parte 276
Lunedì 22 Agosto 2005


3443) Ciao... chiaramente sono un grande appassionato del mitico Bob e grazie al vostro stupendo sito sono riuscito a sentire gran parte degli inediti soprattutto quelli stupendi del primo periodo pre album
"Bob Dylan" non finirò mai per ringraziarvi.

La mia domanda è la seguente:

Sono in possesso come molti di alcuni libri con traduzioni delle canzoni di Dylan "Blues ballate canzoni" ed un altro, di cui adesso non ricordo il titolo della stessa casa editrice, a me piacevano molto. Le vostre traduzioni anche sono fatte molto bene, ma dato che volevo aver un supporto cartaceo più maneggevole ero in dubbio se comprare il tomo "Lyrics" che è uscito per l'Arcana, anche se preferisco "Blues ballate e canzoni" come tipo di traduzioni. Mi è stato anche detto da Carlo il curatore del Porcile che dovrebbe uscire un libro definitivo curato dal grande Carrera. Che fare aspettare questa uscita o comprare il libro
dell'Arcana?

Aspetto notizie e grazie ancora.

Senza firma

Ciao,
grazie per i complimenti da estendere ovviamente al nostro Carlo "Pig" & soci... Per quanto riguarda le traduzioni dei testi di Dylan ti dico che sicuramente l'edizione che uscirà presto per Feltrinelli sarà notevole. A mio avviso infatti le traduzioni di Carrera saranno di grande livello (ne ho ascoltate quattro in anteprima ad Aosta dove Alessandro le ha lette in pubblico durante il Dylan Day valdostano)... Alessandro ha una conoscenza dell'opera di Dylan (e del mondo che ne è a monte ed al quale Dylan fa costantemente riferimento) che è davvero impressionante e dunque ha tradotto le canzoni di Bob dall'alto di tale conoscenza, facendo tutte le connessioni ed i rimandi relativi e che spesso sfuggono ad un traduttore che non conosce a fondo Dylan e le sue fonti. Se leggi l'intervista che Alessandro ci ha concesso qualche tempo fa, relativa alla sua traduzione della biografia di Bob "Chronicles Volume 1", ti renderai conto della cura che egli mette nel tradurre Dylan non limitandosi alla traduzione più semplice o orecchiabile ma scavando a fondo nel vero significato stando molto attento ad ogni particolare sfumatura che Dylan vuol dare ad ogni singola parola. Inoltre il libro di Carrera sarà ricco di note che già prevedo estremamente interessanti. Il libro che citi, quello della Arcana, ha le traduzioni di Tito Schipa, Jr che da molti sono criticate. A me piacciono anche se sono effettivamente molto libere in quanto l'autore ha preferito non rispettare l'aspetto letterale della traduzione per privilegiare quello legato alla cantabilità dei testi, alla musicalità e all'assonanza delle rime che nell'opera di Dylan sono imprescindibili. Ne è venuta fuori una traduzione non fedele ma che a mio avviso è comunque molto interessante e talvolta estremamente suggestiva, anche perchè offre qualcosa che nessun altro ha mai offerto (se si escludono ovviamente le cover in italiano di artisti come Bubola o De Gregori). Secondo me potresti comprare entrambi i libri, sia quello di Schipa che quello di Carrera, perchè in ogni caso sarebbero diversissimi e costituirebbero due aspetti ugualmente interessanti e darebbero due visioni dei testi di Dylan in italiano. Se proprio devi sceglierne uno solo, ripeto però che il più fedele ai testi di Dylan sarà ovviamente quello di Carrera.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3444) Ciao Michele.
Grazie infinite per le recenti traduzioni che hai fatto delle versioni alternative di Tangled up in blue. Le aspettavo da tempo (è la mia canzone preferita). Ho visto che non hai messo però quella del bootleg "Border Beneath the Sun"... Potresti tradurre anche quella (ha comunque qualche differenza rispetto alla versione originale)?
Ciao e grazie in anticipo
Vittorio

Ciao Vittorio,
OK, detto fatto, eccola qua!
Ciao
Michele "Napoleon in rags"

AGGROVIGLIATO NELLA TRISTEZZA
parole e musica Bob Dylan

Versione alternativa dal bootleg "Border Beneath the Sun" - 6 luglio 1978

Un mattino presto il sole splendeva
e lui era disteso a letto
chiedendosi se lei fosse cambiata
se i suoi capelli fossero ancora rossi
I loro amici dicevano che la loro vita insieme
sarebbe stata sicuramente dura
Non avevano mai amato il vestito di mamma fatto in casa
Il conto in banca di papà non era grosso abbastanza
E lui se ne stava in piedi sul bordo della strada
mentre la pioggia gli cadeva sulle scarpe
diretto verso la East Coast
Pronto a pagare dei debiti, mentre passava il tempo
aggrovigliato nella tristezza

Lei era sposata quando si incontrarono per la prima volta
ben presto divorziò
Lui l'aiutò a tirarsi fuori dai guai, credo,
ma usò un po' troppo le maniere brusche
E guidarono quell'auto quanto più lontano possibile
E l'abbandonarono verso Ovest
separandosi in una buia e triste notte
Entrambi decisero che era la cosa migliore
E lei si voltò per guardarlo
mentre lui si stava allontanando
E disse sulla sua spalla
"Ci incontreremo ancora un giorno su un viale alberato",
aggrovigliato nella tristezza

Lui trovò un lavoro nei grandi boschi del nord
e lavorò come cuoco per un certo periodo
ma non gli piacque mai molto
ed un giorno l'ascia cadde
così venne trasportato alla deriva fino a New Orleans
fortunato di non essere distrutto
dove trovò lavoro su un battello da pesca
due miglia fuori da Delacroix
Ma per tutto il tempo era solo
il passato alle sue spalle
Incontrò un sacco di donne
ma lei non gli uscì mai di mente e crebbe
aggrovigliato nella tristezza

Lei lavorava in un topless bar
ed io mi fermai per una birra
Beh, io continuavo a guardare il profilo del suo viso
così nitido nel riflettore
E più tardi mentre la gente sfollava
io stavo per fare lo stesso
Lei stava lì in piedi, accanto alla mia sedia
Disse "Dimmi, non conosco il tuo nome?"
Io mormorai qualcosa tra i denti
lei studiò i lineamenti del mio viso
Devo ammettere che mi sentii un pò a disagio
quando si chinò per allacciare il laccio della mia scarpa
aggrovigliato nella tristezza

Lei accese la stufa
e mi offrì una pipa
"Pensavo che non avresti mai detto ciao", disse
"Sembri un tipo taciturno"
Poi aprì un libro di poesie
e me lo mostrò
Era scritto da un poeta italiano
del tredicesimo secolo
Ed ognuna di quelle parole suonò vera
e splendente come un carbone ardente
trasudando da ogni pagina
come fosse scritta nella mia anima da me per te
aggrovigliato nella tristezza

Vivevo con loro a Montague Street
in uno scantinato sotto le scale
C'era musica nei cafe la notte
e rivoluzione nell'aria
Fino a quando lui cominciò a trattare con gli schiavi
e qualcosa dentro di loro morì
Mentre lei dovette vendere tutto quel che possedeva
e gelò dentro
Quando tutto cadde a pezzi
io fuggii via
La sola cosa che sapevo fare
era tirare a campare come un uccello che vola
aggrovigliato nella tristezza

Così ora sto tornando di nuovo indietro
devo ritornare da lei in qualche modo
Tutte le facce che conoscevamo
sono un'illusione per me ora
Alcuni sono matematici
altre sono mogli di camionisti
Beh, io non lo so come sia iniziato tutto
non so cosa stiano facendo delle loro vite
Ma io sono sempre sulla strada
diretto verso un altro locale
Abbiamo sempre provato le stesse cose
solo che le vedevamo da un punto di vista differente
aggrovigliati nella tristezza

TANGLED UP IN BLUE
words and music Bob Dylan

Early one morning the sun was shinin'
An' he was layin' in bed
Wonderin' if she changed at all
If her hair was still red.
Their folks they said that their lives together
Sure was gonna be rough
They never did like mama's homemade dress
Papa's bankbook wasn't big enough.
An' he was standin' on the side of the road
Rain fallin' on his shoes
Headin' out for the east coast
Ready to pay some dues, gettin' through
Tangled up in blue.

She was married when they first met
Soon to be divorced
He helped her out of a jam i guess
But he used a little too much force.
An' they drove that car as far as they could
An' abandoned it way out west
Splitting up on a sad dark night
Both agreein' that it was best.
An' she turned around to look at him
As he was walkin' away
Sayin' over her shoulder
"We'll meet again some day on the avenue."
Tangled up in Blue.

He had a job in the great north woods
Workin' as a cook for a spell
But he never did like it all that much
An' one day the ax just fell.
So he drifted down to New Orleans
Lucky not to be destroyed
Where he got him a job on a fishin' boat
Right two miles outside Delacroix
But all the while he was alone
The past was close behind
He seen a lot of women
But she never escaped his mind an' he just grew
Tangled up in blue.

She was workin' in topless place
An' i stopped in for a beer
Well i just kept lookin' at the side of her face
In the spotlight so clear.
An' later on when the crowd thinned out
I was just about to do the same
She was standin' there right beside my chair
Said , "Tell me, don't i know your name?''
I muttered somethin' underneath my breath
She studdied the lines on my face
I must admit i felt a little uneasy
When she bent down to tie the laces of my shoe
Tangled up in blue.

She lit a burner on the stove
An' offered me a pipe
"Thought you'd never say hello", she said
"You look like the silent type."
Then she opened up a book of poems
An' showed it to me
It was written by an Italian poet
From the thirteenth century.
An' every one of them words rang true
An' glowed like burning coal
Pourin' off of every page
Like it was written in my soul from me to you
Tangled up in blue.

I lived with them on Montague Street
In a basement down the stairs
There was music in the cafes at night
An' revolution in the air.
Till he started dealin' with slaves
An' something inside of 'em died
While she had to sell everything she owned
An' froze up inside.
When it all came crashin' down
I became withdrawn
The only thing i knew how to do
Was to keep on keepin' on like a bird that flew
Tangled up in blue.

So now i'm goin' on back again
I got to get to her somehow
All the people we used to know
They're an illusion to me now.
Some are mathematicians
And some are truck drivers wives
Well i don't know how it all got started
I don't know what they're doin' with their lives.
But me i'm still on the road
Headin' for another joint
We always did feel the same
We just saw it from a different point of view
Tangled up in blue.


3445) Carissima redazione,

ho acquistato un biglietto per il concerto di Dylan a Milano, parterre in piedi; mi chiedo se la visibilità e
la qualità del suono saranno tra le migliori , visto che il posto 1° anello gold costa circa 20 euro in più .

un caro saluto  Michele Lenzi

Ciao Michele,
naturalmente il posto parterre in piedi è il migliore se vuoi vedere un concerto "da fan", perchè ti consente di poter arrivare vicino al palco (se arrivi con un certo anticipo, diciamo almeno tre ore prima in maniera da essere tra i primi) indipendentemente dalla sistemazione... quando inizia il concerto infatti normalmente tutti si riversano sotto il palco e a mia memoria non c'è mai stata security che abbia retto l'onda d'urto. Il posto che costa venti euro in più sarà sicuramente più comodo, a sedere, diciamo un posto d'elite, migliore da un punto di vista acustico, ma se parliamo di visibilità tieni conto che con il parterre puoi teoricamente arrivare davanti a Bob (a me è capitato diverse volte di essere praticamente in prima fila a pochissimi metri da Dylan). Non so esattamente che settore sia questo del 1° anello al Forum di Assago ma dubito che sia più di tanto vicino al palco.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3446) Ciao Michele,
su questo sito :  http://www1.cdwow.ie/detail_results_2.php?product_code=20973 ho trovato forse la
risposta per i sottotitoli; il sito si riferisce alla versione Americana del DVD, spero ne facciano una
anche europea. Non capisco però perchè di Bob Dylan sia così difficile trovare un DVD "normale" (a
parte l' unplugged).
saluti
Jimmy

Ciao Jimmy
e grazie per la segnalazione.
Sono d'accordo con te sul resto. Sarebbe ora che si decidessero a fare qualcosa di degno anche per noi italiani o come auspicavamo la volta scorsa almeno con i sottotitoli.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"

DVD Region 1 - Bob Dylan: No Direction Home
Price: EUR 22.99    Release/Despatch Date: Tuesday 20 Sep
Certificate: NR
Category: Television & Documentary
No. of Discs: 2
Running Time: 120 minutes
Year Produced: 2005
Region: 1  (USA/Canada)
Audio: English - Dolby Digital 2.0
Subtitles: English
Aspect Ratio: 1.33  (Fullscreen)
Anamorphic: No
Encoding: NTSC
Interactive Features:
Interactive Menus, Scene Selection, Theatrical Trailer, Filmography, Featurette
Review:
This two-part film, which focuses on the singer-songwriter's life and music from 1961-66, includes never-seen performance footage and interviews with artists and musicians whose lives intertwined with Dylan's during that time. Dylan talks openly and extensively about this critical period in his career, detailing the journey from his hometown of Hibbing, Minnesota, to Greenwich Village, New York, where he became the center of a musical and cultural upheaval, the effects of which are still fe lt today. For the first time, The Bob Dylan Archives has made available rare treasures from its film, tape and stills collection, including footage from Murray Lerner's film Festival documenting performances at the 1963, 1964 and 1965 Newport Folk Festivals, previously unreleased outtakes from D.A. Pennebaker's famed 1967 documentary Don't Look Back, and interviews with Allen Ginsberg, Pete Seeger, Joan Baez, Maria Muldaur, and many others. In anticipation of the film, members of Dylan's worldwide community of fans also contributed rarities from their own collections. Directed by Martin Scorsese.

Release/Despatch Date: Tuesday 20 Sep
EUR 22.99


3447) Ciao a tutti,
tempo fa qualcuno suggeriva di inserire nelle suonerie dei telefonini la musica di Dylan. Io proporrei una di queste:

- l'inizio di 'HIGHWAY 61' suonato a Verona nell'84
- l'inizio di AATW sempre da Verona '84
- l'inizio di 'OUTLAW BLUES' dal sacd BIABH

Sono graditi suggerimenti diversi. Grazie.
Mario

Qualche idea? Chi usa suonerie dylaniane per i propri cellulari? Fateci sapere... Io appena capisco come si fa (per me il cell. è una specie di strumento da fantascienza :o) ) mi metto... Ring them bells... :o)


3448) Ciao,
scrivo dopo parecchio tempo perché solleticato da una curiosità da collezionista.

Sul sito ufficiale di Dylan si pubblicizza la possibilità di acquistare on line l'imminente Bootleg Series vol. 7 più il nuovo libro Scrapbook, con un omaggio: un ulteriore cd con 6 canzoni dal concerto del 26/10/1963. Sai se questo cd in omaggio sarà acquistabile anche dalle nostre parti, per esempio in una special edition di Bootleg Serie vol. 7 ? Oppure in seguito?

A proposito, da buon collezionista non condivido - per passione, evidentemente - le polemiche e le critiche di operazione commerciale mosse alle Bootleg Series e alle altre possibili pubblicazioni di materiale inedito... a quando la possibilità di acquistare anche qui da noi la versione ufficiale di Live at
the Gaslight 1962?

Preferisco appunto avere pubblicazioni ufficiali di materiale (a volte bellissimo) che circola solitamente
su bootleg... a volte voglio credere che nella scelta del materiale per le Bootleg Series della Columbia ci sia soprattutto la mano di Dylan, che la scelta dei concerti e delle outtakes da pubblicare sia sua!...
chissà se è così o se mi illudo?

Ma, se potessi dire la mia, uscirebbe al più presto anche la versione ufficiale delle New York sessions di Blood on the Tracks... magari in un cofanetto di 2 cd con entrambe le sessions di registrazione dell'album... in effetti, sogno.

Inoltre: le confezioni delle Bootleg Series sono curate e all'altezza, per me piuttosto soddisfacenti!

Un'ultima domanda: il dvd del film di Scorsese sarà nei negozi italiani già dal 20 settembre?

Grazie delle tue risposte, a presto.

Gianluca coo coo bird!

PS: ci vediamo a milano il 12 novembre!

Ciao Gianluca,
dubito che il cd in omaggio di cui si parla su bobdylan.com sarà anche disponibile in altro modo. In genere sono offerte legate appunto a questo tipo di acquisti speciali. Va detto però che di "Love & Theft" e del BS della Rolling Thunder Revue uscirono in effetti anche edizioni speciali con bonus cd o dvd allegato, dunque non è del tutto impossibile che facciano qualcosa di simile anche in questo caso.
Per quanto riguarda le critiche e le polemiche su BS7 e su Gaslight personalmente la mia era più che altro una critica al materiale scelto... Avrebbero secondo me potuto coprire un periodo meno inflazionato visto che di materiale interessantissimo ce n'è anche negli anni successivi a quelli presi in considerazione, che sono poi sempre gli stessi (prima parte degli anni '60). Fermo restando che BS7 e Gaslight conterranno cose comunque di alto livello ma non certo una grossa novità e soprattutto, appunto, ennesime registrazioni degli anni '60, già sovrabbondanti in mille forme, e fermo restando che sono due operazioni legate ad altre situazioni per cui in un certo senso le scelte erano alquanto obbligate.
Sui Gaslight Tapes non si sa ancora niente ma sicuramente dopo un certo periodo il cd sarà distribuito tramite i canali "normali" e dunque facilmente acquistabile anche da noi.
Non so se come dici ci sia la mano di Dylan dietro le scelte. Spesso si è sentito dire che non si occupa moltissimo dei suoi dischi, che gli interessano relativamente... A proposito del BS 1/3 ad esempio ricordo che Bob nemmeno voleva che uscisse perchè diceva più o meno: "...Tanto è materiale che hanno già tutti, no? A chi può interessare?..." Nel caso dei Gaslight Tapes comunque, come scrivevo sopra, dubito che sia stata una scelta di Dylan, nel senso che molto probabilmente semplicemente gli hanno chiesto di pubblicare proprio quei nastri esclusivamente per il collegamento con i negozi di caffè Starbucks, visto che erano canzoni eseguite appunto in un vecchio cafè del Greenvich Village. Anche sul BS7 dubito che la scelta sia stata di Dylan, perchè anche qui va tenuto conto che il disco è collegato con il film di Scorsese quindi sicuramente ci sono state altre motivazioni sulla scelta di quel materiale.
Non so se il dvd di No direction home sarà disponibile subito anche da noi... Io come detto sopra spero soprattutto che ci sia una edizione italiana.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3449) Ciao Michele,
ce l'hai?
Raffaella

Ciao Raffaella,
thanx!
Michele "Napoleon in rags"


3450) Ciao Michele,
ti segnalo questo link con un nuovo libro in inglese su Dylan che riporta moltissime sue dichiarazioni (anche se ci avevi già pensato tu nell'indispensabile "I said that") corredate di foto.
Ciao
Gennaro

http://www.woodstockbooks.net/productdetails.asp?Product_ID=3734

Ciao Gennaro,
grazie!
Michele "Napoleon in rags"

Artist:  Bob Dylan
Author: Bob Dylan
ISBN: 0740754556
Weight: 1000 grams
Pages: 160
Product Type: Book
Book Type: HB
Availability: September 2005
Shipping Method: "Direct To Home" Delivery For US Customers
Price: £8.49
A spokesperson for a generation, Bob Dylan gave a voice to the young, and his words were, and still are, truly revolutionary. Bob Dylan: Inspirations conveys the spirit of the man and the inspiration he has brought to millions through his poignant music. This intriguing book is composed entirely of Dylan's own words. Photos of Dylan and captivating images illustrate his words beautifully:
"When I get involved in something, I get totally involved. I don't just play around on the fringe."
"I went over my whole life. I went over my whole childhood. I didn't talk to anyone for a week after Elvis died. If it wasn't for Elvis and Hank Williams, I couldn't be doing what I do today."
"I don't call myself a poet because I don't like the word. I am a trapeze artist."
The book is filled with over 50 striking photographs in a thoroughly modern design for a unique look. Pull it out when you need some inspiration from the master.

3451) Periodo ricco, eh!
:-)

http://enjoyment.independent.co.uk/music/news/article307340.ece

Ciao

Beppe

www.giuseppegazerro.com

Ciao Beppe,
grazie.
In breve traduco per chi non conosce l'inglese: trovati 4 brani registrati da Dylan negli studi televisivi della BBC nel 1962 e ritenuti perduti fino ad oggi. Le quattro canzoni erano state registrate da fans e sono state restaurate e ripulite dai tecnici del suono che le hanno rese nuovamente ascoltabili. Tra i brani anche l'immortale Blowin' in the wind qui in una versione risalente a diversi mesi prima dell'apparizione su vinile. I quattro brani erano stati registrati da Dylan per la commedia The Madhouse on Castle Street.
La più importante delle tracce è "The Ballad of the Gliding Swan". Il brano si pensa che fu scritto dall'autore della commedia Evan Jones, ma Bob Dylan ci mise molto di suo riscrivendola. Quando Dylan prese parte alla commedia era quasi sconosciuto al di fuori del Greenwich Village. Il regista Philip Saville gli fece interpretare la parte di un misterioso personaggio che si auto-reclude dal mondo. A Dylan arrivato in Inghilterra fu fatto leggere il copione e avrebbe dovuto recitare parecchie battute ma disse che non era possibile, che non era un attore, che quello che sapeva fare era cantare. Così il copione fu rapidamente riscritto in maniera da staccare le parti cantate da quelle parlate.
Le altre canzoni sono "The Cuckoo" e "Hang Me Oh Hang Me".
The Madhouse on Castle Street andò in onda il 13 Gennaio 1963.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3452) Ciao.
Mio cugino mi invia questo sito di Bob.
Buona visione: Fausto
www.ni9e.com/typo/typo_dylan.html

Ciao Fausto
ho provato a visitarlo ma mi si apre solo la prima pagina dove si compone un disegno di Bob... poi mi si blocca. Proverò nei prossimi giorni.
Michele "Napoleon in rags"


3453) Circolano alcuni rumors su un nuovo album di Bob in uscita a dicembre. E' finito per metà e il
produttore è Sexton.

Fantabob?

Sal "Eagle"

Ciao Sal,
ho riportato ieri la notizia... Speriamo bene... Chi vuole leggere i commenti alla "fantanotizia" vada qui sul Dylan Pool... dove sono piuttosto scettici mi sembra...
Michele "Napoleon in rags"


3454) Ciao Michele
a proposito delle connessioni tra Bob Dylan ed X-Files (anche io sono un grandissimo fan della serie con la Anderson e Duchovny... a proposito bella la pagina di auguri a Gillian, che anche a me fa impazzire, soprattutto nei "panni" di Scully) ti segnalo un episodio che non hai citato... Non ricordo esattamente di che serie è o che titolo ha ma sicuramente tu lo ricorderai... Era un episodio in cui Scully e Doggett (era il periodo in cui Mulder era sparito e lo sostituiva appunto l'agente Doggett) indagavano su uno strano ragazzo di nome Dylan. Ricordo che era un fan di Bob Dylan (aveva in camera un bellissimo poster di Bob che se non sbaglio è stato usato per la copertina di una raccolta, forse era quella di Essential). Oltre che di Dylan era un fan anche di Syd Barrett che viene citato diverse volte nell'episodio e se ne sente anche qualche canzone se non sbaglio. Nell'episodio si scopre poi che Dylan è una sorta di mutante che ha il potere di controllare gli insetti, in particolare le mosche mi sembra... Il viso di Bob Dylan era un po' il leit motiv della puntata perchè veniva inquadrato spessissimo...
Ciao
Giorgio

Ciao Giorgio
hai ragione, ricordo benissimo quella puntata (come potrei non ricordarla :o) ?).
Si intitola Lord of the flies ed è la Sesta puntata della Nona serie.
L'avevo citata in una vecchia Talkin' ma non nella pagina dedicata a Gillian, dunque l'aggiungo... grazie per il "reminder"...
Ho colto l'occasione per riguardarmela ed ho anche fatto degli still che riporto qui sotto.
Ciao e grazie
Michele "Napoleon in rags"
ps: e se non l'hai ancora letto ti ricordo il fantaracconto che vede protagonisti Mulder, Scully e Bob Dylan.


Il poster di Bob Dylan (e uno di Syd Barrett) nella camera di Dylan

A sinistra Dylan, il protagonista dell'episodio - A destra Dylan nella sua stanza con il poster di Bob Dylan riflesso nello specchio



Dylan e i tre agenti degli X-Files: Scully, Reyes, Doggett

3455) Caro Michele
è un po' che non ti scrivo ma non potevo non dire la mia su questa faccenda del Dylan al capolinea (ti seguo sempre regolarmente... i complimenti sono superflui per tutto quello che stai facendo).
Dylan al capolinea? Premetto che non sono assolutamente d'accordo. Dylan non può essere quello degli anni 60, nè quello dei 70, 80 o 90 per il semplice motivo che oggi è quello degli anni duemila, non peggiore nè migliore, semplicemente diverso. Cosa significa al capolinea? Al capolinea ci sono artisti come Roger McGuinn, Donovan, Joan Baez, o per restare in Italia Loredana Bertè, Al Bano, Fiordaliso, Pupo (sono solo alcuni nomi... se ne potrebbero fare millanta)... Quelli sono artisti per cui si può usare il termine "capolinea", per quel che mi riguarda. Cioè artisti che hanno avuto un passato più o meno "glorioso", che hanno fatto cose più o meno valide (i due ultimi italiani citati nel mio esempio moooolto poche, a dire il vero ;o))) ), ma che hanno avuto il loro momento ed ora sono al capolinea, per cui uno si mette a condurre programmi televisivi cercando di riciclarsi, un'altra cerca di far parlare di sè in qualsiasi altro modo che non le canzoni (eppure ne ha fatte di belle... parlo della Bertè). Un'altro si fa notare per le cause legali a Michael Jackson o per i gossip sulla sua inetta compagna... E così via per gli altri, chi più chi meno nell'anonimato o passati ad altri campi o che cercano inutilmente di vivere di nostalgia riproponendo i vecchi successi (so che tu non sarai d'accordo sulla Baez...).
Insomma voglio dire che Dylan mi sembra un artista ancora molto vitale tenuto conto di quanti anni di carriera ha alle spalle e quanti capolavori ha già sfornato e tenuto conto che ancora negli ultimi anni ha fatto cose di enorme valore come Time out of mind, "Love & Theft", Masked and anonymous (nonostante quello che dicono molti... il disco mi è piaciuto moltissimo... il film meno ma non è certo quella porcheria che qualcuno ha dipinto... contiene diverse cose molto belle...), come molti hanno fatto notare su MF... Soprattutto non capisco perchè gli si rimproverano i BS oppure i Gaslight o la biografia o i film... Io non concepisco che si dica "Dovrebbe fare questo... non dovrebbe fare quello...". Ma chi siamo noi per stabilire cosa deve fare? Forse che andiamo da un pittore a dirgli che deve usare questi colori piuttosto che altri? O che deve dipingere ad olio piuttosto che ad acquerello? O che deve dipingere panorami piuttosto che ritratti o nature morte? O che deve vendere i propri quadri attreverso questa o quella galleria d'arte? O andiamo dal nostro macellaio a dirgli che deve vendere la carne argentina piuttosto che quella italiana? Se non ci piace quella carne andiamo da un altro macellaio. Se non ci piacciono quei quadri non li compriamo. Ma certo non possiamo imporre ad altri i nostri gusti, obbligare un artista (o un artigiano, o chiunque altro lavori) a fare questa scelta piuttosto che quell'altra. Possiamo critcare il prodotto di quella scelta, certo, ma non certo dettare noi la scelta in questione. Non ci piacerebbe se qualcuno lo facesse nei nostri confronti, dunque...
Ciao.
Carmelo

Ciao Carmelo.
Un solo commento: Ugh!
Inutile dire che il dibattito continua...
Michele "Napoleon in rags"
ps: esatto! Non sono d'accordo su Joan! :o)


3456) Grazie a Sal "Eagle" che mi invia questa tracklist con relativa copertina di un disco tributo a Bob oltre ad una bella foto di Bob alquanto strana (a fondo pagina).

Listen to Bob Dylan: A Tribute Album

1. Don't Think Twice (It's Alright)- Steel Train
2. Like a Rolling Stone- Anberlin
3. Mr. Tambourine Man- Roark
4. Tonight I'll Be Staying Here With You- Socratic
5. Blowin' In The Wind- House of Fools
6. Girl of the North Country- As Tall As Lions
7. Man In Me- Jenoah
8. I Believe In You- Cerys Matthews
9. Simple Twist of Fate- The Format
10. A Hard Rain's A-Gonna Fall- Jason Mraz

Disc: 2

1. Rainy Day Women #12 & 35- Rock & Roll Soldiers
2. It Ain't Me Babe- David Melillo
3. Positively 4th Street- I Can Make A Mess Like Nobody's Business
4. Just Like a Woman- Something Corporate
5. She Belongs to Me- Kisschasy
6. To Ramona- Days Away
7. Boots of Spanish Leather- Julia
8. I Want You- James Blunt
9. I Shall Be Released- Steel Train
10. The Times They Are A-Changin'- The Stay At Home




clicca qui



Clicca qui per leggere i racconti finora pubblicati
Scrivete sempre a spettral@tin.it



E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION