TALKIN' BOB DYLAN BLUES
la posta di Maggie's Farm

Ventiseiesima parte



191) Ciao Michele.
A proposito della lettera 180 (Giovanni), circa le dieci canzoni di Bob da
inserire in una ipotetica antologia della musica del '900, credo che con
questa impostazione "oggettiva" e "storica" il mio elenco finirebbe per
coincidere col tuo. Preferisco invece elencare le mie dieci canzoni
preferite (è un'impresa sovrumana sceglierne solo dieci...):
- Desolation Row
- Shelter From The Storm
- Love Minus Zero / No Limit
- The Lonesome Death Of Hattie Carroll
- It's All Over Now, Baby Blue
- The Ballad Of Frankie Lee And Judas Priest
- Forever Young
- Precious Angel
- Blind Willie McTell
- Tryin' To Get To Heaven

Poi volevo dire ad Anna (183): stai parlando della Tomorrow's A Long Time
che c'è su Great White Wonder vol. 2, vero? E' una versione fantastica, ed è
una sofferenza ascoltarla disturbata dal pubblico, però posso garantirti che
io non c'entro, perché quella sera a Locarno l'ho ascoltata in religioso
silenzio...
Ci ho pensato a lungo (13 anni sono tanti...), ho anche chiesto ad un amico
che era con me, ma escluderei che il piano lo suonasse lui. Se però qualcuno
affermasse il contrario, non riuscirei a smentirlo con decisione...
Ho dei frammenti di ricordo di quella sera che non riesco a ricomporre con
precisione: fece due pezzi meravigliosi, Tomorrow appunto e Frankie Lee and
Judas Priest, e lo rivedo ancora adesso mentre esegue uno di questi due
pezzi, ritto e quasi immobile davanti al microfono con la chitarra in mano
(o senza?) e Benmond Tench al piano, col palco illuminato da una intensa e
suggestiva luce blu, mentre io me ne sto nel mezzo di Piazza Grande sotto
una gelida pioggia autunnale (5 ottobre) evitando di mettermi il cappuccio
del k-way per non compromettere nel modo più assoluto l'ascolto di quel
pezzo fantastico (ma quale dei due?) mentre un mucchio di gente si è
riparata sotto i portici e la piazza presenta desolati squarci vuoti e tutto
sembra così dimesso e poco adatto all'ispirazione, ma evidentemente non per
lui che sta letteralmente facendoci dimenticare la pioggia...
Ecco cosa ricordo. Non è di grande aiuto per la domanda del piano, ma non
riesco a far di meglio. Questo è il mio contributo, qualcun altro può
aiutarci?

Paolo.

PS - Adesso che ci ho pensato a fondo, sarei tentato di dire che la scena
che ho descritto si riferisce a Tomorrow... (mah...)

Ciao Paolo, bene il mistero su chi suonava il piano in quell'occasione si infittisce... Io a naso propenderei per la tesi che non fosse Bob a suonarlo, però la mia è una pura e semplice sensazione... Vedremo... Grazie per il tuo "racconto retroattivo" dal Neverending tour...
A proposito, della tua scaletta di canzoni preferite io ero stato molto molto molto tentato di mettere nelle mia Frankie Lee and Judas Priest, Shelter from the storm e Love minus zero ma come ho poi spiegato avevo inteso il "sondaggio" proposto da Giovanni come relativo alle canzoni che "di diritto" rappresentavano Bob al di là dei gusti. Ovviamente comunque valgono entrambi i discorsi quindi se volete continuate a mandare le vostre liste basate anche solo sui vostri gusti personalissimi. Fra qualche settimana farò una media e pubblicheremo le canzoni più votate...
Michele


192) Grande Michele, grandissimi tu e Andrea (nota di Michele: qui Carlo si riferisce all'incontro mio e di Andygi con Joan Baez che ho raccontato nel dettaglio nella lettera numero 190).
Riguardo all' incontro con Joan... sappi che anch' io sono riuscito ad
abbracciarla...e sì! perchè voi non eravate dei semplici fan in gita, ma gli
autorevoli ambasciatori del seguito entusiasta che i vostri due siti (sempre
più interconnessi) hanno saputo catalizzare; la vostra era una missione!
Mi hanno divertito i tuoi tentativi di parlare francese; ma perchè francese?
forse era il rincoglionimento totale che ti avrebbe fatto tentare una
comunicazione in tedesco in caso di concerto in Germania? lo stesso che in
caso di concerto a S. Pietro davanti al Papa ti avrebbe fatto rispolverare
il latino?
Riguardo la "Like a rolling stone" della puntata di Alcatraz (che è andata
in replica proprio ieri sera), se ho ben capito Antonio si riferisce alla
traduzione della canzone in immagini e non della traduzione del testo che a
volte scorre in sovraimpressione durante le canzoni; anche secondo me la
traduzione è stata "libera", ma questo è dipeso dal fatto che in Alcatraz il
centro non sono le canzoni, ma i sermoni di Jack, cioè le immagini non
devono tradurre la canzone, ma la canzone serve ad esse come commento
ulteriore; se la canzone non è il centro ma uno strumento espressivo insieme
alle immagini e comunque successivo ai sermoni allora le immagini non devono
tradurre la canzone ma è la lettura di questa che deve trovare una chiave
nel sermone precedente e nelle immagini che la accompagnano. Ho notato che
vengono usate le canzoni in modo diverso a seconda del peso che devono avere
nel discorso: quando queste sono il culmine ed il sunto di quanto prima
espresso, molte volte non ci sono immagini ma solo i cantanti come nel caso
di "Blowin in the wind" e "Talkin' about a revolution" e probabilmente non
era la stessa cosa per "Like a rolling stone".
Comunque a volte anch' ho notato delle incongruenze tra la predica di Jack e
la canzone che la segue, ma credo che siano da imputare alla natura
deejayista (scusa il neologismo) dell' autore; la stessa che non ci farà mai
ascoltare "Chimes of freedom" o "It' s allright ma".
Ciao

Ciao Carlo, allora per quanto riguarda l'uso del francese nel parlare con Joan era dovuto solo al fatto che eravamo in Francia e soprattutto perchè Andygi non spiccica una parola di inglese (a differenza di me che me la cavo abbastanza bene) e parla invece benissimo il francese e quindi ha "abbordato" Joan in questa lingua e con questa lingua le abbiamo parlato (Joanie conosce tra l'altro benissimo il francese quindi...).
Io invece credo che Antonio si riferisse proprio alla traduzione in sovraimpressione ma magari mi sbaglio (ehi Antonio, facci sapere... Dov'era l'incongruenza: nei testi o nelle immagini?).



 

193) Ed ora un ringraziamento personale ad Anna che mi ha inviato le fotocopie di un bellissimo servizio su Bob. Grazie Anna anche se mi dispiace averti fatto spendere tutti quei soldi per la spedizione... Vabbè ricambierò appena ce ne sarà l'occasione... A proposito le tue idee per le strips sono in fase di elaborazione e presto apparirà una prima strip inerente la conferenza stampa in cui Bob si stava addormentando (quella di Verona...). Il problema è che non mi vengono molte idee anche se i due spunti sono buoni... Comunque quella che ho finito sulla conferenza stampa di Verona non mi sembra malvagia... Spero...
Michele


194) Ciao Michele
Le Hole sono un gruppo, tutto al femminile (me pare, ma non sono sicuro),
grunge di Seattle. La leader è Courtney Love (Onestamente?!. NA BELLA
GNOCCA), già moglie della buonanima di Kurt Coubain, leader dei Nirvana.
L'indirizzo dove scaricare il pezzo è
http://www.holemusic.com/audio/index.html
La versione è un pò scalcinata, non rispetta ad esempio l'ordine preciso dei
versi, però è molto energica dal punto vista musicale. A me è piaciuta.
INFINE, ROSO DA INVIDIA BENEVOLA, TI FACCIO I COMPLIMENTI PER L'INCONTRO CON LA BAEZ.
CIAO
ANTONIO
NAPOLI 21 LUGLIO 2000

Ciao Antonio e grazie per averci illuminato sulle Hole e per l'indirizzo al quale trovare la loro versione della mitica canzone dylaniana. Ti farò sapere il mio giudizio appena l'avrò ascoltata anche se devo dire che molto raramente ho trovato esaltanti versioni di canzoni di Bob fatte da altri... Anzi a pensarci bene si potrebbe fare in futuro una rubrica in cui segnaliamo (con votazione fatta dai visitatori di Maggie's farm) le dieci (o le venti...) migliori covers di Dylan. Io per esempio non avrei dubbi sulle prime tre (secondo il mio personalissimo gusto ovviamente): Mr. Tambourine Man e Chimes of freedom dei Byrds e North Country Blues di Joan.
Ciao, Napoleon in rags


195) Secondo messaggio personale di Michele: a proposito di Antonio avete letto la nuova strip di Zimmy dal titolo "Immortalità" da poco apparsa nell'apposita sezione?... No? Correte a leggerla allora: il soggetto è proprio di Antonio (tranne una mia battutina, quella della vignetta numero 7).
L'idea di Antonio secondo me è molto bella e, come lui stesso sottolineava, molto "schultziana" (per i due o tre che non lo sanno Schultz è il celebre autore dei "Peanuts").
Ovviamente qui ringrazio pubblicamente Antonio (anzi diciamo Antonio S. per distinguerlo dall'altro nostro amico Antonio G., anch'egli di Napoli se ricordo bene) e lo invito a mandarmi altre sceneggiature (l'invito come sempre è esteso a tutti). Michele


196) Riporto di seguito un articolo che vorrebbe in uscita un nuovo album di studio per Dylan... Sarà vero? Io ci spero ma non ci credo molto (spero ovviamente di essere smentito): nell'articolo si sostiene che l'album uscirebbe il prossimo autunno e che le canzoni sarebbero state registrate nelle stesse sessions di "Things have changed". Vedremo. Napoleon.

UNCUT Magazine July 2000 (p.11) "Bobby come back" (excerpt)

...A new studio album is also scheduled for the autumn. As yet untitled, it is said to have been
recorded at the same sessions which produced the brilliant "Things Have Changed", featured in the
soundtrack of Michael Douglas' new film, The Wonder Boys. The track will be released as a
single in September to coincide with the film's British opening. Dylan has also delivered to his
record label Columbia eight previously unreleased live tracks recorded between 1997 and 1999 to
be used as B-sides. The label may release the single in several versions supported by different live
tracks. There is also a video to accompany the single, which features both Dylan and Michael
Douglas.

Meanwhile, HBO is recording an hour-long Dylan TV Special, said to include both music and
"comedy." The film is to be produced by Larry Charles of Mad About You and Seinfeld fame.



 

197) Se non ricordo male qualcuno che frequenta Talkin' Bob Dylan era stato al
concerto di Dylan del 24 maggio. Da questo indirizzo è scaricabile il
concerto in mp3:
http://members.fortunecity.com/mattreading/
Io ho scaricato solo mezza canzone e la qualità della registrazione non è
ottima, ma per chi era lì le cose cambiano.
Ciao, Carlo

OK Carlo, grazie come sempre per le preziose segnalazioni (mi sorge però un dubbio: non è che hai trovato il sistema per "dilatare" il tempo?... Voglio dire tipo: passare un'ora effettiva davanti al computer ma fare in modo che per te ne passino 24?... Non vedo altra soluzione all'incredibile mole di materiale che scovi dovunque... O magari sei solo bravo e non fai altro che evidenziare la mia nota "imbranataggine" in cose internettiane (a proposito ho sentito che chiuderanno Napster perchè ritenuto illegale... Sigh... Proprio ora che cominciavo a capire come funzionava...).
Michele "Napoleon in rags"

Chiunque voglia replicare alle discussioni può inviare una e mail al seguente indirizzo: spettral@tin.it
 
 

MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------