parte 267
Lunedì 20 Giugno 2005


Apriamo questa puntata della Talkin' con una mail di Anna "Duck", o per meglio dire con alcuni stralci che ho estrapolato da una mail privata di Anna e che credo siano interessanti per tutti i magfarmiani che leggono la Talkin'.

3347) Ciao ragazzi,
(...) ho letto costantemente gli aggiornamenti e i racconti di Michele sul Maggie's Farm Folk Fest ed ammirato le foto di Elio. Anche secondo me sono tutte bellissime: merito del fotografo, naturalmente. Ma nel caso delle "nostre", il merito è da spartire con i soggetti delle foto: bando alla modestia, siamo soggetti davvero straordinari :-). La mia preferenza va alle foto scattate nel cortile del Rasho-Mon. Per quanto riguarda invece le performance, ricordo con particolare piacere quella di Laura, forse perchè le sono stata più vicina durante i tre giorni, ho condiviso le sue ansie e le sue paure nell'attesa; e così quando è salita sul palco mi ha trasmesso intatta la sua emozione.

(...) Intanto passo alla questione "Anche solo questa..." (Vedi Talkin' 265). (...) Di "Like A Rolling Stone" devo riconoscere il fenomenale impatto storico; cioè credo che se anche Dylan avesse scritto solo questa canzone, avrebbe assicurato la sua fama per i secoli a venire. Ma concordo (...) sull'impatto "personale" delle canzoni di Bob. In questo caso, anche per me tutte (o quasi tutte) sono rientrate almeno una volta nella categoria "anche solo questa...", secondo il momento particolare che stavo vivendo; e nello stesso tempo nessuna potrebbe essere abbastanza, se Bob non me l'avesse cantata in quel dato modo, se non avesse continuato a stravolgerla a manipolarla e a strapazzarla, sera dopo sera, concerto dopo concerto.
(...)
Anna "Duck"

Ciao Anna,
ovviamente concordo e penso che la seconda parte della tua mail sia perfetta, oserei dire paradigmatica, per far capire a un non-dylaniano perchè ad un dylaniano ogni canzone di Bob suscita - o può suscitare - la frase "...anche solo questa!" :o).
Un bacione
Michele "Napoleon in rags"


3348) Dopo la conferma del tour europeo (vista la data francese di Amneville del 4 novembre, annunciata qualche giorno fa) possibili date tedesche per Dylan. Per la precisione si parla di date ad ottobre: 24 Amburgo, 25 Berlino, 26 Hannover, 29 Oberhausen, 30 Wetzlar. E a Novembre: 06 Erfurt, 08 München. Si tratta di date probabili ma ancora non confermate, ma senza dubbio indicative del fatto che... Bob si avvicina!!!
Michele "Napoleon in rags"


3349) Ciao Michele,
ti invio una scheda relativa al film sulla vita di Bob Dylan, tratto dal sito IMDB:
I'm Not There: Directed by Todd Haynes - Writing credits (in alphabetical order) Oren Moverman co-writer - Cast (in alphabetical order): Cate Blanchett, Adrien Brody, Colin Farrell, Charlotte Gainsbourg, Richard Gere, Julianne Moore - Produced by John Goldwyn and Christine Vachon -  John Wells executive producer - Non-Original Music by Bob Dylan (song)

Ciao,
Gianni

Ciao Gianni,
grazie infinite e traduco per chi non conosce l'inglese:
I'm Not There: Diretto da Todd Haynes - Scritto e sceneggiato da Oren Moverman (co-autore) - Cast (in ordine alfabetico): Cate Blanchett, Adrien Brody, Colin Farrell, Charlotte Gainsbourg, Richard Gere, Julianne Moore - Prodotto da John Goldwyn e Christine Vachon -  John Wells produttore esecutivo - Musica Non Originale di Bob Dylan

A proposito del co-autore e (presumibilmente) sceneggiatore del film (l'altro si suppone sia Haynes), Oren Moverman, va detto che non è uno che ha scritto molto, che io sappia. Mi risultano solo un film del 2003, "Face" ed uno del 1999,  "Jesus' Son".
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3350) Ciao Michele,
complimenti intanto per il lavoro, molto ben riuscito, che hai fatto e che continui a fare su questo sito.
Anche se sono sicuro che avrai già dato in passato informazioni su dove poter scaricare brani live e
concerti di Bob, posso avere di nuovo qualche indicazione?

Grazie in anticipo e un saluto a tutti
stefano

Ciao Stefano,
grazie per i complimenti.
Allora... innanzi tutto devi andare praticamente ogni giorno sul "Dylan Pool" (lo trovi qui).
Nella sezione "Community" (cliccando "General message board") vengono postati giorno per giorno un sacco di mp3 di performance live di Bob (spesso in tempo quasi reale... tipo il giorno dopo il concerto).

Molti li trovi anche in questa pagina costantemente aggiornata:
http://pool.dylantree.com/pool_mp3_registry.php?page=3&sort=

Molti mp3 e links ad altri mp3 li trovi qui:
http://cncfor.coolfreepages.com/index.html

Altri links sono qui:
http://listen.to/sugartown

E moltissimi mp3 sono qui:
http://www.geocities.com/itz_furrball/mp3s.htm

Poi ti consiglio naturalmente di andare sul Porcile di MF a questo indirizzo: http://porcile.tk dove potrai entrare in possesso di moltissimo materiale raro, live e non, grazie ai Dylan Tree.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


Ed ecco Vincent a proposito del Maggie's Farm Folk Fest:

3351) Allora ciao!
Come stai, o meglio come state?
Io son tornato solo oggi perchè mi sono fermato a Perugia da un angelo radioso, e vi assicuro che ho
trascorso una delle settimane più belle della mia vita, questo ovviamente grazie a tutti voi e all'amore
che provate per quella musica che non invecchia mai (ci siamo capiti, vero)?
Grazie Michele per la pagina che ci hai dedicato, quando Pino la vedrà sarà felicissimo. Personalmente
questo fine settimana ne rifarei subito un altro ma mi limiterò ad immaginarlo: lì con le sue espressioni -
le sue note di rabbia e di ricerca - con la sua sincera intensità - con quel pizzico di nostalgia che ci
pervade e ci catapulta in quei luoghi , in quei anni dove tutti noi avremmo voluto lottare e amare.
Bene tornando a noi avrei qualcosa da proporvi, qualcosa che dovrebbe essere naturale, visto che non
siamo poi così tanti a godere della stessa musica.
Non sarebbe male incontrarsi più spesso, cercare almeno (visto che siamo di città diverse) di provare a
trovare un locale nella propria città, in maniera da poter suonare più spesso e con la scusa coinvolgere
più persone possibili, anche perchè sono fermamente convinto che c'è più gente di quanto la si immagini
che ha solo bisogno di essere spronata, "cioè parliamoci chiaro siamo tutti pieni d'amore e soprattutto
chi suona, ha sempre il suo lato FOLK".

Ok siamo giunti ai saluti...... Ringrazio il Ferdinando per avermi prestato la sua chitarra e che senza non
avrei potuto esibirmi (forse in chiave Gospel) - saluto il grande Renzo (simpatico fumatore di sigari) -
saluto gli Hamelin a me personalmente simpatici - saluto Eleonora che non ho visto suonare ma vi
assicuro che sa tutte le canzoni a memoria e tutti gli altri che in questo momento non ricordo i nomi ma
che abbraccio comunque.
E ovviamente Michele e company (l'organizzazione infallibile).

A PRESTO.
VINCENT.

Ciao Vincent,
grazie ancora a te e a Pino per la presenza e la straordinaria performance... non so se hai ammirato anche la foto che ti aveva fatto Fabrizio... la trovi in questa pagina... sai? quella con te accovacciato in stile Dylan...
La tua idea di ritrovarsi per suonare la nostra amata musica folk e non solo è naturalmente ben accetta... Intanto noi stiamo pensando seriamente di fare una seconda edizione del MFFF a novembre in quel di Milano... l'idea o meglio l'auspicio sarebbe quello di farne una invernale ed una "estiva", diciamo così... Ma al di là del MFFF se tu o altri riuscite a coinvolgere locali nelle vostre città io sono ben disposto a partecipare e farmi da tramite per coinvolgere altri... Tu che sei a Torino ad esempio se trovi qualcuno disposto a metterci a disposizione un locale... io che sono relativamente vicino posso venire e con me ovviamente i dylaniani/baeziani aostani (tre o quattro artisti, minimo).
Grazie per il testo di Farewell Angelina da te adattato che riporto qui sotto e che ho inserito nella nostra pagina relativa (chi non l'ha ancora vista vada qui).
Ciao
Michele "Napoleon in rags"

Stammi bene Angelina
di Vincent

Stammi bene Angelina
La corona dov’è ?
L’ha rubata un bandito
Ed io, lo seguirò
Se la notte griderà
Una tromba suonerà
Stammi bene Angelina
Il cielo ha preso fuoco
E io, camminerò

Non ti devi arrabbiare
Non serve, ti fa male
Non c’è niente da provare
Tutto è tale e quale
Come il legno che si poggia
Sulla riva del mare
Stammi bene Angelina
È il cielo a tremare
E io devo, navigare

I fanti con le donne
Han deserto il piazzale
Le zingare curiose
Sono giunte sull’altare
Nello spazio dove il tempo
Non è solo un momento
Stammi bene Angelina
Il cielo si è piegato
Ci vediamo, se si può

Quei pirati accecati
Dal sole o chissà
Sparan colpi di fucile
Senza alcuna identità
I vicini sono in festa
In una strana unicità
Stammi bene Angelina
Il cielo si colora
E il mio passo volerà

Il più alto dei nani
Danza sopra le mani
Valentino balla il tango
Mentre un uomo ha appena pianto
Tutti quanti chiudon gli occhi
Evitando l’imbarazzo
Stammi bene Angelina
È il cielo a soffrire
Scusa devo, proseguire

Dammi il nome che ti serve
Risponderò comunque e sempre
Stammi bene Angelina
Il cielo è in eruzione
Ti porterò la mia canzone


3352) Il libro di Paolo Vites, "BOB DYLAN - Stories From A Never Ending Concert" (Penguin's Editions) esposto al Museo di Bob Dylan ad Hibbing!!!!
Michele "Napoleon in rags"


3353) Ciao Michele
a proposito di articoli sul MFFF ti segnalo questa sorta di "tamburino pubblicitario" sul bel sito www.delrock.it... non so se lo hai già visto...

http://www.delrock.it/hdoc/news.asp?idnews=58246

Bruno

Ciao Bruno,
grazie per la segnalazione (no, non l'avevo visto) e grazie, se pur in ritardo, ai gestori di quel sito che in effetti è davvero bello.
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


3354) Ciao Michele,
stamani mi è arrivata questa notizia dalla Feltrinelli, di prossima pubblicazione:

The Bob Dylan Scrapbook
1956-1966
Dylan Bob

Traduttore: Silvia Rota Sperti
Casa editrice: Feltrinelli
Anno pubblicazione: 2005
Prezzo: 40,00
Genere: musica rock,cantautori,musica it.
Volumi: 1
Pag: 64

Descrizione:

Un importante pezzo da collezione, una biografia interattiva e riccamente illustrata che apre una
prospettiva speciale su uno dei decenni più entusiasmanti della carriera di Bob Dylan. Con interviste,
immagini d'archivio, riproduzioni di testi autografi di canzoni leggendarie come "Blowin' in The Wind" e
"Like a Rolling Stone", materiali rarissimi e ormai introvabili tratti dalle raccolte di collezionisti di tutto il
mondo, memorabilia che, al di là dell'interesse biografico, offrono il disegno singolare di un'importante
epoca di storia del rock and roll. Lo Scrapbook racconta un periodo cruciale: gli anni dell'arrivo di Bob
Dylan a New York nel 1961 e il suo affermarsi come una delle voci più importanti del suo tempo. Il Cd
allegato documenta l'affermazione di Dylan come musicista e personaggio pubblico, dalle prime
interviste in cui inventava la sua biografia fino a quelle registrate nel 2004 per il film di Martin Scorsese
"No Direction Home", in cui rievocava gli anni degli esordi. Con testi di Robert Santelli.

Ne sai qualcos'altro?

Francesco "Tiger"

P.S. A proposito della scorsa Talkin', volevo segnalare a Michele Lenzi che ha ragione. Almeno in Italia
il Greatest Hits vol. 2 non contiene le canzoni indicate su quello "ufficiale" che sono contenute invece
nel doppio More Bob Dylan Greatest Hits (che per complicare le cose ha la stessa copertina della
versione originale del Greatest Hits vol. 2 con gli inediti).

Ciao Francesco
e grazie per la notizia sullo Scrapbook (l'ho riportata ieri nel Cosa c'è di nuovo). Non ne so molto di più se non che il prezzo (secondo me un po' esorbitante) dovrebbe essere comunque giustificato dal fatto che si tratta di un libro particolare, un "libro-oggetto", di quelli con tante cose "collaterali" allegate, rispetto alle mere pagine. Insomma un libro interattivo. Dovrebbe uscire a settembre, a quanto sembra, ma non è ancora certissima la data. Se devo essere sincero a me questo tipo di libri non "sconfinferano" molto, mi sembrano un po' delle trovate al limite del gadget, tanto per pubblicare qualcosa... però aspetto di vedere cosa hanno escogitato gli americani sperando ci siano cose interessanti. Ne avevo visto tempo fa uno simile - o almeno credo che fosse simile come idea - e relativo ai Beatles... beh, mi sembrava zeppo di cosine anche carine ma sostanzialmente inutili... tipo le riproduzioni estraibili di biglietti di concerti o di lettere o di altri ammenicoli vari legati ai fab four...
Naturalmente io lo comprerò in ogni caso anche se dovesse contenere cose tipo "la riproduzione della cartina del primo spinello di Bob" etc. :o)
Anche se avrei preferito che stampassero prima le Lyrics (parlo dell'Italia, ovvio).
Ok per la precisazione sul Greatest Hits... anche a me è capitato di vederlo, quello che citi, e in effetti un po' di confusione la crea... se non che basta attenersi alla discografia ufficiale (vedi bobdylan.com)... e per quelli interessati ricordo che il Greatest Hits II ufficiale deve contenere le seguenti canzoni:
Watching the River Flow
Don't Think Twice, It's All Right
Lay, Lady, Lay
Stuck Inside of Mobile with the Memphis Blues Again
I'll Be Your Baby Tonight
All I Really Want to Do
My Back Pages
Maggie's Farm
Tonight I'll Be Staying Here With You
She Belongs to Me
All Along the Watchtower
Quinn the Eskimo (The Mighty Quinn)
Just Like Tom Thumb's Blues
A Hard Rain's A-Gonna Fall
If Not for You
It's All Over Now, Baby Blue
Tomorrow is a Long Time
When I Paint My Masterpiece
I Shall Be Released
You Ain't Goin' Nowhere
Down in the Flood

Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3355) Carissimo Michele ,
sull'ultimo numero di Jam (giugno) è stata pubblicata la notizia che a Settembre uscirà il nuovo disco di
Dylan della serie bootleg series, n° 7, intitolato No Direction Home registrato nei primi anni 60. Sai altre notizie a riguardo? e soprattutto come mai anche questa volta si è prediletto il periodo primi anni 60?
un saluto
Michele Lenzi.

Ciao Michele,
per il momento non si hanno altri dettagli se non quelli che ho riportato ieri e che riporto qui sotto per chi non ha letto. Perchè si è prediletto il periodo dei '60? Mah! Credo che il tutto sia comunque legato al film-documentario di Scorsese che già dal titolo - No direction home - lascia presumere che sia incentrato soprattutto sul primo Dylan (diciamo pre-incidente di moto).
Ecco qua:
BOOTLEG SERIES VOL. 7
Confermata l'uscita del nuovo disco di Bob Dylan della collana "Bootleg Series" (Vol. 7). Il titolo sarà quello riportato tempo fa: No Direction Home. Data prevista in USA: 17 agosto. Contenuto: come anticipato tempo fa, si tratta un doppio cd di materiale inedito dei '60 (sia live che in studio) legato al film documentario di Scorsese dallo stesso titolo, in uscita a settembre.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3356) Buongiorno,
navigando nel vostro sito mi e' capitato di leggere un articolo di Massimo Buccilli che ho riconosciuto come mio cugino con il quale ho perso i contatti. Posso chiedervi la sua email o dargli la mia?

L'articolo che ho letto e':
http://www.maggiesfarm.it/buccilli.htm
mille grazie in anticipo
Giorgio Buccilli

Ciao Giorgio
non ho - ahimè - l'indirizzo email di Massimo, dunque se ci sta leggendo si faccia vivo e vi metto in contatto.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3357) Caro Michele,
una piccola ricerca su Desolation Row, resa possibile grazie all'immane lavoro fatto da Olof Bjorner -
incrociandolo con quello di Alessandro Cavazzuti - ha rivelato (per me) interessanti sorprese. La prima
è che le esecuzioni dal vivo di questa canzone non sono tantissime. Per molti anni Dylan la ha
completamente esclusa dai concerti. Non ho trovato informazioni chiare circa la prima esecuzione dal
vivo (Olof cita quella di Hartford, Connecticut, nel 1965, ma non so se è la prima). Le versioni
"classiche" ai concerti del 1966 sono 12 (quelle disponibili) ma sicuramente di più quelle effettivamente
eseguite in tutte le date. Dopo di che si salta al 4 febbraio 1974, Saint Louis, Missouri, in versione
acustica (concerto segnalato da Cavazzuti nel libro di Vites). Un altro gran salto al 1987, dove la
ritroviamo il 21 settembre a Copenhagen, il 23 settembre a Helsinki e l'8 ottobre a Bruxelles. Nel 1990
Dylan comincia a reintrodurla regolarmente nei concerti, e la esegue 28 volte (Cavazzuti segnala il
concerto di Toronto del 5 giugno). Nel 1991 viene eseguita 13 volte. Nel 1992 altre 13 volte con la band
e una solo con John Jackson, ma a Melbourne, il 5 aprile, Dylan è sopraffatto dall'emozione, deve
interrompere la canzone e ritirarsi temporaneamente dal palco. Lo stesso accade il 14 aprile a Sidney.
La strofa che viene interrotta è quella su Einstein: "he was famous long ago for playing the electric
violin...". Il 4 maggio la esegue invece senza interruzioni, a San Francisco. Nel 1993 viene eseguita 9
volte, e ugualmente nel 1994 e nel 1995. Tra i concerti del 1995 con Desolation Row, Cavazzuti segnala
quello del 12 marzo a Praga e del 17 dicembre a Philadelphia. Nel 1996 viene eseguita 7 volte e
Cavazzuti segnala in particolare le versioni del 23 aprile a Orono, Maine e quella del 21 giugno a
Utrecht, Olanda, che ritiene la più bella esecuzione in assoluto. Nel 1997 Dylan esegue la canzone la
sera del 5 aprile a Moncton, in New Brunswick (Canada), dedicandola ad Allen Ginsberg con queste
parole "un mio amico se n'è andato, credo stamattina, questa era una delle canzoni preferite dal poeta
Allen Ginsberg". L'unica altra esecuzione del 97 è a Bologna, il 26 settembre. Nel 1998 viene invece
eseguita 15 volte. Cavazzuti segnala il concerto di Birmingham il 24 giugno e quello di Roma, La
Scalinata, il 5 luglio, con particolare riferimento a Desolation Row "interpretata con vero e proprio
furore" (in Vites, p. 351). Del 1999 abbiamo 19 versioni. Nel 2000 Desolation Row entra finalmente a
far parte del repertorio abituale: ne abbiamo 42 versioni. Cavazzuti segnala quella al concerto di
Camden, il 28 luglio, e in generale i concerti di Anahem, Cal. (10 marzo), Ann Arbor, Michigan (5
novembre) e quello al Wembley di Londra del 5 ottobre. Nel 2001 abbiamo 51 esecuzioni dal vivo:
Cavazzuti segnala il concerto di Napoli (26 luglio), del 23 novembre a Portland e di Milwaukee,
Wisconsin del 18 ottobre, con riferimento particolare a una Desolation Row "trascinante" (p. 356). Nel
2002 le esecuzioni di Desolation Row scendono a 10. Mi fermo qui per ora, non ho sottomano
informazioni sulle tournee del 2003 e 2004. Ma torno a pensare, confrontando alcune versioni del 2004,
che sia la musica e sia la voce di Dylan siano molto migliori quest'anno. La voce è modulata, creativa,
non prevedibile. Io preferisco questa voce, anche se è più oscura, cupa e ululata, anche a quella degli
anni '90. La Desolation Row di "unplugged" è sicuramente bellissima: ma tanto quegli assoli di chitarra
di Dylan erano provocatori (e discutibili) tanto questi attuali "colpi di coda" della base pianistica sono
fuori dal comune, e incorniciano gli arabeschi di violino e chitarra elettrica che personalmente trovo
eccezionali. Ma è tutto, ovviamente, questione di gusto. In merito alla recente esecuzione a Denver, c'è
da dire che mancano delle strofe (quella su Einstein!) - in ogni caso, a mio parere almeno musicalmente,
non si può ignorarla. Mi piacerebbe ascoltare la versione preferita da Alessandro Cavazzuti, quella di
Utrecht del 21 giugno 1996: qualcuno di voi ce l'ha? Sarebbe interessante anche rintracciare quella della
crisi a Melbourne (5 apr 1992) e quella dedicata a Ginsberg (Moncton 5 apr. 1997). Se qualcuno
possiede questi concerti vi prego di farmelo sapere. In futuro, se voi della Maggie's Farm siete
daccordo, si potrebbe costruire un "tree" con i concerti che ospitano le versioni più belle di Desolation
Row, che ne dite?
Un saluto affettuoso
Francesco Spagna

Ciao Francesco
e grazie per lo studio... Devi ovviamente scrivere al nostro Carlo "Pig" (o agli altri tenutari del Porcile di Maggie's Farm: http://porcile.tk) per proporre l'idea e anche per trovare le Desolation Row che citi. A me la Desolation Row che piace di più è comunque quella del '66.
Ah, poi c'è la "veramente unica" "Desolation Mc Tell" di qualche tempo fa (6 agosto 2003 se non sbaglio), quella del clamoroso errore di Bob il quale, confondendosi, ha cantato la prima strofa di Desolation Row mentre la band stava suonando Blind Willie McTell (e solo dalla seconda strofa Bob ha cantato la canzone giusta).
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


Ed ecco un'anticipazione sulle recenti performance della nostra Maggie's Farm Southern Band:

3358) Carissimi,

Trovo un minuto per un brevissimo resoconto sulle due serate.

Pozzuoli - 16 giugno 2005

A parte problemi tecnici all'impianto di amplificazione risolti miracolosamente all'ultimo minuto, in uno scenario fantastico (Il "palco" si sporgeva sul Lago D'Averno e litorale Flegreo), si è dipanata la seguente set-list:

My Back Pages
Absolutely Sweet Marie
Tangled Up In Blue
Abandoned Love
Tight Connection to My Heart
Stuck Inside of Mobile (with the Memphis Blues Again)
I Shall Be Released
Leopard Skin Pill-Box Hat
Lay Lady Lay
Hurricane
One More Cup Of Coffee (The Valley Below)
Like A Rolling Stone
All Along The Watchtower
Knockin' on Heaven's Door

Encore

Blowin' in The Wind
Knockin' on Heaven's Door (All together con qualche ospite dal pubblico)

Serata incantata: tutti contenti pubblico, noi della band e gestore del locale.

Campusinfesta - 17 giugno 2005

Ora prevista del nostro set 23:30. Siamo saliti sul palco alle 1:45 !!
Nonostante l'ora impossibile il pubblico appare numerosissimo, il che lascia incredulo anche l'organizzatore.
Soliti problemi (Filippo ha dovuto montare il rullante della batteria, sostituito dal gruppo precedente).
In attesa che si risolvano i problemi della batteria, decido di partire da solo improvvisando:

- Blowin' In the Wind (con tanto di coretti da parte del pubblico...)
- When The Ship Comes In (un paio di strofe e siamo pronti)

Set List

Tight Connection to My Heart
Stuck Inside of Mobile (with the Memphis Blues Again)
Leopard Skin Pill-Box Hat
Hurricane
Like A Rolling Stone

La partecipazione del pubblico è calorosissima. Hanno ballato su tutti i pezzi e cantato in Hurricane, in LARS e ovviamente l'orecchiabilissimo riff "has anybody seen my love.."

Alla fine di LARS, gli uomini del service hanno letteramente "staccato la spina" (erano le 2:20), nonostante le vivacissime richieste di bis/encore da parte del pubblico ancora decisamente numeroso!!!

San Gennaro e Bob hanno fatto come sempre "o' miracolo".

That's all for now.

Appena possibile vi mando un paio di foto di Campusinfesta e forse un video (sia foto che video sono stati ripresi da un cellulare, quindi qualità KO).
Gli organizzatori ci hanno promesso la registrazione "ufficiale" del nostro set. Speriamo bene !

Un abbraccio,

Antonio.

Ciao Antonio,
grazie per il resoconto e ovviamente aspetto le foto KO ma soprattutto la registrazione ufficiale... Cosa non darei per una setlist come quella di Pozzuoli in uno dei prossimi concerti di Bob :o)
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3359) Ciao Michele
ti segnalo un link ad una pagina di amazon che annuncia un concerto di Bob Dylan a Seattle sabato 16 luglio prossimo e che sarà ascoltabile sul loro sito a partire dalle 17.00. E' un concerto per festeggiare i dieci anni di amazon.
Clicca qui
Sai se sarà anche scaricabile?
Delyn

Ciao Delyn,
ho chiesto a Carlo "Pig" che mi scrive: "Il concerto di Amazon (non è chiaro se sarà in video o in audio) credo che sarà disponibile per tutti e basterà andare quel giorno sulla pagina principale di Amazon. Purtroppo non potrò registrarlo, ma vedrai che lo faranno in molti e sarà disponibile sui trade forum pochi giorni dopo".



clicca qui



Clicca qui per leggere i racconti finora pubblicati
Scrivete sempre a spettral@tin.it



E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION