TALKIN' BOB DYLAN BLUES
la posta di Maggie's Farm

Seconda parte



21) L'amico Andrea ci chiede a proposito di Dylan:
Ma le news dove sono? Suonerà presto in italia?
Andrea a.rabuffetti@libero.it

Risponde Michele "Napoleon in rags": Ciao Andrea... Beh, nel nostro
sito, "Maggie's Farm", abbiamo preferito non puntare sulle news che
riguardano Bob, dal momento che ci sono altri siti molto più competenti
di noi in questo senso (e soprattutto più aggiornati)... Su tutti
segnalo ovviamente il mitico Expecting rain (trovate il link nella
nostra sezione omonima) che è veramente ricchissimo di news e notizie
varie su Dylan e tutto quello che può riguardarlo anche solo
lontanamente (tra l'altro proprio di recente Expecting rain ha inserito
anche il nostro sito tra quelli segnalati e la cosa mi ha reso
particolarmente felice)... Comunque per quanto riguarda eventuali
concerti di Bob in Italia non resta che sperare in questa ipotizzata (e
comunque sicura al 99 per cento) prossima tournee' europea che dovrebbe
partire a Maggio/Giugno di quest'anno. Dylan probabilmente terrà un paio
di concerti in Svezia, il 16 e 17 maggio dopo aver ricevuto il Polar
Music Prize (il "premio Nobel" per la musica") il 15 maggio. Poi
dovrebbe tenere un altro concerto in Norvegia, ad Oslo, il 19 Maggio ed
in seguito continuare la tournee' europea comprendendo il Regno Unito e,
si spera, anche altre nazioni europee tra cui l'Italia... Ciao, Michele



 
 

22) Mi ha scritto la Columbia Records, per dirmi dell'imminente tour di Bob Dylan in America, se ti interessa ti accludo alcune delle date confermate. Io andrò a Santa Cruz a vederlo... se mi metti sulla posta di Maggie's forse questo annuncio sarà recepito.
Sono al colmo della felicità!
Ciao
M.dalia@flashnet.it

Ecco il comunicato originale della Columbia con le date confermate e
quelle probabili:

Dopo lo spettacolare ultimo tour
Bob Dylan e la sua Band ritornano
sulla strada a Marzo ed Aprile,
nelle regioni dell'estremo
Ovest degli Stati Uniti.
Molte date non sono ufficialmente
confermate e probabilmente lo
saranno tra poco sul sito
bobdylan.com.
Non sappiamo ancora se saranno
disponibili biglietti ordinabili
per posta per questo tour;
si noti che il grosso del tour
aavrà luogo in posti di normale
accesso.
Ecco alcune date che sono state
pianificate sebbene progetti ed
itinerari siano suscettibili di
modifica:

March 11: San Luis Obispo, California
March 12: Bakersfield, California (CONFIRMED)
March 14: Visalia, California (CONFIRMED)
March 15: Santa Cruz, California (CONFIRMED)
March 16: Santa Cruz, California (CONFIRMED)
March 17: Reno, Nevada (CONFIRMED)
March 19: Pocatello, Idaho
March 20: Boise, Idaho
March 21: Pullman, Washington
March 22: Missoula, Montana
March 24: Bozeman, Montana
March 25: Billings, Montana
March 26: Casper, Wyoming
March 27: Rapid City, South Dakota
March 29: Bismarck, North Dakota
March 30: Fargo, North Dakota
March 31: Rochester, Minnesota
April: TBA (circa una settimana di shows)

Restate sintonizzati su bobdylan.com per aggiornamenti

Beh, cosa dire Dalia? Beata te che andrai a vedere il nostro Bob in quel
di Santa Cruz e ti godrai inoltre le stupende ed assolate coste della
California... Mandaci poi tutto quello che ti pare, recensioni del
concerto, foto (magari!), video "pirata" (stramagari!!), impressioni
sull'evento etc. etc.
Se riesci poi a contattare Bob (ma chissà perchè la vedo dura...)
salutalo da parte di tutti noi italian fans ed intimagli di fare qualche
data in Italia questa estate che qui siamo in astinenza da ben due
anni... Ciao e grazie per le informazioni che ci hai spedito...
Michele "Napoleon in rags" Murino



 

23) Ciao a Tutti
Conosco Dylan da poco ma sono stato immediatamente rapito dalla sua
musica.
Vorrei procurarmi degli album: a tal proposito qualcuno sa dirmi come
potrei procurarmi album come Blood on the tracks, magari su cd (se
esistono), ovvero: posso trovarlo in qualche negozio specializzato o
devo per forza ordinare via internet?

Riccardo
rproto@iol.it

Risponde Michele: Ciao Riccardo, benvenuto tra i seguaci di Dylan... Fa
sempre piacere sapere che qualche nuovo fan si aggiunge alla folta
schiera dei "dylaniati"... Ottima scelta quella di acquistare "Blood on
the tracks" che è il mio disco preferito di Dylan. Ma visto che il mio
giudizio conta poco diciamo che è in assoluto uno di quelli che la
critica ed il pubblico ha osannato come uno dei cinque migliori di Bob
di sempre, insieme ai mitici Bringing it all back home, Highway 61
revisited, Blonde on Blonde ed Oh mercy). Se non possiedi i succitati
album, consiglio spassionato, inizia da loro... In essi troverai il
meglio di Dylan anche se, magari in seguito, potresti puntare anche su
album ugualmente belli come Slow train coming, Another side of Bob
Dylan, John Wesley Harding e Desire...
Per quanto riguarda come reperire questi album (praticamente tutti gli
album di Bob sono reperibili su cd), direi che non ci dovrebbero essere
assolutamente problemi ed in qualsiasi negozio di dischi della tua città
li puoi ordinare se non li hanno già in casa... Per quello che mi
risulta i dischi di Dylan sono quasi tutti reperibili e molti in "nice
price"... Gli unici per i quali ci sono difficoltà di reperimento (a me
hanno detto che sono esauriti e fuori catalogo) sono quattro. Il primo
è "Dylan" (A fool such as I), album dei primi anni settanta pubblicato
dalla Columbia senza l'autorizzazione di Dylan come "vendetta" della
casa discografica per il fatto che Bob aveva cambiato etichetta passando
alla Asylum. Per quest'ultima casa Bob pubblicò solo due album, se non
vado errato, e cioè "Planet waves" ed il live "Before the flood" a metà
con il suo gruppo degli anni sessanta, The Band. In seguito Dylan tornò
alla Columbia a cui è restato fedele fino ad oggi.
Altri dischi non più reperibili (almeno a quello che ne sò io) sono i
due dei Travelin' Wilburys, il super gruppo con Bob Dylan, Tom Petty,
George Harrison, Jeff Lynne e Roy Orbison. I titoli sono: "Traveling
Wilburys vol. 1" e "Traveling Wilburys vol. 3".
Infine potrebbero esserci problemi a reperire il doppio album tributo a
Dylan con il mega concerto del Madison Square Garden e la festa per i
trenta anni di attività di Bob, con una pletora di artisti che gli
tributarono un omaggio indimenticabile (vedi lettera di Leonardo in
questa stessa pagina).
Tutti gli altri dovresti tranquillamente trovarli. Comunque se nella tua
città trovi difficoltà a trovarli puoi acquistarli per posta, ad esempio
presso Top Ten, un grosso distributore (indirizzo: via Bottoni, 13 -
40039 Salsomaggiore Terme (PR) - tel. 0524/571172, fax 0524/573071)...
Ciao Riccardo e, mi raccomando... continua così!
Michele "Napoleon in rags" Murino



 

24) Ciao Michele,
volevo chiederti di dirmi qualcosa sul periodo cristiano di Bob, poichè
ne sò veramente molto poco ! Non sò... perchè è passato al
cristianesimo, perchè dopo tre dischi ha lasciato questa sua linea di
condotta ecc.
Grazie, Leonardo

Beh, Leonardo... Quello è stato veramente un periodo particolare per
Dylan, probabilmente un periodo di crisi a livello personale ma non
certo professionale dal momento che, a mio giudizio, ha sfornato in quel
periodo dei veri e propri capolavori come l'album "Slow train coming"
(uno dei suoi più venduti album di sempre per il quale ha vinto anche un
grammy award con la canzone "Gotta serve somebody") o come molte delle
canzoni presenti sui successivi album "Saved" e "Shot of love".
Alla fine del 1978 Dylan colse tutti di sorpresa con la sua conversione
al cristianesimo (lui ebreo di nascita), una conversione che lo portò ad
abbracciare la fede dei "Cristiani Rinati"... Un racconto, quasi una
parabola, dello stesso Dylan ci introduce a quel periodo, eccolo di
seguito (Novembre 1978):"Avvertii una presenza nella stanza, e non
avrebbe potuto trattarsi di nessun altro se non Gesù... Mi sentii come
rinascere... Gesù pose la sua mano su di me. Sentii la sua mano
ed il mio corpo cominciò a tremare tutto. La gloria del Signore mi
abbattè e poi mi aiutò a rialzarmi."
Un racconto che si rifersice ad una sua esperienza nella stanza di un
albergo di Tucson. Un altro aneddoto raccontato sempre in prima persona
da Dylan è quello per cui una sera durante un concerto qualcuno dal
pubblico lanciò qualcosa sul palco. "Io in genere - raccontò Dylan - non
raccolgo quello che i fans gettano sul palco, tuttavia in quel caso lo
feci... Raccolsi l'oggetto che era un crocefisso, me lo misi in tasca e
me ne dimenticai. Dopo, però, in un particolare momento di stanchezza
sentii che avevo bisogno di qualcosa, misi una mano in tasca e ritrovai
quel crocefisso...".
Dylan aggiunse che egli riteneva che Gesù si mostrasse alle persone
depresse, infelici, in momenti di sconforto e nonostante non fosse
quello il suo caso (Dylan dichiarò di essere sostanzialmente soddisfatto
di quel periodo da un punto di vista artistico e personale) egli sentì
il bisogno di avvicinarsi a Cristo anche grazie alle parole di un amico
(ma forse di un'amica) che lo spinse a visitare una comunità cristiana
denominata della "rinascita" ("Born again"). La comunità in questione si
chiamava "Wineyard Fellowship" (letteralmente "Comunità della vigna") e
non era lontana dalla casa di Dylan a Malibu, California.
Dopo queste frequentazioni Dylan asserì di cominciare ad accettare
l'idea che "Gesù Cristo è reale" (lo confidò al giornalista Robert
Hilburn del Los Angeles Times). Il pastore della confraternita, Ken
Gulliksen, disse che durante la primavera del 1979 un'amica di Bob,
l'attrice Mary Alice Artes, la quale aveva consacrato la sua vita al
Signore, chiese ad alcuni membri della Vineyard Fellowship se essi
potevano fare visita a Dylan a casa sua. Larry Myers e Paul Edmond si
recarono a casa di Bob e parlarono con lui. Dylan disse loro che egli
voleva Cristo nella sua vita e quel giorno pregò e ricevette il Signore.
Successivamente Dylan trascorse per tre mesi e mezzo cinque giorni alla
settimana alla Scuola di Gulliksen per "apprendere la parola del
Signore".
"Io ho davvero avuto un'esperienza di rinascita. Ho sempre saputo che
c'era un Dio o un Creatore dell'universo, delle montagne e del mare...
ma non ero cosciente di Gesù e del rapporto che aveva con il Creatore
supremo. Mi sono alzato dal mio letto una mattina alle sette e mi sono
imposto di vestirmi ed andare alla scuola cristiana. Non potevo credere
di essere là."
Dylan cominciò a lavorare al suo primo "album cristiano", il già citato
"Slow train coming" che fu registrato presso i Muscle Shoals Studios in
Alabama, nel maggio '79. L'album fu prodotto da Jerry Wexler e Barry
Beckett con la collaborazione di Mark Knoplfler e Pick Withers dei Dire
Straits che suonarono in molte canzoni dell'album. Ricordando quelle
sessions Mark Knopfler ebbe a dire: "Sì, l'album era grande... però
tutte quelle canzoni su Dio...". In questo album è da rimarcare e
sottolineare la grandissima importanza di alcune ragazze di colore che
fecero da coriste e che accompagnarono, con qualche variazione di
formazione nel corso del tempo, Dylan in tourneè in tutto il "periodo
cristiano" caratterizzando con le loro voci gospel gli arrangiamenti
delle vecchie e nuove canzoni di Bob. Ricordiamo alcuni dei nomi di
queste ragazze: Carolyn Dennis, Helena Spring e Regina Havis. Per la
prima volta (se si eccettuano i duetti con Joan Baez e quelli con Emy
Lou Harris in "Desire") le canzoni di Bob erano caratterizzate non più
esclusivamente dalla sua voce ma anche, in maniera fondamentale, dai
cori di queste ragazze che costituirono il nucleo fondamentale delle
"Queens of rythm" che accompagnarono Bob in moltissimi concerti insieme
anche a Tom Petty ed ai suoi Heartbreakers. Quei concerti sono veramente
fantastici e chiunque abbia avuto la fortuna di vederne qualcuno non
potrà non aver apprezzato il perfetto amalgama delle voci di Bob e del
coro che riportarono tra l'altro a nuova vita vecchi successi di Dylan
degli anni '60 e '70 riscrivendoli in chiave gospel (a tal proposito si
consiglia l'ascolto di bootleg come "Child's balloon", "Solid rock" o
"In the summertime" e dell'album ufficiale "Live at Budokan").
All'uscita dell'album "Slow train coming" (un disco composto
esclusivamente da canzoni a sfondo religioso) comunque, la critica ed il
pubblico furono spiazzati e disorientati per questo nuovo cambiamento di
rotta, sia nella musica che nei testi, del camaleontico Dylan. Molti
giornalisti, ingiustamente, criticarono questo atteggiamento
fondamentalista ed intransigente di Dylan, mettendo in dubbio la
sincerità delle sue parole e della sua conversione. A tal proposito il
premio per l'originalità, come sottolineato da Clinton Heylin
nel suo "Jokerman - Vita e arte di Bob Dylan ", va al New Musical
Express che titolò "Dylan è Dio! E' ufficiale!". Il Dylan evangelista
iniziò a predicare durante i suoi concerti... Tra una canzone ed
un'altra parlava con il pubblico, del nuovo Avvento di Gesù, della Fine
dei Tempi, dell'Armageddon, la lotta finale tra il Bene ed il Male, etc.
Restano famose alcune contestazioni in vari concerti con molta gente che
lasciava il teatro delusa per l'assenza dei vecchi successi del Dylan
anni sessanta. In questo periodo infatti Bob cominciò, coraggiosamente
bisogna riconoscerlo, ad eliminare dalle scalette dei concerti le
vecchie canzoni eseguendo esclusivamente canzoni nuove, tratte da "Slow
train coming" o addirittura sconosciute al pubblico essendo delle
anteprime dei futuri album "Saved" e "Shot of love". Molti giornali
parlarono di un fiasco del Dylan evangelista, di stadi vuoti, di gente
che a metà concerto andava via. Dylan comunque non se ne dava per inteso
e continuava imperterrito per la sua strada alternando canzoni su Dio a
sermoni con i quali arringava il pubblico citando la Bibbia ed i
Vangeli. Durante un concerto in un campus universitario il pubblico dopo
le prime canzoni religiose cominciò a contestare al grido di "Rock-and-
Roll", "Rock-and-Roll". Per tutta risposta Dylan esclamò imperturbabile:
"Non ci sarà rock'n'roll stasera... Non ci saranno vecchie canzoni...
Chi vuole ascoltare del rock può andarsene via ed andare a vedere il
concerto dei Kiss...".
Una cosa divertente che cominciò a succedere durante gli spettacoli era
che Bob ogni tanto, a metà concerto, fingeva di guardare tra il pubblico
e diceva: "Ci siete ancora tutti? Non se n'è andato ancora nessuno?
Sapete, dicono che durante questi miei concerti tutti se ne vanno
via...".
Dylan cominciò a sostenere che non c'era bisogno di leggere libri per
conoscere la Verità, ne bastava uno solo, la Bibbia... "Nella Bibbia c'è
scritto tutto!" disse, e durante un famoso concerto (a Toronto se la
memoria non mi inganna) si rivolse al pubblico paragonando l'invasione
dell'Afghanistan da parte dell'Unione Sovietica ai biblici Gog e Magog
ed aggiunse: "Non vi dico questo per dirvi che io lo avevo previsto, che
io avevo ragione e gli altri torto... Ma solo per dirvi che nella Bibbia
c'è scritto tutto!". Allo stesso tempo, paradossalmente, Dylan metteva
in guardia dai predicatori dicendo che ogni buon predicatore dice: "Non
seguite me, seguite il Cristo".
Quello che comunque sfuggiva ai denigratori di Dylan, a coloro che lo
deridevano per questa sua intransigenza, era che Bob stava facendo della
grandissima musica e che, al di là dei testi che potevano a seconda dei
casi essere criticati o apprezzati (un fan inglese chiese: "Va bene le
sue convinzioni religiose, ma che bisogno c'è che ce le canti?"), le
canzoni di quel periodo sono veramente eccellenti, autentici capolavori
come "Saved", "Every grain of sand", "Solid rock", "Slow train", "I
believe in you", "When He returns" o la bellissima "Gotta serve
somebody", premiata con un grammy, e molte altre. Un Dylan come sempre
controcorrente, che se ne infischiava delle mode o delle richieste del
pubblico e dei discografici, al quale non interessava sfornare dischi
per vendere, una scelta coraggiosa che non può non essere apprezzata, un
pò come ai tempi di "Self portrait", il più anticommerciale dei suoi
dischi, che Dylan sostenne di aver realizzato per togliersi dalle
scatole un pò di gente (quelli che volevano a tutti i costi vederlo come
il Profeta ed il depositario delle verità ed analizzavano i suoi testi
ricercandovi i messaggi più assurdi).
A "Slow train coming" fece seguito, nel 1980, "Saved" un album
registrato nuovamente presso i Muscle Shoals Studios e sempre con la
produzione di Wexler e Beckett. In questo caso i toni di predicatore
furono alquanto stemperati anche se i temi rimasero esclusivamente
religiosi... Sembrò però che Bob abbandonasse il furore delle canzoni
precedenti, quasi a dire "fate un pò come volete... Io continuo per la
mia strada", e sfornò comunque altre stupende canzoni, più "calme" e
"tranquille" ma non per questo meno belle, da "In the garden" a
"Covenant woman" alla trascinante title-track.
Infine fu la volta di "Shot of love" il terzo album della cosiddetta
"trilogia cristiana" con il quale Bob sembrò definitivamente abbandonare
quel tipo di canzoni (tra l'altro spesso Bob ha dichiarato che Shot of
love" è il suo album migliore). In quel periodo Bob ricominciò a cantare
durante i concerti anche le sue vecchie canzoni e le fasce di pubblico
che lo avevano abbandonato durante gli anni precedenti si riavvicinarono
a lui. Voci mai ben chiarite vorrebbero che con l'album "Infidels",
uscito dopo "Shot of love" Dylan si fosse riavvicinato all'ebraismo.
Michele Murino



 

25) Ciao Michele, sono Carlo,
ti ringrazio per il sito, che a dire il vero credo di avere scoperto un
po' in ritardo (grazie al link su Expecting Rain); perciò non so se
posso essere ancora utile all' autore della seconda lettera pervenuta
nell'angolo della posta segnalando che Yesterday (cantata da Dylan) è
spesso su Napster.
Per quanto mi riguarda, io cerco collezionisti per scambio di bootlegs
su cd-r (a Roma).
Ciao

<branca@tiscalinet.it>

Ciao Carlo, grazie per la tua lettera... Però ti volevo chiedere una
precisazione: cos'è Napster? (magari è qualcosa di famoso quindi scusa
la mia ignoranza ma davvero non ho idea di cosa sia). Fammi sapere,
intanto ciao da Michele "Napoleon in rags" Murino



 
 

26) Ciao Michele, sono di nuovo Carlo,
Napster é un programma piccolo, non invasivo e di facile uso, ma
geniale;
consiste in una interfaccia per lo scambio di mp3 con altri utenti
(migliaia) collegati ad esso; è costituito da una chat (che io snobbo),
da un potente motore di ricerca, da un download manager, un player
interno, e da altri utili strumenti che imparerai ad usare; si scarica
gratuitamente da www.napster.com (circa 600 kb). Attraverso napster ho
potuto acquisire moltissime canzoni live, molte cosidette "official
rarities" etc.
Attraverso il newsgroup di Dylan sono sempre aggiornato sulla
possibilità di ottenere bootleg dalla rete in mp3, per esmpio ho "things
have changed" dal 12 feb. cioè tre giorni prima della sua uscita;
esistono poi siti http, ftp, newsgroup dedicati, e hard disk virtuali
dai quali scaricare interi album rari (per esempio ho trovato uno dei
concerti di Dylan-Simon intero).
Visto che sei un collezionista ti invito a visitare ( ma quasi
sicuramente già lo conoscerai) il sito "hard to find - official
rarities" di Alan Fraser del quale trovi il link nella sezione "ETC."
del sito ufficiale bobdylan.com; recentemente ha pubblicato nella
sezione "anni 90" del materiale che gli ho inviato (gli allegati del
Dizionari del rock di Curcio edit.); comunque è uno dei siti migliori,
non ha caso si è guadagnato la segnalazione sul sito ufficiale.
Ciao

Risponde "Napoleon": Grazie per le delucidazioni, Carlo... Farò come
dici ed invito anche gli altri dylan fans in ascolto a fare altrettanto
(sulla rete si trova un sacco di materiale raro di Bob)... Ciao!



 
 

27) Ciao,
una piccola correzione: il video di "Things have changed" disponibile
sul sito ufficiale in realtà è scaricabile, così come tutte le canzoni
che sono state nel tempo incluse nel capitolo "performances".
Io conosco solo il modo per farlo nel formato real-video ma non in
windows-media-player: occorre il programma "streambox VCR" pronipote del
download manager "X-fileget" che chi scarica files musicali dalla rete
già conosce; dovrebbe essere scaricabile da www.streambox.com in 2
versioni beta di diverso avanzamento, anche se a causa di un conflitto
legale con i proprietari della tecnologia real, il sito viene e va
(recentemente sul newsgroup rec.music.dylan è apparso il link per
scaricarne una versione crackata). Per scaricare il video in ottima
qualità non è necessario avere una superconnessione (che ne
permetterebbe lo streaming in alta qualità) ma basta simularla settando
opportunamente il programma; il video dovrebbe essere di 6,2 Mb.

Ed eccovi un indirizzo dove si può scaricare il video completo di Things
have changed in rm da 2,14 Mb.
http://www.angelfire.com/de/dylanite/

Carlo

Grazie per le tue informazioni, Carlo.
Il nostro amico Carlo si riferiva ad una frase che ho inserito nella
pagina di Maggie's Farm dal titolo "Wonder Boys" in cui dicevo che il
video di Things have changed (la nuovissima canzone di Bob Dylan) poteva
essere visto ma non scaricato nel sito ufficiale bobdylan.com. Grazie a
Carlo apprendiamo invece che è possibile scaricarlo. Ottima notizia...
Ora vi lascio perchè corro appunto a scaricarlo ma non prima di aver
ringraziato ancora il superesperto Carlo, ciao!


28) Riportiamo di seguito una mail dell'amico Carlo molto  interessante
perchè è una sorta di quiz per valutare la propria conoscenza delle
canzoni di Dylan. ATTENZIONE! In fondo alla lista delle frasi (dopo la
numero 44) ho riportato le mie risposte (spero esatte... mi gioco la
reputazione di "dylanologo") quindi se volete cimentarvi con il giochino
non andate in fondo alla pagina altrimenti potreste involontariamente
leggere qualche risposta. Buon divertimento!
Michele "Napoleon in rags"

Ecco la lettera di Carlo:

Ciao,
recentemente è apparsa sul newsgroup di Dylan la seguente domanda: qual
è la tua frase preferita tratta da una canzone di Dylan? I vari
interlocutori hanno menzionato le seguenti (a voi il compito di
individuare le canzoni dalle quali sono tratte, potrebbe essere un nuovo
test):

1 - I wish that for just one time, you could stand in my shoes, then
you'd know what a drag it is to see you

2 - to dance beneath the diamond sky

3 - Yonder stands your orphan with his gun,
crying like a fire in the sun.

4 - he not busy being born is busy dying

5 - i'll let you be in my dreams if i can be in yours

6 - When I was deep in poverty you taught me how to give

7 - the ghost of electricity howls in the bones of her face

8 - ...keep on keepin' on, like bird that FLEWWWWWWW...

9 - ...if you're makin' love for her, kiss her for the kid...

10 - When you think that you've lost everything/You find out you can
always lose a little more

11 - They tell me everything is gonna be allright/But I don't know what
allright even means

12 - you will start out standing, proud to steal her anything she sees,
but you will wind up peeking through a keyhole down upon your knees

13 - Don't you put on any airs when your down on Rue Mourge Avenue/
They got some hungry people there that'll surely make a meal outta you

14 - There are those who worship loneliness, I'm not one of them, In
this age of fiberglass I'm searching for a gem.

15 - Beauty walks a razor's edge, someday I'll make it mine.

16 - Don't ask me nothin' about nothin'.....I just might tell you the
truth.

17 - Well I've been to the mountain and I've been in the wind, I've been
in and out of happiness.
I have dined with kings, I've been offered wings And I've never been too
impressed.

18 - My dreams are made of iron and steel
With a big bouquet of roses hangin' down
From the heavens to the ground

19 - Today out on the countryside it was a hotter than a crotch I stood
up high upon the ridge but all I did was watch Sweeet Godess
It must be time to carve another notch

20 - I was in your presence for any hour or so; Or was it a day? I truly
don't know

21 - Did you respect me for what I did; or for what I didn't do; or for
keeping it hid

22 - Way out in the wilderness a cold coyote calls

23 - I was born at the bottom of a wishing well.

24 - Long as you didn't say nothing / You could say anything" from
Julius & Ethel...

25 - So I'll make my stand, remain as I am, and bid farewell, and not
give a damn.

26 - Twilight on the frozen lake
north wind about to break
on footsteps in the snow
silence down below

27 - Handy Dandy, if every bone in his body was broken he would never
admit it

28 - Back alley Sally is doin' the American jump

29 - The man was saying something about children when they're young,
being sacrificed to it while lullabies are being sung.

30 - Let the wind blow low, let the wind blow high, one day the little
boy and the little girl were both baked in a pie

31 - Steal a little and they throw you in jail, steal a lot and they
make you King.

32 - Preacher was talking there's a sermon he gave, He said every man's
conscience is vile and depraved, You cannot depend on it to be your
guide, When its you who must keep it satisfied.

33 - keep on keepin on, like a tree that grew
like a man who knew
like a dove that cooed
like escaping from a zoo

34 - The crashing waves roll over me
As I stand upon the sand
Wait for you to come
And grab hold of my hand.

35 - All of us at times we might work too hard, to have it too fast and
too much, but anyone can fill his life up with things he can see, but
just cannot touch

36 - Well, I don't know, but I've been told
The streets in heaven are lined with gold
I ask you how things could get much worse
If the Russians happen to get up there first. Wowee' pretty scary!

37 - Ya know I just couldn't make it by myself. I'm a little too blind
to see.

38 - Money doesn't talk, it swears obscenity.

39 - I gaze into the doorway of temptation's angry flame And every time
I pass that way I always hear my name.

40 - Well, anybody can be just like me, obviously But then, now again,
not too many can be like you, fortunately.

41 - look out your window baby there's a scene you'd lke to catch, band
is playing dixie man got his arm out streached. could be the fuhrer
could be the local priest

42 - She's a hypnotist collector, You are a walking antique.

43 - To ease the pain of idleness and the memory of decay

44 - Life is sad
Life is a bust
All you can do
Is do what you must
You do what you must do
And you do it well...

Grazie per il test, Carlo... Ti invito di tanto in tanto a mandarci
altre lettere simili che sono molto divertenti... Ed ora le mie risposte
ma prima una piccola nota: qua e là nelle frasi sopra riportate in
inglese c'è qualche parola sbagliata dovuta probabilmente al fatto che
chi le ha mandate al newsgroup di Dylan citava a memoria. Io le ho
lasciate come erano, errori compresi. Ed ora le risposte:

1) Positively fourth street
2) Mr.Tambourine man
3) It's all over now, baby blue
4) It's all right mà (I'm only bleeding)
5) Talkin' world war III blues
6) Wedding song
7) Visions of Johanna
8) Tangled up in blue
9) If you see her say hello (alternate version)
10) Tryin' to get to heaven
11) Idem come sopra
12) She belongs to me
13) Just like Tom Thumb's Blues
14) Dirge
15) Shelter from the storm
16) Outlaw blues
17) Is your love in vain?
18) Never say goodbye
19) Tough mama
20) In the summertime
21) Idem come sopra
22) Ballad of Hollis Brown
23) Motorpsycho nitemare
24) Julius and Ethel (troppo facile!)
25) Restless farewell
26) Never say goodbye
27) Handy dandy (questa è come sparare sulla croce rossa)
28) ??? (onta ed ignominia su di me ma proprio non me la ricordo questa)
29) ??? (mi cospargo il capo di cenere ma lo stesso dicasi per questa)
30) Under the red sky
31) Sweetheart like you
32) Man in the long black coat
33) Tangled up in blue(anche se qui si tratta ovviamente di una parodia
34) Never say goodbye
35) ???
36) I shall be free n.10
37) Precious angel
38) It's all right mà (I'm only bleeding)
39) Every grain of sand
40) Absolutely sweet marie
41) Man of peace
42) She belongs to me
43) Every grain of sand
44) Buckets of rain

Qualcuno ha individuato le tre canzoni mancanti? Ce lo faccia sapere al
solito indirizzo, please... Napoleon in rags



 
 

29) Ecco di seguito una lettera del nostro amico Leonardo riferita al test
proposto da Carlo nella lettera precedente in questa stessa pagina
(quello dei versi tratti dalle canzoni di Dylan...)

Carissimo Michele,
ti devo mille scuse, sono sparito "...like a fire in the sun..."! Mi
dispiace molto. Ho fatto proprio oggi un esame all'univ ed ho avuto un
pò da fare. Ti trovo arrugginito, però! L'ultima canzone che non hai
indovinato della mail di Carlo era "Dear Landlord" (domanda numero 35)!
Ma come? Mi meraviglio di te, dato che "John Wesley Harding" è uno dei
tuoi album preferiti ! Comunque, scherzo. Delle altre due che non hai
indovinato, non ne ho la più pallida idea ! Mai sentite (comunque anche
altre non ne ho indovinate!)

Ciao Leonardo,
sì in effetti il verso tratto da "Dear landlord" era sostanzialmente
facile da indovinare (era la domanda numero 35) ma, non sò neanche io
per quale motivo, quando l'ho letto ho erroneamente pensato a qualche
canzone difficilissima e così ho rivolto la mia attenzione altrove senza
pensare assolutamente a Dear Landlord (canzone che tra l'altro mi piace
moltissimo, come tutto l'album John Wesley Harding). Per quanto riguarda
le altre due che non ho indovinato invece, la numero 28 e la numero 29,
proprio non ci sarei arrivato... Comunque erano tratte rispettivamente
da "Cat's in the well" e "T.V. Talkin' song", due canzoni dell'album
"Under the red sky", che non mi hanno mai particolarmente colpito per
quanto riguarda il testo... Diciamo tutto questo anche a beneficio dei
nostri amici che avessero provato a cimentarsi con il test proposto da
Carlo... Ciao, "Napoleon in rags"



 
 

30) Ciao a tutti,
Riguardo al test sulle canzoni di Bob (vedi le due lettere precedenti in
questa pagina) non ho mai sentito Julius & Ethel, nè la trovo sul sito
ufficiale. Cos'è?
Carlo

Ciao Carlo,
Julius and Ethel (domanda numero 24) è un out take dell'album Infidels e
fa parte del doppio bootleg dal titolo Rough Cuts con tutte le canzoni
tagliate dalle sessions di quel grande album, Infidels appunto, prodotto
da Mark Knopfler con un Dylan in gran forma. E' una canzone niente male
secondo me e parla di due persone, Julius and Ethel appunto, che furono
accusati di essere spie comuniste e condannate a morte negli U.S.A.
negli anni cinquanta (vado a memoria, però dovrebbe essere più o meno
questa la storia).

Ecco il testo:

JULIUS AND ETHEL
(words and music Bob Dylan)

Now they are gone, you know, the truth it can be told
they were sacrificial lambs, in the market place sold
Julius and Ethel, Julius and Ethel

Now that they are gone, you know, the truth it can come out
they were never proven guilty beyond a reasonable doubt
Julius and Ethel, Julius and Ethel

The people thought they were guilty at the time
some even said there hadn't been any crime
Julius and Ethel, Julius and Ethel

People look upon this couple with contempt and doubt
but they loved each other right up to the time they checked out
Julius and Ethel, Julius and Ethel

Eisenhower was president, senator Joe was king
as long as you didn't say nothing you could say anything
Julius and Ethel, Julius and Ethel

Now some say they blame the system, some they blame the men
now that it is over no one knows how it began
Julius and Ethel, Julius and Ethel

Every knigdom got to fall, even the Third Reich
man can do what he please but not for as long as he likes
Julius and Ethel, Julius and Ethel

Now they say they gave the secrets of the atom bomb away
like no one else could think of it and it wouldn't be here today
Julius and Ethel, Julius and Ethel

Someone said the fifties was the age of big romance
I say that's just a lie, it was an age of fear, and they had you in a
trance
Julius and Ethel, Julius and Ethel



 
 

31) Ciao Michele,
tempo fa sostenni in una e-mail di risposta a Dalia (nota di Michele:
Dalia è la nostra amica spesso presente nella nostra pagina della posta)
che la versione più bella che sia mai stata eseguita di "It ain't me,
babe" fosse quella del 1993, contenuta nel bootleg "Fifth time around"
della KTS, pur riconoscendo la bellezza della versione dal Rolling
Thunder tour che invece proponeva lei.
Mi interesserebbe conoscere il tuo parere e stimolare analoga
riflessione su altre canzoni; naturalmente non sei vincolato ad una sola
risposta. Ti propongo alcune delle mie preferite interpretazioni di
canzoni famose.

Risposta di Michele: Allora, Carlo, per quanto riguarda It aint't me
babe, devo dire che sono d'accordo con Dalia. Quella versione (che io
chiamo la versione "urlata") è in assoluto la mia preferita (e, mi
sbilancio, una delle 10 versioni in assoluto tra tutte le canzoni di
Dylan, migliori di sempre, con quel "no no no" accellerato del
ritornello che mi dà i brividi). Quella che tu citi del bootleg delal
Kiss the stone tratta dal tour europeo del 1993, tuttavia, è una
grandissima versione, molto più simile all'originale rispetto a quella
della Rolling Thunder Revue (che per la cronaca è presente nel film
"Renaldo and Clara"). Segnalerei anche quella dell'album ufficiale "Real
live" con il pubblico che fa il coro sul "no no no" e con un
interminabile e terrificante a solo di armonica che ti paralizza e ti
"consuma" e che vorresti non finisse mai (anche se credo che i
polmoni di Bob la pensino in tutt'altra maniera...). Comunque il gioco
mi stimola... Quindi, a beneficio di tutti coloro che leggono la nostra
posta di Maggie's Farm, riporto di seguito le tue preferenze
"commentate" da me una per una. Invito poi gli altri dylaniati in linea
a far sentire la propria voce e le proprie opinioni. Si parte:

1) Blowin' in the wind ..........1975 con Joan Baez

Condivido in pieno se ti riferisci alla stupenda versione presente nel
video Hard rain (quella con Joanie con turbante e Bob con bandana
intorno alla testa...). Credo che sia il meglio di Blowin' anche se devo
dire che non mi dispiace la versione che Bob fa attualmente in concerto
(o che ha fatto comunque di recente) con la seconda voce di, se non vado
errato, Bucky Baxter in sottofondo (anche se sembra che ormai Bucky
abbia dato addio al Never Ending Tour di Dylan)...

2) Like a Rolling Stone...........1966 Manchester

Beh anche qui mi leggi nel pensiero... Mai sentito una LARS così potente
e cattiva (secondo me il microfono di Bob quella sera si è sciolto,
corroso dall'acidità dei versi...)

3) Just like a woman........1971 concert for Bangla Desh

Beh, qui non sono molto d'accordo... Secondo me questa grandissima
canzone di Bob (sò che sarò tacciato di eresia) non ha mai avuto eccelse
versioni dal vivo (in my holy opinion, come dicono negli States) e
personalmente continuo a preferire la versione ufficiale di Blonde on
Blonde... Se proprio dovessi scegliere una versione live di questo pezzo
di storia della musica allora mi orienterei piuttosto sulla versione del
periodo "cristiano" con le ragazze del coro che praticamente facevano il
grosso del lavoro sul ritornello... Dylaniati in ascolto fate sentire le
vostre proteste, so che sono uno dei pochi a pensarla così (o almeno
credo) quindi mandate copiose le vostre opinioni...

4) I want you...........Budokan, mtv unplugged out-take

Quella del Budokan piace anche a me moltissimo... Per quanto riguarda la
seconda che citi, l'out-take del video Mtv Unplugged (nonchè del disco
omonimo, ovviamente) è una versione molto particolare, lentissima ma che
non mi sento di prendere come pietra di paragone in un giudizio su
questo grandissimo pezzo per il semplice motivo che, a mio avviso, in
quella versione di Mtv diventa quasi un'altra canzone... Personalmente
ritengo insuperabile o quasi la versione ufficiale apparsa su Blonde on
blonde che, ricordiamolo per quei tre o quattro che ancora non lo sanno,
fu giudicata dallo stesso Dylan addirittura come la sola canzone in cui
lui e la band erano riusciti a produrre quel suono "lucente e
mercuriale" che da sempre Bob aveva in testa. Riportiamo di seguito al
proposito l'affermazione di Dylan: "In alcuni momenti di Blonde on
Blonde arrivai veramente vicino ad ottenere il suono che avevo in mente,
quel suono sottile, selvaggio e mercuriale; un suono metallico,
brillante e dorato, qualunque cosa evochi questa descrizione. Ecco,
quello era il suono che volevo. Non mi è mai completamente riuscito di
ottenere quel sound, una combinazione di chitarra, armonica ed organo."
(1978)
Comunque dovessi scegliere una versione di I want you alternativa a
quella ufficiale direi quella che si sente nel film "Renaldo and Clara"
nella sequenza in cui Bob guida un camion sulle strade degli USA diretto
al bordello della zingara (e che, al momento, mi sfugge su quale bootleg
è stata messa).

5) All along the watchtower............Budokan

Bella, bellissima ma personalmente preferisco la versione più moderna,
quella che Bob generalmente esegue nei concerti degli anni 90, con la
lead guitar che si scatena in frenetici a solo (se non sbaglio la
versione di Woodstock 2 era molto bella)

6) Knockin' on Heaven's door............86 con gli Heartbreakers

Qui sono sostanzialmente d'accordo

7) You' re a big girl now...................88

Beh, per quello che riguarda i pezzi di Blood on the tracks in genere io
ritengo insuperabili quelle apparse su disco (sia su quello ufficiale ma
soprattutto quelle delle sessions di New York poi scartate e reincise da
Bob a Minneapolis - le potete trovare sul bellissimo bootleg "New York
Sessions")

8) Jokerman....................Woodstock 94

Sì, mi associo

9) Masters of war...............idem come sopra

Beh, qui invece io direi la versione di Collegno del 9 Luglio 1998, ma
forse il mio giudizio in questo caso è influenzato dal fatto che ero
presente e mi sono rimasti addosso i brividi che mi hanno assalito
quando, con Bob a pochi metri da me (ero praticamente sotto il palco
proprio davanti a lui), ho visto mr. Zimmerman cantare il verso finale,
pesante come una lapide (è il caso di dirlo) "And I'll stand over your
grave 'til I'm sure that you're dead!".

10) To ramona...............65 dal dvd "don't look back" e dal sito
ufficiale

No, in questo caso preferisco la versione presente sul boot "Loud and
strong" con il concerto di Monterey, California, mi sembra del 1995

11) The Lonesome death of Hattie Caroll..............88 (Bootleg "Stuck
inside of New York)

Sì, sì, grandissima (comunque di questa canzone, secondo me, esistono
grandissime versioni un pò ovunque... ho la sensazione che Bob la ami
particolarmente, e, non ricordo dove l'ho letto, ma mi sembra che una
volta Bob disse che Hattie è una specie di portafortuna per lui, quasi
lo proteggesse da "lassù"...)

etc. correzioni?  aggiunte?

Beh, per quanto riguarda le aggiunte io direi:

La più grande versione di My back pages che io abbia mai sentito è
quella contenuta nel boot "Bathed in a stream of pure heat" (Uttica, NY,
24 aprile 1997)

Di A hard rain's a-gonna fall adoro la versione di Renaldo and Clara che
metto senza dubbio su tutte... Lo stesso dicasi per Isis e  When I paint
my masterpiece

Di John Brown, direi la vesione di MTV unplugged

Di Ballad of Frankie Lee and Judas Priest preferisco la versione fatta
con i Grateful Dead nel 1987 (mi sembra presente sul boot "The french
girl")

Infine (si fa per dire visto che se ne potrebbero citare qualche altro
fantastilione) citerei la versione di "It's all right mà (I'm only
bleeding) del video "Hard to handle" con Tom Petty and the Heartbreakers
anche se è una bella lotta con la mitica, potente, oceanica versione del
Budokan...
Ora tocca a voi dylaniati in ascolto, fatevi sentire!! (magari potremmo
fare in futuro una sorta di classifica delle versioni più votate)
Michele "Napoleon in rags" Murino



 
 

32) Continua il botta e risposta con l'amico Carlo sulle ppreferenze delle
versioni degli hits di Dylan (vedi lettera precedente). La parola a
Carlo:

E io rilancio!
1) Maggie's farm...................Newport 65
2) John Brown................io preferisco quella dell' 88 (Stuck inside
of NY)
3) It's all right mà..........ho scaricato una versione dalla rete che
dovrebbe essere abbastanza recente assolutamente incredibile!
4) Shelter from the storm...........Hard Rain: è la canzone che mi ha
fatto conoscere Dylan (da "schegge" di rai3 proprio come ad un altro
ragazzo che ti ha scritto).
5) Restless farewell...............non credo vi sia scelta, ma l'
interpretazione al tributo di Sinatra è bellissima.
6) Man in the long black coat......SCALINATA  EUR ( non vale: ero lì)
7) One too many mornings............ancora 88
8) Eileen Aroon (valgono le covers?)..........88 (io la ascolto su un
live con special guest Neil Young)

Devo dire che delle tue precedenti considerazioni, molte mi trovavano d'
accordo, però io ho lasciato fuori le versioni studio. Ciao, Carlo.

Beh Carlo, per quanto riguarda Shelter from the storm hai pienamente
ragione, la versione che citi è S-T-U-P-E-N-D-A, da lacrime, con un
ritmo incredibile, sconosciuto anche alla versione ufficiale, con le
parole che si incatenano l'una con l'altra in un fraseggio ai massimi
livelli (secondo me quello è stato il periodo migliore di Bob per quanto
riguarda il cantato) e con un ritornello (Come in - she said - I'll give
ya shelter from the storm) da brividi e che personalmente ritengo di
enorme potenza evocativa tanto che ogni volta che lo ascolto mi appare
davanti agli occhi l'immagine di un Dylan lacero, esausto, ferito i cui
dolori e malesseri, fisici o psicologici che siano, vengono leniti da
questa creatura quasi oltremondana, una sorta di eterea presenza che
solo in quel momento e solo per Bob ha assunto sembianze umane, con
fiori tra i capelli e braccialetti ai polsi e che, ma questa è una mia
personale fissazione, da qualche tempo a questa parte identifico da un
punto di vista puramente fisico con l'attrice, mi sfugge il nome al
momento, che interpretava la parte di Jenny nello stupendo film di
Zemeckis "Forrest Gump" e della quale mi sono perdutamente innamorato...
A proposito di "Forrest Gump" hai/avete notato che quando Jenny si
esibisce come cantante folk (nuda davanti ad un pubblico maschile
coperta solo dalla sua chitarra) viene presentata dallo speaker come
"Bobbie Dillon" (un nome a caso, non è vero?) ed esegue "Blowin' in the
wind"? Piccolo quiz estemporaneo: oltre a Blowin', quali altre canzoni
di Bob (o cantate anche da Bob) sono presenti in "Forrest Gump"?
Mi accorgo di avere alquanto divagato quindi torno a te, Carlo: su
Maggie's Farm di Newport sono d'accordo così come su Restless Farewell
che ha mandato in visibilio persino il grande Frank Sinatra. Ma a questo
punto devi dirmi/dirci di quale versione di It's all right mà parli (se
non ce l'ho ed è bella come dici devo assolutamente possederla...).
Per quanto riguarda Man in the long black coat, invece, beh quella è una
della canzoni di Bob di cui non ho trovato (almeno finora) una versione
live migliore di quella su disco che considero virtualmente
inattaccabile soprattutto dal punto di vista dell'atmosfera: hai/avete
mai provato ad ascoltarla (ma il discorso vale per tutto l'album "Oh
Mercy") di notte, al buio, magari con la finestra aperta, d'estate, con
quell'aria calda ed una "high crescent moon" (se poi vivete "in the
outskirts of town" è il massimo...). Dà delle sensazioni incredibili con
la chitarra di Bob in apertura che tesse una rete di note "sospese"
assolutamente affascinanti...
Bene, boys, mi sembra che Carlo ed io abbiamo stilato una scaletta
veramente succulenta (pensavo che, con le canzoni da noi citate,
verrebbe fuori un triplo album da PAURA), ora tocca a voi aggiungere,
modificare, criticare le nostre scelte,
Michele "Napoleon in rags"



 

33) Ed ora una lettera in inglese che ci spedisce nientepopodimenoche dalla
Polonia il nostro amico Artur Jarosinski e che riguarda sostanzialmente
quanto da me scritto nella pagina della traduzione di Things have
changed (vedi indice di Maggie's Farm) in modo particolare in merito ai
famosi Mr.Jinx and Miss Lucy. Al termine della lettera di Artur, con mio
commento, una traduzione della stessa in italiano. Ecco le osservazioni
di Artur con le mie risposte intervallate (una specie di dialogo
telematico):

CONVERSAZIONE (AL LIMITE DEL DELIRIO?) TRA DYLAN FANS EUROPEI (ripeto,
al termine c'è anche la mia traduzione in italiano, quindi se non volete
perdere troppo tempo saltate direttamente lì)

ARTUR: Ciao Michele, I've heard Things Have Changed. It's basically
brilliant, though I don't know who Mr Jinx and Ms Lucy are and why they
jump into a lake.... Maybe the answer is in the film...

MICHELE: ABOUT MR. JINX AND MISS LUCY I HAVE A PERSONAL SUPPOSITION: WE
KNOW THAT OFTEN BOB PUTS IN HIS LYRICS BIBLICAL REFERENCES AND IN
"THINGS HAVE CHANGED" TOO, HE WROTE ABOUT THE BIBLE ("IF THE BIBLE IS
RIGHT THE WORLD WILL EXPLODE") AND BESIDES HE TALKS ABOUT "FORTY MILES
OF BAD ROAD"...
WELL, I KNOW THAT IN USA "MR. JINX" IS ONE OF THE NAMES OF THE DEVIL AND
IN MY OPINION MISS."LUCY" COULD BE ABBREVIATING OF "LUCIFER", THE CHIEF
OF THE ANGELS THAT GOD THREW IN HELL FROM THE HEAVEN ("JUMPED IN A
LAKE"???). BUT MAYBE IT'S ONLY A COINCIDENCE...

ARTUR: Hmm... I was just curious about your translation on your wondrous
site. Someone says Jinx and Lucy are Bob's cats...

MICHELE: REALLY? OR IT'S A JOKE?

ARTUR: I suppose it's a joke, but who knows? I remember an American
cartoon series about Jinx the Cat. A "cool" cat always in trouble.
Is there a link between the Bible and 40 mile road??? I think he refers
here to a song.... Remember what happened with "I'm just going down the
road feeling bad, / Trying to get to heaven before they close the
door."? "Going Down The Road Feeling Bad" is a traditional song sung by
Woody and Grateful Dead.
The reference to the Bible of today is pretty simple (unlike those on
JWH - I've got a book tracing all of them!).

MICHELE: In Italy we say "cattiva strada" (bad road) with reference to
the evil (if someone is on a bad road he is a sinner). "Bad road" in
Italy (and in USA, I suppose) has religious and biblical implications.

ARTUR: Well, yes... In Polish we have a Bible-originated phrase (zejsc
na zla droge) "to walk* onto a bad road"
*- don't know if I can explain the subtle difference, but I'll do my
best: WALK here is for a single action. It is not a frequentative (eg
John READS a paper every day.), but denotes one action only.
"Jinx" a Devil??? I would rather connect it with the southern vocabulary
meaning "bad luck" among the things like "mojo root" That'd be closer to
the "Mississippi" feeling I think.

MICHELE: I DON'T REMEMBER WHERE BUT ONCE I READ SOMETHING (MAYBE A
NOVEL) ABOUT A CHARACTER CALLED MR.JINX THAT WAS APPROXIMATELY A DEVIL
(OR A DEVILISH GUY). IN ITALY WE HAVE A COMIC BOOK (IT'S THE RIGHT TERM?
IN ITALIAN IS "FUMETTO"...SPIDER-MAN, BAT-MAN, YOU KNOW?) CALLED "MARTIN
MYSTERE". THE LEADING CHARACTER OF THIS COMIC BOOK, MARTIN MYSTERE, IS A
DETECTIVE LIKE FOX MULDER (GHOSTS, ALIENS, DEVILS ETC. YOU KNOW...). HE
FIGHT OFTEN A GUY CALLED "MR. JINX", A SORT OF DIABOLICAL CREATURE WHO
HAS DEVILISH POWERS.

ARTUR: I am also not sure about that diminutive form... Why is there
"*Miss* Lucy"? Lucifer means "_he_ who brings the light" doesn't it?

MICHELE: YOU'RE RIGHT, OF COURSE, BUT I THOUGHT TO TRADITIONAL QUOTE:
"THE DEVIL IS WOMAN"...

ARTUR: "Some say the devil is a woman, and sometimes it's true" Wow!
you're right!
But also:

Question: What is your belief in God? Are you a Christian?
Bob Dylan: Well, first of all God is a woman, we all know that. Well,
you take it from there.
(22.9.66 Austin, TX Interview)

But such duality is a characteristic of Dylan (I and I, "I fought with
my twin", for instance)

Anyway, there's one more funny thing: "THE LAKE" it must be something
very important in Bob's imagery. another coincidence between Dignity and
Tings Have Changed:
Dignity (last stanza)
"So many roads, so much at stake
So many dead ends, I'm at the edge of the lake
Sometimes I wonder what it's gonna take
To find dignity"

Things Have Changed (hmm... last stanza)
"Mr. Jinks/Jinx and Miss Lucy they jumped in a lake
I'm not that eager to make a mistake"

In both cases Bob is at the bank of a lake. thinking about Suicide?
That'd be a solution without Dignity, and a Mistake.

When you mentioned Lucifer I instantly thought about Street Legal - the
tribute to Robert Johnson I guess, another person dealing with Devil,
South and Mystery... The plot thickens....

MICHELE: TRIBUTE TO ROBERT JOHNSON? WHAT YOU MEANS?...

ARTUR:
1. Is Your Love In Vain? - Bob Dylan
Love In Vain - Robert Johnson (see also Stripped by the Stones)

2. "My last (fair) deal gone down", "Stop breakin' down", "killing me by
degrees", "juice running down my legs" are straight quotes from
Johnson's songs

3. New Pony:
"Well now, it was early in the mornin', I seen your shadow in the door
It was early in the mornin', I seen your shadow in the door
Now, I don't have to ask nobody... I know what you come here for"
Me & the Devil Blues (R. Johnson)

"Early this mornin' when you knocked upon my door
Early this mornin' when you knocked upon my door
And I said, "Hello, Satan, I believe it's time to go"

And what was the Pony's name???

For more analogies see "There's A New Day At Dawn" by R. Witting (I'll
scan it one day, so if you want to save 10GBP let me know!)

Death seems to be the leading topic of THC:

"No one in front of me and nothing behind"
"assassin's eyes"
"I'm well-dressed, waiting on the *last* train." (usu the dead are
well-dressed for their last "ride" around the cemetary)
"Standin' on the gallows with my head in the noose" (once again a
prematural death)
"expecting all hell to break loose"
"I'm locked in tight" (in a coffin?)
"Only a fool in here would think he's got anything to prove" (among the
dead?)
"the world will explode"
"My heart it's achin'" (Present Continuous - a temporal action - it will
cease)
"The next sixty seconds could be like an eternity" (for the dead the
time does not exist - they shall be risen from dead on the judgement
day)
"Gonna get lowdown, gonna fly high" (first they bury me, then I'll
arise)
"All the truth in the world adds up to one big lie" (There's so many
religions in this world, and only one God, thus most of the people will
be "disappointed" to see after their death, that what they believed in
(The truth) is a lie)

Or maybe I read too much Edgar Poe....

Bob ti benedica, Artur

TRADUZIONE ITALIANA

ARTUR: Ciao Michele, ho ascoltato Things Have Changed. E'
fondamentalmente molto bella, sebbene io non capisca chi siano Mr.Jinx e
Miss Lucy e perchè saltino in un lago... Forse la risposta è nel film
(nota di Michele: Things have changed fa parte della colonna sonora del
film "Wonder Boys" con Michael Douglas, di prossima uscita negli States
e a tale film fa riferimento Artur).

MICHELE: Per quanto riguarda Mr. Jinx e Miss Lucy io ho una opinione
personale: noi sappiamo che spesso Bob inserisce nei propri versi
riferimenti biblici ed anche in Things have changed egli menziona la
Bibbia ("IF THE BIBLE IS RIGHT THE WORLD WILL EXPLODE") ed inoltre egli
parla di "40 miglia di cattiva strada"... Ebbene io sò che negli USA
"Mr.Jinx" è uno dei nomi del Diavolo e secondo me Miss "Lucy" potrebbe
essere il diminutivo di "Lucifero", il capo degli angeli che Dio fece
precipitare dal Paradiso nell'Inferno ("Jumped in a lake", ossia "caduto
in un lago"???). Ma forse si tratta solo di una coincidenza...

ARTUR: Mmm... In effetti mi chiedevo cosa dicesse la tua traduzione
apparsa in una pagina del tuo sito. Qualcuno dice che Jinx e Lucy siano
i gatti di Bob...

MICHELE: Sul serio? O si tratta di uno scherzo?

ARTUR: Credo che si tratti di una battuta, ma chissà? Mi ricordo di una
serie di cartoni animati americana con il personaggio di Jinx il gatto.
Un gatto sempre nei guai.
C'è un nesso tra la Bibbia e "40 miglia di cattiva strada"?
Io credo che si riferisca ad una canzone... Ricordi cosa successe con
"I'm just going down the road feeling bad, / Trying to get to heaven
before they close the door."?
"Going Down The Road Feeling Bad" è un traditional cantato da Woody
Guthrie e dai Grateful Dead.
Il riferimento alla Bibbia di adesso è molto semplice (a differenza
dell'album John Wesley Harding - Io posseggo un libro che le spiega
tutte, quelle)

MICHELE: In Italia noi diciamo "cattiva strada" (bad road) con
riferimento al male (se uno è sulla cattiva strada è un peccatore). "Bad
road" in Italia (ed anche negli USA, credo) ha implicazioni religiose e
bibliche.

ARTUR: Beh, sì... In polacco noi abbiamo una frase originata dalla
Bibbia (zejsc na zla droge) "camminare* sulla cattiva strada"
*- non sò se sono in grado di spiegare la sottile differenza, ma farò
del mio meglio: CAMMINARE in questo caso indica un'azione singola. Non
una continuativa (ad esempio: John LEGGE un giornale ogni giorno), ma
indica una azione soltanto.
"Jinx" un diavolo??? Io lo collegavo piuttosto al significato della
terminologia del Sud nell'accezione di "sfortuna" tra le cose tipo "mojo
root". Dovrebbe essere più vicino al feeling di "Mississippi", credo
(nota di Michele: qui credo che Artur si riferisca alla canzone
"Mississippi" out take di Time out of mind, l'album di Bob del 1997).

MICHELE: Non ricordo dove ma una volta ho letto qualcosa (forse un
romanzo) a proposito di un personaggio chiamato Mr.Jinx il quale era più
o meno un diavolo (o comunque un tipo diabolico).
Inoltre in Italia abbiamo un comic book (è il termine esatto? In
italiano si dice "fumetto"... L'Uomo Ragno, Batman, hai capito cosa
intendo no?) chiamato "Martin Mystere". Il protagonista di questo
fumetto, Martin Mystere appunto, è un detective tipo Fox Mulder di
"X-Files" (fantasmi, alieni, diavoli et cetera, sai...).
Egli ha come nemico un tipo chiamato "Mr.Jinx, una specie di creatura
diabolica che ha poteri demoniaci.

ARTUR: Io comunque non sono nemmeno sicuro circa il diminutivo che tu
citi... Perchè, infatti, nella canzone si parlerebbe di MISS Lucy, al
femminile? Lucifero, invece, significa COLUI (e non COLEI) che porta la
luce, non è forse così?

MICHELE: Hai ragione, ovviamente, ma in realtà io pensavo al detto
popolare: "Il Diavolo è donna"...

ARTUR: "Some say the devil is a woman, and sometimes it's true" Wow! Hai
ragione! (nota di Michele: qui Artur si riferisce ad un verso
alternativo di "Man in the long black coat" canzone di Dylan dall'album
"Oh Mercy", un verso non presente nella versione ufficiale su disco ma
che Bob a volte inserisce nelle versioni dal vivo e che si traduce con:
"Qualcuno dice che il Diavolo è una donna, e talvolta è vero")

Ma anche:
Domanda: "Qual è la tua fede in Dio? Sei un cristiano?"
Bob Dylan: "Beh, innanzitutto Dio è una donna, noi tutti lo sappiamo.
Bene, devi partire da lì".
(Intervista del 22.9.66 Austin, Texas)

Ma una simile dualità è una caratteristica di Dylan (I and I, "Ho
combattuto con il mio doppio", per esempio)

Ad ogni modo, c'è un'altra cosa strana: "THE LAKE" (il lago) deve essere
qualcosa di molto importante nell'immaginario di Bob. Una coincidenza
tra Dignity (canzone di Bob dall'album "Bob Dylan Greatest Hits vol.3) e
Things have changed:

Dignity (ultima strofa)
"So many roads, so much at stake
So many dead ends, I'm at the edge of the lake
Sometimes I wonder what it's gonna take
To find dignity"

Things Have Changed (hmm... ultima strofa)
"Mr.Jinx and Miss Lucy they jumped in a lake
I'm not that eager to make a mistake"

In entrambi i casi Bob è sulla riva di un lago. Pensando forse al
suicidio? Quella sarebbe una soluzione senza Dignità (Dignity) ed un
Errore.
Quando hai menzionato Lucifero io ho pensato immediatamente all'album
Street legal, un tributo a Robert Johnson, credo, un'altra persona che
ha a che fare con il Diavolo, il Sud ed il Mistero... Il giallo si
infittisce...

MICHELE: Tributo a Robert Johnson? Che vuoi dire?

ARTUR:
1. Is Your Love In Vain? - Bob Dylan
   Love In Vain - Robert Johnson (vedi anche Stripped by the Stones)

2. "My last (fair) deal gone down", "Stop breakin' down", "killing me by
degrees", "juice running down my legs" sono citazioni dalle canzoni di
Johnson (che Bob ha utilizzato nel suo Street Legal)

3. New Pony (nota di Michele:altra canzone di Street legal):
"Well now, it was early in the mornin', I seen your shadow in the door
It was early in the mornin', I seen your shadow in the door
Now, I don't have to ask nobody... I know what you come here for"

Me and the Devil Blues (canzone di R. Johnson)
"Early this mornin' when you knocked upon my door
Early this mornin' when you knocked upon my door
And I said, "Hello, Satan, I believe it's time to go"

E quale era il nome del pony nella canzone di Dylan?
Risposta di Michele per chi non se lo ricorda: LUCIFERO (il cerchio si è
chiuso)

Per ulteriori analogie vedi "There's A New Day At Dawn" by R. Witting
(Un giorno lo scannerizzerò, così se vuoi risparmiare 10 sterline
inglesi fammi sapere!)

La morte sembra essere l'argomento cardine di Things have changed:
(qui Artur riporta una serie di versi tratti dal pezzo di Dylan)
"No one in front of me and nothing behind"
"assassin's eyes"
"I'm well-dressed, waiting on the *last* train." (in genere i morti sono
ben vestiti per il loro ultimo viaggio al cimitero)
"Standin' on the gallows with my head in the noose" (ancora una volta
una morte prematura)
"expecting all hell to break loose"
"I'm locked in tight" (in una bara?)
"Only a fool in here would think he's got anything to prove" (tra i
morti?)
"the world will explode"
"My heart it's achin'"
"The next sixty seconds could be like an eternity" (per i morti il tempo
non esiste - essi risorgeranno dalla morte nel giorno del giudiizo)
"Gonna get lowdown, gonna fly high" (prima mi seppelliscono, poi
risorgerò)
"All the truth in the world adds up to one big lie" (Ci sono così tante
religioni in questo mondo, ed un solo Dio, così un mucchio di gente sarà
"delusa" nel constatare che, dopo la propria morte, quello in cui loro
credevano (la Verità) è una menzogna)

O probabilmente ho letto troppo Edgar Allan Poe...

Bob ti benedica, Artur Jarosinski

MICHELE: Ciao Artur, e grazie per la tua intrigante analisi...

Beh, boys, cosa ne pensate di questo dialogo Italia/Polonia? Mi sembra
che il nostro amico Artur abbia scritto parecchie cose interessanti su
Things have changed, un brano appena uscito ma che già sta facendo
parlare di sè in tutti i sensi (soprattutto nei gruppi di discussione su
Dylan)... Ogni vostra opinione aggiuntiva a quanto sopra riportato sarà
la benvenuta,
Michele "Napoleon in rags"



 
 

34) Allora Michele,
sono andato a ripescare il file mp3 con "It' s all right" ed é targato
Memphis 9/11/99 (nota di Michele: vedi lettera numero 32 in questa
stessa pagina).
Ho trovato molto interessante il tuo scambio di idee con Artur e non ho
niente da aggiungere poichè il mio approccio alle canzoni di Dylan è
molto meno colto del vostro: raramente approfondisco la lettura del
testo (anche per motivi di conoscenza della lingua) ed il mio
atteggiamento è più simile a quello di un bambino continuamente stupito
e travolto dalla universale bellezza delle sue canzoni.
Il motivo per il quale preferisco "It ain't me babe" del 93, nonostante
Bob scordi l'inizio di una strofa e si riprenda prontamente, a quella
del 75 è legato al significato della canzone stessa: io l' ho sempre
interpretata come l' inno di Dylan alla propria libertà, al rifiuto di
essere incluso in schemi musicali e politici, e sentirla cantare dopo
tutti quegli anni con la chitarra e l' armonica, con quella voce che già
da sè è un riassunto di Dylan, sussurrata come da un vecchio che ripassa
il senso della propria vita, per me è stata un' emozione fortissima.
Dello stesso bootleg (Fifth time around) adoro "I & I" e "What good am
I", anche questa la ritieni non all' altezza della versione studio?
Infine un suggerimento: secondo me il link che porta alla posta dalla
pagina principale, dovrebbe puntare direttamente sull' ultima pagina, e
poi in questa dovrebbe esserci un link alle pagine precedenti (modesta
opinione su criteri di snellezza ed efficienza attrattiva di un sito).
Ciao professore.
Carlo

Ciao Carlo, allora... professore? Ah... di dylanologia intendi? Allora
mi va bene... Riguardo al tuo suggerimento finale hai perfettamente
ragione... Provvederemo quanto prima a correggere la cosa... Ne
approfitto per ricordare a tutti i nostri amici "in cose dylaniane" che
ogni critica è la benvenuta (soprattutto poi se serve a migliorare il
nostro sito). Per quanto riguarda "What good am I?", quella che citi è
una grande versione ed effettivamente mi piace quanto se non di più di
quella di "Oh Mercy". Su "It ain't me babe" hai ragione, anche io credo
che quella canzone sia una specie di "manifesto dylaniano" ed il motivo
per cui io preferisco la versione "Renaldo and Clara" è il
particolarissimo arrangiamento che Bob ne ha fatto in quell'occasione.
Io comunque amo un pò tutte le versioni di quella canzone, persino, mi
sembra di capire caso più unico che raro, quella da molti ritenuta
orribile di Johnny Cash e gentile signora al Madison Square Garden nella
Bobfest per i trent'anni. Sono proprio l'unico?
Ciao Carlo e grazie ancora per la tua segnalazione sui link...
Michele "Napoleon in rags" Murino



 

35) Ciao Michele, ti volevo dire che il tuo riparo dalla tempesta, la
Jenny/Bobby Dillon di "Forrest Gump" è Robin Wright e che, oltre alla
evidente "Blowing in the wind", le altre canzoni di Bob che si sentono
(a malapena, a dire la verità !) sono "Rainy Day Women 12 & 35" nella
versione di "Blonde on Blonde" e "All Along the Watchtower" una cover
cantata non so da che gruppo. Queste ultime due si sentono nella parte
in cui Forrest arriva in Vietnam, se non ricordo male.
Ma chi è questo Robert Johnson che diceva il tuo amico polacco ? Era
anche tu la prima volta che ne sentivi parlare ? E comunque questo tuo
amico mi sembra proprio molto preparato su Bob, vero ? Ad un certo punto
della vostra discussione mi sono quasi perso ! Forse anche il fatto di
non avere "Street Legal" non mi aiuta !
Fatti sentire. Grazie, Leonardo

Ciao Leonardo, eccomi: allora andiamo in ordine
1) Grazie per avermi detto il nome di quella stupenda ragazza che
interpreta Jenny in "Forrest Gump"... Non è che hai anche il suo numero
di telefono, indirizzo e cose simili? No? Beh, fa niente, continuerò
soltanto a sognarmela la notte...
2) Confesso di non aver mai notato "Rainy day women n. 12 & 35" nel film
"Forrest Gump"... In quale sequenza la senti tu esattamente? Hai
indovinato ovviamente Blowin' ed anche All along the watchtower che però
non è come tu dici la cover di una band bensì quella del grande Jimi
Hendrix (o almeno io sono sicuro che sia così... qualcuno in ascolto può
confermare la cosa?)
3) Comunque non ti sei accorto di un'altra canzone nascosta. Pensaci (lo
stesso vale per tutti i lettori di questa pagina ovviamente). Vi dò un
indizio: io avevo scritto "Piccolo quiz estemporaneo: oltre a Blowin',
quali altre canzoni di Bob (o cantate anche da Bob) sono presenti in
"Forrest Gump"?". Avete fatto attenzione alla parentesi? Bene, quello è
l'indizio, ora sta a voi risolvere l'enigma...
4) Per quanto riguarda Robert Johnson, l'avevo già sentito nominare, ma
confesso la mia ignoranza, non ho mai ascoltato sue canzoni... Credo sia
un bluesman degli anni 40/50 ma non ci giurerei. Qualcuno ne sa
qualcosa?
5) Artur Jarosinsky è un grandissimo esperto di Dylan e spesso gli
scrivo per farmi illuminare in merito agli argomenti più disparati...
Come come come? Non hai ancora comprato Street Legal? Onta ed anatema su
di te! Scherzo naturalmente, effettivamente è un album un pò
sottovalutato e si può anche comprare più in là nel tempo nell'ambito di
una collezione di dischi di Mr.Zimmerman, però secondo me è un grande
album con pezzi stupendi come New Pony (la citava anche Artur), Changing
of the guards (un delirio allegorico/poetico di un Dylan ispiratissimo),
Is your love in vain (melodia bellissima) e poi una certa Senor (direbbe
Diego Abatanatuono "Ssscussa se è poc'"). Comunque, pensavo, in effetti
è strano... Bob praticamente ignora tutte le canzoni di questo album ed
esegue ormai solo Senor di tanto in tanto... Chissà perchè...??
non puoi non ascoltare queste nove canzoni eccezionali...
Ciao, Michele "Napoleon in rags" Murino



 
 

36) Ciao Michele,
ti occupi tu della realizzazione tecnica del sito "Maggie's Farm"? Se ne
hai voglia, mi dici cos'è questa "AndyGi Productions" ?
Leonardo

Risponde l'unico, solo ed inimitabile "AndyGi Productions":

E' la più grande casa di produzione di pagine web, che cura a livello planetario lo sviluppo di questo sito indimenticabile, e che presto verrà quotata in Borsa :-)) a parte le ciance, è stato solo il tentativo scherzoso di sdrammatizzare e ridimensionare certi fenomeni web che oramai stanno dilagando nella cronaca di ogni giorno: giovani che diventano miliardari per aver sviluppato dei siti di pubblica utilità o presunta tale (yahoo, altavista, ecc. ecc.) e che, pertanto, si credono oramai dei maitre-a-penser del nuovo ordine mondiale dominato da Internet e dalla cosiddetta realtà virtuale.

E, quindi, perché non adottare per gioco, per ironia, per il gusto di sdrammatizzare e scherzarci un po' sopra (in fondo creare pagine e siti web è e deve rimanere un'attività ludica - un esercizio che consiglio a tutti, con un po' di pratica ed imparando magari ad usare un semplice programmino come Frontpage express) una denominazione dal sapore "pomposo", che deriva poi dall'unione del mio nome con l'iniziale del cognome. Peccato che il web da spazio di libertà d'espressione stia diventando oramai una cosa maledettamente seria da quando le multinazionali e grandi imprese hanno fiutato l'affare... e difficilmente sapremo chi si cela dietro le loro sigle societarie.

Attendo repliche e cercate, dylanologi incalliti, di visitare anche le pagine da me personalmente curate e devotamente dedicate alla mia beniamina, Joan Baez! (Nel sito Renaldo and Clara, Michele cura i testi su Bob Dylan, mentre il sottoscritto cura tutta la parte grafica e di creazione delle pagine, nonché i testi su Joan Baez)

Andrea Garuttiandygi@lycosmail.com


Chiunque voglia replicare alle discussioni può inviare una e mail al seguente indirizzo: spettral@tin.it
 
 
 

MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è una  produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------