parte 306
Lunedì 20 Marzo 2006

3893) Apriamo con il ritaglio da Repubblica sul concerto di Bob a Paestum. Grazie a Fabrizia.
Michele "Napoleon in rags"
ps: e grazie all'articolista che dimostra competenza essendosi documentato su MF citando per ben due volte due dichiarazioni di Bob da me recentemente tradotte per MF :o)



3894) Caro Michele,
non sono riuscito a trovare il tempo per rispondere al tuo invito di individuare la provenienza del crescendo musicale de «L'amore comunque», che anche per me viene da Sad Eyed Lady Of The
Low(nd)lands. Fin dai primi ascolti avevo avvicinato le due canzoni, anche se l'assonanza non mi sembrava così evidente da meritare di essere segnalata per il nostro "listone". Il tono di deferenza con cui De Gregori dipinge la donna a cui si rivolge ricorda irresistibilmente Dylan che chiede se può lasciare i suoi occhi da magazzino e i suoi tamburi arabi - sono impaziente di vedere come traduce Carrera - ai cancelli di Sara. In modo particolare lo ricordano i versi «Regina del tempo, della sabbia e del vetro/Della fine di tutti i numeri/E dell'inizio dell'alfabeto». Fine dei numeri e inizio dell'alfabeto sono immagini di grande forza che rimandano alla consapevolezza delle qualità superiori della persona a cui sono dedicate, e sabbia e vetro mi sembrano due parole tipicamente dylaniane. La citazione musicale non l'avevo notata, ma evidentemente l'avevo nelle orecchie. Appena ho letto il tuo quesito ho messo Blonde On Blonde nel lettore - era un pezzo che non lo ascoltavo - e con Sad Eyed Lady nelle orecchie ho ascoltato a colpo sicuro «L'amore comunque», che ha confermato quanto pensavo.
Procedendo negli ascolti ho anche notato che il verso di «Tre stelle» «In questa notte selvatica e acquatica» sembra rimandare a «Centocinquanta stelle» dove la costruzione «in questa notte + aggettivi» è ripetuta in tutte e cinque le strofe.

Per finire chiedo aiuto alla gentilezza di Francesco "Tiger" e alla sua frequentazione del Rimmel club. La segnalazione dell'analogia de «Il signor Hood» con John Wesley Harding, mi ha fatto ricordare che in un'intervista - probabilmente della fine degli anni ottanta/inizio anni novanta, ma non sono sicurissimo della collocazione temporale - De Gregori ha rivelato - mi sembra di ricordare a Gino Castaldo, ma anche di questo non sono sicuro - il significato del misterioso sottotitolo «a M. con autonomia», spiegando che M. stava per Marco Pannella e aggiungendo che la sua ammirazione per Pannella era ristretta alla battaglia per i diritti civili, dicendo, per altro, che su tutto il resto si era sempre ritrovato in totale disaccordo. Chissà se Francesco come per «Il canto delle sirene» riesce a recuperare gli estremi dell'articolo?

Gianni "The lonesome sparrow"

Ciao Gianni,
bene, spero che Francesco o qualche altro amico degregoriano in linea possa aiutarti/ci... Non avevo pensato al collegamento anche testuale de "L'amore comunque" con Sad Eyed Lady... Pensavo solo a quella citazione musicale ma in effetti sono d'accordo con te; quel verso della "regina" e l'uso di quei termini mi ricorda molto Dylan e il capolavoro di Blonde on blonde. Insomma una 'Signora dalla bocca di mercurio' e una 'Regina della sabbia e del vetro' anche a me in qualche modo danno sensazioni affini. Tanto più che anche Bob canta/scrive "...e la tua carne come seta ed il tuo viso come vetro..."
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3895) Ciao Michele,
il fatto che non scriva non significa che non ti/vi legga spesso. E con grande piacere. devo dire che "il
ragazzo" un po' mi manca. Sono una vedova a cui la vedovanza inizia a stare stretta.
Per il mio giornale ho dovuto scrivere un pezzo su Rubin Carter. Logico il collegamento a Bobby.
Così all'agenzia Omega ho chiesto un po' di foto. Più la copertina originale del 45 giri di "Hurricane"
(che io ho originale!) scaricata su internet.
Io te le giro, nel caso in cui ti possano tornare utili. in una Bob sembra (sembra?) un po' brillo (guarda bene le caraffe che ha davanti!).

un abbraccio
Corrado "The elephant"

Ciao Corrado.
Grazie delle foto che ho messo qui. Andate a guardarle, in particolare quella da The Last Waltz è strepitosa. Credo che potrebbe figurare nella top 100 di Elio "Rooster"... Che ne dici Elio?
Per quanto riguarda la foto con le caraffe in effetti hai ragione, Bob sembra davvero brillo... Andate a vedere se non è vero :o)
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3896) Caro Michele e cari amici della Maggie's Farm,
Vi invio un paio di testi di Roberto Kunstler, cantautore che ha più volte collaborato con Sergio Cammariere. Il primo richiama "All along the watchtower" (anche il titolo lo fa) ma è più rallentata e modifica leggermente l'accompagnamento e l'arrangiamento. Il secondo  invece si ispira molto a "When the ship comes in", ma è in versione più country.
Kunstler attinge alla produzione di Dylan: non è il primo e non sarà nemmeno l'ultimo, ma mi sembra poco cortese non mettere sulle pagine del booklet dell'album un ringraziamento o un piccolo accenno a Dylan.
I De Gregori, i De Andrè e via di seguito sono stati più onesti.
Da aggiungere al "listone" nel caso non siano già presenti.
Buona lettura.
Edo

Ciao Edo,
non sapevo che Kunstler non avesse citato Dylan esplicitamente nei credits. Mi sembra strano e soprattutto incredibile. Sei sicuro che non c'è scritto da nessuna parte? Sarebbe veramente enorme. A me sembra impossibile (magari c'è scritto in piccolo da qualche parte...) In caso contrario sarebbe una cosa veramente strana (a dir poco...).
Fammi sapere...
Ciao
Michele "Napoleon in rags"

TORRI DI GUARDIA
(Parole e Musica di R. Kunstler)

Deve esserci anche un modo
Per uscire ancora da qui
Disse un ciarlatano a un ladro
Il ladro lo guardò e ridendo disse di sì
Ma non ti devi eccitare
Devi restare tranquillo
Perché la cosa che dobbiamo fare
Sarà uno scherzo, ma tu non dirlo

Tra sé riprese a pensare
Poi disse: ok, ma dimmi come farò?
Con questa folla solitaria
A cui rispondere non so
Il ladro disse: avanti!
E troveremo la verità
Quindi ora non perdiamo altro tempo...
Entro domani si arriverà

Lungo torri di guardia
Le principesse aspettano già
I servitori stanchi a piedi nudi
Cantano un inno alla libertà
Lontano cavalieri agguerriti
Stanno marciando a tempo di rock'n'roll
E la regina grida ai figli smarriti:
Ragazzi, ditemi, cos'è questo casino?!

Deve esserci anche un modo
Per uscire ancora da qui
Disse un ciarlatano a un ladro
Dopo svanirono insieme

Lungo torri di guardia
Le principesse aspettano già
I cavalieri a piedi nudi agguerriti
Passano il ponte della verità.

VERRA' LA LIBERTA'
(Parole e Musica di R.Kunstler)

Ovunque andrò ti porterò
Per niente al mondo scorderò
Il tuo profumo di vento e di rugiada
Sempre al tuo fianco resterò
Insieme a te camminerò
Sarà una lunga, lunga strada
E partiremo in allegria
Ovunque andremo sarai mia
Ti chiamerò gridando forte il tuo bel nome
E quando il vento cambierà
Quando la pioggia finirà, verrà la libertà
Cambia il valore della borsa
Cambia lo spirito della corsa
Cambiano i volti, i fatti e le opinioni
Cambiano i venti le maree
Cambiano gli abiti e le idee
Mentre girano le stagioni
E a primavera andremo via
Ovunque andremo sarai mia
Ti chiamerò gridando forte il tuo bel nome
E quando il vento cambierà
Quando la pioggia finirà, verrà la libertà
Sopra alti monti salirò
E a tutto il mondo parlerò
Di un'utopia antica come l'uomo
Sopra le piazze quando è sera
Figlia del fuoco e di chimera
La tua voce di lampo e di tuono
Ti canteremo per la via
Ovunque andremo sarai mia
Ti chiamerò gridando forte il tuo bel nome
Quando la neve scioglierà
E il fiume in piena scenderà, verrà la libertà
E se dovremo dirci addio
Sai che non l'ho voluto io
Ma verrà un giorno che ci ritroveremo
Sopra un diretto Roma - Bari
Lungo una strada o sui binari
Seguendo rotte che si perdono nel cielo
E seguiremo la tua scìa
Ovunque andremo sarai mia
Ti chiamerò gridando forte il tuo bel nome
E quando il vento cambierà
Quando la pioggia finirà, verrà la libertà.

Lista aggiornata:

1- Buonanotte Fiorellino (De Gregori)... Winterlude (testo e musica)
2- Sì Viaggiare (Battisti)... All Along The Watchtower (musica)
3- Un altro giorno è andato (Guccini)... I want you (musica)
4- Vedi Cara (Guccini)... Don't think twice it's all right (musica)
5- Al ballo mascherato (De Andrè)... Desolation Row/Tombstone Blues (testo)
6- Sally (De Andrè/Bubola)... Isis (ispirazione del testo)
7- Tempo reale (De Gregori)... Highway 61 revisited (musica)
8- Vai in africa Celestino (De Gregori)... Everything is broken (testo)-Subterranean Homesick Blues (musica)
9- Il suono delle campane (De Gregori/Locasciulli)... Stuck inside of Mobile... (musica)
10- Cercando un altro Egitto (De Gregori)... Talkin' World War III Blues (ispirazione del testo)
11- Giuliana (Ivan Graziani)... Gotta serve somebody (musica)
12- L'atomica cinese (Guccini)... A hard rain's a-gonna fall (ispirazione del testo)
13- Johnny lo zingaro (Bubola)... All along the watchtower (musica)
14- Parole a memoria (De Gregori)... Knockin' on heaven's door (citazione musicale)
15- Il panorama di Betlemme (De Gregori)... All along the watchtower (citazione musicale)
16- Numeri da scaricare (De Gregori)... Meet me in the morning (musica)-Slow train coming (citazioni testuali)
17- L'aggettivo mitico (De Gregori)... Blowin' in the wind (citazione-omaggio nel testo)
18- Farewell (Guccini)... Farewell Angelina (citazioni musicali e testuali)
19- Talkin' Milano (Guccini)... Vari Talkin' Blues dylaniani (testo e musica)
20- Statale 17 (Guccini)... Down the highway (testo), Highway 61 Revisited (ispirazione del titolo)
21- Canzone per un'amica (Guccini)... Ballad for a friend (testo)
22- Camicie rosse (Bubola)... Billy (musica)
23- Dolce signora che bruci (De Gregori)... It's all over now Baby Blue (ispirazione di versi)
24- Shomèr ma mi-llailah? (Guccini)... All along the watchower (corrispondenze bibliche da Isaia)
25- Bandiera Bianca (Battiato)... Mr. Tambourine Man (citazione testuale)
26- Bandiera Bianca (Battiato)... The times they are a-changin' (citazione testuale)
27- Cuccuruccucu (Battiato)... Like a rolling stone (citazione testuale)
28- Cuccuruccucu (Battiato)... Just like a woman (citazione testuale)
29- Noi non ci saremo (Guccini)... A hard rain's a-gonna fall (ispirazione del testo)
30- Canzone per Silvia (Guccini)... Hurricane (idealmente)
31- Compagni di viaggio (De Gregori)... Simple twist of fate (corrispondenze testuali)
31- Cartello alla porta (De Gregori)... Sign on the window (titolo)
32- Overdose d'amore (Zucchero)... Shot of love (titolo e parzialmente musica)
33- Pietre (Gian Pieretti/Gianco)... Rainy Day Women (musica e testo)
34- Bufalo Bill (De Gregori)... With God On Our Side ("The country was young... the cavalry charged..." - "Il paese era molto giovane, i soldati a cavallo eran la sua difesa)
35- ...E fuori continua a piovere (Del Sangre)... Tombstone Blues (musica)
36- Non 6 Bob Dylan (883)... (citazione del nome di Dylan)
37- Eskimo (Guccini)... (citazione del nome di Dylan)
38- Il vento dell'est (Gian Pieretti/Ricky Gianco)... Girl From the North Country
39- Pentathlon (De Gregori)... Gotta serve somebody (testo)
40- Canzone per Sergio (Vecchioni)... Blowin' In The Wind (citazione di versi).
41- Il suonatore è stanco (Vecchioni)... (citazione del nome di Dylan)
42- Bambini venite parvulos (De Gregori)... I Shall Be Free (Mr Clean/Mastro Lindo)
43- Disastro aereo sul canale di Sicilia (De Gregori)... Three Angels
44- Il canto delle sirene (De Gregori)... Jokerman
45- Numeri da scaricare (De Gregori)... Blowin' In The Wind ("non è possibile che non vedi" / "how many times can a man turn his head and pretend that he just doesn't see" )
46- Renoir (De Gregori)... The Times They Are A-Changin' ("Ora i tempi si sa che cambiano".)
47- Renoir (De Gregori)... Forever Young (Doppia versione e posizione nel disco, ultima della prima facciata, prima della seconda. )
48- Titanic (De Gregori)... Desolation Row (Si è tanto parlato dell'influenza del poema di Enzensberger «La fine del Titanic», che De Gregori non ha mai smentito, ma nemmeno sottolineato troppo entusiasticamente, e ci si è dimenticati l'ultima strofa di Desolation Row: «the Titanic sails at dawn»)
49- Chi ruba nei supermercati (De Gregori)... Desolation Row ("Tu da che parte stai?". Certo la citazione di Brecht è evidente, ma io ci sento l'eco del "Which side are you on?")
50- Sempre e per sempre (De Gregori)... Desolation Row (E which side troveremo sempre e per sempre Francesco? Non va dimenticato che «Which side are you on» è il titolo di una famosa canzone politica, riportata in auge dal folk revival dei primi anni sessanta.)
51- Il vestito del violinista (De Gregori)... Chimes Of Freedom («Così sentimmo nell'aria forte la ridondanza delle campane/come un ricordo che faceva piangere, come l'odore del pane». Anche qui difficile non pensare a quali campane avesse in mente De Gregori quando scriveva)
52- La testa nel secchio (De Gregori)... Slow Train ("E il treno sta partendo / Ma non è ancora partito" . Inoltre mi sembra di poter cogliere un'analogia anche nel ritmo delle due canzoni.)
53- Il vestito del violinista (De Gregori)... I shall be released ('Come vedere spuntare il sole dall'altra parte di un muro...' -  'I see my light come shining from the west unto the east... Yet I swear I see my reflection some place so high above this wall')
54- La testa nel secchio (De Gregori)... Angelina ('Blood dryin' in my yellow hair' - 'Ma ho del sangue nei capelli').
55- Dolce signora che bruci (De Gregori)... A Hard rain's a-gonna fall ('I met a young woman whose body was burning')
56- Tempo reale (De Gregori)... A Hard rain's a-gonna fall ('E nessuno ricorda la faccia del boia' -'The executioner's face is always well hidden')
57- Sono tuo (De Gregori)... Absolutely Sweet Marie (Where are you tonight, sweet Marie? - Ma dove sei stanotte, amore mio?)
58 - Tu angelo tu (Bubola)... You angel you (testo e struttura musicale)
59 - Cardiologia (De Gregori)... I threw it all away ("[l'amore] fa curvare i pianeti" - "Love...  makes the world go 'round"...) - (Forse anche un rimando a "Planet Waves")
60 - Registrazione (Lucio Battisti) (citazione del nome di Dylan: "Da Dylan (ho imparato) a dire quello che mi pare")
61 - Il bombarolo (De Andrè)... Desolation Row/Lay down your weary tune ("C'è chi aspetta la pioggia per non piangere da solo" - "The cryin' rain like a trumpet sang" e "Everybody is making love or else expecting rain")
62 - Caldo e scuro (De Gregori)... Not dark yet (svolgimento musicale)
63 - Così celeste (Zucchero)... I shall be released (svolgimento musicale)
64 - Beatles; Rolling Stones e Bob Dylan (Elio e le Storie Tese) (citazione del nome di Dylan)
65 - Tre stelle (De Gregori)... New Morning (musica)
66 - In onda (De Gregori)... Mississippi ("mentre la mia nave affonda" - "Well my ship's been split to splinters and it's sinking fast")
67 - La linea della vita (De Gregori) - If you see her say hello ("Magari è questione di troppa sensibilità" - "Either I'm too sensitive")
68 - Per le strade di Roma (De Gregori) - When I Paint My Masterpiece
69 - Cardiologia (De Gregori)... Sara ("Che raccoglie conchiglie dopo la mareggiata")
70 - Raggio di sole (De Gregori)... Forever Young
71 - L'amore comunque (De Gregori) - Sad eyed lady o One of us must know (citazione musicale)
72 - Signor Hood (De Gregori) - John Wesley Harding
73 - Torri di Guardia (R. Kunstler) - All along the watchtower
74 - Verrà la libertà (R. Kunstler) - When the ship comes in


3897) Ciao Michele e ciao a tutti gli amici di Maggie's Farm!
Volevo rendervi partecipi di un momento di immensa gioia, almeno per me!!!!

finalmente ho un autografo del grande Bob.... lo so che non è nulla di che un autografo, ma avere la certezza che lui, sì proprio lui, ha scritto il suo nome su questo pezzo di carta.....

Sono sicuro sia suo perchè l'ha ottenuto di persona un mio carissimo amico inglese, quasi un fratello con cui oltre alla grande passione per Bob ho condiviso anni di studi sia in Italia che in Inghilterra.
Bene, lui è andato a sentire il concerto di Birmingham del 18 novembre 2005 e si è appostato finchè non è uscito!!! Mi ha detto che era super emozionato... e ci credo!
Finalmente Peter (così si chiama) è venuto in Italia per lavoro e, in occasione del mio compleanno, è
venuto qui a Parma a trovarmi portandomi un graditissimo regalo!!!!

Scusa Michele se occupo spazio nella posta con questa piccola cosa.... ma credimi che ancora mi tremano le mani dall'emozione!!!
Ciao a presto Dino

Ciao Dino,
grazie per il tuo racconto, però dì al tuo amico Peter se la prossima volta che lo becca ce ne fa fare uno per Maggie's Farm, ok? :o)
Pensa che io anni fa quando mi appostavo dopo i concerti alla caccia di Bob il massimo che riuscii ad estorcere ad un uomo del suo entourage fu un fiammifero dalla scatola di Bob che stava sul suo sedile nel tour-bus (meglio che niente :o)). Aspetto di poter incontrare finalmente un giorno Bob vis-a-vis per potergli accendere un sigaro con quel cimelio (e naturalmente mentre lo farò Bob dovrà cantare: "Strike another match, go start anew...") :o)
Ecco l'autografo:

Ciao,
Michele "Napoleon in rags"

3898) Ciao a tutti .
Sono una studentessa universitaria; oggi, il mio prof di storia contemporanea ci ha fatto ascoltare una
canzone folk irlandese, ha chiesto a noi se sapevamo chi ha ripreso quella canzone fra gli artisti più
famosi, promettendo due punti in più all'esame per chi avrebbe indovinato, io ho detto Bob Dylan
proprio perché ricordavo una vecchia cassetta di mio padre con una canzone molto simile, fra tutti ho
azzeccato io ma il prof vorrebbe anche il titolo, io proprio non lo so, voi che sapete tutto su Bob Dylan
potreste aiutarmi? Purtroppo non riesco più a trovare quella cassetta. Il mio è un ricordo molto lontano di quando ero bambina, si andava in vacanza tutti insieme e durante il viaggio si ascoltavano le canzoni di Bob Dylan, quindi proprio non saprei. Ti posso dire che il prof aveva detto che questa canzone è stata ripresa anche dagli U2 e da Bruce Springsteen e che, teoricamente non l'ha solo cantata, ma pare che si sia ispirato proprio ad essa riproponendola in una sua canzone quella famosa di cui lui vorrebbe il titolo... TROPPO DIFFICILE vero?!?!??!...

Grazie infinite!!!!

bacioni Chiara.

Ciao Chiara,
mah, gli indizi sono vaghi ma credo che potrebbe trattarsi del brano di Bob dal titolo "With God On Our Side" (dall'album "The times they are a-changin'"; trovi qui il testo). Si tratta infatti di un brano per cui Bob si ispirò alla ballata irlandese "The patriot game" che aveva imparato da Dominic Behan durante il suo viaggio a Londra nel '62.
Quello che non torna sono gli U2 e Springsteen. Non ricordo se l'hanno cantata ma non mi sembra...
Al limite ci sarebbero anche altre canzoni di Bob che in qualche modo potrebbero corrispondere alla tua descrizione, brani come Farewell (ispirata a "The Leaving of Liverpool"), Ramblin' Gamblin' Willie (ispirata a "Brennan On the Moor"), Restless Farewell (ispirata a "The Parting Glass") che risalgono tutte a vecchie canzoni irlandesi. (Trovi tutti i testi relativi nella nostra paginona qui ) Ma anche in questo caso non credo c'entrino molto il Boss e la band di Bono.
Qualcuno ha qualche altra idea?
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


3899) Ciao Michele, ti invio un'altra segnalazione. Questa è la cover di "Series of dreams" cantata da Mimmo Locasciulli nell'album "Il futuro".
Io la trovo molto bella e non si distacca per nulla dal significato del testo originale......... c'è lo zampino di De Gregori anche qui.
Un saluto a tutti....
Edo

Ciao Edo,
thanx!
In effetti anche a me piace molto questa versione degregoriana... A proposito, che coincidenza, anche qui ritorna l'alfabeto...
Michele "Napoleon in rags"

UNA SERIE DI SOGNI
Testo e Musica di B. DYLAN
Testo italiano di F. DE GREGORI

© 1998 Sub Editore per l'Italia Sony Music Publishing

Solamente una serie di sogni
E niente che diventa realtà
Tutto fermo ancorato sul fondo
Fino al punto di non muoversi più

Pensando a niente di niente
Come quando ti svegli gridando
E ti chiedi perché
Niente da poter raccontare
Solamente dei sogni così

Pensando a una serie di sogni
Senza tempo senza velocità
E la stanza nel buio è priva di uscita
E la trovi soltanto se la cerchi da te

Non c'è niente che devi collegare
Sul confine della semplicità
Niente che potrebbe passare
L'ispezione della normalità

Sogni che l'ombrello era chiuso
Sul sentiero lasciato per me
E il gioco restava confuso
Alfabeto di un'altra civiltà

In un sogno c'era sangue per terra
In un altro nevicava in città
In un altro correvo ed in un altro ancora
Mi sentivo costretto a salire più in là

Non chiedevo un aiuto speciale
Non cercavo di fuggire da qui
Ero andato anche troppo lontano
Solamente pensando a dei sogni così

Sogni che l'ombrello era chiuso
Sul sentiero preparato per me
Ed il gioco sembrava confuso
Alfabeto di un'altra civiltà


3900) ciao michele,
stavo rileggendo una pagina del talkin' blues in cui tu e non mi ricordo chi discutevate del fatto che in "rainy day women nos. 12 & 35" ad un certo punto si senta uno che dice "ma sei scemo?"
bè, l'ho appena ascoltata.. a me sembra che dica "what've you said?"..non credi sia un po' più probabile?

la mia sorellina adorata ha proposto alla sua professoressa di musica di fare una prova d'ascolto su Bob Dylan... (mi ha appena detto di specificarti che è una sorta di campagna di diffusione nella sua classe... in pratica cerca di insegnare a degli esseri inferiori ad ascoltare buona musica... praticamente impossibile...)
insomma... le serve una canzone da far ascoltare ai suoi compagni in modo da farli rimanere folgorati.... e chiediamo il tuo aiuto! Cosa ci consigli?
Fabrizia

Ciao Fabrizia
alla parte privata della tua mail risponderò privatamente.
Per quanto riguarda la frase misteriosa di "Rainy day women" se non sbaglio fu Antonio "Cat" che segnalò la cosa. A me sembra di sentire in effetti "Ma sei scemo?" (al minuto 4.02) E' molto difficile riuscire a decifrarla per cui non escludo che magari dicano "...what've you said?" come segnali tu, o chissà cos'altro...
Qualcuno ha qualche idea?
Per quanto riguarda la canzone che mi chiedi... mmm... Una sola? E' davvero dura... Io proverei con almeno un brano per periodo. Ad esempio: Hard Rain - Like a rolling stone - All along the watchtower - Tangled up in blue - Senor - Every grain of sand - Blind Willie McTell - Ring them bells - Not Dark Yet - High Water.
O, in alternativa, concentrandosi solo sugli anni '60: Hard Rain - Don't think twice - Chimes of freedom - Mr. Tambourine man - Like a rolling stone - Sad Eyed Lady.
Comunque dovendone scegliere proprio solo una, obtorto collo, direi Like a rolling stone.
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


3901) Ciao Michele e ciao a tutti.
Ultimamente sto ascoltando gli album di Dylan di fine anni 60: parlo di John Wesley Harding, Nashville Skyline, Self Portrait e New morning e li ho trovati molto belli. Denotano un grande cambiamento nella scrittura delle canzoni, della musica e della voce stessa.
Ma cos'è successo davvero in quegli anni? Come sono andate le cose dopo l'incidente in moto?
Per pura curiosità vorrei sapere qualcosa in merito: perchè dal Dylan "ghost of electricity" si è passati ad un Dylan campagnolo, quasi country?
E l'incidente in moto è stato davvero così tremendo o un'esagerazione dei media? Perchè non ha tenuto concerti per molti anni?
Grazie.
A presto.
Edo

Ciao Edo,
i percorsi artistici di Bob hanno preso direzioni diverse ogni 3 o 4 anni dunque anche la svolta country si inserisce in questo contesto, quello di un artista che non è mai rimasto fermo ad uno stesso stile, sia musicale che di scrittura. Inoltre Bob ha sempre detto che l'ambiente ci condiziona tutti anche se non lo vogliamo. Le canzoni della prima metà dei '60 le aveva scritte - parole sue - perchè frequentava certi ambienti, parlava con certe persone, sentiva certi discorsi nei luoghi pubblici etc. Non le avrebbe scritte se non fosse stato per quello (sempre parole sue). Lo stesso discorso vale per il periodo "elettrico" della seconda metà dei sessanta. E naturalmente in entrambi i casi la cosa vale anche a livello musicale. Il folk revival ovviamente lo portò alle canzoni dei primi album. La rivoluzione dei vari Byrds, Beatles etc. lo portò verso l'elettrico (con la differenza che in entrambi i casi Bob rivoluzionò la scena con la sua opera). Quindi ritiratosi in campagna è chiaro che l'ambiente e la sua nuova vita lo portarono verso altre sonorità ed altri testi, senza contare ovviamente che uno dei primi miti del giovanissimo Zimmerman era stato Hank Williams e con lui altri cantanti country che Bob seguiva.
Inoltre tieni conto che il passaggio netto da Blonde on Blonde a JWH in effetti è "falso" perchè devi inserirci in mezzo l'anello mancante, ovvero "The basement tapes" che uscirono anni dopo ma che coprono musicalmente il periodo tra i due album. Tra l'altro la reazione di Bob e la svolta country furono anche dettate dal fatto che Dylan non ci si ritrovava nel panorama musicale del periodo e, come ho scritto in "Legends - Bob Dylan" (Editori Riuniti): "In un periodo di psichedelia, di dischi superprodotti, di intellettualismi lisergici e di viaggi musicali da acido, Dylan - spiazzando tutti - ritorna alla semplicità del country e del folk recuperando la tradizione musicale americana...".
Insomma non sottovalutiamo anche la tendenza di Bob ad andare spesso controcorrente, stupire e fare dei percorsi "contromano" (che poi guarda caso dopo la sua svolta country... tutti a fare il country... perchè se Bob indicava quella via...)
Per quanto riguarda l'incidente fu sicuramente ingigantito anche se di fatto Bob si ruppe qualche vertebra. Sembra certo che non fu in punto di morte come molti giornali scrissero esagerando la cosa.
Inoltre Dylan stesso disse che doveva esserci un cambiamento e che non poteva reggere quella vita snervante, come ho scritto ancora in "Legends - Bob Dylan": "Il 29 Luglio è vittima di un incidente in moto a Woodstock, dove vive. Dopo aver rischiato di morire cambia vita e, all'apice della fama e del successo, si ritira dalle scene. "Era venuto il momento. E' stato quando ho avuto l'incidente. Stavo tirando troppo la corda. Non avrei potuto vivere a lungo così. A volte si arriva troppo vicini a qualcosa e si deve prendere una certa distanza per essere in grado di capirlo; in quel periodo mi è capitato qualcosa del genere. A Woodstock, poco dopo l'incidente, mentre me ne stavo seduto all'aperto una sera di luna piena, fissai in direzione del bosco e mi dissi: Qualcosa deve cambiare."
Un cambiamento insomma nello stile di vita che ebbe ripercussioni anche sullo stile di Bob in quanto compositore/esecutore.
E ancora: "Nella primavera e fino all'estate del 67 si incontra regolarmente con i membri di The Band (che hanno preso un'abitazione poco distante da lui) registrando in un'atmosfera di grande divertimento e rilassatezza un gran numero di canzoni, tra cui molti traditional, nella cantina di Big Pink, una casa di West Saugerties a Woodstock. I brani, incisi con un piccolo registratore a nastri e noti come Basement Tapes, i "nastri della cantina", circolarono clandestinamente tra i collezionisti costituendo la fonte per il primo bootleg della storia, The great white wonder. "Le canzoni furono scritte per essere eventualmente interpretate da altri" - ricordò Dylan - "Penso che componemmo almeno cinquanta canzoni, là. Allora il rock psichedelico stava conquistando l'universo, e così noi cantavamo queste ballate caserecce, o quel che erano."
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"
ps: a proposito, se ti interessa l'incidente motociclistico di Bob... qui trovi tutta la verità e nient'altro che la verità su quell'episodio (quello che nessuno ha osato mai rivelare :o) )


3902) Ciao Michele,
sono la sorella di Fabrizia. Ti racconto le prime volte che ho ascoltato Dylan.
La prima volta che ho sentito Bob Dylan ero con mia sorella. Ascoltavamo il greatest hits.Ho riascoltato il disco più volte e mi piaceva sempre più la sua voce. Ricordo ancora i pomeriggi fuori al balcone ad ascoltare la musica. La mia canzone preferita era Like a rolling stone. Rimanevo sempre in estasi quando l'ascoltavo. Sentivo la forte energia che emanava e per una o due ore stavo bene con me
stessa. Era una specie di droga. Dovete sapere che prima ascoltavo i Red Hot Chili Peppers, quindi la mia reazione è comprensibilissima. Forse i Red Hot si drogavano allo stesso modo di Dylan, ma non riuscivano proprio a raggiungere i suoi livelli. E' continuato così finchè ad agosto Fabrizia (mia sorella) non ha comprato un nuovo disco: The Bootleg Series vol.6. Decisamente un ottimo disco, ma non poteva comparare con Like a rolling stone, non ancora. Mia sorella poi è andata avanti a comprare tanti dischi (non ancora tutti) e io ogni volta trovavo una nuova canzone,un nuovo capolavoro da aggiungere alla mia lista personale. Se ascolto Dylan oggi mi rendo conto della fortuna che ho. Se non avessi avuto una famiglia così (sono stati tutti importanti per la mia maturazione musicale, molto importante mio padre che ha comprato il dvd di Woodstock e ha fatto scoprire Joan Baez a mia sorella che ha successivamente scoperto Dylan e che l'ha fatto scoprire a me) oggi starei ancora vicino allo stereo ad ascoltare i Red Hot Chili Peppers e non il genio che è Bob Dylan. Sfortunatamente non sono mai stata ad un concerto di Dylan, ma rimedierò presto anzi prestissimo, come regalo di esame.
Ciao
Federica

Ciao Federica,
bene, ho inserito il tuo contributo nella pagina del "When we first met"... e per quanto riguarda i Red Hot... direi che sicuramente l'erba che fumava Bob era decisamente di qualità superiore :o)
Ti auguro di poter vedere quanto prima Dylan in concerto e con la data di Paestum a Luglio ce l'avrai praticamente vicino casa (e poi c'è Roma sempre a Luglio...). Insomma questa estate sarà la volta buona...
Sei stata fortunata ad avere una famiglia che ti ha "fatto vedere la luce" :o) Io invece ho dovuto scoprire Bob tutto da solo (i miei ascoltavano al massimo Orietta Berti e Claudio Villa e mia sorella solo ed esclusivamente i Beatles). I Virgilio che mi hanno guidato nei gironi dylaniani :o) sono stati quindi i cantautori italiani (De Gregori/De Andrè/Bubola) che non finirò mai di ringraziare per questo...
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


3903) Ciao Michele,
ti scrivo i miei dieci dischi preferiti:
1) Desire
2) Bringing It All Back Home
3) Greatest Hits (1967)
4) The Freewheelin' Bob Dylan
5) The Bootleg Series Vol. 5
6) Nashville Skyline
7) The Times They Are A-Changin'
8) The Bootleg Series Vol. 1-3
9) Street Legal
10) World Gone Wrong

Federica

Ciao Federica,
OK! Il mese prossimo aggiornerò la superclassifica di MF.
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


3904) terrific photo

Paolo

http://editorial.gettyimages.com/source/search/details_pop.aspx?iid=53010623&cdi=0


3905) RISTRUTTURAZIONE PORCILE

il Porcile è on-line con alcune modifiche. La maggior parte sono state necessarie dopo che la crescita del sito a mo' di accatastamento, aveva reso difficoltoso l' approccio a chi si accostava ad esso per la prima volta.
Sono stati riscritti le istruzioni ed il regolamento, ma l' unica novità sostanziale per gli antichi partecipanti sta nel fatto che per l' iscrizione ai tree non occorre più l' indirizzo postale, ma solo l' e-mail ed un nome
di riferimento; questo speriamo che aumenti la comunicazione tra gli iscritti allo stesso ramo. In conseguenza di ciò, il modulo per consultare le tabelle dei tree è ora lo stesso dei B&P-tree e le istruzioni per usarlo sono incluse nella pagina "tabelle"
Se trovate errori di qualsiasi tipo, omissioni, cose poco chiare, vi chiediamo di segnalarceli.

Il Porcile rimarrà raggiungibile dai due indirizzi soliti (redirect) porcile.tk e porcile.da.ru, ma per una migliore consultazione vi consigliamo di adottare l' indirizzo reale del sito porcile.altervista.org,
privo di pubblicità e altri artifìci.


3906) In conclusione di questa puntata voglio proporre a tutti i magfarmiani un quiz che per divertimento ho fatto in forma privata ad Anna, Carlo ed Elio qualche giorno fa.
Dovete sapere che tempo fa Carlo "Pig", conoscendo il mio grande amore per Totò, mi faceva notare che bisognava a tutti i costi trovare un collegamento tra Dylan ed il Principe De Curtis, in maniera da poter accomunare in qualche modo i miei due grandi amori...
Pur scervellandoci non ce ne veniva in mente nessuno plausibile o di una certa consistenza.
Qualche giorno fa invece il sottoscritto si è accorto di aver clamorosamente dimenticato che un collegamento tra Bob e Totò c'era e come! Infatti addirittura Totò canta un verso di un brano di Dylan!!! Ovviamente nell'adattamento di una versione italiana... Chi mi sa dire di quale verso si tratta?
So che è molto difficile ma vediamo se tra i magfarmiani c'è anche qualche totoiano ferrato in materia (ovviamente non vale farsi aiutare da Anna, Carlo ed Elio ai quali ho privatamente già dato la soluzione).
E comunque tutto questo ovviamente dimostra ancora una volta come avesse ragione Tom Petty: "Bob Dylan influenced absolutely everything".

Persino Totò!!!

Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


I MIGLIORI CONCERTI DI BOB DAL 2001
Vota il tuo concerto preferito degli ultimi anni e contribuisci alla nostra classifica (valgono anche più segnalazioni)

Voti finora pervenuti:

Londra, Inghilterra - Hammersmith Apollo - 24 Novembre 2003 - 1 voto
Tulsa, Oklahoma, U.S.A. - Drillers Stadium - 6 Luglio 2005 - 1 voto
Verona, New York, U.S.A. - Events Center, Turning Stone Casino and Resort - 20 aprile 2005 - 1 voto
Denver, Colorado, U.S.A. - Fillmore Auditorium - 29 marzo 2005 - 1 voto

LE COVER IMPERDIBILI (Le migliori cover di brani scritti da Bob)
Vota la cover (o più cover) di brani di Bob pubblicate dopo il 2001

Voti finora pervenuti:

Come il giorno (I shall be released) - Francesco De Gregori, da "Mix" - 1 voto
One More Cup of Coffee - Sertab Erener, da "Masked and anonymous" - 1 voto
Come una pietra scalciata (Like a rolling stone) - Articolo 31 e Bob Dylan, da "Masked and anonymous" - 1 voto

scrivi a spettral@tin.it e segnala i tuoi concerti/covers preferiti/e

Nota bene: il limite temporale del 2001 è stato fissato per ottenere due liste che siano idealmente il seguito di quelle pubblicate sul volume "Bob Dylan 1962/2002 40 anni di canzoni" di Paolo Vites e Alessandro Cavazzuti (Editori Riuniti), che si fermano appunto al 2001, anno di pubblicazione del libro. 



clicca qui



Clicca qui per leggere i racconti finora pubblicati
Scrivete sempre a spettral@tin.it



E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION