parte 153
Lunedì 24 Febbraio 2003


Vuoi discutere di Bob Dylan, della sua musica, della sua storia?... 
Hai domande da porre, storie da raccontare, emozioni da condividere,  sul grande Bob o inerenti la sua  musica e la sua vita? 
Scrivi a spettral@tin.it e le tue mail saranno pubblicate in queste pagine ogni lunedì.
Il curatore di questa pagina si riserva di pubblicare o meno, del tutto o in parte, le mail spedite a questa rubrica in relazione alla forma ed ai contenuti delle stesse, tagliando o cestinando quelle che dovessero contenere frasi ritenute non pubblicabili o argomenti non inerenti la rubrica stessa.
Napoleon in rags

1621) Per la sezione "tutti figli di Dylan" all'interno del vostro ottimo sito.
Mi chiamo Daniele Pelizzari, Stefano Frison l'ho incrociato una sera in una birreria di Robassomero
(TO), suonavamo entrambi per un concorso ARCI, io con la mia formazione di allora, gli Zighezaghe, o
forse era il Trio Baracca, non ricordo, lui come solista, lo ricordo con piacere per la sua spontaneità e
comunicativa, anche se da allora non ci siamo più sentiti.
Vi scrivo per segnalare il sottoscritto in quanto "figlio di Dylan", o perlomeno nipote.
Tutto ciò che ho imparato in musica viene da un pugno di artisti, Dylan e De Andrè in testa, poi i
Led Zeppelin e Louis Armstrong, e poi ancora J.J. Cale e Ry Cooder.
Ma Dylan mi ha letteralmente fulminato.
Non mi piace mitizzare nessuno, anche se, come dice il nostro, questo è un mondo che ha un disperato
bisogno di miti; resta il fatto che l'opera di Dylan è l'opera di un genio, di un grande artista "dispari",
come il mio amico poeta Enrico Torrini ama definire quei visionari che sono come vedette e vedono con
anticipo  l'orizzonte o nuovi orizzonti possibili.
Che dire.
Canto e suono in una cover-band che porta in giro da più di due anni uno spettacolo interamente
composto da canzoni di Bob Dylan e che si chiama JOKERMEN,
canto e suono da molti anni da solista o in formazioni varie e sono riuscito a restare molto sconosciuto,
ultimamente mi esibisco con la BANDA ELASTICA PELLIZZA.
Vi mando qulche dato, inseritemi in tutte le bacheche possibili e immaginabili e venite ai miei concerti.

Per quanto riguarda i Jokermen, vi rimando al sito web: http://web.tiscali.it/jokermen dove potrete
trovare informazioni dettagliate sul gruppo, repertorio, foto, brani da ascoltare e soprattutto le nostre
prossime date.
Per quanto riguarda la BANDA ELASTICA PELLIZZA, se siete fortunati ci trovate a suonare in
qualche osteria di Torino o dintorni.
Per quanto riguarda i miei trascorsi e attuali, vi scrivo due notizie e scusate se mi ripeto:
Autore e compositore, impegnato da circa dieci anni come chitarrista e cantante in gruppi dell'area
torinese negli ambiti blues, rock e folk (Doctor Memphis & The Screamers, Gli i, The Jokermen,
Zighezaghe).

 Nel 1998 ha pubblicato un CD autoprodotto: ISOLATI TEMPORALI.

Il suo brano "Il villaggio" è stato premiato dal maestro Mogol al concorso "Senza etichetta 2000", Ciriè
(TO) maggio 2000 con una borsa di studio per il corso Interpreti presso il Centro Europeo di Toscolano,
Terni, diretto dallo stesso Mogol.

Nel 2002 autoproduce un secondo CD: NON HO NIENTE DA DIRE

Nel frattempo vince una borsa di studio SIAE e frequenta nuovamente il CET, corso Compositori

Iscritto SIAE dal 1998.

Attualmente in formazione con i Jokermen, una cover band che propone canzoni di Bob Dylan, e la
Banda Elastica Pellizza che propone brani originali e di autori italiani (Capossela, Gaber, Rosso e altri).
 
 

Per contatti:

Daniele Pelizzari,

 via Gibellini 7   10072 Caselle (Torino) ITALY

tel. 347 1013896

      011 9961424

e-mail: dapeliz@libero.it
 
 

Prossime date:

28/02

BANDA ELASTICA PELLIZZA

Bisquit bar via Zumaglia 13 Torino
 
 

01/03

JOKERMEN

Magazzino di Gilgamesh

p.za Moncenisio 13/b Torino
 
 

15/03

JOKERMEN

Palace Stampa

Via Pedrotti 2 Torino
 
 

19/03

BANDA ELASTICA PELLIZZA

C.so Sicilia 23 Torino
 
 

Grazie dell'attenzione e buone cose a tutti.

Daniele
 

Ciao Daniele,
ho inserito i dati nella nostra sezione TUTTI FIGLI DI ZIMMERMAN, grazie di tutto. Se mi capita di poter venire faccio un giro dalle tue parti (non sono lontanissimo, Aosta). Forse quella sera con Frison c'ero anche io ma non ricordo esattamente perchè con Stefano sono andato in giro diverse volte (al seguito intendo, come "fan") essendo anche lui di Aosta.
Alla prossima
Michele "Napoleon in rags"


1622) Ciao Michele

e un ciao a chi scivola su questa mia divagazione.

Volevo innanzitutto rispondere a coloro che nelle passate talkin'
chiedevano informazioni riguardo a eventuali siti che propongono brani di
Bob nei vari formati (leggibili con Real Player e da Media Player); tra i
numerosi siti che internet offre trovo che i più interessanti e forniti
siano:
www.cleancutkid.co.uk questo link propone regolarmente interi concerti
del nostro ... da scaricare gratuitamente con un ricambio di circa
alcune settimane o poco più tra una proposta e l'altra.
www.bobdylan.de questo sito tedesco offre anche Mp3 gratuitamente
rinnovando però le proposte dei diversi brani quasi giornalmente.
Molto spesso la differenza tra l'esecuzione dal vivo e l'apparizione dei
file nella pagina web è di poche ore ... absolutely da non perdere
!!!!!
www.bobdylanhomepage.com/Real_audio.html già citato sulla talkin' n°151
mette a disposizione diversi brani live e outtakes.
http://listen.to/sugartown connette a diversi link che propongono
canzoni vecchie e nuove in vari formati.
www.amuir.co.uk/ sito inglese conosciuto sotto il nome di Razor's Edge
affiliato probabilmente alle riviste Judas e Isis e alla famosa Dylan
Convention di Manchester contiene alcune tracks del passato meno
recente.
infine www.bobdylan.com il sito ufficiale che contiene sotto
l'indicazione performances tra l'altro canzoni di Dylan cantate da altri
o ovviamente canzoni interpretate dallo stesso Bob e poi oltretutto
tutti gli estratti parziali in realaudio e windows media della sua
discografia completa e per finire è corredato di tutte le liriche delle sue
canzoni.

Per quanto riguarda la domanda rivolta da chi non ricordo più qualche
tempo fa su quali fossero i modelli di armoniche in uso da Bob posso
dire con certezza che i modelli sono essenzialmente due la Marine Band e
la Blues Harp entambi della Honer con preferenza per la prima.
Le differenze timbriche e sonore non sono poi molto grandi.
Queste armoniche hanno la caratteristica comune di essere fornite di 10
fori soltanto e di avere l'accordatura in scala diatonica cioè in
parole povere gli intervalli tra le note aspirate e quelle soffiate sono
molto adatti ad armonizzare cioè non ripetere passo passo la linea
melodica del cantato.
D'altro canto non vuol dire però che non ci si possa suonare anche la
melodia.
Lo stile di Dylan si eprime per lo più sull'armonizzare con gli accordi
insistendo ripetutamente su fraseggi di poche note, sui cambi di ritmo o
sul rimanere sospeso su una nota fino che questa non abbia attraversato
tutti i meandri del tuo cervello per approdare definitivamente al tuo
cuore.
È tutto qui semplicemente il segreto dell'arte di Dylan.

Per coloro che non hanno ancora dimestichezza col suonare questo
strumento semplice e magnifico, immancabile in ogni album o concerto del
nostro caro divulgatore vorrei sottolineare che l'uso di una armonica in
C (Do) o in G (Sol) o in qualsiasi altra tonalità dipende sempre dalla
tonalità stessa della canzone.
Principalmente i metodi sono due se la canzone fosse in A (La) primo
accordo ad esempio di un blues tipo Pledging MyTime (Blonde On
Blonde) in questo caso l'armonica da usare è quella in tonalità di D
(Re) e non A (La) come verrebbe spontaneo di pensare.
Questo metodo tra gli addetti ai lavori è conosciuto sotto la
denominazione tipica per il blues di "crossharp".
L'altro metodo è quello di suonare nella stessa tonalità.

Semplificando, la caratteristica dominante per suonare l'armonica è
quella di impegnarsi (chi più fiato ha più ne metta) sia sulle note
aspirate che su quelle soffiate e far variare lo spessore dell'apertura della bocca
determinerà il variare tra note singole (bocca quasi chiusa) e gli
accordi e poi buttar via il fiato per poi ricominciare nuovamente ad
aspirare cercando sempre di mantenere il ritmo e tenendo conto che dove
sono i numeri bassi impressi nella parte superiore dello strumento
corrispondono i suoni più grevi e così via man mano che si sale
soffiando e aspirando ci si sposta verso i suoni alti
(bocca quasi chiusa) cioé più squillanti.

Una cosa è certa per suonarla bene non occorre essere dei grandi
virtuosi e non occorre sopratutto leggere la musica ma arrivare al cuore della
gente.

Dylan e Muddy Waters, Big Joe Williams e prima ancora Robert Johnson
ce lo hanno insegnato.

Scusate se sono uscito un pó dalle righe.

Peter "Blackcrow"


Bob Dylan all'armonica - Melbourne, Australia 1978

Ciao Peter e grazie per l'interessantissima mail.
Per quanto riguarda i siti che linkano mp3 o file audio in genere di Bob proprio domenica alla Riunione di MF di Chiasso citavo agli altri partecipanti una versione di Masters of War cantata da non ricordo chi e che avevo ascoltato in rete. Si tratta di una versione particolarissima perchè l'artista invece di utilizzare la melodia originale della Masters of War di Bob (che poi in realtà era quella di Nottamum Town) cantava Masters of War sulla melodia dell'Inno Americano. Ti ricordi per caso chi era questo artista e se c'è ancora il link da qualche parte a questa versione?
Ciao e alla prossima
Michele "Napoleon in rags" 


1623) Ho appena acquistato "Love & Theft", l'ho appena messo nel lettore cd...prima traccia: "Tweedle Dee & Tweedle Dum"....ma Mark Knopfler non l'ha mica copiata in "Why Eye Men"?????? E' uguale!!!

Ciao,
Simone.

p.s.: nel live di RadioDue dell'altra sera De Gregori ha cantato "I Shall Be Released"...

Ciao Simone
proprio domenica alla Riunione di MF, ricordandomi della tua mail, ho riascoltato con Benedicta "Hamster" la canzone in questione. Ed in effetti abbiamo notato che quel pezzo di Knopfler (dall'ultimo disco "The Ragpicker's dream") è una sorta di omaggio globale a Dylan, a partire da "Maggie's Farm" il cui titolo viene citato addirittura per esteso nel testo di Mark alla musica che ricorda in parte come dici tu Tweedle Dee, ma anche, se fai attenzione all'attacco, High Water e soprattutto John Brown (io e Beni abbiamo cantato appunto la prima strofa di John Brown sui versi iniziali di Knopfler ed è praticamente la stessa, solo rallentata nella versione di Mark).
Ciao e alla prossima
Michele "Napoleon in rags" 


E a proposito di omaggi, di rimandi e citazioni... ecco una segnalazione lampo:

1624) Roll 'Em Pete di Big Joe Turner.

incredibile: è summer days para para

love & theft, eh??

Paolo Vites


1625) Caro Michele,ciao!!! Se ti ricordi di me,sono Doriano che sta organizzando il Dylan Fest dalle parti di Vr per la fine di maggio. Volevo aggiornare qche notizia, in primis che il ns sito ora è aperto e su quello si possono trovare tutte le informazioni necessarie...Sito non ancora completato purtroppo,quindi un po' dimesso e poco "arredato", ma contiamo di migliorarlo strada facendo...
Ti chiederei se fosse possibile per te dare la notizia del festival in una posizione strategica del tuo sito,in
modo che i fans di Bob possano vederla con buona evidenza.Spero non sia una richiesta eccessiva,e ti
ringrazio sin d'ora per quanto potrai fare.
Ti saluto con amicizia,e ....spero di vederti al meeting!!! ciao,Doriano.
http://digilander.libero.it/dylanmeeting2003/

Ciao Doriano
ho inserito il link nella Vetrina di MF (in cima alla pagina del "Cosa c'è di nuovo"). Spero di poter essere al meeting. In bocca al lupo.
Alla prossima,
Michele "Napoleon in rags" 


1626) Sono un grande appassionato di BOB DYLAN, ....e non serve dire altro!!.

Ho scoperto questo grande artista nel 1974-75 grazie a Knockin'on heaven's door, che ancor' oggi
reputo uno dei suoi più grandi capolavori (e che mi aspetto di sentire ad ogni suo concerto).

Da allora ho acquistato tutto il materiale riguardante Dylan che mi è passato fra le mani: dischi ufficiali,
bootleg, video, dvd, libri, pubblicazioni ecc. e ho custodito gelosamente tutti i biglietti dei concerti a cui
ho assistito (praticamente l' ho visto almeno una volta in ogni tourneè fatta in Italia dall' 1984 in poi)
nonchè tutti gli articoli di giornale riguardanti i concerti stessi.

Ero un assiduo visitatore della Fiera del Disco di Milano-Novegro fino a quando un giorno la GDF non
mi ha letteralmente sottratto dalle mani ben 5 cd-live di Dylan che stavo acquistando.   Da li in poi è
stata dura per quelli come me molto lontani dai grandi centri, .....infatti non ho più beccato un bootleg se
non grazie a qualche amico che andava all' estero.

Grazie alle mie costanti frequentazioni della Fiera del Disco,  ho naturalmente conosciuto Paolo Vites
del quale conservo ancora gelosamente la fanzine "RollingThunder" a cui ero ovviamente abbonato.

Poi più nulla..............se non i dischi ufficiali, i concerti in Italia ed il sito ufficiale.

Fino a 15 giorni fà quando ho scoperto casualmente MAGGIE'S FARM.

E' veramente incredibile!!!!!!   Lavoro sul computer da 15 anni, navigo sulla Rete molto sporadicamente
e solo su siti di informazione,  la mia piccola azienda ha un suo sito internet,  ma non HO MAI
SAPUTO DELL' ESISTENZA  di siti italiani su Bob Dylan.
Incredibile ed imperdonabile.

Ora appena posso navigo e trovo veramente grande soddisfazione, soprattutto in relazione all'
aggiornamento quotidiano delle notizie riguardanti Dylan o il suo universo.

Ma la notizia per me strabiliante ed inedita è che è possibile instaurare dei rapporti di scambio di
materiale live (cd o video) con altri appassionati.

BENE!!!!!!  Io sono pronto a mettere a disposizione la mia collezione.

In cambio cerco documentazioni live audio-video di ogni epoca, ma con una spiccata preferenza per le
leggendarie tournee della RTR degli anni 1975 e 1976.
In particolare ho sempre bramato di avere la registrazione video dei concerti del maggio 1976 più volte
trasmessi dalla Rai e da me parzialmente intravisti in casa d' altri solo una volta.

Se qualcuno ce l' ha mi contatti subito. Grazie.

Per il momento saluto affettuosamente e complimentandomi per il Vostro bellissimo sito
auguro un continuo e proficuo lavoro.

BETTEGA STEFANO
Via dei Giani, 6
38050   IMER    TN
Tel/fax 0439-725146
Cell. 335-1421567
e mail: Sbettega@libero.it e ufficio@agenziapuntocasa.it
 

Ciao Stefano
e benvenuto sulle pagine di Maggie's Farm. Grazie per i complimenti, spero tu possa diventare un assiduo frequentatore di MF.
Per le parti della tua mail che ho tagliato scrivimi se vuoi e ti spiego privatamente.
Per il discorso scambi intanto ti consiglio di visitare la nostra sezione apposita coloritamente chiamata "Il
Porcile di Maggie's Farm". La trovi qui. Devi assolutamente farlo perchè in questo modo le tue richieste saranno esaudite (tra l'altro Domenica alla MF Reunion di Chiasso Anna Duck mi ha detto che l'hai già contattata, giusto?).
Grazie di tutto e alla prossima
Michele "Napoleon in rags" 


1627) ciao sono Fausto, ho guardato per curiosità le classifiche degli album, ma come mai sono inseriti anche Unplugged e Live '66? io live 66 non l'ho ancora sentito (come anche quello del 75) ma unplugged (ovvero la prima cosa di Dylan che ho ascoltato) non mi sembra meriti cosi poca attenzione, è una delle migliori performance di Dylan, IL MODO IN CUI è SUONATO è grandioso (de gustibus... io prediligo il Dylan con la Gibson acustica)
ecco direi che la classifica dovrebbe basarsi sugli album in studio, non ho visto, ci sono voti per live 75?

sai se uscirà il cd con le canzoni di M&A (Diamond Joe, Dirt Road Blues etc...)?
ultima cosa: mi daresti indicazioni per il "meeting" di domenica? io non so ancora se posso venire però.

Grazie

Fausto

Ciao Fausto
imperdonabilmente ho letto questa tua mail dopo il meeting e non ho potuto dunque risponderti. Mi dispiace. Un avvertimento: quando mi inviate mail in cui mi chiedete della riunione di MF se possibile segnalatemelo in evidenza, magari mandando una mail singola con oggetto "Riunione MF" perchè altrimenti c'è il rischio come in questo caso che io non legga subito la mail.
Per le classifiche di MF noi non abbiamo posto limiti, nel senso che possono essere votati tutti i dischi ufficiali, siano essi in studio che live. Unplugged e Live 66 sono quindi entrati in classifica per il momento con rispettivamente 13 e 6 voti. Nessun voto finora per Live '75 (del resto è troppo recente).
Per il cd con la colonna sonora di Masked and Anonymous sicuramente uscirà. Il parco canzoni su cui si baserà dovrebbe essere questo:
LE CANZONI DELLA COLONNA SONORA DEL FILM "MASKED AND ANONYMOUS":
My Back Pages (non in inglese) - Like A Rolling Stone (Articolo 31) - It's All Over Now, Baby Blue (Jerry Garcia Band) - Blind Willie McTell (Bootleg Series) - He Was A Friend Of Mine (Bootleg Series) - If You See Her, Say Hello (non in inglese) - On A Night Like This (non in inglese) - Most Of The Time - Down In The Flood (prima canzone che i "Simple Twist of Fate" (la cover band di Jack Fate) eseguono nel film) - Tangled Up In Blue - I Put A Spell On You - Watching The River Flow - Dixie (dal vivo) - I'll Remember You (dal vivo) - The Times They Are A-Changin' - Not Dark Yet (versione da TOOM)  - One More Cup of Coffee - Amazing Grace (dal vivo) - Diamond Joe (dal vivo) - Drifter's Escape - Dirt Road Blues (dal vivo) - Cold Irons Bound (dal vivo) - Angelina (solo strumentale) - Blowin' In The Wind (da Santa Cruz 2000)
Ciao e alla prossima
Michele "Napoleon in rags" 


1628) Ciao Michele e ancora complimenti per la meraviglia che hai creato!
Volevo brevemente parlarvi di un album spesso sottovalutato, che ho comprato l'altro ieri e che trovo
splendido: si tratta di Infidels.
Grandi testi, grande musica (splendidi rock-blues, maestose ballate, bei reggae), grandissima voce, in
piena forma. Insomma giudizio 9 su 10 (vedo che Michele condivide, visto che nel sito a tutti i brani dai
4 o 5 pallini come voto).
Poi volevo proporvi una compilation di brani "politicamente scorretti" di Bob:
1) My back pages (e' il primo brano in cui seppellisce le certezze delle canzoni di protesta degli inizi,
irridendo amaramente a coloro che hanno certezze, che sanno sempre cosa e' bene e cosa e' male, che
"parlano di eguaglianza come fosse un voto matrimoniale", etc.)
2) Is your love in vain? (con il famoso verso che fece incazzare le femministe..."Sai cucinare, cucire,
coltivare fiori?")
3) Joey (idealizzazione poetica di un boss italo-americano visto come una sorta di bandito/eroe; e'
paradossale come i "politicamente corretti" sempre pronti a giustificare terroristi arabi, criminali di
colore con ragioni di sfruttamento e poverta' insorsero contro questo brano in cui Bob dice due grandi
verita': che lui ha sempre difeso TUTTE LE MINORANZE -neri, ebrei, messicani, italiani- e che e' la
miseria che crea la mafia - lo disse anche il grande Fabrizio prima di morire, ed anche li'.. apriti cielo da
parte dei soliti moralisti del cazzo..)
4) Slow Train Coming (sceicchi che girano vestiti come re, e che decidono il destino dell'America..)
5) When you gonna wake up? (filosofie contorte ti hanno inquinato la mente, Marx ti ha preso per la
gola e Kissinger ti ha incatenato... hai adulteri nelle chiese, pornografia nelle scuole, donne che non
sanno controllare le lingua, il ricco seduce il povero ed il giovane seduce il vecchio... ) ma chi te la da'
questa lucidita', Bob?
6) Neighborood Bully (una splendida allegoria del popolo ebraico, MOLTO MA MOLTO ATTUALE!)

Infine rispondo al sondaggio di Michele: chi puo' interpretare Bob da giovane? forse, anche se non e'
piu' tanto giovane, Sean Penn. Bob da vecchio? Ovviamente Dustin Hoffmann (che gia' interpreto' un
personaggio liberamente ispirato a Dylan nel fillm " Chi e' Harry Kellermann...?).
Ciao a tutti i Dylaniati
DARIO - Torino

Ciao Dario,
non sarebbero male i nomi che citi (tanto per usare un eufemismo :o) ). La notizia ultima è che la parte di Bob sarà interpretata addirittura da sette attori tra cui un bambino di colore (!) ed una donna (!!!).
Per quanto riguarda Infidels, ancora per citare la riunione di Domenica, Anna Duck faceva notare che grande album fosse (uno dei suoi preferiti) ed effettivamente non sempre valutato il giusto (soprattutto poi se pensiamo che da quel disco Dylan eliminò quel capolavoro di Blind Willie McTell). Quanto al verso di Is your love in vain? che citi, richiamo ancora in causa Anna dicendo che lei è una di quelle femministe che si incazzarono. A questo punto le chiedo di intervenire in una reprimenda al politically uncorrect Bob :o)
Ciao e alla prossima
Michele "Napoleon in rags" 


1629) Ciao Michele,
ho aperto nel Porcile di Maggie's Farm un nuovo B&P tree: Woodstock 94 + Traveling Wilburys promotional videos.
Carlo

Sentito? Correte nel Porcile di Maggie's Farm.
A proposito dei video dei Traveling Wilburys, Carlo, sempre domenica scorsa ce li siamo sparati uno dietro l'altro alla Riunione e quello di Nobody's Child con i bambini sui vasini da notte è bellissimo secondo me.
Ciao
Michele "Napoleon in rags" 


1630) Ciao, non so se sto parlando con michele-napoleon o chi per lui, ma
chiunque tu sia, volevo dirti che il tuo sito è
assolutamente strepitoso, ancora non ci credo che sulla rete possa
esistere una cosa del genere.

Io sono un neofita di bob dylan, nel senso che ho 7-8 suoi dischi (pochi
quindi). Io sono uno pseudo-musicista
22enne che fino a pochi anni fa conosceva Bob solo di nome, e solo
Knocking on heaven's door e blowing in the
wind. Poi, vista la mia viscerale passione per il chitarrista Mark
Knopfler, avendo da tempo completato la
collezione dei suoi dischi, sono partito alla ricerca dei dischi di
collaborazione con altri asrtisti (knopfler ha
collaborato a più di 100 dischi!). E così mi capita per le mani un disco
che, anche adesso che ne ho qualcuno in
più di Dylan, mi sembra tra quelli in mio possesso il migliore,
musicalmente parlando: slow train coming. Mi arriva
per le mani anche Infidels, così dopo aver imparato a memoria le
succulente note pizzicate da Mark, comincio a
ricordare che da qualche parte (non so come) devo avere un cd di Dylan.
Così, cerca cerca tra tutti i miei cd, ecco
che mi capita di trovarlo: è "another side of bob dylan"... riesco a
capire bene solo una metà del senso delle frasi,
così compro un libro con le traduzioni a fronte con i testi degli anni
60... e rimango ovviamente folgorato,
soprattutto da "my back pages" e dalla divertente motorpsycho
nightmare. Così compro ancora, prima "the
freewheelin' bob dylan", "bringing it all back home" e così via, e il
mio inglese cresce con i dischi di bob... :)

Volevo solo dirti che il tuo sito è veramente fantastico e lo visito
molto spesso. bravo!!
pyro

Ciao Pyro
grazie per i complimenti e naturalmente anche a te do il consiglio di partecipare ai Dylan Tree. Se sei un dylaniano neofita è indispensabile secondo me. Inoltre se cerchi testi e traduzioni di Bob ti ricordo la nostra sezione TESTI IN ITALIANO
Ciao e alla prossima
Michele "Napoleon in rags" 



 

1631) Cerco le copertine cd di "Real live" e "A fool such as I".
Il mio indirizzo é:

max.gug@tiscali.it

Ciao. 


1632) Ciao Michele, per far contento chi mi ha scritto dicendo che la foto
nella bacheca della farm così come era non
andava bene....ti piace questa integrazione? A me com'era piaceva tanto,
anche la tua dicitura è perfetta:
aggiungigli solo, se sei d'accordo, "nel riquadro, Elio come è
oggi".....:-))))
Elio "Rooster"

Ciao Elio,
fatto.
Michele "Napoleon in rags" 

1633) Ciao Maggiesfarmiany!!
Tanti tanti complimenti per il sito a Napoleon, Anna e tutti coloro che
gestiscono questo microcosmo dylaniano.
Ieri Bob ha inserito in scaletta Masters of war........Ho sentito che si
parla di un eventuale tour europeo presumo
ancora tutto da definire e poi con questi venti di guerra mi sa che le
tappe del tour potrebbero (speriamo di
no!!!!!) avere variazioni. sono molto preoccupato per Bob che mi sembra
putroppo un bersaglio sensibile essendo
non solo un simbolo dell'america ma anche perchè ebreo e perchè comunque
raduna molte persone. Voglio
augurarmi il meglio per lui e non solo....
Ora vorrei porre un quesito. Ho la registrazione dell'unica performance
di Bob di "Moon river". dai miei dati risulta
"Performed in Merriville, Indiana, Aug 27, 1990 (only performance). Bob
introduce la canzone (suonata in
modo..be come suona lui..reinventa il pezzo)con la seguente
frase:"everybody here knows about Stevie,so.....This
is for Stevie,wherever you are, Stevie" Ora chi è Stevie? che tutti
conoscono a Merriville? Pensavo a Steven Soals
ma non so se è vivo o no ;(( Avete qualche idea? Grazie dell'aiuto.
'Cross the green mountain è bellissima la voce
è ancora più piena e profonda di L&T, mi dà l'idea che quest'uomo invece
di peggiorare la voce negli anni (come
accade ai più) non faccia altro che migliorare!!!

