parte 106
Lunedì 1 Aprile 2002

Vuoi discutere di Bob Dylan, della sua musica, della sua storia?... 
Hai domande da porre, storie da raccontare, emozioni da condividere,  sul grande Bob o inerenti la sua  musica e la sua vita? 
Scrivi a spettral@tin.it e le tue mail saranno pubblicate in queste pagine ogni lunedì.
Il curatore di questa pagina si riserva di pubblicare o meno, del tutto o in parte, le mail spedite a questa rubrica in relazione alla forma ed ai contenuti delle stesse, tagliando o cestinando quelle che dovessero contenere frasi ritenute non pubblicabili o argomenti non inerenti la rubrica stessa.
Napoleon in rags


1160) ciao Michele
non so se ti ricordi di me (sarà anche difficile,anche x' non sono un fan di
Dylan!),mi chiamo Francesco e ci siamo sentiti tempo fa in relazione al
chitarrista (che invece...."adoro") Charlie Sexton!
x vederlo da "vicino",sono andato a 2 concerti di Dylan,quello di Ancona e
quello fatto a Perugia!in entrambi i casi ho sempre sperato di poterlo
vedere proprio da vicino,parlarci,salutarlo e magari farmi fare questo
benedetto autografo sui dischi/cd che puntualmente (e speranzoso) mi sono
sempre portato dietro!! ma và,come ci pensi.....il problema è Dylan e tutto
quello che gli gira intorno,praticamente inavvicinabile,anche se ho chiesto
in "ginocchio" a quelli della sicurezza e affini!! cavolo,voglio vedere x un
attimo il chitarrista "sconosciuto" alla maggioranza,mica Bob o Madonna o
Ricky Martin o David Gilmour!!!! tu che sei nel giro,puoi fare qualcosa?
a pensare che leggendo alcune recensioni sul sito,ho letto di una ragazza
che mentre camminava x la piazza di Taormina,lo ha incontrato (a Sexton) e
non ha avuto il coraggio di parlargli.....se capitava a me!!!! un'altro,che
lo ha incontrato in una stazione di servizio..che C..O!!!!
a parte questo,volevo chiederti un'altra cosa! ho acquistato 2 biglietti x
il prossimo concerto italiano a Ravenna (questa volta riesco a portarmi mia
moglie)...e volevo sapere,sempre se lo sai,in quale lato si piazza Charlie
rispetto a Bob (a dx o a sx?)! vorrei saperlo prima,così all'entrata so
quale direzione andare..a colpo sicuro! come tu sai o notato, nella tourneè
che ha toccato Ancona,stava a sx di Bob,mentre l'anno dopo a Perugia stava a
dx di Bob...quindi mi pare che cambia spesso!lo chiedo a te x' penso che
sarai informato o visto foto/filmati di questo nuovo tour,giusto?
puoi aiutarmi?..se poi sai anche l'albergo o altro x farmelo
incontrare,vengo a casa tua e ti do un bacio!!!!
ciao Michele,stammi bene e spero di ricevere tue notizie! (se puoi girare le
richieste ai tuoi collaboratori,va bene lo stesso!)
buon weekend

Francesco

Ciao Francesco
purtroppo non ho visto concerti recentissimi e non saprei se attualmente Charlie siede alla sinistra o alla destra del Padre... cioè volevo dire di Bob. Di recente io me lo ricordo più sulla destra di Bob però non ci metterei la mano sul fuoco. Ad Anzio era a destra di Bob, a Pescara pure, a Perugia anche (mi sembra), a Taormina idem. Lo stesso dicasi per Napoli. Insomma quelli recenti di cui sono a conoscenza lo vedevano sempre a destra. Se non ha cambiato abitudine di recente...
Chi ci può aiutare? Chi ha visto concerti recenti? O ha visto foto o letto racconti...?
Fateci sapere...
Per quanto riguarda il discorso di incontrarlo direttamente al di fuori del concerto io se fossi in te andrei sul luogo molto prima o resterei un bel pò dopo perchè non è escluso che Charlie si aggiri tranquillamente per le vie intorno. La cosa è successa non mi ricordo dove ma l'ha raccontata Toni "Albatros (se ricordo bene) che aveva beccato lui e forse Larry Campbell in giro per le strade.
In genere i musicisti di Bob non sono inavvicinabili (a differenza di quel timido di Bob) ed a La Spezia, ad esempio, Tony Garnier era davanti a me ed all'agente Gio "Lamb" (hai letto il racconto dal Neverending Tour relativo?) ed era avvicinabilissimo anche se poi in realtà noi abbiamo preferito non disturbarlo, ma volendo era a portata di mano e avremmo potuto senza problemi andare a parlargli. Lo stesso credo sia per Charlie che non corre il rischio di essere assalito dai fans, credo...
Per quanto riguarda il discorso dell'albergo ti consiglio di leggere il giornale locale del giorno del concerto della relativa città (Milano, Ravenna o dovunque andrai). In genere nell'articolo riportano il nome dell'albergo in cui Dylan soggiorna (e con lui dunque la band, in genere) quindi potresti appostarti e magari lo becchi (Charlie intendo) mentre va al soundcheck (in genere nel pomeriggio del giorno del concerto).
In ultima analisi potresti sempre provare con la security che magari potrebbe intenerirsi (consiglio: non andare a chiedere tu ma manda tua moglie, in genere il fascino femminile ottiene migliori risultati e so di ragazze cui è stato tranquillamente permesso di accedere al backstage e conoscere i musicisti...).
Se poi qualcuno in ascolto ha modo di contattare Charlie direttamente mi faccia sapere.
Ciao Francesco e alla prossima (e fammi sapere com'è andata...)
Michele "Napoleon in rags"
ps: tempo fa proponesti una pagina dedicata a Sexton da mettere su MF... se vuoi puoi sempre mandarmela, lo spazio c'è...



 

1161) Ciao Michele,
Ti scrivo per segnalarti la recensione di un disco di canzoni di
Bob Dylan realizzato da un artista di musica Jazz. In realtà questo disco gira già da un paio di
mesi. Ti invio la bella recensione apparsa su un sito specialistico di musica Jazz “all about
jazz.com”.
Antonio "Cat"

http://www.allaboutjazz.com/italy/reviews/R0801_003_it.htm

Jewels and Binoculars
Michael Moore (Ramboy - Paesi Bassi - 2001)

Ascoltate qualsiasi brano di questo CD omaggio a Bob Dylan e confrontatelo con l'originale. L'esperienza vi divertirà. Se siete amanti del menestrello più famoso della musica rock, capirete come una canzone possa trasformarsi lentamente, rimanendo comunque se stessa.
Se siete dei jazzofili incalliti, vi delizierà l'opera di raffinata improvvisazione. Nell'uno e nell'altro caso l'eccellente Michael Moore avrà ottenuto un doppio personale successo che all'occorrenza potrebbe moltiplicare i suoi effetti.
Non solo avrà fatto dialogare due mondi che sembrano distanti (quello del rock e quello del jazz) e spesso confliggono. Non solo avrà dato un personale quanto originale contributo ai festeggiamenti del sessantesimo anno del cantautore più celebrato, ma avrà dato ulteriore lustro a brani che di per sé sono l'essenza della musica popolare.
Quella che si ciba di musica e parole (di fuoco) e che arriva come un "espresso" al cuore e alla mente della gente, senza fermate in stazioni intermedie.
Il confronto con la musica di Bob Dylan, si diceva.
Michael Moore in tutti i brani parte dall'origine e lentamente si distacca, portando a spasso l'idea di come si possa variare strutture, tempi e temi, restando sempre ben ancorati all'idea iniziale.
In "Pity the Poor Immigrant" (tratta da John Wesley Harding, 1968) il 6/8 viene trasformato in un pulsante beat in 4/4, salvo poi, nella sezione B, ritornare all'originario tempo composto; l'esposizione del motivo viene seguita da una parafrasi e da una illuminante invenzione tematica al clarino.
Il blues in 11 battute di "Highway 61 Revisited" (tratto dall'omonimo album del 1965) viene "regolarizzato" nella struttura, ma piacevolmente stravolto nel tema.
Jewels and Binoculars è un disco prezioso che testimonia la grandezza di un protagonista assoluto della musica e l'attitudine della musica jazz nel plasmare generi e rompere convenzioni.
Per l'una e l'altra ragione, abbiate ben in vista il primo negozio di dischi nei paraggi, vi attenderà una delizia.

Valutazione: * * * * *

Elenco dei brani:
01. I Pity the Poor Immigrant 5.47
02. Fourth Time Around 4.15
03. Visions of Johanna 5.03
04. Dark Eyes 5.44
05. Two Soldiers 8.12
06. Highway 61 revisited 4.39
07. With God On Our Side 4.00
08. Dear Landlord 6.52
09. Sign On The Window 3.35
10. Percy's Song 4.05
11. Boots of Spanish Leather 2.41

Tutti i brani sono di Bob Dylan

Musicisti:
Michael Moore (sassofono alto; clarinetto; clarone; melodica; bells)
Lindsey Horner (basso)
Michael Vatcher (percussioni)

Ciao Antonio,
cercherò senz'altro questo disco che mi sembra interessante. Qualcuno l'ha già sentito? Com'è? Mi incuriosisce soprattutto vedere come è possibile rendere jazz brani come Percy's song e Two soldiers...
Ciao,
Michele "Napoleon in rags"


1162) Ciao.
Scusami per la latitanza. Seguo sempre, con tutti i limiti del mio tempo, il
sito. Cerco insomma di informarmi. Inevitabili i miei complimenti per quanto
fai e fate.
Sarò a Milano il 20 e spero che ci potremo incontrare.
Ti segnalo, nel caso tu non sia informato un articolo su "HIBBING" di Enrico
Deaglio. Lo puoi trovare su DIARIO Numero speciale Supplemento al n. 10/11.
E' corposo viaggio nella cittadina del Minnesota a noi particolarmente cara,
tra miniere di ferro, casa natale di ..., foto di Robert da piccolo, il
locale Zimmy's, l'auditorium primo palcoscenico del nostro ecc. Da non
perdere.

Ciao Michele,
a presto,
Giorgio.

BUONA PASQUA A TUTTI.

Ciao Giorgio,
buona Pasqua retroattiva anche a te.
Grazie per la segnalazione sul numero di "Diario". Spero di trovarlo (se lo trovo magari lo riporto sul sito).
Michele "Napoleon in rags"


1163) Ciao Michele.
Non riesco più a trovare la "strada" per la fattoria. Al solito indirizzo non risponde più
nessuno!
Dove vi siete cacciati?
Potresti inviarmi il nuovo collegamento al sito di Maggie's?
Grazie mille!!!

Albert Milkwood

P.S.: BUONA PASQUA!

Approfitto di questa mail per pregare di informare i vostri amici conoscenti parenti collaterali ed affini del nuovo indirizzo di Maggie's Farm (Tripod ha ristrutturato ed ora il sito è su Lycos). Dunque il nuovo indirizzo è solo ed esclusivamente:

bobindex.htm

Diffondete la notizia quanto più possibile, grazie.
Inoltre ho ricevuto molti auguri di Buona Pasqua ma non ho avuto il tempo di rispondere a tutti visto che sono stato impegnato a modificare un migliaio di links di MF che avevano la vecchia dicitura "utenti.tripod.it". Lo faccio ora cumulativamente: grazie!
Michele "Napoleon in rags"


1164) E a proposito di Pasqua Marco mi invia:

Se dovessi scegliere

una reliquia della tua Passione,

prenderei proprio quel catino

colmo d'acqua sporca.

Girare il mondo con quel recipiente

e ad ogni piede

cingermi dell'asciugatoio

e curvarmi giù in basso,

non alzando mai la testa oltre il polpaccio

per non distinguere

i nemici dagli amici,

e lavare i piedi del vagabondo,

dell'ateo, del drogato,

del carcerato, dell'omicida,

di chi non mi saluta più,

di quel compagno per cui non prego mai,

in silenzio

finche tutti abbiano capito nel mio

il tuo amore
 

(Madeleine Delbrel)


1165) Ciao Michele
incredibile il lavoro di traduzione che stai facendo su MF. Ma, dì un pò... se ho ben capito pian piano tradurrai TUTTI i brani cantati da Bob? Anche quelli non suoi (ho visto che ne hai già messo molti)...? A proposito ho visto che non c'è ancora "My blue eyed Jane" che io adoro, è prevista a breve?...
Ciao,
Giovanni

Ciao Giovanni,
l'idea è proprio quella. Pian piano conto di inserire tutte le traduzioni di tutte le canzoni cantate da Bob, sia su dischi ufficiali sia su boot o in occasioni particolari (tv, radio etc...). Tempo ce n'è e direi che siamo già a buon punto (si fa per dire)...
Quanto a My Blue Eyed Jane che mi chiedi eccotela qui:

MY BLUE EYED JANE
words and music Jimmie Rodgers

The sweetest girl in the world is my blue eyed Jane
We fell in love like turtle doves while the moon was shining down
I asked her then, I asked her when the wedding bells would ring
She said "Oh dear, it seems so queer, that this could happen here"

You are my little pal, and I never knew a sweeter gal
My little blue eyed Jane, I love you so
And when the sun goes down, and a shadow's creeping over town
Just meet me in the lane, my blue eyed Jane

Janie dear, listen here, I've come to say farewell
The world is drear without you dear, but now I cannot linger here
I'm going away this very day, oh please come go with me
I'll be sad and blue wanting you, longing all day through

My little blue eyed Jane, you'll always be the same sweet thing
I know you'll never change, I love you so
And when the sun goes down, and a shadow's creeping over town
Then I'll come back again, my blue eyed Jane

And when the sun goes down, and a shadow's creeping over town
Then I'll come back again, my blue eyed Jane

LA MIA JANE DAGLI OCCHI AZZURRI*
parole e musica Jimmie Rodgers

La ragazza più dolce del mondo è la mia Jane dagli occhi azzurri
Ci siamo innamorati come tortorelle con la luna che brillava nel cielo
Poi le ho chiesto, le ho chiesto quando avrebbero suonato le campane nuziali
e lei mi ha risposto "Oh caro, sembra così strano che possa succedere davvero"

Sei la mia piccola compagna, e non ho mai conosciuto una ragazza più dolce
Mia Jane dagli occhi azzurri, ti amo talmente
E quando il sole tramonta ed un 'ombra scende sulla città
incontriamoci nel vicolo, mia Jane dagli occhi azzurri

Janie cara, ascolta, sto per dirti addio
Il mondo è triste senza di te cara, ma adesso non posso trattenermi qui
Devo partire oggi stesso, oh ti prego vieni con me
Sarò triste e depresso tutto il giorno senza di te

Mia piccola Jane dagli occhi azzurri, sarai sempre la stessa dolcezza
So che non cambierai mai, ti amo talmente
E quando il sole tramonta ed un'ombra scende sulla città
Allora io tornerò, mia Jane dagli occhi azzurri

E quando il sole tramonta ed un'ombra scende sulla città
Allora io tornerò, mia Jane dagli occhi azzurri
 

* in teoria "blue eyed" potrebbe anche diventare un "prediletta" Jane visto che l'espressione "blue eyed son" (ricordate "A hard rain's a-gonna fall"?) sta appunto per "figlio prediletto". Ho preferito però la forma letterale che esalta la bellezza degli occhi azzurri della bella Jane.


1166) Mercoledì 03 aprile 2002
al gambrinus pub di Luino
tornano i Before Hendrix
alle ore 22.00


1167) Hi Michele,
scarica da http://www.expectingrain.com/
"If you see her say hello", una versione incredibile.
Stai bene
"Papa" Mario

Ciao Mario
l'ho scaricata subito dopo la tua segnalazione, ed effettivamente è una grande versione. Il testo è molto differente da quello ufficiale. Si tratta della versione di Lakeland del 18 Aprile 1976. Ho provato a tradurla anche se alcune parole non sono chiarissime dal momento che la registrazione non è buona (le ho segnalate con il punto interrogativo). Se qualcuno riesce a decifrare cosa canta Bob nei punti "oscuri" mi faccia sapere...
Ciao Mario e alla prossima
Michele "Napoleon in rags"

IF YOU SEE HER SAY HELLO
words and music Bob Dylan
Lakeland, april 18, 1976

If you see her, say hello
She might be in North Saigon
She left here in a hurry
I don't know what she was on
You might say that I'm in disarray
And for me time's standing still
Oh, I've never gotten over her
I don't think I ever will

A bright light from me (?), I saw
A shattering of souls
Just one of them reckless situations
Which nobody controls
Well the menagerie of life rolls by
Right before my eyes
And we'll do the best we can
Which should come at no surprise

If you're makin' love to her
Watch it from the rear
You never know when I'll be back
Or liable to appear
Oh it's as natural to dream of peace
As it is for rules to break
But right now I got not much to lose
So you better stay awake (?)

Sundown, silver moon
Hitting on the days (?)
My head can't understand no more
What my heart don't tolerate
But I know she'll be back some day
Of that there is no doubt
And when that moment comes, Lord
Give me the strength to keep her out

SE LA VEDI DILLE CIAO
parole e musica Bob Dylan
Lakeland, 18 Aprile 1976

Se la vedi, dille ciao
Potrebbe essere a Saigon Nord
Se n'è andata di qui in tutta fretta
Non so per quale motivo
Potresti dire che sono confuso
E che per me il tempo ancora dura
Oh, non l'ho mai dimenticata
Penso che non ci riuscirò mai

Una luce brillante da me, vidi
Un frantumarsi di anime
Proprio una di quelle situazioni avventate
Che nessuno riesce a controllare
Beh, il serraglio della vita scorre
proprio dinanzi ai miei occhi
E faremo del nostro meglio
Il che non dovrebbe essere una sorpresa

Se stai facendo l'amore con lei
guardati alle spalle
Non saprai mai quando
potrò ricomparire
Oh è altrettanto naturale sognare la pace
così come infrangere le regole
Ma ora io non ho molto da perdere
Perciò farai meglio a tenerne conto

Tramonto, luna d'argento
battono sui giorni
La mia testa non riesce più a capire
quello che il mio cuore non sopporta
Ma so che un giorno lei tornerà
Su questo non ci sono dubbi
E quando verrà quel momento, Signore
Dammi la forza di non lasciarla entrare


vuoi replicare alle discussioni di questa pagina?
vuoi proporre nuove discussioni ?
vuoi porre domande o parlare di Bob?
scrivi a
spettral@tin.it
vuoi scrivere articoli su Dylan?
Mandali sempre a spettral@tin.it
e saranno pubblicati nella sezione
COME WRITERS AND CRITICS...
clicca qui



 
LE ULTIME NOVITA'...

 
COME WRITERS 
AND CRITICS...
I saggi di Maggie's Farm
TWO RIDERS WERE APPROACHING... 
di Michele Murino
LUNGO LE TORRI DI GUARDIA: UN'ESEGESI IN CHIAVE BIBLICA
Clicca qui
HO TRADOTTO 
I SEGUENTI TESTI:
Coverdown Breakthrough, Deportees, Go 'way little boy, Hallelujah I'm ready to go, Julius and Ethel, Kingsport Town, "Leadbelly Rap", Rocks and gravel, Spanish is the loving tongue, Troubled and I don't know why
Clicca qui
COME WRITERS AND CRITICS SEZIONE OFF TOPIC
IL CARISMA DI MASTRO LINDO
di Giovanni A. Cerutti
Clicca qui
Fuoco Amico: il nuovo live di Francesco De Gregori
MY BACK PAGES
Quarta puntata
Episodi ed immagini
POLAR PRIZE 2000 - Clicca qui
Della serie
"Uno che aveva capito tutto"
BOB DYLAN: 
LIKE A ROLLING STONE 
Conversazione tra Bob Dylan ed A. J. Weberman 
Clicca qui
STORIES IN 

THE PRESS:
DYLAN NON TRADISCE DYLAN
Un articolo del 1978 di Massimo Buda
Clicca qui
COME WRITERS AND CRITICS 
I saggi di Maggie's Farm:
JUST LIKE A MOVIE
La scrittura "cinematografica" 
in Dylan
di Michele Murino
Clicca qui
Ho tradotto i seguenti testi:
COCAINE BLUES - JAMMIN' ME - JESUS MET THE WOMAN AT THE WELL
Clicca qui
La musica dylaniata 
(di Giaime Pintor) 
da "l'uno" n. 1 (1976) Clicca qui

"Nessuno sa cosa c'è 
nella mia testa"
di William Donati
Un articolo del 1978 - Clicca qui
 
Bob Dylan è in trattativa per il ruolo in un nuovo film, riporta "Variety"
Clicca qui
LOVE AND THEFT HA VINTO IL GRAMMY COME
MIGLIOR ALBUM FOLK CONTEMPORANEO
Tutte le immagini della performance di Dylan ai Grammy Awards - Clicca qui

GRAMMY AWARDS 2002 - PICTURES GALLERY N. 2 - Clicca qui
I SAID THAT
QUINTA PUNTATA
clicca qui
Bob Dylan racconta se stesso in 40 anni di interviste, dichiarazioni, articoli etc...

Ho aggiunto molte traduzioni
da "Self Portrait":
clicca qui
Subterranean homesick blues - Prima versione
(traduzione e manoscritto originale della prima stesura del brano di "Bringing it all back home")
clicca qui
MY BACK PAGES
Terza puntata
LENNON/DYLAN LONDON/RIDE (Eat the document out-take) 
Clicca qui
RACCONTI DAL NEVERENDING TOUR:... EITHER ONE, I DON'T CARE ...
Alessandro Carrera ci racconta il concerto che Bob ha tenuto qualche giorno fa a Houston, Texas
Clicca qui
ALTERNATIVE AL COLLEGE - by Bob Dylan - Clicca qui
Grande novità per MF. 

Da oggi le traduzioni ed i testi sono visualizzabili anche per singola canzone.
INDICE ALFABETICO
Tutte le traduzioni ed i relativi testi originali delle canzoni scritte o
interpretate da Bob Dylan apparse su dischi ufficiali o bootleg.
Clicca qui
SOME OTHER 
KINDS OF SONGS
Clicca qui

Poems by Bob Dylan

QUEL FERROVIERE CHE ILLUMINO' IL 900
Grazie ad Alessandro Carrera e ad "Una Città" per averci fatto pervenire questa lunga ed interessante intervista
Clicca qui




 

MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è   una produzione
TIGHT  CONNECTION
--------------------