IO NON SONO QUI
le recensioni dei lettori di MF
sul film di Todd Haynes ispirato alle "vite" di Bob Dylan



Alexan "Wolf"

I'm not there. Su questo magari tornerò, e magari in riferimento alla recensione del New York Times: This is not a Bob Dylan movie (http://www.nytimes.com/2007/10/07/magazine/07Haynes.html ).
Recensione che giustamente, fin dal titolo, rimanda al fatto che il film vada visto come opera di Todd Haynes e non di BD (altrimenti la delusione è inevitabile). Per inciso, la vignetta di Zimmy era irresistibile, ma dal punto di vista drammaturgico Masked & Anonymous era proprio insostenibile (ovviamente diverso il discorso per le musiche e per gli inserti dal vivo, paradossalmente l'unica testimonianza video della miglior formazione degli ultimi anni, quella con Charlie Sexton e Larry
Campbell).

Dunque, pochi giorni dopo l'uscita sono andato a vedere il film in lingua originale. La sala era più vuota che piena. Con una discreta conoscenza dell'inglese e l'aiuto dei sottotitoli il film risultava comunque comprensibile. Sono un appassionato di cinema e devo dire che la visione mi ha entusiasmato, magari con una minor preferenza per la parte di Richard Gere - intendo proprio la sua recitazione - e la sensazione che l'aggressione da parte delle immagini e dei suoni mi sopraffacesse senza darmi il tempo
di riprendermi da un cambio di scena all'altro.

Sono tornato a vederlo dopo un mese nella versione italiana, in compagnìa di un amico che di Dylan conosce poco (Blowin' in the wind, Jokerman), con l'intenzione di verificare alcuni ricordi e vedere di riuscire a cogliere almeno alcune delle cose che la prima volta mi erano sicuramente sfuggite. Qualcosa è cambiato. Intanto il mio amico si è annoiato a morte (musiche escluse).
In effetti al cinema ho sempre cercato delle emozioni e ho sempre diffidato di quei film che hanno magari bisogno di una scheda introduttiva per essere apprezzati. I'm not there rimane a mio parere uno splendido film, ma limitatamente a chi ha gli strumenti per godersi tutti i riferimenti (riferimenti a vita, musica e opere varie di Dylan, ma anche ad un periodo storico - grosso modo 1950-1980 - e, infine, alla storia del cinema). Haynes forse si è tolto uno sfizio da fan, ha combattuto una battaglia personale con una sua ossessione e gli va senz'altro riconosciuto l'onore delle armi. Il titolo - che secondo me andava tradotto Io non sono là (anche il testo della canzone omonima lo fa pensare) - diventa giusto se lo interpretiamo come Io (Bob Dylan) non sono neppure qui, in questo film, che pure mostra cosi tante mie facce.

A rivedere il film, questa volta la parte che mi è piaciuta di più è stata quella di Richard Gere - non solo visivamente, la strepitosa Goin' to Acapulco, Enigma, etc. - ma proprio anche l'interpretazione dell'attore. E da qualche parte, forse su una talkin' della fattoria, ho letto di una chiave di lettura onirica, come se i primi 4/5 del film fossero un sogno di Gere. Sono completamente d'accordo. Tra l'altro l'immagine con Richard Gere e la coperta verso l'inizio del film rimanda alle lenzuola rosse di Mulholland drive: Naomi Watts (aspirante attrice arrivata a Holliwood piena di belle speranze) vi inizia il sogno che occupa 2/3 del film per poi risvegliarvisi dopo che il sogno si è tramutato in un incubo. E Charlotte Gainsbourg/Sara Lowndes immersa nella vasca da bagno rimanda a Carlotte Gainsbourg immersa nel latte di Nuovomondo.

Alexan "Wolf"


Toni "Albatros"

Due parole su I'M NOT THERE... A me è piaciuto molto. Lo definirei un'opera d'arte... e come tale... Come tale può prestarsi a commenti più o meno positivi, come tale nel giudizio non possono esistere i "grigi" ma solo bianco o nero.
Chiaramente viene apprezzato (molto) da "chi sa" da "chi conosce" , pur con tutte le metafore e le rappresentazioni "a sentimento" e sempre poco rispondenti alla reale-realtà.
Io ho dovuto spiegare molte cose "in diretta" a chi assisteva assieme a me, chiarire , giustificare, dare un senso (e se è per quello una...persona si è anche addormentata dopo 15 minuti...ma lui era molto stanco...o forse ero io non spiegavo bene...).
Personalmente durante IDIOT WIND mi sono anche commosso....
Paradossalmente la "parte" che è stata più compresa e apprezzata dagli altri è stata quella di Richard Gere , per intenderci;
e magari è stata anche quella che io-noi dylaniani abbiam compreso e decifrato meno.... (se non con calma..dopo.. a posteriori).
Ho apprezzato molto dylan-blanchett (ma va??) soprattutto perchè ho intuito il grande lavoro che ha dovuto svolgere quest'artista per "entrare nella parte"...., a differenza dalle altre interpretazioni-ruoli degli altri attori.
Nel complesso GRANDE OPERA anche se credo che chi non leggerà mai questo commento , avrà apprezzato molti di più la BIOfilmGRAFIA di Jerry Lee Lewis ...Great Balls of Fire !

Toni "Albatros"


Alfredo "McTell"

Sono d'accordo con A. Carrera. Ho visto il film al piccolo brera di milano. Venerdì sera. Sala affollata. una settimana fa. In una
settimana la mia considerazione per il film è mutata un po' ogni giorno. Sono uscito dalla sala con un senso di saturo. Non voglio dire nausea, non è proprio così. Ma il film, per un fan come me, è stato un bombardamento di immagini clichè. un caleidoscopio di pezzi già visti ma ricostruiti a dovere per l'occasione. Tutto il bene possibile per un regista che come haynes ha saputo filtrare con tanta professionalità ed arte l'immaginario colllettivo di Dylan. Ma non ha saputo emozionarmi. Io ho goduto del film, ma non ho potuto fare a meno di mettermi nei panni di chi di Dylan non sa... un'emerita mazza. Non è un film che cammina sulle sue gambe. Cammina sulle gambe di Dylan. Senza l'amore per Dylan e senza la sua conoscenza, il film è una sequenza di belle immagini per lo più incomprensibili e di canzoni splendide. Certo che è comunque gradevole, ma lo si deve ancora una volta alla meravigliosa colonna sonora e alla professionalità della produzione, come in Masked and Anonymous. Non lo si deve al coinvolgimento emotivo che ci si aspetta da un buon film. Ciò nonostante, come dicevo, le rivelazioni di Alessandro Carrera che ho appena letto, hanno conclamato la mia voglia di rivedere il film. Dopo una settimana di masticamento mentale del mio "io non sono qui", leggere Carrera mi ha convinto che questo è come minimo il miglior film su Dylan e sono felice di aver voglia di rivederlo. Per quanto mi riguarda è stato un successo ma sento un senso di vuoto; nel cinema non è ancora stata resa giustizia alla grandezza di Dylan. A livello documentaristico, è stato fatto l'impossibile ma quello che mi manca è un film che emozioni me ma anche mio figlio di otto anni e che di Dylan sa poco o niente. Poteva essere un film splendido, da Oscar, se avesse raccontato dall'inizio alla fine una storia. Haynes ha scelto di raccontarne tante ma alla fine non ne ha raccontata nessuna.

McTell@tiscali,.it
Alfredo Della Valle
Varese


Alessandro Carrera

Caro Michele,

finalmente sono riuscito a vedere “I’m Not There”. La Feltrinelli pubblicherà il DVD a gennaio con un libretto accluso che comprenderà il capitolo del mio libro in cui parlavo appunto della canzone “I’m Not There”, parti di “Tarantula” e forse qualcos’altro. Mi hanno chiesto una breve introduzione e così mi hanno mandato una copia, visto che in America per ora il film è stato visto solo al New York Film Festival.
 In due parole, mi è piaciuto moltissimo. Non lo dico per partito preso o per andare contro a pareri contrari e che rispetto, ma mi ha proprio appassionato. Ho cercato di vederlo soprattutto come film, come approccio originale al problema di come parlare della vita di un artista senza cadere nelle trappole del genere “bio-pic”. E anche come film sul rapporto tra cinema e musica, sul come sposare una canzone, il testo e la voce, con le immagini. Certo, Todd Haynes non è né più grande né più originale dei maestri che cita. È l’opera di un epigono, o per meglio dire di qualcuno che, facendo questo film, si è messo volontariamente nella posizione dell’epigono, riservandosi la propria originalità di stile per pochi momenti rubati all’insieme. È un film su Dylan, ma è anche un film su Fellini e Godard, che sono presenti in maniera massiccia. Il parallelo tra il Dylan del 1965/1966 e il Mastroianni di “Otto e mezzo”, con i fans, i produttori e i pazzi che gli girano attorno, tutti a chiedergli che cosa vogliono dire i suoi film e perché non racconta più quelle belle storie semplici come faceva una volta, non è affatto forzato. E la lunga scena felliniana del party, con Michelle Williams nella parte di Coco (leggi: Edie Sedgwick) e l’inserto alla Richard Lester dei Beatles che si rotolano per terra in sequenza accelerata, non è certo brutto cinema, anzi.
 Tutta la storia delle incomprensioni coniugali tra Heath Ledger e Charlotte Gainsbourg (che assomiglia parecchio a Suze Rotolo, se avete notato) è un omaggio a “Masculin Feminin” e a “Il disprezzo”. Anche tutta la discussione sulla misoginia del personaggio è un riferimento a Godard più ancora che a Dylan. Non direi che queste scene sono altrettanto riuscite. Ho visto tanti omaggi a Godard da parte di registi americani, e nessuno è soddisfacente perché gli americani non hanno la leggerezza dei personaggi di Godard, non posseggono il tono sofisticato e distaccato della conversazione alla francese. Vanno giù pesanti, e qui Todd Haynes non fa eccezione. I suoi limiti non mi hanno disturbato più di tanto, ma direi che Haynes è più a casa sua quando si inventa la sua “repubblica invisibile”, quando fa comparire Marcus Carl Franklin che dice di chiamarsi Woody Guthrie o Richard Gere come un Billy the Kid invecchiato e sopravvissuto a se stesso in mezzo a una città di fenomeni da baraccone sperduti nel nulla. Qui siamo più vicini a Jim Jarmusch, e non è una cattiva compagnia.
 Tutta la parte iniziale, il Village negli anni sessanta, la comparsa di Franklin, compresa l’apparizione onirica della balena (non è Pinocchio, è Giona) mi ha veramente colpito. Le canzoni della colonna sonora scorrono lisce come l’olio, e soprattutto l’attacco di “Blind Willie McTell” mentre Franklin fugge via, forse dal riformatorio o dalla famiglia che l’ha ospitato, ora non ricordo bene, è assolutamente azzeccato. In “Chronicles Volume 1” Dylan dice che gli sarebbe piaciuto vedere Denzel Washington a interpretare la parte di Woody Guthrie. Credo che Todd Haynes se ne sia ricordato quando ha girato queste scene.
 Certo, ci sono alcuni momenti deboli, o non altrettanto risolti. La storia della premiazione al Civil Liberties Committee, nell’occasione in cui Dylan pronuncia il suo discorso strampalato su Lee Harvey Oswald, è praticamente buttata via, e anche recitata senza convinzione da Cristian Bale (è Christian Bale, mi sembra). Se uno non sa come erano andate esattamente le cose non ci capisce molto, ma soprattutto quell’episodio è un vero psicodramma americano, assolutamente cruciale per capire Dylan, e avrebbe meritato più spazio. Anche la scena in cui Christian Bale canta “Pressing On” non si decide a essere quello che deve. Non so se Haynes volesse rappresentare Dylan come un predicatore fallito, che annuncia le sue visioni di salvezza davanti a una congregazione piuttosto misera e che reagisce alla musica senza calore, oppure se volesse suggerire che proprio quella sarebbe stata la scelta di un ipotetico Dylan diventato predicatore a vita, lontano dalle pompe televisive dei predicatori celebri e delle estasi vere o finte in cui cade il loro pubblico, contento di parlare di Dio davanti a un gregge di anime povere e malmesse. Può darsi, ma non direi che si afferrino veramente le sue intenzioni.
 Ma tutto il resto funziona, il montaggio è incalzante, il ritmo non cade, e l’ultima scena con Cate Blanchett (non insisto sulla sua performance, sulla sua bravura è già stato detto tutto) che finalmente spiega quello che Dylan vuole dire e ha sempre voluto dire, citando letteralmente dall’intervista di “Playboy” del 1966 la definizione dylaniana di musica tradizionale, è la prova che Haynes ha capito abbastanza Dylan per meritarsi di avere fatto un film su di lui. In tutte le scene con Cate Blanchett, l’unica battuta che mi è sembrata troppo “voluta” è quando lei dice “Just Like a Woman!” alla donna che stende a terra il fan furibondo che si è intrufolato nel party. Non era veramente necessario, è forzato, ma di tutto il resto non cambierei un fotogramma. Anche l’apparizione finale di Dylan all’armonica, senza bisogno di dire una parola, è la conclusione giusta. Il musicologo Wilfrid Mellers ha scritto che l’armonica di Dylan è “edenica”. Penso che volesse suggerire che quando Dylan si mette a suonare l’armonica, ripetendo la melodia che ha appena cantato senza le parole, allude a un linguaggio paradisiaco perduto, in cui ci si poteva capire senza mediazioni. Una volta ho letto una lettera o un articolo di qualcuno che si chiedeva perché mai ai concerti di Dylan la gente va in estasi quando lui comincia a soffiare nell’armonica. Credo che la risposta sia questa.
 Come sai, non sono mai riuscito farmi piacere “Renaldo & Clara” e “Masked & Anonymous”. Mi vanno bene solo le sequenze musicali e poco d’altro. Tutto l’impianto di quei film mi sembra presuntuoso e tecnicamente incompetente. Soprattutto, non credo che Dylan possa rappresentare se stesso. Può essere se stesso, come lo è in “Don’t Look Back” e in “No Direction Home”, ma non può fare la parte di se stesso. Per questo mi è piaciuto “I’ Not There”. Ci permette di liberare l’immaginazione così come sono capaci di liberarla le sue canzoni, senza constringerci a ricondurle all’ego del signor Bob Dylan, che quando mette in scena la sua persona si dimentica di quello che ha sempre predicato, cioè che “je est un autre”, e diventa ingombrante se non insopportabile. Per me, anche se lui non ci ha messo mano (anzi, anche per questo), “I’m Not There” sta sullo scaffale dei migliori film di Dylan.

Un saluto a tutti,
Alessandro Carrera


Elio "Rooster"

Ho visto I'm not there due domeniche fa, il 16 settembre al cinema Maestoso di Roma -  Via Appia Nuova, sala 4, spettacolo delle 17.30, spettatori 37 me compreso.

Avevo già letto e sentito molte cose sul film e molte altre ne ho lette e sentite nelle scorse due settimane, ma ho evitato di leggerne e sentirne moltissime altre. Impressionante la quantità di parole che si sono spese su questo film, è vero che siamo nell'era dell'iperinformazione ma mi è parso tutto abbastanza eccessivo (se solo digitiamo "I'm not there Dylan" su Google oggi vengono fuori oltre 2.500.000 di risultati!). Se penso poi alla disinformazione pressoché totale con la quale circolò Renaldo & Clara nella sale cinematografiche italiane una trentina di anni fa .....

Sono andato a vedere il film con la sensazione, quasi con la certezza, che qualcuno avesse fatto su Bob Dylan una cosa nuova dal punto di vista strutturale, ma una cosa che comunque stava adesso lì a beccarsi tutta la solita trafila di interpretazioni e valutazioni da mezzo mondo, con i relativi pro e contro finali, secondo il più classico e scontato filone tirato puntualmente in ballo da oltre 40 anni ogni qualvolta qualcosa di o su Bob Dylan offra la possibilità di farlo. E la quasi certezza è diventata certezza assoluta a fine proiezione.

Il film mi ha tenuto incollato alla sedia per buona parte della sua durata, provocandomi sensazioni di gioia, entusiasmo, commozione, divertimento, ammirazione. Ho anche sbadigliato, un paio di volte, ma in definitiva a me è piaciuto molto e mi farà piacere rivederlo presto, spero in una bella versione dvd che troverà la sua logica e naturale collocazione vicino a tutta quella serie di cose su Bob Dylan che il nuovo millennio ha saputo regalarci e che nessuno di noi avrebbe probabilmente mai immaginato anche solo 10 anni fa, penso a No direction home come allo Scrapbook, alla versione deluxe di Dont look back come a Masked & anonymous, a Chronicles come a Lyrics.

La conoscenza del personaggio Dylan da parte del regista mi è parsa ottima, e interessante ho trovato il modo di proporre Bob non mediante una sorta di biografia ma attraverso il tentativo di esprimerne e rappresentarne cinematograficamente le sensazioni di vita a ridosso di sei fasi diverse della sua esistenza.

Ne è uscito fuori un film dal montaggio particolare, con un continuo spostamento in avanti e indietro nel tempo del personaggio Dylan, a cavallo di tanti di quegli avvenimenti che lo hanno riguardato, di tante delle cose da lui dette, di tante di quelle situazioni, anche di difficile comprensione, che con Dylan hanno avuto a che fare.

Ho sempre pensato che la cosa più ovvia, più normale e naturale che sarebbe potuta succedere a Bob Dylan dopo l'incredibile storia che lo vide, tra il 61 ed il 66, esordire con un album molto particolare e poi proporre due incredibili tris di capolavori, folk il primo con freewhelin, the times e another side, folk-rock il secondo con bringing, highway e blonde on blonde (cambiando per sempre il corso della musica e anche della storia dello scorso secolo), ho sempre pensato, dicevo, che la cosa più logica sarebbe stata la sua morte in quell'incidente in moto. Sotto tanti aspetti sarebbe stato l'epilogo più scontato e quello che aveva fatto in quei sei anni gli sarebbe bastato per garantirgli per l'eternità una sorta di immortalità che nemmeno Jim Morrison, Jimi Hendrix, Brian Jones o Kurt Cobain avrebbero mai potuto insidiargli.

Questo film mi ha fatto molto ripensare a questa cosa, più di qualsiasi altra cosa abbia mai visto - letto - sentito su Bob. In questo film io ho visto una separazione ancora più netta e marcata tra il Dylan pre e post incidente, ancora più di quanto non lo sia stata nella realtà, con l'impressionante cambiamento che troviamo dopo Blonde on blonde. E con quei Basement tapes che, come Greil Marcus ha sottolineato nel suo bellissimo la repubblica invisibile, assumono sempre più una importanza fondamentale nel tentativo d'interpretazione del personaggio Bob Dylan e della sua opera a cavallo degli anni 60, e non solo di quelli.

Bellissimi parecchi passaggi musicali, meravigliose Tombstone blues - Goin' to Acapulco - Pressing on nelle interpretazioni di altri ma indovinatissime le versioni di Bob in alcuni passaggi, primo tra tutti quello di I want you in una bella scena d'amore. Quando nel finale arriva finalmente Dylan in persona in un assolo di armonica a me la pelle d'oca è venuta forte, anche perchè appropriata mi è parsa pure Like a rolling stone sui titoli di coda, ma tutti quelli che hanno provato ad interpretarlo in I'm not there lo hanno fatto, a mio parere, molto bene.

Ora incrociamo le dita e speriamo che ottobre 2007 ci regali quello che Bob merita da tanto tempo.

Elio "Rooster"

Quando un mistero si risolve, un caso si chiude. Nel caso di Bob Dylan, il mistero non si risolve mai, e quindi il caso è sempre aperto (Sam Shepard)

Che Dylan abbia continuato a scrivere, registrare, esibirsi, rendere perplessi, stupire, frustrare, sbalordire, provocare, sfidare ed intrattenere così tante persone per così tanti anni è una cosa sorprendente. Non c'è nessuno come lui. Quelli di noi che lo hanno seguito nella sua corsa sono stati di fatto fortunati. Ed ancora non si ferma! (John Bauldie)


Anna "Duck"

Ciao Michele,
sono andata anch'io finalmente a vedere "I'm not there", ed ecco qualche impressione. Allora, il film non mi è sembrato certo un capolavoro, ma comunque credo di aver trascorso due ore molto piacevoli, non mi sono annoiata, e non mi aspettavo niente di più o di diverso.
Ho letto solo superficialmente i commenti al film, per evitare di essere troppo influenzata, ma non sono affatto d'accordo con i commenti totalmente negativi apparsi su MF; a quelli che hanno stroncato il film vorrei chiedere: ma cosa cavolo avreste fatto voi se vi foste trovati a fare un film su Dylan ??? Sappiamo tutti che la materia è terribilmente ostica... e il regista secondo me se l'è cavata fin troppo bene, tenuto conto del rischio. Come si fa a raccontare qualcosa di così immenso e di così sfuggente come Dylan ? E' praticamente impossibile e semmai il regista ha peccato di presunzione pensando di poter affrontare una simile sfida... E in fondo ha scelto il modo migliore (e forse l'unico possibile): ha immaginato quattro o cinque racconti che avessero a che fare vagamente con il mondo-Dylan e che si intrecciano in modo caotico, e ha provato a rappresentarli utilizzando esclusivamente citazioni dylaniane: brandelli di canzoni, poesie, interviste, foto, biografie vere e false, miti, leggende e perfino copertine di dischi (ci sono delle scene impressionanti che sembrano l'animazione della copertina dei Basement Tapes). Insomma una specie di gioco, di rompicapo, di puzzle onirico... ma probabilmente l'arte di Dylan è proprio questo: un gioco, un rompicapo, un puzzle onirico... e il sogno dylaniano è talmente vasto che sarebbero possibili altri cento film e altri cento racconti e altri cento personaggi raccontati solo con l'aiuto di molecole della sua "vita".
Per finire due fermo-immagine.
Scena uno: Cate Blanchett che per cinque secondi guarda dritto dentro la cinepresa. Impressionante. Gli occhi sono diversi, ma lo sguardo è lo stesso di Dylan, ti arriva dentro lo stomaco, ti incenerisce. Non so come ci sia riuscita, è da Oscar.
Scena due: il ragazzino negro e i due bluesman con la chitarra che cantano una versione di Tombstone Blues più blues che mai: forse bastava questa scena a spiegare la musica di Dylan, questi pochi istanti valgono il film.
Saluti a tutta la fattoria
Anna "Duck"

PS:  Michele, ti proprongo anch'io un gioco: proviamo a raccogliere tutte le citazioni (immagini, suoni, voci, sensazioni) presenti nel film. Sono sicura che ne ne troveremmo a migliaia...


Marco on the tracks

ciao Michele,
vorrei aggiungere il mio parere(o forse sarebbe meglio dire i miei pensieri sparsi) ai pareri su "I'm not here".

Il film, come dimostrato da tutte le opinioni che hai ricevuto, si presta a mille interpretazioni e giudizi diametralmente opposti, e non credo si possa mai arrivare a stabilire se sia un capolavoro o una cagata pazzesca senza lasciarsi inevitabilmente influenzare da quello che per ognuno di noi significa Bob Dylan(e le sue canzoni). Fondamentalmente io sono più per un giudizio positivo, anche se non posso fare a meno di notare alcune note dolenti del film.

A me è piaciuto è il tentativo del regista di farti vivere una giornata da Bob Dylan, ovvero di entrare in qualche modo in quella che poteva essere la vita di Dylan negli anni sessanta: la pressione dei giornalisti, l'ombra silenziosa e inquietante di Grossman, il rapporto con i fans, il rapporto con moglie e amanti varie, l'impossibilità di vivere tutte quelle emozioni dentro una sola vita.
Mi è piaciuta l'idea di far vivere contemporaneamente più personalità di Dylan, seppure alla fine emerga soprattutto l'interpretazione straordinaria della Blancett, davvero eccezionale.
Bella l'idea di far rivivere il famigerato Dylan al Folk Festival nel '65, e in generale mi è piaciuto il film perchè mi ha lasciato la sensazione di un viaggio nel tempo e contemporaneamente di un viaggio -seppure parziale e incompleto- dentro la mente di Dylan.
Sinceramente non l'ho trovato per niente offensivo nei confronti di Dylan o dei Dylaniani, e io mi ritengo Dylaniano al 100%. E' vero, a volte Blancett/Dylan è un pò intontito, ma non lo vedo come un intontimento da "lobotomizzato", bensì come l'intontimento inevitabile quando sei perennemente circondato da fans urlanti, giornalisti che ti fanno domande idiote, e sei sempre in movimento e magari contemporaneamente fai uso di qualche sostanza che altera mente e realtà...

Detto questo, è anche vero che nel film  c'è poco cuore, ed è emblematico in tal senso il fatto che alla fine l'unico personaggio che sembra possedere umanità e cuore sia Billy the Kid/Dylan/Gere, come se il giovane Dylan fosse privo di sentimenti.
Ci sono poi troppe citazioni/omaggio: va bene ricreare una scena da "Don't look back" o da "No direction home" ma prendere a piene mani intere sequenze e scene mi sembra un pò eccessivo.

Non so sinceramente quanto il mio giudizio comunque positivo sul film nasca dalla mia passione per Dylan: poter andare al cinema ad ascoltare il meglio di "Blonde on blonde" in formato videoclip o immaginare di essere davvero lì, al Newport Folk Festival, mentre Dylan mitragliava il pubblico con "Maggies farm" con Pete Seeger furioso e il pubblico che ancora oggi non si sa a chi o cosa stesse fischiando... beh, a me fa un certo effetto.

Nonostante tutto, nel bene e nel male, resto convinto che sia un film che valga la pena di essere visto, ma probabilmente chi non conosce anche solo gli episodi fondamentali della vita di Dylan, di tante scene e tanti aneddoti non saprebbe davvero che farsene.

ps: per la scena nel finale della "donna cadavere dentro la bara", non ho avuto il tempo di leggere tutti i messaggi sul tuo sito e quindi non so se dico cose già note, ma sicuramente il volto e i vestiti della donna sono copia fedele di un famoso quadro (dove mi sembra di ricordare che la donna sia galleggiante su di un lago: è un quadro bellissimo e inquientante).
C'è poi da dire che esistono diverse foto di fuorilegge famosi come Billy the Kid, fotografati da morti, dentro la bara, e quindi Billy the kid/Gere/Dylan in quella scena del film potrebbe guardare se stesso, il suo destino o qualcosa del genere.

Il vero significato della "donna cadavere dentro la bara" che è in parte copia fedele di un quadro non lo saprei dire, ma mi vengono in mente una dozzine di idee, tra cui:
- Dylan che per "Blood on the tracks" è influenzato un fantomatico pittore e dice di aver immaginato ogni canzone dell'album come fosse un quadro.
- Dylan/Gere/Billy the Kid che guarda in faccia la morte (così come gli è accaduto con l'incidente in moto), morte rappresentata non solo dall'assassino di Billy the Kid(Pat Garret) ma anche da quella bara con la donna dentro.
- qualcosa che richiama "Idiot wind": nel testo della canzone non si menziona una donna che muore?

Bè, non vorrei averne sparate troppe, quindi ti saluto, alla prossima.

Marco on the tracks


Giovanni Giusti

ciao, è la prima volta che scrivo a Maggie's farm ma è da molto tempo che vi seguo con interesse.
Mi inserisco nel dibattito scatenatosi intorno al film di Todd Haynes (che ho visto sabato scorso) per dire brevemente la mia:
credo sia ingiusto ragionare sul film con una logica "documentaristica" mettendolo sullo stesso piano di "No Direction Home" e "Don't Look Back" (nel loro genere, capolavori) o criticandone la confusa e inesatta corrispondenza di luoghi, date, situazioni, ecc.; quello di Haynes è purissimo cinema che si tuffa nell'universo Dylan per compiervi un viaggio emozionante e, quel che è da sottolineare, apertissimo alla moltitudine dei significati/rimandi/suggestioni possibili (in un certo senso condivido l'impressione, letta in una recensione sul sito, del film come "trailer" anziché "storia compiuta", e mi è parso un complimento).
Senza avventurarmi in un'analisi dettagliata del film (me ne mancherebbero anche i mezzi), mi limito a sottolineare la bellezza e l'importanza di frammentare la figura di Dylan in una moltitudine di personaggi, come frammenti di uno specchio rotto da ricomporre nella nostra immaginazione, anche e soprattutto tenendo conto degli spazi vuoti/pezzi mancanti. Mi è parso bellissimo il ruolo di Richard Gere nella terra di Enigma, e soprattutto la circolarità della storia che si apre e si chiude sul treno merci, unendo la figura del bambino e quella del fuorilegge. Credo che Todd Haynes abbia espresso qui la sua visione dell'arte di  Bob Dylan, affrancandosi dal cliché del "grande artista ingabbiato dalle aspettative del suo pubblico" per evidenziare la centralità del Mistero della tradizione americana (musicale e non) che nell'opera dylaniana è stato presente sempre, anche nei convulsi anni della svolta elettrica (sennò tutti quei personaggi biblici nelle canzoni che ci stanno a fare? vedi anche tombstone blues cantato da ritchie havens). Illuminante a questo proposito è il monologo in auto di Cate Blanchett/Bob Dylan.
In conclusione di queste brevi impressioni, mi viene spontaneo il paragone con un altro grande film, il Pasto Nudo di Cronemberg: anche lì il regista, per rappresentare un'opera di per sè "irrappresentabile" non ha potuto far altro che tradirne la lettera e riproporne lo spirito attraverso un'immersione allucinata e visionaria nell'opera e nella vita dello stesso autore. Credo che Todd Haynes si sia posto con il medesimo atteggiamento nei riguardi di un artista complesso ed enigmatico quale è Bob Dylan, riuscendo a trarne un opera cinematografica memorabile, e soprattutto capace di vivere di vita propria e non solo del riflesso del soggetto che rappresenta - in fondo non sembra quasi un film su una figura immaginaria?

grazie dell'attenzione e complimenti per la passione e l'intelligenza che animano il vostro lavoro

giovanni giusti


Michele "Napoleon in rags"

Ho visto 'Io non sono qui'.
Multisala Cinelandia di Aosta (Saint Cristophe).
Sala con 5 persone di numero, me compreso, un venerdì, primo spettacolo serale.
Fine primo tempo, due delle 4 persone davanti a me vanno via e non tornano più per il secondo tempo, visibilmente nauseate dal film.
Restiamo dunque in tre ma i due che restano fino alla fine (ogni tanto li scruto), sono annoiati a morte e mi sembra restino lì solo perchè hanno pagato il biglietto.
A volte sui loro volti leggo un punto interrogativo che mi ricorda la frase di Greil Marcus a proposito di 'All the tired horses': "Che è 'sta merda?"

Siccome avevo perso i primi dieci minuti resto a guardare anche l'inizio del secondo spettacolo serale: altre cinque persone in sala, sempre me compreso.
Vado via dopo i primi dieci minuti e dunque non saprò della reazione degli altri.

Statisticamente dunque credo che il film sarà un flop per quanto riguarda gli incassi ed il gradimento del pubblico non dylaniano.

E passiamo alla sostanza.

Il film non è brutto e orribile come è stato dipinto da qualcuno su MF nè è da stroncare totalmente come ha fatto Paolo Vites con il quale sono però d'accordo su più di un punto.

Il film non è bello nè un capolavoro come qualcuno su MF ha scritto anche se contiene alcune cose molto belle.

Complessivamente ha molti pregi ma anche molti difetti. Andiamo con ordine.

Il primo pregio, quello più evidente secondo me, è che il film è girato complessivamente molto bene, con una cura maniacale per ogni singola scena, per ogni singolo dettaglio, con una splendida fotografia ed un eccellente lavoro da parte degli scenografi, dei costumisti etc.
Si vede che Haynes ama Dylan, il suo mondo, le sue canzoni, e ha cercato di rispettare quanto più possibile gli ambienti, il look, i vestiti, le acconciature etc., dando alla parte più puramente visiva, più prettamente estetica, una grossa importanza con fotografie note ed arcinote di Dylan, dei suoi familiari e dei suoi amici che praticamente prendono vita sullo schermo, come se tutte le immagini che avevamo visto in 45 anni fossero degli 'still' di un film che ora vediamo davvero. Dunque tanto di cappello alla bravura del regista, degli scenografi, dei truccatori, degli addetti agli effetti speciali e di chiunque altro abbia lavorato su questo piano.
In questo senso ci sono molte scene davvero impressionanti per somiglianza alla realtà dylaniana e su tutte mi ha colpito il Dylan (non scriverò mai i nomi fittizi usati nel film, perdonatemi) della metà degli anni settanta che torna a casa e fa una sorpresa alle bambine che gli aprono la porta. E' veramente impressionante, sembra di entrare in quelle vecchie foto.
Questa maniacalità è però da un certo punto di vista anche un difetto perchè è chiaro che qui è stato messo molto impegno e si è perso molto tempo in fase di lavorazione per un qualcosa che però è stato colto solo dai fans hard-core.
Ma il film si suppone che sia visto per la gran parte (80 per cento? 90 per cento?) da spettatori che vanno a vedere appunto un film, non vanno a vedere Dylan perchè ne sono fans e dunque di certi dettagli sanno poco o niente. Mi chiedo: questa massa di spettatori cosa può aver apprezzato in questo senso? Non avrà colto che l'un per cento delle citazioni, dei riferimenti ai dischi, alle foto, alle immagini, agli ambienti così radicati ormai nelle menti dei fans. E anche quelli che li hanno colti... alla fin fine, fino
a che punto hanno motivo di compiacersi di questi ammiccamenti? Sono poi così fondamentali per capire la vita e l'opera di uno come Dylan?

Il secondo pregio è un po' la scoperta dell'acqua calda, ovvero l'interpretazione della Blanchett che lascia davvero senza parole. Se non prende almeno altri cinque o sei premi qua e là per questa interpretazione allora, come dice Benigni, è tutto un 'magna magna' :o). E' di una bravura sconcertante e dà veramente la sensazione allo spettatore in più di una scena di stare assistendo alla visione di materiale d'archivio con il vero Bob. Solo in un paio di scene secondo me si lascia prendere un po' la
mano rischiando di cadere nel macchiettistico, ma sono istanti brevissimi, per il resto (non vorrei spararla grossa ma sono pronto ad essere smentito) è probabilmente l'attrice (attore) nella storia del cinema che meglio ha trasposto su schermo un personaggio realmente esistito o vivente (se qualcuno me ne trova un altro che ha fatto meglio mi faccia sapere, sono pronto a farla scendere in classifica).
La sua parte però paradossalmente è anche quella che ha più difetti dal punto di vista dell'impostazione e della scelta del regista/autore Haynes.
Io mi rendo conto che se fai un film su Dylan devi pescare dalle sue frasi e dalle sue dichiarazioni, però tutto il segmento col Dylan elettrico è fatto esclusivamente di citazioni di frasi, di articoli, di interviste, di canzoni e quant'altro, un enorme collage che alla fine diventa un po' freddo e ripetitivo. Il punto più basso per me è quando mettono in bocca a Dylan la frase "proprio come una donna" rivolta non ricordo più a chi per qualcosa che la donna ha detto. L'ho trovato di una banalità sconcertante. Mi rifiuto di credere che nella realtà Bob abbia detto una cosa del genere. Se no me lo vedo come uno che se va al capezzale di un amico morente gli dice "stai bussando alle porte del paradiso", o se parla con una donna che ama le dice "i'll be your baby tonight" oppure se questa lo lascia le dice "you're gonna make me lonesome when you go", e via di questo passo. In questo senso non mi è piaciuto nemmeno tutto il pezzo frammentato del Dylan-Rimbaud che snocciolava aforismi e frasi storiche. Mi è sembrato altrettanto banale e, anche frasi potenzialmente profonde, in quel contesto mi hanno dato l'impressione dei pensierini sui bigliettini dei baci Perugina.

Un altro pregio del film è tutta la sequenza con Richard Gere che non so come mai molti hanno stroncato. Da un punto di vista di "storia" e di "sceneggiatura" mi è sembrata invece la parte più interessante, molto visionaria, molto suggestiva, poetica e commovente. La parte più corposa in cui Haynes mi sembra che si sia dato da fare per scrivere finalmente qualcosa di suo che non fosse solo un collage di cose già dette da Dylan nei suoi film e nelle sue canzoni.
Il grosso difetto di questo segmento però è che al di là della bellezza delle scene, delle visioni, dei costumi e di tutto il resto, sembra un trailer di un film, piuttosto che un film in sè. Sembra cioè un'anteprima di un film di prossima uscita. Un film che però non uscirà mai. Lascia intravvedere una storia lunghissima, complicata, affascinante, epica, ma ne vediamo appunto un trailer di dieci o quindici minuti. Niente di più. Peccato perchè poteva secondo me essere la cosa più bella del film di Haynes.
Grosso pregio di questo segmento è tutta la sequenza dell'arrivo di Gere nel villaggio e la cover da brividi di Goin' to Acapulco che incredibilmente oscura anche quella di Dylan.
Punto debole la scena banalissima di Garrett che si scopre essere il mr Jones di qualche scena prima, magari non necessariamente lo stesso personaggio ma uno con la stessa faccia, lo stesso attore truccato. Un espediente che credo sia trito e ritrito da 50 anni a questa parte a partire dal Totò di 'Siamo uomini o caporali?'
E poi che senso ha quella scena dell'incontro con Garrett? C'è una città chiamata Enigma piena di gente strana e vestita in modo eccentrico non si sa per quale motivo, ok... c'è questo Garrett che vuole costruire un'autostrada, ok... gli altri si oppongono, ok, e poi? Dov'è il seguito della storia?
Ripeto: un trailer.

Altro grosso pregio del film è la musica e la scelta delle canzoni che suppongo sia di Haynes. Scelta perfetta dalla prima all'ultima e non era facile dovendo pescare tra centinaia e centinaia di pezzi. La palma della migliore cover va per me a 'Pressing on' che mi ha dato davvero i brividi nella scena del Dylan pastore della Gateway che fa il sermone ai fedeli. Ma al primo posto ex-aequo metto anche l'incredibile frammento di 'Tombstone Blues' di Richie Havens col piccolo Dylan-Woody e l'altro
musicista nero. Superba. Al secondo posto metto Goin' to Acapulco. Bella anche la Maggie's Farm di cui si sente un frammento. Non mi ha colpito invece positivamente (ma voglio riascoltarla) la cover di 'I'm not there (1956)' dei Sonic Youth. Soprattutto perchè la si sente poco dopo quella di Bob nel film e l'originale la eclissa letteralmente.

La parte del Dylan bambino nero... Mah, l'idea non era forse male in linea puramente teorica ma tutto sommato non me lo vedo proprio un bambino nero a rappresentare Dylan... E poi il suo personaggio è appena abbozzato ed in cinque minuti ha già detto tutto quello che aveva da dire, ha l'illuminazione sulla via da seguire grazie ad una frase magica della donna di colore che lo ospita e via verso la gloria... mah, tutto molto rapido e indolore... e poi perchè inghiottito dalla balena?... Azzardo: forse perchè aveva detto un sacco di bugie fino a quel momento (Sioux Falls, il Messico, le canzoni scritte per grandi nomi) e quindi, essendo un bugiardo, fa la fine di Pinocchio e viene inghiottito dal cetaceo? Comunque segmento alquanto algido e poco coinvolgente. Sì, è vero, quando va da Guthrie in ospedale si impenna per un attimo ma è solo un barlume.

I restanti segmenti, il Dylan marito ed il Dylan pastore evangelico, sono alquanto scialbi e soprattutto troppo brevi per far capire due cose fondamentali nella vita di Bob, ovvero il rapporto con la moglie e la crisi spirituale... Come può Haynes liquidare cose fondamentali nella vita di qualsiasi essere umano, l'amore, la separazione, la crisi personale e la fede, con pochi minuti di sequenze così superficiali? Non era meglio a questo punto nemmeno prenderle in considerazione?

E questo ci porta al più grosso difetto del film (anche se mi rendo conto che è un difetto dovuto al fatto che devi farci stare dentro tutto in due ore) ovvero al fatto che i personaggi della vita di Dylan sono a stento abbozzati, anzi in molti casi nemmeno abbozzati. Norman ovvero Grossman ad esempio. Appare moltissime volte ma allo spettatore non viene detto nulla di lui. Non si sa chi è. Lasciamo perdere i fans che conoscono a menadito la storia di Dylan. Ma i non fans? Forse nemmeno hanno capito che quello era il manager/padrone di Dylan.
Bobby Neuwirth c'è ma non viene mai nemmeno citato di striscio, non si dice niente del suo rapporto con Dylan, niente di niente... Joan Baez, ok forse non avrà avuto l'importanza nella vita di Dylan che alcuni esageratamente le conferiscono, ma nel film di Haynes è veramente inesistente... Eppure qualcosa avrà anche detto nella storia con Bob, artistica e non... E poi Sara? Ovvero Claire? Non ci viene detto NULLA di questa donna. Il nulla assoluto. Tranne che è una pittrice francese. Come può
uno spettatore che non conosce la storia di Dylan capire qualcosa dei risvolti umani di un rapporto se non sa nulla dei personaggi coinvolti? Se gli viene detto solo il nome e la nazionalità? E ancora: Woody Guthrie. Viene detto solo che è un famoso cantante folk. Ok, si dirà che molti dovrebbero conoscere già la storia di Woody. Ma chi l'ha detto? Provate ad andare per strada a chiedere di Guthrie e della sua storia, delle sue lotte, della sua malattia, delle sue canzoni, del suo retaggio recepito da Dylan e da quelli come lui, del suo libro fondamentale. Dubito che qualcuno sappia chi è o quanto meno che ne conosca
la storia un po' nei dettagli. Dunque una scena commovente come quella del bambino Dylan al capezzale di Woody (a proposito la pronuncia è "wudi"... perchè tutti i doppiatori continuavano a pronunciare "udi"?) può essere apprezzata da noi dylaniani, ma uno spettatore che quasi nemmeno sa chi è Guthrie come può recepirla? Ora, Haynes non poteva pretendere che gli spettatori del suo film andassero prima a leggersi tutti i libri su Dylan e sui personaggi coinvolti nella sua storia e a vedere tutti i filmati che lo/li riguardavano. Se fai un film biografico, anche se non è un film biografico classico siamo d'accordo, devi dare gli elementi, anche minimi, almeno quelli essenziali, perchè lo spettatore "normale" possa capire di che cosa si sta parlando, a che cosa si voglia alludere, che possa rendersi conto di quali sono i rapporti tra i personaggi, di quali sono le storie che ci sono dietro i personaggi, perchè determinate cose sono avvenute (perchè sono la conseguenza di altre... ma se tu le altre non me
le fai vedere ci vuole la sfera di cristallo per indovinare), e ancora, in che epoca certe cose sono avvenute.
Altro difetto infatti è che lo spettatore "comune" è disorientato dall'accavallarsi delle scene avanti e indietro nel tempo. Noi riusciamo ad orizzontarci perchè conosciamo a memoria le date di riferimento ma il povero spettatore non dylaniano come fa? Come può sapere che una cosa è avvenuta prima di un'altra nella vita di Dylan, se oltrettutto non gli viene fornito quasi alcun indizio? Chiaro che poi la gente alla fine del primo tempo si alza e va via perchè non ha capito quasi niente di quello che sta vedendo.

Insomma il film è buono, girato bene, visivamente splendido, è una manna per i dylaniani che possono apprezzarne gli ammiccamenti, i rimandi, le citazioni, le ricostruzioni d'epoca, gli ambienti e tutto il resto (anche se molti sono un po' fini a se stessi)... ma non va in profondità, si limita ad utilizzare molti stereotipi, a dare tutto per scontato come se tutti sapessero già tutto di tutto e di tutti, non approfondisce anzi nemmeno quasi tocca un periodo fondamentale come quello di Dylan a New York ventenne che muove i primi passi nel Greenwich Village. Si concentra molto sul Dylan elettrico ma anche qui va
avanti per frasi fatte e per situazioni semplificate (terribile la scena della band che spara con i mitra sul pubblico... mi chiedo come possa essere venuta in mente ad Haynes una cretinata del genere), la Blanchett superba salva tutto quel segmento da sola. La scenetta con Dylan e i Beatles che sembrano dei bambini è carina ed è un piccolo (ma piccolo) colpo di genio di Haynes che bilancia la stupidata dei mitra fortunatamente, ma stilisticamente non c'entra niente con quel segmento. Soprattutto quando sullo sfondo, mentre Dylan parla con gli ospiti, si vedono i Beatles prima andare a sinistra e poi correre a destra inseguiti dalla folla dei fans. Sembra un cartone animato e la scena è bellissima ma è anche fuori luogo in quel segmento. La sequenza con Mr. Jones è splendida ma sembra un videoclip di Ballad of a thin man. Non sembra la scena di un film. Un film dovrebbe essere qualcosa di diverso da tanti videoclip messi insieme. O no?

'Io non sono qui' resterà per me un film che a molti dylaniani 'duri' potrà piacere (a chi di più, a chi di meno), ma un film non dovrebbe essere per pochi iniziati, credo, soprattutto quando riguarda un artista che ha avuto un peso come quello che ha avuto Dylan. Forse l'idea di fare un film biografico non convenzionale, con sei attori diversi, con sequenze simboliche ed oniriche, con salti indietro e avanti nel tempo senza una logica e chiara spiegazione, non è stata l'idea vincente. Forse paradossalmente un film biografico classico e lineare sarebbe risultato forse meno artistico e visionario, meno intellettuale ed elitario, meno astratto e cerebrale, ma più coinvolgente ed emozionante. Forse.
Naturalmente però forse Haynes voleva fare solo ed esclusivamente un film non convenzionale, un film per pochi iniziati, assolutamente non biografico nel senso classico del termine, un film poetico e visionario, dalla narrazione ellittica, voleva rappresentare le nevrosi e i tormenti di un Dylan ingabbiato nel ruolo di rockstar, di profeta, di poeta, incapace di vivere una vita vera sempre nell'occhio della macchina da presa, o dell'obiettivo delle macchine fotografiche, o del taccuino, delle penne e dei microfoni dei giornalisti, e non gli importava che si capisse esattamente la cronologia degli avvenimenti o che si approfondissero gli aspetti della vita di Dylan che sono serviti solo ed esclusivamente come spunto ed ispirazione per un film che non vuole rappresentare la vita, o meglio "le vite", di Dylan. E allora ha ragione lui e ritiro tutto.

Michele Murino

ps: "musica tradizionale basata sugli esagoni"? Ma non erano esagrammi?


Franz

Salve amici della fattoria.
Ho visto il film su Dylan e sono rimasto molto deluso. Dylan è presentato come se fosse un deficiente e non un genio.Mi chiedo come Bob abbia potuto permettere che un simile film fosse proiettato nelle sale,anzichè destinarlo ad una pattumiera.
Se lo vedesse qualcuno che non sa nulla di Dylan si chiederebbe: "Ma perchè mai candidano uno così al Nobel?E perchè
tanta gente lo segue?". Spero di essere stato chiaro....In poche parole, il regista ha fatto fare a noi dylaniani la figura dei cretini.
franz


Davide Imbrogno

“Io non sono qui!”
Una breve recensione astratta su un’opera espressionista*
di Davide “the saint” Imbrogno

Sogno, visone, passione, dolore, realtà, finzione, vita!
Entriamo in una sala cinematografica. Quelle di un tempo in cui si proiettavano i porno film. Le luci si spengono. E delle immagini iniziano ad essere proiettate sullo schermo. Quello è un film! Il titolo è “I am not there”! Un film sulla vita di un certo cantante. Un ex cantante folk passato alla musica elettrica. Titoli di coda. Fine!
Rewind! Quello è un film! Inizio! Un film sulla vita non di un artista, ma semplicemente sulla storia di un genio solitario e misantropo: Bob Dylan!
     Il regista Todd Haynes, ha creato un’opera delirante, travolgente e sopraffina. Le perfette immagini, ci mandano in un mondo surreale. In cui lo spirito di Magritte, si lega alla tradizione di un sacro cinema: da Fellini a Godard, da Antonioni a Vigo, da Peckinpah a Burton. In quelle immagini, l’oggi diviene domani, e il domani è già ieri.
    Diversi attori che interpretano differenti periodi della vita e del sogno di Dylan. Sei volti, sei personalità, sei stati d’animo differenti. Dylan da bambino che strimpella la sua chitarra, è un negretto, immaginiamo che Haynes abbia voluto prendersi una “sacra” licenza poetica. Sublime la scena in cui il bambino, va a trovare Woody Guthrie in ospedale, triste e commosso nel guardare la sua “guida” in agonia. Il Dylan folk è interpretato da Cristian Bale, un Dylan tormentato spiritualmente, si converte al cristianesimo, loda Gesù cantando in una chiesa evangelica, in seguito si riconvertirà all’ebraismo. Arthur Rimbaud interpreta il Dylan poeta. Ma vediamo anche un Dylan padre e marito, interpretato da Heath Ledger. E poi cambiano i colori, e ci troviamo dinanzi uno strepitoso Richiard Gere, sopra un treno merci, pronto ad andare verso il tutto e verso il niente. Un “Bill the Kid” solitario, un fuggiasco, un uomo consapevole del suo dolore, consapevole di portare con se un fardello fatto di consapevolezza. Consapevole di percorre una strada solitaria. Niente e nulla è scontato. Tutto un giorno verrà pagato. “Bill the kid” è l’anima solitaria, pronta a bussare alle porte del paradiso, chiedendo giustizia. Un’anima solitaria diretta verso la valle. Bill vive in un paese chiamato Enigma, un posto in cui modernità e passato si mescolano, un luogo immaginario, suggestivo. E forse proprio in quel posto, Dylan si è sempre rifugiato da tutti e da tutto, cercando di spingersi “al di là del bene e del male”.
    E poi…poi veniamo trasportati in un mondo felliniano, come Mastroianni interpretava un artista visionario in “8 e mezzo”, Cate Blanchett (sublime!), interpreta un Dylan allucinato, smarritosi volontariamente nella sua mente, tra allucinazioni e psicosi, tra complotti e desideri, tra amore e misericordia. Così, la vita di Dylan diviene un poema beat. Un poema di consapevolezza. Consapevole di un domani che è già passato. Consapevole di un whiskey già bevuto. Consapevole di un amplesso già goduto. Consapevole di una verità fittizia. Un poema scritto in una notte d’inverno, una notte in cui il sangue ha bagnato i cuscini, e la pioggia è divenuta vento.
     Quei volti, quelle immagini, illustrano un genio pronto a percorrere un cammino, un sentiero selvaggio che l’avrebbe portato sul monte della cognizione, in cui il male è bene, ed il bene è male. Un posto in cui verità e bellezza non vengono più ricercate, ma solo guardate attraverso un vetro nero di un Rayban anni sessanta.

*il sottotitolo si collega alla recensione del mio fraterno amico Dario twist of fate (abbiamo visto il film insieme). Il sottotitolo della sua recensione è “una recensione astratta su un’opera impressionistica”. Non sono d’accordo, credo che d’impressionista nel film ci sia poco e niente. Credo che l’opera sia di tipo espressionista e surreale! I segni trasmessi dall’ immagine hanno un alto valore metaforico, sono allegorie di uno stato d’animo. Nel film la realtà viene distorta. E che cos’è questo se non espressionismo?
Per quanto riguarda Paolo Vites e la sua recensione, mi ha colpito ciò che dice a proposito del cinema: “Poi a me il cinema non piace. Be’, mi piacciono I vitelloni di Fellini o Un mercoledì da leoni, ma poco altro. Lo trovo un mezzo limitato ad esprimere in un paio di ore storie, persone, fatti. Le vite della gente insomma”. E allora io dico: ma perché il Vites ascolta canzoni? Le canzoni raccontano storie e vite in circa tre minuti (Dylan lo insegna)! Mi sembra una lieve contraddizione! Non c’entra il tempo, non c’entra quanto si impiega a raccontare qualcosa, tutto dipende da come lo si fa!

Voto: 9

Un consiglio per chi ancora non ha visto l’opera: andate a vedere il film in compagnia della dolce Queen Mary.


Junior

ciao...innanzitutto complimenti per il sito

ho visto il film mercoledi,e mi è piaciuto moltissimo... sicuramente per uno che non ha seguito o,se vogliamo dire "studiato" bob
dylan,questo film è quasi incomprensibile,molte parti infatti devo ora rivedermele appena lo potrò comperare,perchè ci sono moltissime scene simboliche,ma credo che bisognerà mettersi tutti assieme per poterle capire tutte...
sarei felice se si potesse fare una sezione in cui si spiegano le varie simbologie del film...

vorrei in particolare sapere cosa rappresenta la ragazza sulla bara e la balena che inghiotte woody...
ho visto poi il cavallo bianco morto,di cui parla in una canzone di cui ora non ricordo il titolo...

ciao,junior 


Giovanni Della Corte

Martedì scorso, dopo il clamore delle prime recensioni positive, mi dirigo solo soletto da casa per vedere "Io non sono qui" all''America Hall di Napoli, supertraffico di ordinanza ma riesco fortunatamente a parcheggiare l'auto a breve distanza dal cinema. Spettacolo delle 20:00, chiedo un biglietto e mi viene indicata la sala n°1 quella grande, quella per intenderci destinata ai film più gettonati.Ero l'unico spettatore, non solo del film in questione ma di tutto il cinema che è un piccolo multisala. Era aperto il bar, c'erano delle signorine con banchetto che pubblicizzavano gli abbonamenti ad un cineforum, tutto come nei giorni di pieno regime, e tutto questo solo per me...! Una grossa responsabilità mi è toccata, una atmosfera irreale e suggestiva e diciamo anche suggestiva, molto dylaniana per intenderci. Mi siedo al centro della sala e lascio il cell. ovviamente acceso, al massimo disturberò me stesso, si spengono le luci e parte, oserei dire in automatico, la proiezione. Un caleidoscopio di immagini già nel prologo, e poi la musica, una stuck inside of mobile nella sigla di testa, una delle mie preferite che mi trasmette un senso di pace e compiacimento. Todd Haynes è un fanatico di Dylan e lo si vede chiaramente in tutto e per tutto. La scelta delle canzoni non è quella da appassionato della prima ora, le immagini sono modulate con le melodie di un canzoniere personale che ogni seguace di Bob Dylan ha fatto proprio e che spesso coincide. Per intenderci, Blind Wille Mc Tell e Man on the long black coat, anche queste tra le mie preferite, non le senti per radio se non in programmi di memorabilia o di "area protetta" ma proprio per questo ci appartengono di più rispetto alla abusata Blowing in the wind, che è patrimonio di tutti, e al tempo stesso individua ed etichetta il personaggio in questione, che in questo film come nella vita reale sfugge alle umane comprensioni, reinventandosi sempre in maniera diversa da quello che vuole il comune sentire del tempo. Volendo fare un gioco di parole, Bob Dylan  è  figlio del pretempo nel modo in cui ha precorso con la sua arte e la sua vita i cambiamenti della società, un vero intellettuale, sempre contro e comunque e per questo infinitamente onesto. Il film in questione tenta di rappresentare tutto questo, è un film dylaniano, dicevo in tutto, una sorte di enorme copia e incolla di Tod Haines tra i simbolismi di Mr tambourine e la sua musica e i riferimenti ai grandi del cinema con Fellini in testa. Bob Dylan è una spugna ebbene Haines non lo è da meno. I sei personaggi non sono tutti pienamente riusciti, ma soprattutto perchè Cate Blanchett sbaraglia tutti con il suo Dylan  verosimile, da premio Oscar. In tema di regia bellissima la fotografia del Dylan Blanchett con i contorni della swinging london dell'epoca, ma ancora più bella la basament tapes del Dylan Gere con Jim James che canta un astraordinaria Going To Acapulco. Sono uscito dal cinema soddisfatto, sempre da solo e salutando l'addetto al cinema che mi guardava in maniera stranita, imperniato com'ero da quella dimensione onirica non mi avrebbe sorpreso incontrare una giraffa girato l'angolo.

Giovanni Della Corte


Bruno "Jackass"

Ho appena visto il film...
Mia moglie, che di Dylan conosce soltanto le canzoni più famose, s'è annoiata molto e s'è fatta di Dylan una brutta immagine. Dal canto mio credo sia la peggiore opera sulla vita di Dylan che ho mai letto/visto/ascoltato. Sono stati presi tutti gli aspetti più
mitizzati del personaggio e sono stati mistificati a fini spettacolari. Sembra più che altro un trip onirico su come Dylan può apparire nella mente di un fan "decerebrato" e disinformato.
Molto peggio di quel film pessimo sulla vita di Jim Morrison.
Una cosa che mi ha sconvolto è che la consulenza ai dialoghi italiani sia stata a cura di Tito Schipa Jr., cioè del peggior
traduttore/intreprete di Dylan in Italia. La versione in lingua originale deve essere sicuramente meno peggio.
Il fatto che Dylan abbia autorizzato il film non significa nulla perché credo che neanche l'abbia visto e comunque Dylan ha sempre giocato a distruggere il proprio mito per poi rinascere, più forte, dalle proprie ceneri.
Potremmo stare ore a criticare ogni singolo fotogramma... ma è una perdita di tempo.
Le uniche emozioni sgorgano dalle canzoni di Dylan, e particolarmente da quelle cantate da lui.
Per fare arte non bastano sei attoroni e un regista, ci vuole un cuore.

P.S.: come al solito anche la traduzione del titolo è toppata: "Io non sono qui" è esattamente il contrario di "Io non sono lì",
e dal punto di vista del significato è totalmente fuorviante ed opposta al senso della canzone "I'm not there".

Cordialmente
Bruno Jackass


Matteo "Squirrel"

Mi sono recato a vedere “Io non sono qui”  pieno di curiosità., come penso tutti coloro che seguono le pagine di questo sito.
Per esprimere una valutazione complessiva riguardo l’opera c’è però bisogno di suddividerla in diverse parti.
Intanto necessita sottolineare che è difficile esprimere un giudizio obiettivo su un film che tratta un argomento del quale si è così partecipi, conoscitori, direi affezionati.
Dal punto di vista puramente cinematografico ho notato una grande fotografia e una scelta del bianco e nero che riproduce magnificamente  l’ ambientazione anni ’60 e lo fa in modo preciso e accurato già dal tipo di caratteri usato nei titoli di testa.
Il film, come sappiamo è scomposto in diverse parti , diversamente trattate tra loro. La mia opinione quindi è diversa a seconda del “segmento”.
Trovo decisamente fuori luogo il tipo di  recitazione del bambino di colore, oltre che forzata la scelta di un interprete del genere. La prima parte della vita di Bob Dylan è già abbastanza romanzata e avventurosa senza bisogno di aggiungere simbolismi quali balene o altro…
Trovo veramente inutili le “finte interviste” che tanto mi ricordano quelle umoristiche presenti nei film di Woody Allen (ma quelle erano appunto umoristiche).
Il Bob Dylan di Cate Blanchett è a mio modo di vedere il migliore, sia per l’interpretazione sia per il modo di raccontarlo. Anche qui ci sono i simbolismi, ma meglio si sposano con la sceneggiatura.
Il tutto mi sembra avere una uniformità stilistica decisamente superiore. Il regista qui ha potuto usare un linguaggio  a volte anche visionario che bene ci trasmette lo stato di confusione interiore del Dylan di quegli anni. Ecco, trovo che qui vi sia il cinema migliore raggiunto all’interno del film. Purtroppo anche in questo segmento ho trovato delle forzature: piuttosto dei mitra spianati sulla folla del folk festival, avrei preferito una sceneggiatura che calasse il pubblico in sala (soprattutto quello inconsapevole) nei panni del pubblico di Newport. Mi sarebbe piaciuto percepire la grande attesa per il nuovo re del folk, la tensione che sale tra i presenti e poi il grande schiaffo delle chitarre elettriche a volume mostruoso. C’era bisogno di usare dei mitra? Non è stata quella una raffica già abbastanza efficace?
La parte relativa al Dylan post incidente e la fase più “famigliare” è  intensa  solo in particolari momenti come la scena tra Bob e Sara con Idiot Wind che scorre in sottofondo.
Il Bob Dylan interpretato da Richard Gere è quello che più mi ha lasciato perplesso. Ho letto, qui sul sito, che la città di Enigma rappresenterebbe la repubblica invisibile ecc., ma personalmente trovo del tutto inutile una rappresentazione così lontana dalla realtà. E’ vero, le immagini sono nuovamente suggestive e Haynes dimostra davvero di saper usare la macchina da presa, ma è proprio per questo che mi rammarico maggiormente.
Un film che è stato presentato in prima visione tramite uno sforzo pubblicitario non indifferente rischia in questo modo di sparire dalle sale in pochissimi giorni. Potete stare certi che chi poco sa di Bob Dylan difficilmente sarà convinto da questa pellicola, così carica di riferimenti e citazioni alla sua vera storia, in massima parte però solo simboliche e da decifrare. In questo modo, grazie al passaparola, anche il vasto pubblico di appassionati di musica sarà tenuto alla larga dalle sale. Non credo che questa sia stata una scelta consapevole e deliberata visto il largo battage pubblicitario che ne ha accompagnato l’uscita.
Devo aggiungere però una cosa importante: uscendo dalla sala ho avvertito un forte peso, una certa angoscia e non perché il film mi fosse dispiaciuto totalmente. Probabilmente è l’angoscia vissuta del protagonista? Alla fine, quindi il regista è riuscito a trasferirci e a darci un’idea dell’irrequitezza interiore di Bob Dylan? Beh se così fosse bisogna ammettere che è un risultato che nessuno era riuscito ancora a perseguire e che il film ha raggiunto uno scopo non indifferente.

Matteo "Squirrel"


Alessandro Metlica

Caro Michele,

ho visto ieri sera I'm not there. Ora, se ti scrivo è perché ho letto il dibattito sul sito, e francamente ho trovato imbarazzanti alcuni dei pareri espressi, in particolare quello di Paolo Vites, critico che stimo e rispetto ma che, questa volta, mi pare non averci capito un'acca.

Intendiamoci: qui parliamo tra dylaniani, e perciò è normale che un film come Masked e Anonymous ci abbia toccato; personalmente, ne sono stato emozionato. Questo non toglie che sia un cattivo film: a livello narrativo, strutturale, e onestamente anche visivo, dove non si segnala per spunti particolari. I gusti sono gusti, e non per questo un film deve non piacere. Tutti hanno diritto alla propria opinione. Però paragonarlo alla pellicola di Haynes è davvero troppo. A livello visivo I'm not there è superbo: è realizzato da uno che di cinema ne capisce, e si vede. Il montaggio è raffinato, propone alternanze di colori che danno i brividi, e i vari stili di regia (dal documentario al cinema classico, sino al grottesco/avanguardistico della parte della Blanchett) sono giustapposti senza soluzione di continuità, con un'intuizione geniale, la sola che potesse esprimere anche visivamente la molteplicità di Dylan. In questo stile babelico e multiforme anche le citazioni da videoclip si innestano con naturalezza.

Ora, che dire del montaggio della scena in cui la Blanchett scrive Tarantula? Qui siamo ai livelli di un Godard, di un Eisentein. I dettagli (in primis la tarantola su sfondo bianco), i piani medi o ravvicinati sono alternati, ripetuti, stratificati come nel tentativo di rendere la stessa scrittura dylaniana, fatta di ritagli incollati tra loro.

E come sarebbe a dire che a volte Haynes sbaglia nell'associazione tra musica e immagine? Ma l'avete visto il cavallo morto che appare sulla strada di Richard Gere mentre si sentono le prime note di The man in the long black coat? Inoltre credo che, offrendo la propria interpretazione delle canzoni di Dylan, Haynes abbia talvolta toccato il loro senso più profondo: mi veniva da piangere, a vedere la Gainsbourg fare l'amore per l'ultima volta sulle note di Idiot wind, o ancora (sarà banale, ma vero al tempo stesso) quando Blind Willie McTell accompagnava il piccolo Dylan al letto di Woody Guthrie, vicino al vecchio mondo che stava morendo…

L'operazione, in sé, è certo criticabile. Altri cinefili che hanno visto il film con me, ma che non conoscono Dylan come lo conosco io, hanno trovato il film molto interessante, splendido a tratti ma confusionario, un po' caotico. Vero: difficile capire il dialogo tra la Blanchett e Coco sulla collina, se non si colgono i versi di She's your lover now (non esattamente una canzone celebre…) Non a caso la parte più apprezzata dai miei amici è stata quella del Dylan elettrico, la più conosciuta, con alcuni particolari da brividi, come il Dylan-aquilone che ondeggia in cielo, appeso a un filo, nella metafora di un sogno (non si capisce di chi, se suo o di una generazione).

Insomma: caotico forse, criptico sicuramente, e di arduo godimento per chi non conosce Dylan. Ma noi, che Dylan lo amiamo, facciamo uno sforzo: qui è un intero linguaggio, quello cinematografico, a rendergli omaggio, e nel modo più sincero possibile; perché Haynes è un po' celebrale, forse, ma mai freddo. Questa non è un'opera di Dylan, per cui non vi si parla il suo linguaggio, come invece avveniva in Masked and Anonymous: ma è la più grande opera su Dylan finora concepita. E dubito che, visivamente e poeticamente, si possa fare di più, in un libro o in un film.

Alessandro


Francesco Maggi

Ciao Michele,
riguardo a "I'm not there"!

Funzionano il Dylan 66 di Blanchett e il Dylan 60-61 del ragazzino nero, evocano davvero la biografia di Scaduto, Chronicles (per il 60-61), i documentari sul 66 e le varie leggende su Dylan, in una forma nuova (prescindere da queste fonti era impossibile, ovviamente).
Nella parte Dylan 66 è meno riuscito l'accenno al rapporto Dylan-Hardy.

Ho trovato noioso il personaggio Dylan-attore con la sua fidanzata-moglie francese ibrido fra Suze e Sarah. Privo del supporto
di fonti e modelli di spessore, la qualità della storia precipita verso un polpettone sentimentale che non prova a raccontare nulla nè dell'amore di Dylan per queste due donne nè della sua infedeltà cronica a entrambe... non c'è un singolo episodio che contenga un minimo di poesia, di umanità... davvero non si poteva inventare di meglio ascoltando le tante canzoni che paiono evidentemente parlare di queste donne? Nota critica relativa all'edizione italiana: o la fai parlare in italiano, o prendi una francese vera e la fai parlare in italiano... ma prendere un'italiana che fa il verso dell'accento francese è roba comica... la pantera rosa davvero!!!

Inguardabile il Dylan-di protesta del 62-63, pare un sociopatico! Chiunque è entrato in contatto con foto, canzoni, scritti, filmati, interviste, testimonianze del periodo sa che non c'entra nulla.
Certo poi arriva il Dylan-cristiano-rinato e allora rimpiangi quello di protesta ehehehe

Carino il Dylan-intervistato.

La parte di Gere ha alti e bassi: il picco negativo è la scena con Pat Garrett, il picco positivo la scena in cui si ferma ad ascoltare la canzone, con la bara sul palco e quell'incredibile gruppo che suona... stupenda!

Bellisima la musica (ahahhaha!)

Nel complesso mi sono divertito perchè è sempre emozionante entrare in contatto con la musica di Dylan. Mi sembra che il film non sia molto riuscito in relazione al potenziale enorme che portava l'idea dei sei attori e del montaggio a incastro, e purtroppo, a tratti, riesce addirittura ad essere irritante! Il regista ha dimostrato tutti i suoi enormi limiti di storyteller in svariati punti della storia, in particolare in quelli dove aveva scarse fonti o riferimenti di altri registi, oppure dove li ha usati parzialmente o affatto.

In conclusione, non credo lo riguarderò mai, o lo consiglierò a qualcuno che voglia avvicinarsi a Dylan con un film. In questa
direzione, No Direction Home è infinitamente più valido!

Ciao

Francesco (Acoustic Visions of Bob Dylan)


Dario "Twist of fate"

“Ode a Jude Quinn: baciato dalla Fortuna, ma lontano della grazia di Dio”

Sottotitolo:

Una Recensione Astratta su un’opera impressionistica

Hanno detto:

“Quello di Todd Haynes è una miscela perfetta di musica, arte visiva, cinema!”

“L’autopsia di uno dei più eclettici talenti musicali d’ogni tempo!”

“Tecnicamente splendido per quanto riguarda la parte narrativa e fotografica!”

“Uno scenario di libera e devastante indigenza.

C’è uno struzzo, gente sfollata, uomini a piedi diretti verso la fine del tempo, nel Missouri, in un piccolo villaggio chiamato Enigma, fantasmagorica polis minacciata dall’Autostrada della Modernità, di sicuro situato lungo la Highway 61, dove Dio chiese ad Abramo di sacrificare suo figlio…
Gli occhi ingannano il vecchio fuorilegge, Kid, che scorge nel caos una giraffa…
Gabriele nel cielo suona la sua tromba, ma si può vedere solo da un marciapiede di Los Angeles, quando ci sente soli, sperduti fra il nulla e l’addio, alla ricerca di verità e bellezza…
Una tarantula in bianco e nero sfila ripetutamente, con la sua cadenza perversa ed ammaliante…
Ginsberg che rincorre su un macinino il menestrello traditore annunciandogli che se si è venduto lo ha fatto a Dio, ringraziandolo per aver introdotto l’arte nel jukebox all’idrogeno…
I Beatles, quattro candidi monellacci, si rotolano in un giardino alto-borghese, le loro voci sanno di elio, ma non lo è quello che hanno appena spippettato…
Colpa di un ex- cantante folk che adesso fa tossire termosifoni, mentre i gatti sul tetto miagolano il loro amore…
E’ un cantante con voce asmatica e imperfetta quello che fa risuonare la sua armonica, le chitarre mercuriali, l’organo e il piano come se fossero coltelli a serramanico, o peggio fucili mitragliatori, che luccicano in una notte senza fine…
Le anfetamine, la mancanza di riposo, le contestazioni di un pubblico evidentemente impreparato che arriva a chiamarlo Giuda… facendo di lui un pallone aerostatico…
Soltanto una pedina nel loro gioco o forse un semplice scherzo del destino, quello che ti fa perdere la donna amata, forse perchè “Tu hai domato il leone nella mia gabbia ma non era abbastanza per cambiare il mio cuore!”

Ispirato alla musica e alle molte vite di Bob Dylan, recita la didascalia iniziale…

Visivamente fascinoso, miscelato fra un rotocalco menzognero, biopic, tecniche da videoclip, verità e fantasia, I’ m not there, brilla d’intense luci lisergiche.
C’è dentro una bella fetta del glorioso cinema anni 60-70 e non solo…
Da Fellini (Dolce Vita e 8 e ½, su tutti, ma anche Giulietta degli spiriti e Casanova) all’Antonioni di Blow Up, da Godard a Peckinpah, fino a Gus Van Sant e Tim Burton, perfino una citazione da Jean Vigo e dal Woody Allen di “Zelig” e di “Accordi e Disaccordi”, ed almeno un pezzetto di Renaldo & Clara…
Il tutto impreziosito dall’inimitabile song book dylaniano, nelle sue versioni più conosciute o in nuove riproposizione di altri artisti, ed è doveroso citare almeno le rivisitazioni di Goin’ to Acapulco, Ballad of thin man, Knockin’on heavens door, Pressing on e un’audace Maggie’s farm…

Una sinfonia di immagini, dove con grande coerenza ed abilità sfilano i pezzi da novanta del repertorio dylaniano: Vision of Johanna, Idiot wind, Sad eyed lady of lowland, Memphis blues again, All along the watchtower, Simple twist of fate, Like a rolling stone, Blind Willie Mc tell, Man in the long black coat)

Hanno detto:
Le storie dei sei personaggi s’ intrecciano, pur essendo diverse e lontane tra loro, non solo nel tempo e nello spazio ma anche nello stile: alcune sono in bianco e nero, altre a colori, tutte comunque legate in qualche modo, esattamente come si legherebbero le multiple personalità di un Genio!

A Cosenza, Cinema Garden, Sala A, quella piccola, per fare posto a Shrek 3, che si è beccato la grande…
Ci sono poche persone, durante i tre spettacoli. L’esercente dice che il film resterà fino a giovedì in programmazione e che nei primi quattro giorni ha incassato una miseria! M’incupisco: ci sono poche persone, ripeto, tutt’altro che entusiaste, a parte me e un signore anziano, un’Eminenza Grigia, sarà stato un Poeta o un professore che la sa molto lunga…
Il suo commento finale è stato, “Non so in che modo questo film possa interessare e piacere alla gente comune, in fondo ci sono molti più elementi che in una vita media”.
E poi “non lo definirei proprio un vero Capolavoro, anche se oggi, dove sono “questi Capolavori!?!”
Ho ringraziato e mi sono accucciato nella poltrona mentre i titoli di coda scorrevano lenti su una maestosa “Knockin ’ on heavens door” eseguita da Antony & The Johnsons

“La recensione nella recensione”

La narrazione si confonde, fra passato presente e futuro, alla Rimbaud, sogno e realtà, pillole & alcool, bianco e nero misto a colori sgargianti, foto che prendono vita, canzoni che si trasformano in film, documento e finto documentario, e un film che è una canzone!
Todd Haynes, dirige questo caleidoscopio senza sbavature e senza poi tanti eccessi barocchi, muove la fotografia e la fa vibrare di luce come se fosse un elemento aggiunto, la sua sfida è quella di restituire poesia al cinema, e ci riesce, musica, immagini, linguaggio dei segni, pittura astratta, pescecani che inghiottono sogni di gioventù e candore…Un predicatore coi capelli ricci, sul finire degli anni 70…

Strepitose le interpretazioni di tutti gli attori, incantevole Julianne Moore nei panni di Joan Baez, dotata di una melanconia dolce e disarmante…
E poi eccellenti Richard Gere, nei panni di un ex- bandito ora indigente che ha probabilmente perduto la sua strada ed è miracolosamente sopravvissuto ad una pallottola oppure a se stesso, alla sua leggenda…
Christian Bale che ancora una volta rivendica la sua sconfinata bravura, fuori dal comune e dagli schemi…
Heat Ledger, modesto divo della nostra epoca, che però regge bene al confronto nella calata agli inferi del periodo dylaniano dark, che ha però prodotto dischi come Planet Waves, Blood on the tracks e Desire, ma che ha tormentato l’autore con la solitudine, lontano dalla sua bucolica visione di vita e di famiglia…
Senza parole l’interpretazione mimetica ed eterea di Cate Blanchett, vincitrice della Coppa Volpi al Festival di Venezia e sicura candidata dei prossimi Golden Globe…
Amore ed invidia per questa grande attrice!

Un film su Dylan, sull’America e forse anche su noi stessi, su come siamo cambiati per sopravvivere e su come siamo stati capaci di distruggere ogni cosa che amavamo, fino all’Apocalisse. E l’abbiamo fatto proprio come una donna, incapace di fare gran poesia e per questo motivo votata soltanto al nichilismo; quando un’altra luce si spegne e un'altra notte risplende nei nostri cuori!

Buona fortuna ai sopravvissuti da Dario Twist of fate, il parassita di Piano dei Rossi Lounge # 41

Una scena su tutte: Richard Gere osserva il panorama e in lontananza si sentono echi di cannoni,
Guerra Civile a Babilonia! A me sembra la mia Catena Costiera e mi emoziono un po’, in un breve twist of fate…

La parte meno convincente: quella del poeta Rimbaud, interpretato dal modesto Ben Wishaw, lievemente superflua e impalpabile

La canzone: “Goin’ to Acapulco” eseguita da Jim James & Calexico

La frase: "Io non scelgo le canzoni da cantare, sono loro a scegliere me”

Voto: 8 e ½ (non a caso)

Un consiglio: prima del film (ri) -ascoltate Highway 61, Blonde on Blonde e Blood on the tracks!
 

“They sat together in the park, as the evening sky grew dark, She looked at him and he felt a spark tingle to his bones. 'Twas then he felt alone and wished that he'd gone straight
And watched out for a simple twist of fate”

Dario "Twist of fate"


Andrea Orlandi
 
 


 


foto di Andrea Orlandi

Caro Michele

ho visto l'altra sera la proiezione a Venezia di "I'm not there" e finalmente si è dissolto l'incubo di assistere ad un clamoroso flop.

Emozionatissimo, ero in sala con circa 1.800 sconosciuti. Appena pochi secondi dopo le prime immagini ed i primi suoni, la paura è svanita, e son rimasto inchiodato alla sedia, come TUTTI gli altri 1800 presenti, per 2 ore e mezza, travolto dalla forza evocativa della rappresentazione della vita di uno dei più grandi artisti del secolo.

Montaggio incalzante , spostamenti in avanti ed indietro nel tempo - e nei personaggi - continui , citazioni familiari, musica grandiosa (e molta di più di quanto mi aspettassi in versione originale ufficiale di Bob) attori entusiasmanti.

Non voglio andar oltre per non rovinare la sorpresa della prima a chi non ha ancora visto il film, ma voglio dire che, almeno per me, ha superato ogni aspettativa.

Originale nel raccontare la storia e nel rappresentare l'artista, la cosa che più mi ha colpito è il modo in cui ti fa entrare nella sua mente , fino quasi a farti provare l'emozione di come possa funzionare.

Ecco , è come un viaggio all'interno della mente di Dylan e delle sue canzoni per i primi venti anni della sua carriera.

Forse la parte meno riuscita è in alcuni rimandi alle vicende familiari, con scene troppo forzate e frettolose, messe per cucire la storia del divorzio.

Cate Blanchett è diventata la mia attrice super preferita: è di una bravura sconvolgente, e posso dire che il minore dei pregi è la straordinaria somiglianza che riesce ad avere con l'artista di Blonde on Blonde e del British tour.

Era impossibile fare meglio di quello che ha fatto lei, non la cambierei con nessun altro in quel ruolo.
E Todd Haynes è un genio per la scelta di una donna a rappresentare Bob in quel periodo, come per il modo originale in cui ha saputo rappresentare i momenti topici delle sue performances.

Haynes con la Blanchett ha catturato per sempre l'essenza del Dylan "hipster" del '66, rivelandone anche il lato femminile che spiega il fascino che emana forte anche per il pubblico maschile.


foto di Andrea Orlandi

Ho voglia di vederlo subito di nuovo per rivivere l'esperienza dell'altra sera sperando che venga confermata .

E' un film che, tra l'altro, potrebbe sicuramente colpire dritto al cuore anche uno spettatore che non sa nulla di Dylan, e penso che potrà incuriosire molti, portando ad allargare la platea dei suoi ammiratori.

Andrea Orlandi


Gipsy Flag

Il dibattito su I am not there si fa acceso e interessante. A me sembra che il film di Todd Haynes tenti di avvicinarsi realmente all’estetica dylaniana. I piani diversi sovrapposti e intersecati, a formare un caleidoscopico disegno generale, ricordano l’idea che Dylan ha espresso parlando di Blood on the Tracks. Così anche tutto il gioco di sostituzioni e spostamenti, di sfasamenti temporali e di soggetti fluttuanti, che caratterizza il film e lo rende caotico, difficile, forse impossibile per chi non ha sufficienti
conoscenze per decodificare tutto l’intrico di riferimenti. Riferimenti che possono essere estremamente precisi e raffinati o assolutamente infedeli e fuorvianti. Non sono forse sempre stati così i riferimenti culturali e musicali dello stesso Dylan?
Le migliori e più coinvolgenti interpretazioni degli attori che impersonano Dylan sono le più lontane dalla somiglianza: Marcus Carl Franklin è un ragazzino nero, Cate Blanchett una donna, Richard Gere tutt’altro tipo. Il registro interpretativo è affettivo o di magistrale immedesimazione, nel caso della Blanchett. Il sorriso della Blanchett nella sua ultima inquadratura è talmente enigmatico e inquietante che merita secondo me di essere ricordato nella storia del cinema.
Dopo decenni in cui la figura di Dylan ha continuato per un verso o per un altro a essere imprigionata a Blowin’ in the Wind e ai soliti stereotipi, qui troviamo un regista che inchioda Dylan alla canzone più oscura, sconosciuta, sconclusionata e inquietante di tutto il suo repertorio: I'm Not There (1956). Infatti sono proprio l’enigma, lo sfuggimento, l’indefinitezza (e la libertà) a essere poste come chiavi di lettura del personaggio Dylan e dello stesso film. L’autostrada a sei corsie che minaccia il piccolo villaggio
chiamato “Enigma”, nel frammento di storia con i riferimenti a Billy the Kid, mi sembra il passaggio nodale per la comprensione di tutto il film. La rivendicazione del diritto a essere complessi, stratificati e contraddittori, di fronte all’appiattimento del costume generale a cui Dylan fu testimone nel passaggio tra gli anni cinquanta e sessanta, e contro cui protestò. Il rifiuto di qualsiasi cliché, di qualsiasi ruolo o atteggiamento preconfezionato, che Dylan ha espresso in tutta la sua vita. Il suo “non esserci” quando doveva esserci, nell’estate dell’amore, a Woodstock,  in quegli anni settanta che non gli appartenevano
più. La “chiave” di Dylan è nei Basement Tapes: Greil Marcus e Alessandro Carrera lo hanno abbondantemente argomentato. Todd Haynes coglie nel segno intitolando così il suo film. Lasciando nel finale i due riferimenti più importanti: l’autenticità esoterica della tradizione popolare e l’enigmatica concezione dylaniana del tempo...
Perché dunque lamentarsi con questo regista e con questo film?  Todd Haynes non celebra né beatifica né documenta il fenomeno Dylan, piuttosto lo rielabora creativamente e affettivamente. Così come anche Sam Shepard aveva fatto nel suo Rolling Thunder logbook.

Gipsy Flag


Stefano C.

Ho visto il film, finalmente!
Che dire? Da una parte mi e' piaciuto in modo totale dall'altra un po' meno, ma andiamo in ordine. Esco dal lavoro e andiamo io, mia moglie e le mie figlie (virtuali) al cinema, non so perche' ma mi sembra di stare andando a un concerto di Dylan l'emozione e' la stessa. In sala siamo in tutto 5 persone piu' le mie figlie che sono 2 virtuali perche' stanno nel pancione di mia
moglie e quindi siamo in totale 7.
Si spengano le luci e... BOB DYLAN!
Si! Bob Dylan perche' questo film e' suo, e' di lui che si parla, le vicende che si dipanano per tutta la durata del film sono unicamente sue.
Si apre il film con il Dylan elettrico nell'obitorio a dire cosa sarebbe accaduto se Bob fosse morto in quell'incidente motociclistico...
E via si parte con il film. E' incredibile! E' incredibile come ogni dettaglio non viene trascurato e questa e' la parte che mi e' piaciuta di piu' del film, e' incredibile come le foto che abbiamo visto di Dylan, durante gli anni prendono forma e vita, mi riferisco soprattutto al periodo mostrato dal film con Dylan e Claire (Sara), la casa, e come e' l'aspetto di Dylan, di quel periodo.
E poi il ragazzetto di colore, bellissima la scena del bambino-Dylan che va a trovare Woody Gutrie a letto veramente commovente.
E il Dylan elettrico con Cate Blanchett che imita Dylan raggiunge quasi la perfezione!
Ma la scena migliore del film secondo me e' quella (tutta l'intera sequenza) del giornalista, in cui Dylan sputa veleno cantando Ballad of a Thin man, soprattutto quando il giornalista entra nella sala del concerto e c'e' il pseudo Dylan che recita la song e 'Non e' cosi Mr. Jones?' GRANDE!
La cosa che mi ha colpito del film sono i dettagli, addirittura le unghie di Cate Blanchett nere come Bob le aveva in quel periodo o le movenze di questa in tutte le situazioni.
Grande la colonna sonora.
La cosa che non capisco e' quale e' la chiave di lettura del film?
Chi conosce Dylan sa molto vedendo e ne sa cogliere anche le varie sfumature del film stesso anche i continui flash-back ma a chi non lo conosce come ne esce fuori qui? (bob)
Eppure questo film e' stato addirittura autorizzato da Dylan quindi viene presentato come un qualche cosa di 'VERO'.
In poche parole per me e' un grande film su Bob, non so quanto si poteva chiedere di piu' al regista visto come e' Dylan e le cose che si hanno su Bob Dylan.
Peccato che riguarda solo alcuni periodi della carriera di Bob!
Ad ogni modo la cosa che traspare dal film e' la grande sofferenza di Bob a tutto questo, al mondo musicale e non solo, anche sofferenza alla vita stessa.
Joan Baez lo disse una volta: Dylan non e' mai stato felice.

Stefano C.


Ferdinando "Ferdyp" Pollastri

Cari amici, ieri sera (7 settembre) sono andato a vedere Io Non Sono Qui.

Premetto che non sono un esperto di cinema ma, a differenza di Paolo Vites, a me il cinema piace, non capisco quali siano le caratteritiche per dire che un film sia valido però credo che un film come Forrest Gump, ad esempio, sia meglio di Natale A Miami, ma quello lo sapevano anche i gatti. Posso inoltre dire da modesto scrittore di canzoni che è molto più facile esprimersi in due ore di film che in 50 minuti di disco, ma questa è un altra storia. Con questo "bagaglio cinefilo" ho ritenuto che Masked & Anonymous sia stato un film molto bello, magari alla seconda visione dove ho capito meglio, ma l'ho ritenuto valido. Io Non Sono Qui non è un film facile, bisogna avere pazienza, capire che non si ha a che fare con un biopic comune perchè del resto una storia recitata sulla vita di un personaggio ancora in vita sarebbe poco credibile. Cate Blanchett è straordinaria ma non perchè assomiglia a Dylan ma perchè ha saputo cogliere gli aspetti più interiori di Dylan che nè in Don’t Look Back e nè in No Direction Home emergono veramente dalle immagini. Credo inoltre che nella storia del cinema sia rarissimo trovare una donna che interpreta un uomo tra l'altro difficile da capire, enigmatico e complesso e in uno dei momenti più difficili della sua vita. A volte le inquadrature mi ricordavano alcuni telefilm inglesi degli anni '60. Il Dylan-Rimbaud degli anni della protesta ha un filo in comune col Dylan-attore degli anni '70 e cioè la Suze Rotolo/Sara Dylan pittrice dagli occhi tristi e che rappresenta un lato importante della vita di Dylan, quello dell' amore, delle donne. Il motivo per cui il Dylan hobo è un ragazzino nero secondo me è
dovuto al fatto che egli stesso si dipingeva come un piccolo bluesman e che faceva credere di essere stato in New Mexico, Gallup, Sioux Falls e tutte le altre fandonie che raccontava appena arrivato a New York e dato che dimostrava 14 anni anzichè 19 era oggetto di coccole e attenzioni da parte di qualche mamma del Village. Nel Dylan/Gere/Billy The Kid ho visto il Dylan rifugiatosi nella pace di Woodstock, lontano dalle scene e dai riflettori che conduceva una vita serena, modesta e felice ma che
poi ha dovuto abbandonare per il clamore dei fans, dei pazzi, dei curiosi, dei giornalisti, dei paparazzi, etc. Praticamente l'autostrada a 6 corsie che spazzerà via le cose buone. Il costruttore Mr. Jones smaschera Billy/Dylan che è costretto a tornare al suo destino. Se viene rappresentato come un vecchio è per lasciare intendere di trovarsi in un momento di saggezza. Purtroppo la fase Dylan/religioso non viene approfondita come dovrebbe. Il personaggio rappresentato qui è un individuo
maturo e positivo, mentre nella realtà Dylan si trovava nel bel mezzo di un esaurimento nervoso che poi superò tenendosi stretta la sua spiritualità. La colonna sonora, inutile dirlo è straordinaria e in alta definizione rende ancora di più. La scena coi Beatles ragazzini è bellissima così come quella della conferenza stampa. La mitragliata di Newport e relativa performance sono buone. In conclusione direi che a parte in qualche caso dove la canzone scelta per la scena non è appropriata si tratta di un film
molto interessante anche se non di facile digestione. Inoltre sarebbe consigliabile, per chi non conosce Dylan, di leggersi una biografia prima di vedere il film per fare in modo di riconoscere nelle battute degli attori, le dichiarazioni di Dylan tratte da interviste, i riferimenti alle sue canzoni, alle sue poesie e al libro Tarantula. In questo modo il film è più comprensibile.
Mi spiace che Vites non abbia gradito il film ma come egli scrive non è un amante del cinema (anche se però non capisco come abbia potuto apprezzare Masked & Anonymous). Come al solito Dylan spiazza.

Ferdinando "Ferdyp" Pollastri


Luigi Catuogno

Sono stato a vedere il film ieri sera.. Sono tornato frastornato, e nonostante la stanchezza, stanotte
ogni tanto ci pensavo.
Poi ho letto la recensione di Paolo Vites. Per la verità non ho mai condiviso una sola parola su Dylan di
questo "critico".. ma questa recensione tocca il fondo. Intendiamoci: uno può condividere o meno le
scelte artistiche di chiunque ma non capire a cosa si riferisse il personaggio interpretato da Richard
Gere mi sembra proprio una cosa da ignoranti (nel senso latino del termine). La parte di Gere per me è
stata la più bella. Era Woodstock e La Repubblica invisibile!! (sentito il concerto in lontananza?) e
Dylan/Gere con il suo cavallo, la sua maschera ad incontrare quei personaggi fantastici della musica
popolare, e difendere quel mondo dalle autostrade di Garrett... ma quel mondo non aveva bisogno di
essere difeso da nessuno... rivede se stesso... butta via la maschera e di nuovo sul treno/never ending
tour..
E' un film strepitoso.. il massimo che si puo' fare in due ore..

Luigi Catuogno


Giulia "Rabbit"

He's not there.

L'ho visto.
Oggi davanti al cinema ero già alle 17,30 , a scrutare la locandina affissa al muro.
Ci siamo fatti 100 km per andare a Foggia al cinema più vicino a casa, primo giorno di proiezione e primo spettacolo.
Alle 17,50 entriamo... siamo i primi , tre speranzosi che un po' scoraggiati si sentono, alle 18 si abbassano le luci nella piccola confortevole sala del cinema Falso Movimento e siamo sempre solo noi tre.... per un po' avevamo temuto che annullassero la proiezione... dopo qualche minuto arrivano alla spicciolata altre persone , nove in tutto noi compresi... evvabbè.... sono le 18 di un venerdì... chi ci va al cinema a quest'ora?
Non ero mai stata lì e sono piacevolmente sorpresa dall'audio, perfetto, meno male...
Comincia, comincia e finisce dopo due ore ininterrotte..
Ne usciamo silenziosi, dobbiamo trovare le parole.. le trova mio figlio quando mi chiede: "mamma, un parere? ti è piaciuto?"
e io laconicamente: "mah..."
Difficile esprimere giudizi , magari sono io che non ho abbastanza intelletto da capire le sfumature, però non mi è piaciuto.
Capitolo a parte è l'interpretazione della Blanchette, che ha talmente metabolizzato il personaggio da diventarne la reincarnazione.
E' da Oscar.
L'unica cosa che si nota è il grande amore di Todd Haynes per Dylan, amore cieco che lo ha fatto impantanare tra fantasmi e sogni.
Amore che si vede anche dalla selezione dei brani della colonna sonora , compito estremamente arduo.
Amore che ci ha risparmiato (emmenomale) blowin' in the wind .
Di tutto il film, quello che colpisce perchè è geniale e immortale, è la musica, senza tempo, impigliata nella nostra mente e pronta a darci ogni volta le stesse emozioni a ogni riascolto.
Rimango sempre più convinta che Dylan non lo si può interpretare nè reinventare, ma solo raccontare.
E' troppo grande, ci si perde.

Giulia "rabbit"


Maurizio Polverelli

Ho letto la recensione di Paolo Vites sul film tanto atteso.
Beh, apprezzo la sintesi molto sincera e senza mezzi termini ma non mi trovo d'accordo.
Io l'ho visto venerdì in compagnia, e sono rimasto colpito dalla ricerca di introspezione psicologica che il regista ha cercato.
Chiaro, Dylan non lo si può descrivere in un film di 2 ore, ma alcuni spunti sono degni di nota.
Per non parlare della interpretazione della bravissima Cate Blanchette (che ho letto è stata premiata) che è qualcosa di veramente incredibile !!
E' più Dylan di Dylan stesso. Mi sa che anche lei ha proprio le palle !!
Ho trovato come dice Paolo una colonna sonora bellissima, tutta da godere e solo per quello due ore passate lì meritano in pieno il prezzo del biglietto.
Ma anche il film mi ha lasciato aperte delle domande, mi ha interrogato, mi ha fatto pensare se conosco bene Bob e quello che ha rappresentato.
Un film che non da' risposte, ma suscita interrogativi; e nella vita oggi purtroppo tendiamo sempre a non interrogarci ma solo a voler dare risposte.
Fantasica la scena che rappresenta in pieno l'assurdità degli anni 60 con Bob e la famosa modella di Andy Warrol, Coco.
Bellissima la scena dei Beatles e concordo con Paolo Vites sulla forzatura di Billy the Kid, forse non c'entra nulla !!
In sostanza io non penso che chi non conosce Bob pensi che sia l'uomo più noioso del pianeta, anzi penso che possa arrivare a pensare come noi che Bob Dylan è il più grande genio della storia della musica rock !! E da un genio come lui riusciamo a scoprire quello che troppo spesso rimane nascosto in mezzo alla ns banale quotidianità.
Ah, con Paolo condivido in pieno la visione del film tratta dai due grandi documentari (Don't Look Back e No Direction Home) ma penso li abbia trapiantati di sana pianta volutamente inserendo le scene da vero film in maniera intelligente ed originale (escludendo forse il cowboy Richard Gere). Bellissimo il personaggio del ragazzino di colore, come le stesse parti di intervista ci dipingono esattamente quello che Bob ha vissuto nel suo momento di fama, quindi niente di scandaloso!!
Per non parlare della bellissima intervista di Mr Jones !!! Scena studiata con ingegno e rispetto al vero Bob!!
Mi è piaciuto il commento di skywalkerboh che dice che il carisma è sempre al top .... gli altri artisti sono in coda dietro .... chi con rispetto, chi con invidia .......
e questo nel film è lampante e chiaro  .......  come Bob sia sempre stato avanti a tutti ci ha regalato delle strade e delle emozioni che senza di lui forse non avremmo vissuto. E' vero che Bob non è solo gli anni 60 , ma un film dura 2 ore  :o))
L'ultimo aspetto che vorrei sottolineare è come anche in questo film esce fuori un grande concetto che Paolo vede molto nel film Masked and Anonimous : "della condizione esistenziale dell'uomo. Cioè dell'impossibilità di sfuggire al mistero che ci afferra. Sempre." Anche qui si tocca con mano quello che Dylan ha sempre cercato nella sua vita, quella domanda che sta a cuore a tutti gli uomini veri , a cui Bob ha dato forse risposta ?
Beh , sicuramente ci ha aiutato a cercarla .

Maurizio


Teo Lorini

ecco la mia recensione a I'm Not There:

http://www.ilcritico.com/modules.php?name=News&file=article&sid=342

Visto che "bilancia" un po' la stroncatura, secondo me eccessiva di Vites, ho pensato che magari ti poteva interessare metterla sul sito in questi primi giorni di programmazione del film.

Teo Lorini


Edo

Ieri sera ho potuto assistere alla proiezione di "I'm not there" e posso dire di essere rimasto soddisfatto:  non so se il mio giudizio e le mie sensazioni incontreranno quelle della maggioranza, but... I don't care!!
Innanzitutto la storia, intricata, ma comprensibile (almeno per me che la conoscevo - la mia ragazza e i miei amici hanno guardato la fine del film ad occhi sbarrati e molti punti non gli erano chiari) e se si presta attenzione le storie dei vari Bob Dylan non sono così a se stanti, ma sembrano avere dei punti in cui, anche se solo di sfuggita, si incontrano e si mescolano. Il regista e gli sceneggiatori hanno fatto, nel complesso, un ottimo lavoro anche se si sono ispirati troppo a "No direction home" di Scorsese: i dialoghi  e le inquadrature di molte scene sono state prese pari pari, ma d'altronde non potevano inventare un'altra storia da quella che in realtà è.
Gli attori mi sono piaciuti molto, ma ovviamente spicca Cate Blanchett che si è impersonificata alla perfezione tanto da essere, in molte scene, del tutto identica al Dylan "ghost of electricity".
Alcune trovate, forse, non erano ottime (i Beatles che giocano con Dylan come fossero alunni idioti di un asilo infantile per esempio) ma, nel complesso, è un buon film, costruito sulle visioni che immaginiamo sentendo le canzoni, leggendo gli scritti o vedendo i filmati di Dylan.

Tentativo riuscito insomma.

Edo