TALKIN' BOB DYLAN BLUES
la posta di Maggie's Farm

Quattordicesima parte


125) Michele,
ho due biglietti di ottava fila per il concerto di Milano disponibili (due miei
amici hanno dato forfait). Mi chiedevo se potessi mettere un annuncio su 'Maggie's farm', magari
nella sezione dedicata alla posta, specificando, ovviamente, il mio indirizzo e-mail nonchè,
considerando i tempi molto stretti, il mio numero di cellulare.....a meno che i biglietti non
interessino a te...anche se presumo tu li abbia già.
Quindi , se puoi, questo è l'annuncio..

Vendo 2 biglietti di ottava fila per il concerto di Milano, 28/5/200 al prezzo a
cui li ho acquistati (60.000 + 6.000 prevendita cadauno). Chiunque sia interessato
mi scriva al più presto, per accordi, a questo indirizzo e-mail:
acavazzuti@estel.com.
o mi telefoni allo 0349-4663418, lasciando eventualmente un messaggio.
Alessandro

Ciao Alessandro, detto fatto... Io ho già i biglietti che mi servono per Milano quindi spero tu possa trovare tramite Maggie's Farm qualcuno interessato. Comunque non dovresti avere problemi a venderli al limite direttamente a Milano il giorno del concerto magari facendo un piccolo sconto (anche io ho un paio di volte dovuto fare così quando qualche amico mi ha dato buca...).
Ciao, Michele "Napoleon in rags"



 

126) Caro professore,
ti scrivo per dirti che anche questa volta non sono d' accordo con l'
identificazione delle date di Highlands e Blowin' in the wind del cd allegato al Best
of Bob Dylan vol.2; ho cercato di prevedere anche i trucchetti dei produttori ma mi
sembra che ci siano proprio differenze di testo!
Comunque dopo aver lottato con me stesso per non comprare i cd, nell'
ascoltare Blowin' in the wind ho fatto la stessa fine che hai fatto tu con My Back Pages
dal boot "Bathed in a stream of pure heat". Quel "wiiiiiiiiiiiiiiiiiind" è stata come
una frustata che mi ha riconciliato con una canzone che non riuscivo ad
apprezzare ormai da tempo. Come una finta di corpo di Savicevic, o una
serpentina di Baggio, o un tacco in area di Mancini, che ti fanno
dimenticare il marcio del calcio, d' improvviso ho dimenticato che con
Dignity la Sony ci ha lanciato un Greatest-hits, un Unplugged, due
cd-single, un Very-best e lo ha schiaffato pure in una colonna sonora.
Carlo

Ciao Carlo, in effetti io ho riportato le date ed i luoghi citati da expecting rain però non ero sicuro nemmeno io che avessero ragione così ho scritto "dovrebbero" lasciando un margine di errore... Se riesci ad identificarle o se leggi da qualche parte con sicurezza a quali concerti appartengono fammelo sapere che lo scrivo sul sito...
A volte credo che tra noi dylaniani ci sia una sorta di telepatia dal momento che mi capita spesso di sentire dire a qualcuno delle cose che anche io provo allo stesso modo... Nel tuo caso parlo della versione di Blowin' in the wind che citi... Io non amo particolarmente Blowin' anche se mi piace abbastanza e riconosco che è un inno universale e che resterà probabilmente la canzone più conosciuta di Bob ed una delle maggiori di sempre nella storia della musica leggera... Questo è stato anche il motivo per cui le ho dato la C di capolavoro di diritto nella mia pagina dei giudizi... Forse ho questa "avversione" per Blowin' in the wind (avversione si fà per dire ovviamente) perchè l'ho ascoltata talmente tante volte che ne sono saturo ma forse anche per un altro motivo che è il seguente: parlando con gente che non ama Dylan spesso mi sento citare quella canzone, a detta di questi infedeli banale e musicalmente noiosa, come riprova del fatto che Dylan è una barba. Ed io quasi odio il fatto che questa canzone sia la più conosciuta perchè dà un'immagine della musica e delle canzoni di Bob fuorviante... Io dico: lasciate stare Blowin' in the wind (che comunque intendiamoci avrebbe fatto in ogni caso incidere il nome di Dylan tra quello dei massimi cantautori del secolo anche se fosse stata la sua sola canzone mai incisa) e ascoltate anche altre cose come Blood on the tracks, Desire, Blonde on blonde, Highway 61, Oh mercy etc... Invece sembra che per i conoscitori occasionali Blowin' in the wind bolli tutta la musica e tutti i testi e le poesie mai scritte da Dylan in maniera definitiva... La cosa mi sembra alquanto semplicistica e riduttiva, come dire che De Andrè è soltanto La canzone di Marinella, che Battisti è solo Acqua azzurra acqua chiara e che i Beatles sono solo She loves you...
Quindi sono d'accordo con te sulla versione che citi dal bonus cd di The best of Bob Dylan vol.2 che è veramente una grande versione. Io comunque sarò forse l'unico al mondo ma preferisco (quasi) in assoluto la versione di Blowin' in the wind cantata da Bob e Joan nello special tv Hard rain, quella ritmata e dura, avete presente?...
Simpatiche le tue citazioni calcistiche anche se hai dimenticato a mio avviso la più importante: "Come una finta di Maradona che (dicevano nel film di De Crescenzo "Così parlò Bellavista") squaglia o sang' dint' e vvene..." (traduzione solita per i non partenopei con mia citazione incorporata ispirata al grande Francesco Paolantoni: "Alla stessa stregua di un movimento repentino di piedi e pallone operato da Diego Armando Maradona detto "El pibe de oro" che provoca una diluizione della sostanza ematica contenuta nei vasi sanguigni del corpo umano" (ovvero più semplicemente "squaglia il sangue nelle vene...").
Hai perfettamente ragione su Dignity e vedo che la stessa cosa la Sony la sta facendo con Things have changed (allora la mandiamo davvero questa petizione alla Columbia?...)
Ciao Carlo e alla prossima
Michele


127) Ciao Michele, scusa il ritardo è parecchio che non mi faccio sentire;
ho appena letto la tua risposta a Giuseppe (nota di Michele: il difensore di Romina Power, mmm potrei quasi scrivere il "Power ranger", ah ah ah, come sono spiritoso!!). Mi trovo assolutamente
d'accordo. Ma poi che bisogno c'è di comportarsi in questo modo? Vabbè non
voglio nemmeno andare avanti con questo discorso (Comunque mi è piaciuta
molto, come al solito, la tua risposta). Volevo dirti che ho prenotato i
biglietti per Firenze. Ci andrò con mio fratello. Tribuna destra fila 6.
Spero non male. Ho visto che ti ha scritto mio fratello , non gli dar retta;
solamente quando vuole lui gli piace il grande "poetone". Ho comprato da un
mese Planet waves. Proprio qualche tempo fa ne lessi la recensione di
Leonardo (che tra l'altro saluto anche perchè mio compaesano della BELLISSIMA
Napoli). Io sinceramente l'ho trovato SENSAZIONALE.Going going gone penso sia
una delle canzoni + belle in ASSOLUTO di Bob, poi c'è Tough mama ed
Hazel.Stupende. Poi quella che è la perla dell'album ( e sinceramente non
capisco come Leonardo non ne abbia nemmeno accennato) FOREVER YOUNG. Io sono
d'accordo con le due versioni, mi piacciono abbastanza ma non troppo. Torno
dopo sull'argomento prima volevo continuare con Dirge che mi è piaciuta
molto. Poi mi stupisco per il voto "relativamente" basso per YOU ANGEL YOU ma
soprattutto per NEVER SAY GOODBYE. Testo STUPENDO. Quando ho rivisto bene il
tuo voto mi sono messo le mani nei capelli. Per me , e lo dico senza paura , è una C.
Comunque lo dici anche tu che sono gusti. Volevo tornare su FOREVER YOUNG. Volevo dirti che le due versioni dell'album sono niente in confronto alla canzone versione BIOGRAPH.
PER ME è UNA DELLE + GRANDI CANZONI DI BOB SE NON LA + GRANDE (Quella versione naturalmente). Lì Bob unisce splendore poetico con la sola chitarra e l'effetto è emozionante. Sento veramente brividi per tutto il corpo, il cuore batte all'impazzata. Forse
Leonardo non la conosce, per questo non citava Forever Young, non sò, e comunque
a me le due versioni dell'album rispetto a questa (che è la prima)
piacciono veramente poco. Invito veramente i giovani dilaniati come me (spero ce
ne siano perchè finora non ne ho incontrato neanche uno) a procurarsela
subito. Per me ogni ascolto di quella canzone è un'emozione.Voglio
ringraziare vividamente CARLO e volevo dirgli che mi è arrivato il
bootleg. Stupende Maggie's Farm e John Brown per me. GRAZIE ANCORA.
Saluti a te Michele sei grande
Ciao Arcangelo

Bentornato Arcangelo.
Sul discorso relativo alla lettera di Giuseppe sul "caso Romina Power" io volevo solo sottolineare che quello che mi aveva dato fastidio era il tono da lui usato e soprattutto il cercare la polemica per la polemica, tanto per fare, quando risultava chiaro che non c'era stata offesa nei confronti di nessuno. Ad esempio se Giuseppe mi avesse scritto in termini più corretti: "Ciao Michele, ho guardato il tuo sito su Dylan e mi sembra interessante... Però sono rimasto colpito dal fatto che tu ritieni Romina Power una cantante che non ha voce... Io devo dirti che personalmente amo la voce di Romina etc..." e avesse poi continuato in maniera civile ad esporre i motivi per cui lui ritiene che la Power abbia una gran voce io avrei tranquillamente replicato che rispettavo la sua opinione ma restavo della mia ribadendo che, appunto, personalmente ritengo Romina una cantante che tutto ha tranne che una voce potente. La cosa sarebbe rimasta circoscritta all'esposizione di due opinioni differenti (salvo far giudicare ai lettori quale delle due più rispondente alla realtà). Invece Giuseppe l'ha buttata inutilmente in rissa ed io ho risposto per le rime...
Mmmm... quindi tuo fratello Saverio (almeno mi sembra di ricordare che si chiami così...) sarebbe un dylaniano "a corrente alternata"? Mmmm... male, molto male... Digli che deve decidersi a passare definitivamente dalla nostra parte ed intanto come penitenza per un'assoluzione da parte nostra fagli ascoltare per 24 ore filate Tangled up in blue...
Su Planet waves ovviamente concordo visto che anche io ne avevo fatto una gran recensione (e lo stesso aveva fatto Leonardo)... Mi fa piacere che quel disco piaccia perchè io ho sempre trovato gente che me lo ha denigrato (magari è sempre stato solo un caso...).
Mi rimproveri i giudizi su You angel you e Never say goodbye. In effetti alla prima ho dato quattro stellette (buono) ed alla seconda solo due (sufficiente). Il fatto è che (soprattutto Never say goodbye) quelle due canzoni non mi hanno mai detto molto e le giudico le più deboli dell'album... Comunque registro il tuo voto a favore e me le vado a riascoltare con attenzione (a parte che le avrò ormai sentite diecimila volte) per cercare di capire se mi è sfuggito qualcosa. Credo comunque che si tratti solo della solita questione, se non sbaglio sottolineata da Carlo tempo fa, per cui quello che una canzone può dire a me non lo dice agli altri e viceversa... Giudizi legati a situazioni, ricordi, particolari sensazioni del momento... Per farti un esempio io adoro Sooner or later one of us must know perchè sono legato dai ricordi a questa canzone che non credo sia tra quelle maggiormente amate dai dylaniani... o no?
Un'altra prova evidente di questo discorso è proprio quello che tu citi nel seguito della lettera quando ricordi che Leonardo nella sua recensione non era sembrato colpito da Forever young a dimostrazione che ognuno riceve da ogni singola canzone emozioni differenti (poi invece magari scopriamo che Leonardo se ne era semplicemente dimenticato... fatti vivo Leo!).
In fondo alla tua mail parli dei giovani dylaniani e ti chiedi se ce ne sono visto che tu non ne trovi in giro... Beh mi dai l'occasione di dire una cosa a proposito del concerto che ho visto a Zurigo che mi ero dimenticato di dire nel mio racconto. Era pieno di ragazzini e ragazzine (almeno nella zona in cui ero io) e sono rimasto piacevolmente sorpreso di questa cosa che dimostra che fortunatamente Dylan è un artista senza età (e visto che parlavamo di Forever young la cosa casca a pisello) e la sua musica piace ai giovanissimi come ai meno giovani (e, attenzione!, non è che a Zurigo ho visto giovani che erano chiaramente venuti ad "accompagnare" i più anziani... no, ho proprio visto un mucchio di giovani per conto loro ed ovviamente un mucchio di meno giovani anche essi da soli). Anzi ho visto pochi gruppi familiari...
I ringraziamenti a Carlo sono stampati nero su bianco, la Forever young di Biograph è anche secondo me GRANDE... vai anche tu a Firenze?... Mi sa che sarò sommerso da racconti dal Neverending tour sulla data di Firenze... Ma a Cagliari ed Ancona non ci va nessuno? Io vorrei ma sono troppo lontani per me... Dylaniani sardi e marchigiani fatevi sentire con un bel pò di resoconti...
Ciao Arcangelo e alla prossima
Napoleon



 

128) PARLANDO TRA SE E SE, IN UN CALDO POMERIGGIO DI MAGGIO

I: "POETINO!!!!"
II:"Cosa???!!!"
I: "Sii!! Ha detto Poetino"
II: "Ma chi!!???"
I: "Un tipo di Roma"
II: "Oooh santo cielo!!!"
I: "Eh, sembra proprio così!"
II: "Ma, hai letto bene??"
I: "Se è per questo, sembra anche un fan di Romina Power"
II: "Oooh Gesù? Ma chi è? Quella del Ballo del qua qua? E che centra con Dylan, Romina Power?"
I: "Booh? Però sembra che se l'è presa con Michele per via di un suo giudizio"
II: "Michele? Perchè ha parlato di Romina Power? E quando?"
I: "Sembra roba vecchia, di qualche mese fa!"
II: "Ma tu guarda! E che ha risposto il Napoleone?"
I: "Mah!!! Gli ha chiarito un paio di cose"
II: "E' adesso?"
I: "E' adesso cosa?"
II: "Beh, che facciamo! Replichiamo?"
I: "E che gli dici?"
II: "Maaaaa! Non lo so!! Mmm!! Fammi pensare!! Si potrebbe mandarlo a fare due passi sulla HIGHWAY 61. Non so? Che dici?. Si puo citare qualche testo ironico di Dylan!! Una delle sue interviste del 1965-66!! Non lo so, vedi tu! E poi sei tu il dylaniano! o No?"
I: "Ma! Che ci posso dire! .... Va bbuoo!! Va!! E che posso fare??!! Niente! Ma poi ci ha pensato già Michele, che è più Dylaniano di me! E poi, mai discutere ......(Oscar wilde)"
II: "Senti!!!! Lascia stare!! Poi t'incavoli e finisci che ti trovi nel torto!!! Vedi un pò la lettera successiva di che parla?"
I: "E' un certo Paolo. Ha assisitito al concerto di Verona nell' 84"
II: "O veramente!!!???. Minchia!!!! Beato Lui!!!"
I: "Beh, poi c'è Michele che invita ad esprimere opinioni sul rapporto tra Dylan e il suo pubblico. Sai, il fatto che si dice che sia uno antipaticone"
II: "A siiii?!!"
I: "Beh sembra proprio così! Bel tema!! Però si potrebbe parlare anche del comportamento del pubblico di Newport 65, all'isola di Wight (come si scrive non ricordo) e nel periodo cristiano. Di Dylan che una volta ha detto che "ho pagato caro il prezzo della solitudine/ e adesso non ho più debiti" Però non ne ho voglia di parlare. Magari domani. Forza! Andiamo a controllare se Michele ha tradotto Desolation Row!!!"
II: "eeeee!!!! Vai a vedere và!!"
.......
I: "No! Non l'ha tradotta!
II: ".... mmm.... vogliamo andare? che dici?"
I: "Si andiamo, che dobbiamo lavorare, ...... è tardi!"
II: "Senti, incomincia a far caldo! Visto che c'è stata già qualche vittima è meglio stare all'erta"
I: "Si, mi sa che è proprio così!!! ....... AAAH!!!!!.....Mi è venuta un'idea!!! Chissà se esiste un sito sulla Rominona, con una sezione Talking; mi vien proprio voglia di mandare un E-mail di quelle ....... e vedere poi di nascosto l'effetto che fà!"
II: " E si!! Vengo anch'io no tu no! ..... Ma va a quel paese! .... Si sente che ha incominciato a far caldo ... E mettiti a lavorare!!! E non rompere le scatole agli altri!!!! .... Stò dylaniano ... ma va! va!"
FINE

ANTONIO
NAPOLI 17 MAGGIO 20000

Ciao Antonio, la tua scenetta è veramente GRANDE. Mi sono sbellicato dalle risate nel leggerla. Molto pungente ed originale, complimenti. Anzi mi hai dato una grande idea... perchè chi ha voglia non scrive scenette simili con argomento dylaniano? Si potrebbe fare una nuova pagina tanto per sdrammatizzare a volte certi discorsi (un pò come faccio già io con le strips di Zimmy...). Fatemi sapere. Intanto tu Antonio se vuoi manda altri dialoghi simili che mi sembrano veramente divertenti...
Ok ho capito l'antifona inserirò quanto prima la traduzione di Desolation row...
Sul discorso "Dylan avaro con i fans" registro il tuo voto (che se ho ben interpretato la tua sitcom è a favore di Bob per essere stato anche maltrattato da una fascia di pubblico...).
Ciao Antonio e a presto
Napoleon in rags


129) Ciao Michele,
finalmente col "best vol.2" ho avuto modo di valutare la differenza tra la
Changing Of The Guards dei due "Street Legal", mi è sembrata decisamente
apprezzabile anche se non determinante ai fini dell' impatto della canzone,

ma questo può dipendere dal mio equipaggiamento non da audiofilo, dal mio
approccio a Dylan e dal fatto che (mi pare di aver letto) la differenza è
appprezzabile di più in altri brani dell' album.
Cosa ne pensi tu?
Beccati questa paginetta che bobdylan.com tiene nascosta per motivi
indecifrabili: www.bobdyla.com/performances/index_99.html . Che sia solo per
chi sta nella loro mailing-list? e tu ci stai?
Ciao Carlo

Ciao Carlo, no, non sono nella mailing list che citi e non conoscevo quell' url. Grazie come al solito per la segnalazione. Quanto a Street legal io non ho trovato grandi differenze tra la Changing of the guards originale e quella rimasterizzata però ho anche io letto che le differenze sono altrove in quel disco. Io non ho comprato la nuova versione di Street legal ma prima o poi lo farò e ti saprò dire...
Ciao e alla prossima da
Napoleon in rags


MESSAGGIO PUBBLICITARIO: avete già letto le nuove strips di Zimmy dal titolo "Johnny Cash Show", "Zurich" e "I got a head full of ideas (anzi no!")? No? Correte subito nella pagina apposita...
Michele N. in R.


130)Ciao!
Siccome il 28 maggio vado al concerto di Bob a Milano, sapresti dirmi ( se
lo sai) quali saranno le canzoni del concerto?
Grazie
Malcolm

Ciao Malcolm... mmm si può provare a fare qualche ipotesi in base ai primi cinque o sei concerti europei:
allora, le canzoni sicure dovrebbero essere: Roving gambler (è stata sempre la canzone d'apertura) Tangled up in blue (sempre come quinta canzone mi sembra) Country pie (sempre come settima)
Leopard-skin pill-box hat (come dodicesima) e poi Not fade away, Love sick, Like a rolling stone, Don't think twice it's all right e Rainy day women #12 and 35 (con l'aggiunta possibile di Blowin' in the wind) nel bis.
Queste 9 canzoni che ho citato sono secondo me praticamente sicure.
Poi ci sono le canzoni molto probabili: The times they are a-changin potrebbe essere sicura visto che Bob l'ha sempre cantata come seconda canzone del concerto tranne a Zurigo sostituita con My back pages
Poi la canzone numero 3 potrebbe essere Desolation row o Masters of war
Sulle altre c'è molta incertezza visto che Bob le ha cambiate spesso
Ecco invece la scaletta che vorrei io (per essere realista ho preso in esame solo le canzoni fin qui eseguite da Bob in Europa quindi sono canzoni probabilissime):

1) Roving gambler
2) My back pages
3) Desolation row
4) Mama you been on my mind
5) Tangled up in blue
6) Gates of Eden
7) Country pie
8) Things have changed
9) Maggie's farm
10) I'll be your baby tonight
11) Drifter's escape
12) Leopard-skin pill-box hat

Bis:

13) Love sick
14) Like a rolling stone
15) Knockin' on Heaven's door
16) Not fade away
17) Don't think twice it's all right
18 Blowin' in the wind
19) Rainy day women # 12 and 35

Come vedete ho previsto (o quanto meno auspico) diciannove e non diciotto canzoni dal momento che ad Oberhausen, Goteborg e Stoccolma Dylan ne ha appunto cantate 19...
Vedremo se ho azzeccato la scaletta o quante ne sbaglio (certo che se le azzecco tutte apro subito uno studio di chiaroveggente...)
Ah, dimenticavo, io poi ho sempre il sogno che un bel giorno Bob impazzisca e faccia Lily Rosemary and the Jack of Hearts...
Ciao Malcolm e alla prossima
Michele "Napoleon in rags" Murino


131) Ed ora una lunga lettera di Leonardo... Leggetela attentamente perchè secondo me è zeppa di osservazioni interessantie spunti per dibattiti.

Ciao Michele!
Ma mi lasci stare?
Guarda che in questo periodo ho lavorato!!!
Ed i frutti sono i seguenti : nuove traduzioni di "Where are you tonight? (Journey through dark heat)", "No time to think" (due canzoni poco conosciute ma bellissime ! ...A proposito, si è capito che ho comprato da poco Street Legal? Va bè ne parliamo dopo !), "Every grain of sand" (una canzone che amo moltissimo e che mi ha sempre ispirato un sacco, ma solo ora mi sono deciso a tradurla! Chissà perchè! ... Ancora "a proposito" ma non ti sembra che il cane di Dylan vada quasi a tempo quando irrompe nella canzone ?), e per chiudere in bellezza ... UDITE UDITE ! ... "Last thoughts of Woody Guthrie" e "Lonesome christmas (prose fragment)" ! Non dico "UDITE UDITE" per vantarmi, ma solo perchè, soprattutto la prima, erano molto lunghe e poi perchè credo che chiunque ascoltando la "Last thoughts ..." dal Bootleg Series 1 abbia detto "Chissà cosa dice Bob...".
Comunque mi sono divertito un bel pò a tradurle!
Ora si richiede "Desolation Row"? E va bè, considerato il fatto che è forse la canzone che preferisco in assoluto (non mi sbilancio più di tanto, però!) farò un piccolo sforzo!
Il fatto è che so perfettamente cosa significa (in italiano) quando la ascolto, solo che ora devo scriverlo!
Poi vorrei fare mille complimenti a te : Napoleon in rags, SEI GRANDE !!! Riesci sempre a rispondere con una classe immensa! Ma come fai? Lo sai io come ho reagito alla
lettera su Dalla, quindi chissà cosa avrei detto a quel (ti cito) "Power Ranger"! Ma tu sei veramente impeccabile!
Poi vorrei registrare il mio voto a favore per la "Blowin' in the wind" su Hard Rain con Joan Baez che per me è la miglior versione.
E vorrei rispondere al mio caro compaesano Arcangelo sul fatto di aver quasi completamente omesso il giudizio su "Forever Young" nella mia recenzione su Planet Waves.
Vedi, il fatto è che quella era l'unica canzone dell'album che già conoscevo, quindi, probabilmente inconsciamente, non ne ho parlato colpito da "Dirge" che per me è la perla di quell'album. Comunque, anche se non gli attribuisco la famosa C, è naturalmente una canzone bellissima!
Per il discorso del rapporto di Bob con il pubblico, credo sì, che sia un pò "povero" per
così dire, ma per questo si rimane folgorati quando dice: "Sono fecile di essere ritornato in Italia, il Paese più bello del mondo", o quando dice "This is called "I don't believe you"... It used to be like this and now it goes like this ..." o quando addirittura fa una specie di discorso del tipo (cito a memoria): "Bè, non so quali siano i vostri eroi ... forse Mel Gibson ... si forse proprio Mel Gibson o magari Michael Jackson ... Bruce Springsteen ... bè a me non importa quali siano i vostri eroi ... sto per cantarvi del mio eroe adesso ..." ed attacca una magnifica "In the garden" (canzone che parla di Gesù Cristo) che, nell'86, denota ancora la sua fede verso il cristianesimo.
Avrete capito che parlo della "In the garden" da "Hard to Handle" ricavata da due concerti a Sidney, in Australia (ecco perchè tra gli "aspiranti eroi" cita anche l'attore Mel Gibson - che tra l'altro io amo tantissimo! - che è di origine australiana).
Certo che se ci penso la scaletta di "Hard to Handle" era veramente magnifica con un Dylan che canta con grandissimo vigore tutte le canzoni ed ancora se ne concede un paio da solo con la chitarra acustica (magnifica "It's all right mà...", vero Michè ?). A proposito ma quella al concerto per i trent'anni di carriera è l'ultima performance "a memoria d'uomo" di Bobby da solo con la chitarra ? (Spremiti le meningi, Michele !).
Parlando del concerto del 1966, quello di "Judas!", per capirci, ha ragione Antonio quando dice che il pubblico rompeva un pò troppo! E forse quel "Fuck you!" finale se lo meritavano, ma avete mai ascoltato con attenzione la parte elettrica di quel concerto? E' una cosa magnifica, probabilmente il miglior rock mai suonato, ma nessuno se ne accorse, allora!
Ed ora passiamo a "Street Legal".
Allora "Changing of the guard" è un capolavoro, secondo il mio personale giudizio, e gli do la C !!! Un testo magnifico e musica bellissima! Unica.
"New Pony" ha un testo molto intrigante, ma per me perde sull'arrangiamento e sulla musica.
"No time to think" è veramente bellissima! Non a caso è una di quelle che ho tradotto! E' veramente bellissima e testo e musica si amalgamano abbastanza bene. E che testo!!! Notevole.
"Baby, stop crying" cantata benissimo da Bob! Come ai vecchi tempi. Ma che cavolo c'entra quell'inizio di sfondamento quando poi si spezza per lasciare il comando dalla canzone alla MAGNIFICA voce di Bob?
"Is your love in vain ?" è notevole ma mi aspettavo di più. Quando leggevo il testo senza sapere che musica ci fosse mi figuravo un altro capolavoro ma poi ... Quanto è vero che non si può dividere il testo dalla musica !
"Senor (tales of Yankee power)" è molto molto bella, anche questa cantata da Dio da Sua Maestà.
"True love tends to forget" è un'altra canzone cantata benissimo! Molto bella, veramente molto!
Ancora una interpretazione magnifica per "We better talk this over"!
Quando sento questo disco mi chiedo chi dica che Dylan non sa cantare! Ha una voce veramente bellissima per me!
"Where are you tonight ? (Journey through dark heat)" è bellissima! Magnifica. Cantata e suonata bene!
Avete mai fatto caso a quanto sono belli i "sottotitoli" se così si possono chiamare quei secondi titoli tra parentesi? "I'm only bleeding", "Journey through dark heat", "Has anybody seen my love", "Tales of Yankee power" ... A me sono sempre piaciuti un sacco!
Comunque, in conclusione è un disco molto bello, potenzialmente un capolavoro assoluto se guardiamo i testi, ma a volte, secondo me, un pò rovinato dagli arrangiamenti, che naturalmente ad altri possono piacere, ma io il violino di Scarlet Rivera me lo sogno di notte, che volete!
Comunque è un disco registrato in una sola settimana quindi tutto sommato ...
Ma riepilogando: "Planet Waves", "Blood on the tracks", "Desire", "Street Legal", "Slow train Coming", "Saved", "Shot of love" ed "Infidels"!
Dischi in studio uno dopo l'altro!!! Alla faccia del periodo (dal 1974 all'1983 )!!!
Per Antonio che diceva di preferire il periodo di "It's all right mà ..." & C. chi può biasimarlo, ma anche questo non è male!
E poi mi volevo scusare con Antonio se si è sentito offeso dal paragone con "Mr. Jones",
non c'era assolutamente intenzione, e comunque era solo una citazione da un giornalista che presentava in quel modo, dicendo "anche Mr. Jones dovrebbe ascoltarlo", l'album "Planet Waves". Quindi scusami.
Poi da "The best of Bob Dylan vol. 2" non conoscevo:
"Changing of the guard", ma ne abbiamo già parlato, "License to kill" e "Silvio".
"Silvio" non mi ha particolarmente colpito, preferisco piuttosto quella dal vivo alla "House of Blues" ad Atlanta nel 1996.
Per "License to kill" è un discorso a parte. Questa è la canzone che probabilmente, insieme ad "In the garden", mi ha fatto capire quel cambiamento di Bob che si riscopre cristiano.
La versione è molto bella, ma è interpretata anche molto bene da Tom Petty al concerto per i trent'anni di carriera di Bob. Comunque, cerco di spiegarmi.
Credo sia importantissima la frase di Dylan "Io sono le mie parole".
Dylan aveva sempre cantato della desolazione del mondo, delle ingiustizie, dei tempi che dovrebbero cambiare, della solitudine dell'uomo moderno...
Per Dylan siamo tutti sul Titanic lanciato verso l'Armageddon.
Poi, ad un certo punto, probabilmente in un momento preciso, come lui racconta, ha riscoperto la Bibbia.
Dylan aveva comunque una conoscenza della Bibbia, ma, per qualche motivo, l'ha vista sotto un'altra chiave di lettura in un preciso momento della sua vita ed ha visto Gesù.
Non materialmente, ma ha capito che quello che si leggeva nel Vangelo era importantissimo, il mondo che voleva Gesù Cristo era il miglior mondo immaginabile!
Chi non è d'accordo con la visione utopica del mondo che ci presenta il Vangelo?
Magari fosse tutto così ! Lo dico anche io che non sono affatto cristiano, ma semplicemente quelli sono gli ideali più giusti.
Così Dylan si è immerso nella Bibbia e ci ha ritrovato la salvezza dall'Armageddon che ci aspettava.
Non è poi così campato in aria.
Poi Dylan è ritornato con i piedi per terra, ed il fatto che sia durato ben tre album questo periodo, già mi stupisce ... è ritornato alla realtà ed ecco "Infidels", INFEDELI, perchè è proprio questo è l'unico tipo di persone che troviamo sul mondo.
Non infedeli nel senso di non cattolici, ma infedeli nel senso che hanno un qualche interesse a non volere il mondo come lo voleva Gesù.
Gente che si guadagna i "trenta denari" in questo mondo.
Ed arriva "Licenza di uccidere".
"Gli uomini pensano, avendo posto loro le regole a questa terra, che possono disporne come meglio credono. E se le cose non cambieranno presto, lo faranno. L'uomo ha inventato la sua distruzione, il primo passo è stato toccare la luna (vedi "La torre di Babele")" ed ora mi chedo chi mai possa privarlo della sua licenza di uccidere".
Questo è il Dylan di "License to kill" e questo è il Dylan realista.
L'uomo è la sua rovina ed il mondo di Gesù è utopia perchè è solo l'uomo che fa le regole su questo mondo, e gli uomini sono degli infedeli.
Non fu così radicale il "cambiamento" in Dylan (in "Last thoughts of Woody Guthrie" dice che ci sono solo due strade ed una delle due è quella della religione ...), non ci fu nessun cambiamento, ci fu l'illusione di potersi fare portatore del giusto messaggio che c'era nel Vangelo, non in quanto messaggio "del Vangelo", ma in quanto "messaggio GIUSTO" e Dylan aveva grandissime masse ad ascoltarlo.
Questa è la mia opinione. Mia. Non mi importa delle critiche.
In Dylan c'è una risposta per tutti noi, è questa la sua grandezza.
"Trovati da solo la risposta e l'apprezzerai di più" dice Dylan. Questa è la mia risposta. L'interpretazione di Dylan è quella che ognuno di noi ha dentro.
Dylan è un veggente, per me.
"E' un essere superiore per me" ha detto Mick Ronson e Steve Stoles dice "Ha doti paranormali, riesce a tradurre in parole i miei sogni" e questo credo sia vero.
A volte ascoltando alcune canzoni di Dylan le sento mie, sono le mie canzoni. Dylan a chilometri di distanza riesce a scrivere le canzoni che io immagino! E molte le ha scritte prima che io nascessi (sono dell'81).
Queste credo siano cose che tutti quelli che ascoltano Dylan provano una volta o l'altra. Ne sono certo.
"You're a man of the mountains, you can walk on the clouds, manipulator of crowds, you're a dream twister" da "Jokerman" (Infidels) una canzone , per me, nella quale Dylan parla di se stesso e soprattutto "the Book of Leviticus and Deuteronomy (Secondo e terzo libro della Bibbia), the law of the jungle and the sea are your only teachers" come dire ho imparato dalla Bibbia ma ho
dovuto fare i conti anche con la legge della strada.
Ed infine:
"the rifleman's stalking the sick and the lame,
preacherman seeks the same,
who'll get there first is uncertain.
Nightsticks and water cannons, tear gas, padlocks,
Molotov cocktails and rocks behind every curtain.
False-hearted judges dying in the webs that they spin,
only a matter of time' til night comes steppin' in.
It's a shadowy world, skies are slippery gray,
a woman just gave birth to a prince today
and dressed him in scarlet,
he'll put the priest in his pocket, put the blade to the heat,
take the motherless children off the street
and place them at the feet of a harlot".
La traduzione di "Jokerman" sta nella pagina della posta numero 6 ed allego anche la traduzione di "License to Kill" che mi sembra veramente una canzone cardine della produzione di Dylan (tanto è piccola!). Michele che ne dici di inserirla anche tra le traduzioni? Lo stesso vale per "Simple twist of Fate" che se non erro c'è nella prima pagina della posta ma non su quelle delle traduzioni.
Ciao ragazzi (e non mi colpite troppo duramente, tutto quello che ho scritto va preceduto da un "secondo me ...", sono solo mie opinioni.).

License to kill

LICENZA DI UCCIDERE

Gli uomini pensano, avendo dettato legge sulla terra
Che possono disporne come vogliono
E se le cose non cambieranno presto lo farà
L'uomo ha inventato la sua distruzione
Il primo passo è stato toccare la luna

Ora c'è una donna dalla mia parte
Lei semplicemente siede lì mentre la notte passa
Chiedendosi chi gli porterà mai via la sua licenza di uccidere ?

Lo hanno preso e lo hanno educato
E lo hanno governato per una vita
E l'hanno messo su una strada sulla quale è costretto ad ammalarsi
Poi lo hanno coperto con le stelle
E venduto il suo corpo come fanno con le macchine usate

Ma c'è una donna dalla mia parte
Che siede lì di fronte alla collina
Dicendo chi gli porterà mai via la sua licenza di uccidere ?

Ora è domato dal diavolo per la distruzione
È impaurito e confuso
E la sua mente è stata manipolata con grande abilità
Tutto quello a cui crede sono i suoi occhi
Ed i suoi occhi gli dicono solo bugie

Ma c'è una donna dalla mia parte
Seduta lì in un freddo glaciale
Che dice chi gli porterà mai via la sua licenza di uccidere ?

Puoi essere un casinista, un creatore di spiriti
Un rovinatore di cuori, uno spezzatore di schiene
Che non lascia pietre rialzate
Puoi essere attore in una trama
Che può essere tutto quello che gli pare
Fino a quando non farai uno sbaglio e finalmente imparerai

Ora adora ad un altare di una pozza stagnante
E quando vede il suo riflesso
È soddisfatto
L'uomo è opposto al gioco leale
Vuole tutto e lo vuole a suo modo

Ora c'è una donna dalla mia parte
Lei semplicemente siede lì mentre la notte passa
Chiedendosi chi gli porterà mai via la sua licenza di uccidere ?
 

Ciao Leonardo e grazie per questa interessante letterona...
Vado con ordine.
Incredibile... allora è proprio vero quello che pensavo della telepatia tra dylaniani... Anche io ho sempre pensato che il cane di Bob entra effettivamente a tempo nella canzone tanto che ormai quando ascolto un'altra versione di Every grain of sand a quel punto esatto nella mia mente scatta automaticamente il bau del cane di Bob quasi fosse parte integrande del cantato (beh, almeno i maligni potranno dire che Bob canta come un cane...).
Grazie per le traduzioni Leonardo che appariranno quanto prima.
Concordo con la It's allright mà di Hard to handle... Non saprei onestamente se la performance di Dylan alla Bobfest del Madison sia l'ultima canzone con Bob da solo alla chitarra... Non credo però... Qualcuno lo sa con esattezza?
Concordo con te sul fatto che la parte elettrica di Manchester 66 è STRATOSFERICA e da mettere nel famoso Museo del rock con il video di Hard Rain etc...
Non sono d'accordo invece su New pony che a me piace molto anche se devo dire che ai primi ascolti non mi aveva impressionato... Vedrai che tra qualche tempo quando l'avrai ascoltata molto di più forse cambierai il tuo giudizio... E' una di quelle canzoni "a carburazione lenta" secondo me, che da un punto di vista musicale ti entra dentro con il tempo.
Mi ha molto colpito la tua similitudine tra la frase di License to kill relativa all'uomo sulla Luna e la storia della Torre di Babele... Non ci avevo mai fatto caso... Non avevo mai collegato le cose e credo che tu abbia ragione nel farlo...
Dove poi sottoscrivo a pieno le tue frasi è quando dici che "A volte ascoltando alcune canzoni di Dylan le sento mie, sono le mie canzoni. Dylan a chilometri di distanza riesce a scrivere le canzoni che io immagino!". E' la stessa cosa che mi ha fatto avvicinare a Dylan. Leggere delle cose sue e pensare: "Cavoli! Sono esattamente le cose che, avendone le capacità, avrei voluto scrivere io!!!...".
Prima o poi inserirò nei testi anche le traduzioni apparse nella pagina della posta.
Ciao Leonardo e a presto,
Napoleon
ps: mi sono permesso di modificare una parola della tua traduzione di License to kill laddove traducevi plot con "congiura" mentre sono abbastanza sicuro che, parlando di attori, Dylan intendeva "trama" (di un film, di una rappresentazione teatrale etc...). "Plot" infatti ha anche questo significato di "trama", "intreccio narrativo" oltre che quello di "complotto", "congiura"...


132) Ciao Michele,
per le date di Woody, Blowin' e Highlands ho sottoposto il problema ad Alan
Fraser il quale mi ha detto che per la prossima settimana riceverà indietro
i live del 99 che ha prestato ad un amico e potrà cercare di datarle con
precisione; di Highlands del '99 lui mi ha scritto: " Which version of
Highlands do you think it is? It can only be Chula Vista, CA, 25/6/99,
Madison Square Garden, New York, 27/7/99, or Amherst, MA,
18/11/99 - the version from Santa Cruz in March 2000 would be too late to
include" ma io non avendole tutte sono solo riuscito ad escludere pure Chula
Vista. Se tu hai le altre puoi controllare.
Non ci crederai ma non solo avevo pensato alla finta di Maradona che
scioglie il sangue nelle vene... ma avevo anche pensato a tradurla come Paolantoni come tu avevi
fatto in una lettera precedente, ma ero talmente sicuro che lo avresti fatto
tu che ti ho lasciato la battuta (che, alla luce di ciò , mi ha fatto ancora
più ridere); tempo fa ho avuto modo di citare quella dell'ascensore (voi che
soffrite dint' o budello scuro) perchè un mio condomino era rimasto bloccato
tra due piani.
Mi dispiace di non esserti ancora stato utile con le strips....forse un
giorno mi rifarò, però ti volevo segnalare che quella di Cash è scritta un
po' troppo piccola e non sono riuscito a leggerla.
Visto che ti sei riproposto di acquisire Street Legal remixato ti suggerisco
una via comoda: www.cdflash.com che fino al 30 maggio non chiede spese di
consegna senza alcuna spesa minima. Io ho appena ordinato il dvd "Don't look
back" (38000 lire) e il cd-single "Million miles" (3000 lire)
originariamente allegato al nuovo Street Legal.
Carlo

Ciao Carlo,
no, non posseggo le versioni che citi quindi non sono in grado di datare le canzoni live di Best of Bob Dylan vol. 2. La ricerca quindi continua...
Quanto alla tua ulteriore citazione di De Crescenzo e del suo "Così parlò Bellavista" (ulteriore perchè va ad aggiungersi alla mia frase su Maradona di qualche lettera fa) voglio solo spiegarla per coloro che non conoscono il film o il romanzo.
Carlo parla del "budello oscuro" con riferimento al "poeta" amico del prof. Bellavista, protagonista del film
Il poeta in questione compone estemporanemente alcuni versi e li recita al Bellavista rimasto chiuso in un ascensore bloccato in compagnia dell'odiato Cazzaniga (Bellavista napoletano, "uomo d'amore", Cazzaniga milanese, "uomo di libertà").
I versi recitano: Voi che soffrite nel budello oscuro... A prossima vota pigliat' e scale ch'è cchiù sicur'..." (La prossima volta prendete le scale che è più sicuro).
Quanto alla strip intitolata "Johnny Cash Show" giro la tua "protesta" ad Andy (ci sei Andrea?... Vai con l'ingrandimento...). Io in effetti non avevo notato che il testo era troppo piccolo perchè conoscendolo (ovviamente) riuscivo a leggerlo abbastanza bene ma mi rendo conto che per gli altri è un pò difficile da decifrare... Però non hai risposto al quesito finale sul film con Valter Chiari e Peppino De Filippo al quale mi sono ispirato per lo scenografo gay (ispirato ad un personaggio di Valter Chiari) e per il Bob furioso (ispirato ad un personaggio di Peppino De Filippo)... C'è un cdr in omaggio a chi indovina, ve lo ricordo... E ce n'è un altro anche sul quesito relativo a Lucio Battisti... Non ho ancora ricevuto nessuna risposta... Sono così difficili? Vi do un altro piccolo indizio su quello del film con Chiari e Peppino De Filippo... Nel cast c'erano anche Franca Valeri ed il grande Totò... Ora è un pò più facile, o no?
Grazie per la segnalazione sulle modalità di acquisto per Street Legal due la vendetta...
Alla prossima da
Michele "Napoleon in rags"



 
 

Chiunque voglia replicare alle discussioni può inviare una e mail al seguente indirizzo: spettral@tin.it
 
 
 

MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------