parte 123
Lunedì 29 Luglio 2002


Vuoi discutere di Bob Dylan, della sua musica, della sua storia?... 
Hai domande da porre, storie da raccontare, emozioni da condividere,  sul grande Bob o inerenti la sua  musica e la sua vita? 
Scrivi a spettral@tin.it e le tue mail saranno pubblicate in queste pagine ogni lunedì.
Il curatore di questa pagina si riserva di pubblicare o meno, del tutto o in parte, le mail spedite a questa rubrica in relazione alla forma ed ai contenuti delle stesse, tagliando o cestinando quelle che dovessero contenere frasi ritenute non pubblicabili o argomenti non inerenti la rubrica stessa.
Napoleon in rags


1220) Ciao Michele,

Someone told me to email you with this question: do you know if the Bob
tribute band from somewhere around Varese (I forget the name) are
playing any shows over the next couple of months. I'm stuck in Pavia until
mid-September, and was hoping there'd be something to liven up the hot,
mosquito-infested summer.

Thank you,
Damian

Hi Damian
I don't know what is the name of the band that you mention. Anyway I'll try to find informations about it and I'll let you know...

Allora, qualcuno ha idea di quale sia la Bob Tribute Band di Varese di cui parla Damian?
Fatemi sapere se la conoscete... grazie.
Michele "Napoleon in rags"


1221) Ciao Michele,
Volevo ringraziare chi ha inviato la foto di Bob con Knopfler
che stavo cercando.

Grazie Tino!!

Ciao Tino,
ho perso il nome di chi aveva mandato quella foto... Comunque si senta ringraziato ugualmente... Nessun altro mi ha segnalato foto di Bob con Mark Knopfler quindi suppongo che al di là di quelle che ho pubblicato in Talkin' non ne esistano altre, almeno che siano state pubblicate, intendo... Poi magari ce ne saranno altre inedite... Comunque se qualcun altro ne ha può sempre inviarmele, ok? C'era inoltre un sito in Rete che aveva diviso le fotografie di Bob per "tema" e c'era una sezione con tutte le foto di Bob insieme ad altri artisti. Solo che non riesco a trovare il link e non mi ricordo il nome del sito. Però a mia memoria mi sembra di ricordare che anche lì c'erano sempre le foto con Knopfler già conosciute...
Ciao Tino e alla prossima
Michele "Napoleon in rags"



 

1222) Ciao Michele
complimenti per i nuovi fumetti di Mummy e Zimmy. Sono molto divertenti, ma volevo sapere se prenderanno il posto del tuo Zimmy... Spero di no perchè il tuo Zimmy mi fa sbellicare.
Ciao
Giovanni "Clean Cut Kid"

Ciao Giovanni
no, Mummy & Zimmy sono una creazione - esilarante secondo me - della mitica Beni "Hamster" che alla cena di MF di sabato scorso mi ha fatto vedere (oltre che darmi, naturalmente) le prime strisce che
vedrete nei prossimi giorni (una l'avete già vista qui). Ci siamo messi a leggere le sue strips durante la
cena rischiando di finire tutti sotto i tavoli per il gran ridere anche perchè di fianco a me c'era la
protagonista assoluta del fumetto (vabbè insieme a Zimmy) che è appunto Mummy, ovvero Liaty (mamma nella realtà dell'autrice Beni), o - come dice Zimmy - "Layeti" (pronuncia all'americana), la scrittrice "sovversiva" (come l'ha definita Beni nel fumetto) che incredibilmente ha accettato di comparire nella strip mettendo in gioco la sua reputazione di scrittrice di spy stories di successo (potenza di Maggie's Farm). A proposito chi non ha letto il racconto "dylaniano" scritto da Liaty con protagonisti Ogden ed il misterioso Robert Hibbing vada qui...

Mummy and Zimmy appariranno regolarmente su MF (Beni si è impegnata... !! Ormai sei incastrata
"Hamster"!)...
Però il mio Zimmy non è stato licenziato e dunque su MF continuerò a pubblicare anche i miei pseudo
fumetti con Zimmy, Jim ed il resto della banda.
Anzi ti anticipo uno scoop sensazionale, forse uno dei due o tre eventi dylaniani dell'anno... Sempre durante la suddetta cena di MF di sabato io e Beni, anzi Beni ed io (rispettiamo la disegnatrice professionista) abbiamo deliziato gli astanti disegnando e sceneggiando a quattro mani e "live", cioè dal vivo tra un boccone di pizza e l'altro una strip in cui si incontrano il mio ed il suo Zimmy. Un team up come si dice in gergo fumettistico. Eccone qui sotto un'anteprima.

Vedrete l'intera strip (un capolavoro, come sottolineato da Anna Duck quella sera) nei prossimi giorni. Riuscirete a sopravvivere fino a quella data?... Eh, lo so che è dura ma cercate di resistere nell'attesa.
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


I due Jim a confronto


 

1223) Ciao Michele,
un breve messaggio per comunicarti che sul settimanale "Oggi"
c'è un bell'articolo su Bob in compagnia della bella Penelope Cruz con
alcune foto interessanti. Il tutto riguarda le riprese del film.

Buona giornata Luca "Spider"

Ciao Luca,
thanx per la segnalazione. Ho messo l'articolo di cui parli più sotto grazie a Massimouse che me lo ha inviato.
Alla prossima,
Michele "Napoleon in rags"


1224) Ciao Michele,
ho molto apprezzato le riflessioni su TOOM apparse sulla talkin' e vorrei dire anch’io la mia. Mi è
sembrato di capire che le critiche rivolte a TOOM siano che è un album monotematico e ripetitivo,
con un eccesso di produzione (di Lanois) che quasi uniforma le canzoni e che inoltre i testi siano
come “forzati” e non ispiratissimi.

Secondo me  è al livello di Oh Mercy (che è un grandissimo album) e superiore a LAT, che è
comunque un ottimo disco ma alterna grandi canzoni come la stupenda Mississippi ed anche High
Water e Sugar Baby ad altre, a mio avviso,  di valore molto minore come Bye and Bye (che mi piace
veramente poco, per usare un eufemismo), Moonlight (molto meglio dal vivo) e Cry a while. Invece
TOOM è molto più uniforme (concordo con Carrera quando dice che può essere ascoltato come una
sola lunghissima canzone) ma non mi sembra che ciò possa costituirne un difetto. Inoltre le canzoni
di TOOM sono nate in quel contesto (dell’album) ed il fatto che Dylan dal vivo le abbia cambiate
non mi sembra che voglia dire che non andavano bene come erano prima, ma semplicemente era
diverso il suo stato d’animo e quindi l’approccio alla canzone, come ha fatto giustamente notare
Antonio. Poi le liriche sono, secondo me, di un livello molto elevato e condivido in pieno le
considerazione che ha fatto Antonio.

Ci sono versi disarmanti e impietosi come
 

I see, I see lovers in the meadow

I see, I see silhouettes in the window

I watch them 'til they're gone and they leave me

hanging on to a shadow
 
 

dove il narratore cerca disperatamente di trovare appiglio nel vedere la realizzazione dell’amore
almeno tra gli altri uomini, poiché ciò gli direbbe che è possibile stabilire un rapporto e gli darebbe
ancora speranza. Il verso più terribile dell’album  è comunque, secondo me, quello di Million miles
 
 

That's all right mama.... you..... you do what you gotta do
 
 

dove dice alla sua amata che certo non può trattenerla contro la sua volontà, anche se questo poi
dovesse procurare a lui la morte. Poi ci sarebbe da citare l’intera Not dark yet con il suo totale senso
di sconforto espresso con una semplicità disarmante
 
 

I've been down on the bottom of a world full of lies

I ain't looking for nothing in anyone's eyes

Sometimes my burden is more than I can bear

It's not dark yet, but it's getting there
 
 

Sempre con la stessa semplicità e quasi con noncuranza vengono pronunciati anche
questi versi di Highlands
 
 

Woke up this morning and I looked at the same old page

Same ol' rat race

Life in the same ol' cage
 
 

che esprimono una totale disillusione dalla quale si può scappare solo nelle Highlands (a
mio avviso metafora della musica tradizionale).

Poi c’è anche il senso di totale impotenza espresso da Cold irons bound
 
 

One look at you and I'm out of control

Like the universe has swallowed me whole
 
 

oppure
 
 

Looking at you and I'm on my bended knee

You have no idea what you do to me
 
 

dove sembra che dopo la parola "idea" Dylan faccia una pausa per riprendere fiato come
se le stesse parole della canzone lo stiano soffocando.

In conclusione a me sembra che l’intero album abbia una grandissima coerenza di fondo,
che le liriche siano veramente di alto livello e che, pur trattando lo stesso tema, non
risultano mai veramente ripetitive, perchè si pongono di fronte al problema da angolature
simili ma mai identiche e così ognuna ne sottolinea un particolare aspetto.

Francesco Tiger

P.S. grazie mille per le traduzioni dei testi che ti avevo chiesto.

Ciao Francesco,
grazie per il tuo contributo al dibattito su TOOM che mi sembra abbia coinvolto veramente molto e di questo passo potrebbe essere la discussione più lunga apparsa su Talkin' (so che sono in arrivo altri interventi sull'argomento e già qui di seguito ce n'è uno). Mi sembra interessante la tua ipotesi che Dylan usi le Highlands come metafora della musica tradizionale... Che ne pensano gli altri?...
Per le traduzioni no problem anzi se ne desideri altre dimmelo tanto prima o poi devo tradurle tutte... Anzi siccome cominciano a scarseggiare invito tutti a segnalarmi canzoni interpretate da Dylan che non ho ancora inserito nella nostra paginona di traduzioni e che secondo voi meritano....
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"
ps: una domanda che non c'entra niente... Mi sai dire che fine ha fatto il forum di De Gregori? Non quello sul tuo sito ma l'altro, quello cui partecipavi anche tu... E' sparito?


1225) Caro Michele, se il discorso non e' chiuso vorrei dire anch'io la mia su TIME OUT OF MIND.

Dunque, a parte il fatto che LOVE SICK è una delle dieci canzoni più belle di Dylan, che STANDING IN THE DOORWAY è una delle canzoni più commoventi che ho mai sentito, che NOT DARK YET è
ancora più commovente, che DIRT ROAD BLUES, MILION MILES, COLD IRON BOUND, CAN'T WAIT e 'TIL I FELL IN LOVE WITH YOU sono i blues più sporchi e taglienti che ho sentito negli ultimi vent'anni, che MAKE YOU FEEL MY LOVE è una graziosa piccola canzone volutamente "minore", che TRYIN' TO GET TO HAVEN è una preghiera sommessa e desolante, che HIGHLANDS è la più distaccata, laconica e inarrivabile ballata che si sia mai sentita, che in questo disco Dylan si mette a nudo più di quanto forse avesse mai fatto e di quanto forse mai farà, cantando senza manierismi con la più adorabile voce da corvo che sia mai stata udita, che trovo ridicoli e inutili tutti i cinquanta/sessantenni che "suonano con l'energia e la vitalità dei vent'anni" e che TOOM è finalmente il disco di un ultra cinquantenne che suona canta e scrive proprio come un ultra cinquantenne, che è un disco oscuro e spettrale senza essere mai banalmente Dark, che i testi sono poetici proprio perché non sono poetizzanti, che ci sono tre o quattro versi che sono quanto di più simile a delle ferite sanguinanti sia mai stato fatto in musica, che è un disco coraggiosamente doloroso che non concede consolazioni di sorta, che è ossessivo e sottilmente minaccioso anche verso i fans, che mette in luce tutti quegli aspetti della vita che l'attuale società vuole mettere in ombra, che riesce a parlare di sentimenti senza mai usare la retorica, che era un disco al di fuori di tutte le mode del momento, che essendo io uno snob con la puzza sotto il naso sono contento di non averlo visto in nessuna Top-Ten o averlo ascoltato in nessun servizio sportivo, che mi piace il pensiero che se mai per qualche oscuro scherzo del destino una radio di quelle ggiovani che ascoltano solo i ggiovani e che trasmettono solo musica ggiovane dovesse mai trasmettere un canzone di Dylan questo sarebbe l'ultimo disco in cui andrebbero a cercarla, che Lanois ha secondo me fatto solo quello che Dylan voleva che facesse e comunque sia ha fatto un grandissimo lavoro, che ha una copertina spartana perfettamente in linea con la musica, che ha un titolo affascinante e misterioso senza essere eccessivamente criptico, che se ho capito qualcosa degli umori della critica e dei capricci del pubblico sarà LOVE AND THEFT a pagare le peggiori conseguenze di questa tendenza a rivalutare sempre tutto con il senno di poi (e ne sarò altrettanto dispiaciuto pur amandolo un po' meno) e che lo adoro punto e basta ecco a parte questo volevo dire che anch'io considero TOOM un album sopravalutato.

Ciao, Tommaso.

P.S. Ogni tanto faccio dei disegni ispirati alla musica che ascolto. In realtà non ne ho mai finito uno ma, se ti interessassero quelli su Dylan, potrei finirli (in tempi moooooolto lunghi). Allego come esempio un
(brutto) schizzo elaborato per un quadro ispirato alle atmosfere di PLANET WAVES mai nemmeno
iniziato, ovviamente. Interessa?

Ciao Tommaso
e grazie anche a te per l'intervento su Toom (la risposta alla tua domanda se il dibattito è sempre aperto naturalmente è sì: su Talkin' ogni discussione può essere ripresa anche da puntate di molto tempo fa).
Per i disegni naturalmente manda manda manda assolutamente. Quello (superbo!) che mi hai mandato è qui sotto e lo inserirò quanto prima nella nostra sezione "Draw a picture of me..." (che - tanto per restare in tema - avevo ripreso nel titolo proprio da Time out of mind).
Grazie ancora e alla prossima
Michele "Napoleon in rags"
 
 
 

Planet snow

1226) Ciao,
ti segnalo che alla pagina web
www.alcorngallery.com/Dylan.html
viene mostrato un bellissimo e commovente ritratto di Bob eseguito dall'artista americano Stephen Alcorn.
Francesco

Thanx Francesco


1227) Ciao,
ho appena finito di leggere il libro "Bob Dylan 1962/2002 - 40 anni di canzoni"
di Paolo Vites, in cui l'edizione "degli anni 80" di Blonde On Blonde viene
sconsigliata a causa di un cattivo mixaggio. Vorrei saperne di più...
Grazie!
DIRGE

Ciao Dirge
ok la domanda è "girata" a Paolo che spero possa risponderti...
Ciao,
Michele

Ed a tempo di record Vites risponde:

Beh, direi che bisogna ascoltarlo... se vuoi ti vendo
a metà prezzo la mia copia (scherzo...).
Semplicemente è stato effettuato un pessimo mixaggio,
come accadeva a gran parte della prima ondata di
ristampe su cd a metà anni ottanta; semplicemente non
si andavano a prendere i master originali ma per
risparmiare si metteva su cd una qualunque copia da
vinile, come quando si fanno le copie di copie di
copie di... su cassetta... di terza o quarta
generazione, insomma.

Nel caso di blonde on blonde, poi, hanno ulteriormente
infierito, probabilmente per qualche errore tecnico,
ma la parte di tastiere di al kooper (fondamentale e
imprescindibile per il sound di blonde on blonde) è
stata mixata in completo sottofondo, è praticamente
inaudibile, ad esempio il bellissimo riff dopo ogni
ritornello di one of us must know o in visions of
joahnna. inoltre alcuni brani (adesso non ricordo
quali) sono stati tagliati nel finale di qualche
secondo.

un vero delitto. per fortuna poi BOB è stato
ristampato nella versione Gold con splendida
masterizzazione.

attenzione dunque a quando comprate BOB su cd: non so
poi se sono uscite nuove ristampe su cd, ma io mi
tengo stretto la copia Gold.

a questo proposito, TUTTI i dischi di dylan dovrebbero
essere ristampati con nuova masterizzazione,
sull'esempio di Street Legal, o anche della copia di
Blood On The Tracks uscita a fine '99 nella serie
Millennium Edition, che ha una bellissima
masterizzazione.

Paolo Vites


1228) Grazie Michele,
Grazie a Fernanda Pivano, ancora una volta, che amore traspare dalle sue
parole su Bob e Fabrizio, grazie ancora!!!
Ho passato nelle scorse settimane alcuni giorni a casa di Fabrizio
all'Agnata in Sardegna: che emozione amici miei! Eravamo a casa di
Faber, ascoltavamo Bob e Fabrizio in un'atmosfera incredibile, toccavo
le sue cose, i suoi libri, le sue targhe di qualche premio ricevuto e la
mente riascoltava Fabrizio cantare Bob. Purtroppo se n'è andato e noi
siamo più soli.
Statemi bene
Papa Mario

Ciao Papa,
grazie a te. Anche io sono molto orgoglioso di quel pezzo della Pivano che ci hanno concesso per MF... Se qualcuno non lo ha ancora letto lo trova qui
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


1229) Ciao Michele, e' la prima che ti scrivo e vorrei cominciare portandoti
i non scontati e ovvi complimenti per il sito. Suddetti complimenti
considerali pure come meritati. Sono in un periodo particolarmente
dylaniano ed e' giunto il momento per me di analizzare l'opera live
del signor tamburino. Cosi' mi vorrei procurare tutte le registrazioni
live UFFICIALI del nostro. Ora, saro' distratto io ma sul sito non ho
trovato tutto cio' che cercavo. Finora possiedo:
Before the flood
Hard rain
At Budokan
Mtv unplugged
30th anniversario
Bootleg 4 live 66
Mi sono procurato Highway61 a Woodstock e anche le versioni di
Blowing' e Highlands uscite sull'ultimo Greatest Hits. E poi mi pare
niente altro. Ora ti chiedo: cosa mi manca? Secondo i miei calcoli, a
parte Real live dovrebbero esserci dei pezzi live sui singoli estratti
da TOOM, mi daresti info precise?? E inoltre avrei il problema del
Live 1961-2000, perche mi interesserebbe avere i pezzi che non sono
presenti da nessuna altra parte. Mi sapresti dire quali sono??? E poi
ci sarebbero anche pezzi pubblicati in vari dischi non di Dylan come
le esibizioni ai Grammy e cose simili. E poi magari altro che ho
dimenticato o non ho mai saputo!!Insomma Napoleon, mi potresti aiutare
a compilare un elenco completo e cronologicamente corretto dei live
ufficiali di Bob (magari sul sito c'e' gia qualcosa e io non l'ho
trovato!!). Cmq spero di essere stato chiaro e di riscriverti a
proposito dell'argomento, ti rinnovo i complimenti, ti ringrazio
anticipatamente e ti saluto!!a presto!!

MrMouse
why don't you break my heart one more time, just for good luck!!

Ciao MrMouse allora ti elenco quello che ad occhio e croce esiste ancora di live ufficiale che tu non hai citato. Sicuramente dimenticherò qualcosa per cui chiedo di aiutarmi nell'elenco a chi è in ascolto...
Allora non hai citato Dylan and the Dead, l'album con i Grateful Dead.
Poi il single "Not dark yet" (con Not dark yet - studio, Tombstone blues live, Ballad of a thin man live, Boots of spanish leather live)
Poi il single "Love sick" cd1 (con Love sick live dalla serata dei Grammy, Cold Irons Bound live, Cocaine blues live, Born in time live)
Poi il single "Love sick" cd2 (con Love sick - studio, Can't wait live, Roving gambler live, Blind Willie McTell live)
Poi c'è il single "Things have changed" (con Things have changed - studio ma radio edit, To make you feel my love live, Hurricane - studio, Song to Woody live)
Per quanto riguarda "Bob Dylan Live 1961-2000" ecco quelle mai pubblicate prima:
Somebody touched me
Wade in the water
Handsome Molly
To Ramona
Country pie
Things have changed.
Poi ci sono alcune canzoni di quell'album che non sono mai state pubblicate su dischi di Dylan e sono:
Grand Coulee Dam
It ain't me babe
Dead man, dead man
Cold irons bound,
Born in time

Al momento non ricordo altro ma sicuramente qualcos'altro c'è... Se qualcuno mi aiuta nella prossima Talkin' proseguo l'elenco, ok? Mandatemi segnalazioni
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


1230) 37 ANNI DOPO
  Dylan torna a Newport
  Washington. Sono passati esattamente 37 anni, e ancora oggi l'episodio
viene   considerato uno dei più importanti nella storia della musica moderna
americana:   la svolta rock di Bob Dylan, avvenuta al Newport Rock Festival durante
l'ultimo fine settimana di luglio del 1965. Sabato prossimo, c'è chi non
esclude  che qualcosa di simile possa ripetere, perché il cantautore americano,
che ora ha 61 anni, tornerà ad esibirsi, per la prima volta dopo la
svolta, nella perla dello stato di Rhode Island, tra Boston e New York.
Trentasette anni fa il giovane folksinger, noto allora per accompagnare i suoi
successi - come «Mr. Tambourine Man» o «Blowing in the Wind» - solo con la
chitarra acustica e l'armonica, si presentò al festival di Newport accompagnato
da una rock band. Fu un vero terremoto. Il pubblico, sotto choc, non
reagì molto bene, e alcuni tra gli amici del cantante, ignari di quello che
sarebbe successo, la presero addirittura come un?offesa personale. In realtà
quella di Bob Dylan non fu una provocazione, come spiega Tom Pazza sul «New
York Times», Il cantautore stava semplicemente vivendo una delle sue tante
svolte, forse la più spettacolare, avvicinandosi al rock. Proprio pochi giorni
prima, era uscito «Like a Rolling Stone», una delle canzoni che hanno
maggiormente influenzato i grandi complessi rock degli anni Sessanta e Settanta, e
Dylan stava registrando quello che la critica considera ancora oggi il suo
capolavoro, l'album «Highway 61 revisited».
Ciao,
Giampiero
e buone vacanze. Senti ma è possibile riuscire ad  avere il testo, magari con traduzione di Tangled up in blue di Real live?

Ciao Giampiero
sicuramente. Se qualcuno però mi sa dire dove si trova il testo... lo traduco e lo inserisco nel nostro paginone... Qualcuno ha idea di dove reperirlo?
Michele "Napoleon in rags"


1231) Ciao Michele,
è da tempo che non ti scrivo, ma ogni settimana
seguo l'evoluzione di Maggie's. Complimenti per il tuo
costante impegno. Io voglio sdebitarmi in qualche modo
spero di non arrivare tardi con questo articolo che ho
pescato tra le mani di mia madre. Forse non vale la
pena di leggerlo ma fa sorridere leggere di Dylan su
un settimanale come questo.
Ciao Massimo.
P.S. Buone vacanze

Grazie Massimo. Conunque il titolo è originalissimo: DYLAN - PORTANDO QUESTA CRUZ HO TROVATO IL MIO PARADISO. Con citazioni colte da Tryin' to get to Heaven, Knockin' on heaven's door, Sign on the cross e chissà cos'altro...




 
 
vuoi replicare alle discussioni di questa pagina?
vuoi proporre nuove discussioni ?
vuoi porre domande o parlare di Bob?
scrivi a
spettral@tin.it
vuoi scrivere articoli su Dylan?
Mandali sempre a spettral@tin.it
e saranno pubblicati nella sezione
COME WRITERS AND CRITICS...
clicca qui



MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------