Ciaoooo

Il Delfino

Ciao Diego
grazie per i complimenti.
Non saprei chi sia questo Steve. Chi lo sa? Fateci sapere.
Michele


1634) Ciao Michele,
Ti mando in allegato alcuni estratti del libro "Rock, pop, Jazz & Altro" a
cura di Nick Hornby di cui ti ho parlato nell'ultima lettera. Contengono
dei riferimenti a Bobby.
Corrado

Ciao Corrado
eccoli qui. Grazie di tutto.
Michele "Napoleon in rags"

Il libro in questione è: "Rock, Pop, Jazz & Altro - Scritti sulla musica" a cura di Nick Hornby (Guanda, 14 euro) e raccoglie una serie di articoli musicali particolarmente interessanti per il suo curatore e pubblicati di recente.
1) Questo estratto è contenuto nel capitolo "Il dizionario del Rock Snob" a cura di Steven Daly, David Kemp e Bob Mack ed è apparso su "Vanity Fair" nel novembre 2000 ed è una sarcastica presa in gira del critico rock snob e del suo personale dizionario:
Zimmy: soprannome che gli intimi attribuiscono a Bob Dylan; è il preferito della cerchia ristretta dei dylanologi durante le loro estenuanti discussioni circa l'opera del loro astro divino ed è derivato dal vero cognome di Dylan, Zimmermann.
L'ultimo Blood on the Tracks non è altro che una testimonianza straziante del divorzio di Zimmy.

2) Nel capitolo "Johnny Cash non molla" di Anthony DeCurtis (pubblicato su Rolling Stone il 26 ottobre 200), l'autore ricorda tra l'altro il primo incontro tra Eric Andresen e Johnny Cash, fautore Bob Dylan:
Il cantante folk Eric Andersen ricorda di essere stato presentato a Cash da Bob Dylan durante il Newport Folk Festival nel 1964. Dylan era un grande ammiratore di Cash, il quale, uscendo dai ranghi dell' "ortodossia di Nashville", fu tra i primi entusiasti sostenitori di Dylan. «Ero tra le quinte e Bob corse da me e mi afferrò» ricorda Andersen. «"Devi assolutamente conoscere Johnny Cash!". Cash per noi era un eroe, uno dei grandi. Bob mi  portò alla sua tenda, e incontrai John….»

3) William Gay, nel capitolo "Sul tetto del mondo", pubblicato su Oxford-American nel luglio-agosto 2000, scrive sul MerleFest e parla di un certo Grady (confesso la mia ignoranza e se è grave scusatemi, rimedierò). Grady gli porta a conoscenza di questo cammeo su Bobby:
Mi ha raccontato che Bob Dylan al festival di Newport del 1964 faceva schioccare una frusta e si pavoneggiava del suo nuovo titolo di "Re del Folk"….

4) Questi ultimi due estratti vengono da "le Sleater-Kinney alzano la posta in gioco nel punk rockdi Greil Marcus, pubblicato il 18 giugno 2000su The New York Times. Nel secondo a parlare è una delel componenti del gruppo:
- «Il suono della voce di Bob Dylan aveva a che fare con il cambiare il mondo molto più di qualsiasi argomento delle sue canzoni» ha scritto Robert Ray, musicista e professore di inglese dell'Università della Florida.
- «Preferisco di gran lunga il mito» disse la Weiss. «Prendiamo Bob Dylan: secondo me, è incredibile che uno che diceva quelle parole sia riuscito a ottenere una così vasta popolarità. E penso che l'abbia gestita davvero bene: si è evoluto, ha cambiato, ha corso dei rischi. È come se fosse stato lui il primo punk-rocker. E ancora oggi lo è. Bob Dylan non era esattamente assente quando le Sleater-Kinney attaccarono il loro ultimo brano sia al Fillmore sia al Soupstock 200 - in entrambe le occasioni il loro ultimo brano fu la burrascosa Dig Me Out. Era presente come un compagno immaginato, proprio come, con la connsueta riservatezza, era stato presente in spirito al precursore del Soupstock, il festival di Woodstock trentun anni prima…


1635) Ciao Michele
grazie per aver riportato quella tua poesia baeziana. A questo punto ti chiedo magari hai ancora quella in romanesco che avevo salvato da qualche parte ma non trovo più... Era molto divertente.
Ho sentito De Gregori su Radio Due, grande, ha fatto I shall be released! A quando un duetto con Bob?
Luca

Ciao Luca
in romanesco su Bob ne sono apparse un pò nel corso del tempo su MF sia scritte da me che da Carlo Pig (e forse anche da qualcun altro? Non mi ricordo più). Quella di cui parli tu forse è questa che ho ripescato grazie al potentissimo motore di ricerca di MF (era in una vecchia pagina della Posta).
Fammi sapere se è quella giusta. Era un mio divertissement romanesco in cui mi lamentavo del fatto che ogni volta che eravamo andati a vedere Bob ai suoi concerti non avevamo mai avuto la fortuna di beccarlo dopo lo show all'uscita e che invece a Cagliari (dove ahimè non eravamo andati) se ne era andato tranquillo tra la folla a scattare foto.
Ciao
Michele

T'ho seguito da Napoli ad Aosta
a Modena ce semo fracicati,
er cielo la buttava senza sosta
e noi de sotto zitti e congelati

Co' l'amici semo annati anco a Milano...
Pe' vedette n'avemo spese piotte,
n'avemo prese spinte co' le mano
e puro co' li piedi, calci e botte

Te sò venuto a vede anco a Brusselle
a Zurigo t'ho aspettato pe' tre ore
tutti appostati come sentinelle
la speranza de vedette dentro ar core

Davanti a li cancelli come fessi
la panza vota e manco un seggiolino
ce semo messi in pizzo su li sassi...
e chi t'ha visto? Mondo malandrino!

T'ho dedicato puro su Internette
un sito webbe (er mejo che ce sta),
c'è chi me scrive che l'ho fatto a fette
co' tutte 'ste fregnacce, in verità

Ma io nun me sconforto e tu lo sai
e te curo 'sta specie d'altarino
Me dico: "Daje e daje, hai visto mai
che un giorno lo conosco da vicino?..."

E un giorno che te scopro, mondo boja?
Che a Cagliari sei sceso tra la gente
hai stretto mano a tutti pe' la gioia
dei fanse sardi, come fosse gnente

E io che sò Napoleone in stracci
e t'ho seguito co' la neve e il solleone
a Cagliari nun c'ero, li mortacci,
me la so' presa dentro ar chiccherone...

Perciò sai che te dico, menestrello
(e nun me frega gnente si te scoccia)?
Te parlo come fosse ad un fratello:
a' Bob, ma vattela a pija' 'n saccoccia

Napoleone in stracci 


1636) hai visto questo sito? molto bello
paolo vites

http://members.aol.com/dylanfilm/

Ciao Paolo
grazie per la segnalazione.
In effetti è un bel sito.
Raccoglie tutte le citazioni cinematografiche delle canzoni di Bob. Se non lo conoscete dateci un'occhiata.
Michele



 

1637) Salve Michele, ti invio altre mie traduzioni ritmiche di canzoni di Bob Dylan. Ho conosciuto musicalmente Bob verso la metà degli anni '60 ed ho cominciato a farne delle traduzioni nei primi anni '70. E sono quasi tutte di quel periodo.
Salute a tutti. Gianni Barnini - Firenze.

Ciao Gianni
grazie per le nuove versioni. Ho inserito tutto qui.
Alla prossima
Michele "Napoleon in rags"


1638) Giovedì 27 Febbraio 2003 ore 21.30

"Vicolo De' Musici - Folkosteria", nell'ambito del ciclo "Anime salve - Canzone d'autore" (tutti i giovedì del mese) presenta:

Roberto Petruccio,Marcello Canzoniere, Franco Fosca e Marco De Annuntiis

in:

"La cattiva strada"

Cover di Fabrizio De André, Bob Dylan e brani inediti.
 

Sabato 1 Marzo 2003 ore 21.30

"Vicolo De' Musici - Folkosteria"

presenta:

Il cantautore siciliano Carmelo Schininà e il cantautore toscano Stefano Barotti

in:

"Viaggio nella canzone d'autore"

Cover dei cantautori italiani e brani inediti.

"Vicolo De' Musici - Folkosteria"
Via della Madonna dei Monti, 28 (Roma) Tel. 066786188
Internet: www.vicolodemusici.it
Ingresso libero



 
vuoi replicare alle discussioni di questa pagina?
vuoi proporre nuove discussioni ?
vuoi porre domande o parlare di Bob?
scrivi a
spettral@tin.it
vuoi scrivere articoli su Dylan?
Mandali sempre a spettral@tin.it
e saranno pubblicati nella sezione
COME WRITERS AND CRITICS...
clicca qui

 
WHEN WE FIRST MET...
La "prima volta" con Dylan

Raccontate il vostro primo "incontro" con Bob ed i vostri racconti appariranno in questa rubrica...
Clicca qui per leggere i racconti finora pubblicati
Scrivete sempre a spettral@tin.it

 
BUONGIORNO
PRINCIPESSA!
sito dedicato a Nicoletta Braschi
clicca qui



MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------