parte 243
Lunedì 27 Dicembre 2004


2999) In apertura di questa puntata della Talkin' rinnovo l'invito a venire a Napoli dove io e la "ciurma" di Maggie's Farm presenteremo "Chronicles", l'autobiografia di Bob Dylan, presso la libreria Feltrinelli.
Il nostro intervento di Napoli fara' parte di un vero e proprio Dylan Day delle librerie Feltrinelli ed in
contemporanea ci sara' una presentazione a Roma con Giancarlo Susanna e a Milano in Piazza
Piemonte con Alessandro Carrera, Riccardo Bertoncelli e la probabile partecipazione di Andrea De
Carlo.
Dunque ricordate: 13 Gennaio - Napoli - Libreria Feltrinelli Libri e Musica - Via S. Caterina a Chiaia 23 (piazza dei Martiri) - Ore 18.30
Michele Murino


3000) Ciao Michele,
sto cercando disperatamente la traduzione della conferenza stampa di Dylan a San Francisco del 1965.
Puoi darmi un mano?

Un augurio di buone feste
a presto Tino

Ciao Tino
qualcuno per caso ne ha una trascrizione in inglese? Se me la fa avere la traduco per MF. Non so se esiste da qualche parte... Fatemi sapere, grazie.
Buone feste anche a te
Michele "Napoleon in rags"


3001) Ciao Michele, ho visto il sito dedicato a Ivan Graziani e mi piace molto. Pur non conoscendo benissimo la sua discografia, credo anch'io che si tratti di un artista un po' sottovalutato e quindi mi fa piacere che ogni tanto se ne torni a parlare. Dubito che potrò esserti d'aiuto per questo nuovo sito, ma sicuramente mi sarà utile per approfondire la conoscenza di un artista che conosco molto poco.

Ancora tanti auguroni, e a risentirci dopo le feste!!
Stefano "Red Lynx"

PS: io (seguendo il tuo consiglio) un regalo "dylaniano" me lo sono già fatto! Mi è arrivato proprio ieri
mattina da Top Ten il DVD "World Tour 1966", quello curato da Mickey Jones. Per ora ne ho visto solo
un pezzetto (ieri notte) e mi sembra carino. The only problem è che non avendo i sottotitoli in italiano it's
a bit "complicated" da seguire... considera poi che (avendo fatto alle medie e al liceo francese) io
l'inglese (come anche lo spagnolo) lo sto "studiando" solo in questi ultimi anni by myself... I mean,
questo Mister Jones parlerà anche piano (come dice la "Hamster"), ma seguirlo nei suoi racconti è
davvero difficoltoso... beh, se non altro sarà un buon sistema per esercitarsi!!

Ciao Stefano
mi fa piacere che ti sia piaciuto "Ivangarage"... spero nel mio piccolo di contribuire a far conoscere uno
dei miei artisti preferiti e che secondo me merita di essere ricordato molto più di quanto avviene
attualmente.
Sul video di Mickey Jones: io non l'ho mai trovato particolarmente essenziale (sinceramente a me quelle
operazioni sembrano un po' "forzate") comunque può servire di complemento ai vari Don't look back e
Eat the document.
Ciao e auguri anche a te!
Michele "Napoleon in rags"


3002) Dopo una lunga ricerca sulla rete sono riuscito a trovare Blonde on Blonde cd in simil vinile.
Da quello che ho capito si tratta di una nuova veste grafica a cui non corrisponde alcuna novità dal
punto di vista musicale.
Lo si può vedere e comprare su Amazon cliccando qui.

Allego comunque una foto

Ciao !

Fernando

Ciao Fernando
grazie per la segnalazione!
Michele "Napoleon in rags"

3003) Auguri di Buon Natale e Buon Anno a tutti gli amici della Fattoria.
Massimo

Ciao Massimo.
Ricambio.
Michele "Napoleon in rags"


3004) Ciao a tutti, visto che la Lince mi chiama così in causa vedo di dare qualche ragguaglio delle mie
"opinabilissime" opinioni (e xchè, quelle espresse da altri non sono forse opinabili?). ma veniamo al
dunque. mi si rimprovera di parlare di MYFML e poi finire a down in the groove etc. Beh, al di là del
fatto che questo l'ha fatto Michele qual è il problema? Non ho mica paragonato "apples & oranges",
trattasi o no di cose afferenti lo stesso sistema comunicativo, sono entrambi dischi o uno è un'astronave
e l'altro un cammello? Ho detto semplicemente che la canzone citata è assai penosa, come penosi sono
la stragrande maggioranza dei dischi di dylan degli anni 80. si può dirlo e pensarlo? Certo, visto che lo
stesso autore ne dà un giudizio assai duro. Tra l'altro se si esclude la cerchia più stretta, lo zoccolo duro
dei fans quei dischi sono unanimemente visti come pallide cosette, memorie lontane di una luce che. Ti
ricordo che all'epoca l'uomo era assai confuso, per sua stessa ammissione, e mooooolto incerto sulle sue
potenzialità come autore. Non a caso dopo il lampo di Oh mercy ci sono voluti anni per cavargli
qualcosa di autografo degno di essere ascoltato, a meno che tu non consideri sublimi esempi d'arte
quelle rimasticature musicali di Under a Red Sky. Ti ricordo che quegli amabili dischi anni 80
contenevano una perla l'uno (+ o -, e quando andava bene tipo infidels ce n'erano almeno due-tre) e per
il resto... fillers, riempitivi per onorare il contratto, covers qua e là per arrivare a riempire due facciate...
per non parlare di come erano prodotti!

Poi mi si dice praticamente come faccio a porre in discussione pagine d'amore come I'll be your baby
tonight (è una delle mie preferite!) la citata make you feel... e moonlight. Ribadisco, non si può? Se
permetti il mio senso critico mi fa porre in discussione soprattutto me stesso e figuriamoci se non si
possono discutere le canzoni o le canzonette. Del resto quale è l'argomentazione finale e conclusiva a
favore di MYFML? " A me piace", beh mi sembra un po' pochino, non posso dire che a me non piace?
Al di là di questo il giudizio che do di quei dischi di Dylan, del quale sono "innamorato" da quasi
trent'anni (la mia più lunga relazione.) rimane quello già espresso. Ti faccio un esempio per spiegare il
mio modo di valutare certi dischi ricorrendo ad un esempio "neutro" in quanto non riguarda dylan. Bene,
io amo nello stesso modo i Dead (eh, sono bigamo.) che come è noto hanno sempre diviso critica e
pubblico. Ho centinaia di concerti, la serie DP completa ecc. insomma sono un vero fan.. ma se mi si
chiede un parere critico io consiglio solo Live/Dead, quello è il loro unico disco che è imprescindibile in
prospettiva storica per capire l'evoluzione del rock. Certo me ne piacciono anche altri, forse addirittura li
preferisco a Live/Dead, ma in prospettiva è l'unico disco che consegna i Dead alla storia della musica.
Potrei aggiungere forse Workingman's dead ma poi basta. Se giudicassi in termini di "stellette" la loro
abnorme produzione live post Garcia dovrei dividere la cosa in due, la colonna per il conoscitore e l'altra
per il neofita, non consiglierei mai l'acquisto in blocco della produzione live (che pure di gioielli ne
contiene a bizzeffe) mentre sconsiglierei vivamente l'intera produzione in studio post 1970, guarda un po'
come la penso.

Quanto al discorso sulla produzione live di Dylan hai ragione tu, perché nella foga mi sono dimenticato i
volumi 4 & 5 delle bootleg series (il 6 per me è noiosetto.) ma confermo il giudizio negativo su hard rain,
before the flood , budokan, l'orrido real live ed il tremendo D&D una delle delusioni più cocenti della
mia vita musicale (i miei due artisti preferiti che fanno uno dei dischi più schifosi a memoria d'uomo! Li
avrei strozzati con le mie mani!) per non parlare poi delle operazioni riempiportafoglio
(o svuotaportafoglio a seconda del punto di vista) come quelle fritture miste uscite poco tempo fa sul
mercato giapponese.

Un saluto a tutti e buone feste

fra

Ciao Fra,
grazie per il tuo contributo al dibattito.
A propostito delle operazioni svuotaportafoglio voglio segnalare questa bellissima strip di Carlo "Pig" che
è molto illuminante (per chi non l'ha letta illo tempore). Zimmy 112: Compilation
Buone feste anche a te.
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


3005) Ciao a tutti i curatori della Fattoria. Complimenti per il sito: con i motori di ricerca, e con la mia
personale interpretazione dei risultati, non ho mai trovato un sito in lingua inglese dedicato a Bob Dylan
che sia così curato e preciso nelle informazioni e così ricco di rubriche come Maggie's Farm. Meglio
per noi. Non sempre gli americani hanno di più o di meglio. Vi scrivo per sapere se esistono edizioni
cartacee ufficiali con le traduzioni italiane dei testi dylaniani posteriori al 1985. Sono ancora aggiornato
al 1993, quando l'Arcana aveva buttato fuori il terzo quaderno della serie mr.tambourine.
Mi farebbe piacere occupare il posto che avevo lasciato vuoto sullo scaffale per un eventuale quarto
volume anche perchè l'unico altro libro dello stesso formato e con lo stesso spessore che ho a
disposizione è "Memorie di un meccanico" del quale non cito l'autore. Non mi sembra il caso di
accostarlo ai tre quaderni con i Suoi testi. A parte gli scherzi, se sapete che esiste qualcosa di trovabile
vi prego di comunicarmelo, pubblicando la risposta nel talkin' o anche no (mi va bene anche nella mia
casella di posta).
In attesa di un vostro segno vi saluto e auguro buone feste a tutti voi,

Piercle (the man in the long black KILT)

Ciao Piercle,
non esiste ancora ma presto esisterà, nel senso che sarà pubblicata da Feltrinelli l'opera omnia dei testi ufficiali di Dylan con traduzione di Alessandro Carrera. Non si sa esattamente la data, per il momento.
Ciao e grazie per i complimenti.
Buone feste anche a te.
Michele "Napoleon in rags"
ps: naturalmente puoi anche consultare la nostra paginona qui


3006) Ciao Michele
mi sembra che questo 2004 abbia registrato un crescendo dal punto di vista dell'attualità dylaniana

nonostante questo vedo che sul sito riesci a continuare ad inserire anche chicche dal passato (grandiosa
l'intervista di cynthia)

che dire?

l'intervista CBS mi sembra rientri in un progetto

a mio parere si è trattato di uno dei momenti nei quali è stato un po' più tangibile l'aspetto 'costruzione
del proprio mito' che da qualche anno in qua mi pare di avvertire nelle iniziative di Bob

come per Pasolini - che comunque ne aveva una consapevolezza razionale (la televisione mercifica
tutto / quando una cosa viene detta in televisione si fa merce) - il medium televisivo non sembra molto
congeniale a Bob (la cui consapevolezza mi sembra molto più istintiva, e che comunque è sempre in
grado, almeno in parte, . se non di piegare i media ai suoi fini . di manipolarli in modo di non essere
piegato lui ai fini dei media)

il libro è fresco . l'uso del linguaggio è una boccata d'ossigeno per la sua semplicità 'narrativa' (anche in
presenza di espressioni . complicate . si potrebbe parlare di . oralità - non riesco a spiegarmi meglio)

lo invidio per come sia riuscito in tutti questi anni a mantenersi così limpido rispetto alla melassa di
stereotipi linguistici nella quale siamo immersi - evidentemente lui parla anche così . e pensa anche così
- e tutto ciò in una persona che sotto ogni evidenza deve aver letto tantissimo

ma è evidentemente la musica, il palcoscenico, il luogo dove è al suo massimo

il palcoscenico più di tutto

a questo proposito prima o poi proverò a scrivere qualcosa sulla questione 'dischi belli e dischi brutti'
(stavo per scrivere dischi belli e dischi meno belli, ma la questione è proprio questa: anche i dischi meno
riusciti hanno delle belle canzoni o, comunque, delle canzoni non gratuite, canzoni che hanno sempre un
senso) - saved è paradigmatico in questo senso: secondo me saved come disco è un brutto disco, oltre
tutto mal prodotto . dopodiché ne apprezzo praticamente tutte le canzoni . e penso che per seguire la
vita di Dylan sia importante né più né meno degli altri . per adesso non riesco a dire di più - in altra sede
avevo già sottolineato che per Bob il disco serve a fissare qualcosa che è nell'aria e per sua natura non
sarebbe neanche fissabile ...

ogni nuova esecuzione, soprattutto in pubblico, sarà diversa dalla precedente - questo è vero per tutti,
ma è più vero per lui .

prima di concludere qualche parola sulla questione che ho accennato prima: la ' costruzione del mito' -
non vorrei che ci fossero equivoci - questa cosa a volte mi dà un po' fastidio, ma è vero quello che
scriveva Anna Duck un po' di tempo fa: Dylan è un genio, ed è del tutto legittimo che voglia (a me
almeno sembra che voglia) anche essere riconosciuto come tale

come al solito mi sono fatto prendere la mano, in realtà volevo scrivere solo per farti gli auguri e adesso
te li faccio: Buon Natale e speriamo di vederci presto
Alexan "Wolf"

Ciao Alexan
grazie per la tua mail che mi sembra offra parecchi spunti di discussione. Qualcuno vuole intervenire? Concordo soprattutto sulla questione della melassa degli stereotipi linguistici.
Ciao e buone feste anche a te.
Michele "Napoleon in rags"


3007) ciao michele
c'è un piccolo album The Peter Malick Group featuring Norah Jones "New York City" in cui c'è una
buona versione di "Heart of Mine" che mi sembra manchi dal tuo elenco. L'album in questione sono solo
7 tracce ("new york city" in 2 versioni) per una mezz'oretta di musica. Mi sembra sia uscito lo scorso
anno (fine 2003) ma le registrazioni risalgono al 2000 prima che la Jones incidesse i demo per la Blue
Note e che diventasse il "fenomeno" Jones. A quel che capisco, leggendo qua e là, questa pubblicazione
è un'operazione commerciale della casa discografica (Koch/Edel Records) che non è nemmeno stata
riconosciuta dall'artista (infatti sul suo sito l'album non compare). Al di là di tutto questo le canzoni e le
atmosfere molto bluesy della chitarra di Peter Malick non sono male. Norah canta in tutte le canzoni.
"New York City" la passavano in radio, mesi fa.

A proposito di radio: se avete tempo e la possibilità di ascoltarla da internet, consiglio a tutti
http://gida.tzo.net/RadioDB/default.aspx dove trasmettono spesso e volentieri canzoni di Bob (voglio
dire: non passa ora che non compaia!!).

complimenti per l'immenso lavoro.
ciao e buone feste
davide

Ciao Davide
grazie per le segnalazioni e i complimenti. Provvederò ad aggiornare la nostra pagina.
Buone feste anche a te.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3008) Ciao Michele e ciao ragazzi.
Con la mia solita frequenza.... semestrale (!) eccomi ancora a contribuire a "popolare" la MF-List.
Salto a piè pari argomenti quali impegni di famiglia... impegni lavorativi... furto di computer portatile
(!!!)... ecc. ecc. che mi hanno "impegnato" non poco e butto giù alcune cose alla rinfusa a cominciare
dalla classifica delle love songs.
-"my love she speaks like silence" per me è una delle più belle frasi d'amore e immagini poetiche
e quindi LOVE MINUS ZERO/NO LIMIT "Per me numero uno" (per dirla alla Dan Peterson..)
A seguire :
2-just like a woman
3-sad eyed lad of the lowlands (a proposito , caro Stefano , e hai/avete mai provato a
ballare questo "lento" ??? sapessi le cose che si possono fare in 12 minuti..... E il fatto che io abbia tre figli
non c'entra nulla..., giuro!)
4-forever young (?? sì, proprio così; l'amore non è necessariamente verso un/il proprio partner,
donna o uomo che sia...... Vedrete che qualcuno dirà che Hurricane è una canzone, o un atto,
d'Amore....)
5-Sara
6-Hurricane (eccolo!)
7-I want you
8-It aint me babe (anche una dichiarazione di distacco, di abbandono , quasi sempre , sottende ..
Amore).
9-Dark eyes
10- make you feel my love (così getto anch'io il mio sassolino nello stagno)

E frugando in testa me ne sono venute in mente altrettante ....., forse meno conosciute , but... "Let's
change argument!".
Forse non tutti sanno del mio gruppo musicale, la mitica "Mr. AntonDjango's band" !!!
Sì cari... Michele, Sal, Leonardo, Elio, Antonio, ecc.. (pardòn ma non ricordo tutti gli amici che, sotto il
palco di Bob a Cernobbio , riuscii a coinvolgere nella discussione) : il nome è rimasto quello ... e ci
mancherebbe ! Quindi un pò Tamburino, un pò Reinhardt , un pò Toni.... E da un paio di giorni è on line
anche il nuovo sito; nuovo ma comunque in continuo miglioramento , anche se non dovete aspettarvi
chissà quali Fuochi d'artificio.
Piuttosto , se ne avrete voglia e piacere , troverete anche una sezione da cui "daounlodare" (e chi Vi
parla è un professionista informatico...) alcuni mp3-demo-live delle ns esibizioni (e non vi dico con quale
ho-abbiamo partecipato al concorso...).
Come vedrete l'attività della band è abbastanza intensa e la soddisfazione (per chi fa questo come
hobby, sia chiaro...) è veramente grande, direi immensa.
Leggendo il repertorio potremmo essere definiti una "History of folk-rock's tribute band" (mmmhhh ..
ambiziosetti i tipi , eh?!?) anche se all'occorrenza ci trasformiamo (dateci una settimana di tempo, giusto
per "buttar su" 2-3 nuovi pezzi...) in .. "Bob Dylan Tribute band" (uauuu!).
Perciò , oltre , che essere inserito quale "Members of the Hall of Fame".. oooopss..."Tutti figli di
Zimmerman".. aspetto da tutti anche "Commenti & suggerimenti" su "Sito & Co.".
OK allora , andate su www.mr-antondjango.it.
E per chi, della zona o no, verrà a trovarmi(ascoltarmi) troverà una sorpresa....

E per gli eventi di MF noi ci siamo sempre ! (aoòòò! se fosse possibile evitare a questi quattro
"ragazzuoli" smazzate di centinaia di kilometri ve ne saremmo grati....).
Dico questo perchè , Michele , si parlava o no di una nuova reunion sul "Garda"?? Mi sbaglio ??

Che dire altro ??
Per il momento passo e chiudo e rimando alle prossime ferie-feste qualche altra mia esternazione;
faccio a tutti gli auguri (Natale, Fine, Inizio, Durante e Dopo) e Vi abbraccio forte!
Il Vostro
TONI alias "ALBATROS" alias MR.ANTONDJANGO
(alias?? mmhhh... ora la crisi di identità è completa!)

Ciao Toni
bentornato su MF!
Andrò subito a guardarmi il tuo sito e naturalmente ti inserirò nei Figli di Zimmerman. Invito tutti a visitare il sito di Toni.
Con Sal siamo quasi a buon punto con la pagina del concorso cover di MF... ancora qualche giorno e
partiamo.
Riunioni sul Garda? Speriamo di poter fare qualcosa visto che finora abbiamo sempre privilegiato Roma,
Napoli e dintorni, Milano e la Svizzera italiana.
Ciao e auguri anche a te
Michele "Napoleon in rags"


3009) Ciao Michele e ciao a tutti i frequentatori del sito.
Volevo fare gli auguri di Buone Feste a tutti e spendere due parole su alcuni degli ultimi temi trattati.
Ho notato come spesso "planet Waves" venga definito un album di pochissima importanza se non, senza
mezzi termini, di scarso valore. Beh, io volevo prendere le difese di un disco che secondo me è uno tra i
migliori, viene appena dopo "gli intoccabili". Probabilmente influisce il fatto che è stato il mio primo disco
in studio ad essere ascoltato, come ho raccontato nel mio when first met, ma ancora adesso,
tralasciando sensazioni e ricordi personali, non posso non entusiasmarmi per diversi motivi quando
ascolto queste registrazioni. Innanzitutto trovo che ci sia una carica emotiva notevole come dimostra il
brano d'apertura "on a night like this". La voce di Bob è decisa, lanciata e sicura in modo indiscutibile e
così tutto il magistrale gruppo che lo accompagna. Sentite poi l'assolo di armonica: è uno degli assoli
d'armonica dylaniani per eccellenza: soffia con forza tutto il suo stato d'animo, assolutamente nulla di più
e nulla di meno. Anche la chitarra, la fisarmonica, la batteria e il basso sentono questo feeling e
"ci danno dentro" al meglio. Direi che in questa canzone è riprodotto uno dei sound più inebrianti, ma al
tempo stesso più naturali, che abbia mai ascoltato nei suoi dischi. La stessa sensazione si ripete in
Tough mama il quale è un brano che conserva lo stesso impatto; semplicemente cede un po' dell'allegria
del brano precedente a favore di una maggiore spigolatura rock. Hazel è una ballata nella quale Bob
canta con grande trasporto emotivo "Because I'm up on a hill and still you're not there".
Anche "something thre's about you" è un brano che mi piace moltissimo: conserva un suond superbo
che questa volta si manlea per una veste più "collinare" (hills of old Duluth). Forever Young la
conosciamo tutti ma mi piace sottolineare la magistrale esecuzione di tutta la band e della voce di
Bob: potete immaginare una session migliore? Io personalmente no. Infine cito weeding song: una
ballata che è più una cavalcata e che ricorda molto da vicino uno dei più grandi successi di Bruce
Springsteen (il quale non poteva non conoscerla).... solo che "the river" è di almeno 6 anni dopo!.

Beh.. se non si è capito "Planet Waves" per me è un gran disco:) A questo proposito vorrei aggiungere
una domanda per la lista della "fantomatica intervista a Bob Dylan": una cosa che vorrei chiedergli è
- Quali sono i tuoi dischi più belli secondo te?

Esiste una pagina dove visionare le domande che sono state poste fin qui?
Ciao a tuttie Buon 2005!
Matteo Squirrel

Ciao Matteo
grazie per il tuo intervento in difesa di PW che come scrivevo è uno dei miei preferiti e che al di là di
questo fatto trascurabile ritengo obiettivamente essere un grande album (ed anche io mi stupisco
sempre quando ne sento parlare male). Comunque la nostra classifica degli album dà parzialmente ragione all'album che è piazzato ad un dignitosissimo 14mo posto.
Le domande della nostra fanta intervista a Dylan le raccoglierò presto e le inserirò magari nella prossima Talkin'. Ancora qualche domanda e la spediremo al management di Dylan per il nostro tentativo no limits (e comunque le nostre domande sono sicuramente più interessanti di molte di quelle di Bradley :o) )...
Per la tua domanda comunque una volta Dylan disse che il suo disco preferito è Shot of love.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3010) Ciao a tutti, vorrei notizie su rock files, vorrei sapere se possibile ordinarlo su internet in modo da non perderlo!!! Ho provato a contattare il sito di Jam ma non hanno risposto!!!
Grazie mille
Matteo

Ciao Matteo
sarà una rivista distribuita regolarmente nelle edicole quindi dovresti trovarla facilmente magari
prenotandola alla tua edicola di fiducia. Non credo ci saranno problemi nel reperirlo.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3011) Cari Amici, sto cercando, se possibile, VHS della conferenza stampa di Bob Dylan a Verona del
1984.
Se qualcuno di voi ce l'ha, prego di contattarmi a questo indirizzo mail: jacob_73it2001@yahoo.it;
naturalmente ho tantissimo materiale in cd, vinile e DVD su Dylan da scambiare. Grazie ciao
Dino


3012) Eilà omonimo!
Volevo ringraziare Stefano Red Linx per le lodi del mio When we first met (troppo onore!) e augurare a
tutti un felice anno nuovo all'insegna di una Dylaniana Dignità, hopin' nobody get murdered on New
Years Eve!
Segnalo al popolo di Duluth la bellissima cover di Tomorrow's a long time che si può trovare sull'album
di Deborah Kooperman, Yesterday Tomorrow e si può ascoltare su
http://www.idyllium.it/anteprime_deborah_kooperman.htm
Getto inoltre la mia goccia nel mare delle classifiche (quella di album e canzoni l'ho già postata tempo
fa)

Love Songs

Shelter From the storm
Simple twist of fate (a simple love story happened to me, no?)
Boots of Spanish Leather
Don't think twice
Love Minus Zero
Wedding song
Abandoned love
Up to me
Trying to get to heaven
Shooting star

Live Songs

Shelter from the storm (Hard Rain)
Tangled up in Blue (Live 75)
All along the watchtower (Before the flood)
It's alright ma (Before the flood)
Idiot wind (Hard Rain)
Dignity (Unplugged)
Visions of Johanna (Live 66)
Like a rolling stone (Live 66)
Knockin' on heaven's door (Live 75)
A hard rain's a-gonna fall (Live 75)

Avevo anche iniziato a scrivere la classifica delle canzoni inascoltabili e in ordine cronologico ero
arrivato a questo punto, poi  l'impresa con Shot of Love (che è dal mio punto di vista molto sotto la
media dylaniana, ergo molto bello, ma molto molto brutto) diventava ardua: fino all'82 ho trovato Down
the highway From a buick 6 -Self Protrait- Mozambique New Pony Gonna change my way of thinking
Do right to me baby Shot of love.
Però no match con quelle belle: le canzoni brutte sono una minima parte... (Non iniziate una polemica, è
solo questione di gusti)
Ciao e Buon Anno a tutti di nuovo

Michele "A man named Gray" Mari
no, anzi Michele "What we need to make the country grow" Mari... già usato
Michele "Soldier of mercy" Mari

Ciao Michele
grazie per la segnalazione relativa a Deborah che qualcuno ricorderà nei mitici dischi di Guccini del bel
tempo che fu.
Grazie per le classifiche e sottoscrivo la tua frase relativa alle canzoni brutte... io stesso qualche talkin'
fa riuscii a trovarne solo tre o quattro, di veramente brutte.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


3013) Ciao Michele,
ho letto con interesse su MF la presentazione del libro di Giommaria Monti su De Gregori, tant'è che mi
sono subito precipitato ad acquistarlo.
E' un'opera davvero ben fatta, che merita di essere letta da ogni appassionato del Principe. Alla fine c'è
una sezione bootlegs che mi ha davvero incuriosito: sapevi per esempio che esiste un bootleg con 40
brani inediti del De Gregori anni Settanta? ... E a questo punto una domanda, o meglio un appello, a tutti
i maggiesfarmiani: qualcuno possiede bootlegs di De Gregori, da scambiare con bootlegs di Dylan o, al
limite, in B&P?
La mia e-mail è: dylanlennon@tiscali.it.
Un grazie anticipato a tutti.
Buone feste e a presto
Andrea "Greyhound"

p.s. ho sentito che ad aprile uscirà il nuovo album di inediti del Principe ..... speriamo in bene!!

Ciao Andrea
sì sono inediti che circolano tra i collezionisti (e molte tracce in inglese, traduzioni del Principe delle sue
canzoni).
Il tuo "speriamo in bene" finale mi fa pensare che non ti sia piaciuto Amore nel pomeriggio, o sbaglio?
Secondo me è un album inferiore a Prendere e lasciare ma comunque un ottimo album con alcune perle
come L'aggettivo mitico, Natale di seconda mano, Quando e qui, Il cuoco di Salò e soprattutto le mie preferite Cartello alla porta e quel capolavoro di Caldo e scuro.
Ciao
Michele "Napoleon in rags"



clicca qui



Clicca qui per leggere i racconti finora pubblicati
Scrivete sempre a spettral@tin.it




E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION