parte 132
Lunedì 30 Settembre 2002


Vuoi discutere di Bob Dylan, della sua musica, della sua storia?... 
Hai domande da porre, storie da raccontare, emozioni da condividere,  sul grande Bob o inerenti la sua  musica e la sua vita? 
Scrivi a spettral@tin.it e le tue mail saranno pubblicate in queste pagine ogni lunedì.
Il curatore di questa pagina si riserva di pubblicare o meno, del tutto o in parte, le mail spedite a questa rubrica in relazione alla forma ed ai contenuti delle stesse, tagliando o cestinando quelle che dovessero contenere frasi ritenute non pubblicabili o argomenti non inerenti la rubrica stessa.
Napoleon in rags

 
Avvertenze e modalità d'uso: 
se accedete a Maggie's Farm dall'indirizzo http://maggiesfarm.too.it/ ed avete problemi di navigazione interna al sito a causa del browser che utilizzate (caricamento di pagine etc. A me succede utilizzando Internet Explorer 5) vi consiglio di utilizzare l'altro indirizzo di MF (che non crea problemi qualsiasi browser si utilizzi): 
bobindex.htm 

Tenete comunque sempre in memoria anche il primo indirizzo (http://maggiesfarm.too.it) in quanto esso ha la funzione di "redirect" ed in futuro, in caso di cambi di indirizzo, sarà sempre utile per accedere al sito. 

1317) Ciao Michele,
ho comprato la nuova bio di Dylan ed ho iniziato a leggerla...ehm ehm...dalla fine, sì, insomma, ho letto, per quanto possa sembrare strano le ultime 100-150 pagine, saltellando qua e là, proprio per vedere quelle zone d'ombra che erano contenute nelle precedenti bio che avevo letto (Shelton & Scaduto, ma non ricordo bene).........l'impressione è piuttosto negativa.... mi sento di consigliare veramente un sano risparmio in vista del Bootleg Series Vol 5. Insomma veniamo informati per benino sul fatto che il nostro è stato un po' un "farfallone", stando con due o tre donne assieme, ma sinceramente non me ne fregava nulla, come non me ne frega nulla se si è sposato in segreto o meno. Nello stesso tempo si dedicano 3 pagine (tre, avete letto bene) all'analisi di Blood on the tracks. Oddio, chiamarla analisi è fargli un complimento, il Never Ending Tour è buttato lì, senza spiegare i motivi che inducono uno ricco sfondato a girare in un pullman per tutto l'anno. Si citano a proposito i termini piuttosto duri dei divorzi e dei mantenimenti vari.....Mah, non c'è, almeno nelle pagine che ho letto un ben che minimo approfondimento musicale, l'influenza di persone e band con le quali ha lavorato (penso ai Dead che gli hanno dato un bel calcio in culo per ricominciare e che sono liquidati in 1 pagina e mezzo, ma anche a Tom Petty). E dell'influenza culturale del nostro? Ed il suo declino, (xchè a me pare che l'ultima volta che Dylan ha detto, nel bene e nel male qualcosa di rilevante oltre la cerchia musicale è stato durante il "periodo religioso", anche se a me personalmente le sue posizioni mi stavano all'epoca e mi continuano a stare ora sulle palle)? Mah, forse è pretendere troppo da quella che si definisce una biografia, ma se non altro dopo tutte le vanterie dell'introduzione uno si aspetterebbe qualcosa di meglio, a mio parere. Stasera vedrò di leggerlo dall'inizio e con più indulgenza, del resto non è un analisi dell'opera di Dylan ma della sua vita..., per ora buona lettura a tutti, tanto so che lo comprate lo stesso!
ciao
Francesco
ps di libri sul vecchio Bob ne ho letti diversi in oltre 20 anni di onorata militanza tra i suoi estimatori (non mi considero un vero fan come te) ma mi sembra che il migliore sia quello di Alessandro Carrera. Certo non ci dice chi si scopava, ma offre un quadro di riferimento socio culturale eccellente ed una bella analisi delle canzoni, a quando il secondo volume?
Francesco

Ciao Francesco,
in effetti io credo che la biografia di Sounes (non l'ho ancora letta tutta, solo un pezzettino) voglia inerire soprattutto la vita privata (sia pur rapportata al suo lavoro) di Dylan. Naturalmente sono d'accordo con te che il volume di Carrera sia moooolto più interessante (diciamo che un accostamento qualunque tra i due volumi è pura blasfemia). Però credo che quella di Sounes tutto sommato serva a mettere in luce quel tipo di situazioni (per coloro ai quali interessano, naturalmente). Quando l'avrò letta tutta naturalmente il mio giudizio potrà essere più completo ma in effetti mi sembra una biografia alla "Gente", tanto per dire... e senza volerne sminuire il valore, se l'intento dell'autore era focalizzarsi su quei temi.
Quanto alla tua domanda finale su un eventuale seguito de "La voce di Bob Dylan" - credo da moltissimi auspicata -  "giro" la domanda ad Alessandro Carrera sperando possa davvero esserci un secondo volume al più presto (anche se attualmente, come riportato da MF, egli è impegnato nel lavoro di traduzione e supervisione dell'autobiografia di Dylan, "Chronicles" per la versione italiana di prossima pubblicazione per Feltrinelli).
Ciao Francesco e alla prossima
Michele "Napoleon in rags"


E, a proposito di Alessandro Carrera, di cui si parlava sopra, ecco una sua risposta ad una mia domanda postagli nella pagina scorsa della Posta di MF. Alessandro aveva scritto quanto segue a proposito del verso finale di "Changing of the guards":
Per quanto riguarda invece l'ultimo verso di "Changing of the Guards" si riferisce certamente ai tarocchi, o semplicemente alle carte, perche' il re e la regina di spade non sono arcani maggiori. L'espressione fa il paio con "il principe e la principessa" che discutono alla fine di "Gates of Eden". In quel caso molti hanno pensato a Dylan e alla Baez. Nel caso di "Changing of the Guards" potrebbe riferirsi a una qualunque coppia simbolica. Credo comunque che "Changing of the Guards" sia la prima puntata di una sorta di lungo poema nascosto che Dylan ha composto disseminandolo in varie canzoni tra "Street Legal" e "Empire Burlesque". In un modo o nell'altro, tutte le canzoni di questo poema nascosto, che comprende "Let's Keep It Between Us", "Need a Woman", "Angelina", "Caribbean Wind", "Groom's still Waiting at the Altar", "I and I", "Someone's Got a Hold of My Heart", "Tight Connection to My Heart" e forse anche "When the Night Comes Falling from the Sky", hanno a che fare con una storia d'amore impossibile tra un uomo di razza bianca e una donna afro-americana (o piu' donne). Lo si potrebbe chiamare il poema della Regina di Saba, che infatti e' evocata in "I and I".

Ed a tal proposito io gli chiedevo quale fosse il verso di "I and I" in cui Dylan si riferirebbe alla Regina di Saba. Azzardavo l'ipotesi che si trattasse del verso che recita:
"In another lifetimeshe must have owned the world, or been faithfully wed
To some righteous king who wrote psalms beside moonlit streams"

Ed ecco la sua risposta.

1318) Caro Michele,
sì, penso proprio che sia quello il verso in questione.
Ti ho mai detto che ho un debole per "I and I" e che ritengo il testo di questo brano uno dei piu' belli mai scritti da Dylan, qualcosa che non sfigurerebbe davanti a un W. B. Yeats?
Alessandro Carrera

No, ma ora lo so e condivido. Secondo me tutto l'album "Infidels" è ingiustamente sottovalutato. "I and I" ad esempio nella nostra classifica appare solo al trentatreesimo posto. E la prima canzone da Infidels ad apparire è "Jokerman" appena tre posizioni più su (si trova al trentesimo posto).
Ciao e grazie per la delucidazione.
Michele "Napoleon in rags" 


1319) Mi scuso per la grave 'mancanza'. Scrivere dei bootleg acustici degli ultimi 10 anni e non citare il "Supper Club" è quasi un insulto... Potrei accampare le scuse più disparate, ma ho paura che non basterebbero.
Grazie ad Andrea Orlandi per averlo segnalato.

Alessandro Cavazzuti

Ciao Alessandro,
anche a me era sembrato strano che tu non lo avessi citato ma pensavo che la cosa fosse voluta (ho trovato persone cui non piace o che non lo inserirebbero tra le cose migliori nel genere).
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


1320) Ciao Michele,
sono un grande fan di Dylan e di Elvis.
Più di un trattato di 3746 pagine sull'importanza dei due vale la frase di Springsteen: "Elvis ci ha liberato il corpo, Dylan la mente".
Per Dylan, Elvis ha rappresentato tantissimo. Ad esempio dichiarò che sulle migliaia di cover fatte di sue canzoni quella che amava di più era "Tomorrow is a long time" interpretata da Elvis nel 1966.
Per le tue ricerche ti invio tutte le canzoni di Dylan interpretate da Elvis:
- Tomorrow is a long time ('66)
- Blowin' in the wind ('66)
- Don't think twice, it's all right ('71)
- I shall be released  ('71)
Eccoti una foto carina (fotomontaggio, i due non si sono mai incontrati!).

Siccome su Dylan hai già pensato tu al sito, allora io ne ho fatto uno su Elvis!  Ecco l'indirizzo
http://utenti.lycos.it/oldshep
Un saluto
Roberto

Ciao Roberto,
complimenti per il sito che ho visitato.
Elvis è stato un mio "primo amore" insieme ai Beatles.
Da qualche parte sul web avevo scaricato una lunghissima versione casalinga di Elvis di "Don't think twice, it's all right"... Molto bella.
Sembra che, alla morte di Elvis, Dylan non abbia parlato a nessuno per settimane chiudendosi in un doloroso mutismo. Addirittura Joan Baez nella sua biografia, (s)parlando di Dylan, in un capitolo molto acido (in quel periodo era in un momento di astio nei confronti di Dylan) scrive: "Addio, Bob. Avevi un'aria felice al Farm Aid. Pensavo che forse non avrei dovuto scrivere tutta questa roba su di te, ma in fondo è roba su di me, no? Non ti farà male. La morte di Elvis, ti ha fatto male. Ma non ho fatto nessun accenno nemmeno a questo".
Ciao Roberto e alla prossima
Michele "Napoleon in rags"


1321) Ciao! Grazie ad Alessandro Cavazutti per il suo elenco delle meraviglie acustiche live del Nostro!!!
Sto cercando da tempo gli outtake di MTV Unplugged ma ho trovato solo un pezzo (sigh) di "I want you" (da brivido) con Kazaa. A proposito sapete qualcosa su Audiogalaxy? Era pieno di cose anche rare di Bob, ho provato a fare i login, mi accetta però non riesco a scaricare, dice che non sono iscritto a nessun gruppo... mah. Sai qualcosa Napoleon? Per tutti noi penso sia una grande risorsa anche per le cover!!! Qualcuno di voi lo usa?
Per quanto riguarda l'esegesi di Jokerman (la trovo veramente ben fatta analizzando le singole parole) di
cui mi chiede Francesco Tiger, ne ho una su I and I e una su Jokerman: "Una lettura ebrea di "I and I",
"Aneddoti ebrei su Dylan".
Il tutto su http://www.radiohazak.com/Jokerman.html
Diego

Ciao Diego.
Non conosco Kazaa ed Audiogalaxy ed in genere non sono esperto di questo tipo di cose. Ma se Carlo Pig ci dà una mano (so che è esperto in materia) potrebbe rispondere ai tuoi quesiti. Facci sapere Carlo, grazie.
Quando parli della lettura ebrea di "I and I" (argomento ricorrente ultimamente) e degli aneddoti ebrei su Dylan intendi che ne hai una traduzione in italiano? Se sì, me la manderesti?...
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


1322) Ciao Michele,
ho appena acquistato il nuovo disco di Mark Knopfler, e la prima canzone "Why
Aye Man" ha una bella citazione dylaniana. Un verso dice proprio così "Nae
More Work On Maggie's Farm". Secondo te cosa significa? Secondo me Mark ha
superato la baruffa con Bob del dopo Infidels, e con questa piccola
citazione ha voluto non solo appianare i conflitti ma anche tributare un
doveroso omaggio ad uno dei suoi principali ispiratori, tanto più che mai
nessun disco è suonato dylaniano come questo Ragpiecker's Dream. Se non lo
hai ancora compralo, cmq è appena uscito e io sono corso a comprarlo da buon
fan dei Dire Straits (li sentivo a 4 anni!!). Oppure il caro Mark legge il
nostro sito????? Quest'ultima ipotesi non è da escludere...!
Quanto a Bob, hai visto?! Ora è assolutamente ufficiale!!! Ci siamo, comincia
il conto alla rovescia!!!!! Non vedo l'ora di degustarmi il tutto; è logico
che sarò tra quelli che si porteranno via anche il DVD, e poi ho già
minacciato a dovere il mio rivenditore di fiducia: se non mi farà arrivare
una copia limitata solo per me, non comprerò più un solo cd da lui, peccato
che è l'unico che li ha tutti quelli di Dylan!!!!!

Ho ancora qualche cover da trasmetterti.......!!!!!!

Gotthard - Mighty Quinn
(Buona versione di questo hard-rocker tedesco a me sconosciuto)

Siouxsie & the Banshees - This Wheel's on Fire

Tragically Hip - Seven days
(Splendida live version, assolutamente imperdibile, è una grande Jam Band!)

Credo di averne raccolto ormai una grande quantità, appena troverò tempo
scriverò un lungo articolo sulle cover e ti invio altri articoli che ho
pronti su vari dischi di Bob, ma che devo rivedere e sistemare, non vorrei
cadere nell'errore di scrivere quello che ottimamente ha fatto già Vites,
che stimo immensamente come giornalista e come dylanologo. Vorrei che
fossero originali come critiche le mie, e dopo aver letto lo splendido libro
di Vites, sarà difficile non lasciarmi influenzare, anche se come ti scrissi
in una precedente e.mail non ero del tutto d'accordo sopratutto con il suo
parere riguardo New Morning.

Un carissimo saluto
Salvatore The Eagle

Ciao Salvatore
manda manda manda che rimpinguiamo ulteriormente la sezione "Come writers and critics "...
Su Knopfler: adoro i Dire Straits. Di meno lui da solo. Però che vuol dire la frase che riporti tratta dalla sua canzone? Che roba è "Nae"?... Fatemi sapere (se lo sapete)...
Ok per le covers (ormai il nostro paginone comincia ad assumere dimensioni bibliche)... Conoscevo quella di Siouxie and the Banshees che mi sembra di ricordare mi piacesse moooolto.
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


1323) Ciao Michele.
Bravissimo!! Ho appena letto il saggio su Jokerman e lo trovo splendido. E' una canzone sulla quale (come molte altre persone, credo) non avevo le idee molto chiare. Al termine del saggio, c'è scritto che deriva da un lavoro di traduzione. Sono convinto, però, che il tuo contributo personale sia stato notevolissimo. Ho letto che Bob è un profondo conoscitore della Bibbia, ma non sapevo che lo fossi anche tu.
Giulio "Horse"

Lo sto diventando a furia di tradurre Dylan e leggere i suoi versi :-)
Comunque il pezzo è interamente tratto da A lily among thorns. Io ho aggiunto solo molte citazioni bibliche.
Dopo che Paolo Vites aveva citato su MF quel sito sono andato a spulciarmelo tutto e credo che sia pieno di cose interessanti. Anzi se qualcun altro ha voglia di tradurne qualche esegesi e me la manda... potrei metterla su MF. Lo farei io per tutte se non che è un lavoro lungo ed il tempo è quello che è...
Comunque grazie per i complimenti Giulio e alla prossima.
Michele "Napoleon in rags"


1324) Ciao Michele!
Ti scrivo perchè vorrei entrare a far parte della fattoria di MF.
Ho cercato di mandarti le foto più recenti.....sono dell'interail di quest'estate...questo spiega le facce da coma e l'effetto sfuocato...(era l'ultimo giorno anche per il fotografo!!) di solito comunque non sono sempre così !!!!!!!!!!!!)
ciao a tutti e
GRAZIE DI ESISTERE MF's FAMILY!!!!!
Eleonora Magpie  -LA GAZZA-

ps: Come vedi ti ho mandato un allegato!...é una strip di fumetti che, se ti va , puoi mettere assieme alla serie di Zimmy...speriamo tu riesca a leggerla... se è troppo pesante dimmelo che te la mando in 2 mail diverse.
Ciao e grazie
Eleonora

Ciao Eleonora
ok. Ti inserisco quanto prima nella pagina della Fattoria con tanto di foto. Grazie anche per il fumetto...solo che riesco a visualizzarlo ma non a salvarne le immagini per metterle su MF. Non potresti salvarle come semplici .jpg ed inviarmele di nuovo?... Io comunque provo a capire come salvarle così... Ti faccio sapere...
Ciao
Michele "Napoleon in rags"


Anna "Duck" mi segnala un libro di prossima uscita (in inglese)

1325) Ciao Michele, hai visto ? Può essere interessante vero? Che dici ? Lo ordino ?
Smack dalla paperotta.
Anna "Duck"

Younger Than That Now: The Collected Interviews With Bob Dylan
by Bob Dylan, James Ellison (Editor)

Sarà pubblicato a Novembre 2002.
Edizione Paperback.


 
 

Ciao Anna,
grazie per la segnalazione (che proviene da Amazon.com).
Mmm... Se ho capito bene si tratta di interviste a Dylan raccolte tutte in un volume. Chi ne sa qualcosa?...
Michele "Napoleon in rags"


1326) Giovedì 3 Ottobre 2002 ore 21.30

Vicolo De' Musici - Folkosteria, nell'ambito del ciclo "Anime salve-Canzone d'autore" (tutti i giovedì del mese) presenta:

Roberto Petruccio Marco De Annuntiis
(Voce e tastiere) (Voce, chitarra e armonica)

Cover di Francesco De Gregori, Bob Dylan e brani inediti

Vicolo De' Musici - Folkosteria
Via della Madonna dei Monti, 28 (Roma) Tel.066786188
Internet: www.vicolodemusici.it
Ingresso libero

Vi aspettiamo!

A presto

Roberto Petruccio e Marcello Canzoniere



 
vuoi replicare alle discussioni di questa pagina?
vuoi proporre nuove discussioni ?
vuoi porre domande o parlare di Bob?
scrivi a
spettral@tin.it
vuoi scrivere articoli su Dylan?
Mandali sempre a spettral@tin.it
e saranno pubblicati nella sezione
COME WRITERS AND CRITICS...
clicca qui




 

MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------