parte 314
Lunedì 15 Maggio 2006

4006) Caro Michele,

ho corretto i link sul mio sito ed ora puoi ascoltare anche

- Mr. Tambourine Man
- Gotta Serve Somebody

I link sono sulla pagina
www.francescolucarelli.com/musica/registrazioni/archivi/archivi.php

Non sono demo veri e propri ma solo delle registrazioni approssimative realizzate durante le prove per il Dylan Day del Big Mama, 2002.

Come tali quindi vanno intese.

Spero comunque ti piacciano,
Francesco

Ciao Francesco,
grazie, sono andato a scaricarmi anche quelli. Devo dire che sono tutti molto belli, in particolare questa Gotta serve somebody che ho appena ascoltato... Carina la modifica "he may call you devil or he may call you lord..." se ho capito bene...
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4007) Ciao Michele,
purtroppo, come già ti avevo avvisato, non ho potuto essere alla serata del 9/5 a Vimercate per impegni famigliari presi già mesi fa. Mi piacerebbe che tu o qualcun'altro presente alla serata raccontasse come è andata. Sono sicuro comunque che sia andata bene visto il successo della serata del 4/5. A proposito se anche tu potessi scrivere le tue impressioni sulla prima serata ne sarei felice, anche se tu condividi comunque quello che ho scritto io. Una cosa che io ho dimenticato di scrivere è stata di quando Tonti ha detto che Mr Tambourine Man non è stata scritta da Dylan, eresia che francamente non ho capito. Inoltre vorrei chiederti come mai Enzo Gentile non è venuto, se lo sai.

P.S. Hai ricevuto le mie foto?

Ciao
Ferdinando "Ferdyp" Pollastri

Ciao Ferdinando,
sì in effetti non ricordavo che mi avevi detto che non saresti potuto venire anche alla serata del 9 a Vimercate. E' stata molto bella a mio avviso e qui sotto Filippo lo conferma in una dettagliata mail.
Per quanto riguarda la serata del 4 mi chiedi un parere. Beh per quello che mi riguarda esiste un aggettivo più adeguato di "indimenticabile"? Forse "mitica", o "straordinaria", o "fantastica", o "eccezionale". Dunque, come hai giustamente rilevato tu (ma io parlo ovviamente dal mio punto di vista e dunque tendo ad avere una visione un po' egocentrica) mi sono ritrovato a parlare di Dylan in una serata tutta dedicata a lui e con al mio fianco Fernanda Pivano e Massimo Bubola, cioè due dei miei miti di sempre (che, come ho letto, sono anche i tuoi) e che ormai da molto tempo ho l'onore di annoverare anche tra i miei amici, soprattutto Massimo. Per di più di fronte a quasi trecento persone in un posto bellissimo e con uno stand in cui il mio libro era di fianco ai libri della Nanda!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Diciamo che è una di quelle serate in cui uno dice, vabbè ora posso pure morire :o) (io ho pensato di rimandare solo perchè dovevo partecipare anche alla serata del 9... se no...). Senza contare tutti gli altri ospiti, dalla nostra Liaty "Linx" al giudice Spataro (insomma anche qui mica pizza e fichi :o) ), il mio amico Michele Gazich, grande musicista, e tutti gli altri, senza dimenticare ovviamente tra il pubblico i magfarmiani ed in particolare la mia ragazza virtuale Anna "Duck" senza la quale probabilmente non sarei mai arrivato a Vimercate e starei ancora adesso andandomene in giro per la Brianza misurando con passi tristi e lenti le brade strade di quelle contrade... E senza dimenticare Giulio Casale e le sue bellissime versioni dylaniane e senza dimenticare nemmeno il duetto che mi ha visto assoluto protagonista su Knockin' on heaven's door tra il tripudio della folla che neanche ai tempi di Bob dal Papa... :o) (che poi...  diciamo la verità, io scrivo e parlo di Dylan solo perchè così poi mi invitano a queste manifestazioni e posso cantare... credo che ormai si sia capito... più giù la foto del mio duetto con Casale).
Sugli interventi dei vari ospiti credo che tu abbia già segnalato tutto dettagliatamente nella tua mail della volta scorsa. A me è sembrato un dibattito molto interessante ed equilibrato (nel senso che si è parlato un po' di tutto, fermo restando che per sviscerare Dylan ci volevano circa 250 serate consecutive come quella, da Maggio al Gennaio successivo), e si è parlato con differenti angolazioni, al di là della diversa visione che ogni ospite aveva, ed in particolare di quella opposta di Massimo e Liaty che li ha contrapposti in maniera accesa.
A proposito ne approfitto per ricordare, a chi non avesse letto gli annunci su MF, che sono alle viste nuovi imperdibili appuntamenti dylaniani. Il 24 maggio serata imperdibile alla Salumeria della Musica di Milano con Paolo Vites, Ezio Guaitamacchi e altri ospiti che saranno annunciati prossimamente. Naturalmente si festeggerà il 65mo compleanno di Bob. Così come ad Aosta il 27 maggio, con il grande concerto dei Blackstones. E sempre il 27 c'è in contemporanea la serata di Belluno organizzata dal nostro amico Michele Talo e dal suo Forever Young Club. Non mancate!
Ciao
Michele "Napoleon in rags"
ps: grazie per le foto che riporto qui sotto e che ho aggiunto alla nostra pagina sulla serata di Vimercate (ed in cui finalmente si vede anche il moderatore della serata Gianni Barbacetto - lo si vede nella prima foto, a sinistra - sempre escluso dalle foto pubblicate su MF qualche giorno fa)
ps2: per quanto riguarda la frase alquanto strana di Tonti sul fatto che non è Dylan l'autore di Mr. Tambourine man io ho due ipotesi: o era una battuta che però anche io francamente non ho capito oppure davvero pensa che non lo sia... Devi sapere infatti (l'ho scritto anche in "Bob Dylan - Percorsi") che in Italia, soprattutto negli anni 60/70, la versione universalmente conosciuta di Mr. Tambourine Man era quella dei Byrds, che in effetti è una pietra miliare della Storia del rock (e guarda caso nella versione di Lucarelli segnalata sopra, Francesco si rifà proprio a quella dei Byrds), e molti non sapevano che in realtà il brano era stato scritto da Dylan. Dunque da lì potrebbe essere nato l'equivoco. Poi ci sarebbe una terza ipotesi... magari intendeva dire che avendo Roger McGuinn operato una traformazione notevole dell'originale dylaniano ed essendo la sua la versione che rivoluzionò la scena, di fatto lo si può considerare il vero autore di Mr. Tambourine man (okkey okkey okkey è un pò stiracchiata come tesi :o) ).
Se Tonti legge queste righe e vuole chiarire il suo pensiero...
Enzo Gentile non ha potuto partecipare perchè - stando a quanto mi ha detto uno degli organizzatori della rassegna di Vimercate, Nuccio Origgi - è stato improvvisamente ed inaspettatamente impegnato altrove.







...knock knock knockin' on heaven's doooooooor....


4008) Ciao Michele, mi chiamo Filippo (citato dall'amico Ferdinando in 313 Talkin' BD Blues). Ho avuto la bonne chance di partecipare alla serata di giovedi 4 ma soprattutto allo spettacolo di martedi 9. Volevo
ringraziarTi per l'emozione vera che mi hai comunicato commentando le immagini da te scelte e a noi
proposte. Ascolto Dylan dagli ultimi anni delle Superiori (sono del 74, quindi da un po'); mi piacciono
cose che lui ha fatto che critici ed esperti non apprezzano; non sono un musicista nè un dylaniano totale
e quindi sono innamorato di passaggi words&music che forse gustano solo a me. Non sempre quindi mi
ritrovo con i commenti delle grandi enciclopedie umane che si gongolano di date, aneddoti ma che
secondo me sono molto distanti dal presentare un artista per quello che è, cioè per quello che vuole
essere per i suoi ascoltatori. Al di là di questi contorcimenti che spero possano rendere almeno un'idea
di quel che voglio dire, desideravo ringraziarti per la tua spontaneità e per la tua disponibilità, oltre che
per la passione con cui mi hai parlato di Bob. Le immagini sono state bellissime secondo me, scelte
lungo il percorso anche tortuoso del poeta. Senza però la tua presentazione (breve, mai pesante e
pungente) sarebbero rimaste forse dei flash isolati. Non è da tutti conoscere tutto quel che conosci tu ed
essere disposto a regalarlo all'esperto in sala che tutto conosce della Band di Robertson, al ragazzo che
chiede del Nobel, al signore che domanda un tuo parere sulle cover e all'intervento tecnico che spulcia il
tuo database interno. Sempre con la massima cortesia, affabilità e gentilezza, uniti a un'obiettività
straordinaria. Molti in queste situazioni si pavoneggiano facendo mostra di saccenza, ahimè, facendo
diventare antipatico addirittura l'artista di cui stanno parlando.
Per quanto riguarda la scelta delle immagini, ammiro il coraggio (che non avrebbero avuto in molti) di
farci vedere l'imbarazzante Dylan che ciondola di fronte a Jack Nicholson ritirando il prestigioso premio.
Splendido uno dei primi Dylan nel giorno di ML King con Joan. Assolutamente una novità per me
l'energia Live del Nostro negli anni 80 e il virtuosismo con Eric Clapton. Peccato invece che la famiglia
Clinton non sia in grado di sorridere con un'apertura delle fauci inferiori ad un angolo retto;
Entusiasmante l'atmosfera di Newport (chi era alla sinistra di Dylan la signora di cui si vede la
sottana?); una bellissima Living The Blues e la storia della Rolling Thunder Revue che ci hai fatto
rivivere più con le parole che con le stesse immagini di Hurricane.
Fino alle ultime immagini di un artista di fronte al Papa.
Solo questo; rinnovo i miei ringraziamenti e i miei complimenti.
Avrei anche una curiosità, da profano chiaramente: da dove arriva l'immagine che faceva parte del
collage degli Awards in cui si vede Dylan che canta Shelter from the Storm dal vivo con un copricapo
mediorientale? Grazie se vorrai indicarmi dove è possibile trovare le immagini di quel concerto, che
avevo intravisto anni e anni fa su rai3 a tarda notte.
a presto; credo che visiterò molto frequentemente questa maggiesfarm, o meglio questa
maggies-diamond-mine, anche perchè, dicono, è anche the language that he used...calls you, you can't
refuse...
Ciao FILIPPO

Ciao Filippo,
grazie per i complimenti che naturalmente mi fanno enormemente piacere. Sono contento di essere stato chiaro ed esaustivo, due cose che (parlando di Dylan) non è che siano proprio facilissime vista la mole abnorme di cose che si potrebbero dire ripercorrendo la sua straordinaria carriera, come abbiamo fatto nella serata del 9.
Per rispondere alle tue domande: il video di cui parli è il mitico "Hard Rain", un filmato piuttosto lungo mandato in onda in USA dalla rete NBC-TV e tratto da un concerto di Bob del '76 a Fort Collins, Colorado, nel corso della Seconda Rolling Thunder Revue. E' imperdibile anche perchè contiene stratosferiche versioni di Maggie's Farm, Idiot Wind e soprattutto Shelter from the storm, da Museo del rock. Partecipano anche Joan Baez che esegue quattro indimenticabili duetti con Bob (Blowin' in the wind, Railroad Boy, Deportees, I pity the poor immigrant) e Roger McGuinn (Knockin' on heaven's door). Trovi qui un po' di notizie. Per reperirlo ti consiglio di andare nel nostro Porcile di Maggie's Farm al seguente indirizzo: http://porcile.altervista.org/
E' il video che mi ha convertito a Dylan, quello da cui "è nato tutto", dunque valuta tu l'importanza che esso può avere !!! :o)
Per quanto riguarda la signora alla sinistra di Dylan non so chi sia. Qualcuno lo sa? Filippo si riferisce alla donna che si vede seduta accanto a Pete Seeger mentre Bob esegue Mr. Tambourine Man a Newport...
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4009) ciao michele,
ti volevo segnalare due cosette:
1. c'è la recensione di "Bob Dylan - Percorsi" su Jam (ma immagino che tu già lo sapessi...)
2. il 24 maggio alle 00.15 c'è uno speciale sui 65 anni (già??) di bob su canale jimmy
ciao
fabrizia

Ciao Fabrizia,
sìììììììììììììììì ho visto la stupenda recensione del mio libro su Jam e ne approfitto per ringraziare urbi et orbi the Big Paolo Vites per le belle parole e naturalmente non posso esimermi dal riprodurre qui sotto lo storico trafiletto.
Grazie per la segnalazione relativa a Canal Jimmy.
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"

da "Jam" n.126 - maggio 2006


4010) Ciao Michele,
non so se qualcuno ti ha già segnalato la foto che trovi in allegato.
Trattasi della copertina del disco "Anni luce" (1992) dei Diaframma di Federico Fiumani, storica band fiorentina che ha debuttato negli anni 80 e tuttora attiva. Della serie: Bob Dylan influenza tutto e tutti, la copertina del disco vi ricorda qualcosa?
Sandro
P.S.: tenete conto che i diaframma fanno un genere di musica rock/dark che non c'entra nulla coi primi dischi folk di Dylan.

Ciao Sandro,
tanto tempo fa qualcuno l'aveva segnalata... Ovviamente però sai che la filosofia di MF è "repetita juventus" (come diceva Totò).
Dunque eccola qua:


4011) A proposito di Totò, nessuno è stato in grado di risolvere il quiz che avevo proposto tempo fa quando avevo scritto in questa sede: "In conclusione di questa puntata voglio proporre a tutti i magfarmiani un quiz che per divertimento ho fatto in forma privata ad Anna, Carlo ed Elio qualche giorno fa. Dovete sapere che tempo fa Carlo "Pig", conoscendo il mio grande amore per Totò, mi faceva notare che bisognava a tutti i costi trovare un collegamento tra Dylan ed il Principe De Curtis, in maniera da poter accomunare in qualche modo i miei due grandi amori...
Pur scervellandoci non ce ne veniva in mente nessuno plausibile o di una certa consistenza.
Qualche giorno fa invece il sottoscritto si è accorto di aver clamorosamente dimenticato che un collegamento tra Bob e Totò c'era e come! Infatti addirittura Totò canta un verso di un brano di Dylan!!! Ovviamente nell'adattamento di una versione italiana... Chi mi sa dire di quale verso si tratta?"
In effetti era difficilotto e dunque vi do la soluzione. La canzone in questione è "Rainy Day Women n. 12 & 35" che Totò canticchia nella versione italiana ("Pietre") nell'episodio "Totò Ye Ye" dove interpreta un capellone contestatore "figlio dei fiori", entrando nell'ufficio del commissario di polizia, il grande e indimenticabile Gianni Agus, e declamando "Se sei buono ti tirano le pietre..." (ovvero "They'll stone you when you try to be so good...")
Chi l'avrebbe mai pensato che anche Totò aveva cantato un pezzo di Bob, e addirittura uno di "Blonde on blonde"? Ora ci credete o no che aveva davvero ragione Tom Petty quando diceva che "...Dylan influenced absolutely everything" ?
Persino Totò!!!!
Michele "Napoleon in rags"


4012) Ciao Michele,
volevo segnalarti che è uscito l'ultimo album di Massimo Bubola, "Neve sugli aranci". L'album si compone di dieci poesie, tre lettere, due canzoni ed un racconto irlandese. Tra le poesie c'è anche "Elegia per l'uomo dal lungo cappotto nero" (dedicata ovviamente a Bob...). Questo è il testo:

Lacrime verdi
dalla luna chitarra
la tua voce liquida
come una scimitarra

che taglia questa luce
luce che non ha sponde
come un tornado immobile
su un mare senza onde

Può durare un attimo
non bastare cent'anni
puoi sognare in un battito
tutti i nostri sogni

puoi caricare Orfeo
sulle spalle di Atlante
parole lunghe secoli
chiuderle in un diamante

E inchinarti al povero
re più derelitto
estrarre un usignolo
da ogni cuore sconfitto

consolare foreste
addormentare soldati
versando negli orecchi
insetti distillati

Canta ancora con me
che il tempo mai non passi
come un torrente ritmico
rimbalza sopra i sassi

i sassi della luna
la luna la tua chitarra
che la tua voce illumina
come una scimitarra

che taglia questa notte
notte che non ha sponde
come il perdono immobile
di un dio che a te risponde.

Volevo segnalarti, inoltre, un numero speciale della rivista "Uncut" dedicato a Bob (una trentina di pagine) e al boom del folk-rock, che ripropone articoli d'epoca (periodo 1964-1974) tratti in gran parte dal "New Musical Express". Tra gli articoli (oltre a quelli su Bob) c'è una bella intervista a Leonard Cohen del 1970, una a Donovan che parla di Dylan, diversi servizi su Neil Young (e su CSN&Y) e molto altro ancora. Un numero bellissimo, assolutamente da collezione!

Saluti, Andrea "Greyhound"

Ciao Andrea,
grazie di tutto. Tra l'altro Massimo ha recitato quella poesia proprio a Vimercate (in una delle foto di Ferdinando qui sopra lo si vede mentre la declama).
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


 


4013) Ciao Michele,
complimenti per l'intervista ad Alessandro Carrera che sto leggendo, è davvero molto interessante e fa capire davvero quanto lavoro ci sia dietro quelle traduzioni e quelle note, tutte cose a cui non si pensa se non le si sa... Se ho capito bene posso inviarti altre domande?
Ad esempio mi piacerebbe capire esattamente il ruolo avuto da Jacques Levy e qualche altra curiosità sul modo di scrivere di Bob...
Si sa qualcosa sul concerto di Bari?
Ciao
Luca

Ciao Luca
esatto, quella che ho pubblicato è solo la prima parte dell'intervista. Tra un po' ne pubblicherò una seconda, anche perchè come era prevedibile ho ricevuto altre mail con nuove domande ed Alessandro gentilmente si è detto disposto a proseguire l'intervista. Dunque inviatemi pure nuove "questions".
Per quanto riguarda Bari non si hanno ancora dettagli se non che Bob dovrebbe suonarvi il 19 luglio.
Ciao
Michele "Napoleon in rags" 


4014) Ciao  Michele,
come stai? Su expectingrain ho trovato un video di Bob e Patti che cantano la bellissima "Dark Eyes",
ecco il link: http://rapidshare.de/files/19397899/Bob_Dylan__Video__-_Dark_Eyes__Live_w_Patti_Smith_.mpg.html
Spero funzioni.
Un saluto
Davide

P.S: ho visto che nel sito c'è una sezione memorabilia, ti invio la copertina del libro della newton con cui è cominciato il mio personale viaggio con il Poeta.

Ciao Davide,
thanx!
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


4015) Al Diesan, insieme alla Rolling Thunder Band sara' in concerto per il 65° compleanno di Bob Dylan presso il locale "Linea Notturna", sito in Cagliari (via Mameli 154) martedì 23 maggio.
Lo spettacolo avrà inizio alle 22,00.
Non puoi mancare...

http://www.al-diesan.it/html/dalvivo.htm


4016) ciao michele,
per ora ti invio le mie foto con Joan, poi la settimana prossima (o quella dopo, o quella dopo ancora... sono molto, MOLTO occupata con la scuola in questo periodo) risponderò a IdiotWind... a proposito, io il mio nome già ce l'ho da un sacco di tempo!
ovviamente è Sad-Eyed Lady Of The Lowlands (in realtà Bob l'ha scritta per me...) anche se quando ho poco tempo (è un nome lunghissimo) mi firmo Mystical Child...
Ciao
Fabrizia
Sad-Eyed Lady Of The Lowlands


Ciao Fabrizia,
bellissime, grazie!
Dove sono state scattate? E quando?
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


4017) Ciao Michele,
ti invio una foto in cui non ho capito chi è la donna con la chitarra insieme a Bob e Sara. Lo sai?
Inoltre per quanto riguarda le cover voto anche io per "Come una pietra scalciata" degli Articolo 31. Quando la sentii la prima volta mi si rizzarono i capelli. Poi, vincendo i miei pregiudizi, l'ho ascoltata bene e l'ho apprezzata sempre più.
Ciao
Paolo

Ciao Paolo,
la foto mi sembra del '74, stando al look di Dylan. Dunque la ragazza potrebbe essere Melanie Safka, la folksinger che partecipò con Bob e altri al concerto benefico per il Cile organizzato da Phil Ochs in quell'anno, The Friends of Chile Benefit Concert (la foto è stata probabilmente scattata nel backstage del Felt Forum al Madison Square Garden).
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


Ed ecco in conclusione le consuete classifiche aggiornate con i voti di questa puntata.

I MIGLIORI CONCERTI DI BOB DAL 2001
Vota il tuo concerto preferito degli ultimi anni e contribuisci alla nostra classifica (valgono anche più segnalazioni)

Voti finora pervenuti:

Londra, Inghilterra - Hammersmith Apollo - 24 Novembre 2003 - 2 voti
Tulsa, Oklahoma, U.S.A. - Drillers Stadium - 6 Luglio 2005 - 1 voto
Verona, New York, U.S.A. - Events Center, Turning Stone Casino and Resort - 20 aprile 2005 - 1 voto
Denver, Colorado, U.S.A. - Fillmore Auditorium - 29 marzo 2005 - 1 voto
Milano, Italia - Forum di Assago - 12 Novembre 2005 - 1 voto
Sun City West, Arizona, U.S.A. - Maricopa County Events Center - 8 Aprile 2006 - 1 voto
West Lafayette, Indiana , U.S.A. - Elliot Hall Of Music, Purdue University - 3 Novembre 2004 - 1 voto
Zurigo, Svizzera - Hallenstadion - 3 Novembre 2003 - 1 voto

LE COVER IMPERDIBILI (Le migliori cover di brani scritti da Bob)
Vota la cover (o più cover) di brani di Bob pubblicate dopo il 2001

Voti finora pervenuti:

One More Cup of Coffee (Valley Below) - Sertab Erener, da "Masked and anonymous" - 3 voti
Come una pietra scalciata (Like a rolling stone) - Articolo 31 e Bob Dylan, da "Masked and anonymous" - 3 voti
Come il giorno (I shall be released) - Francesco De Gregori, da "Mix" - 2 voti
I'll be your baby tonight - Norah Jones - 2003 - 1 voto
Most of the time - Sophie Zelmani - da "Masked and anonymous" - 1 voto
Most of the time - Ani di Franco - 1 voto
It's all right ma (I'm only bleeding) - Hamell On Trial - 1 voto
On a night like this - Los Lobos - da "Masked and anonymous" - 1 voto
My Back Pages - Magokoro Brothers - da "Masked and anonymous"
Shelter from the storm - Cassandra Wilson - da "Belly of the sun" 2002 - 1 voto

scrivi a spettral@tin.it e segnala i tuoi concerti/covers preferiti/e

Nota bene: il limite temporale del 2001 è stato fissato per ottenere due liste che siano idealmente il seguito di quelle pubblicate sul volume "Bob Dylan 1962/2002 40 anni di canzoni" di Paolo Vites e Alessandro Cavazzuti (Editori Riuniti), che si fermano appunto al 2001, anno di pubblicazione del libro. 



clicca qui



Clicca qui per leggere i racconti finora pubblicati
Scrivete sempre a spettral@tin.it



E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION