TALKIN' BOB DYLAN BLUES
la posta di Maggie's Farm

Tredicesima parte


123) Avvertenze e modalità d'uso: la lettera seguente non riguarda (se non in maniera vaga ed indiretta) Bob Dylan bensì contiene una gratuita polemica (gratuita da parte di Giuseppe, autore della lettera ovviamente) relativa ad una mia frase di qualche tempo fa. Chi sia interessato dunque esclusivamente a dibattiti che riguardino Bob Dylan e la sua musica può tranquillamente saltarla passando alla lettera successiva. Io l'ho pubblicata solo per mantenere fede alla mia promessa di dare spazio a chiunque voglia criticare quanto scritto su Maggie's farm...

Ciao, sono Giuseppe di Roma, mi sono imbattuto nel tuo sito su Dylan, che
ho apprezzato fino al momento in cui non ho letto che hai definito la
mia cantante preferita, Romina Power, un'artista senza voce.
Sono letteralmente incazzato in quanto stimo, la bellezza e la voce
suadente ed evocativa di questa poliedrica artista.
Credo che non si possa nella maniera piu' assoluta, offendere un'artista
cosi completa che ha dimostrato nel tempo di essere una grande autrice e
percio' se vuoi rispetto per il tuo poetino cerca di non essere ipercritico
ed esterofilo, ciao Giuseppe.

Ciao Giuseppe,
mi dispiace ma, senza voler essere ironico, credo che tu abbia difficoltà ad interpretare la lingua italiana.
Ovviamente se sei straniero e non la conosci alla perfezione sei giustificato.
In caso contrario (se sei italiano e sei sempre vissuto nel nostro Paese, cioè) non hai nessuna attenuante e per il futuro ti consiglio quindi, amichevolmente e, torno a ripetere, senza punta alcuna di ironia, di prestare maggiore attenzione a quanto stai leggendo per non "incazzarti" inutilmente di fronte a quello che tu interpreti non correttamente.
Riporto infatti di seguito la mia affermazione testualmente: " (...) Se devo pensare ad un
cantante che non ha voce, onestamente non penso affatto a Dylan quanto piuttosto, che
sò, a Romina Power, a Viola Valentino (qualcuno se la ricorda?) o ad altri cantanti che
puntavano sul personaggio piuttosto che sulle qualità vocali...".
Come vedi, quindi, basta leggere con un pò d'attenzione quanto da me scritto per rendersi conto che non ho affatto "offeso un'artista così completa che ha dimostrato nel tempo di essere una grande autrice...", come tu scrivi erroneamente, per il semplice motivo che non ho affatto parlato delle doti di autrice di Romina Power nè tantomeno mi sono mai sognato di mettere in discussione il suo essere "artista completa".
E nemmeno ho mai scritto che la sua voce non sia "bella, suadente ed evocativa" come tu invece affermi, ancora erroneamente, dimostrando, ripeto, scarsa conoscenza della lingua italiana o quanto meno una fantasia galoppante in chiave interpretativa.
La mia frase, infatti, come risulta evidente a chiunque legga con un minimo di attenzione, non parlava in nessunissimo modo di quanto da te scritto nella tua accalorata lettera (e non capisco proprio dove diavolo tu sia riuscito a leggerlo) bensì si limitava semplicemente a sottolineare che Romina "non ha voce" (ed in questo la abbinavo per comodità esemplificativa a Viola Valentino).
Non solo, ma scrivevo: "...se DEVO pensare ad un cantante etc..." esprimendo chiaramente una MIA opinione personalissima e non certo affermando una verità biblica o un precetto coranico. Forse non te ne sei accorto, caro Giuseppe, ma siamo in un Paese libero e democratico in cui le opinioni sono libere e chiunque la può pensare in un certo modo su qualsiasi argomento, anche sulla voce di Romina Power. Quindi io posso tranquillamente e senza offendere l'artista in questione scrivere che se IO (IO!!!!) devo pensare ad un cantante che non ha voce penso a Romina Power, esprimendo un mio SACROSANTO ed INCONTESTABILE parere, allo stesso modo in cui tu puoi liberamente scrivere o pensare, ad esempio, che se devi pensare ad un artista che non sa suonare la chitarra, tanto per fare un esempio qualsiasi, pensi a Bob Dylan.
Chiarito ciò e chiarito altresì che solo questo io ho affermato e che il resto te lo sei inventato tu con un volo pindarico della tua immaginazione forse un pò troppo fervida, per quanto riguarda la mia frase sopra riportata, io la sottoscrivo e, credo, sia da molti condivisibile.
Tra l'altro la stessa Romina che io ho conosciuto tempo fa in quel di Mediaset, quando frequentavo gli studi televisivi di Canale 5 (scoprendo tra l'altro che si chiama in realtà Romina Francesca), e che è molto simpatica oltre che bella, ha ammesso la cosa.
Ovviamente quando scrivo "non ha voce" credo che sia chiaro a chiunque abbia un minimo di logica o quanto meno di perspicacia che la frase non è da interpretare letteralmente per il semplice motivo che chi "non ha voce" nel significato letterale del termine non può certo fare la cantante ed incidere la quantità di dischi che la Power ha inciso riscuotendo un enorme successo di pubblico.
E' da intendersi quindi, come credo risultasse chiaro oltre che ovvio, che si parla in questo caso di estensione vocale, di potenza della voce, di capacità di raggiungere tonalità alte.
E queste capacità, checchè tu ne possa dire, anche nell'ottica della libertà di opinione che sopra citavo, Romina Power NON le possiede, nè credo abbia mai preteso o finto di possederle perchè la realtà è talmente evidente che sarebbe assurdo cercare di dimostrare il contrario e Romina è troppo intelligente (oltre che - sospiro! - bella) per rendersi ridicola in tal guisa...
Ogni volta che la Power si esibiva a Sanremo, da sola o in coppia con la sua allora metà Al Bano Carrisi, infatti, io (e credo tutti coloro che seguivano il Festival) dovevo alzare il volume del televisore al massimo per cercare di discernere quanto Romina stava cantando...
Nè questo è necessariamente un difetto (ed infatti io nella mia lettera non ho MAI scritto che lo fosse, anche se tu che, ripeto, hai molta fantasia lo hai incredibilmente supposto) dal momento che si può avere una voce fioca ma "bella, suadente ed evocativa", come tu sottolinei, ed una voce alta e potente ma sgradevole...
Con la mia frase sopra riportata non intendevo quindi, come risultava chiaro a chi leggesse attentamente la mia affermazione, offendere la tua beniamina (nè mi sarei mai permesso... Non è costume mio o di Maggie's Farm, e se tu hai letto davvero tutto del nostro sito avresti dovuto renderti conto del mio costante ricorso al "politically correct" proprio perchè rispetto le opinioni di chiunque purchè espresse con educazione) ma semplicemente constatare un qualcosa che secondo me è assolutamente innegabile e che è in ogni caso frutto del mio esercizio della mai troppo lodata, nei regimi non dittatoriali, libertà di opinione. Aggiungevo, poi, sempre esprimendo un MIO parere naturalmente, che questi artisti non puntano sulle capacità vocali (ovviamente) ma su altro per affermarsi presso il grande pubblico.
Quindi, secondo me, nel caso della tua beniamina, il successo arriva grazie ad altri fattori quali la simpatia, la bellezza, la fama anche indiretta (Romina è figlia di celebrità come Tyrone Power e Linda Christian), la capacità di legare il proprio nome a brani di grandissima presa popolare (quanti milioni di dischi ha venduto Romina Power con il suo celeberrimo "Ballo del qua qua", disco di platino?), le doti di grande autrice (che tu, dal tuo rispettabile punto di vista, giustamente sottolinei), il fatto di essere artista completa (anche questo tu lo sottolinei) spaziando dalla musica alla televisione, dal teatro al cinema (io per esempio che amo particolarmente Romina per la sua bellezza sto ancora inutilmente cercando un suo vecchio film, ed il relativo fotoromanzo, in cui la giovanissima attrice elargiva le proprie grazie in tutto il suo fulgore di diciottenne in numerose sequenze che, ricordo, all'epoca fecero molto scalpore per il contenuto al limite dell'erotico, e risvegliarono le mie pruriginose voglie di adolescente di fronte alle nudità della bella attrice...Se qualcuno ne possiede una copia mi contatti...), la versatilità e la poliedricità che ancora tu giustamente sottolinei che ha fatto sì che ella si cimentasse nelle arti più varie, dalla pittura alla fotografia al musical affrontando tra l'altro anche la sceneggiatura cinematografica ed il romanzo...
Come vedi, quindi, la tua interpretazione è errata al cento per cento.
Io però, e qui azzardo una supposizione (ma è chiaro che è una mia personalissima opinione e che può ovviamente essere errata, se pur rispettabile) credo di intuire anche il motivo del tuo ingiustificato e poco elegante moto d'ira.
Credo infatti che tu, aprioristicamente, abbia fatto due più due dando automaticamente alla mia frase una valenza negativa nei confronti di Romina perchè spesso la Power è usata come esempio di artista mediocre, commerciale nel senso più deteriore del termine, banale, melensa etc. etc. (non da me, ovviamente, ma ho spesso nel corso degli anni sentito discorsi del genere), accostata in questo a molti altri artisti (con motivazioni differenti, ovviamente, ma tutti accomunati da una matrice "nazional-popolare", per usare una celebre locuzione coniata da Pippo Baudo) dalle caratteristiche similari quali, per fare qualche nome, i Ricchi e Poveri, Nino D'Angelo, Christian, Toto Cutugno e chi più ne ha più ne metta... (spero di non ricevere adesso lettere di protesta dai fans dei succitati artisti, quindi, considerato che sto scoprendo che - ahimè - molti non conoscono la lingua italiana, sottolineo che NON DICO IO QUESTE COSE MA LE HO SENTITE DIRE DI CONTINUO NELLA MIA VITA QUANDO SI PARLAVA DI MUSICA ITALIANA...).
Se questo è stato il tuo ragionamento, dunque, come vedi non è assolutamente il mio caso e, ripeto, con una maggiore attenzione nella lettura ed una minore prevenzione da parte tua, te ne saresti sicuramente reso conto.
Quindi mi permetto di consigliarti umilmente in futuro di non fare "processi alle intenzioni" e di non trarre conclusioni errate quando le frasi che stai leggendo dicono esattamente l'opposto di quello che tu erroneamente capisci e soprattutto di esporre le tue proteste (siano esse errate ed ingiustificate, come in questo caso, che giustificate) in maniera garbata, come sarebbe buona consuetudine tra persone che vogliano dibattere in maniera civile, e non adottando toni al limite della maleducazione.
Mi riferisco al tuo uso infelice, e con evidenti sottintesi offensivi, di termini come "incazzatissimo" o "poetino" sicuramente evitabili in un'esposizione educata seppur accorata di una contestazione.
E' il sistema che io ho da SEMPRE adottato nelle mie risposte sul sito ed è il sistema che ESIGO da chiunque scriva al sito stesso sia per protestare che per lodare e non mi stancherò mai di ripeterlo finchè arriveranno lettere come la tua e ti annuncio fin d'ora che tue eventuali lettere future non conformi a tale criterio (e questa che hai spedito ha pericolosamente rasentato il ciglio...) saranno implacabilmente ed inesorabilmente cestinate.
Come vedi, quindi, noi non abbiamo offeso nessuno. Chi ha invece offeso qualcuno sei stato tu che con la tua inutile e demagogica lettera hai offeso Dylan definendolo "poetino" (e non esprimevi una tua personale opinione altrimenti avresti dovuto far precedere la frase da un "a mio modestissimo avviso") , hai offeso noi di Maggie's Farm con la tua poco elegante, scomposta ed isterica invettiva e soprattutto hai offeso la tua intelligenza.
Ciao da
Michele "Napoleon in rags" Murino

ps: nemmeno rispondo al tuo discorso sull'esterofilia perchè se tu fossi stato più attento nel leggere la mia lettera in questione ti saresti accorto che semmai dovrei essere, all'opposto, tacciato di eccessivo nazionalismo.
 

124) Ciao Michele,
dunque vuoi sapere qual'è stato il mio primo concerto di Dylan?
Beh, era il 28 maggio (è vero, pure quest'anno sarà il 28 maggio...) 1984,
Arena di Verona, luogo prestigioso. Prima si esibisce Santana, e durante lo
spettacolo si scatena un temporale (anche con grandine, mi pare) e l'Arena
si colora di migliaia di K-way. Un tempaccio. Poi Santana finisce, la
pioggia diminuisce, e quando Bob fa il suo ingresso sul palco, un
incredibile arcobaleno sovrasta l'Arena!
Non male come inizio, vero?
Benché sia passato un po' di tempo (ahimè), ricordo due pezzi straordinari:

Girl from the north country e Shelter from the storm.

Per quanto riguarda il sistema di raggiungere Nino nel conteggio dei
concerti, legarlo non è il caso perché non sono bravo coi nodi, avvelenarlo
nemmeno perché è molto diffidente, sparargli non posso perché non ho una
pistola, allora dopo aver concordato con lui i prossimi concerti da vedere,
ho aggiunto una data in un giorno in cui lui non poteva muoversi...

Un'altra cosa: potresti elencarmi quali sono secondo te i dieci migliori
bootlegs che conosci?

Un'altra altra cosa: io posso vantare una Frankie Lee and Judas Priest dal
vivo (fantastica), e tu?

Ciao e grazie per tutto il lavoro che fai. Un giorno Bob ti premierà per
tutto ciò. (Forse).

Paolo.

Ciao Paolo,
dubito che Bob ci premierà mai con qualcosa (fosse anche due righe o un autografo) dal momento che, a quanto dicono, non possiede nemmeno un computer e non sembra sia molto interessato ai siti a lui dedicati (come ogni artista PURO giustamente fa limitandosi ad esprimere la propria arte senza tenere conto del pubblico). A tal proposito la tua frase mi ha fatto venire in mente una questione che potrebbe essere spunto di discussione sulle pagine di Maggie's Farm e che vado a sviscerare di seguito. Tempo fa una persona che ha scritto diverse volte al sito e che non cito perchè magari non ha piacere che si sappia il suo nome mi ha scritto una lettera in cui si lamentava del fatto che Dylan non è espansivo nei confronti dei suoi fans, che sembra quasi dimostrare che non gliene frega nulla del pubblico, che fa di tutto per non essere avvicinato dai fans stessi etc... La persona in questione accusava Bob di essere "arido" da questo punto di vista e di non dare il giusto peso a coloro che in fondo gli hanno consentito di diventare una rockstar... Qual è la tua opinione Paolo (e ovviamente quella degli altri amici in linea?...). La mia l'ho sintetizzata nella parentesi di poco fa quando parlavo di "artista PURO" anche se devo dire che anche a me dà a volte fastidio il fatto che Bob sia così schivo e, quando è sul palco, non rivolga quasi una parola al pubblico (intendiamoci non pretendo che faccia come Madonna o artisti simili ma un minimo di entusiasmo verso l'audience non starebbe male...). Il dibattito è aperto...
Tornando alla tua lettera, Paolo, i miei dieci bootleg preferiti sono... Sai che è difficile così su due piedi... Te ne elenco alcuni anche se probabilmente ne dimentico altri.
Per quanto riguarda i boot da studio:

The deeds of Mercy
Tempest storm
Hard to find
Between Saved and Shot
Genuine Bootleg series
Genuine Basement tapes
New York sessions
Possum belly overalls
Blood on the tapes
Rough cuts

Per quanto riguarda i boot live:

Bathed in a steam of pure heat
In the summertime
Solid rock
Knight of the Hurricane
The French girl
Toad's place
Paint the daytime black
Covering them
Brixton blues
Songs for Patty Valentine

Ti invidio di aver assistito a "Ballad of Frankie Lee..." live... E' una delle canzoni che sogno di poter ascoltare in concerto... Dovessi su due piedi dire la mia preferita ai concerti cui ho assistito... direi "Masters of war" a Collegno...
A proposito, ma il concerto di Verona che tu citi... era veramente brutto nel suo complesso come dicono? (addirittura Clinton Heylin, nel suo Jokerman, lo giudica forse il peggior concerto di Dylan o qualcosa di simile...).
Ciao Paolo e alla prossima
Napoleon
 
 

Ho appena finito di ascoltare il nuovo Best of Bob Dylan Volume 2 nella versione "limited edition" (disco doppio) e riporto di seguito qualche dato e qualche mia impressione.
The Best of Bob Dylan Volume 2
prezzo 41000
Columbia 498361 9
(c) 2000 Sony Music Entertainment
Disc 1:
1) Things have changed
2) A hard rain's a-gonna fall
3) It ain't me babe
4) Subterranean homesick blues
5) Positively 4th street
6) Highway 61 revisited
7) Rainy day women # 12 and # 35
8) I want you
9) I'll be your baby tonight
10) Quinn the Eskimo (The mighty Quinn)
11) Simple twist of fate
12) Hurricane
13) Changing of the guards
14) License to kill
15) Silvio
16) Dignity
17) Not dark yet
Tutte le versioni sono quelle dei dischi originali tranne Dignity che è un out-take di Oh Mercy

Disc 2:
1) Highlands (live)
2) Blowin' in the wind (live)

La prima dovrebbe provenire dal Madison Square Garden, New York City, 27 Luglio 1999
la seconda dall' Ice Palace, Tampa, Florida, 30 gennaio 1999

Uno strano errore è sfuggito in fase di trascrizione dal momento che "Subterranean homesick blues" è scritto erroneamente "Subterrannean homesick blues" (a meno che in inglese non esistano entrambi i termini... ma non credo).

Il disco fa il paio con The best of Bob Dylan vol. 1 che era uscito qualche tempo fa e devo dire che tra i due dischi messi insieme effettivamente c'è il meglio di Bob (o quasi...). In questo secondo segnalo anche le belle foto del booklet con un Bob particolarmente pensieroso...
Dominano ancora gli anni sessanta con ben 8 brani. Poi seguono gli anni settanta con 5 brani. Solo tre canzoni dagli anni 80 e tre anche dagli anni 90.

Michele
 
 

Chiunque voglia replicare alle discussioni può inviare una e mail al seguente indirizzo: spettral@tin.it
 



 

MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

------------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------