HARD TO FIND 5
Lost track searcher



 

HARD TO FIND VOL. 5
Lost track searcher (Country Bob Records, 1998)

Varie tracce rare - In studio e dal vivo

Tracklist:

1) My Blue Eyed Jane
2) My Blue Eyed Jane
3) Love Sick
4) Shelter From The Storm
5) My Back Pages
6) Tombstone Blues
7) Ballad Of A Thin Man
8) Boots Of Spanish Leather
9) Knockin' On Heaven's Door
10) Highway 61 Revisited
11) I Shall Be Released
12) Mr. Tambourine Man
13) Soon

(1) Outtake da Jimmie Rodgers tribute, 1994
(2) Ardent Studios, Memphis 1994 (versione con Emmylou Harris)
(3) Grammys - Radio City Music Hall 25/2/98
(4) Jerry Maguire Soundtrack
(5-6-7-8) Live '96 da "Pink CD" (disco promo USA di 4 tracce)
(9-10) Live a Los Angeles 19/12/97 con Sheryl Crow
(11) Live a Londra 30/3/95 con Elvis Costello
(12) Mr Tambourine Man (con Ramblin' Jack Elliott - 1964)
(13) Gershwin tribute gala Marzo 1987

Un commento:
Questo  è davvero un bel bootleg, zeppo di chicche assolutamente deliziose sia da studio che live.
Si parte con "My Blue Eyed Jane" che è appunto assolutamente deliziosa. Si tratta della traccia ascoltabile anche sull'album "Jimmie Rodgers - A tribute", uscito nel 1997 per l'etichetta di proprietà di Dylan, Egyptian Records, un tributo al cantante ed interprete che Dylan considera un faro per sè e per molti altri artisti della propria generazione. Il brano è appunto di Rodgers.
Segue una seconda versione di "My Blue Eyed Jane" che proviene dalle sessions che Dylan tenne agli Ardent Studios di Memphis dal 9 all'11 Maggio 1994. Questa volta Bob canta accompagnato dalla sua antica compagna di lavoro dei tempi di "Desire", Emmylou Harris, anche se in realtà il brano deriva dal mix della canzone originale cantata nel '94 (alla quale nel '97 è stata reincisa la voce per la versione definitiva del disco) col cantato posticcio della Harris. Anche questa è una traccia assolutamente deliziosa, altrettanto bella che la traccia numero uno.
Si passa poi ad una traccia live, la "Love Sick" eseguita da Dylan nella notte dei Grammy Awards il 25 Febbraio del 1998 in occasione della 40ma edizione, quando il suo album "Time Out Of Mind" trionfò aggiudicandosi ben tre grammies come miglior album dell'anno, miglior album folk e miglior interpretazione rock per "Cold irons bound". La serata si svolse alla Radio City Music Hall il 25 Febbraio del 1998. Si tratta di una grande versione di "Love Sick" che personalmente preferisco a quella pubblicata sul disco. Dylan è accompagnato da Bucky Baxter alla pedal steel, Larry Campbell alla chitarra, Tony Garnier al basso e David Kemper alla batteria.
La traccia che appare su questo bootleg comprende anche la presentazione iniziale e l'annuncio finale del "Disco dell'anno". Segue il discorso tenuto da Dylan nel ritirare il premio, discorso nel corso del quale Bob rievoca un episodio di tantissimi anni prima, quando era solo un ragazzo e si recò a vedere un concerto di Buddy Holly nella sua Duluth. "Ad un certo punto - racconta Dylan con una certa emozione nella voce - Buddy mi guardò dritto negli occhi". Dylan conclude dicendo che lo spirito di Buddy Holly era in qualche modo nell'aria mentre registravano l'album "Time out of mind". In coda c'è anche il discorso di Daniel Lanois, produttore dell'album.
Questa versione di "Love Sick" è stata pubblicata sul singolo "Love Sick" (Columbia, 1998) ed in Svezia nella raccolta "The very best of Bob Dylan", nel 2000.
La quarta traccia è anch'essa come la prima una traccia pirata. Si tratta infatti della "Shelter from the storm" pubblicata ufficialmente nel cd con la colonna sonora del film "Jerry Maguire" ("Jerry Maguire - Music From The Motion Picture, Epic Soundtrax, Dicembre 1996)  ed inserita anche come bonus track in "The best of Bob Dylan" (Columbia, 1997). Si tratta di un outtake dalla seconda seduta di registrazione newyorkese di "Blood on the tracks" agli A&R Studios del 17 settembre 1974, ed è un vero capolavoro. Il brano presenta una strofa differente rispetto alla versione originale.
Segue un altro capolavoro, una stupenda versione di "My back pages" registrata live nel 1996 e proveniente da "Pink CD" un disco promozionale di quattro tracce uscito in USA. Dà i brividi per quanto è bella. Davvero sublime.
La sesta traccia è "Tombstone Blues" proveniente anch'essa dallo stesso promo cd, e anch'essa eccellente. Così come le successive e lunghissime "Ballad of a thin man" e "Boots of spanish leather" provenienti dalla stessa fonte. Anche queste quattro sono di fatto tracce pirata visto che sono state pubblicate ufficialmente sui cd singoli di Not Dark Yet .
Il brano numero nove è una bella versione di "Knockin' on heaven's door" registrata dal vivo a Los Angeles il 19 Dicembre del 1997 durante il concerto dell'El Rey Theater.
Dylan è accompagnato alla seconda voce da Sheryl Crow, la bella cantante che interpretò anche il brano di Dylan "Mississippi" da lui in seguito inciso per "Love & Theft".
In questa traccia Sheryl suona anche la fisarmonica e Larry Campbell e Bucky Baxter contribuiscono ai cori.
La Crow è presente anche nella traccia successiva, una bella "Highway 61 Revisited" proveniente dalla stessa "source" ed in cui la Crow suona anche la chitarra.
Quella sera Dylan presentò Sheryl Crow con queste parole: "Vogliamo riconoscere il valore di  Sheryl Crow che ha suonato prima di noi stasera, una delle figure femminili luminose della scena musicale".
In questo concerto Bob Dylan è accompagnato da Bucky Baxter che suona la chitarra pedal steel e la chitarra elettrica slide, da Larry Campbell alla chitarra, da Tony Garnier al basso e da David Kemper alla batteria e alle percussioni.
E' poi la volta di "I shall be released" registrata dal vivo a Londra il 30 Marzo del 1995 alla Brixton Academy e che presenta un altro special guest, Elvis Costello, con cui Dylan canta le strofe in alternanza. Costello suona anche la chitarra.
Con la penultima traccia si torna "in studio" per una versione del 1964 di "Mr. Tambourine Man", una sorta di provino eseguito insieme a Ramblin' Jack Elliott (che contribuisce alla parte vocale) e che presenta molte parole differenti rispetto alla versione incisa poi per "Bringing it all back home". Una rarità da possedere anche per questo.
E' un brano che proviene dalle sessions che si tennero presso i Columbia Studios di New York  il 9 Giugno 1964 per la registrazione dell'album "Another Side Of Bob Dylan", con la produzione di Tom Wilson. 67 secondi di questa canzone sono stati inseriti nel CD–ROM Highway 61 Interactive, Columbia/Graphix Zone del 1995. All'epoca il brano aveva come titolo di lavorazione "Tambourine Man"
Chiude il boot un'altra perla, la splendida "Soon" eseguita da Bob al "George Gershwin Celebration Concert ", la serata in onore del grande George Gershwin, nel marzo del 1987, nel 50mo anniversario della sua morte. Il Gala si tenne alla Broooklyn Academy Of Music di New York, l' 11 Marzo e Dylan era da solo sul palco con chitarra ed armonica. Il brano è firmato Ira Gershwin/George Gershwin e la serata venne mandata in onda da ZDF-TV, in Germania Ovest il 7 Luglio 1987.
In definitiva è un cd da avere perchè ricco di belle versioni e di rarità in studio, un po' come sono da avere tutti quelli di questa serie "Hard to find".
Anche la confezione è molto ben curata, con una bella grafica e delle stupende foto.

Michele Murino





MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------