parte 307
Lunedì 27 Marzo 2006

3907) Ciao Michele,
ho appena letto la posta e non potevo non fare un intervento da *addetto ai lavori* su quello che dice uno della band in *Rainy Day Women* a 4"02.
E' senza alcuna ombra di dubbio: *what do you say, boy?*, anzi, pronunciato *whatcha say, boy*, tipico slang americano, come lo pronuncia (per capirci) Gwen Stefani in *watcha (what do you) waiting for*.

Beppe

PS
ma quello che ti ha detto di sentire *ma sei scemo* intendeva di sentire qualcosa tipo *are you silly, boy* o proprio *ma sei scemo* in italiano???
Nel secondo caso, LOL!!!
:-)))

Ciao Beppe,
no il riferimento era proprio ad una presunta frase in italiano! In effetti la tua ipotesi potrebbe reggere... Il "Wa" di "Watcha" potrebbe sembrare un "Ma", il "say" potrebbe sembrare un "sei"... Insomma diciamo che quella frase forse se la ascolta uno Swahili ci sente dentro qualcosa nel suo idioma :o) Scherzi a parte è un suono (almeno per me) molto poco chiaro... quindi mi fido del tuo orecchio... Ci sono altri che hanno sentito altre frasi? Ricordate. Minuto 4.02 di Rainy Day Women da Blonde on blonde... Voce di uno del gruppone in sottofondo. Ipotesi finora ipotizzate:o) : "Ma sei scemo?" - "Whatcha say, boy?"
Ciao
Michele "Napoleon in rags" 


3908) Ciao Michele,
torno su Maggie's Farm con un'intervista che ho scovato sulla rete risalente al 2000 riguardante uno dei personaggi che più hanno contribuito alla svolta dello stile musicale del nostro Bob, sto parlando dell'immenso chitarrista Mike Bloomfield, scomparso nel 1981 a solo 38 anni. Molti personaggi che hanno avuto più o meno direttamente a che fare con Bob, descrivono la figura di questo grande bluesman, e anche il nostro racconta del loro primo incontro.
Ciao, a presto
Enrico slowhand - Bergamo

Ciao Enrico,
grazie per l'intervista che ho linkato appena me l'hai segnalata qualche giorno fa. In effetti è molto interessante e Bloomfield era davvero un grande. Se non l'avete ancora letta ricordo che la trovate qui .
A proposito di Bloomfield segnalo il bootleg Farewell Bloomfield (sotto la copertina). Si tratta di un boot che contiene l'ultima apparizione di Bloomfield su un palco, proprio in un concerto di Bob. Michael suonò la chitarra in due canzoni, Groom's Still Waiting At The Altar e Like a rolling stone. Due mesi dopo fu trovato morto per overdose nella sua auto.
E qui trovate una sua bio in inglese.
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


3909) Paolo Vites, che ringrazio, mi segnala questa notizia di pochi giorni fa tratta da un giornale del South Dakota relativa alla canzone di Dylan "Ballad of Hollis Brown" (in fondo un mio commento/traduzione).

Father Defamed By Bob Dylan, Says Daughter
Suit Filed In County Courthouse
Aberdeen American News

"Hollis Brown, he lived on the outside of town, with his wife and five children and his cabin falling down." That part is true, says Rachel Loomis Brown, 54, about the song that she claims folksinger/songwriter Bob Dylan, 65, wrote about her late father and his family. The Browns lived several miles outside Ordway. " Except the part about our cabin. It wasn't really a cabin, and it wasn't falling down. It was small, but it was structurally sound, and our mom always kept it neat. We even had plumbing."
But that's not the worst thing the song, "The Ballad of Hollis Brown," got wrong, she says. "Bob Dylan said that our dad took a shotgun and killed our mom and all us kids. And it just isn't true."
Hollis Brown died in a boating accident in 1973. His wife, Lucy Watson Brown, died in 1994 in a nursing home in Westport.
Three of their five children, including Rachel, are still living.
"He just took some things that he heard about us somewhere--that times were hard and that our dad had trouble making things meet--and he drew his own conclusions. But he obviously never asked us about it."
Times definitely were hard, says Rachel. "There were winters when we ate a lot of macaroni and cheese. Daddy had a deer rifle"--not a shotgun, she stresses--"but he wasn't a very good shot, so there wasn't much meat. But we never really went hungry."
She says that after more than 40 years of embarrassment and humiliation, it's time to get something back. "How would you like it if people thought your dad killed you?" she asks. "Bob Dylan has made
millions of dollars out of saying something that wasn't true about us.
It's only fair if we get some of it back." Rachel has filed suit in Brown County Courthouse. She is asking for 40 million dollars.
"And an apology would be nice, too. Our dad was a good man, and we really want this for him."

Riassumo in breve per chi non conosce l'inglese. La figlia di Hollis Brown, Rachel Loomis Brown, di 54 anni contesta a Dylan la canzone dedicata a suo padre ( la trovate qui ). La casa in cui vivevamo - dice Rachel - non era cadente, era piccola ma solida e pulita.
Ma la cosa più grave che contesta è il fatto che Hollis non ha mai preso il fucile e sparato ai suoi bambini e a sua moglie, come dice Dylan nella canzone. Hollis morì in un incidente in barca nel 1973. Sua moglie Lucy morì nel '94. E tre dei cinque figli di Hollis sono ancora vivi.
L'accusa a Dylan è che aveva preso solo qualche notizia che aveva sentito da qualche parte, a proposito del fatto che la loro vita era dura e che il padre aveva problemi, e poi aveva scritto cose che erano di sua totale invenzione. Ma senza mai chiedere la nostra autorizzazione, dice Rachel.
Ora dopo quarant'anni Rachel accusa Dylan di aver fatto milioni di dollari dicendo qualcosa che non era vera e rivuole un po' di quel denaro indietro. Così ha querelato Dylan e chiede 40 milioni di dollari di risarcimento. "E anche delle scuse", aggiunge.
"Nostro padre era un brav'uomo".
Che ne pensate, magfarmiani in ascolto? A me viene solo una domanda: nei 40 anni precedenti Rachel non aveva mai sentito quella canzone?
Michele "Napoleon in rags"
ps: comunque questa segnalazione si inserisce bene nel dibattito di qualche tempo fa su MF relativo alla inaccuratezza (vera, presunta?) di molte canzoni di Bob. Trovate qui la discussione in questione se non l'avete mai letta.
ps2: esperti in legge in ascolto: che possibilità ha Rachel di essere risarcita? 


3910) ciao michele!!
tra una pausa e l'altra dal lavoro, leggiucchiavo maggie's farm, in trepida attesa del 4 aprile, per il concerto di Joan Baez!! (ho preso il biglietto - sono in 18esima fila purtroppo). inutile dire che rileggere le parole di joanie sul periodo della rolling thunder revue mi ha fatto sognare ad occhi aperti la loro storia d'amore.. perchè dylan non fa certe proposte anche a meee???
vabbè.. visto che fino ad ora non ho mai votato per nessuna classifica, ti do il mio primo voto delle cover fatte dopo il 2001 che va a... Sophie Zelmani con Most of the time. meravigliosa, direi.
quasi più dell'originale...
ci vediamo presto!!
ila ladybird

Ciao Ila,
benissimo, aggiorno la classifica a fondo pagina.
Quella cover di Sophie Zelmani piace molto anche a me...
Allora magari ci becchiamo al concerto di Joan a Milano.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"
ps: allora per parafrasarti io aggiungo: perchè Joan non fa certe proposte a meee??? 


3911) Ancora Paolo mi segnala questa divertente strip a fumetti su Bob che ho già provveduto ad aggiungere alla nostra pagina su Dylan e i comics.
Michele "Napoleon in rags"

Traduco per chi non sa l'inglese:
1) And it's a hard, and it's a hard, it's a hard, and it's a hard...
2) Che roba è?
3) And it's a hard rain's a-gonna fall.
4) Il canale delle previsioni del tempo di Bob Dylan.


3912) Ciao Michele,
rispondo alla mail sulla scorsa talkin' di Gianni su Pannella-Hood. Io ho trovato questi due riferimenti nel rimmelclub (http://www.rimmelclub.it/pag54.htm):
da Blu - il mensile di musica tutta italiana - 1990:
PdP : Quindici anni fa cantavi di un personaggio scomodo chiamato Signor Hood e molti hanno pensato ti volessi riferire a Pannella: chi pensi possa essere il Signor Hood dei nostri giorni?
Francesco De Gregori : Mah, il Signor Hood come personaggio rompicoglioni, come personaggio "contro", è in realtà una parte di tutti noi. La versione degenerata del Signor Hood, la sua versione depravata, è probabilmente Sgarbi, ma ripeto, questa è la sua eccezione negativa. Sicuramente Pannella è un buon Signor Hood: in fondo, politicamente è un ingenuo che però è mosso da una grande onestà personale, che ama ancora incazzarsi e sbattere i pugni sul tavolo. Ma il Signor Hood è anche Paperino, è Busi, lo è stato Pasolini.
È tutto ciò che non è Sgarbi: lui invece è il simbolo dell'uomo appiattito dal consenso, la sua incazzatura non è corrosiva, è il trionfo del protagonismo malinteso, esteriore, solo formale. E invece, mai come in questo momento, c'è bisogno di polemica vera, di uomini che si agitano. Ecco, il mio augurio è che il prossimo Signor Hood non sia uno, ma siamo tanti, che i cittadini si sostituiscano ai singoli e che si alzi
un bel coro di voci discordanti. Che si calpestino nuove aiuole.

e da La stampa 5/6/99:

Poi, stupendo tutti, ha concluso: "Il misterioso 'Il signor Wood' della mia canzone era Pannella. Questo personaggio così alla Robin Hood in quel tempo del referendum sul divorzio mi sembrava incarnare bene la figura di Pannella, una sorta di eroe solitario. Poi, le mie posizioni politiche si sono divaricate da quelle del leader radicale".

Naturalmente la cosa era risaputa ben prima del '99, come si vede dalla prima intervista, e penso quindi che ne aveva parlato in occasione di qualche concerto.
A presto.
Francesco "Tiger"

Ciao Francesco
e grazie per le delucidazioni.
Ciao
Michele "Napoleon in rags" 


3913) Oh, sai Maggie's Farm, detesto chi affibbia ad un uomo schivo, introverso, in perenne lotta contro sé stesso, chi lo giudica e tutti i fantasmi della vita come Bob nomignoli come "Zimmie","His Bobness (Sua Bobbità)" o roba del genere. Bob non ha bisogno di questo. Bob non é uno di quei folli re ai quali ci si deve inchinare, no, é soltanto un musicista. Teniamoci tutta questa fantasia e tutto questo affettuoso
parlare per interpretare e capire le canzoni che esegue. Perché alla fine é solo di ciò che dobbiamo parlare, alla fine é solo ciò che deve rimanere. La vita di Bob, la sua persona, il suo dolore, il suo disagio con il mondo che gli gira attorno e che non riesce a seguirlo non deve interessarci né coinvolgerci. Non sarebbe giusto.
Idiot Wind 89

Ciao Idiot Wind 89,
ricevuto... ma ora come faccio a cancellare tutte le volte che lo abbiamo chiamato Zimmy? Oltre ovviamente a 250 strip a fumetti? :o) O impedire che altri lo chiamino così?... Mi sa che è impossibile!
Ciao
Michele "Napoleon in rags"
ps: fondamentalmente potrei anche essere quasi d'accordo con te se non che va detto anche che questo è un sito di fans fieri di essere fans di Bob... e direi che qualche piccolo inchino o nomignolo affettuoso non sono poi la fine del mondo, o no?


3914) Ciao Michele.
Ho controllato a fondo il booklet del cd di Kunstler: nessun riferimento, ringraziamento o altro a Dylan.
Scandaloso.

A presto.
Edo

Ciao Edo,
mah! Allora sì è davvero scandaloso, confermo. Se qualcuno conosce Kunstler sarebbe interessante sapere come mai non ha citato Dylan che è così palesemente ripreso nelle sue canzoni. Vedi testi che abbiamo postato la volta scorsa.
Ciao
Michele "Napoleon in rags" 


3915) Ciao Michele,
sai quando verranno venduti i biglietti per il concerto di Bob a Paestum?
Io vorrei comprare i primi e per questo ti volevo chiedere anche se sai dove verranno venduti. Forse
dalla fnac? E su internet dove verranno venduti?
Con questo ho finito,ciao
Federica

P.S.: Non è che i miei compagni siano poi rimasti tanto folgorati, ma c'era d'aspettarselo, in fondo loro
ascoltano la musica da discoteca e non possono capire quanto Bob sia geniale. Pensa che uno di loro ha
chiesto a me chi era quel morto di fame che stavamo ascoltando. Io mi sono infuriata e gli ho detto che il morto di fame che stavamo ascoltando era colui che aveva rivoluzionato la storia della musica rock e che è considerato il nuovo messia. A quel punto mi sono calmata e gli ho detto che non sapevo se odiavo più la sua ignoranza o la sua indifferenza. E poi gli ho detto anche che lui poteva continuare ad ascoltare la musica da discoteca, tanto io (e non solo io) sapevo che Bob Dylan era il più grande cantante di tutti i tempi. Inoltre lui ed altri miei compagni giocavano al Fantacalcio (sai cos'è vero?) mentre facevamo la
prova d'ascolto. Ora ti starai chiedendo perchè la prof. non l'ha richiamati, bene te lo dico subito, la mia prof. e cieca. Ora ti saluto sul serio. Ciao! : )

Ciao Federica,
i biglietti per Bob per il momento non sono ancora in vendita (che io sappia). Appena saranno ufficializzate le date italiane vedrai che saranno sicuramente prenotabili su Ticketone (www.ticketone.it) o su D'Alessandro & Galli (www.dalessandroegalli.com/). In passato in genere è sempre stato così.
Il tuo ps è molto divertente e mi ha strappato più di un sorriso anche perchè io mi sono trovato spesso al cospetto di ignoranti simili (senza offesa, ignoranti nel senso che ignorano chi sia Bob). Comunque è una battaglia lenta, va condotta con le armi della perseveranza e della pazienza, insistere insistere e ancora insistere. Tieni conto che un mio amico dieci anni fa con i CD di Dylan ci avrebbe fatto dei sottobicchieri. Poi grazie al mio lavoro ai fianchi ora lo adora e ha visto la luce :o) Del resto c'è chi
rimane folgorato al primo ascolto (come me tantissimi anni fa) e chi ha bisogno di metabolizzare l'arte ed il genio di Bob prima di riuscire ad apprezzarlo... Ci vuol pazienza! :o)
Ciao
Michele "Napoleon in rags" 


3916) Ciao Michele! Volevo segnalarTi/Vi il prossimo live della Mr.AntonDjango's Band in versione ...<DYLAN TRIBUTE BAND> :

Domenica 2 Aprile
RICKY'S PUB - Abbazia Pisani/Villa del Conte (PD)
"ROLLING ELECTRIC Night" - Tributo a Bob Dylan
inizio concerto ore 21,30

Grazie ancora e... un abbraccio a tutti!
TONI

Ciao Toni,
ok!
Cliccate qui per la mappa relativa.
E ricordate il sito della band: http://www.mr-antondjango.it/Page_Home.htm
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3917) Ciao Michele
contribuisco anche io alla classifica covers dando il mio voto alla I'll be your baby tonight di Nora Jones del 2003...
Ciao
Luigi

Ciao Luigi,
bene, allora ecco in conclusione le consuete classifiche aggiornate con i voti di questa puntata.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


I MIGLIORI CONCERTI DI BOB DAL 2001
Vota il tuo concerto preferito degli ultimi anni e contribuisci alla nostra classifica (valgono anche più segnalazioni)

Voti finora pervenuti:

Londra, Inghilterra - Hammersmith Apollo - 24 Novembre 2003 - 1 voto
Tulsa, Oklahoma, U.S.A. - Drillers Stadium - 6 Luglio 2005 - 1 voto
Verona, New York, U.S.A. - Events Center, Turning Stone Casino and Resort - 20 aprile 2005 - 1 voto
Denver, Colorado, U.S.A. - Fillmore Auditorium - 29 marzo 2005 - 1 voto

LE COVER IMPERDIBILI (Le migliori cover di brani scritti da Bob)
Vota la cover (o più cover) di brani di Bob pubblicate dopo il 2001

Voti finora pervenuti:

Come il giorno (I shall be released) - Francesco De Gregori, da "Mix" - 1 voto
One More Cup of Coffee - Sertab Erener, da "Masked and anonymous" - 1 voto
Come una pietra scalciata (Like a rolling stone) - Articolo 31 e Bob Dylan, da "Masked and anonymous" - 1 voto
I'll be your baby tonight - Norah Jones - 2003 - 1 voto
Most of the time - Sophie Zelmani - da "Masked and anonymous" - 1 voto

scrivi a spettral@tin.it e segnala i tuoi concerti/covers preferiti/e

Nota bene: il limite temporale del 2001 è stato fissato per ottenere due liste che siano idealmente il seguito di quelle pubblicate sul volume "Bob Dylan 1962/2002 40 anni di canzoni" di Paolo Vites e Alessandro Cavazzuti (Editori Riuniti), che si fermano appunto al 2001, anno di pubblicazione del libro. 



clicca qui



Clicca qui per leggere i racconti finora pubblicati
Scrivete sempre a spettral@tin.it



E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION