parte 304
Lunedì 6 Marzo 2006

3868) Ciao Michele,
ti rispondo alle domande che mi hai posto lunedì scorso:
Bè, per quanto riguarda Highway 61 Revisited, semplicemente non mi piace molto... o meglio, mi piace, ma proprio non ce la faccio ad ascoltarlo tutto; come giustamente diceva Phil Ochs, " è di una bellezza impossibile, è impossibile che sia così bello.
Non volli sentirlo di nuovo, subito; me ne andai perchè era troppo" e per quanto mi renda conto che street legal (che invece ho inserito nei miei 10 dischi preferiti) sia di livello decisamente inferiore, come faccio a inserire un disco che ascolto sì o no una volta ogni due tre mesi e neanche tutto intero?
A proposito, una volta, ascoltando "Like a rollling stone" sono scoppiata a piangere... non per la povera Miss Lonely, ma perchè quella canzone è troppo... non riesci a seguirla, a starle dietro... arrivai a sentirmi male...
Per quanto riguarda invece mia madre e gli occhi di Bob, lei ha visto (cioè, ha visto semplicemente
perchè si trovava nella stanza dove io mi abbandono a lunghe visioni di tutti i filmati che ho di Bob e Joan...) dicevamo, ha visto degli spezzoni di Renaldo and Clara (tipo Tangled Up in Blue, in cui non riesci a staccare gli occhi dallo sguardo di Bob) e credo che da lì abbia ricavato il suo giudizio... ma che ci vuoi fare, d'altronde lei e mia sorella sostengono anche che sia bruttino... in casa mia siamo divisi in due fazioni:
Io e la mia piccola sorellina che siamo capaci di passare il tempo a guardare le foto di Bob sospirando e ascoltare i suoi dischi continuamente e mia madre, mio padre e mia sorella (e lei è la peggiore, lo odia e odia l'armonica... dice che le sue canzoni non sarebbero brutte - NON sarebbero BRUTTE!!! - se non ci fosse l'armonica e non le cantasse lui...) che non solo dicono che è bruttino, ma non possono apprezzarne neanche il genio...
bah, vado di là a disperarmi per la sorte ingiusta che mi ha fatto nascere in questa famiglia...(e ovviamente scherzo...)
Fabrizia

Ciao Fabrizia
pensa che io ti avevo fatto quella domanda a proposito della tua scelta di escludere "Highway 61 Revisited" dalla tua top ten degli album dylaniani proprio pensando a Street Legal che avevi inserito (un disco che a me piace moltissimo, soprattutto nella versione recente riveduta e corretta, ma che non riuscirei mai a mettere in una classifica in cui non ci sia già H61). L'album di Like a rolling stone l'ho sempre considerato il top di Bob, insieme con Blonde on blonde, Bringing... e con il mio preferito di sempre (inutile dire qual è giusto? Sapete... quel disco con quella fascia rosso scuro sulla parte sinistra della copertina...).
Mmm... pianto su canzoni di Bob? A me una volta è capitato su I believe in you e fu una cosa molto particolare e ti vado a spiegare perchè. Ero nella mia stanza e avevo appena messo nel lettore Slow train coming... Era un bel periodo perchè di lì a poco Bob sarebbe venuto a suonare in Svizzera, a Sion, ed io avevo già preso il biglietto ed ero tutto elettrizzato all'idea che avrei rivisto Bob di lì a poco. Era il mese di maggio del 1997. Mentre ascoltavo il disco ad un certo punto mio padre mi chiama dalla stanza vicina. Stava guardando il telegiornale, mi sembra di ricordare RAIUNO. "Stanno parlando di Dylan...", mi fa. Io corro di là solo per ricevere un tuffo al cuore. Nel servizio dicono che Dylan è gravissimo, c'è chi lo dà addirittura per moribondo. Se ricordo bene non si diceva con chiarezza cosa gli era successo (si sarebbe saputo poco dopo che si trattava di un'infezione al cuore). Ricordo che subito si parlò anche di ictus e di infarto. "I fans di tutto il mondo - continuava il TG - stanno pregando per la vita di Bob sulla Rete..." Resto intontito. Alla fine del servizio corro con un groppo in gola nella mia stanza a collegarmi con vari siti per vedere se parlano della cosa. Intanto il disco è arrivato a I believe in you e puoi dunque capire com'è che mi sgorgarono le lacrime, pensando tra me che quel "You" non poteva lasciarlo morire così, a soli 56 anni.
Per quanto riguarda tua sorella penso che allora dovrai farle ascoltare le canzoni di Bob cantate da Joan, penso che quelle gli piaceranno (magari me ne darai già conferma). Io non sono di quelli che pretende che a tutti piaccia Bob, mi va benissimo se apprezzano almeno le sue canzoni cantate da altri.
Ciao e alla prossima
Michele "Napoleon in rags"
ps: a proposito di quei tristi e angosciosi giorni del '97, qualcuno ha conservato o sa se da qualche parte sono archiviati i commenti dei fans "a caldo", cioè prima che si sapessero i dettagli del grave problema di salute di Bob? 


3869) Buongiorno
non so bene come introdurre il discorso...
forse è meglio che vada dritto al sodo!
Siamo una tribute band di Bob Dylan che sta mettendo insieme un repertorio di una ventina di pezzi siamo 6 componenti due
chitarre, batteria, basso, tastiere e voce...
Per ora stiamo solo provando in saletta i pezzi ma presto debutteremo!

Abbiamo bisogno di incoraggiamenti!

Il tutto è iniziato dalla proposta di un dylaniano da trent'anni... che spero presto si faccia vivo anche su queste frequenze!
Electric Folk b Band
Luca

Ciao Luca
naturalmente hai tutti i nostri incoraggiamenti! Fammi sapere come procedono le cose. Se vuoi mandami dati, foto e quant'altro ti venga in mente se ti fa piacere e vuoi essere inserito nella nostra paginona "Tutti Figli Di Zimmerman" . Naturalmente se vuoi puoi segnalarmi le date delle vostre performance e ne daremo notizia su MF così da farvi un po' di pubblicità (in che città suonate?)
Fammi sapere.
Ciao
Michele "Napoleon in rags" 


3870) Caro Michele,

incoraggiato da De Gregori, che nell'intervista rilasciata a Marinella Venegoni dichiara che anche in Calypsos c'è molto Dylan, ti segnalo anch'io le assonanze che mi sono segnato ai primi ascolti.

Come già ampiamente rilevato, "Tre stelle" e New Morning
Come già rilevato da Francesco "Tiger", "La Linea della vita" e If You See Her Say Hello
Come hai suggerito tu, il titolo "Per le strade di Roma" viene senz'altro dal primo verso di When I Paint
My Masterpiece
Le prime battute delle strofe di "Mayday" secondo me vengono dalla strofa di Slow Train. Concordo,
quindi, con la segnalazione di Val (Slow Train è suonata da Knopfler)
Inoltre secondo me ci sono due versi di "Cardiologia" che rimandano a immagini dylaniane. Il primo è "E fa curvare i pianeti", che mi sembra alluda a Planet Waves. Il secondo "Che raccoglie conchiglie dopo la mareggiata", che mi sembra rieccheggi le immagini di Sara.

La derivazione della copertina da Battisti è dichiarata da De Gregori nell'intervista rilasciata a Gino Castaldo.

Gianni "The lonesome sparrow"

Ciao Gianni
e grazie per le nuove segnalazioni che vado ad aggiungere alla lista.
Non avevo pensato a Sara per quanto riguarda quel verso di Cardiologia, in effetti anche lì c'è una certa assonanza.
A proposito nessuno mi ha risposto al quiz della volta scorsa... Non pensavo fosse così difficile. Ve lo ripropongo: Ascoltate attentamente il crescendo strumentale de "L'amore comunque", subito prima che esploda nel ritornello "Regina del tempo della sabbia e del vetro della fine di tutti i numeri e dell'inizio dell'alfabeto... ". Quale canzone di Bob è? Nessuno ha capito a cosa alludo?
Ciao
Michele "Napoleon in rags"

Lista aggiornata:

1- Buonanotte Fiorellino (De Gregori)... Winterlude (testo e musica)
2- Sì Viaggiare (Battisti)... All Along The Watchtower (musica)
3- Un altro giorno è andato (Guccini)... I want you (musica)
4- Vedi Cara (Guccini)... Don't think twice it's all right (musica)
5- Al ballo mascherato (De Andrè)... Desolation Row/Tombstone Blues (testo)
6- Sally (De Andrè/Bubola)... Isis (ispirazione del testo)
7- Tempo reale (De Gregori)... Highway 61 revisited (musica)
8- Vai in africa Celestino (De Gregori)... Everything is broken (testo)-Subterranean Homesick Blues (musica)
9- Il suono delle campane (De Gregori/Locasciulli)... Stuck inside of Mobile... (musica)
10- Cercando un altro Egitto (De Gregori)... Talkin' World War III Blues (ispirazione del testo)
11- Giuliana (Ivan Graziani)... Gotta serve somebody (musica)
12- L'atomica cinese (Guccini)... A hard rain's a-gonna fall (ispirazione del testo)
13- Johnny lo zingaro (Bubola)... All along the watchtower (musica)
14- Parole a memoria (De Gregori)... Knockin' on heaven's door (citazione musicale)
15- Il panorama di Betlemme (De Gregori)... All along the watchtower (citazione musicale)
16- Numeri da scaricare (De Gregori)... Meet me in the morning (musica)-Slow train coming (citazioni testuali)
17- L'aggettivo mitico (De Gregori)... Blowin' in the wind (citazione-omaggio nel testo)
18- Farewell (Guccini)... Farewell Angelina (citazioni musicali e testuali)
19- Talkin' Milano (Guccini)... Vari Talkin' Blues dylaniani (testo e musica)
20- Statale 17 (Guccini)... Down the highway (testo), Highway 61 Revisited (ispirazione del titolo)
21- Canzone per un'amica (Guccini)... Ballad for a friend (testo)
22- Camicie rosse (Bubola)... Billy (musica)
23- Dolce signora che bruci (De Gregori)... It's all over now Baby Blue (ispirazione di versi)
24- Shomèr ma mi-llailah? (Guccini)... All along the watchower (corrispondenze bibliche da Isaia)
25- Bandiera Bianca (Battiato)... Mr. Tambourine Man (citazione testuale)
26- Bandiera Bianca (Battiato)... The times they are a-changin' (citazione testuale)
27- Cuccuruccucu (Battiato)... Like a rolling stone (citazione testuale)
28- Cuccuruccucu (Battiato)... Just like a woman (citazione testuale)
29- Noi non ci saremo (Guccini)... A hard rain's a-gonna fall (ispirazione del testo)
30- Canzone per Silvia (Guccini)... Hurricane (idealmente)
31- Compagni di viaggio (De Gregori)... Simple twist of fate (corrispondenze testuali)
31- Cartello alla porta (De Gregori)... Sign on the window (titolo)
32- Overdose d'amore (Zucchero)... Shot of love (titolo e parzialmente musica)
33- Pietre (Gian Pieretti/Gianco)... Rainy Day Women (musica e testo)
34- Bufalo Bill (De Gregori)... With God On Our Side ("The country was young... the cavalry charged..." - "Il paese era molto giovane, i soldati a cavallo eran la sua difesa)
35- ...E fuori continua a piovere (Del Sangre)... Tombstone Blues (musica)
36- Non 6 Bob Dylan (883)... (citazione del nome di Dylan)
37- Eskimo (Guccini)... (citazione del nome di Dylan)
38- Il vento dell'est (Gian Pieretti/Ricky Gianco)... Girl From the North Country
39- Pentathlon (De Gregori)... Gotta serve somebody (testo)
40- Canzone per Sergio (Vecchioni)... Blowin' In The Wind (citazione di versi).
41- Il suonatore è stanco (Vecchioni)... (citazione del nome di Dylan)
42- Bambini venite parvulos (De Gregori)... I Shall Be Free (Mr Clean/Mastro Lindo)
43- Disastro aereo sul canale di Sicilia (De Gregori)... Three Angels
44- Il canto delle sirene (De Gregori)... Jokerman
45- Numeri da scaricare (De Gregori)... Blowin' In The Wind ("non è possibile che non vedi" / "how many times can a man turn his head and pretend that he just doesn't see" )
46- Renoir (De Gregori)... The Times They Are A-Changin' ("Ora i tempi si sa che cambiano".)
47- Renoir (De Gregori)... Forever Young (Doppia versione e posizione nel disco, ultima della prima facciata, prima della seconda. )
48- Titanic (De Gregori)... Desolation Row (Si è tanto parlato dell'influenza del poema di Enzensberger «La fine del Titanic», che De Gregori non ha mai smentito, ma nemmeno sottolineato troppo entusiasticamente, e ci si è dimenticati l'ultima strofa di Desolation Row: «the Titanic sails at dawn»)
49- Chi ruba nei supermercati (De Gregori)... Desolation Row ("Tu da che parte stai?". Certo la citazione di Brecht è evidente, ma io ci sento l'eco del "Which side are you on?")
50- Sempre e per sempre (De Gregori)... Desolation Row (E which side troveremo sempre e per sempre Francesco? Non va dimenticato che «Which side are you on» è il titolo di una famosa canzone politica, riportata in auge dal folk revival dei primi anni sessanta.)
51- Il vestito del violinista (De Gregori)... Chimes Of Freedom («Così sentimmo nell'aria forte la ridondanza delle campane/come un ricordo che faceva piangere, come l'odore del pane». Anche qui difficile non pensare a quali campane avesse in mente De Gregori quando scriveva)
52- La testa nel secchio (De Gregori)... Slow Train ("E il treno sta partendo / Ma non è ancora partito" . Inoltre mi sembra di poter cogliere un'analogia anche nel ritmo delle due canzoni.)
53- Il vestito del violinista (De Gregori)... I shall be released ('Come vedere spuntare il sole dall'altra parte di un muro...' -  'I see my light come shining from the west unto the east... Yet I swear I see my reflection some place so high above this wall')
54- La testa nel secchio (De Gregori)... Angelina ('Blood dryin' in my yellow hair' - 'Ma ho del sangue nei capelli').
55- Dolce signora che bruci (De Gregori)... A Hard rain's a-gonna fall ('I met a young woman whose body was burning')
56- Tempo reale (De Gregori)... A Hard rain's a-gonna fall ('E nessuno ricorda la faccia del boia' -'The executioner's face is always well hidden')
57- Sono tuo (De Gregori)... Absolutely Sweet Marie (Where are you tonight, sweet Marie? - Ma dove sei stanotte, amore mio?)
58 - Tu angelo tu (Bubola)... You angel you (testo e struttura musicale)
59 - Cardiologia (De Gregori)... I threw it all away ("[l'amore] fa curvare i pianeti" - "Love...  makes the world go 'round"...) - (Forse anche un rimando a "Planet Waves")
60 - Registrazione (Lucio Battisti) (citazione del nome di Dylan: "Da Dylan (ho imparato) a dire quello che mi pare")
61 - Il bombarolo (De Andrè)... Desolation Row/Lay down your weary tune ("C'è chi aspetta la pioggia per non piangere da solo" - "The cryin' rain like a trumpet sang" e "Everybody is making love or else expecting rain")
62 - Caldo e scuro (De Gregori)... Not dark yet (svolgimento musicale)
63 - Così celeste (Zucchero)... I shall be released (svolgimento musicale)
64 - Beatles; Rolling Stones e Bob Dylan (Elio e le Storie Tese) (citazione del nome di Dylan)
65 - Tre stelle (De Gregori)... New Morning (musica)
66 - In onda (De Gregori)... Mississippi ("mentre la mia nave affonda" - "Well my ship's been split to splinters and it's sinking fast")
67 - La linea della vita (De Gregori) - If you see her say hello ("Magari è questione di troppa sensibilità" - "Either I'm too sensitive")
68 - Per le strade di Roma (De Gregori) - When I Paint My Masterpiece
69 - Cardiologia (De Gregori)... Sara ("Che raccoglie conchiglie dopo la mareggiata")
70 - Raggio di sole (De Gregori)... Forever Young


3871) Ciao Michele,
a proposito di cover post 2001 io trovo splendidi i quattro brani di Warren Zevon interpretati da Bob nel tour autunnale 2002, e metto "Accidentally like a martyr" tra le mie tre canzoni preferite non di Dylan da lui interpretate.
Elio "Rooster"

Ciao Elio,
in realtà parlavamo più che altro delle cover di canzoni di Bob fatte da altri, ma naturalmente si può fare anche una lista al contrario, ossia brani di altri fatti da Bob...
Ciao
Michele "Napoleon in rags" 


3872) Ciao Michele,

ti faccio i miei più sentiti complimenti per la tua ultima fatica editoriale: davvero un ottimo lavoro, sempre chiaro, molto interessante e adatto sia a neofiti che ad esperti!

A presto.
Francesco 'Tiger'

Ciao Francesco,
che dire? Grazie infinite! Mi fa piacere leggere che lo hai apprezzato ed in particolare l'ultimo tuo commento, perchè in effetti scrivendolo cercavo proprio di fare in modo che la lettura risultasse interessante per il lettore più esperto senza però "spiazzare" il neofita, e fornire anche a quest'ultimo la possibilità di seguire i "percorsi dylaniani" senza sentirsi "tagliato fuori".
Ciao
Michele "Napoleon in rags" 


3873) Salve, uomini Dylaniati.
Complimenti vivissimi per il bellissimo sito.

Ho scoperto la parte dedicata alle possibili canzoni in italiano. Tempo fa ho rielaborato Simple twist of fate: se vi può interessare... eccola.
Fatemi sapere se la trovate interessante per pubblicarla sul sito

Edo

Ciao Edo,
grazie, l'ho inserita nella nostra sezione che ormai è sempre più ricca. Ho provato a cantarla, fila molto bene e indovina di chi mi viene la voce mentre la canto? :o) (un indizio: qualcuno lo chiama Il Principe... ma non è Totò! Ha scritto a proposito di Alice... ma non è Lewis Carroll! Ha duettato con Joan Baez... ma non è Bob!!! :o) )
Ciao
Michele "Napoleon in rags"
ps: a proposito dell' "incipit" della tua mail... : e le donne no?

BALLO DEL DESTINO

di Edo

E si incontrarono in un parco

la notte ormai si faceva largo

luce soffusa sul loro sguardo

freddo nei polmoni

si sentirono soli

la storia era in declino

e lui aspettò il ballo del destino.
 
 

Lui camminò fino a tarda ora

un po' confuso, lo ricordo ancora

aprì la porta, la stanza vuota

con la luce ancora accesa

luce di una candela

la vide lì vicino

non si accorse del ballo del destino.
 
 

Una chitarra suonava piano

lei lo lasciò sul suo divano

il suo discorso fin troppo chiaro

lei in un lampo era al portone

diede un soldo ad un pittore

e ad un cieco sul suo cammino

e si scordò del ballo del destino.
 
 

Lui si alzò, la stanza fredda

non la rivide nella sua coperta

disse allo specchio "Io non ho fretta"

la finestra si aprì da sola

sentì il gelo nella sua gola

e poi capì che era mattino

tutta colpa del ballo del destino.
 
 

Sentì una sveglia batter l'una

e se ne andò, la sua anima sola

ma la pensò per un attimo ancora

su quel treno ormai andato

troppi segni del passato

ma il tempo è un assassino

che non pensa al ballo del destino
 
 

Qualcuno dice che è un peccato

soffrire troppo per il passato

lui pensa ancora a ciò che è stato

e non lascerà il suo sogno

era nata in giugno

ma lui le era vicino

grazie al cielo e al ballo del destino.


3874) Ciao Michele!! Come stai?
E' da tempo immemore che non mi faccio più sentire ma non ti preoccupare, ho continuato a sbirciare la Fattoria che procede nella sua opera di dylaniamento a gonfie vele :)
Recentemente sono stata a vedere "Quando l'amore brucia l'anima", di J. Mangold, il film sulla vita di Johnny Cash. Non mi sembra che nessuno ne abbia parlato qui alla Fattoria, volevo segnalartelo perchè la presenza di Bob, che pure non compare tra i personaggi del film, aleggia lungo tutta la storia.
Conoscevo poco di Johnny Cash, non so quanto sia stata distorta la sua vita per le esigenze hollywoodiane. Tu l'hai visto? Se non altro Joaquin Phoenix mi è piaciuto, mentre il film in sè è un po' un'americanata.
Ci vediamo da Joan?
Un abbraccio
Ila 'Ladybird'

Ciao Ila
qui tutto bene, Bob si avvicina, il suo nuovo disco pure, e non potrebbe dunque andar meglio (anche perchè per di più si avvicina pure Joan!).
Non ho visto ancora il film su Cash, conto di farlo. Comunque ne ho letto in genere abbastanza bene e aspetto una puntuale recensione del nostro Sal... (non puoi esimerti Eagle!)
Se vieni a vedere Joan a Milano fammi sapere che ci diamo appuntamento e ti unisci alla banda.
Un abbraccio.
Michele "Napoleon in rags". 


3875) Ciao Michele,
come stai? Tutto bene? Ho ascoltato anch'io il nuovo disco di De Gregori, e anch'io sono
rimasto parecchio sbalordito dalla somiglianza di "Tre Stelle" con "New morning". Ricordo che
non molto tempo fa in un'intervista gli furono fatte notare queste coincidenze con l'universo dylaniano,
lui disse pressapoco così: "L'artista è un nano sulle spalle dei giganti, e Dylan ovviamente è un gigante".
Davvero un atto d'amore verso il Maestro.
A proposito di De Gregori e della famosa listona, ho notato che potrebbe starci anche "raggio di sole", idealmente presa in prestito da "forever young". Tutte e due sono dedicate a figli appena nati, e tutte due sono infatti piene di speranza. Tu che dici?

Nella scorsa Talkin' hai chiesto a tutti noi di inserire nuove cover dylaniane successive al 2001, da integrare al libro di Vites.
Nelle prossime talkin' ti darò qualche titolo interessante, volevo invece proporti e proporre a tutti i magfarmiani di fare la stessa cosa coi concerti MP3 o dal vivo che vi hanno entusiasmato dal 2001 ad oggi, così da integrare la ricchissima e indispensabile lista di Alessandro Cavazzuti nel libro di Vites. Che ne pensi?
Io voto per il concerto di Tulsa in Oklahoma del 06/07/2005:
davvero eccellente, con una versione molto accattivante e seducente di "don't think twice it's alright".

Ora ti lascio, un abbraccio
Davide

P.S.: il DVD di Bologna è bellissimo: ho contato davvero le gocce di sudore  sulla fronte di Bob! Ho apprezzato anche la versione di "Girl from the North country", che al concerto avevamo tutti trovato terribile, ricordi?

Ciao Davide
è vero in effetti il parallelismo tra Forever young e Raggio di sole ci può ben stare dunque l'ho inserito nella lista qui sopra.
Per quanto riguarda la frase di De Gregori sui giganti mi piace molto anche se ho sempre preferito la sua altra a proposito di Dylan, quella cioè che ho inserito nella tabella in cima alla pagina dell'Indice Generale di MF (l'avete mai notata? Non è STUPENDA?!).
Benissimo per i concerti post 2001... Allora facciamo così, da questa Talkin' in avanti metto in fondo due liste parallele... Siete
invitati a contribuire!
Inizio subito a contribuire anche io e scelgo il concerto di Londra del 24 Novembre 2003.
Aspetto allora le tue segnalazioni di cover interessanti e comincio anche qui a contribuire con una cover un po' in "controtendenza" (nel senso che non ho mai letto commenti entusiastici) e che a me invece piace moltissimo: "Come il giorno", di Francesco De Gregori, versione di "I shall be released" dall'album "Mix".
E segnalo anche la One More Cup of Coffee di Masked and anonymous, la splendida cover di Sertab Erener.
Per quanto riguarda il DVD di Bologna ti confermo che anche noi abbiamo commentato quella versione di GFTNC a Milano a casa della papera Anna mentre guardavamo il concerto. Io, devo dire, più la ascolto e più mi convinco che non è brutta come molti (Anna in primis) dicono. E' un'altra canzone, la trovo molto medioevaleggiante, quasi branduardeggiante... ma non è affatto male... anzi a furia di sentirla mi sta proprio piacendo...
Ciao
Michele "Napoleon in rags" 


3876) Caro Michele e cari maggiesfarmiani tutti,
vorrei condividere le impressioni/emozioni di lettura del diario del Rolling Thunder di Sam Shepard,
finalmente pubblicato in Italia dalle edizioni Cooper di Roma. A me pare un libro particolarissimo,
innanzitutto per il duplice fallimento che ne è alla genesi.
Shepard viene incaricato da Dylan di scrivere la sceneggiatura di Renaldo & Clara. Ben presto però si accorge che non è materialmente possibile scrivere la sceneggiatura di un film che si fa da sè in una sorta di caotico "work in progress" (primo fallimento).
Dunque decide di prendere in considerazione il "personaggio" Dylan e descriverlo in forma di racconto: ma si accorge che il "personaggio" Dylan esiste già, è stato inventato da Dylan stesso (secondo fallimento, sarebbe come scrivere un racconto con un personaggio chiamato "Madame Bovary")... dunque Shepard decide per la forma diaristica e parla di se stesso, delle sue impressioni durante il Rolling Thunder Revue. A me sembrano pagine bellissime e spesso divertentissime, che restituiscono, anche se da una prospettiva un po' obliqua (ma qual era quella "dritta"!?!) l'atmosfera dell'evento, la sua poliedricità e la sua magia. Le immagini di Dylan che suona e batte il tacco sul palco di legno, evocando gli spiriti dell'America, che guida il furgone o porta a spasso il cane sono a mio parere davvero uniche. La sola descrizione del furgone di Dylan, della sua assenza, della sua "arte della fuga" è magnifica. Il viaggio allucinante di Shepard verso la lavanderia o l'arrivo di notte al villaggio degli shaker sono tra le cose più divertenti che io abbia mai letto. Non so: questo mi pare l'approccio giusto, al Rolling Thunder, allo spirito più autentico di Dylan...  voi che ne pensate?
ciao a tutti
Francesco Spagna

Ciao Francesco
e grazie per la recensione/commento di questo libro che non ho ancora trovato (ma che non potrà mancare nella mia biblioteca di cultore delle cose della RTR) e di cui mi parlava benissimo qualche giorno fa il già citato Sal.
Del resto parliamo di un periodo eccezionale e non a caso ho dedicato un intero capitolo di "Bob Dylan - Percorsi" alla magica Rolling Thunder Revue, per celebrarne i 30 anni dalla nascita... come poteva essere altrimenti, visto che del "percorso dylaniano" è una tappa a mio avviso assolutamente unica?
A volte penso che Bob, anche solo per un tour, dovrebbe provare a rifare qualcosa di simile... secondo me sarebbe eccezionale... Pensaci Bob, visto che stai sicuramente leggendo queste righe, e non dire che non si può rifare due volte la stessa cosa... non sei tu quello che ha detto "You can't repeat the past? Of course you can!" ? :o)
Ciao,
Michele "Napoleon in rags" 

3877) Ciao Michele,
sono Luca da Bergamo, ti ho scritto alcune volte in passato.
Volevo segnalarti, anche se forse ne eri a conoscenza, dal momento che le puntate sono state già trasmesse sul satellite,  la presenza "in persona" di Bob nella puntata odierna dei Simpsons su italiauno.
Complimenti ancora per il sito.
Cordiali saluti.

Luca - Bergamo

Ciao Luca
grazie della segnalazione e per chi non l'ha mai visto ecco uno splendido Bob versione Simpsons e qui c'è una strip di Zimmy in argomento.
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


3878) NOVITA'DAL SITO DI AL DIESAN.

A partire da questo mese la nuova bonus track è "Tell Ol' Bill", dalla
colonna sonora del film "North country".
Potete trovarla , insieme alla versione originale, alla pagina

http://www.al-diesan.it/html/Bonustracks.ita/Tell_Ol_Bill.ita.htm

Sperando di incontrare il vostro gradimento si porgono
Cordiali saluti 


I MIGLIORI CONCERTI DI BOB DAL 2001
Vota il tuo concerto preferito degli ultimi anni e contribuisci alla nostra classifica (valgono anche più segnalazioni)

Voti finora pervenuti:

Londra, Inghilterra - Hammersmith Apollo - 24 Novembre 2003 - 1 voto
Tulsa, Oklahoma, U.S.A. - Drillers Stadium - 6 Luglio 2005 - 1 voto

LE COVER IMPERDIBILI (Le migliori cover di brani scritti da Bob)
Vota la cover (o più cover) di brani di Bob pubblicate dopo il 2001

Voti finora pervenuti:

Come il giorno (I shall be released) - Francesco De Gregori, da "Mix"
One More Cup of Coffee - Sertab Erener, da "Masked and anonymous"

scrivi a spettral@tin.it e segnala i tuoi concerti/covers preferiti/e

Nota bene: il limite temporale del 2001 è stato fissato per ottenere due liste che siano idealmente il seguito di quelle pubblicate sul volume "Bob Dylan 1962/2002 40 anni di canzoni" di Paolo Vites e Alessandro Cavazzuti (Editori Riuniti), che si fermano appunto al 2001, anno di pubblicazione del libro. 



clicca qui



Clicca qui per leggere i racconti finora pubblicati
Scrivete sempre a spettral@tin.it



E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION