam" non avrei dubbi, corrisponde alla "sweet lady" delle versioni successive;

Sì, è stata una delle parole che mi ha fatto più dannare nella decifrazione (4 giorni di lavoro quasi ininterrotto :o) ) ma sono sicuro che sia proprio "madam" anche se la calligrafia di Dylan in questo testo è davvero orrenda, altro che "calli-grafia"... "orrido-grafia" :o)

- Alla quarta riga della seconda strofa, potrebbe essere "wire" anziché "live"? E dunque prima "tryin' to touch..."?

Sul "touch" potresti aver ragione. Sembrerebbe proprio così a ben guardare. Dopo "touch" c'è una parola apparentemente di tre lettere di cui la seconda lettera è sicuramente una "a" e la terza sembrerebbe una "m"... Poi sembra esserci un'altra parola di due o tre lettere assolutamente incomprensibile. Poi sembra esserci quello che tu dici potrebbe essere un "wire". Io avevo optato per "live" per la rima con la parola finale di due versi prima, "five" ("fan the five", io leggo così, che diavolo vorrà dire?)

- In fondo alla sesta riga io leggo "believe"

Mmm... può essere anche se non mi suona... it won't believe??? Non saprei che significato dare alla frase che sembra finire lì

- Dopo i "creepers", riga 10, leggo "jumpin"

Sì è vero, è sicuramente un "jumpin'". Dunque avvalora la tua ipotesi degli uomini-rettile...

- Riga 12: "So I pulled up stakes and went for broke" potrebbe avere senso?

Non saprei... Non credo... E comunque a me la seconda lettera sembra proprio una "a"... Però potresti anche aver ragione perchè "to go broke" significa "fallire", "fare bancarotta"... però il problema è che ci sarebbe quel "for" di mezzo... Non so se si può anche dire "to go for broke"...

- In fondo a destra alla seconda strofa si leggono chiaramente, ma scollegati, "focus" e "I focused"

Sì è vero, li ho aggiunti nella nota. Secondo me sono anche quelle delle parole messe lì da Dylan come appunti per qualche verso e poi non utilizzati

- Nella strofa 3 il nostro eroe potrebbe essere "rimpinzato" di "beans and coke", "fagioli e coca-cola"
(possibile? giusto in America?) -  fa del resto rima con "joke".

A "beans" avevo pensato anche io... Può essere... Più che "coke" io avevo pensato di primo acchito a "cake"... "Rimpinzato di fagioli e coca-cola", o "Rimpinzato di fagioli e torta"? Mah! Però hai ragione, forse è più "coke" perchè la rima con "joke" sarebbe perfetta... E poi magari allude alla "coke" intesa come cocaina. Certo un Dylan che afferma di essere stato messo su un piedistallo ed imbottito di cocaina farebbe capire perchè poi ha eliminato il verso nella versione finale... Mi sa che potrebbe essere proprio così... Certo con la "coke" intesa come cocaina l'altra parola dovrebbe alludere anch'essa a droghe o cose simili (qualcuno sa se "beans" in slang significa qualcosa del genere?)

- Nella strofa 4, riga 1 leggo "something I (?) care" e poi a fianco a sinistra un "said"

Potrebbe essere. "Pensai che eri stata ipnotizzata, mentre tu pensavi che fosse qualcosa di cui m'importasse..." Potrebbe reggere.

- Riga 3 "So then what be the use I was (?) [e qua sarebbe importante capire cosa!] and you were
loose..." cioè "libera"?

Sì hai ragione. E' sicuramente "and you were loose" con "and" accorciato in "n" come fa spesso Dylan e poi "you were loose" mi sembra esatto (anche perchè metricamente il verso è perfetto - ho provato a cantarlo - con la rima "use""loose").
Per cui potrebbe essere: "E allora a che scopo io ero ??? e tu eri libera?". Resta da capire quella parolina dopo "was", che come scrivi è effettivamente fondamentale per capire il senso. La prima lettera sembrerebbe quasi una "g" (confrontatela con la "g" di "ragin' storm" nel primo rigo della pagina). Però è davvero indecifrabile... almeno per me (una domanda a Mr. Dylan: "Bob, ma nel '74 che fine aveva fatto quella tua bella macchina da scrivere degli anni '60??????" :o))

- Subito sotto potrebbe essere "In order to got then to you"?

Mmm... il "then" mi convince poco. Comunque questo è un verso che non crea difficoltà perchè il senso è chiaro: "Nella speranza di riaverti (Avrei usato qualche debole scusa)". Del resto è un verso già usato da Dylan in un'altra versione alternativa di "Idiot Wind" per cui ci sono pochi dubbi

- "I'd fast have to come up with some excuse"?

Potrebbe, anche se la seconda lettera di "fast" a me sembra più una "u", o almeno l'effetto grafico è quello ma la parola è scritta davvero male

- Infine: "It was just that everything I said was..." ma non lo dice! C'è un piccolo salto di riga e sotto mi sembra di leggere "and (?) when the rains came,"... Il rumore della pioggia che ha coperto le parole? "Seppellite nella grandine"?  Mah! (ci vorrebbe un grafologo)
ciao, a presto
Francesco

Sì è vero, dopo "everything I said was" sembra proprio che manchi il seguito del verso, come se Dylan non lo avesse ancora scritto, magari cercava una rima e ha lasciato il verso in sospeso... Per quanto riguarda "and (?) when the rains came," in realtà se guardi bene è il seguito del verso successivo "We didn't talk for days and days...". Infatti se noti poi c'è una frase cancellata completamente per cui "and (?) when the rains came, the words were gone" è la frase che Dylan scrive per sostituire quella cancellata (che ho provato a decifrare ma la riga che la copre è troppo grossa per permetterlo). Comunque mi sembra che la frase da te ipotizzata sia giusta.
Grazie infinite per l'aiuto e se altri vogliono aiutarci ricordate: pagina 982 di "Lyrics". Confrontate con il testo qui.
Ciao
Michele "Napoleon in rags" 


4053) Ciao Michele, mando a te e a tutti i frequentatori di Maggie's Farm questo link: è un sito attraverso il quale si possono vedere dei magnifici filmati di Dylan..... per chi non li avesse ancora visti.

Buona visione.

Edo

http://www.youtube.com/results?search=dylan%20bob&sort=relevance&page=1

Ciao Edo
e grazie della segnalazione. Per chi non li ha visti, ci sono tra gli altri anche la splendida Hurricane dell'Hammond Tribute, la Jokerman del Letterman show e la splendida Crossroads con Clapton. E poi il Johnny Cash show col duetto Bob/Johnny, mitici video della RTR e molto altro... insomma merita!
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


4054) ciao Michele,
credo che tu abbia fatto un grande errore a chiedere "che ne pensate?" a proposito dell'articolo su
Joan pubblicato nella scorsa puntata della Talkin'.... come posso a questo punto non scendere in campo (per l'ennesima volta) in difesa della lady?
ovviamente il mio modesto punto di vista è che non solo il signor Introvigne è di parte (come giustamente avevi già fatto notare tu) ma stravolge anche la realtà "a suo favore". Infatti il fatto che lui non sia interessato a Joan e alla sua attività e che quindi non la segua, non significa "che ormai si
esibisce di rado davanti a pubblici di provincia tanto politicizzati quanto poco numerosi". Se il signor
Introvigne solo sapesse che Joan non si esibisce affatto solo davanti a pubblici di provincia (che poi
non vedo cosa ci sia di male) e soprattutto che non sono affatto poco numerosi (solitamente Joan - e l'ha
dimostrato anche in quest'ultima tournèe europea che,con l'eccezione di poche date, era tutta SOLD OUT- riempe i teatri e i palazzetti dello sport come pochi ormai fanno)...
Da bravo giornalista di parte inoltre dimentica che la sinistra non è formata solo dai "comunisti" (e che ,
tra l'altro, Joan non ha mai detto di essere di sinistra) e dimentica anche di dire che dall'altra parte della barricata, contro i "tagliagole" iracheni e i dirigenti comunisti nord-vietnamiti, laotiani e cambogiani non ci sono tanti angeli innocenti a cui va (o dovrebbe andare, dal suo -fin troppo poco celato- punto di vista) tutto il nostro rispetto.
Detto questo, rispondo a te che un bel po' di tempo fa mi hai chiesto informazione rispetto alle mie foto con Joan e al povero Idiot Wind che secondo me aveva già perso la speranza e non aspettava più una mia risposta... allora, per quanto riguarda le foto sono state scattate a Milano il quattro aprile di
quest'anno nel backstage del teatro degli Arcimboldi, dopo il concerto. Come sono arrivata lì è un segreto professionale... posso solo dire però che lei è stata grandiosa e dolcissima e ha dimostrato ancora una volta di essere non solo una grande cantante e attivista ma anche - e soprattutto- una grande donna.
Invece per quanto riguarda la lunga e bellissima mail che ha mandato IdiotWind un bel po' di tempo fa, il discorso è un po' più complicato... prima di tutto sono sempre felice di "scovare" fan giovani di Dylan, anche se, devo dire, man mano che passa il tempo ne trovo sempre di più... non siamo poi così pochi!
semplicemente dobbiamo solo trovarci... perciò, ogni volta che ne individuiamo un altro, è un po' una festa!
anch'io ascolto Dylan da due anni e se c'è una cosa per cui non smetterò mai di ringraziare Joan è questa.
Mi ha dato la possibilità di innamorarmi di quel grande poeta ed artista che è Dylan.
E quanto sei fortunato tu ad averlo visto live... io spero di andare al concerto a Paestum, anche se
biglietti non se ne vedono ancora in giro... ma io non demordo. Prima o poi assisterò a un concerto del
menestrello... anche se, visto che ormai siamo entrati nel merito della questione, preferirei andare a 800
concerti di Joan (se solo ne avessi la possibilità...sigh...) che a uno di Bob. Infatti siamo già due a zero per Joan... =)
Per quanto riguarda quello che è stato detto su Joan, capisco benissimo il tuo punto di vista e confesso che a volte ho anche dubitato della sua onestà, ecc. salvo poi ricredermi subito dopo. E' normale che raccolga critiche, e io non mi dovrei arrabbiare più di tanto... fatta eccezione per quei simpatici ma
ignoranti giornalisti che dicono cose senza neanche sapere di che stanno parlando... =)
bè, adesso mi sto dilungando un po' troppo... concludendo, certo che mi piacerebbe diventare tua amica! (anzi, se hai un contatto msn, facciamo anche prima)
Ciao,
Sad-Eyed Lady

ps.Michele, un mio amico di Los Angeles ha stabilito che noi napoletani siamo tutti pazzi (si riferiva a
'nu bello cardillo)!!! =(

Ciao Fabrizia,
naturalmente aspettavo un tuo intervento :o) e più giù ce ne sono altri due di Gianni Cerutti e di Teo Lorini.
L'articolo di Introvigne, come scrivevo, a mio avviso dimostra una totale parzialità per cui - sempre a mio modesto avviso ovviamente - perde automaticamente di credibilità. Joan non è certo infallibile, come tutti gli esseri umani, ma ridurre la sua carriera e la sua attività a quello che ha scritto Introvigne mi sembra quanto meno discutibile. E darle della "complice di assassini" (o quasi) e addirittura della "razzista" mi sembra veramente un'enormità.
Per quanto riguarda Paestum ricordo che ora i biglietti sono in vendita qui.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4055) Per la serie "citazioni di Bob", voglio segnalare "Rosanera" di Davide Van De Sfroos, che parla di una chitarra, in cui sono citati anche Garcia Lorca, Django Reinhardt... una buona compagnia, direi!
Ecco la citazione:

"L'ho curàda, l'ho guariida e la sunava pussee alègra, duve prema gh'era un boecc g'ho faa intarsià
una roesa negra,

l'ho sunada in soe la naav quaand che i geent cambiaven tèra, l'ho dupràda 'me 'na spada per tajàcch
el coo alla guèra,

un fioe del Minnesota l'era dree a scapà de ca', un dè el m'ha dumandaa se la pudèvi prestà,

l'ha faa una canzòn sura un trènu piee de geent cun deent una risposta che la bùfa ammò in del veent'"

Ciao!

Gabriele "Mr. Cat" Gatto

Ciao Gabriele,
perfetto, grazie.
Più giù riporto la listona aggiornata.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4056) Non mi pare di averla letta, però c'è una traduzione italiana che manca...
Fabrizio De Andrè incise Desolation Row di Dylan col nome di Via della Povertà... sorry se per caso non l'ho letta e già c'era.. byebye

marco

Ciao Marco,
in quale pagina dici che manca? In "May your song always be sung" è citata... E c'è anche nella pagina "Dylan e i cantautori italani"... Fammi sapere...
Ne approfitto per riportare a beneficio di chi non la conoscesse questa versione che personalmente ritengo una delle migliori in italiano (anche se Fabrizia tempo fa non se ne disse particolarmente entusiasta, per usare un eufemismo :o) )
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"

VIA DELLA POVERTA'
Fabrizio De Andrè/Francesco De Gregori/Bob Dylan

Il salone di bellezza in fondo al vicolo
è affollatissimo di marinai
prova a chiedere a uno che ore sono
e ti risponderà "non l'ho saputo mai"
Le cartoline dell'impiccagione
sono in vendita a cento lire l'una
il commissario cieco dietro la stazione
per un indizio ti legge la sfortuna
e le forze dell'ordine irrequiete
cercano qualcosa che non va
mentre io e la mia signora ci affacciamo stasera
su via della Povertà

Cenerentola sembra così facile
ogni volta che sorride ti cattura
ricorda proprio Bette Davis
con le mani appoggiate alla cintura
Arriva Romeo trafelato
e le grida "il mio amore sei tu"
ma qualcuno gli dice di andar via
e di non riprovarci più
e l'unico suono che rimane
quando l'ambulanza se ne va
è Cenerentola che spazza la strada
in via della Povertà

Mentre l'alba sta uccidendo la luna
e le stelle si son quasi nascoste
la signora che legge la fortuna
se n'è andata in compagnia dell'oste
Ad eccezione di Abele e di Caino
tutti quanti sono andati a far l'amore
aspettando che venga la pioggia
ad annacquare la gioia ed il dolore
e il Buon Samaritano
sta affilando la sua pietà
se ne andrà al Carnevale stasera
in via della Povertà

I tre Re Magi sono disperati
Gesù Bambino è diventato vecchio
e Mister Hyde piange sconcertato
vedendo Jeckyll che sorride nello specchio
Ofelia è dietro la finestra
mai nessuno le ha detto che è bella
a soli ventidue anni
è già una vecchia zitella
la sua morte sarà molto romantica
trasformandosi in oro se ne andrà
per adesso cammina avanti e indietro
in via della Povertà

Einstein travestito da ubriacone
ha nascosto i suoi appunti in un baule
è passato di qui un'ora fa
diretto verso l'ultima Thule
sembrava così timido e impaurito
quando ha chiesto di fermarsi un pò qui
ma poi ha cominciato a fumare
e a recitare l'abicì
ed a vederlo tu non lo diresti mai
ma era famoso qualche tempo fa
per suonare il violino elettrico
in via della Povertà

Ci si prepara per la grande festa
c'è qualcuno che comincia ad aver sete
il fantasma dell'opera
si è vestito in abiti da prete
sta ingozzando a viva forza Casanova
per punirlo della sua sensualità
lo ucciderà parlandogli d'amore
dopo averlo avvelenato di pietà
e mentre il fantasma grida
tre ragazze si son spogliate già
Casanova sta per essere violentato
in via della Povertà

E bravo Nettuno mattacchione
il Titanic sta affondando nell'aurora
nelle scialuppe i posti letto sono tutti occupati
e il capitano grida "ce ne stanno ancora"
e Ezra Pound e Thomas Eliot
fanno a pugni nella torre di comando
i suonatori di calipso ridono di loro
mentre il cielo si sta allontanando
e affacciati alle loro finestre nel mare
tutti pescano mimose e lillà
e nessuno deve più preoccuparsi
di via della Povertà

A mezzanotte in punto i poliziotti
fanno il loro solito lavoro
metton le manette intorno ai polsi
a quelli che ne sanno più di loro
i prigionieri vengon trascinati
su un calvario improvvisato lì vicino
e il caporale Adolfo li ha avvisati
che passeranno tutti dal camino
e il vento ride forte
e nessuno riuscirà
a ingannare il suo destino
in via della Povertà

La tua lettera l'ho avuta proprio ieri
mi racconti tutto quel che fai
ma non essere ridicola
non chiedermi "come stai"
quella gente di cui mi vai parlando
è gente come tutti noi
non mi sembra che siano mostri
non mi sembra che siano eroi
e non mandarmi ancora tue notizie
nessuno ti risponderà
se insisti a mandarmi le tue lettere
da via della Povertà


4057) Solo una annotazione, visto che ne avete parlato: anche il divino Miles Davis ha reso omaggio a Billy Preston intitolando col suo nome un pezzo sul disco "Get up with it" del 1974

Ciao dalla lucertola

Ciao Lizard,
OK!
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4058) ciao con i soliti complimenti.
una domanda che non so se avete già trattato.
la "dignity (original version)" di "the essential bd" è la stessa di "the best of bd, vol 2" del 2000? (cioè
quella "buona"?).

lo chiedo perché nelle note di "essential" si dice "uscito come singolo nel 5/95. questa versione viene dalla colonna sonora di touched by an angel pubblicata nel 10/98".
(e non vedo citato questo film e/o questa particolarita né da rizzi né da vites... o sbaglio...).

grazie

sergio

Ciao Sergio,
si tratta in entrambi i CD della stessa versione, ovvero l'originale out take proveniente da Oh Mercy prodotta da Daniel Lanois (da non confondersi dunque con la versione del 1994 prodotta da Brendan O'Brien e remissata per l'album "Bob Dylan Greatest Hits Vol. 3" e che presenta solo il piano ed il cantato di Bob con l'aggiunta di un nuovo accompagnamento).
La versione di Essential e di Best of BD vol. 2 era stata originariamente pubblicata sul CD di Artisti Vari: "Touched By An Angel: The Album" (TV Series soundtrack compilation), nel 1998.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4059) Caro Michele,

innanzitutto vorrei ringraziare di cuore Francesco Tiger per la sua disponibilità, e fargli i complimenti
per la sua efficienza, circa le informazioni sul Signor Hood (talkin' 307). Avevo in mente l'intervista
della Stampa, ma avevo completamente perso i riferimenti temporali (Ah! la memoria). Vedo, però, che
la circostanza della dedica a Pannella era già conosciuta da tempo. Grazie.

Vorrei anche segnalare tre cover che a rigore non rientrano nello spazio temporale della classifica,
ma secondo me hanno qualche ragione di essere considerate (e di estendere così la classifica). Si tratta
di questo. Nel suo bel libro, Vites cita solo le cover delle canzoni pubblicate sugli album ufficiali che
analizza. Il canzoniere di Dylan, però, è più vasto, basti pensare a Blind Willie McTell. Così ti segnalo
(valuta poi tu se la mia osservazione è centrata):

* Una qualsiasi Farewell Angelina di Joan Baez (Per esempio quella di Bowery Songs, che inoltre è
del 2005 e quindi entra comunque in classifica). A proposito, che pena l'articolo del pennivendolo
dell'Indipendente. Evidentemente nessuno l'ha avvisato che la Guerra Fredda è finita da un pezzo, e
come i Giapponesi che negli anni settanta venivano trovati nei boschi, ancora convinti che la Seconda
Guerra mondiale fosse in corso, continua a sparare bordate fuori misura. Varrebbe la pena mandargli
un copia del Talkin' sulla John Birch Society! Inoltre Joan ha vissuto a lungo a Baghdad e sa di cosa
parla. Per ciò che riguarda il Vietnam, tra i più fieri oppositori a quella guerra c'erano Hans Morgenthau
e Kenneth Waltz!

* Foot Of Pride eseguita da Lou Reed al concerto del 30° anniversario, anche per lo snobismo di
scegliere in una sera come quella, con gli occhi dei media mondiali addosso, una pagina sconosciuta

* Love Is Just a Four-Letter Word di Joan Baez. Anche qui potrei citare la versione "casalinga" -
incantevole, con quello sguardo finale malandrino come a dire: "serve altro?" - di No Direction Home,
ma trovo davvero superba la versione del concerto del 24 luglio del 1970 all'Arena Civica di Milano, che
ho la fortuna di avere inciso su un ormai rarissimo vinile

E, naturalmente, aggiungo due citazioni all'elenco dei riferimenti dylaniani nelle canzoni dei nostri
cantautori. Si trovano entrambe in «Eppure soffia» di Bertoli, un autore che ha sempre dichiarato di considerare Bob Dylan l'unico riferimento sicuro nel suo lavoro. La prima fa riferimeno, appunto, al
titolo e al ritornello. Ho sempre pensato, ma chiedo conforto, che il vento di «Eppure soffia» sia quello di
Blowin'. La seconda al verso «spruzza l'acqua alle navi sulla prora», che mi sembra evochi When The
Ship Comes In.

Gianni "The lonesome sparrow"

Ciao Gianni,
naturalmente concordo al cento per cento su "Farewell Angelina" e "Love is just a four letter word" Baez-version. E hai ragione quando citi il coraggio di Reed di proporre un brano misconosciuto in una serata come quella del 30mo anniversario di Bob.
Non avevo mai pensato ad un'eventuale corrispondenza tra "Eppure soffia" (il mio brano preferito di Bertoli) e Dylan. Mi sa che ci hai "azzeccato" perchè a ben pensarci il richiamo c'è e come. Anzi andrò a riascoltarmi un po' di brani di Bertoli, chissà che non scovi qualche altra "assonanza". Ecco dunque la lista aggiornata...
Ciao
Michele "Napoleon in rags"

Lista aggiornata:

1- Buonanotte Fiorellino (De Gregori)... Winterlude (testo e musica)
2- Sì Viaggiare (Battisti)... All Along The Watchtower (musica)
3- Un altro giorno è andato (Guccini)... I want you (musica)
4- Vedi Cara (Guccini)... Don't think twice it's all right (musica)
5- Al ballo mascherato (De Andrè)... Desolation Row/Tombstone Blues (testo)
6- Sally (De Andrè/Bubola)... Isis (ispirazione del testo)
7- Tempo reale (De Gregori)... Highway 61 revisited (musica)
8- Vai in africa Celestino (De Gregori)... Everything is broken (testo)-Subterranean Homesick Blues (musica)
9- Il suono delle campane (De Gregori/Locasciulli)... Stuck inside of Mobile... (musica)
10- Cercando un altro Egitto (De Gregori)... Talkin' World War III Blues (ispirazione del testo)
11- Giuliana (Ivan Graziani)... Gotta serve somebody (musica)
12- L'atomica cinese (Guccini)... A hard rain's a-gonna fall (ispirazione del testo)
13- Johnny lo zingaro (Bubola)... All along the watchtower (musica)
14- Parole a memoria (De Gregori)... Knockin' on heaven's door (citazione musicale)
15- Il panorama di Betlemme (De Gregori)... All along the watchtower (citazione musicale)
16- Numeri da scaricare (De Gregori)... Meet me in the morning (musica)-Slow train coming (citazioni testuali)
17- L'aggettivo mitico (De Gregori)... Blowin' in the wind (citazione-omaggio nel testo)
18- Farewell (Guccini)... Farewell Angelina (citazioni musicali e testuali)
19- Talkin' Milano (Guccini)... Vari Talkin' Blues dylaniani (testo e musica)
20- Statale 17 (Guccini)... Down the highway (testo), Highway 61 Revisited (ispirazione del titolo)
21- Canzone per un'amica (Guccini)... Ballad for a friend (testo)
22- Camicie rosse (Bubola)... Billy (musica)
23- Dolce signora che bruci (De Gregori)... It's all over now Baby Blue (ispirazione di versi)
24- Shomèr ma mi-llailah? (Guccini)... All along the watchower (corrispondenze bibliche da Isaia)
25- Bandiera Bianca (Battiato)... Mr. Tambourine Man (citazione testuale)
26- Bandiera Bianca (Battiato)... The times they are a-changin' (citazione testuale)
27- Cuccuruccucu (Battiato)... Like a rolling stone (citazione testuale)
28- Cuccuruccucu (Battiato)... Just like a woman (citazione testuale)
29- Noi non ci saremo (Guccini)... A hard rain's a-gonna fall (ispirazione del testo)
30- Canzone per Silvia (Guccini)... Hurricane (idealmente)
31- Compagni di viaggio (De Gregori)... Simple twist of fate (corrispondenze testuali)
31- Cartello alla porta (De Gregori)... Sign on the window (titolo)
32- Overdose d'amore (Zucchero)... Shot of love (titolo e parzialmente musica)
33- Pietre (Gian Pieretti/Gianco)... Rainy Day Women (musica e testo)
34- Bufalo Bill (De Gregori)... With God On Our Side ("The country was young... the cavalry charged..." - "Il paese era molto giovane, i soldati a cavallo eran la sua difesa)
35- ...E fuori continua a piovere (Del Sangre)... Tombstone Blues (musica)
36- Non 6 Bob Dylan (883)... (citazione del nome di Dylan)
37- Eskimo (Guccini)... (citazione del nome di Dylan)
38- Il vento dell'est (Gian Pieretti/Ricky Gianco)... Girl From the North Country
39- Pentathlon (De Gregori)... Gotta serve somebody (testo)
40- Canzone per Sergio (Vecchioni)... Blowin' In The Wind (citazione di versi).
41- Il suonatore è stanco (Vecchioni)... (citazione del nome di Dylan)
42- Bambini venite parvulos (De Gregori)... I Shall Be Free (Mr Clean/Mastro Lindo)
43- Disastro aereo sul canale di Sicilia (De Gregori)... Three Angels
44- Il canto delle sirene (De Gregori)... Jokerman
45- Numeri da scaricare (De Gregori)... Blowin' In The Wind ("non è possibile che non vedi" / "how many times can a man turn his head and pretend that he just doesn't see" )
46- Renoir (De Gregori)... The Times They Are A-Changin' ("Ora i tempi si sa che cambiano".)
47- Renoir (De Gregori)... Forever Young (Doppia versione e posizione nel disco, ultima della prima facciata, prima della seconda. )
48- Titanic (De Gregori)... Desolation Row (Si è tanto parlato dell'influenza del poema di Enzensberger «La fine del Titanic», che De Gregori non ha mai smentito, ma nemmeno sottolineato troppo entusiasticamente, e ci si è dimenticati l'ultima strofa di Desolation Row: «the Titanic sails at dawn»)
49- Chi ruba nei supermercati (De Gregori)... Desolation Row ("Tu da che parte stai?". Certo la citazione di Brecht è evidente, ma io ci sento l'eco del "Which side are you on?")
50- Sempre e per sempre (De Gregori)... Desolation Row (E which side troveremo sempre e per sempre Francesco? Non va dimenticato che «Which side are you on» è il titolo di una famosa canzone politica, riportata in auge dal folk revival dei primi anni sessanta.)
51- Il vestito del violinista (De Gregori)... Chimes Of Freedom («Così sentimmo nell'aria forte la ridondanza delle campane/come un ricordo che faceva piangere, come l'odore del pane». Anche qui difficile non pensare a quali campane avesse in mente De Gregori quando scriveva)
52- La testa nel secchio (De Gregori)... Slow Train ("E il treno sta partendo / Ma non è ancora partito" . Inoltre mi sembra di poter cogliere un'analogia anche nel ritmo delle due canzoni.)
53- Il vestito del violinista (De Gregori)... I shall be released ('Come vedere spuntare il sole dall'altra parte di un muro...' -  'I see my light come shining from the west unto the east... Yet I swear I see my reflection some place so high above this wall')
54- La testa nel secchio (De Gregori)... Angelina ('Blood dryin' in my yellow hair' - 'Ma ho del sangue nei capelli').
55- Dolce signora che bruci (De Gregori)... A Hard rain's a-gonna fall ('I met a young woman whose body was burning')
56- Tempo reale (De Gregori)... A Hard rain's a-gonna fall ('E nessuno ricorda la faccia del boia' -'The executioner's face is always well hidden')
57- Sono tuo (De Gregori)... Absolutely Sweet Marie (Where are you tonight, sweet Marie? - Ma dove sei stanotte, amore mio?)
58 - Tu angelo tu (Bubola)... You angel you (testo e struttura musicale)
59 - Cardiologia (De Gregori)... I threw it all away ("[l'amore] fa curvare i pianeti" - "Love...  makes the world go 'round"...) - (Forse anche un rimando a "Planet Waves")
60 - Registrazione (Lucio Battisti) (citazione del nome di Dylan: "Da Dylan (ho imparato) a dire quello che mi pare")
61 - Il bombarolo (De Andrè)... Desolation Row/Lay down your weary tune ("C'è chi aspetta la pioggia per non piangere da solo" - "The cryin' rain like a trumpet sang" e "Everybody is making love or else expecting rain")
62 - Caldo e scuro (De Gregori)... Not dark yet (svolgimento musicale)
63 - Così celeste (Zucchero)... I shall be released (svolgimento musicale)
64 - Beatles; Rolling Stones e Bob Dylan (Elio e le Storie Tese) (citazione del nome di Dylan)
65 - Tre stelle (De Gregori)... New Morning (musica)
66 - In onda (De Gregori)... Mississippi ("mentre la mia nave affonda" - "Well my ship's been split to splinters and it's sinking fast")
67 - La linea della vita (De Gregori) - If you see her say hello ("Magari è questione di troppa sensibilità" - "Either I'm too sensitive")
68 - Per le strade di Roma (De Gregori) - When I Paint My Masterpiece
69 - Cardiologia (De Gregori)... Sara ("Che raccoglie conchiglie dopo la mareggiata")
70 - Raggio di sole (De Gregori)... Forever Young
71 - L'amore comunque (De Gregori) - Sad eyed lady o One of us must know (citazione musicale)
72 - Signor Hood (De Gregori) - John Wesley Harding
73 - Torri di Guardia (R. Kunstler) - All along the watchtower
74 - Verrà la libertà (R. Kunstler) - When the ship comes in
75 - Prendi questa mano zingara (De Gregori) - Spanish Harlem Incident
76 - Rosanera (Van De Sfroos) - "Un fioe del Minnesota l'era dree a scapà de ca', un dè el m'ha dumandaa se la pudèvi prestà, l'ha faa una canzòn sura un trènu piee de geent cun deent una risposta che la bùfa ammò in del veent'"
77 - Eppure soffia (Bertoli) - Blowin' in the wind/When the ship comes in


4060) Ciao Michele,
ti scrivo per una piccolissima precisazione (ma in fondo tutto serve per migliorare un sito così bello). Sono sicuro che anche altri Farmers te lo avranno segnalato, ma sulla versione di Idiot Wind recentemente aggiunta alla pagina dei testi, quella eseguita su Hard Rain c'è una svista di datazione.
Il concerto da cui è tratta (quello di Fort Collins a cui Sara arrivò fuori programma trovando Bob a "firmare autografi" a un paio di fans) risale al 23 maggio sì, ma del 1976.

Fatta questa piccola, puntigliosetta ma (spero) utile precisazione, vorrei restare sul tema delle idiozie che scappano come vento dalla bocca per rinviare coloro che (come me) si sono sentiti offesi dalle sciocchezze faziose e becere contenute nell'articolo contro Joan Baez del signor Introvigne a visitare un sito particolarmente documentato sull'attività delle sette, dei movimenti religiosi e degli integralisti di ogni fede.
In questa pagina http://www.kelebekler.com/cesnur/storia/it00.htm si trova un articolo molto dettagliato sul signor Introvigne, sul suo millantato credito (pare che il Nostro, ben lungi dall'essere un esperto di musica, non sia nemmeno sociologo, titolo di cui si fregia sovente) e sull'organizzazione di studio dei culti da lui presieduta.
Per la cronaca, a suo tempo Introvigne querelò Miguel Martinez, l'autore del sito, ma il processo dimostrò che le informazioni raccolte da Martinez erano, ahimè, tutte vere (ampia documentazione della vicenda sempre su www.kelebekler.com).
Venendo a tempi più recenti, il signor Introvigne, quando non segue i concerti di Joan Baez, è spesso in Rai, preferibilmente a Porta a Porta, nella pletora di quei predicatori apocalittici (un po' alla Jerry Falwell) che vedono in un thriller mediocre come Il codice da Vinci, la venuta dell'Anticristo e, già che ci sono, pensano bene di cavalcare questa polemica (sulla cui consistenza rimando ancora una volta a Idiot Wind) per farsi un po' di pubblicità.
Joan Baez potrà anche essere antipatica, un po' di sana polemica intorno alle compagne importanti delle star più amate mi pare naturale e quasi fisiologica (il sottoscritto, per dire, beatlesiano dall'età di 14 anni, ha sempre avuto lunghe discussioni con i detrattori di Yoko Ono, responsabile, secondo taluni, addirittura dello scioglimento dei Fab Four), però mi sembra opportuno che a parlarne sia chi ne capisce di musica e non chi attacca indifferentemente lei, Dan Brown, i testimoni di Geova o i Panzerotti spaziali, giusto per fare polemica e far parlare di sé.
Grazie mille per l'attenzione e per il lavoro prezioso che continui a fare.
A prestissimo

Teo Lorini

Ciao Teo,
naturalmente quella versione di Idiot Wind è del 1976, grazie della segnalazione (evidentemente in un copia-e-incolla mi è saltato fuori un 74). Ho provveduto a correggere la pagina in questione.
Grazie e alla prossima,
ciao.
Michele "Napoleon in rags"


4061) Mi pare di non aver visto queste:

Corrina Corrina
Steppenwolf, 1967 - 1969

When the ship comes in
Arlo Guthrie, 1976

Percy's song
Arlo Guthrie, 1970

Stealin'
Arlo Guthrie, 1969

Wedding song
Arlo Guthrie with Shenandoah, 1979

Gates of Eden
Arlo Guthrie, 1973

Please Mrs. Henry
Chris Spedding, 1970

If you gotta go, go now (Si tu dois partir)
Fairport Convention, 1970

Poi, se non mi sbaglio, nei primi anni '70 venne incisa questa meraviglia:
If not for you (Ti mangerei, sei dolce come una fragola)
Romina Power, ?

Buon lavoro.

MB

Ciao Maurizio,
grazie per le segnalazioni.
Controllo ed integro al più presto e mi lancio subito alla ricerca di "Ti mangerei..." della mia amata Romina Power... ;o)
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4062) ciao a tutti,
sto scrivendo per l'università una tesina sul folk, da guthrie a springsteen e dylan (eh sì.. anche all'università c'è ancora qualche geniale professore interessato alle tradizioni popolari di un paese).
e insomma, il tema principale della mia tesina sarà in sostanza: "da deportees a matamoros banks. rappresentazione dell'immigrazione clandestina messicana nell'immaginario folk americano".
ora, entrate in campo voi e la vostra conoscenza approfondita di dylan: non mi viene in mente un solo pezzo in cui dylan affronti più o meno esplicitamente questo tema. potete aiutarmi?
l'unica cosa che mi è venuta in mente è la sua versione di across the borderline di willie nelson, ma mi piacerebbe capire se anche lui, in prima persona, ci ha scritto su qualcosa.. chiunque abbia un'illuminazione sarei grata se si facesse avanti.. verrete largamente citati nei ringraziamenti semmai questo piccolo progetto diventi la mia futura tesi di laurea.. ciao a tutti.grazie!
magdafandango@yahoo.it

Ciao,
beh Bob ha anche fatto una bella versione di "Deportees" ai tempi della Rolling Thunder Revue (1976). La cantava in duetto con Joan Baez.
Qualcuno sostiene che anche in "Senor" possa esserci qualche riferimento all'argomento.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4063) Ciao Michele.
Da tempo ormai lontano seguo Dylan. Da ragazzo (fine anni 60) l'ho scoperto quasi per caso. Da giovane ho iniziato a conoscerlo come poeta ed Artista. Da adulto ho saputo apprezzare le forti contraddizioni e le sottili magie delle sue parole mai disgiunte dalla musica.
Libri, Vinili, Bootleg, CD, Video, tickets e altro (anche un autografo!) riempiono ormai la casa.
Non manco agli appuntamenti in Lombardia a lui dedicati (l'ultimo alla Salumeria della Musica a Milano).

Purtroppo non trovo mai il tempo di leggere tutto quello che si scrive nel tuo sito e vorrei pertanto chiederti se avevi da segnalare articoli, recensioni o altri scritti (anche in inglese) in cui si parli del rapporto tra Dylan e Natura. Spesso i suoi testi sono ricchi di visioni ed immagini molto forti e toccanti. Ma si potrebbe analizzare nei suoi testi il rapporto con la natura cosi frequente nei poeti di tutte le epoche?
Lui che, dopo i primissimi anni di carriera, non ha mai preso posizioni pubbliche nette, nel 2001 ha donato "Shelter from the storm" al WWF per spot televisivi a favore della difesa degli animali sottoposti a sofferenze e traumi dovuti a disastri ecologici provocati dall'uomo.
Mi sembrò un atto bello e deciso a favore della natura tutta.

Approfitto poi per inviarti le foto del mio piccolo Labrador di nome Dylan (ero indeciso tra Bobby e Dylan). Ho visto che c'è già un altro cagnolino nella fattoria con lo stesso nome, ma è di razza diversa! Ho anche inserito il link a Maggie's farm nel mio sito (www.diletti.it).

Grazie e ... "forever young" a tutti
Pierluigi

Ciao Pierluigi,
grazie per la foto che riporto qui sotto (bellissimo!!!!).

Per quanto riguarda articoli sul rapporto tra Dylan e la Natura al momento non mi viene in mente nulla. Provo a fare qualche ricerca ed eventualmente ti faccio sapere su MF.
Qualcuno ricorda qualcosa al riguardo? Fateci sapere, grazie.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4064) Ciao Michele.

Volevo segnalarti che nella sigla iniziale del telefilm "Joan of Arcadia" (in onda su Italia1 tutti i giorni a partire dalle 11:20) compare una bella foto di Dylan versione anni 60. E' una delle foto più storiche, datata 1965 o al massimo 1966, scattata presumibilmente in uno studio di registrazione, con la sua fender in mano e... forse per un "simple twist of fate" è proprio la stessa foto che ho ben incorniciata nella mia stanzetta e che ho acquistato a Roma al concerto di Bob il 1 Novembre 2003 (il mio unico concerto)!

Volevo inoltre chiederti dove posso trovare la traduzione di "Inside Out" dei Traveling Wilburys perchè l'ho cercata nel tuo sito ma non l'ho trovata.

Grazie anticipatamente.

Luigi78.

Ciao Luigi,
grazie della segnalazione.
Ecco la mia traduzione di "Inside out":

RIVOLTATO DA DENTRO A FUORI
Traveling Wilburys

Guarda fuori dalla tua finestra
Quell'erba non è verde
E' quasi gialla
Capisci cosa intendo dire?
Guarda su per il tuo camino
Il cielo non è azzurro
E' quasi giallo
Lo sai che è proprio così
E' così difficile capire di che si tratta

Quando sei rivoltato da fuori a dentro (da dentro a fuori)
E quando sei rivoltato da sotto a sopra (da sopra a sotto)
Già, sei capovolto da sotto a sopra (da sopra a sotto)
Già, non ti fa venir voglia di torcerti ed urlare
Quando sei rivoltato da dentro a fuori

Guarda giù nel tuo canale di scolo
Che colore vedi?
Dev'essere giallo
Non provare a prendermi in giro
E non ti fa venir voglia di torcerti ed urlare

Quando sei rivoltato da fuori a dentro (da dentro a fuori)
E quando sei rivoltato da sotto a sopra (da sopra a sotto)
Già, sei capovolto da sotto a sopra (da sopra a sotto)
Già, non ti fa venir voglia di torcerti ed urlare
Quando sei rivoltato da dentro a fuori

Stà attento a dove metti i piedi
Potresti inciampare in qualcosa di duro
Stà attento a come parli
E a tutto quel che dici
Stà attento quando respiri
C'è qualcosa di strano nell'aria
E qualcosa che non dico
Su quel che sta succedendo fuori
E' a rovescio
Guarda nel futuro
Con la tua mistica sfera di cristallo
Guarda se non è giallo
Guarda se non c'è affatto
Non c'è ombra di dubbio
Non ti fa venir voglia di torcerti ed urlare

Quando sei rivoltato da fuori a dentro (da dentro a fuori)
E quando sei rivoltato da sotto a sopra (da sopra a sotto)
Già, sei capovolto da sotto a sopra (da sopra a sotto)
Già, non ti fa venir voglia di torcerti ed urlare
Quando sei rivoltato da dentro a fuori

traduzione di Michele Murino

INSIDE OUT
Traveling Wilburys

Look out your window
That grass ain't green
It's kinda yellow
See what I mean?
Look up your chimney
The sky ain't blue
It's kinda yellow
You know it's true
It's so hard to figure what it's all about

When your outsides in (inside out)
And your downsides up (upside down)
Yeah, your upsides right (rightside up)
Yeah, don't it make you wanna twist & shout
When you're inside out

Look down your drain pipe
What color do you see?
It's got to be yellow
Don't try to fool me
And don't it make you wanna twist and shout

When your outsides in (inside out)
And your downsides up (upside down)
Yeah, your upsides right (rightside up)
Yeah, don't it make you wanna twist & shout
When you're inside out

Be careful where you're walking
You might step in something rough
Be careful where you're talking
And saying all that stuff
Take care when you are breathing
Something's funny in the air
And somethings I'm not saying
Bout what's happening out there
It's inside out
Look into the future
With your mystic crystal ball
See if it ain't yellow
See if it's there at all
Ain't no shadow of doubt
Don't it make you wanna twist and shout

When your outsides in (inside out)
And your downsides up (upside down)
Yeah, your upsides right (rightside up)
Yeah, don't it make you wanna twist & shout
When you're inside out


Ed ecco in conclusione le consuete classifiche aggiornate con i voti di questa puntata:

I MIGLIORI CONCERTI DI BOB DAL 2001
Vota il tuo concerto preferito degli ultimi anni e contribuisci alla nostra classifica (valgono anche più segnalazioni)

Voti finora pervenuti:

Londra, Inghilterra - Hammersmith Apollo - 24 Novembre 2003 - 2 voti
Tulsa, Oklahoma, U.S.A. - Drillers Stadium - 6 Luglio 2005 - 1 voto
Verona, New York, U.S.A. - Events Center, Turning Stone Casino and Resort - 20 aprile 2005 - 1 voto
Denver, Colorado, U.S.A. - Fillmore Auditorium - 29 marzo 2005 - 1 voto
Milano, Italia - Forum di Assago - 12 Novembre 2005 - 1 voto
Sun City West, Arizona, U.S.A. - Maricopa County Events Center - 8 Aprile 2006 - 1 voto
West Lafayette, Indiana , U.S.A. - Elliot Hall Of Music, Purdue University - 3 Novembre 2004 - 1 voto
Zurigo, Svizzera - Hallenstadion - 3 Novembre 2003 - 1 voto
Bonn, Germania, Museumplatz - 29 giugno 2004 - 1 voto
Grand Prairie, Texas - Nokia Theatre - 15 Aprile 2006 - 1 voto

LE COVER IMPERDIBILI (Le migliori cover di brani scritti da Bob)
Vota la cover (o più cover) di brani di Bob pubblicate dopo il 2001

Voti finora pervenuti:

One More Cup of Coffee (Valley Below) - Sertab Erener, da "Masked and anonymous" - 4 voti
Come una pietra scalciata (Like a rolling stone) - Articolo 31 e Bob Dylan, da "Masked and anonymous" - 3 voti
Come il giorno (I shall be released) - Francesco De Gregori, da "Mix" - 2 voti
I'll be your baby tonight - Norah Jones - 2003 - 1 voto
Most of the time - Sophie Zelmani - da "Masked and anonymous" - 1 voto
Most of the time - Ani di Franco - 1 voto
It's all right ma (I'm only bleeding) - Hamell On Trial - 1 voto
On a night like this - Los Lobos - da "Masked and anonymous" - 1 voto
My Back Pages - Magokoro Brothers - da "Masked and anonymous" - 1 voto
Shelter from the storm - Cassandra Wilson - da "Belly of the sun" - 2002 - 1 voto
Farewell Angelina - Joan Baez - da "Bowery Songs" - 2005 - 1 voto

scrivi a spettral@tin.it e segnala i tuoi concerti/covers preferiti/e

Nota bene: il limite temporale del 2001 è stato fissato per ottenere due liste che siano idealmente il seguito di quelle pubblicate sul volume "Bob Dylan 1962/2002 40 anni di canzoni" di Paolo Vites e Alessandro Cavazzuti (Editori Riuniti), che si fermano appunto al 2001, anno di pubblicazione del libro. 



clicca qui



Clicca qui per leggere i racconti finora pubblicati
Scrivete sempre a spettral@tin.it



E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION