parte 256
Lunedì 28 Marzo 2005


3196) Anna "Duck" mi segnala questa notizia relativa al prossimo film di Todd Haynes dedicato alla vita di Bob Dylan e di cui un piccolo estratto avevamo pubblicato qualche giorno fa. Ecco la notizia per intero preceduta da una mia traduzione.
Michele "Napoleon in rags"

Bob Dylan sarà interpretato da sei uomini - ed una donna - in un film
John Harlow
L'ENIGMATICO cantante Bob Dylan ha dato finalmente il permesso ad uno studio di Hollywood di realizzare un film sulla sua vita. Dylan sarà interpretato da sette attori - uno dei quali è una donna di colore.
Todd Haynes, il regista candidato agli Oscar, ha confermato la scorsa settimana che sta cercando una donna che possa rendere giustizia alla "parte nera" del cantante Ebreo.
I sette attori interpreteranno Dylan durante diversi periodi della sua carriera che dura da 43 anni, a partire dagli anni Sessanta quando la sua canzone The Times They Are A-Changin' divenne un inno contro la guerra.
E' una tradizione nel cinema che più attori interpretino la vita di un personaggio, ma più raro è il fatto che essi cambino sesso o razza. Haynes sta selezionando le attrici, dalla cantante pop Beyoncè Knowles alla campionessa di tennis Venus Williams, alla star televisiva Oprah Winfrey.
Haynes ha costruito la sua reputazione sulla sua capacità di essere differente: il suo primo film, sulla vita della cantante anoressica Karen Carpenter, aveva un cast di "Barbie dolls".
E' diventato famoso con "Velvet Goldmine", in cui Ewan McGregor ha interpretato la parte di un cantante rock omosessuale, prima di ricevere la candidatura all'Oscar per il suo film del 2002 "Far from Heaven".
La scorsa settimana il 44enne regista ha dichiarato che Dylan è "troppo complesso" per essere interpretato da un attore convenzionale.
Haynes ha detto che Dylan, il quale ha rifiutato molte altre offerte, ha approvato questo progetto per il suo cast non convenzionale. Il film avrà un costo di 30 milioni di sterline e sarà distribuito il prossimo anno con il titolo "I’m Not There: Suppositions on a Film Concerning Dylan".
I produttori della Paramount non sono totalmente convinti. Uno dei membri della produzione ha dichiarato: "Dylan ha sempre riconosciuto il proprio debito nei confronti del blues e del gospel, ma i critici potrebbero dire che esistono altre vie per celebrare il retaggio musicale Afro-Americano. Comunque Todd è un regista serio e siamo fiduciosi che tratterà la cosa con rispetto. Speriamo."

Bob Dylan to be played by six men – and one woman – in film
John Harlow
THE ENIGMATIC singer Bob Dylan has finally given permission to a Hollywood studio to make a film about his life. He will be portrayed by seven actors — one of them a black woman.
Todd Haynes, the Oscar-nominated director, confirmed last week that he is searching for a woman who can do justice to the short white Jewish singer’s “inner blackness”.
The seven will play Dylan during different eras in his 43-year career, starting in the 1960s when his song The Times They Are A-Changin’ became an anti-war anthem.
It is traditional in films spanning a lifetime for characters to be played by more than one actor, but rarer for them to change sex or race. Haynes is considering actresses ranging from the pop singer Beyoncé Knowles to the tennis champion Venus Williams and the television presenter Oprah Winfrey.
Haynes has built his reputation on being different: his first film, about the life of the anorexic singer Karen Carpenter, had a cast of Barbie dolls.
He made his name with Velvet Goldmine, in which Ewan McGregor played a gender-bending rocker, before going on to receive an Oscar nomination for screenwriting for his 2002 film Far from Heaven.
Last week the 44-year-old director said Dylan was “too complex” to be played by a conventional actor.
He said that Dylan, who has rejected many other offers, had approved this project because of its unconventional casting. Costing £30m, the film is due for release next year under the title I’m Not There: Suppositions on a Film Concerning Dylan.
Paramount, the producers, are not totally convinced. An executive said: “Dylan has always acknowledged his debt to blues and gospel, but critics may say there are other ways of celebrating the African-American musical heritage. Todd is, however, a serious film maker and we are confident that he will treat it all with respect. We hope.”


3197) ciao a tutti.
una piccola e non presuntuosa precisazione: la foto nella scorsa talkin' mi pare non ritrarre Buddy Guy (insieme a Clapton e Robbie Robertson) ma piuttosto Bo Diddley, che infatti usava chitarre dalla strana forma quadrata.

Avanzo invece una domanda: nella biografia dylaniana di Antony Scaduto si afferma qualcosa come "all'epoca Dylan la musica non la sapeva nemmeno leggere".
Ciò sembrerebbe sottintendere che un bel giorno il nostro si sia messo a studiare musica in modo canonico... sinceramente ho i miei dubbi, voi ne sapete qualcosa?

Aggiungo poi una curiosità circa la versione live del 1995 (unplugged) di "Shooting star": il brano è in tonalità di mi maggiore, non è un brano blues e quindi la "settima" dovrebbe essere re diesis (intendo dire: la settima nota della scala maggiore). Bob - a un certo punto - suona invece con l'armonica un "netto" re naturale.
La mia impressione è che Dylan abbia suonato quella nota per sbaglio (probabilmente ha voluto usare un'armonica in la maggiore per dare al suo "solo" una cadenza blues, intendendo però al principio (a mio parere) evitare quel re naturale. (è tipico infatti del blues suonare l'armonica in una tonalità diversa da quella della canzone, per sfruttare quella nota di "settima" che fa la differenza tra la scala maggiore "in quanto tale" e la scala blues).
Una volta suonata la nota incriminata (ammesso che non fosse intenzionale fin dal principio, cosa sulla quale mi sento abbastanza sicuro) il nostro dimostra però il suo genio: la ribadisce in continuazione, per renderla "caratteristica" e non "errore". E come per dire "guardate che l'ho fatto apposta" (....)
Per i non-musicisti preciso che si tratta della nota di armonica più acuta che Dylan suona in quel brano.
Se non risultasse chiaro di che nota si tratta, interverrò la prossima volta precisando il minuto e secondo in cui avviene il misfatto..... ora mi trovo fuori casa!
ciao, e complimenti per il bellissimo sito.
walter

Ciao Walter,
mi sento di condividere la tua tesi anche perchè non è inusuale che Dylan trasformi un errore in una invenzione, stridente col resto della canzone ma proprio per questo estremamente caratterizzante.
Per quanto riguarda il discorso relativo a Bo Diddley sicuramente Sal "Eagle", che ha inviato quella mail con relativa foto, leggerà la tua osservazione e preciserà se errore c'è stato e la fonte da cui ha tratto quella didascalia che identifica il personaggio con Buddy Guy. Facci sapere Sal...
Sulla frase di Scaduto relativa alla capacità di Dylan di saper leggere la musica non sono sicuro, però da qualche parte avevo letto che se inizialmente egli non ne era capace in seguito ha "studiato". Ma non ci metterei la mano sul fuoco. Qualcuno ha letto qualcosa al riguardo? Fateci sapere...
Ciao e grazie per i complimenti.
Michele "Napoleon in rags"


3198) Ciao Michele, guarda un po' cosa abbiamo qui...

L'ho trovata la settimana scorsa su un sito spagnolo (credo), e mi pare di non averla ancora vista...

Che ne pensi?? E tu Elio, che dici? Secondo me è semplicemente FANTASTICA!!!

A presto,
Stefano "Red Lynx"

PS1: just another thing! Come ho accennato in altre occasioni, essendo da un po' di tempo (due anni) membro di una associazione studentesca internazionale, sono costantemente in contatto con numerosi amici/che non italiani.

Attualmente la persona con cui mi sento più spesso è una ragazza ungherese che studia (beata lei!) a Parigi.

Anche a lei (come naturalmente a tanti altri e [soprattutto] altre:)) mando spesso delle liriche del Nostro!

Questo è quello che mi ha scritto la ragazza in questione dopo l'ultima canzone (si trattava, nella fattispecie, di I WANT YOU) che le ho mandato...

Selon "stebob@libero.it" <stebob@libero.it>:

Stef,
this Bob Dylan was such a GENIUS!!! Not only in literature terms, but also a PSYCHIC!!!!!!! He has a song for each mood of mine!!!!!! And all this: DECADES AGO!!!!!
:)
Sophie

Insomma, che altro aggiungere?? Se non che mi sto ormai definitivamente convincendo (se mai ce ne fosse ancora bisogno) che Bob è veramente il più GRANDE di tutti:)))

PS2: per la cronaca, questo era quello che precedentemente le avevo scritto io:)

Hi! Happy to hear you've enjoyed "I WANT YOU". It's, in my opinion, one of the most beautiful lovesongs (the best, maybe...) of Bob Dylan and I like it really so much:) These lyrics are simply great and incredible...yes, really great and incredible...

Kiss,
Stef

A presto,
Stefano "Red Lynx"

Ciao Stefano
in effetti è una foto molto bella. E non mi sembra che sia nella Elio Rooster's Top Ten
(magari la inserirà nelle prossime pagine). Tra l'altro hai notato che, quasi sicuramente in maniera involontaria, c'è una sorta di richiamo tra il fregio sul vetro della finestra alle spalle di Bob ed il motivo sul suo gilet? :o)
Dal look mi sembra una foto del 1977 o giù di lì... Chi sa l'anno esatto? Fateci sapere... grazie.
Per quanto riguarda il resto traduco per i non anglofili la risposta di Sophie e la lettera di Stefano:
Stef,
questo Bob Dylan è un tale GENIO!!! Non solo in termini letterari, ma anche in termini di PSICOLOGIA!!!!!!! Ha una canzone per ogni mio stato d'animo!!!!!! E tutto questo: DECADI FA!!!!!
:)
Sophie

Ciao! Sono felice di sentire che ti è piaciuta "I WANT YOU". Secondo me è una delle più belle canzoni d'amore (la migliore, forse) di Bob Dylan e mi piace davvero tantissimo:) Queste parole sono semplicemente grandi ed incredibili... sì, davvero grandi ed incredibili...
Baci,
Stef

Ciao e alla prossima
Michele "Napoleon in rags"
ps: prova a chiedere a Sophie se in Ungheria si trovano i dischi di Bob...


3199) Ciao e complimenti per il sito che trovo veramente eccezionale soprattutto per la sua completezza.

Ecco in elenco i miei album preferiti (per le canzoni ci penserò più avanti....) :

1 BLONDE ON BLONDE
2 BLOOD ON THE TRACKS
3 INFIDELS
4 OH MERCY
5 TIME OUT OF MIND
6 HIGHWAY 61 REVISITED
7 STREET LEGAL
8 DESIRE
9 SLOW TRAIN COMING
10 SAVED

senza firma

Ciao.
Grazie per la partecipazione e alla prossima.
Michele "Napoleon in rags"


3200) offro disco originale "THE FREEWHEELIN" del 63 tenuto bene
svarup@libero.it


3201) Ciao a tutti e Buona Pasqua e forza Bob naturalmente. Una domanda: in quel di Brandizzo e dintorni tra i quali Torino ho girato tutte le edicole/giornalai/librerie ma non si trova JAM CON IL DVD il nuovo trimestrale e' possibile? Ho iniziato a cercarlo sin da febbraio poi da dopo la presentazione a Milano ma inutilmente. Se gentilmente mi potete aiutare grazie di cuore salutissimi da severino 55

Ciao Severino
potrebbe essere un buon segno nel senso che è andato a ruba. Ad ogni modo ti consiglio di scrivere direttamente a Jam a questo indirizzo e segnalare a loro la cosa: redazione@jamonline.it
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


La volta scorsa avevo dato una brutta notizia :o) all'amico Giorgio che era con me, Anna, Beni e compagnia a Milano alla Fnac e che durante la cena al ristorante aveva scommesso con il sottoscritto a proposito di una presunta versione di Chimes of Freedom in duetto tra Dylan e Joan Baez... Io sostenevo che non era possibile e che probabilmente Giorgio parlava di una versione di quel brano cantata da Dylan con Joan Osborne. Ho vinto la scommessa perchè si trattava effettivamente  della nuova versione di Chimes Of Freedom che Dylan registrò insieme a Joan Osborne nell'ottobre del 1998 per la colonna sonora della miniserie TV "The 60s". A tal proposito Giorgio mi scrive quanto segue:

3202) Caro Michele
riconosco di aver perso la scommessa e che sei qualcosa di più di una enciclopedia! Ma sei sicuro della data '98? Dalla voce e dal sound l'avrei inquadrato tra l'87 e l'89 e comunque prima del NET. Inutile dire che mi piacerebbe rintracciare la miniserie TV. Invitate d'obbligo alla luculliana cena le mitiche Anna e Beni, che, dopo quella sera, mi ha piacevolmente inondato di W.Guthrie: ma su questo campo ti spero impreparato!

Giorgio

Ciao Giorgio
la data è sicuramente 1998. E' stata registrata il 31 ottobre di quell'anno in uno studio non identificato a New York. La session vide Bob Dylan affiancare Joan Osborne oltre che nel duetto di "Chimes Of Freedom" anche in altre due canzoni: "A Hard Rain's A-Gonna Fall" e "Forever Young". La serie TV è andata in onda l'anno successivo e la soundtrack è stata messa in vendita il 25 gennaio 1999. Sembra che fu Bob in persona a chiedere a Joan se voleva registrare con lui quella canzone.
Su Amazon si può ordinare. Clicca qui
Se ti interessano ecco le altre tracce presenti sul disco:
1. Chimes of Freedom - Bob Dylan
2. Weight - The Band
3. Do You Believe in Magic? - The Lovin' Spoonful
4. Do Wah Diddy Diddy - Manfred Mann
5. Can I Get a Witness - Marvin Gaye
6. My Boyfriend's Back - The Angels
7. Don't Worry Baby - The Beach Boys
8. My Girl - The Temptations
9. Sunshine of Your Love - Cream
10. Draft Morning - The Byrds
11. Somebody to Love - Jefferson Airplane
12. Feelin' Alright - Traffic
13. Say It Loud (I'm Black and I'm Proud), Pt. 1 - James Brown
14. Winds of Change - The Animals
15. Chicago/We Can Change the World - Graham Nash
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3203) Ciao Michele
belle le foto di Milano, ti sono testimone che hai vinto la scommessa su Chimes of freedom e soprattutto, in attesa di un po' di musica dal nostro, auguri di Buona Pasqua a te e a tutti gli animali della fattoria
Alexan wolf

Ciao Alexan
grazie di tutto ed in effetti la scommessa l'hai vinta un po' anche tu che quella sera propendevi per me più che per Giorgio... ma è chiaro che eri consapevole della mia picodellamirandoliana conoscenza dylaniana :o))))
Auguri posticipati anche a te e a tutti quelli che mi hanno inviato gli auguri in questi giorni. Grazie a tutti!
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3204) Caro Michele, ti invio (come da promessa) l'articolo di Piero Sansonetti ("l'Unità" del 27 giugno 2004) sulla vicenda di Emmett Till. Se non ci saranno problemi spero sia possibile pubblicarlo sulle pagine di Maggiesfarm, l'ho trovato molto bello e interessante. L'ho ritrascritto su Word (scannerizzarlo era impossibile!) e purtroppo è manchevole della piccola introduzione che si trovava nella prima pagina del giornale, ricordo che era veramente molto breve e quindi la sostanza non rimane intaccata.
Altra richiesta (se possibile): si potrebbe integrare con le foto (che ho trovato in internet e che ti invio con la successiva mail) che illustrano quasi tutti i personaggi della vicenda?
A presto, Simone.

Ciao Simone
tutto fatto un paio di giorni fa. Grazie infinite. Chi non ha letto l'articolo vada qui che è molto interessante.
Ciao e alla prossima
Michele "Napoleon in rags"


3205) Ciao, Michele
ti mando questa immagine di Bob, che trovo molto bella, come biglietto di auguri pasquali per tutta MF.
Un particolare ringraziamento e augurio ai nostri "benefattori" dei TREE.
Giorgio

Ciao Giorgio
accidenti! Grandissima foto... Non la conoscevo, grazie! Eccola qui sotto.
Alla prossima
Michele "Napoleon in rags"


3206) Ciao Michele,
ti scrivo per un'idea che mi è saltata in mente.
Mi sembra di ricordare che una frequentatrice del sito, Ilaria, sia amica o almeno conoscente di Larry Campbell. Se non sbaglio c'è anche qualche foto in cui sono ritratti assieme.
Mi chiedevo se con questo "aggancio" fosse possibile tentare un'intervista, ad esempio via mail, vista la sua recente uscita dalla band. Sarebbe carino chiedergli qualche curiosità, dato che di concerti ne ha fatti con Bob...!
Io qualche idea per eventuali domande già ce l'ho. Vaglia tu se la cosa èfattibile.
Grazie in anticipo,
Daniele

Ciao Daniele
in effetti sono anni che ci proviamo in qualche modo. Speriamo che Ila, che sicuramente leggerà queste righe, prima o poi ci riesca... Magari ora che non fa più parte della band di Bob, Larry potrebbe in teoria essere più libero di parlare... Credo che finchè ha lavorato per Bob era praticamente impossibile strappargli qualcosa... Vedremo... Altrimenti l'unica possibilità di avere un'intervista con un musicista della band di Dylan sarà tra qualche anno quando il nostro Leonardo Lion della MFSB ne entrerà a far parte... :o)
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3207) Ciao, sono Riccardo Venturi, amministratore del sito "Canzoni Contro la Guerra" (dove è ospitata una ricca sezione su Bob Dylan con traduzioni delle sue canzoni in moltissime lingue e dialetti; diverse traduzioni e versioni sono peraltro state riprese da Maggie's Farm, ampiamente citato).
Se vi interessa, vi mando una versione in livornese (mio dialetto nativo) di "Masters of War"...un po' particolare (come scoprirete). Se volete potete inserirla nella pagina "Dylan in vernacolo" !

Saluti carissimi e complimenti ancora per il vostro meraviglioso sito.

Riccardo Venturi.

Ciao Riccardo
grazie. Eccola qui sotto. E' bellissima. La inserirò nella nostra pagina. Me la vedo recitata da quell'attore di Ovosodo di cui mi sfugge il nome al momento... Mi sembra fosse livornese... Me la vedo un po' meno invece recitata da Ciampi :o)
Ciao
Michele

*
<>
BUDIÙLO
(Masterz o’uòr)

Versione livornese di Riccardo Venturi

28 marzo 2005

Dé, venite ‘n po’ vì, budiùlo merdosi
voi lì, che fate tutte ‘vell’armi
e l’aroprani pe’ bombardà e ammazzà’,
e bombe grosse ‘ome casamenti
voi lì, che v’intanate dietr’ a’ muri
e che v’impiattate dietr’ar mobile
voglio divvi una ‘osa sulla ghigna:
io lo so, cosa ciavète ner capo.

Voi lì, che state lì a ‘un fa’ mai un cazzo
a parte ‘ostruì pe’ poi buttà’ giù
dé, state a gioicchià cor mondo
‘ome fosse un balocchino
mi date ir fucile e mi dite: dé chiàppalo!
E poi v’impiattate pe’ ‘un fàvvi vedé’
e vi girate, e poi giù via alla gamba
quando attaccano a sparà’

Come una vorta Giuda ir traditore
‘un fate ‘e imbroglià e di’ cazzate,
tipo si pole vìnce’ la ‘verra mondiale,
oh, e poi volete anco ‘e ci creda!
Saòsa? ‘Un mi pigliate pe’ r culo!
Ché io lo so, cosa ciavète ner capo,
come vedo ‘e ir mare è bagnato
e che ir pesce mòre se lo tiri fòri.

Voi lì! Dé ‘un sapete fa’ artro
‘e dìcci d’armàcci e partì!
E poi vi mettete a sedé’,
e quando mòre sempre più gente
v’impiattate ner palazzo
quando ir sangue de’ bimbi
ni ‘ola fori dar corpo
e affoga nella mota.

E lì a seminà la peggio paura
che si pole prénde’ e mètte’ ‘n giro
‘vella di mètte’ bimbi ar mondo!
No, se fate male ar mi’ bimbo
che deve nàsce’ e ‘unn’ha nome,
io vi sbudello, vi piglio ir sangue
e lo do da bé’ ar maiale.

Dé, mi dite ‘e un so un cazzo
e che devo stà’ zitto e muto?
Dé, mi dite ‘e sò’ troppo giovane
e che della vita ‘un so nulla?
Ma io vi cào ner muso!
Sì, so’ giovane, e allora?
Manco Cristo vi potrebbe
perdonà quer che fate.

E ora vi fo una domanda:
Che ci fate ‘o’ vaìni?
Vi ci ‘omprate ir perdono,
Credete ‘e sò’ boni?
Saòsa vi ci ‘omprerete
prima d’andà’ ar creatore?
Co’ tutti i vostri vaìni
L’anima ‘un ci si ‘ompra.

E spero ‘e stiantàte,
‘e stiantàte stanotte!
Dé, poi vengo ar trasporto
anco se ir tempo fa caà.
E la ‘assa da morto
la voglio vedé’ calà’,
poi stò lì’ finché i vermi
vi vèngan’ a sporpà’.


3208) Ciao ragazzi,

ho una libreria di musica a Torino e in un magazzino di un distributore ho scovato 4 copie (di cui 3 incellophanate perfettamente!) di un testo con copertina rigida su Dylan del 1978 (tradotto in italiano da Sonzogno nell'80), il cui titolo è:
Bob Dylan, Profeta, poeta, musicista e mito. Testo di Alan Rinzler e design di Jon Goodchild.

Il prezzo è di Euro 6,71.

Se qualcuno è interessato può chiamarmi ai numeri sottostanti.

Grazie e buon lavoro.

Fabrizio Demarie

Scritti sulla Musica
Libreria di spartiti e testi musicali
Via Ugo Foscolo 11/B
10126 Torino
Tel. e fax: 011/655951
E-mail: info@scrittisullamusica.it
Sito internet: http://www.scrittisullamusica.it


3209) Ciao Michele,
mi ero scordato di chiederti se esiste (in rete) la trascrizione della sceneggiatura di Renaldo & Clara (come era apparsa per Masked and Anonymous alla sua uscita).
Francesco "Tiger"

Ciao Francesco.
Non saprei in effetti se esiste una trascrizione integrale di Renaldo & Clara. Qualcuno lo sa? Mi faccia sapere...
Di Masked & Anonymous ricordo che c'erano in rete i dialoghi originali previsti dalla sceneggiatura e che probabilmente differivano da quelli effettivamente ascoltati nel film. Anche qui se qualcuno sa dove reperirli mi faccia sapere. Grazie.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"



clicca qui



Clicca qui per leggere i racconti finora pubblicati
Scrivete sempre a spettral@tin.it



E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION